22 April 2021

Patanè: “Bloccare gli impianti sciistici è un messaggio negativo”

[ 0 ]

Con quest’ultimo colpo si completa un anno intero di blocco per il turismo, sostanzialmente senza soluzione di continuità. Bloccare l’apertura degli impianti sciistici la sera prima dell’annunciata apertura è un messaggio negativo per il Paese. Ora si volti pagina rimettendo subito il turismo al centro del Piano nazionale di ripresa e resilienza ma ancora più urgente è completare in tempi rapidissimi il passaggio delle consegne dal Mibact al nuovo ministero del turismo per non fermare le assegnazioni di aiuti alle imprese del settore fissate per legge che già sono in ritardo di mesi”.

Così commenta il presidente di Confturismo Confcommercio Luca Patane la decisione del ministro Speranza di fermare l’avvio delle attività sciistiche amatoriali fino al 5 marzo.




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353709 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Negli articoli 37 e 50 del Decreto Crescita, il governo ha previsto che verranno prelevati 650 milioni dalle bollette per garantire la continuità industriale di Alitalia. Questa è la notizia. Dobbiamo dire che la sola lettura fa rabbrividire per la superficialità della scelta di distrarre fondi così ingenti che hanno una ben definita origine e dislocarli per mantenere in vita un'azienda che, in poche parole, almeno ad oggi non è appetibile. A questo punto si pronuncia l'Autorità per l'Energia, Reti e Ambiente  con parole inequivocabili:«Non usate i soldi delle bollette degli italiani per il salvataggio di Alitalia, c'è il rischio di un aumento delle tariffe di luce e gas per i consumatori». Infatti si tratta di si tratta di versamenti «suscettibili di generare ripercussioni negative sull'intero sistema, che potrebbero tramutarsi in un incremento improprio dei prezzi dell'energia per le famiglie e le imprese qualora ciò dovesse tradursi in un aumento dei corrispettivi a copertura degli oneri generali, con possibili effetti sfavorevoli sul ciclo economico generale». E con la frase: c'è il rischio, diciamo che ci sono andati leggeri. C'è la certezza che le tariffe aumentino. [post_title] => Alitalia: il governo punta a 650 milioni dalle bollette. Stop dell'Autorità [post_date] => 2019-05-30T10:47:07+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1559213227000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353665 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L’albergo diffuso Borgotufi (Castel del Giudice), che riapre il 15 giugno 2019, con le sue casette in pietra - nate dal recupero di case abbandonate - arrampicate sulla collina ed aperte ad un paesaggio verdissimo è il luogo in cui ritrovare il contatto con più autentico con la natura, non solo passeggiando tra le sue viuzze e sentieri che si inoltrano tra gli alberi, ma anche immergendosi nella piscina interna panoramica con pareti in pietra del centro benessere, che si affaccia sulle montagne e i boschi, nella sauna, il bagno turco, le docce emozionali con cromo e aromaterapia, l’idromassaggio e la sala massaggi. Nella struttura principale di Borgotufi, oltre al centro wellness e alla reception, c’è anche il ristorante Ocrà Favola Molisana. Castel del Giudice e il suo albergo diffuso sono fulcro di attività esperienziali, tra passeggiate, percorsi in mountain bike, il rafting che si può praticare in estate sul fiume Sangro, pic nic al fiume Molinaro con la sua piccola cascata, visite guidate al vicino meleto biologico Melise e al Giardino delle Mele Antiche, laboratori creativi, escursioni nelle riserve naturali, come le Cascate del Verde di Borrello o i percorsi della Riserva Mab UNESCO di Collemeluccio e Montedimezzo. Il soggiorno a Borgotufi per una pausa di totale relax. La proposta comprende una notte in una delle casette matrimoniali, colazione a buffet, ingresso nel centro benessere, massaggio rilassante di 30 minuti, cena con speciale menu di 4 portate al ristorante. Prezzo di 250 euro per 2 persone. [post_title] => Borgotufi, riapre il 15 giugno l’albergo diffuso fuori dalle solite rotte [post_date] => 2019-05-30T10:00:53+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1559210453000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353655 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Vueling con orgoglio sostiene il Roma Pride e sarà a Roma sabato 8 giugno - a partire dalle ore 15:00 in Piazza della Repubblica - per festeggiare questo appuntamento, giunto al suo 25° anniversario.  “Spicchiamo il volo: voliamo con orgoglio al vostro fianco” è il messaggio con cui Vueling sosterrà la manifestazione, e parteciperà anche attivamente sfilando con un proprio carro personalizzato su cui dipendenti della compagnia, un gruppo di influencer italiani e cittadini saliranno in prima persona per prendere parte alla sfilata nelle vie della capitale e inviteranno romani e passanti a festeggiare con loro. Una grande festa che sarà anche occasione per Vueling per festeggiare il suo 15° anniversario dalla fondazione della linea aerea: tra musica e danze, Vueling metterà a disposizione speciali sorpresepensate per tutti coloro che decideranno di condividere e sostenere la stessa causa.   «Questo evento rappresenta per noi l’occasione per esprimere la nostra vicinanza a favore del movimento Lgbt» ha commentato Susanna Sciacovelli, direttore generale di Vueling per l’Italia -. Vueling, infatti, è da sempre un’azienda orgogliosamente attiva nell’ambito delle diversity: partecipare in prima linea a un appuntamento così importante, in una città strategica per Vueling, con un nostro carro e con il coinvolgimento attivo dei nostri dipendenti ci permette di supportare concretamente la causa che celebra l’orgoglio omosessuale e di promuovere l’unicità contro ogni discriminazione». [post_title] => Vueling a supporto del Roma Pride, appuntamento l'8 giugno [post_date] => 2019-05-29T14:34:13+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1559140453000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353591 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_233307" align="alignright" width="300"] Snow board a Mammoth Lakes[/caption] Mammoth Mountain ha annunciato che quest’anno la stagione sciistica terminerà più tardi del solito. Infatti, le intense nevicate sulla Sierra Nevada  hanno superato ogni record portando, proprio in questi ultimi giorni di maggio, il livello della neve a oltre 2 metri al Main Lodge e 3 metri sulla vetta. E proprio a causa delle abbondanti nevicate non è stata ancora annunciata la data di apertura del Tioga Pass, il passo che consente l’accesso al parco nazionale di Yosemite.  Questo incredibile bollettino meteo molto probabilmente permetterà alla società che gestisce gli impianti di prorogare l’apertura delle piste fino ad agosto 2019. Guanti da neve e tuta da sci in valigia per tutti gli appassionati degli sport invernali che decideranno di trascorrere le vacanze estive a Mammoth Lakes, ma anche per i visitatori internazionali che sceglieranno Mammoth Lakes come base per visitare Yosemite. Possibilità di noleggiare in loco non solo l’attrezzatura da sci, ma anche tute da sci e guanti, per una vacanza all’insegna di sport, natura e puro divertimento.  L’area sciistica di Mammoth Mountain è da sempre considerata la più prestigiosa di tutta la California e offre numerose attività sia invernali che estive. Solitamente, la stagione sciistica a Mammoth Mountain dura dai primi giorni di novembre fino a maggio inoltrato, grazie all’altitudine della vetta principale che tocca i 3371 metri. Oltre alle numerose e intense nevicate, la zona è favorita anche dal clima, che regala più di 300 giorni di sole tutto l’anno.      [post_title] => Mammoth Mountain, California: impianti sciistici aperti fino ad agosto [post_date] => 2019-05-29T11:34:50+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1559129690000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353468 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il Gruppo Una vira con decisione verso un più marcato impegno rivolto alla sostenibilità, consapevole della necessità urgente di attivare buone pratiche di tutela ambientale nei propri hotel e all’interno dell’intero ciclo di acquisto, per concorrere al raggiungimento degli obiettivi dell’Agenda 2030. «Il futuro del turismo in chiave sostenibile è possibile e alla nostra portata. Alcuni passi sono stati già intrapresi, ma il nostro impegno non si esaurisce all’oggi e anzi si rinnoverà nei prossimi anni, per essere sempre più concreto e tangibile – commenta Fabrizio Gaggio, direttore generale Gruppo Una -. La sostenibilità, intesa come capacità di vivere e lavorare nel pieno rispetto dell’ambiente utilizzando i mezzi a disposizione e senza compromettere le capacità delle generazioni future, deve diventare un mantra per le aziende e uno stile di vita positivo per tutti noi. Il nostro prossimo passo concreto riguarderà la gestione dei rifiuti, attraverso una politica di acquisto volta a ridurre gli imballaggi al fine di limitarne la produzione e vedrà la collaborazione di aziende e società specializzate nella loro gestione e rigenerazione». Anche quest’anno Gruppo Una è stato certificato come società 100% green in termini di consumo energetico, grazie all’acquisto esclusivo di energia proveniente da impianti rinnovabili (idroelettrica, eolica e solare), con una conseguente importante diminuzione di emissione di Co2. Novità introdotta di recente, inoltre, è l’utilizzo di sola carta riciclata per lo svolgimento di tutte le attività operative, nella sede milanese e presso gli hotel: un ulteriore passo ai fini della sostenibilità all’interno di un percorso triennale pensato per limitare l’impronta ambientale del gruppo. [post_title] => Gruppo Una: sostenibilità è anche ridurre gli imballaggi [post_date] => 2019-05-28T12:26:04+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1559046364000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353213 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Galzignano Terme Spa & Golf Resort va all’asta: Coldwell Banker Commercial - società che opera nel campo della consulenza, dell’intermediazione e della valorizzazione immobiliare – ha infatti assunto l’incarico di advisor esclusivo per la cessione d’azienda del resort veneto, attualmente gestito dalla catena Jsh Hotels che si è affidata al brand Radisson Blue. Il complesso 4 stelle è composto da quattro alberghi, di cui tre operativi per un totale di 300 camere, con annessi piscine termali coperte e scoperte, revital center, centro congressi, campo da golf da 9 buche, campi sportivi, sette unità commerciali, terreni agricoli e parcheggio. «La valutazione di mercato effettuata - commenta Giuseppe Rojo, amministratore delegato di Coldwell Banker Commercial –assume che vengano effettuati investimenti finalizzati alla valorizzazione degli asset esistenti e che la gestione venga affidata ad una società di gestione o catena alberghiera di standing internazionale, che valorizzi al massimo le potenzialità reddituali della struttura ricettiva, valutata attorno ai 21 milioni di euro».   Sono tre gli alberghi operativi: Hotel Sporting, 112 camere con 15 locali per la fangoterapia, 5 locali massaggio, piscine, sauna e area maturazione del fango; Hotel Majestic, 97 camere con area bagni termali e wellness in fase di ristrutturazione, area di maturazione del fango e zona congressuale; Hotel Splendid, 91 camere con reparto di cure termali e vasche per la coltivazione dei fanghi.  All’interno dell’Hotel Majestic è tra l’altro previsto un nuovo reparto termale/spa in costruzione e un centro congressi con capienza oltre i 300 posti. Coldwell Banker Commercial ha già al suo attivo, in Sicilia, importanti risultati come le dismissioni dei complessi immobiliari ed aziendali di proprietà di Amt Real Estate Spa e di Acqua Marcia Turismo Srl, quali il Grand Hotel Villa Igiea, il GrandHotel et Des Palmes e l’Excelsior di Palermo, il San Domenico Palace di Taormina e l’Hotel des Etrangers & Spa di Siracusa. Coldwell Banker Commercial è anche advisor, nel settore del golf e della ricettività upscale, per la cessione d’azienda del Donnafugata Golf Resort, in Sicilia.   [post_title] => All'asta il Galzignano Terme Spa & Golf Resort: acquirenti cercasi [post_date] => 2019-05-24T13:17:39+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558703859000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353000 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Quale miglior luogo per una luna di miele se non lo splendido arcipelago dell’Oceano Indiano? Tutti i resort, di ogni livello e conduzione hanno pacchetti speciali dedicati gli sposi che rappresentano una bella fetta di clientela. Azemar, nella sua programmazione sulle Maldive, basata su 50 resort offerti in commercializzazione e due perle dell’accoglienza di proprietà, e quindi con la possibilità di personalizzare ulteriormente il benvenuto, propone speciali condizioni per il Cocoon Maldives e lo You & me by Cocoon. Vediamo di cosa si tratta: [caption id="attachment_353049" align="alignright" width="300"] La romantica spiaggia del Cocoon[/caption] Il Cocoon, si trova sull’isola di Ookolhufinolhu, una delle 54 isole situate nella parte sud dell’atollo di Lhaviyani, a circa 30 minuti di volo dall’aeroporto internazionale. Cocoon è il primo resort di design alle Maldive, e con le sue 145 camere vede 50 beach villa, 5 family beach villa, 25 beach suite, 5 beach suite con piscina, 40 lagoon villa e 20 lagoon suite, tutte incastonate nella vegetazione. Agli sposi è offerto un set di benvenuto di cioccolatini e bottiglia di vino in camera all’arrivo, che sarà poi seguita da una cena romantica a lume di candela per la coppia. Il soggiorno minimo richiesto per usufruire di questo pacchetto è di quattro notti entro sei mesi dalla data di matrimonio. [caption id="attachment_353052" align="alignleft" width="300"] Una cena romantica sott'acqua? H2O restaurant[/caption] Se il Cocoon è un nido dove prepararsi a vivere assieme, lo You & Me by Cocoon, è ancora più intimo e vivibile, oltre a essere un resort “child free”. L’ospitalità raffinata ma senza fronzoli è proposta da  109 camere, delle quali 99 overwater e dieci beach, divise in sette livelli secondo esposizione e presenza o meno di piscina privata. Per un soggiorno di minimo sei notti, l’accoglienza dei novelli sposi parte con il set di cioccolatini e bottiglia di vino in camera all’arrivo, arricchito da un’interessante proposta di upgrade di camera in base alla disponibilità al check-in. Con soggiorni di minimo sette notti, oltre ai benefit sopra citati, si potrà avere una cena romantica a lume di candela per la coppia e un massaggio di coppia al centro Elizabeth Arden. Esistono anche pacchetti dedicati (wedding package) per chi volesse celebrare la cerimonia in loco, tenendo comunque conto che il matrimonio contratto alle Maldive non ha validità religiosa, mentre a Zanzibar si può anche celebrare come rito religioso. [caption id="attachment_353055" align="alignright" width="300"] Una romantica camera del Gold Zanzibar beach house & spa[/caption] Zanzibar, perché esiste una terza struttura di proprietà Azemar, il Gold Zanzibar beach house & spa ad Unguja, nella parte nord ovest, che propone agli honeymooners uno sconto del 10% su quota soggiorno in all inclusive, bottiglia di spumante e cesto di frutta in camera all’arrivo, possibilità di upgrade di camera se disponibile al momento del check-in, cena romantica a lume di candela per la coppia, il tutto su un soggiorno di quattro notti minimo. [post_title] => Viaggi di nozze alle Maldive: le proposte firmate Azemar [post_date] => 2019-05-23T10:36:42+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558607802000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 352883 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => È partito il conto alla rovescia per l’inaugurazione, prevista per luglio 2019, del nuovo terminal di Business & General Aviation dell’aeroporto internazionale di Milano Malpensa da parte di Sea Prime, società del gruppo Sea che gestisce gli scali milanesi Linate e Malpensa. Il nuovo terminal Milano Malpensa Prime sorge in un’area dedicata dell’aeroporto, situata tra il terminal 1 e il terminal 2 e ha in dotazione un piazzale di circa 50.000 mq, oltre all’hangar di 5.000 mq, già operativo, per il ricovero di executive jet di ultima generazione. Con una struttura a poliedro, sviluppata su una superficie di circa 1.400 mq, ricorda una “gemma” che si staglia nel territorio circostante e, grazie alla sua forma iconica ed ai particolari rivestimenti e colori, è immediatamente riconoscibile sia dal punto di osservazione di chi è in volo, sia da quello di chi si trova a terra. I materiali sono stati selezionati per amplificare la naturale luminosità degli ambienti, rendendoli confortevoli ed accoglienti. Cinque le lounge che accoglieranno passeggeri ed equipaggi offrendo loro servizi ultra luxury personalizzati, quali conference center, limousine service e concierge, per garantire totale relax e massimo comfort prima della partenza del proprio volo attraverso filtri di sicurezza dedicati. «Malpensa Prime completa l’accessibilità per i passeggeri e gli operatori di Business & General Aviation non solo alla città di Milano, ma anche alla Lombardia, a parte del Piemonte, al sud della Svizzera e alle numerose località raggiungibili da Malpensa: i laghi, le località sciistiche, ben 18 siti UNESCO - ha commentato Chiara Dorigotti, chief executive officer di Sea Prime -. Nella nostra visione si tratta di un servizio complementare rispetto a quello offerto da Milano Prime a Linate; quest’ultimo gode infatti della sua vicinanza al cuore della città da cui dista solo 7 km, mentre con Malpensa Prime potremo intercettare anche i passeggeri che raggiungono Milano con voli in first e business class».     [post_title] => Milano Malpensa Prime: a luglio l'inaugurazione del nuovo terminal [post_date] => 2019-05-22T14:02:58+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558533778000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 352736 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => «Non è più percorribile un accordo sulle rotte Olbia-Fiumicino e Olbia-Milano»: Rossen Dimitrov, coo di Air Italy esprime chiaramente una decisione che era nell'aria da mesi e declina l'invito al tavolo della Regione Sardegna per domani, 22 maggio, a Cagliari, convocato dal governatore per discutere di continuità territoriale aerea da e per l'Isola. Il messaggio potrebbe precedere un abbandono della base a Olbia - ora senza più voli agevolati, per spostare gli operativi sull'hub di Milano Malpensa. Air Italy, dunque, si chiama fuori e dice addio a Olbia, dove Alitalia sta volando per Roma e Milano Linate con oneri di servizio pubblico ma senza compensazioni, dopo che il vettore aveva avanzato la proposta di effettuare i collegamenti senza aiuti con largo anticipo rispetto alle scadenza del bando. La mossa dell'ex compagnia di bandiera però aveva frenato Air Italy che da subito aveva ritenuto non economicamente vantaggioso spartire le rotte senza contributi. «Esattamente un mese fa - spiega in una nota ufficiale Dimitrov - la compagnia ha detto che la soluzione proposta dalla Regione Sardegna di concerto con il Governo non era una soluzione, ma una farsa, e che non risolveva la questione della continuità territoriale. Al contrario, mette a rischio la continuità territoriale e contemporaneamente i passeggeri, il territorio, il personale di Air Italy e il settore turistico della Sardegna. Oggi quest’affermazione è tristemente ancora valida. Oltre a ciò, c’è disillusione e estrema delusione rispetto a come questa situazione è stata gestita dalla Regione Sardegna e dal Governo. Così com'è, questa è la fine della storia per quanto riguarda Air Italy, che essendo costretta a cancellare le due rotte continuità territoriale di Olbia, continuerà a ri-proteggere i passeggeri che dovessero risultare ancora prenotati sui voli fra Olbia e Milano Linate e fra Olbia e Roma Fiumicino. Non c'è nient'altro che la compagnia possa fare a questo punto. Sono state mantenute le opzioni per gli aerei in leasing in attesa di una risoluzione, ma sfortunatamente ora tali opzioni verranno rilasciate e tutti i relativi accordi annullati. Inoltre, a causa della cattiva gestione e delle ripercussioni finanziarie di questo ridicolo stato di cose, è stato dato incarico per valutare la possibilità di richiedere un risarcimento e verrà chiesto alla Commissione europea di indagare su questa débâcle. Ma soprattutto, l’obiettivo principale resta lo stesso: il proprio personale. A causa di questa situazione mal gestita e della mancanza di una soluzione, trascinata per mesi e ritornata al punto di partenza, il destino dei 500 dipendenti di Air Italy, delle loro famiglie e delle imprese associate in Sardegna dipende dalle decisioni della Regione Sardegna e del Governo. Oggi il personale della compagnia e le famiglie meritano risposte oneste e dirette da parte di coloro che sono responsabili di questo caos. Essi devono adesso spostare immediatamente l’attenzione sulla ricerca di una soluzione adeguata a proteggere sia il reddito degli oltre 500 dipendenti di Air Italy, sia le loro famiglie a Olbia, nonché il contributo economico e sociale, che essi apportano all'isola della Sardegna». «Prendiamo atto della comunicazione di Air Italy - ha dichiarato in queste ore all'Ansa il presidente della Regione Sardegna, Christian Solinas - ma ribadiamo che proseguono le interlocuzioni costanti del presidente della Regione con Alitalia, che conferma la presenza alla riunione di mercoledì alla quale partecipa con senso di responsabilità, con la volontà di contribuire ad una positiva soluzione della vicenda».   [post_title] => Air Italy dice no alla Regione Sardegna e lascia Olbia ad Alitalia [post_date] => 2019-05-21T15:30:58+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558452658000 ) ) )

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti