23 July 2024

Garavaglia: partita la lettera per l’outgoing. Ma non basta

[ 1 ]

Il ministro del turismo Massimo Garavaglia

Come riportato in questo sito, il Wttc ha dato un mese di tempo al governo britannico per evitare la catastrofe dell’industria dei viaggi. Perdita stimata circa 60 miliardi di sterline. Dispiace che questo monito non sia stato fatto anche al governo italiano. Ora il ministro Garavaglia ha inviato una lettera alla presidenza del Consiglio (non a Draghi, ma al sottosegretario alla presidenza, Roberto Garofoli) nella quale cerca di spiegare le difficoltà in cui si dibatte il sistema organizzato del turismo italiano, chiedendo di aprire dei corridoi turistici affinché gli italiani possano viaggiare anche all’estero.

Certamente è un passo avanti rispetto al niente che si era fatto per l’outgoing fino ad ora. Ma è necessario seguire le mosse passo dopo passo. A me, come penso a tutti gli operatori e agli osservatori con un minimo di senno, non basta che Garavaglia invii una lettera al sottosegretario alla presidenza del Consiglio per dire: è fatta. No, non è fatto un bel niente. E’ solo l’inizio di una procedura che potrebbe essere molto lunga. E in questo tempo l’industria dei viaggi cosa farà?

Il ritardo con cui si è mosso il ministero del turismo è un ritardo colpevole. Bisogna dirlo e bisogna ancora dire che nel frattempo molte realtà sono cessate, molte altre sono alla canna del gas e alte infine si barcamenano fra un incoming e qualche viaggio di straforo. Non è così che si difende un settore, questo bisogna ribadirlo.

Comunque aspettiamo che la lettera faccia il suo corso e teniamo gli occhi aperti. Le parole, dette o scritte, rimangono tali se non si traducono in niente.

 

Giuseppe Aloe

Condividi



Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 471825 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sandrine Buffenoir è la nuova direttrice di Atout France Italia. La manager raccoglie il testimone da Frédéric Meyer che, dopo nove anni nel nostro Paese, passa ad occuparsi del mercato tedesco nella sede di Francoforte.  Ufficialmente in carica dallo scorso giugno, Sandrine Buffenoir ha maturato oltre 25 anni di esperienza e una grande competenza nel settore digitale e del marketing turistico. Dal 2011 è stata in forze ad Atout France Paesi Bassi, da ottobre 2022 con il ruolo di vicedirettrice e responsabile marketing e ricerca , dopo aver lavorato nelle sedi Atout France di Vienna, dal 2009 al 2011, e di Londra, dal 1999 al 2009. Ha coordinato campagne di promozione e di comunicazione, ed è co-responsabile del progetto della campagna di Explore France. Appassionata di sport, in particolare rugby e football, pratica il cicloturismo, ama i viaggi, la lettura, si interessa particolarmente di storia e politica internazionale e di  matematica e scienze. Parla fluentemente l’inglese, oltre tedesco, olandese, e comprende l’ italiano, che naturalmente si accinge a perfezionare anche nella lingua parlata e scritta. “Sono molto felice –ha dichiarato – di essere in Italia, di lavorare con Alexandre Bezardin, vicedirettore e con tutta l’equipe di Atout France Italia , è un paese che amo e frequento, e sono convinta che il mio lavoro nella campagna di promozione di Explore France potrà essere importante per una visione a 360° del turismo nell’ottica delle nuove direttive di un turismo slow e attento all’ambiente. La Francia e l’Italia hanno in questo senso una visione comune, e sarà il mio impegno promuovere la Francia turistica di domani, legata al territorio e alla cultura e insieme innovativa e proiettata nel futuro”. [post_title] => Atout France: Sandrine Buffenoir è la nuova direttrice della sede italiana [post_date] => 2024-07-19T10:33:18+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( [0] => nofascione ) [post_tag_name] => Array ( [0] => nofascione ) ) [sort] => Array ( [0] => 1721385198000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 471689 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Ha raggiunto quota 111 milioni di euro il fatturato del primo semestre di a&o Hostels, per una crescita del 10% rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso, toccando in questo modo un livello mai raggiunto prima dal gruppo di ostelli 2.0 tedeschi. Il risultato è frutto di una crescita del 5% dei pernottamenti, per un totale di 2,98 milioni di presenze e un'occupazione media delle camere del 75%. La compagnia, che attualmente gestisce 38 strutture in 25 città situate in nove paesi europei, continua intanto nel suo percorso di crescita: anche se con qualche ritardo, l'a&o Firenze Campo di Marte aprirà infatti alla fine dell’anno, mentre un ulteriore indirizzo britannico si aggiungerà quest’estate. A contribuire al raggiungimento di tali risultati sono stati anche i mega eventi. Che si trattasse di calcio o concerti, le strutture di a&o hanno raggiunto i massimi riempimenti con tassi di occupazione del 100% nei giorni delle partite e di circa il 90% per tutto il corso degli Europei. Anche le esibizioni di Taylor Swift e Coldplay hanno lasciato pochissimi letti liberi. “Il numero di viaggiatori per eventi è in costante aumento - conferma il ceo, Oliver Winter -: indipendentemente dal giorno della settimana, concerti ed eventi sportivi sono attrazioni per il pubblico e per questa tipologia di appuntamenti le prenotazioni avvengono con largo anticipo”. [post_title] => Primo semestre da record per a&o Hostels. I mega-eventi eventi spingono le performance [post_date] => 2024-07-18T10:10:25+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1721297425000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 471395 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Le recensioni e le valutazioni degli ospiti sono il secondo fattore più importante nel processo decisionale di prenotazione, subito dopo le camere e i servizi. Questi superano criteri come le proposte di ristorazione, la connessione wifi/Internet e gli standard sanitari e igienici. E' quanto emerge da un recente report condotto da OnePoll su commissione di Accor. La ricerca, realizzata tra l'8 e il 19 dicembre 2023 su 5 mila viaggiatori di cinque Paesi europei che hanno soggiornato in un hotel o resort negli ultimi 12 mesi (ma non c'è l'Italia, ndr), rivela che quasi quattro ospiti su dieci (38%) leggono sempre le recensioni prima di prenotare, mentre un altro 38% lo fa quasi sempre. In media, gli ospiti leggono nove recensioni (8,63) per ogni hotel o resort in cui desiderano soggiornare. Tale pratica è più importante per le coppie e le famiglie rispetto a chi viaggia da solo. Tra coloro che leggono le valutazioni online, poi, l'85% di chi intende prenotare un viaggio in coppia ritiene che le recensioni dei clienti siano cruciali. Quasi la stessa percentuale (82%) afferma che sono fondamentali quando si prenota una vacanza in famiglia. Anche per i viaggiatori solitari, il 66% considera comunque la lettura delle valutazioni una parte essenziale del processo decisionale, e il 55% dei viaggiatori d'affari è d'accordo. Il 71% degli intervistati apprezza inoltre quando gli hotel rispondono alle recensioni, ritenendo che ciò dimostri una reale considerazione del riscontro dei clienti. Tuttavia un percentuale bassa ma non irrilevante degli intervistati, il 12%, non vede di buon occhio le risposte degli hotel, temendo che possano essere poco sincere o rappresentare solo una mossa commerciale. "Le recensioni influenzano le decisioni di acquisto e la percezione di hotel, resort e marchi - sottolinea il senior vice president sponsoring, marketing, loyalty & guest experience Europa e Nord Africa, Antoine Dubois -. I nostri ospiti prestano molta attenzione l'uno all'altro e gli albergatori devono integrare questa dinamica nelle loro strategie di marketing." [post_title] => Ricerca Accor: le recensioni online sempre più importanti nella scelta di un hotel [post_date] => 2024-07-15T09:43:39+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1721036619000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 470996 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Un ventaglio di possibilità elevato, con un potenziale di investimento che va dai 100 milioni di euro sino anche al miliardo, a seconda di circostanze e opportunità. E' il "cannone" che King Street Capital è pronto a puntare sull'ospitalità italiana.  Lo ha rivelato il managing director, European capital markets, Giovanni Luna, in occasione  dell’Hospitality Forum organizzato a Milano da Scenari Immobiliari in collaborazione con Castello sgr: "Il nostro obiettivo è trovare situazioni magari complesse, in grado per ciò stesso di garantirci i rendimenti elevati di cui siamo alla ricerca, senza tuttavia mai scendere a compromessi su location e qualità dell’asset". Tanto potenziale, le sfide di sempre Per Victoria – Oaktree il potenziale sarebbe invece da 300 milioni all’anno, "ma non è sempre possibile impiegarlo completamente", ha ammesso Fulvio Orlando, managing director, head of acquisitions di Victoria Asset Management, che supporta Oaktree nei suoi investimenti commercial real estate. La motivazione di tali difficoltà risiede senz'altro nelle dimensioni relativamente ridotte del mercato, ma non solo: c’è anche la questione delle tempistiche. Altre situazioni critiche riguardano il pacchetto di garanzie, il livello di due diligence richiesto dai fondi, persino le conformità edilizie e catastali: "Su questi temi ci si perde troppo spesso in discussioni infinite. La volontà di fare, in altre parole, ci sarebbe; le competenze pure. Ma le controparti devono essere più trasparenti e dirette". E non manca neppure la sfida burocrazia, soprattutto quando occorre fare dei lavori: "Servono certezze su regole e tempi", ha rincarato infatti Luna. Forte la presenza di capitali value add – opportunistici Nonostante le criticità, tanto interesse sul real estate alberghiero italiano non è affatto un caso: il mercato tricolore dell'ospitalità è ormai da parecchio tempo caratterizzato da una forte presenza di capitali dall’approccio value add – opportunistico. E anche l’anno scorso non è stato da meno sebbene, come sottolineano gli ultimi dati Cbre e Scenari Immobiliari, il 2023 abbia registrato il ritorno prepotente di investitori-operatori spesso di matrice domestica. "L’Italia è da sempre una delle destinazioni più popolari al mondo, ma con un patrimonio ricettivo da rinnovare e fino a periodi molto recenti caratterizzato da una scarsa presenza di capitali istituzionali – ha spiegato Luna -. Per noi si tratta quindi di un contesto dalle grandi opportunità. Tanto più che proprio tali criticità possono garantire a capitali opportunistici come il nostro quel premio sul rendimento di cui siamo costantemente alla ricerca". Non molto differenti sono le motivazioni che hanno spinto Oaktree a entrare nel mercato alberghiero italiano già nel 2018: "Abbiamo cercato di fornire un approccio istituzionale all’offerta di ospitalità tricolore, per aiutarla a portarsi in linea con le aspettative della clientela internazionale – ha confermato Orlando -. Al picco siamo arrivati ad avere in piattaforma una ventina di hotel per circa 2 mila camere. Il nostro sviluppo si è poi un po’ fermato, perché la dimensione media per transazione del mercato italiano è spesso piccola, non adeguata alle nostre esigenze di investimento". Anima Alternative sgr: focus sulle pmi Un approccio leggermente differente, anche se pur sempre dai tratti opportunistici, ha invece Anima Alternative sgr, la cui holding omonima a febbraio 2023 ha acquisito Castello sgr: "A oggi abbiamo all’attivo due fondi riservati chiusi dedicati alle pmi (non solo dell’hospitality, ndr), ossia ad aziende con margini operativi lordi compresi tra i 2,5 e i 25 milioni di euro  – ha raccontato il deputy chief investment officer, Andrea Cappuccio -. Le supportiamo coprendo tutta la struttura di capitale, tranne l’equity di maggioranza. Parliamo quindi di debito senior o subordinato, ma anche di equity di minoranza. L’ospitalità ci interessa però sostanzialmente per ragioni non tanto diverse dagli altri: il settore è resiliente e in crescita ma continua a essere sostanzialmente frammentato, necessita di investimenti e ha una questione aperta in tema di ricambio generazionale". Il fondo di capitale ibrido di Anima è peraltro già quasi completo: dopo una raccolta di circa 160 milioni di euro c’è spazio ancora per una ventina di milioni. "Ma abbiamo un nuovo round in cantiere – ha assicurato Cappuccio -. Il fondo senior è invece partito l’anno scorso ma ha già raccolto 180 milioni. L’obiettivo è quello di investire tutta la dotazione in circa tre anni e, a oggi, dopo 18 mesi dal lancio, stiamo rispettando la tabella di marcia". Target: la dimensione conta A livello di target, King Street Capital guarda soprattutto alle grandi città o alle mete secondarie ma dalla grande vocazione turistica. "Anche per noi la dimensione rimane un aspetto importante – ha ripreso Luna -. Indipendentemente dalla natura dell’investimento partiamo da un impegno di almeno 50 milioni di euro di nostro capitale. Il che si traduce in operazioni di valore significativamente più alto". Punta naturalmente su investimenti di entità più ridotte Anima, per cui si parla di impegni che vanno dai 5 ai 15 milioni di euro a operazione. "Ma siamo disposti, quando è possibile, a garantire capitali a una holding, piuttosto che a una società operativa, in modo da lasciare quest’ultima libera di crescere senza eccessive pressioni finanziarie – ha sottolineato Cappuccio -. Strutturiamo insomma il nostro intervento in maniera piuttosto flessibile". Per Victoria – Oaktree il segmento di riferimento è invece quello dei 5 stelle, con vocazione lusso o lifestyle a seconda delle circostanze e dei momenti. "Oggi non escludiamo però neppure di investire in segmenti più accessibili, come per esempio il glamping", ha rivelato Orlando. Meno equity, più azioni privilegiati o debito mezzanino La situazione attuale di un mercato caratterizzato da elevati tassi di interesse sta peraltro spingendo i fondi a esplorare strumenti diversi dall’equity puro. "Bene o male i ritorni che dobbiamo garantire ai nostri stakeholder rimangono gli stessi di sempre, con un irr che va dal 15%-20% in su – è stato il ragionamento di Luna -. Prima per poter raggiungere tali percentuali era necessario garantire equity, oggi possiamo anche ricorrere a strumenti meno rischiosi come le azioni privilegiate o il debito mezzanino a seconda dei contesti. Il nostro capitale è chiaramente costoso ma flessibile".   [post_title] => Fondi e hotel italiani, attrazione fatale: pronto un "cannone" da 1 mld [post_date] => 2024-07-08T12:06:48+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1720440408000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 470710 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Grandi proteste a Malaga e a Cadice questo fine settimana contro il turismo di massa, soprattutto per le sue conseguenze sui prezzi delle case. A Malaga i manifestanti hanno chiesto che la città fosse nuovamente abitabile, facendo riferimento ai prezzi degli affitti. La protesta era stata indetta dall'Unione Inquilini con il sostegno di altre organizzazioni. La protesta più comune è stata contro gli affitti brevi per le vacanze, che hanno un effetto sui prezzi delle case e colpiscono i quartieri. La manifestazione, dallo slogan “Málaga per vivere, non per sopravvivere”, ha visto, secondo i dimostranti, circa 25.000 adesioni, mentre le forze dell’ordine spagnole hanno stimato circa 5.000 partecipanti. Corteo Il corteo arriva dopo tre mesi di incontri e processi di organizzazione, che hanno visto protagonisti cittadini, attivisti, e sindacati come il I manifestanti sono partiti da Plaza de la Merced e hanno simbolicamente girato attorno al centro storico “dal quale siamo stati espulsi” per poi entrarvici a fine manifestazione, in modo da sottolineare che Málaga “non è un parco tematico di attrazione” per turisti e speculazione.  A Cadice la manifestazione è stata meno numerosa, ma gli slogan si sono ripetuti, con la richiesta di una moratoria sulle licenze per gli alloggi ad uso turistico, che impediscono ai residenti di accedere agli alloggi. [post_title] => Malaga e Cadice si ribellano al turismo di massa e agli affitti brevi [post_date] => 2024-07-03T11:31:02+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1720006262000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 470701 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Ryanair festeggia i primi 10 anni di attività e 20 milioni di passeggeri all'aeroporto di Milano Malpensa, dove quest'estate opera oltre 560 voli a settimana verso 36 destinazioni, incluse 5 nuove rotte verso Atene, Budapest, Parigi Beauvais, Marrakech e Tallinn. Questa crescita è evidenziata anche a livello di network, dove il traffico di Ryanair di giugno ha raggiunto 19,3 milioni di passeggeri - una crescita dell'11% rispetto a giugno 2023 - segnando il primo mese in assoluto a superare 19 milioni di ospiti.   «In qualità di compagnia aerea numero 1 in Italia, Ryanair è entusiasta di celebrare 10 anni di attività a Milano dove è cresciuta fino a trasportare 20 milioni di passeggeri da/per Malpensa - ha dichiarato country manager di Ryanair per l'Italia e il Mediterraneo orientale, Mauro Bolla -. Il nostro operativo per la summer 2024 include 5 nuove rotte verso Atene, Budapest, Parigi, Marrakesh e Tallinn, offrendo ai clienti/visitatori di Milano una scelta ancora più ampia per le loro vacanze estive. Per festeggiare abbiamo lanciato una promozione a partire da 21,99 euro a tratta da prenotare entro mercoledì 10 luglio, per viaggiare fino a ottobre 2024». «Ryanair ha contribuito all’espansione del network di destinazioni offerte da Malpensa e ha consentito, grazie al suo modello di business, di soddisfare le esigenze di nuovi segmenti di domanda in costante crescita - ha sottolineato Andrea Tucci, vice president aviation business development di Sea Aeroporti -. Il progressivo consolidamento dell’attività di Ryanair a Malpensa conferma altresì le grandi potenzialità della catchment area di Milano, capace di generare un continuo incremento di traffico sia incoming che outgoing. Il portafoglio dei servizi aerei di Malpensa serve 182 destinazioni in 78 paesi».   [post_title] => Ryanair celebra i suoi primi 10 anni a Milano Malpensa con un network di 36 destinazioni [post_date] => 2024-07-03T11:02:51+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1720004571000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 470646 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Turkish Airlines rinsalda una volta di più il suo legame con Bologna attraverso la sponsorizzazione dell"Emilia-Romagna Festival", un'iniziativa dedicata alla promozione della musica, della cultura e delle eccellenze della regione. Il tema 'classico è contemporaneo' sarà il fil rouge della 24ª edizione dell’Emilia-Romagna Festival - Erf. L'ampio itinerario musicale prende il via oggi, 3 luglio, e si concluderà l'11 settembre, con 55 eventi che si svolgeranno nei luoghi più suggestivi della regione, tra cui castelli, antiche pievi, teatri e piazze. «Siamo molto lieti di sostenere anche quest’anno un’iniziativa tanto importante e di indiscutibile pregio culturale nella regione da cui operiamo - ha dichiarato Salih Topal, direttore marketing di Turkish Airlines Bologna -. Da sempre infatti crediamo che la musica, il teatro, la letteratura e l’arte in generale siano valori che contribuiscano a creare un mondo sempre più connesso. Esattamente come facciamo noi, su un fronte più ‘letterale’, con il nostro impegno quotidiano per connettere le culture, le tradizioni e le meraviglie di 129 Paesi in tutto il mondo». Il festival toccherà 20 comuni nelle province di Bologna, Ravenna, Forlì-Cesena e Ferrara, utilizzando 37 location che accoglieranno più di 600 artisti provenienti da tutto il mondo. Dalla musica classica al jazz, dal pop alla musica etnica, dal teatro musicale alla world music, il festival offre un programma che mira a ridefinire il concetto di “classico”. Superando i confini temporali e abbracciando la multidisciplinarietà, l'evento si propone di esplorare connessioni inaspettate e di portare la musica classica a un pubblico sempre più vasto e diversificato. Attualmente la compagnia aerea turca opera con 21 voli settimanali che collegano Bologna a oltre 340 destinazioni in tutto il mondo. [post_title] => Turkish Airlines a Bologna sponsorizza l'Emilia-Romagna Festival [post_date] => 2024-07-03T09:25:20+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1719998720000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 470568 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Connettere la comunità locale e internazionale, tenere traccia, tramite una lettura artistica, dei volti e delle storie di chi quotidianamente vive Pordenone e l’hotel. È l’obiettivo di Guest, progetto nato dall'iniziativa del Best Western Plus Park Hotel Pordenone e di Valentina Iaccarino, che ora diventa installazione fotografica permanente. “Siamo emozionati e orgogliosi di questa iniziativa artistica. Ancora grazie a ospiti, clienti e collaboratori per essersi prestati a posare e a chi ha cooperato per realizzarla - dichiara Francesco de Felice, proprietario dell’hotel –. Da sempre cerchiamo di rendere unica e memorabile la permanenza nel nostro albergo e poterlo fare attraverso l’arte è fantastico”. Guest mette in particolare in luce una selezione di ritratti fotografici che ritraggono diversi ospiti dell'hotel, immortalati tra il 2016 e il 2019. Insieme a nomi illustri della politica e del giornalismo italiano, davanti all’obiettivo si sono alternati creativi, registi, fotografi, scrittori, poeti da ogni parte del mondo, ma anche manager, professionisti e collaboratori. I ritratti fotografici realizzati rappresentano così una nuova modalità di raccontare la diversità di situazioni, stili di vita, storie e personalità che si trovano a condividere un comune luogo di incontro. L’installazione è costituita da stampe fotografiche di vari formati e da diciotto fogli di provini a contatto, che raccontano, oltre alle persone ritratte, anche le storie degli scatti stessi. L’installazione fotografica permanente rimarrà aperta al pubblico tutti i giorni dalle 18 alle 22. È comunque consigliato contattare in via preliminare la struttura per verificare la disponibilità delle visite. [post_title] => Gli ospiti protagonisti della mostra fotografica Guest del Best Western Plus Park di Pordenone [post_date] => 2024-07-02T09:41:56+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1719913316000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 470235 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_470238" align="alignright" width="300"] Da sinistra, Junko Sakihara, vp vicario - esperienza del cliente di Japan Airlines, e Ben Latty, chief commercial officer del Liverpool FC[/caption] Japan Airlines è la nuova compagnia aerea ufficiale del Liverpool Football Club: le due società hanno infatti siglato una partnership globale pluriennale che include sia la squadra maschile che quella femminile. L'accordo «allinea le ambizioni globali di due marchi di livello mondiale, combinando la passione e l'eredità di uno dei club calcistici più rinomati al mondo con il servizio eccezionale e la portata della principale compagnia aerea giapponese» si legge in una nota di Jal. Le due organizzazioni lavoreranno insieme per sostenere e integrare i loro ambiziosi piani di crescita globale, sfruttando i rispettivi punti di forza per aumentare la loro presenza a livello mondiale. «Questa partnership è importante per noi perché ci permetterà di approfondire i legami con i nostri clienti e di sviluppare nuove relazioni con i tifosi del Liverpool FC in tutto il mondo» ha dichiarato Junko Sakihara, vicepresidente senior - Customer Experience di Japan Airlines. La prima iniziativa congiunta decollerà a luglio, quando la compagnia aerea sosterrà uno stage di calcio giovanile in concomitanza con la partita internazionale pre-stagionale del Liverpool FC a Philadelphia. [post_title] => Japan Airlines è la compagnia aerea ufficiale del Liverpool Football Club [post_date] => 2024-06-26T11:33:21+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1719401601000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "garavaglia partita lettera loutgoing" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":29,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":552,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"471825","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Sandrine Buffenoir è la nuova direttrice di Atout France Italia. La manager raccoglie il testimone da Frédéric Meyer che, dopo nove anni nel nostro Paese, passa ad occuparsi del mercato tedesco nella sede di Francoforte. \r\n\r\nUfficialmente in carica dallo scorso giugno, Sandrine Buffenoir ha maturato oltre 25 anni di esperienza e una grande competenza nel settore digitale e del marketing turistico.\r\n\r\nDal 2011 è stata in forze ad Atout France Paesi Bassi, da ottobre 2022 con il ruolo di vicedirettrice e responsabile marketing e ricerca , dopo aver lavorato nelle sedi Atout France di Vienna, dal 2009 al 2011, e di Londra, dal 1999 al 2009. Ha coordinato campagne di promozione e di comunicazione, ed è co-responsabile del progetto della campagna di Explore France.\r\n\r\nAppassionata di sport, in particolare rugby e football, pratica il cicloturismo, ama i viaggi, la lettura, si interessa particolarmente di storia e politica internazionale e di  matematica e scienze.\r\n\r\nParla fluentemente l’inglese, oltre tedesco, olandese, e comprende l’ italiano, che naturalmente si accinge a perfezionare anche nella lingua parlata e scritta.\r\n\r\n“Sono molto felice –ha dichiarato – di essere in Italia, di lavorare con Alexandre Bezardin, vicedirettore e con tutta l’equipe di Atout France Italia , è un paese che amo e frequento, e sono convinta che il mio lavoro nella campagna di promozione di Explore France potrà essere importante per una visione a 360° del turismo nell’ottica delle nuove direttive di un turismo slow e attento all’ambiente. La Francia e l’Italia hanno in questo senso una visione comune, e sarà il mio impegno promuovere la Francia turistica di domani, legata al territorio e alla cultura e insieme innovativa e proiettata nel futuro”.","post_title":"Atout France: Sandrine Buffenoir è la nuova direttrice della sede italiana","post_date":"2024-07-19T10:33:18+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":["nofascione"],"post_tag_name":["nofascione"]},"sort":[1721385198000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"471689","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Ha raggiunto quota 111 milioni di euro il fatturato del primo semestre di a&o Hostels, per una crescita del 10% rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso, toccando in questo modo un livello mai raggiunto prima dal gruppo di ostelli 2.0 tedeschi. Il risultato è frutto di una crescita del 5% dei pernottamenti, per un totale di 2,98 milioni di presenze e un'occupazione media delle camere del 75%. La compagnia, che attualmente gestisce 38 strutture in 25 città situate in nove paesi europei, continua intanto nel suo percorso di crescita: anche se con qualche ritardo, l'a&o Firenze Campo di Marte aprirà infatti alla fine dell’anno, mentre un ulteriore indirizzo britannico si aggiungerà quest’estate.\r\n\r\nA contribuire al raggiungimento di tali risultati sono stati anche i mega eventi. Che si trattasse di calcio o concerti, le strutture di a&o hanno raggiunto i massimi riempimenti con tassi di occupazione del 100% nei giorni delle partite e di circa il 90% per tutto il corso degli Europei. Anche le esibizioni di Taylor Swift e Coldplay hanno lasciato pochissimi letti liberi. “Il numero di viaggiatori per eventi è in costante aumento - conferma il ceo, Oliver Winter -: indipendentemente dal giorno della settimana, concerti ed eventi sportivi sono attrazioni per il pubblico e per questa tipologia di appuntamenti le prenotazioni avvengono con largo anticipo”.","post_title":"Primo semestre da record per a&o Hostels. I mega-eventi eventi spingono le performance","post_date":"2024-07-18T10:10:25+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1721297425000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"471395","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Le recensioni e le valutazioni degli ospiti sono il secondo fattore più importante nel processo decisionale di prenotazione, subito dopo le camere e i servizi. Questi superano criteri come le proposte di ristorazione, la connessione wifi/Internet e gli standard sanitari e igienici. E' quanto emerge da un recente report condotto da OnePoll su commissione di Accor. La ricerca, realizzata tra l'8 e il 19 dicembre 2023 su 5 mila viaggiatori di cinque Paesi europei che hanno soggiornato in un hotel o resort negli ultimi 12 mesi (ma non c'è l'Italia, ndr), rivela che quasi quattro ospiti su dieci (38%) leggono sempre le recensioni prima di prenotare, mentre un altro 38% lo fa quasi sempre.\r\n\r\nIn media, gli ospiti leggono nove recensioni (8,63) per ogni hotel o resort in cui desiderano soggiornare. Tale pratica è più importante per le coppie e le famiglie rispetto a chi viaggia da solo. Tra coloro che leggono le valutazioni online, poi, l'85% di chi intende prenotare un viaggio in coppia ritiene che le recensioni dei clienti siano cruciali. Quasi la stessa percentuale (82%) afferma che sono fondamentali quando si prenota una vacanza in famiglia. Anche per i viaggiatori solitari, il 66% considera comunque la lettura delle valutazioni una parte essenziale del processo decisionale, e il 55% dei viaggiatori d'affari è d'accordo.\r\n\r\nIl 71% degli intervistati apprezza inoltre quando gli hotel rispondono alle recensioni, ritenendo che ciò dimostri una reale considerazione del riscontro dei clienti. Tuttavia un percentuale bassa ma non irrilevante degli intervistati, il 12%, non vede di buon occhio le risposte degli hotel, temendo che possano essere poco sincere o rappresentare solo una mossa commerciale. \"Le recensioni influenzano le decisioni di acquisto e la percezione di hotel, resort e marchi - sottolinea il senior vice president sponsoring, marketing, loyalty & guest experience Europa e Nord Africa, Antoine Dubois -. I nostri ospiti prestano molta attenzione l'uno all'altro e gli albergatori devono integrare questa dinamica nelle loro strategie di marketing.\"","post_title":"Ricerca Accor: le recensioni online sempre più importanti nella scelta di un hotel","post_date":"2024-07-15T09:43:39+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1721036619000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"470996","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Un ventaglio di possibilità elevato, con un potenziale di investimento che va dai 100 milioni di euro sino anche al miliardo, a seconda di circostanze e opportunità. E' il \"cannone\" che King Street Capital è pronto a puntare sull'ospitalità italiana.  Lo ha rivelato il managing director, European capital markets, Giovanni Luna, in occasione  dell’Hospitality Forum organizzato a Milano da Scenari Immobiliari in collaborazione con Castello sgr: \"Il nostro obiettivo è trovare situazioni magari complesse, in grado per ciò stesso di garantirci i rendimenti elevati di cui siamo alla ricerca, senza tuttavia mai scendere a compromessi su location e qualità dell’asset\".\r\n\r\nTanto potenziale, le sfide di sempre\r\n\r\nPer Victoria – Oaktree il potenziale sarebbe invece da 300 milioni all’anno, \"ma non è sempre possibile impiegarlo completamente\", ha ammesso Fulvio Orlando, managing director, head of acquisitions di Victoria Asset Management, che supporta Oaktree nei suoi investimenti commercial real estate. La motivazione di tali difficoltà risiede senz'altro nelle dimensioni relativamente ridotte del mercato, ma non solo: c’è anche la questione delle tempistiche. Altre situazioni critiche riguardano il pacchetto di garanzie, il livello di due diligence richiesto dai fondi, persino le conformità edilizie e catastali: \"Su questi temi ci si perde troppo spesso in discussioni infinite. La volontà di fare, in altre parole, ci sarebbe; le competenze pure. Ma le controparti devono essere più trasparenti e dirette\". E non manca neppure la sfida burocrazia, soprattutto quando occorre fare dei lavori: \"Servono certezze su regole e tempi\", ha rincarato infatti Luna.\r\n\r\nForte la presenza di capitali value add – opportunistici\r\n\r\nNonostante le criticità, tanto interesse sul real estate alberghiero italiano non è affatto un caso: il mercato tricolore dell'ospitalità è ormai da parecchio tempo caratterizzato da una forte presenza di capitali dall’approccio value add – opportunistico. E anche l’anno scorso non è stato da meno sebbene, come sottolineano gli ultimi dati Cbre e Scenari Immobiliari, il 2023 abbia registrato il ritorno prepotente di investitori-operatori spesso di matrice domestica. \"L’Italia è da sempre una delle destinazioni più popolari al mondo, ma con un patrimonio ricettivo da rinnovare e fino a periodi molto recenti caratterizzato da una scarsa presenza di capitali istituzionali – ha spiegato Luna -. Per noi si tratta quindi di un contesto dalle grandi opportunità. Tanto più che proprio tali criticità possono garantire a capitali opportunistici come il nostro quel premio sul rendimento di cui siamo costantemente alla ricerca\".\r\n\r\nNon molto differenti sono le motivazioni che hanno spinto Oaktree a entrare nel mercato alberghiero italiano già nel 2018: \"Abbiamo cercato di fornire un approccio istituzionale all’offerta di ospitalità tricolore, per aiutarla a portarsi in linea con le aspettative della clientela internazionale – ha confermato Orlando -. Al picco siamo arrivati ad avere in piattaforma una ventina di hotel per circa 2 mila camere. Il nostro sviluppo si è poi un po’ fermato, perché la dimensione media per transazione del mercato italiano è spesso piccola, non adeguata alle nostre esigenze di investimento\".\r\n\r\nAnima Alternative sgr: focus sulle pmi\r\n\r\nUn approccio leggermente differente, anche se pur sempre dai tratti opportunistici, ha invece Anima Alternative sgr, la cui holding omonima a febbraio 2023 ha acquisito Castello sgr: \"A oggi abbiamo all’attivo due fondi riservati chiusi dedicati alle pmi (non solo dell’hospitality, ndr), ossia ad aziende con margini operativi lordi compresi tra i 2,5 e i 25 milioni di euro  – ha raccontato il deputy chief investment officer, Andrea Cappuccio -. Le supportiamo coprendo tutta la struttura di capitale, tranne l’equity di maggioranza. Parliamo quindi di debito senior o subordinato, ma anche di equity di minoranza. L’ospitalità ci interessa però sostanzialmente per ragioni non tanto diverse dagli altri: il settore è resiliente e in crescita ma continua a essere sostanzialmente frammentato, necessita di investimenti e ha una questione aperta in tema di ricambio generazionale\".\r\n\r\nIl fondo di capitale ibrido di Anima è peraltro già quasi completo: dopo una raccolta di circa 160 milioni di euro c’è spazio ancora per una ventina di milioni. \"Ma abbiamo un nuovo round in cantiere – ha assicurato Cappuccio -. Il fondo senior è invece partito l’anno scorso ma ha già raccolto 180 milioni. L’obiettivo è quello di investire tutta la dotazione in circa tre anni e, a oggi, dopo 18 mesi dal lancio, stiamo rispettando la tabella di marcia\".\r\n\r\nTarget: la dimensione conta\r\n\r\nA livello di target, King Street Capital guarda soprattutto alle grandi città o alle mete secondarie ma dalla grande vocazione turistica. \"Anche per noi la dimensione rimane un aspetto importante – ha ripreso Luna -. Indipendentemente dalla natura dell’investimento partiamo da un impegno di almeno 50 milioni di euro di nostro capitale. Il che si traduce in operazioni di valore significativamente più alto\".\r\n\r\nPunta naturalmente su investimenti di entità più ridotte Anima, per cui si parla di impegni che vanno dai 5 ai 15 milioni di euro a operazione. \"Ma siamo disposti, quando è possibile, a garantire capitali a una holding, piuttosto che a una società operativa, in modo da lasciare quest’ultima libera di crescere senza eccessive pressioni finanziarie – ha sottolineato Cappuccio -. Strutturiamo insomma il nostro intervento in maniera piuttosto flessibile\". Per Victoria – Oaktree il segmento di riferimento è invece quello dei 5 stelle, con vocazione lusso o lifestyle a seconda delle circostanze e dei momenti. \"Oggi non escludiamo però neppure di investire in segmenti più accessibili, come per esempio il glamping\", ha rivelato Orlando.\r\n\r\nMeno equity, più azioni privilegiati o debito mezzanino\r\n\r\nLa situazione attuale di un mercato caratterizzato da elevati tassi di interesse sta peraltro spingendo i fondi a esplorare strumenti diversi dall’equity puro. \"Bene o male i ritorni che dobbiamo garantire ai nostri stakeholder rimangono gli stessi di sempre, con un irr che va dal 15%-20% in su – è stato il ragionamento di Luna -. Prima per poter raggiungere tali percentuali era necessario garantire equity, oggi possiamo anche ricorrere a strumenti meno rischiosi come le azioni privilegiate o il debito mezzanino a seconda dei contesti. Il nostro capitale è chiaramente costoso ma flessibile\".\r\n\r\n ","post_title":"Fondi e hotel italiani, attrazione fatale: pronto un \"cannone\" da 1 mld","post_date":"2024-07-08T12:06:48+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1720440408000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"470710","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Grandi proteste a Malaga e a Cadice questo fine settimana contro il turismo di massa, soprattutto per le sue conseguenze sui prezzi delle case.\r\n\r\nA Malaga i manifestanti hanno chiesto che la città fosse nuovamente abitabile, facendo riferimento ai prezzi degli affitti. La protesta era stata indetta dall'Unione Inquilini con il sostegno di altre organizzazioni. La protesta più comune è stata contro gli affitti brevi per le vacanze, che hanno un effetto sui prezzi delle case e colpiscono i quartieri.\r\n\r\nLa manifestazione, dallo slogan “Málaga per vivere, non per sopravvivere”, ha visto, secondo i dimostranti, circa 25.000 adesioni, mentre le forze dell’ordine spagnole hanno stimato circa 5.000 partecipanti.\r\nCorteo\r\nIl corteo arriva dopo tre mesi di incontri e processi di organizzazione, che hanno visto protagonisti cittadini, attivisti, e sindacati come il I manifestanti sono partiti da Plaza de la Merced e hanno simbolicamente girato attorno al centro storico “dal quale siamo stati espulsi” per poi entrarvici a fine manifestazione, in modo da sottolineare che Málaga “non è un parco tematico di attrazione” per turisti e speculazione. \r\n\r\nA Cadice la manifestazione è stata meno numerosa, ma gli slogan si sono ripetuti, con la richiesta di una moratoria sulle licenze per gli alloggi ad uso turistico, che impediscono ai residenti di accedere agli alloggi.","post_title":"Malaga e Cadice si ribellano al turismo di massa e agli affitti brevi","post_date":"2024-07-03T11:31:02+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1720006262000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"470701","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Ryanair festeggia i primi 10 anni di attività e 20 milioni di passeggeri all'aeroporto di Milano Malpensa, dove quest'estate opera oltre 560 voli a settimana verso 36 destinazioni, incluse 5 nuove rotte verso Atene, Budapest, Parigi Beauvais, Marrakech e Tallinn.\r\nQuesta crescita è evidenziata anche a livello di network, dove il traffico di Ryanair di giugno ha raggiunto 19,3 milioni di passeggeri - una crescita dell'11% rispetto a giugno 2023 - segnando il primo mese in assoluto a superare 19 milioni di ospiti.\r\n \r\n«In qualità di compagnia aerea numero 1 in Italia, Ryanair è entusiasta di celebrare 10 anni di attività a Milano dove è cresciuta fino a trasportare 20 milioni di passeggeri da/per Malpensa - ha dichiarato country manager di Ryanair per l'Italia e il Mediterraneo orientale, Mauro Bolla -. Il nostro operativo per la summer 2024 include 5 nuove rotte verso Atene, Budapest, Parigi, Marrakesh e Tallinn, offrendo ai clienti/visitatori di Milano una scelta ancora più ampia per le loro vacanze estive. Per festeggiare abbiamo lanciato una promozione a partire da 21,99 euro a tratta da prenotare entro mercoledì 10 luglio, per viaggiare fino a ottobre 2024».\r\n«Ryanair ha contribuito all’espansione del network di destinazioni offerte da Malpensa e ha consentito, grazie al suo modello di business, di soddisfare le esigenze di nuovi segmenti di domanda in costante crescita - ha sottolineato Andrea Tucci, vice president aviation business development di Sea Aeroporti -. Il progressivo consolidamento dell’attività di Ryanair a Malpensa conferma altresì le grandi potenzialità della catchment area di Milano, capace di generare un continuo incremento di traffico sia incoming che outgoing. Il portafoglio dei servizi aerei di Malpensa serve 182 destinazioni in 78 paesi».\r\n ","post_title":"Ryanair celebra i suoi primi 10 anni a Milano Malpensa con un network di 36 destinazioni","post_date":"2024-07-03T11:02:51+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1720004571000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"470646","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Turkish Airlines rinsalda una volta di più il suo legame con Bologna attraverso la sponsorizzazione dell\"Emilia-Romagna Festival\", un'iniziativa dedicata alla promozione della musica, della cultura e delle eccellenze della regione.\r\n\r\nIl tema 'classico è contemporaneo' sarà il fil rouge della 24ª edizione dell’Emilia-Romagna Festival - Erf. L'ampio itinerario musicale prende il via oggi, 3 luglio, e si concluderà l'11 settembre, con 55 eventi che si svolgeranno nei luoghi più suggestivi della regione, tra cui castelli, antiche pievi, teatri e piazze.\r\n\r\n«Siamo molto lieti di sostenere anche quest’anno un’iniziativa tanto importante e di indiscutibile pregio culturale nella regione da cui operiamo - ha dichiarato Salih Topal, direttore marketing di Turkish Airlines Bologna -. Da sempre infatti crediamo che la musica, il teatro, la letteratura e l’arte in generale siano valori che contribuiscano a creare un mondo sempre più connesso. Esattamente come facciamo noi, su un fronte più ‘letterale’, con il nostro impegno quotidiano per connettere le culture, le tradizioni e le meraviglie di 129 Paesi in tutto il mondo».\r\n\r\nIl festival toccherà 20 comuni nelle province di Bologna, Ravenna, Forlì-Cesena e Ferrara, utilizzando 37 location che accoglieranno più di 600 artisti provenienti da tutto il mondo. Dalla musica classica al jazz, dal pop alla musica etnica, dal teatro musicale alla world music, il festival offre un programma che mira a ridefinire il concetto di “classico”. Superando i confini temporali e abbracciando la multidisciplinarietà, l'evento si propone di esplorare connessioni inaspettate e di portare la musica classica a un pubblico sempre più vasto e diversificato.\r\n\r\nAttualmente la compagnia aerea turca opera con 21 voli settimanali che collegano Bologna a oltre 340 destinazioni in tutto il mondo.","post_title":"Turkish Airlines a Bologna sponsorizza l'Emilia-Romagna Festival","post_date":"2024-07-03T09:25:20+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1719998720000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"470568","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Connettere la comunità locale e internazionale, tenere traccia, tramite una lettura artistica, dei volti e delle storie di chi quotidianamente vive Pordenone e l’hotel. È l’obiettivo di Guest, progetto nato dall'iniziativa del Best Western Plus Park Hotel Pordenone e di Valentina Iaccarino, che ora diventa installazione fotografica permanente.\r\n\r\n“Siamo emozionati e orgogliosi di questa iniziativa artistica. Ancora grazie a ospiti, clienti e collaboratori per essersi prestati a posare e a chi ha cooperato per realizzarla - dichiara Francesco de Felice, proprietario dell’hotel –. Da sempre cerchiamo di rendere unica e memorabile la permanenza nel nostro albergo e poterlo fare attraverso l’arte è fantastico”.\r\n\r\nGuest mette in particolare in luce una selezione di ritratti fotografici che ritraggono diversi ospiti dell'hotel, immortalati tra il 2016 e il 2019. Insieme a nomi illustri della politica e del giornalismo italiano, davanti all’obiettivo si sono alternati creativi, registi, fotografi, scrittori, poeti da ogni parte del mondo, ma anche manager, professionisti e collaboratori. I ritratti fotografici realizzati rappresentano così una nuova modalità di raccontare la diversità di situazioni, stili di vita, storie e personalità che si trovano a condividere un comune luogo di incontro. L’installazione è costituita da stampe fotografiche di vari formati e da diciotto fogli di provini a contatto, che raccontano, oltre alle persone ritratte, anche le storie degli scatti stessi. L’installazione fotografica permanente rimarrà aperta al pubblico tutti i giorni dalle 18 alle 22. È comunque consigliato contattare in via preliminare la struttura per verificare la disponibilità delle visite.","post_title":"Gli ospiti protagonisti della mostra fotografica Guest del Best Western Plus Park di Pordenone","post_date":"2024-07-02T09:41:56+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1719913316000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"470235","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_470238\" align=\"alignright\" width=\"300\"] Da sinistra, Junko Sakihara, vp vicario - esperienza del cliente di Japan Airlines, e Ben Latty, chief commercial officer del Liverpool FC[/caption]\r\n\r\nJapan Airlines è la nuova compagnia aerea ufficiale del Liverpool Football Club: le due società hanno infatti siglato una partnership globale pluriennale che include sia la squadra maschile che quella femminile.\r\n\r\nL'accordo «allinea le ambizioni globali di due marchi di livello mondiale, combinando la passione e l'eredità di uno dei club calcistici più rinomati al mondo con il servizio eccezionale e la portata della principale compagnia aerea giapponese» si legge in una nota di Jal. Le due organizzazioni lavoreranno insieme per sostenere e integrare i loro ambiziosi piani di crescita globale, sfruttando i rispettivi punti di forza per aumentare la loro presenza a livello mondiale.\r\n\r\n«Questa partnership è importante per noi perché ci permetterà di approfondire i legami con i nostri clienti e di sviluppare nuove relazioni con i tifosi del Liverpool FC in tutto il mondo» ha dichiarato Junko Sakihara, vicepresidente senior - Customer Experience di Japan Airlines.\r\n\r\nLa prima iniziativa congiunta decollerà a luglio, quando la compagnia aerea sosterrà uno stage di calcio giovanile in concomitanza con la partita internazionale pre-stagionale del Liverpool FC a Philadelphia.","post_title":"Japan Airlines è la compagnia aerea ufficiale del Liverpool Football Club","post_date":"2024-06-26T11:33:21+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1719401601000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti