12 June 2021

Garavaglia (Bit): «Lavorare per un hub digitale del turismo»

[ 0 ]

Dal convegno inaugurale di Bit digital edition è emerso che nonostante la grande fiducia e gli sforzi di Europa, stati membri, operatori, studiosi di macro e micro economia, il vero superamento della crisi si verificherà fra almeno 5 anni. Quindi da oggi fino al 2025 non faremo altro che risalire la china. Che è sempre meglio che sprofondare. Su questo sono d’accordo. A mettere le cose in chiaro è stata Caroline Bremner, responsabile ricerche sui viaggi di Euromonitor International. A dire la verità mi è sembrata la cosa più sensata della presentazione alla quale ha partecipato anche il ministro del turismo Massimo Garavaglia che ha cercato di chiarire non solo lo stato di fatto, ma di spingersi anche un po’ in là, proiettando la forma di una nuova organizzazione di turismo.

«I punti fondamentali – ha detto Garavaglia – sono: mobilità sicura, gestione di crisi eventuali, rafforzamento del settore, inclusività e sostenibilità. Bisogna insomma – ha continuato – trasformare il turismo, spostarlo dai modelli tradizionali, ma è fondamentale anche iniziare la transizione digitale, e devo dire – ha chiosato Garavaglia – che in questo settore siamo molto indietro, per cui non possiamo fare altro che crescere. E’ ora che si costituisca un hub digitale con l’apporto del pubblico e del privato».

Inoltre Garavaglia ha fatto il punto sulla situazione attuale. «Abbiamo lottato per dare date certe, per avere protocolli chiari, e siamo riusciti ad anticipare il lasciapassare, che in Europa ci sarà verso metà giugno, e da noi in Italia scatterà il 15 maggio. Infine è fondamentale chiarire le direttive per rafforzare il settore: promuovere meglio l’Italia, attrarre flussi maggiori e diversi, far nascere nuove offerte.

 

Giuseppe Aloe




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( )

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti