7 December 2022

Il Portogallo multa le compagnie aeree che non verificano i test Covid dei passeggeri

[ 0 ]

Antonio Costa, primo ministro del Portogallo

Ogni viaggiatore che entra in Portogallo deve essere stato testato per Covid-19, come annunciato dal governo portoghese, indipendentemente dal punto di origine e dalla nazionalità del passeggero. Pertanto, “è obbligo di ogni compagnia aerea che opera in Portogallo consentire l’imbarco solo ai passeggeri che soddisfano questo requisito”, ha spiegato alla stampa António Costa, il primo ministro ad interim. Ha aggiunto che non è consentito il trasporto di qualsiasi passeggero che non abbia sostenuto il test corrispondente. Il premier non ha spiegato cosa succede nelle zone di confine con la Spagna, dove sono frequenti gli ingressi e le uscite.

L’enfasi del governo portoghese non è casuale, perché il presidente del Consiglio ha aggiunto che “stiamo osservando che, purtroppo, le compagnie aeree non hanno adempiuto al loro obbligo ed è per questo che abbiamo modificato il quadro amministrativo e applicheremo una multa di ventimila euro per ogni passeggero che sia sbarcato in territorio portoghese senza essere stato debitamente esaminato”.

Si noti che l’obbligo di controllo grava sulle compagnie aeree, a pena di essere severamente sanzionate.

Secondo António Costa, il governo “aumenterà le sanzioni aggiuntive che potrebbero culminare nella sospensione delle licenze di volo di queste compagnie per il territorio nazionale”. “Vorrei lasciare un messaggio molto chiaro alle compagnie aeree: riteniamo che sia profondamente irresponsabile trasportare persone non testate e sbarcare sul territorio nazionale persone che non possono mostrare questi test”.




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435534 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Si confermano stime molto positive nel 2022 per il turismo in Italia e tutti gli indicatori suggeriscono un ritorno a livelli vicini al periodo pre-pandemico. In questo contesto spicca il settore d’alta gamma, che sta trainando il BelPaese sempre più in alto. A supporto del trend positivo, l’Italia con Enit torna all'edizione 2022 della fiera ILTM di Cannes, dal 5 all'8 dicembre. In uno stand di oltre 660 mq, l’Agenzia nazionale del turismo ha coinvolto 19 regioni e Roma Capitale con oltre a 126 aziende internazionali per promuovere le magnificenze del Paese. Tour-Operator, dmc, mice, hotel di lusso, meeting planner, ecc. per offrire ai buyer internazionali un'ampia gamma di prodotti e servizi, come boutique hotels, beach resorts, attrazioni culturali e uniche, ecotourism family, travel gastronomic experiences, golf resorts, meeting & conference venues, natural wonders, outdoor sports, private villas, serviced apartments, shopping experiences, ski resorts, spa & wellbeing, yacht charter & sailing holidays, tourism boards, celebrations &anniversaries, weddings & honeymoons. L'Italia è tra le destinazioni preferite dai viaggiatori "top di gamma" che cercano arte, cultura ed enogastronomia (Bain & Consulting). Per i turisti francesi ad ottobre e novembre 2022, l’Italia risulta il secondo paese di destinazione in base alle ricerche di alloggio su Google per i viaggi all’estero, preceduta dalla Spagna e seguita dagli Stati Uniti. Ufficio Studi Enit su dati Google Destination Insights. Nei primi 6 mesi del 2022, i viaggiatori francesi in Italia spendono circa 1,6 miliardi di euro, il 180% in più rispetto a gennaio-giugno 2021. (Fonte: Ufficio Studi Enit su dati Banca d’Italia – 2022 provvisori). In testa Lombardia, Piemonte, Lazio, Liguria E Toscana. Il settore è quindi in grado di soddisfare la clientela del turismo di fascia alta che, secondo un'indagine Virtuoso (2022), si aspetta, oltre alla sicurezza tanto ricercata negli ultimi anni, ancora più consulenza, viaggi-evento, esperienze personalizzate iperesclusive e soprattutto responsabili. Con un forte impatto su molti settori del Made in Italy, il turismo di fascia alta è un elemento essenziale per la ripresa dell'economia italiana. Nonostante le tensioni geopolitiche ed economiche, il trend rimane molto positivo per il 2023, in quanto l'assenza dei mercati russo e asiatico è in parte controbilanciata dal ritorno dei clienti europei e americani. “Per dicembre 2022, le prenotazioni aeree dei francesi verso l’Italia risultano attualmente in linea con quelle del medesimo mese 2021, con un’incidenza sul totale internazionale del 6,0%". Nel 2021, tra gli esercizi ricettivi scelti per pernottare durante il soggiorno in Italia, prevalgono gli alberghi: 4,5 milioni di presenze francesi, il 65,5% delle notti complessive, contro circa 2,4 milioni nelle strutture extra-alberghiere, il restante 34,5%.  Tradizionalmente considerata la destinazione ideale dai segmenti affluent, family, honeymoon, anniversary e celebration, l'Italia attrae sempre più anche i millennial e la generazione Z, clienti più giovani alla ricerca di esperienze responsabili e nuove. Per soddisfare le esigenze del settore tenendo conto dell'emergenza ambientale e per adattarsi alle aspirazioni di questa clientela più giovane, l'industria del lusso italiana è attivamente impegnata nel percorso di responsabilità. L'offerta turistica italiana di lusso, sempre più qualitativa e sostenibile, contribuisce anche alla valorizzazione del patrimonio culturale e territoriale” sostiene l’ad Enit Ivana Jelinic. “Questo ottimismo è condiviso dai grandi gruppi alberghieri che stanno prestando un'attenzione sostenuta al settore, come dimostra l'apertura nel 2022 in Italia di 60 hotel di lusso (fonte: Thrends) rivolti ad un pubblico di alto livello. C’è il desiderio di soggiornare in hotel di lusso. Il contatto diretto con la struttura (47,8%) è il canale di prenotazione più utilizzato dalla clientela che sceglie di soggiornare negli alberghi di lusso. Seguono le OTA (29,1%) e il sito web o contatti social dell’albergo. Gli ospiti che frequentano questa tipologia di alberghi sono perlopiù coppie e famiglie. Il raggio di spostamento dei visitatori italiani è prevalentemente interregionale, mentre la clientela estera proviene soprattutto dall’Europa. In generale, Germania (72,7%) e Francia (53,5%) i paesi più assidui, seguiti dagli USA (25,0%). Fonte: Ufficio Studi su dati ENIT/Noto sondaggi - Indagine sull’andamento del settore turistico ricettivo”. commenta Maria Elena Rossi   [post_title] => I francesi scelgono l'Italia. 1,6 miliardi spesi nei primi sei mesi 2022 [post_date] => 2022-12-07T10:49:27+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670410167000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435595 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => IndiGo alza la posta sull'Europa con l'annuncio di 32 nuovi voli in connessione grazie al codeshare con Turkish Airlines, operativo da oggi, 7 dicembre. Le nuove rotte includono alcune delle più iconiche destinazioni europee tra cui Milano, Manchester, Birmingham, Roma e Venezia. Proprio lo scorso mese la compagnia aveva aperto i primi collegamenti verso il Portogallo e la Svizzera, via Istanbul, sempre grazie al codeshare con il vettore di bandiera turco. "Siamo estremamente lieti di aggiungere ulteriore capacità tra l'India e l'Europa in questo periodo di vacanze, data l'elevata domanda di viaggi internazionali - ha sottolineato Vinay Malhotra, responsabile delle vendite globali di IndiGo -. Questi voli sono dedicati ai viaggiatori che desiderano raggiungere l'Italia e il Regno Unito, con collegamenti via Istanbul per Milano, Manchester, Birmingham, Roma e Venezia. Queste nuove rotte non solo rafforzeranno la connettività internazionale, ma miglioreranno anche la convenienza dei viaggi in Europa. Continueremo a impegnarci per rimanere fedeli alla nostra promessa di tariffe accessibili, prestazioni puntuali, servizio cortese e senza problemi". Nell'agosto di quest'anno IndiGo ha siglato un accordo di codeshare anche con la britannica Virgin Atlantic. [post_title] => IndiGo: voli in codeshare con Turkish Airlines per Milano, Roma e Venezia [post_date] => 2022-12-07T10:45:51+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670409951000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435494 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il ministro del turismo Santanchè vorrebbe espandere il sistema turistico italiano, allargando i numeri e puntando a nuovi prodotti. Infatti leggendo i dati dell'Istat ha affermato: «I dati Istat certificano una ripresa del settore, sia sotto il profilo dei flussi turistici che sotto quello occupazionale, e sono anche corroborati dagli oltre 13 milioni di italiani in viaggio per il ponte dell'Immacolata. Ciò detto, però, essi evidenziano anche quanto ci sia ancora da lavorare per colmare il gap con il 2019». Evidentemente ancora non c'è una strategia dettagliata per allungare stagioni, o iniziare campagne di promozione più mirate.  «Gli ingredienti per fare bene, nonostante la crisi energetica attuale, ci sono tutti - sottolinea Santanchè - e dobbiamo crederci. Lavoreremo quindi per rafforzare il settore e ridare nuova linfa al turismo italiano, anche attraverso forti azioni di formazione, promozione e comunicazione». Secondo il nostro modesto parere crederci non basta. Bisogna rivoluzionare i metodi e le impostazioni. Rivedere le priorità, investire risorse e non dimenticare mai che il turismo italiano è formato da due settori, uno che riceve i turisti, l'altro che li fa viaggiare nel mondo. E le agenzie di viaggio sono il tramite di questi due settori con la clientela. [post_title] => Santanchè: «Dobbiamo ancora colmare il gap con il 2019» [post_date] => 2022-12-07T09:05:49+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( [0] => topnews ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Top News ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670403949000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435540 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_427276" align="alignright" width="300"] Willie Walsh, ceo di Iata[/caption] Ritorno ai profitti per l'industria aerea globale nel 2023: un utile contenuto, stimato in 4,7 miliardi di dollari, con un margine di profitto netto dello 0,6%. Ma sarebbe il primo risultato con segno positivo dal 2019, quando i profitti netti del settore avevano raggiunto i 26,4 miliardi di dollari (3,1% di margine di profitto netto). Questo l'esito dell'ultima indagine targata Iata, che vede concludere il 2022 con una perdita netta per i vettori attorno ai 6,9 miliardi di dollari (un miglioramento rispetto alla perdita di 9,7 miliardi di dollari per il 2022 indicata nelle precedenti stime della Iata, risalenti a giugno). Un miglioramento significativo rispetto alle perdite di 42,0 miliardi di dollari e 137,7 miliardi di dollari registrate rispettivamente nel 2021 e nel 2020. "La resilienza è stata il segno distintivo delle compagnie aeree durante il Covid - ha dichiarato Willie Walsh, direttore generale dell'associazione -. Guardando al 2023, la ripresa finanziaria prenderà forma con il primo profitto del settore dal 2019. Si tratta di un grande risultato se si considera l'entità dei danni economici e finanziari causati dalle restrizioni imposte dal governo per la pandemia. Ma un profitto di 4,7 miliardi di dollari su un fatturato di 779 miliardi di dollari dimostra anche che c'è ancora molto da fare per riportare il settore globale su una solida base finanziaria. Molte compagnie aeree sono sufficientemente redditizie da attirare i capitali necessari per far progredire il settore nella sua decarbonizzazione. Ma molte altre sono in difficoltà per una serie di motivi. Tra queste vi sono normative onerose, costi elevati, politiche governative incoerenti, infrastrutture inefficienti e una catena del valore in cui i vantaggi di collegare il mondo non sono equamente distribuiti". Walsh sottolinea però anche più di uno spiraglio positivo: "Nonostante le incertezze economiche, ci sono molti motivi per essere ottimisti per il 2023. Il calo dell'inflazione dei prezzi del petrolio e il perdurare di una domanda repressa dovrebbero contribuire a tenere sotto controllo i costi, mentre continua il forte trend di crescita. Allo stesso tempo, con margini così sottili, anche una variazione insignificante di una qualsiasi di queste variabili può potenzialmente spostare il bilancio in territorio negativo. Vigilanza e flessibilità saranno fondamentali".     [post_title] => Iata, Walsh: "La resilienza delle compagnie aeree: ritorno all'utile nel 2023" [post_date] => 2022-12-06T13:36:32+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670333792000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435483 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Trasporto aereo. Il 5G è entrato nell'agenda del settore dell'aviazione europea con un orizzonte pieno di minacce. Le compagnie aeree sono preoccupate per il loro possibile impatto sulla sicurezza delle operazioni in futuro, in linea con le voci di allarme che si sono levate negli Stati Uniti.  Eurocontrol ritiene che l'impatto di questo problema sarà minore in Europa. Tuttavia, il suo direttore generale, Eamonn Brennan, avverte che «potrebbe minacciare la sicurezza aerea e comportare costi finanziari significativi per le compagnie aeree».  «Un anno di deviazioni causate dall'interruzione delle operazioni 5G nei giorni di scarsa visibilità potrebbe costare alle compagnie aeree e agli aeroporti fino a 180 milioni di euro e interrompere i piani di viaggio fino a 1,2 milioni di passeggeri», avverte. Teme infatti che «se non facciamo nulla, c'è il rischio reale che l'aviazione venga frenata nei prossimi anni, poiché i sistemi attuali troveranno sempre più difficile soddisfare i requisiti operativi». Sforzi coordinati Di fronte a questo rischio reale, richiede sforzi coordinati e urgenti per modernizzare i sistemi di comunicazione, navigazione e sorveglianza. Con ciò intende evitare una saturazione dei canali che potrebbe ostacolare il passaggio a sistemi più moderni e capaci. Tra le loro richieste vi sono il miglioramento del filtraggio della banda adiacente, nonché il mantenimento degli standard delle apparecchiature aeronautiche per i sistemi legacy. Allo stesso modo, insistono sulla necessità di raggiungere il giusto equilibrio tra il dispiegamento coordinato di nuovi sistemi radio. [post_title] => Trasporto aereo: incombono le minacce del 5G per la sicurezza [post_date] => 2022-12-06T10:53:25+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => topnews ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Top News ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670324005000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435460 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => China Airlines tornerà nei cieli di Roma con un volo diretto da Taipei, il 26 marzo 2023. La compagnia aerea, dopo lo stop forzato della pandemia, ripristinerà dunque la rotta verso l'aeroporto di Fiumicino, che sarà servita da un Airbus A350 con tre frequenze alla settimana. L'operativo da Roma - come si legge dal sito del vettore - prevede partenze nei giorni di lunedì, mercoledì e venerdì; mentre da Taipei i collegamenti saranno attivi domenica, martedì e giovedì. I passeggeri di China Airlines che arrivano a Taiwan potranno poi fruire del network di voli della compagnia verso numerose destinazioni orientali: tra queste, Denpasar, Manila, Hanoi e Sydney. [post_title] => China Airlines ripristina la rotta fra Taipei e Roma Fiumicino, dal 26 marzo [post_date] => 2022-12-06T09:37:56+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670319476000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435458 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Play ha aperto le vendite dei nuovi voli per Varsavia, che debutteranno il 3 aprile 2023. La compagnia opererà dall’hub di Reykjavík due voli settimanali sino alla fine di ottobre, con Airbus A320neo. "Varsavia sarà una buona aggiunta al nostro network di rotte per il 2023 – ha dichiarato afferma Birgir Jónsson, ceo di Play -. La capitale della Polonia è la quinta nuova destinazione che abbiamo annunciato nelle ultime settimane”. Il ceo ha ricordato come in precedenza erano già state svelate le novità di “Atene, Porto, Amburgo e Stoccolma. Con l'aggiunta di quattro nuovi Airbus A320/321neo alla nostra flotta, che l'anno prossimo arriverà a contare 10 aeromobili, faremo un grande balzo in avanti sul mercato. Un maggior numero di passeggeri avrà l'opportunità di pagare meno i biglietti aerei e di spendere di più una volta giunti destinazioni, o come diciamo noi: Pay less, PLAY more".   [post_title] => Play debutta in Polonia: voli per Varsavia dal 3 aprile prossimo e fino ad ottobre [post_date] => 2022-12-06T09:24:25+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670318665000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435398 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => EasyJet ha aperto ieri, 4 dicembre, la nuova rotta da Milano Malpensa a Madeira: il collegamento viene operato due volte alla settimana, il mercoledì e la domenica. L'isola di Madeira si inserisce all’interno del ventaglio di destinazioni con cui easyJet collega l’area di Milano al Portogallo, verso cui ha di recente inaugurato un nuovo collegamento tra Lisbona e Milano Bergamo, effettuato tre volte a settimana, il lunedì, il giovedì e la domenica, oltre agli storici collegamenti verso Porto e Lisbona da Malpensa. Perfetta per tutti coloro che non riescono a rinunciare al mare e alle temperature miti anche durante i mesi più freddi dell’anno, oltre che per gli amanti della natura rigogliosa, Madeira è la perla dell’Atlantico, raggiungibile in sole poche ore di volo grazie al collegamento diretto easyJet. La Malpensa-Madeira si aggiunge alle circa 220 rotte che la compagnia opera da e verso 19 aeroporti italiani. [post_title] => EasyJet vola da Milano Malpensa a Madeira con due collegamenti settimanali [post_date] => 2022-12-05T10:30:51+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670236251000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435395 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Ryanair, Air Europa, Iberia Express e Binter avvertono dell'impatto che l'introduzione di una nuova tassa sul cherosene nell'Unione Europea avrà per il settore aereo e, quindi, per i viaggiatori. Nell'ambito della Convenzione delle isole turistiche europee, tenutasi a Maspalomas, hanno avvertito che questa tassa "va nella direzione opposta" per ridurre le emissioni. Sostengono che la sua applicazione comporterà un taglio degli investimenti che dedicati alla decarbonizzazione. «Tutto ciò che viene imposto va nella direzione opposta e che impieghiamo più tempo per sviluppare queste tecnologie», avverte l'amministratore delegato di Iberia Express, Carlos Gómez, che influenza l'ambizioso piano di rinnovamento della flotta che la sua azienda sta portando avanti. Niente tasse Il presidente di Binter, Rodolfo Núñez, afferma che «la soluzione è non tassare l'attività. Vogliamo fare tutto il possibile e ne abbiamo la volontà, ma tassarlo impedirà alle aziende di spendere più soldi in innovazione e ricerca. Non si può legiferare contro un'attività che ci tiene in vita, che è il nostro stile di vita», dice. Da parte sua, l'amministratore delegato di Air Europa, Jesús Nuño de la Rosa, ricorda che «le compagnie aeree stanno facendo molto per innovare e ridurre le emissioni, ma da soli non possiamo». A suo avviso, le autorità dovrebbero «cambiare l'equazione», cercando una strategia per aiutare le compagnie aeree a ridurre i livelli di inquinamento invece di «tassare di più». Il presidente di ALA, Javier Gándara, e il responsabile della sostenibilità di Ryanair, Thomas Fowler, si esprimono in termini simili, avvertendo che la tassa sul cherosene porterà a una deviazione dei turisti verso destinazioni più economiche che non sono interessate dalla sua attuazione, come gli africani . [post_title] => Ipotesi di tassa sul cherosene della Ue. le compagnie non ci stanno [post_date] => 2022-12-05T10:20:42+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670235642000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "portogallo multa le compagnie aeree non verificano" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":38,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":2126,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435534","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Si confermano stime molto positive nel 2022 per il turismo in Italia e tutti gli indicatori suggeriscono un ritorno a livelli vicini al periodo pre-pandemico. In questo contesto spicca il settore d’alta gamma, che sta trainando il BelPaese sempre più in alto.\r\n\r\nA supporto del trend positivo, l’Italia con Enit torna all'edizione 2022 della fiera ILTM di Cannes, dal 5 all'8 dicembre. In uno stand di oltre 660 mq, l’Agenzia nazionale del turismo ha coinvolto 19 regioni e Roma Capitale con oltre a 126 aziende internazionali per promuovere le magnificenze del Paese. Tour-Operator, dmc, mice, hotel di lusso, meeting planner, ecc. per offrire ai buyer internazionali un'ampia gamma di prodotti e servizi, come boutique hotels, beach resorts, attrazioni culturali e uniche, ecotourism family, travel gastronomic experiences, golf resorts, meeting & conference venues, natural wonders, outdoor sports, private villas, serviced apartments, shopping experiences, ski resorts, spa & wellbeing, yacht charter & sailing holidays, tourism boards, celebrations &anniversaries, weddings & honeymoons.\r\n\r\nL'Italia è tra le destinazioni preferite dai viaggiatori \"top di gamma\" che cercano arte, cultura ed enogastronomia (Bain & Consulting).\r\n\r\nPer i turisti francesi ad ottobre e novembre 2022, l’Italia risulta il secondo paese di destinazione in base alle ricerche di alloggio su Google per i viaggi all’estero, preceduta dalla Spagna e seguita dagli Stati Uniti. Ufficio Studi Enit su dati Google Destination Insights.\r\n\r\nNei primi 6 mesi del 2022, i viaggiatori francesi in Italia spendono circa 1,6 miliardi di euro, il 180% in più rispetto a gennaio-giugno 2021. (Fonte: Ufficio Studi Enit su dati Banca d’Italia – 2022 provvisori). In testa Lombardia, Piemonte, Lazio, Liguria E Toscana.\r\n\r\nIl settore è quindi in grado di soddisfare la clientela del turismo di fascia alta che, secondo un'indagine Virtuoso (2022), si aspetta, oltre alla sicurezza tanto ricercata negli ultimi anni, ancora più consulenza, viaggi-evento, esperienze personalizzate iperesclusive e soprattutto responsabili.\r\n\r\nCon un forte impatto su molti settori del Made in Italy, il turismo di fascia alta è un elemento essenziale per la ripresa dell'economia italiana. Nonostante le tensioni geopolitiche ed economiche, il trend rimane molto positivo per il 2023, in quanto l'assenza dei mercati russo e asiatico è in parte controbilanciata dal ritorno dei clienti europei e americani.\r\n\r\n“Per dicembre 2022, le prenotazioni aeree dei francesi verso l’Italia risultano attualmente in linea con quelle del medesimo mese 2021, con un’incidenza sul totale internazionale del 6,0%\".\r\n\r\nNel 2021, tra gli esercizi ricettivi scelti per pernottare durante il soggiorno in Italia, prevalgono gli alberghi: 4,5 milioni di presenze francesi, il 65,5% delle notti complessive, contro circa 2,4 milioni nelle strutture extra-alberghiere, il restante 34,5%. \r\n\r\nTradizionalmente considerata la destinazione ideale dai segmenti affluent, family, honeymoon, anniversary e celebration, l'Italia attrae sempre più anche i millennial e la generazione Z, clienti più giovani alla ricerca di esperienze responsabili e nuove. Per soddisfare le esigenze del settore tenendo conto dell'emergenza ambientale e per adattarsi alle aspirazioni di questa clientela più giovane, l'industria del lusso italiana è attivamente impegnata nel percorso di responsabilità. L'offerta turistica italiana di lusso, sempre più qualitativa e sostenibile, contribuisce anche alla valorizzazione del patrimonio culturale e territoriale” sostiene l’ad Enit Ivana Jelinic.\r\n\r\n“Questo ottimismo è condiviso dai grandi gruppi alberghieri che stanno prestando un'attenzione sostenuta al settore, come dimostra l'apertura nel 2022 in Italia di 60 hotel di lusso (fonte: Thrends) rivolti ad un pubblico di alto livello. C’è il desiderio di soggiornare in hotel di lusso. Il contatto diretto con la struttura (47,8%) è il canale di prenotazione più utilizzato dalla clientela che sceglie di soggiornare negli alberghi di lusso. Seguono le OTA (29,1%) e il sito web o contatti social dell’albergo. Gli ospiti che frequentano questa tipologia di alberghi sono perlopiù coppie e famiglie. Il raggio di spostamento dei visitatori italiani è prevalentemente interregionale, mentre la clientela estera proviene soprattutto dall’Europa. In generale, Germania (72,7%) e Francia (53,5%) i paesi più assidui, seguiti dagli USA (25,0%). Fonte: Ufficio Studi su dati ENIT/Noto sondaggi - Indagine sull’andamento del settore turistico ricettivo”. commenta Maria Elena Rossi\r\n\r\n ","post_title":"I francesi scelgono l'Italia. 1,6 miliardi spesi nei primi sei mesi 2022","post_date":"2022-12-07T10:49:27+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1670410167000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435595","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"IndiGo alza la posta sull'Europa con l'annuncio di 32 nuovi voli in connessione grazie al codeshare con Turkish Airlines, operativo da oggi, 7 dicembre. Le nuove rotte includono alcune delle più iconiche destinazioni europee tra cui Milano, Manchester, Birmingham, Roma e Venezia. Proprio lo scorso mese la compagnia aveva aperto i primi collegamenti verso il Portogallo e la Svizzera, via Istanbul, sempre grazie al codeshare con il vettore di bandiera turco.\r\n\r\n\"Siamo estremamente lieti di aggiungere ulteriore capacità tra l'India e l'Europa in questo periodo di vacanze, data l'elevata domanda di viaggi internazionali - ha sottolineato Vinay Malhotra, responsabile delle vendite globali di IndiGo -. Questi voli sono dedicati ai viaggiatori che desiderano raggiungere l'Italia e il Regno Unito, con collegamenti via Istanbul per Milano, Manchester, Birmingham, Roma e Venezia. Queste nuove rotte non solo rafforzeranno la connettività internazionale, ma miglioreranno anche la convenienza dei viaggi in Europa. Continueremo a impegnarci per rimanere fedeli alla nostra promessa di tariffe accessibili, prestazioni puntuali, servizio cortese e senza problemi\".\r\n\r\nNell'agosto di quest'anno IndiGo ha siglato un accordo di codeshare anche con la britannica Virgin Atlantic.","post_title":"IndiGo: voli in codeshare con Turkish Airlines per Milano, Roma e Venezia","post_date":"2022-12-07T10:45:51+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1670409951000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435494","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il ministro del turismo Santanchè vorrebbe espandere il sistema turistico italiano, allargando i numeri e puntando a nuovi prodotti. Infatti leggendo i dati dell'Istat ha affermato: «I dati Istat certificano una ripresa del settore, sia sotto il profilo dei flussi turistici che sotto quello occupazionale, e sono anche corroborati dagli oltre 13 milioni di italiani in viaggio per il ponte dell'Immacolata. Ciò detto, però, essi evidenziano anche quanto ci sia ancora da lavorare per colmare il gap con il 2019».\r\n\r\nEvidentemente ancora non c'è una strategia dettagliata per allungare stagioni, o iniziare campagne di promozione più mirate.  «Gli ingredienti per fare bene, nonostante la crisi energetica attuale, ci sono tutti - sottolinea Santanchè - e dobbiamo crederci. Lavoreremo quindi per rafforzare il settore e ridare nuova linfa al turismo italiano, anche attraverso forti azioni di formazione, promozione e comunicazione».\r\n\r\nSecondo il nostro modesto parere crederci non basta. Bisogna rivoluzionare i metodi e le impostazioni. Rivedere le priorità, investire risorse e non dimenticare mai che il turismo italiano è formato da due settori, uno che riceve i turisti, l'altro che li fa viaggiare nel mondo. E le agenzie di viaggio sono il tramite di questi due settori con la clientela.","post_title":"Santanchè: «Dobbiamo ancora colmare il gap con il 2019»","post_date":"2022-12-07T09:05:49+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":["topnews"],"post_tag_name":["Top News"]},"sort":[1670403949000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435540","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_427276\" align=\"alignright\" width=\"300\"] Willie Walsh, ceo di Iata[/caption]\r\n\r\nRitorno ai profitti per l'industria aerea globale nel 2023: un utile contenuto, stimato in 4,7 miliardi di dollari, con un margine di profitto netto dello 0,6%. Ma sarebbe il primo risultato con segno positivo dal 2019, quando i profitti netti del settore avevano raggiunto i 26,4 miliardi di dollari (3,1% di margine di profitto netto). Questo l'esito dell'ultima indagine targata Iata, che vede concludere il 2022 con una perdita netta per i vettori attorno ai 6,9 miliardi di dollari (un miglioramento rispetto alla perdita di 9,7 miliardi di dollari per il 2022 indicata nelle precedenti stime della Iata, risalenti a giugno). Un miglioramento significativo rispetto alle perdite di 42,0 miliardi di dollari e 137,7 miliardi di dollari registrate rispettivamente nel 2021 e nel 2020.\r\n\r\n\"La resilienza è stata il segno distintivo delle compagnie aeree durante il Covid - ha dichiarato Willie Walsh, direttore generale dell'associazione -. Guardando al 2023, la ripresa finanziaria prenderà forma con il primo profitto del settore dal 2019. Si tratta di un grande risultato se si considera l'entità dei danni economici e finanziari causati dalle restrizioni imposte dal governo per la pandemia. Ma un profitto di 4,7 miliardi di dollari su un fatturato di 779 miliardi di dollari dimostra anche che c'è ancora molto da fare per riportare il settore globale su una solida base finanziaria. Molte compagnie aeree sono sufficientemente redditizie da attirare i capitali necessari per far progredire il settore nella sua decarbonizzazione. Ma molte altre sono in difficoltà per una serie di motivi. Tra queste vi sono normative onerose, costi elevati, politiche governative incoerenti, infrastrutture inefficienti e una catena del valore in cui i vantaggi di collegare il mondo non sono equamente distribuiti\".\r\n\r\nWalsh sottolinea però anche più di uno spiraglio positivo: \"Nonostante le incertezze economiche, ci sono molti motivi per essere ottimisti per il 2023. Il calo dell'inflazione dei prezzi del petrolio e il perdurare di una domanda repressa dovrebbero contribuire a tenere sotto controllo i costi, mentre continua il forte trend di crescita. Allo stesso tempo, con margini così sottili, anche una variazione insignificante di una qualsiasi di queste variabili può potenzialmente spostare il bilancio in territorio negativo. Vigilanza e flessibilità saranno fondamentali\".\r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"Iata, Walsh: \"La resilienza delle compagnie aeree: ritorno all'utile nel 2023\"","post_date":"2022-12-06T13:36:32+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1670333792000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435483","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Trasporto aereo. Il 5G è entrato nell'agenda del settore dell'aviazione europea con un orizzonte pieno di minacce. Le compagnie aeree sono preoccupate per il loro possibile impatto sulla sicurezza delle operazioni in futuro, in linea con le voci di allarme che si sono levate negli Stati Uniti. \r\n\r\nEurocontrol ritiene che l'impatto di questo problema sarà minore in Europa. Tuttavia, il suo direttore generale, Eamonn Brennan, avverte che «potrebbe minacciare la sicurezza aerea e comportare costi finanziari significativi per le compagnie aeree». \r\n\r\n«Un anno di deviazioni causate dall'interruzione delle operazioni 5G nei giorni di scarsa visibilità potrebbe costare alle compagnie aeree e agli aeroporti fino a 180 milioni di euro e interrompere i piani di viaggio fino a 1,2 milioni di passeggeri», avverte. Teme infatti che «se non facciamo nulla, c'è il rischio reale che l'aviazione venga frenata nei prossimi anni, poiché i sistemi attuali troveranno sempre più difficile soddisfare i requisiti operativi».\r\nSforzi coordinati\r\nDi fronte a questo rischio reale, richiede sforzi coordinati e urgenti per modernizzare i sistemi di comunicazione, navigazione e sorveglianza. Con ciò intende evitare una saturazione dei canali che potrebbe ostacolare il passaggio a sistemi più moderni e capaci.\r\n\r\nTra le loro richieste vi sono il miglioramento del filtraggio della banda adiacente, nonché il mantenimento degli standard delle apparecchiature aeronautiche per i sistemi legacy. Allo stesso modo, insistono sulla necessità di raggiungere il giusto equilibrio tra il dispiegamento coordinato di nuovi sistemi radio.","post_title":"Trasporto aereo: incombono le minacce del 5G per la sicurezza","post_date":"2022-12-06T10:53:25+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":["topnews"],"post_tag_name":["Top News"]},"sort":[1670324005000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435460","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"China Airlines tornerà nei cieli di Roma con un volo diretto da Taipei, il 26 marzo 2023. La compagnia aerea, dopo lo stop forzato della pandemia, ripristinerà dunque la rotta verso l'aeroporto di Fiumicino, che sarà servita da un Airbus A350 con tre frequenze alla settimana.\r\n\r\nL'operativo da Roma - come si legge dal sito del vettore - prevede partenze nei giorni di lunedì, mercoledì e venerdì; mentre da Taipei i collegamenti saranno attivi domenica, martedì e giovedì. I passeggeri di China Airlines che arrivano a Taiwan potranno poi fruire del network di voli della compagnia verso numerose destinazioni orientali: tra queste, Denpasar, Manila, Hanoi e Sydney.","post_title":"China Airlines ripristina la rotta fra Taipei e Roma Fiumicino, dal 26 marzo","post_date":"2022-12-06T09:37:56+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1670319476000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435458","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Play ha aperto le vendite dei nuovi voli per Varsavia, che debutteranno il 3 aprile 2023. La compagnia opererà dall’hub di Reykjavík due voli settimanali sino alla fine di ottobre, con Airbus A320neo.\r\n\r\n\"Varsavia sarà una buona aggiunta al nostro network di rotte per il 2023 – ha dichiarato afferma Birgir Jónsson, ceo di Play -. La capitale della Polonia è la quinta nuova destinazione che abbiamo annunciato nelle ultime settimane”.\r\n\r\nIl ceo ha ricordato come in precedenza erano già state svelate le novità di “Atene, Porto, Amburgo e Stoccolma. Con l'aggiunta di quattro nuovi Airbus A320/321neo alla nostra flotta, che l'anno prossimo arriverà a contare 10 aeromobili, faremo un grande balzo in avanti sul mercato. Un maggior numero di passeggeri avrà l'opportunità di pagare meno i biglietti aerei e di spendere di più una volta giunti destinazioni, o come diciamo noi: Pay less, PLAY more\".\r\n\r\n ","post_title":"Play debutta in Polonia: voli per Varsavia dal 3 aprile prossimo e fino ad ottobre","post_date":"2022-12-06T09:24:25+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1670318665000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435398","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"EasyJet ha aperto ieri, 4 dicembre, la nuova rotta da Milano Malpensa a Madeira: il collegamento viene operato due volte alla settimana, il mercoledì e la domenica.\r\nL'isola di Madeira si inserisce all’interno del ventaglio di destinazioni con cui easyJet collega l’area di Milano al Portogallo, verso cui ha di recente inaugurato un nuovo collegamento tra Lisbona e Milano Bergamo, effettuato tre volte a settimana, il lunedì, il giovedì e la domenica, oltre agli storici collegamenti verso Porto e Lisbona da Malpensa.\r\nPerfetta per tutti coloro che non riescono a rinunciare al mare e alle temperature miti anche durante i mesi più freddi dell’anno, oltre che per gli amanti della natura rigogliosa, Madeira è la perla dell’Atlantico, raggiungibile in sole poche ore di volo grazie al collegamento diretto easyJet.\r\nLa Malpensa-Madeira si aggiunge alle circa 220 rotte che la compagnia opera da e verso 19 aeroporti italiani.","post_title":"EasyJet vola da Milano Malpensa a Madeira con due collegamenti settimanali","post_date":"2022-12-05T10:30:51+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1670236251000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435395","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Ryanair, Air Europa, Iberia Express e Binter avvertono dell'impatto che l'introduzione di una nuova tassa sul cherosene nell'Unione Europea avrà per il settore aereo e, quindi, per i viaggiatori.\r\n\r\nNell'ambito della Convenzione delle isole turistiche europee, tenutasi a Maspalomas, hanno avvertito che questa tassa \"va nella direzione opposta\" per ridurre le emissioni. Sostengono che la sua applicazione comporterà un taglio degli investimenti che dedicati alla decarbonizzazione.\r\n\r\n«Tutto ciò che viene imposto va nella direzione opposta e che impieghiamo più tempo per sviluppare queste tecnologie», avverte l'amministratore delegato di Iberia Express, Carlos Gómez, che influenza l'ambizioso piano di rinnovamento della flotta che la sua azienda sta portando avanti.\r\nNiente tasse\r\nIl presidente di Binter, Rodolfo Núñez, afferma che «la soluzione è non tassare l'attività. Vogliamo fare tutto il possibile e ne abbiamo la volontà, ma tassarlo impedirà alle aziende di spendere più soldi in innovazione e ricerca. Non si può legiferare contro un'attività che ci tiene in vita, che è il nostro stile di vita», dice.\r\n\r\nDa parte sua, l'amministratore delegato di Air Europa, Jesús Nuño de la Rosa, ricorda che «le compagnie aeree stanno facendo molto per innovare e ridurre le emissioni, ma da soli non possiamo». A suo avviso, le autorità dovrebbero «cambiare l'equazione», cercando una strategia per aiutare le compagnie aeree a ridurre i livelli di inquinamento invece di «tassare di più».\r\n\r\nIl presidente di ALA, Javier Gándara, e il responsabile della sostenibilità di Ryanair, Thomas Fowler, si esprimono in termini simili, avvertendo che la tassa sul cherosene porterà a una deviazione dei turisti verso destinazioni più economiche che non sono interessate dalla sua attuazione, come gli africani .","post_title":"Ipotesi di tassa sul cherosene della Ue. le compagnie non ci stanno","post_date":"2022-12-05T10:20:42+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1670235642000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti