6 October 2022

DestiMED apre nuove prospettive per l’ecoturismo nel Mediterraneo

[ 0 ]

Accrescere il valore commerciale dell’ecoturismo riducendo al minimo gli effetti negativi che questo produce sulla biodiversità dei parchi del Mediterraneo. È questa la sfida su cui si è concentrato DestiMED, il progetto finanziato dal programma di cooperazione transnazionale europea INTERREG-MED con l’obiettivo di favorire uno sviluppo sostenibile e arginare gli impatti devastanti del turismo di massa nel bacino del Mediterraneo.

Prendendo le mosse dall’esperienza del precedente progetto MEET – Mediterranean Experience of Ecotourism, DestiMED ha coinvolto 13 Aree protette del Mediterraneo. A queste il progetto ha fornito gli strumenti e le competenze necessarie per sviluppare, gestire e promuovere, insieme ai tour operator e ai servizi ricettivi locali, pacchetti turistici di alta qualità. Una delle innovazioni più interessanti del progetto è certamente rappresentata dalla messa a punto di una metodologia standardizzata e condivisa per la misurazione e il monitoraggio dei parametri di sostenibilità dei prodotti turistici.

A tal fine è stato elaborato uno strumento concreto – l’Ecotourism Footprint Calculator – basato sullo studio dell’impronta ecologica e utilizzato per misurare la sostenibilità dei pacchetti elaborati dalle aree pilota di DestiMED. «Il calcolatore ha permesso ai parchi che hanno preso parte al progetto di comprendere e ridurre l’impatto ambientale dei propri pacchetti – evidenzia Alessandro Galli, Direttore del Programma Mediterraneo del Global Footprint Network -. Con DestiMED portiamo sul mercato un’offerta ecoturistica consapevole che diminuisce realmente l’impronta ecologica giornaliera dei turisti. Basta citare un dato: i turisti nordamericani che visitano queste aree protette hanno un’impronta ecologica inferiore di circa il 26% rispetto a quella che quotidianamente hanno a casa loro. Mi pare evidente che i risultati conseguiti nel settore turistico avranno delle ricadute postitive anche in termini di sostenibilità globale».

Accomunate dalla convinzione che l’ecoturismo rappresenti una reale alternativa di sviluppo per il Mediterraneo, i 13 parchi pilota di DestiMED sono in fase di adesione al MEET Network, una rete costituita nel 2018 con l’obiettivo di promuovere l’ecoturismo nell’area di Bacino e che, anche grazie al progetto DestiMED, ha coinvolto finora più di 40 aree protette. «Con il supporto del MEET Network –  spiega Carla Danelutti, coordinatrice del progetto per conto di IUCN – i parchi naturali hanno la possibilità di confrontarsi e lavorare insieme per risolvere problematiche comuni e, attraverso un brand condiviso, promuovere sul mercato un nuovo modello di turismo che valorizzi il Mediterraneo come destinazione ecoturistica d’eccellenza».

La Regione Lazio, capofila del progetto, ha selezionato due aree protette del suo territorio per partecipare a DestiMED: il Parco Nazionale del Circeo e l’Ente Parco Regionale Riviera di Ulisse. Insieme a queste ha progettato un’offerta turistica innovativa in grado di preservare concretamente l’ambiente e di offrire benefici reali alle comunità locali, valorizzandone le tradizioni e la cultura.

DestiMED ha dimostrato che l’ecoturismo può rappresentare una valida alternativa di crescita sostenibile per il Mediterraneo, per l’Italia e per la nostra regione – osserva Enrica Onorati, Assessore all’Agricoltura, Promozione della Filiera e della Cultura del Cibo, Ambiente e Risorse Naturali della Regione Lazio – di conseguenza intendiamo sviluppare e diffondere ulteriormente i risultati di DestiMED nei nostri territori affinché le aree protette possano diventare un motore per lo sviluppo locale e un modello di sostenibilità».
I partner di DestiMED hanno illustrato i risultati di tre anni di attivitàa Roma, presso Villa Celimontana in un confronto sul futuro e le potenzialità di sviluppo dell’ecoturismo nel Mediterraneo. Tre i temi portanti del dibattito: la governance del turismo, la messa a punto di un’offerta sostenibile di qualità e la misurazione dell’impatto ambientale.

 

 




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431803 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => VisitFlanders è partner della mostra “Rubens a Genova”, che proprio oggi apre al pubblico nelle sale di Palazzo Ducale. La grande esposizione (a cura di Nils Büttner e Anna Orlando), che sarà visitabile fino al 23 gennaio 2023, è un'occasione per riscoprire lo stretto legame tra il Maestro Fiammingo e la città di Genova, nonché tra questa e Anversa, luogo natale dell’artista dove si stabilì al termine del suo viaggio in Italia nel 1608, quando la città vive il suo massimo splendore. Tra il Cinquecento e il primo Seicento Anversa è forse il centro più ricco e il vero polo culturale a nord dell’Italia. Oggi, l’opera di Rubens è il filo conduttore di una visita culturale di Anversa, meta imprescindibile per chi vuole dare libero sfogo alla propria passione per l’arte e per chi cerca autenticità e bellezza: camminando per le strette vie del centro storico, dai nomi che rimandano a un passato di scambi con l’Italia, si toccano luoghi storici che ci raccontano di un artista poliedrico che ha profondamente contribuito a disegnare la principale “città barocca dei Paesi Bassi”. Anversa contemporanea è diventata una capitale mondiale della moda, con il Mode Museum a fare da cuore creativo pulsante, e si è riappropriata delle aree più centrali del porto, riqualificato grazie a un mix di edilizia residenziale, servizi e grandi realizzazioni culturali come il MAS, museo sull’acqua dedicato alla storia e all’identità di Anversa, e al Red Star Line Museum, che racconta la storia delle migrazioni europee verso il Nuovo Mondo.    [post_title] => VisitFlanders partner della mostra "Rubens a Genova", che apre oggi al pubblico [post_date] => 2022-10-06T13:44:35+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1665063875000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431769 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => EasyJet vola alto verso l'estate 2023 mettendo in vendita circa 32.000 voli per viaggiare tra il 9 maggio e il 30 settembre 2023 dall’Italia verso numerose destinazioni del network. Un scelta fra circa 70 destinazioni raggiungibili con i collegamenti diretti di easyJet in 18 diversi Paesi tra Europa, Nord Africa e Medio Oriente. Le tariffe partono da 29,99 euro. Tornano dunque disponibili per le prenotazione le spiagge più belle del Mediterraneo, come quelle delle isole greche, raggiungibili dalle tre basi italiane di easyJet – Milano Malpensa, Napoli e Venezia. Ma anche la costa croata con le città di Dubrovnik e Spalato disponibili da Milano e da Napoli, così come le spiagge italiane della Puglia, della Campania, della Sicilia e della Sardegna. Intanto, in attesa dell'estate, dal prossimo 4 dicembre decollerà da Milano Malpensa il primo volo easyJet verso l'isola di Madeira; in calendario anche i voli per Rovaniemi che saranno disponibili per gli interi mesi di dicembre e gennaio. [post_title] => EasyJet: in vendita i voli per viaggiare dall'Italia nell'estate 2023 [post_date] => 2022-10-06T10:36:19+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1665052579000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431747 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sarà un inverno particolarmente freddo per quasi tutte le compagnie aeree decollate negli ultimi due-tre anni. Flyr, Norse Atlantic e Norwegian affrontano con più di una preoccupazione i prossimi mesi che, già tradizionalmente caratterizzati da minor traffico, devono anche tenere in considerazione le sfide aggiuntive, dagli elevati costi del carburante all'inflazione. La start-up norvegese Flyr - decollata nel giugno 2021 - ha già anticipato che l'operativo invernale sarà drasticamente ridotto: invece di operare con i 12 velivoli previsti, nei cieli ce ne saranno solo cinque o sei e sospenderà i voli verso tutti i mercati chiave, tranne alcuni - tra cui Alicante, Barcellona, Parigi e Roma - delle 27 destinazioni servite a settembre. I tagli mirano a dimezzare le spese e a ridurre al minimo la liquidità. "Ci è voluto più tempo del previsto per fidelizzare i viaggiatori d'affari sulle rotte nazionali in Norvegia, dove i vettori storici mantengono ampie quote di mercato", ha dichiarato il ceo Tonje Wikstrøm Frislid. Norse Atlantic Airways, altro vettore norvegese, sospenderà i collegamenti per Los Angeles da Berlino e Oslo per l'inverno - rotte originariamente pianificate per tutto l'anno - con una riduzione del 28% della capacità pianificata per il periodo novembre-marzo. "La stagione invernale è storicamente più impegnativa per il settore e quest'anno deve affrontare l'onere aggiuntivo dei prezzi elevati del carburante, dell'inflazione crescente nei mercati in cui operiamo e dell'incertezza della domanda complessiva", ha dichiarato un portavoce di Norse.  In controtendenza l'andamento previsto da Play, altra start-up nordica che ha debuttato nel giugno 2021: il ceo, Birgir Jónsson, come riferito da Airline Weekly ha dichiarato che il vettore ha "prospettive positive" per l'inverno, specie sulle rotte transatlantiche verso gli Stati Uniti. La domanda continua a crescere grazie alla "fiducia dei consumatori nei viaggi" e Play prevede un continuo aumento del load factor durante le vacanze invernali e nel 2023.  Norwegian non ha aggiornato le sue previsioni per l'inverno dalla fine di agosto. All'epoca, i dirigenti avevano dichiarato di aver assistito a un "normale" rallentamento delle prenotazioni a partire dall'estate rispetto agli anni precedenti alla pandemia. Norwegian ha pianificato di ridurre stagionalmente la sua capacità invernale di circa il 28%, concentrandosi sulla redditività.   [post_title] => Da Flyr a Norse Atlantic: sarà un inverno lungo e più difficile del previsto per le start-up [post_date] => 2022-10-06T09:30:27+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1665048627000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431739 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Korean Air è tornata a volare nei cieli italiani, con collegamenti diretti su Seul da Milano e Roma,  a frequenza trisettimanale: da Malpensa, mercoledì, venerdì e domenica e da Fiumicino martedì, giovedì e sabato. Con l'entrata in vigore dell’orario invernale, su Malpensa dal 2 novembre sarà operativo il Boeing 787-9 con 24 posti in business e 245 in economica, da gennaio e fino alla fine di marzo è previsto l’utilizzo del B777-200 con 26 posti in business e 225 in economy; da Roma in inverno opererà il B777-300 con 64 posti business e 227 in economy. Al momento i voli non dispongono della first class. “I due collegamenti si distinguono per la tipologia di traffico - sottolinea Mihyang Seo, responsabile ufficio Korean Air Milano - I voli da Milano sono caratterizzati principalmente da una clientela business, che rappresenta la domanda del mercato del Nord Italia, mentre Roma risponde al flusso leisure”. Intanto, la flotta di 155 aeromobili con cui Korean ha trasportato nel 2019 oltre 27 milioni di passeggeri su 120 città in 43 paesi del mondo, sta ritornando alla normalità, dopo il difficile periodo della pandemia. “Non sono state ancora riaperte tutte le destinazioni. Stiamo lavorando per riattivare gradualmente tutto il network. Incrementeremo le frequenze settimanali e l’arrivo di nuovi aeromobili” sottolinea Gianfranco Antonello Pizzolla, ufficio commerciale Korean Air. Prospettive positive anche per l'aeroporto di Seul, che si è riscoperto come hub ideale sull’Asia. “Una novità da cui dobbiamo trarre vantaggio considerando la situazione asiatica, al momento stagnante – conclude Pizzolla -. Korean Air è molto appetibile, sia per la qualità dei servizi, sia per l’ampiezza del network. Abbiamo avuto ottime vendite sui proseguimenti per Bali, Ho Chi Minh, Hanoi, Manila e Sydney”. [post_title] => Korean Air vola di nuovo dall'Italia verso Seul, hub ideale sull'Asia [post_date] => 2022-10-06T09:07:58+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1665047278000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431642 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Con i Gnv Awards 2022 la compagnia Grandi Navi Veloci celebra una stagione di successo: i volumi sono aumentati del 46%, rispetto al 2021 e del 35% rispetto al 2019, che è stato l'anno migliore della storia dell'operatore. Il gruppo ringrazia quindi il settore trade, che ha garantito una crescita delle prenotazioni del 37%. La cerimonia di premiazione delle adv italiane, europee e maghrebine che hanno meglio performato nell’ambito del programma Élite Partner si è svolta a Genova, a bordo della motonave Rhapsody. Il riconoscimento, andato agli agenti di Monte Reit Viaggi e Turismo di Sondrio e Global Voyages di Nizza, è stato l’occasione per riprendere la tradizione degli incontri con la rete distributiva. Matteo Catani, amministratore delegato della compagnia, consapevole che le agenzie sono “un canale di sviluppo e di vendita fondamentale”, ha ricordato che «in questi anni non abbiamo mai smesso di investire. Oggi operiamo con 25 navi e abbiamo in costruzione ulteriori quattro unità che entreranno in servizio a partire dal 2024. È un incremento di capacità importante in un momento difficile, perché appena nel 2019 contavamo su una flotta di 16 navi; possiamo dire che stiamo operando con una capacità del 50% in più rispetto al periodo pre-pandemico, con un rafforzamento dei segmenti business e passeggeri». Note positive sostenute con entusiasmo anche da Matteo Della Valle, passengers sales & marketing staff director del gruppo. Tante le novità all’avvicinarsi di una data importante: nel 2023 ricorreranno infatti i 30 anni di Gnv, i 15 anni del Marocco e i 20 della Tunisia. Ringraziando il trade, «vero protagonista dei Gnv Awards 2022, perché capace di captare la domanda primaria», Della Valle ha presentato la crescita dell'operatore sulle diverse destinazioni del Mediterraneo e le nuove strategie rivolte alle famiglie con bambini: «Abbiamo migliorato l’offerta e inserito proposte ad hoc in ogni punto di ristorazione. Abbiamo accresciuto il numero delle cabine per gli animali domestici in tutta la flotta, introdotto con grande successo il camping on board, che consente ai proprietari dei mezzi di trasporto di non allontanarsi da essi, e apportato diverse migliorie, coinvolgendo anche gli adolescenti, che saranno i viaggiatori di domani. Abbiamo anche creato delle strutture dedicate al trade che saranno il primo punto di riferimento per tutte le domande delle adv. Le Élite, che sono le nostre agenzie di viaggio più performanti, hanno ora un key account manager dedicato, disponibile 24/7, pronto a risolvere qualsiasi problematica. La sfida del 2023 sarà migliorare i numeri di quest’anno! Tra le novità in cantiere, possibili perché abbiamo alle spalle Msc, un'azienda veramente forte che crede in noi, il nuovo reservation system, che verrà rilasciato alla fine del primo semestre del 2023». [post_title] => Gnv celebra un anno di crescita con le adv. In arrivo 4 nuove navi [post_date] => 2022-10-05T10:29:36+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664965776000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431616 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_431617" align="alignleft" width="300"] Elena Muntoni, brand manager di Delphina[/caption] Migliore gruppo alberghiero indipendente green d’ Europa, migliore gruppo alberghiero italiano, migliore green resort d’Europa e d'Italia al Resort Valle dell’Erica, migliore beach resort d'Italia al resort & spa Le Dune di Badesi: Delphina Hotels & Resorts vince cinque riconoscimenti ai World Travel Awards 2022, gli "Oscar del turismo mondiale". L'organizzazione dei World Travel Awards ha premiato Delphina hotels & resorts come il gruppo alberghiero indipendente più green d’Europa e il Resort Valle dell’Erica è stato riconfermato “Europes’s Leading Green Resort” e “ Italy’s Leading Green Resort”, migliore green resort d'Europa e d’Italia nel 2022. Una vittoria che riconferma i successi ottenuti già nel 2021, a partire dal titolo di “Italy's Leading Hotel Group 2022”, migliore gruppo alberghiero italiano, assegnato a Delphina hotels & resorts per il terzo anno consecutivo. Ed il gruppo alberghiero sardo potrebbe rientrare nella rosa dei possibili vincitori a livello mondiale per essere riconfermato come World’s Leading Green Independent Hotel Group, migliore gruppo alberghiero indipendente green al mondo, premio che sarà reso noto a Novembre. «Questi riconoscimenti- dichiara Elena Muntoni, brand manager Delphina- ci riempiono di orgoglio e sono la prova che la strada intrapresa 30 anni fa si è dimostrata visionaria e giusta, continuiamo a seguirla con sempre più importanti azioni volte alla sostenibilità e al rispetto dell’ambiente e della natura che ci accoglie. Ringraziamo i nostri sostenitori che con entusiasmo hanno premiato le nostre azioni e la nostra filosofia green che fin dall'inizio si è basata su sostenibilità, amore per la natura e quel tocco locale e familiare che cerchiamo continuamente di trasmettere».Un progetto che nasce dalla natura e confluisce nella missione aziendale di Delphina: offrire ospitalità mediterranea autentica in luoghi unici con 12 hotel 5 stelle, 4 stelle superior e 4 stelle, residence esclusivi, 6 SPA e prestigiose ville tutte immerse in verdi parchi mediterranei affacciati sul mare tra la Costa Smeralda, l'Arcipelago di La Maddalena e il Golfo dell’Asinara, nelle località di Cannigione, Palau, Santa Teresa Gallura, Isola Rossa e Badesi. La catena alberghiera sarda ha da anni adottato politiche di crescita sostenibile nei confronti dell'ambiente e del territorio ed è in prima linea nel sostegno dell’economia locale. Un percorso iniziato ancor prima della nascita delle strutture e confluito nel marchio “We are green®”, creato e registrato da Delphina per rappresentare il suo amore per la natura. E dal 2018 l'azienda è entrata nella "Lounge" di Intesa San Paolo di Elite, il progetto di Borsa Italiana- Gruppo Euronext per le imprese ad alto potenziale realizzato in collaborazione con Confindustria.Premiato anche il Resort Valle dell’Erica, eletto per la quarta volta “Europe’s Leading Green Resort”, migliore green resort d'Europa a cui si aggiunge la riconferma per la terza volta a livello nazionale come “Italy's Leading Green Resort”. «La natura unica della Sardegna è la nostra risorsa primaria ed è sempre stata al centro dei nostri progetti. - continua Muntoni – Vincere per quattro anni consecutivi questo titolo e essere stati premiati come migliore gruppo alberghiero indipendente green d’Europa è la prova che siamo sulla giusta strada. È il segnale di come sia possibile fare impresa rispettando e valorizzando i territori. E fin dagli inizi abbiamo fatto sì che ogni singolo edificio si inserisse armoniosamente nel paesaggio circostante, vicino alla natura e alle tradizioni di questa terra».   Un grande traguardo per l'elegante resort dall’anima green a pochi minuti da Santa Teresa Gallura, pensato per offrire una vacanza 5 stelle in libertà. Una location esclusiva nel Mediterraneo immersa in 28 ettari di parco, tra arbusti ed essenze mediterranee, affacciata sugli Arcipelaghi di La Maddalena e del sud della Corsica davanti a 1400 metri di costa incontaminata e spiagge da sogno di sabbia bianca. Come tutte le strutture Delphina, il Valle dell’Erica utilizza solo energia 100% verde proveniente da fonti rinnovabili, ha adottato importanti politiche plastic free e sostiene una cucina sana e locale basata su ingredienti genuini e preferibilmente a km 0. Il riconoscimento come migliore gruppo alberghiero indipendente green in Europa per Delphina e come migliore green resort d’Europa e d’Italia per il Resort Valle dell’Erica si aggiunge a un altro riconoscimento internazionale, The Norns Awards, che ha assegnato il premio speciale ad Elena Muntoni, Brand Manager di Delphina hotels & resorts per l’impegno concreto nel preservare la natura unica della Sardegna e averne fatto una risorsa primaria per offrire una vacanza sempre più ecosostenibile, alla scoperta delle tradizioni e della cucina genuina dell’isola, nel rispetto del protocollo “We are green” Riconferma per il terzo anno consecutivo anche per il Resort & SPA Le Dune di Badesi, rieletto Italy's Leading Beach Resort 2022, migliore beach resort d'Italia. Immerso in un parco di 280.000 metri quadrati tra dune di sabbia, ginepri e profumata macchia mediterranea, questo paradiso delle famiglie è una vera oasi naturale con 5 hotel, 10 ristoranti, un'elegante SPA, numerose attività gratuite per il tempo libero e servizi per praticare sport acquatici. «Questo premio - conclude Muntoni - ci riempie di orgoglio e ci ispira a fare sempre meglio. A rendere unica la nostra offerta la bellezza della spiaggia di Li Junchi Bandiera Blu anche quest’anno. Lunga 8 chilometri e proprio di fronte al resort, è molto amata dagli ospiti che possono fare lunghe passeggiate su zone quasi deserte e, grazie al centro nautico, praticare diversi sport acquatici: canoa, corsi di vela con catamarani, windsurf e kitesurf. Le dune di sabbia dietro la spiaggia hanno una vegetazione affascinante con ginepri, rose marine e altre essenze, mentre il panorama spazia dall’isolotto di Isola Rossa all'Asinara.  E' aperta alle visite di adulti e bambini anche una fattoria di cinque ettari con orto, frutteto, vigneto e uliveto per conoscere le piante tipiche e ampliare la produzione a km 0 del resort. Il Resort Valle dell’Erica e il Resort Le Dune, come le altre strutture della collezione Delphina, sono eccellenze dell’ospitalità sostenibile».   [post_title] => Delphina hotels & resorts: migliore gruppo alberghiero indipendente green d'Europa [post_date] => 2022-10-04T15:07:27+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664896047000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431584 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Dopo l'indirizzo di New York, ha aperto in questi giorni a Milano il secondo indirizzo di Casa Cipriani, il brand di boutique hotel in formula club (sullo stile di Soho House, ndr) ispirato all'Harry's bar di Venezia di Giuseppe Cipriani, reso celebre dall'invenzione del Bellini e per aver accolto ospiti abituali del calibro di Ernest Hemingway. La nuova struttura sorge in via Palestro 24, presso l'ex sede della sartoria Campagna di palazzo Bernasconi, e offre un totale di 15 camere, tra cui tre suite, nonché il ristorante Cipriani e il bar Arrigo, aperto dalle 7 alle 23. Tra i servizi, un concierge 24/7 e il maggiordomo dedicato. Presente anche una spa progettata dallo studio Apostoli con grotta salina e crio-terapia, una palestra fitness con stanza yoga e pilates, nonché, all’ultimo piano il celebre club Socialista, progettato da Carlos Almada secondo i canoni di una dimora cubana signorile. Nella migliore tradizione meneghina, l’edificio e l’intensivo progetto di ristrutturazione realizzato da Bms Progetti si svelano e si scoprono soprattutto una volta varcata la soglia di ingresso. L'intera operazione è stata condotta in collaborazione con l'interior designer Michele Bonan, che ha curato le suite, il ristorante, la hall e il bar Arrigo, nonché appunto con lo studio Almada per il club Socialista. La società specializzata in ingegneria acustica, Viva Consulting, ha quindi seguito la progettazione acustica definitiva ed esecutiva, nonché i collaudi in corso d’opera e finale. Ha, inoltre, seguito la previsione di impatto acustico dell’hotel, ovvero di tutti i suoi impianti di trattamento aria a servizio dello stesso, e dell’Arrigo bar, del ristorante e dell’american bar con musica dal vivo. "La cura progettuale, il dettaglio costruttivo si sono spinti laddove mai si era arrivati - spiega Ezio Rendina, fondatore e ceo di Viva Consulting -. Per esempio, abbiamo riversato nelle gronde la stessa quantità di acqua che si avrebbe con la pioggia più forte mai osservata a Milano e abbiamo ascoltato, nelle camere, se fosse udibile lo sciacquio. Abbiamo realizzato, con la tecnologia box in the box la spa al piano interrato, quello più prossimo alla linea metropolitana sotterranea, in modo da rendere inudibile il tipico rombo del transito metropolitano. Durante la costruzione abbiamo svolto sopralluoghi continui per accertarci che tutto fosse realizzato come da progetto. A opera eseguita abbiamo eseguito prove su prove in modo da verificare che nulla ci fosse sfuggito”.   [post_title] => A Milano apre Casa Cipriani: hotel-club da 15 camere, ristorante, bar e spa [post_date] => 2022-10-04T11:02:44+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664881364000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431550 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Di ritorno da una giornata sulla neve, non c’è niente di più rilassante di una sauna o di un bagno in una piscina di acqua calda. Se poi la spa offre una vista emozionante su candide vette maestose e su paesaggi imbiancati, l’effetto relax è sinergico, grazie alla full immersion nella natura. I Romantik Hotels offrono un'accoglienza a 360 gradi. Molto piacevoli la sensazione dell’assenza di gravità e la vista panoramica sulle Dolomiti, che si gode dalla grande vetrata. Sembra di toccare il cielo con un dito nel centro benessere panoramico del Romantik Hotel Cappella di Colfosco (BZ), il 5 stelle che offre un panorama privilegiato sulle cime del Sassongher e del gruppo del Sella. Dalle grandi piscine interna ed esterna riscaldate, dalla Sky Room (una delle eleganti sale relax) e dalla sauna, la vista si apre sul paesaggio dolomitico e sugli sciatori che sfrecciano sulle piste della Val Badia. Per entrare in sintonia con la montagna niente di meglio dell’impacco nutriente e rigenerante alla Stella Alpina, 20 minuti, 50 euro. È un punto di vista unico anche quello offerto dal Romantik Hotel Santer di Dobbiaco (BZ), in Val Pusteria, a poca distanza dai tracciati delle aree più apprezzate delle Dolomiti: Plan de Corones, Cortina e le Dolomiti di Sesto. Qui si respira l’amore per la montagna, che passa dai servizi per lo sci a quelli più rilassanti del centro benessere di circa 3mila mq, tra la piscina interna, le zone relax, la whirlpool, le saune e la piscina esterna panoramica con acqua calda a 36°. Ideale per una pausa rigenerante il massaggio Relax Hot Chrystal con quarzo alla rosa, 50 minuti, 63 euro   [post_title] => Romantik Hotels, relax nelle Spa tra le vette maestose delle Dolomiti [post_date] => 2022-10-04T09:28:34+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664875714000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431502 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Royal Jordanian ha inaugurato lo scorso 1° ottobre il collegamento tra Milano Malpensa e Amman. La rotta rappresenta in realtà il ritorno della compagnia aerea giordana sullo scalo milanese, da dove opererà tre voli settimanali (sabato, domenica e mercoledì) verso l’aeroporto Queen Alia International di Amman.   “Royal Jordanian continuerà a sviluppare il suo network e cercherà nuovi mercati attraenti per la sua espansione economica - ha affermato Karim Makhlouf, cco del vettore -. La nostra ambizione è quella di diventare la compagnia aerea preferita verso il Medio Oriente e verso i paesi del Levante. Inoltre, ambiamo ad attrarre più turisti in Giordania offrendo tariffe vantaggiose, ottima qualità del servizio e la scoperta dell’ospitalità giordana sul voli Milano – Amman!”.   "Con il ritorno di questo nostro storico partner si arricchisce di valore e qualità l’offerta da Milano per la Giordania e in generale per il Mediterraneo - ha dichiarato Andrea Tucci, vice president Aviation Business Development di Sea -. Attualmente il recupero del traffico sul nostro aeroporto è pari al 97% dei livelli pre-Covid, grazie al contributo di 75 compagnie aeree su di un network di 190 destinazioni, dati che confermano l’attrattività della nostra Regione e il potenziale della catchment area che spingono i vettori più dinamici a investire nelle nostre infrastrutture”.   Prosegue, intanto, l'iter di rinnovo della flotta Royal Jordanian, che prevede il passaggio dagli attuali 24 a più di 40 aeromobili nei prossimi tre-cinque anni: il vettore ha annunciato che acquisterà 20 Airbus A320neo per sostituire la sua flotta degli attuali 13 A320 e sta valutando l'introduzione di ulteriori Boeing 787. Il ceo Samer Majali ha reso noto che la compagnia aerea sta discutendo anche l'ampliamento della flotta di 787 a 11 aeromobili, valutando sia la versione 787-9 che quella 787-10.   [post_title] => Royal Jordanian operativa sulla Milano-Amman. Avanti il progetto di rinnovo flotta [post_date] => 2022-10-03T10:00:18+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664791218000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "destimed apre nuove prospettive lecoturismo nel mediterraneo" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":39,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":1250,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431803","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"VisitFlanders è partner della mostra “Rubens a Genova”, che proprio oggi apre al pubblico nelle sale di Palazzo Ducale. La grande esposizione (a cura di Nils Büttner e Anna Orlando), che sarà visitabile fino al 23 gennaio 2023, è un'occasione per riscoprire lo stretto legame tra il Maestro Fiammingo e la città di Genova, nonché tra questa e Anversa, luogo natale dell’artista dove si stabilì al termine del suo viaggio in Italia nel 1608, quando la città vive il suo massimo splendore.\r\n\r\nTra il Cinquecento e il primo Seicento Anversa è forse il centro più ricco e il vero polo culturale a nord dell’Italia. Oggi, l’opera di Rubens è il filo conduttore di una visita culturale di Anversa, meta imprescindibile per chi vuole dare libero sfogo alla propria passione per l’arte e per chi cerca autenticità e bellezza: camminando per le strette vie del centro storico, dai nomi che rimandano a un passato di scambi con l’Italia, si toccano luoghi storici che ci raccontano di un artista poliedrico che ha profondamente contribuito a disegnare la principale “città barocca dei Paesi Bassi”.\r\n\r\nAnversa contemporanea è diventata una capitale mondiale della moda, con il Mode Museum a fare da cuore creativo pulsante, e si è riappropriata delle aree più centrali del porto, riqualificato grazie a un mix di edilizia residenziale, servizi e grandi realizzazioni culturali come il MAS, museo sull’acqua dedicato alla storia e all’identità di Anversa, e al Red Star Line Museum, che racconta la storia delle migrazioni europee verso il Nuovo Mondo. \r\n\r\n ","post_title":"VisitFlanders partner della mostra \"Rubens a Genova\", che apre oggi al pubblico","post_date":"2022-10-06T13:44:35+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1665063875000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431769","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"EasyJet vola alto verso l'estate 2023 mettendo in vendita circa 32.000 voli per viaggiare tra il 9 maggio e il 30 settembre 2023 dall’Italia verso numerose destinazioni del network.\r\nUn scelta fra circa 70 destinazioni raggiungibili con i collegamenti diretti di easyJet in 18 diversi Paesi tra Europa, Nord Africa e Medio Oriente. Le tariffe partono da 29,99 euro.\r\nTornano dunque disponibili per le prenotazione le spiagge più belle del Mediterraneo, come quelle delle isole greche, raggiungibili dalle tre basi italiane di easyJet – Milano Malpensa, Napoli e Venezia. Ma anche la costa croata con le città di Dubrovnik e Spalato disponibili da Milano e da Napoli, così come le spiagge italiane della Puglia, della Campania, della Sicilia e della Sardegna.\r\nIntanto, in attesa dell'estate, dal prossimo 4 dicembre decollerà da Milano Malpensa il primo volo easyJet verso l'isola di Madeira; in calendario anche i voli per Rovaniemi che saranno disponibili per gli interi mesi di dicembre e gennaio.","post_title":"EasyJet: in vendita i voli per viaggiare dall'Italia nell'estate 2023","post_date":"2022-10-06T10:36:19+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1665052579000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431747","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Sarà un inverno particolarmente freddo per quasi tutte le compagnie aeree decollate negli ultimi due-tre anni. Flyr, Norse Atlantic e Norwegian affrontano con più di una preoccupazione i prossimi mesi che, già tradizionalmente caratterizzati da minor traffico, devono anche tenere in considerazione le sfide aggiuntive, dagli elevati costi del carburante all'inflazione.\r\n\r\nLa start-up norvegese Flyr - decollata nel giugno 2021 - ha già anticipato che l'operativo invernale sarà drasticamente ridotto: invece di operare con i 12 velivoli previsti, nei cieli ce ne saranno solo cinque o sei e sospenderà i voli verso tutti i mercati chiave, tranne alcuni - tra cui Alicante, Barcellona, Parigi e Roma - delle 27 destinazioni servite a settembre. I tagli mirano a dimezzare le spese e a ridurre al minimo la liquidità. \"Ci è voluto più tempo del previsto per fidelizzare i viaggiatori d'affari sulle rotte nazionali in Norvegia, dove i vettori storici mantengono ampie quote di mercato\", ha dichiarato il ceo Tonje Wikstrøm Frislid.\r\n\r\nNorse Atlantic Airways, altro vettore norvegese, sospenderà i collegamenti per Los Angeles da Berlino e Oslo per l'inverno - rotte originariamente pianificate per tutto l'anno - con una riduzione del 28% della capacità pianificata per il periodo novembre-marzo. \"La stagione invernale è storicamente più impegnativa per il settore e quest'anno deve affrontare l'onere aggiuntivo dei prezzi elevati del carburante, dell'inflazione crescente nei mercati in cui operiamo e dell'incertezza della domanda complessiva\", ha dichiarato un portavoce di Norse. \r\n\r\nIn controtendenza l'andamento previsto da Play, altra start-up nordica che ha debuttato nel giugno 2021: il ceo, Birgir Jónsson, come riferito da Airline Weekly ha dichiarato che il vettore ha \"prospettive positive\" per l'inverno, specie sulle rotte transatlantiche verso gli Stati Uniti. La domanda continua a crescere grazie alla \"fiducia dei consumatori nei viaggi\" e Play prevede un continuo aumento del load factor durante le vacanze invernali e nel 2023. \r\n\r\nNorwegian non ha aggiornato le sue previsioni per l'inverno dalla fine di agosto. All'epoca, i dirigenti avevano dichiarato di aver assistito a un \"normale\" rallentamento delle prenotazioni a partire dall'estate rispetto agli anni precedenti alla pandemia. Norwegian ha pianificato di ridurre stagionalmente la sua capacità invernale di circa il 28%, concentrandosi sulla redditività.\r\n\r\n ","post_title":"Da Flyr a Norse Atlantic: sarà un inverno lungo e più difficile del previsto per le start-up","post_date":"2022-10-06T09:30:27+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1665048627000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431739","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Korean Air è tornata a volare nei cieli italiani, con collegamenti diretti su Seul da Milano e Roma,  a frequenza trisettimanale: da Malpensa, mercoledì, venerdì e domenica e da Fiumicino martedì, giovedì e sabato. Con l'entrata in vigore dell’orario invernale, su Malpensa dal 2 novembre sarà operativo il Boeing 787-9 con 24 posti in business e 245 in economica, da gennaio e fino alla fine di marzo è previsto l’utilizzo del B777-200 con 26 posti in business e 225 in economy; da Roma in inverno opererà il B777-300 con 64 posti business e 227 in economy. Al momento i voli non dispongono della first class.\r\n\r\n“I due collegamenti si distinguono per la tipologia di traffico - sottolinea Mihyang Seo, responsabile ufficio Korean Air Milano - I voli da Milano sono caratterizzati principalmente da una clientela business, che rappresenta la domanda del mercato del Nord Italia, mentre Roma risponde al flusso leisure”.\r\n\r\nIntanto, la flotta di 155 aeromobili con cui Korean ha trasportato nel 2019 oltre 27 milioni di passeggeri su 120 città in 43 paesi del mondo, sta ritornando alla normalità, dopo il difficile periodo della pandemia. “Non sono state ancora riaperte tutte le destinazioni. Stiamo lavorando per riattivare gradualmente tutto il network. Incrementeremo le frequenze settimanali e l’arrivo di nuovi aeromobili” sottolinea Gianfranco Antonello Pizzolla, ufficio commerciale Korean Air.\r\n\r\nProspettive positive anche per l'aeroporto di Seul, che si è riscoperto come hub ideale sull’Asia. “Una novità da cui dobbiamo trarre vantaggio considerando la situazione asiatica, al momento stagnante – conclude Pizzolla -. Korean Air è molto appetibile, sia per la qualità dei servizi, sia per l’ampiezza del network. Abbiamo avuto ottime vendite sui proseguimenti per Bali, Ho Chi Minh, Hanoi, Manila e Sydney”.","post_title":"Korean Air vola di nuovo dall'Italia verso Seul, hub ideale sull'Asia","post_date":"2022-10-06T09:07:58+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1665047278000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431642","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Con i Gnv Awards 2022 la compagnia Grandi Navi Veloci celebra una stagione di successo: i volumi sono aumentati del 46%, rispetto al 2021 e del 35% rispetto al 2019, che è stato l'anno migliore della storia dell'operatore. Il gruppo ringrazia quindi il settore trade, che ha garantito una crescita delle prenotazioni del 37%. La cerimonia di premiazione delle adv italiane, europee e maghrebine che hanno meglio performato nell’ambito del programma Élite Partner si è svolta a Genova, a bordo della motonave Rhapsody. Il riconoscimento, andato agli agenti di Monte Reit Viaggi e Turismo di Sondrio e Global Voyages di Nizza, è stato l’occasione per riprendere la tradizione degli incontri con la rete distributiva.\r\n\r\nMatteo Catani, amministratore delegato della compagnia, consapevole che le agenzie sono “un canale di sviluppo e di vendita fondamentale”, ha ricordato che «in questi anni non abbiamo mai smesso di investire. Oggi operiamo con 25 navi e abbiamo in costruzione ulteriori quattro unità che entreranno in servizio a partire dal 2024. È un incremento di capacità importante in un momento difficile, perché appena nel 2019 contavamo su una flotta di 16 navi; possiamo dire che stiamo operando con una capacità del 50% in più rispetto al periodo pre-pandemico, con un rafforzamento dei segmenti business e passeggeri».\r\n\r\nNote positive sostenute con entusiasmo anche da Matteo Della Valle, passengers sales & marketing staff director del gruppo. Tante le novità all’avvicinarsi di una data importante: nel 2023 ricorreranno infatti i 30 anni di Gnv, i 15 anni del Marocco e i 20 della Tunisia. Ringraziando il trade, «vero protagonista dei Gnv Awards 2022, perché capace di captare la domanda primaria», Della Valle ha presentato la crescita dell'operatore sulle diverse destinazioni del Mediterraneo e le nuove strategie rivolte alle famiglie con bambini: «Abbiamo migliorato l’offerta e inserito proposte ad hoc in ogni punto di ristorazione. Abbiamo accresciuto il numero delle cabine per gli animali domestici in tutta la flotta, introdotto con grande successo il camping on board, che consente ai proprietari dei mezzi di trasporto di non allontanarsi da essi, e apportato diverse migliorie, coinvolgendo anche gli adolescenti, che saranno i viaggiatori di domani. Abbiamo anche creato delle strutture dedicate al trade che saranno il primo punto di riferimento per tutte le domande delle adv. Le Élite, che sono le nostre agenzie di viaggio più performanti, hanno ora un key account manager dedicato, disponibile 24/7, pronto a risolvere qualsiasi problematica. La sfida del 2023 sarà migliorare i numeri di quest’anno! Tra le novità in cantiere, possibili perché abbiamo alle spalle Msc, un'azienda veramente forte che crede in noi, il nuovo reservation system, che verrà rilasciato alla fine del primo semestre del 2023».","post_title":"Gnv celebra un anno di crescita con le adv. In arrivo 4 nuove navi","post_date":"2022-10-05T10:29:36+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1664965776000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431616","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"\r\n\r\n[caption id=\"attachment_431617\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Elena Muntoni, brand manager di Delphina[/caption]\r\n\r\n\r\nMigliore gruppo alberghiero indipendente green d’ Europa, migliore gruppo alberghiero italiano, migliore green resort d’Europa e d'Italia al Resort Valle dell’Erica, migliore beach resort d'Italia al resort & spa Le Dune di Badesi: Delphina Hotels & Resorts vince cinque riconoscimenti ai World Travel Awards 2022, gli \"Oscar del turismo mondiale\".\r\n\r\nL'organizzazione dei World Travel Awards ha premiato Delphina hotels & resorts come il gruppo alberghiero indipendente più green d’Europa e il Resort Valle dell’Erica è stato riconfermato “Europes’s Leading Green Resort” e “ Italy’s Leading Green Resort”, migliore green resort d'Europa e d’Italia nel 2022.\r\nUna vittoria che riconferma i successi ottenuti già nel 2021, a partire dal titolo di “Italy's Leading Hotel Group 2022”, migliore gruppo alberghiero italiano, assegnato a Delphina hotels & resorts per il terzo anno consecutivo.\r\nEd il gruppo alberghiero sardo potrebbe rientrare nella rosa dei possibili vincitori a livello mondiale per essere riconfermato come World’s Leading Green Independent Hotel Group, migliore gruppo alberghiero indipendente green al mondo, premio che sarà reso noto a Novembre.\r\n\r\n«Questi riconoscimenti- dichiara Elena Muntoni, brand manager Delphina- ci riempiono di orgoglio e sono la prova che la strada intrapresa 30 anni fa si è dimostrata visionaria e giusta, continuiamo a seguirla con sempre più importanti azioni volte alla sostenibilità e al rispetto dell’ambiente e della natura che ci accoglie. Ringraziamo i nostri sostenitori che con entusiasmo hanno premiato le nostre azioni e la nostra filosofia green che fin dall'inizio si è basata su sostenibilità, amore per la natura e quel tocco locale e familiare che cerchiamo continuamente di trasmettere».Un progetto che nasce dalla natura e confluisce nella missione aziendale di Delphina: offrire ospitalità mediterranea autentica in luoghi unici con 12 hotel 5 stelle, 4 stelle superior e 4 stelle, residence esclusivi, 6 SPA e prestigiose ville tutte immerse in verdi parchi mediterranei affacciati sul mare tra la Costa Smeralda, l'Arcipelago di La Maddalena e il Golfo dell’Asinara, nelle località di Cannigione, Palau, Santa Teresa Gallura, Isola Rossa e Badesi. La catena alberghiera sarda ha da anni adottato politiche di crescita sostenibile nei confronti dell'ambiente e del territorio ed è in prima linea nel sostegno dell’economia locale. Un percorso iniziato ancor prima della nascita delle strutture e confluito nel marchio “We are green®”, creato e registrato da Delphina per rappresentare il suo amore per la natura.\r\n\r\nE dal 2018 l'azienda è entrata nella \"Lounge\" di Intesa San Paolo di Elite, il progetto di Borsa Italiana- Gruppo Euronext per le imprese ad alto potenziale realizzato in collaborazione con Confindustria.Premiato anche il Resort Valle dell’Erica, eletto per la quarta volta “Europe’s Leading Green Resort”, migliore green resort d'Europa a cui si aggiunge la riconferma per la terza volta a livello nazionale come “Italy's Leading Green Resort”.\r\n\r\n«La natura unica della Sardegna è la nostra risorsa primaria ed è sempre stata al centro dei nostri progetti. - continua Muntoni – Vincere per quattro anni consecutivi questo titolo e essere stati premiati come migliore gruppo alberghiero indipendente green d’Europa è la prova che siamo sulla giusta strada. È il segnale di come sia possibile fare impresa rispettando e valorizzando i territori. E fin dagli inizi abbiamo fatto sì che ogni singolo edificio si inserisse armoniosamente nel paesaggio circostante, vicino alla natura e alle tradizioni di questa terra».\r\n \r\nUn grande traguardo per l'elegante resort dall’anima green a pochi minuti da Santa Teresa Gallura, pensato per offrire una vacanza 5 stelle in libertà. Una location esclusiva nel Mediterraneo immersa in 28 ettari di parco, tra arbusti ed essenze mediterranee, affacciata sugli Arcipelaghi di La Maddalena e del sud della Corsica davanti a 1400 metri di costa incontaminata e spiagge da sogno di sabbia bianca. Come tutte le strutture Delphina, il Valle dell’Erica utilizza solo energia 100% verde proveniente da fonti rinnovabili, ha adottato importanti politiche plastic free e sostiene una cucina sana e locale basata su ingredienti genuini e preferibilmente a km 0.\r\n\r\nIl riconoscimento come migliore gruppo alberghiero indipendente green in Europa per Delphina e come migliore green resort d’Europa e d’Italia per il Resort Valle dell’Erica si aggiunge a un altro riconoscimento internazionale, The Norns Awards, che ha assegnato il premio speciale ad Elena Muntoni, Brand Manager di Delphina hotels & resorts per l’impegno concreto nel preservare la natura unica della Sardegna e averne fatto una risorsa primaria per offrire una vacanza sempre più ecosostenibile, alla scoperta delle tradizioni e della cucina genuina dell’isola, nel rispetto del protocollo “We are green”\r\nRiconferma per il terzo anno consecutivo anche per il Resort & SPA Le Dune di Badesi, rieletto Italy's Leading Beach Resort 2022, migliore beach resort d'Italia. Immerso in un parco di 280.000 metri quadrati tra dune di sabbia, ginepri e profumata macchia mediterranea, questo paradiso delle famiglie è una vera oasi naturale con 5 hotel, 10 ristoranti, un'elegante SPA, numerose attività gratuite per il tempo libero e servizi per praticare sport acquatici.\r\n\r\n«Questo premio - conclude Muntoni - ci riempie di orgoglio e ci ispira a fare sempre meglio. A rendere unica la nostra offerta la bellezza della spiaggia di Li Junchi Bandiera Blu anche quest’anno. Lunga 8 chilometri e proprio di fronte al resort, è molto amata dagli ospiti che possono fare lunghe passeggiate su zone quasi deserte e, grazie al centro nautico, praticare diversi sport acquatici: canoa, corsi di vela con catamarani, windsurf e kitesurf. Le dune di sabbia dietro la spiaggia hanno una vegetazione affascinante con ginepri, rose marine e altre essenze, mentre il panorama spazia dall’isolotto di Isola Rossa all'Asinara.  E' aperta alle visite di adulti e bambini anche una fattoria di cinque ettari con orto, frutteto, vigneto e uliveto per conoscere le piante tipiche e ampliare la produzione a km 0 del resort. Il Resort Valle dell’Erica e il Resort Le Dune, come le altre strutture della collezione Delphina, sono eccellenze dell’ospitalità sostenibile».\r\n \r\n\r\n","post_title":"Delphina hotels & resorts: migliore gruppo alberghiero indipendente green d'Europa","post_date":"2022-10-04T15:07:27+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1664896047000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431584","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Dopo l'indirizzo di New York, ha aperto in questi giorni a Milano il secondo indirizzo di Casa Cipriani, il brand di boutique hotel in formula club (sullo stile di Soho House, ndr) ispirato all'Harry's bar di Venezia di Giuseppe Cipriani, reso celebre dall'invenzione del Bellini e per aver accolto ospiti abituali del calibro di Ernest Hemingway. La nuova struttura sorge in via Palestro 24, presso l'ex sede della sartoria Campagna di palazzo Bernasconi, e offre un totale di 15 camere, tra cui tre suite, nonché il ristorante Cipriani e il bar Arrigo, aperto dalle 7 alle 23. Tra i servizi, un concierge 24/7 e il maggiordomo dedicato. Presente anche una spa progettata dallo studio Apostoli con grotta salina e crio-terapia, una palestra fitness con stanza yoga e pilates, nonché, all’ultimo piano il celebre club Socialista, progettato da Carlos Almada secondo i canoni di una dimora cubana signorile.\r\n\r\nNella migliore tradizione meneghina, l’edificio e l’intensivo progetto di ristrutturazione realizzato da Bms Progetti si svelano e si scoprono soprattutto una volta varcata la soglia di ingresso. L'intera operazione è stata condotta in collaborazione con l'interior designer Michele Bonan, che ha curato le suite, il ristorante, la hall e il bar Arrigo, nonché appunto con lo studio Almada per il club Socialista. La società specializzata in ingegneria acustica, Viva Consulting, ha quindi seguito la progettazione acustica definitiva ed esecutiva, nonché i collaudi in corso d’opera e finale. Ha, inoltre, seguito la previsione di impatto acustico dell’hotel, ovvero di tutti i suoi impianti di trattamento aria a servizio dello stesso, e dell’Arrigo bar, del ristorante e dell’american bar con musica dal vivo.\r\n\r\n\"La cura progettuale, il dettaglio costruttivo si sono spinti laddove mai si era arrivati - spiega Ezio Rendina, fondatore e ceo di Viva Consulting -. Per esempio, abbiamo riversato nelle gronde la stessa quantità di acqua che si avrebbe con la pioggia più forte mai osservata a Milano e abbiamo ascoltato, nelle camere, se fosse udibile lo sciacquio. Abbiamo realizzato, con la tecnologia box in the box la spa al piano interrato, quello più prossimo alla linea metropolitana sotterranea, in modo da rendere inudibile il tipico rombo del transito metropolitano. Durante la costruzione abbiamo svolto sopralluoghi continui per accertarci che tutto fosse realizzato come da progetto. A opera eseguita abbiamo eseguito prove su prove in modo da verificare che nulla ci fosse sfuggito”.\r\n\r\n ","post_title":"A Milano apre Casa Cipriani: hotel-club da 15 camere, ristorante, bar e spa","post_date":"2022-10-04T11:02:44+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1664881364000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431550","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Di ritorno da una giornata sulla neve, non c’è niente di più rilassante di una sauna o di un bagno in una piscina di acqua calda. Se poi la spa offre una vista emozionante su candide vette maestose e su paesaggi imbiancati, l’effetto relax è sinergico, grazie alla full immersion nella natura. I Romantik Hotels offrono un'accoglienza a 360 gradi.\r\n\r\nMolto piacevoli la sensazione dell’assenza di gravità e la vista panoramica sulle Dolomiti, che si gode dalla grande vetrata. Sembra di toccare il cielo con un dito nel centro benessere panoramico del Romantik Hotel Cappella di Colfosco (BZ), il 5 stelle che offre un panorama privilegiato sulle cime del Sassongher e del gruppo del Sella. Dalle grandi piscine interna ed esterna riscaldate, dalla Sky Room (una delle eleganti sale relax) e dalla sauna, la vista si apre sul paesaggio dolomitico e sugli sciatori che sfrecciano sulle piste della Val Badia. Per entrare in sintonia con la montagna niente di meglio dell’impacco nutriente e rigenerante alla Stella Alpina, 20 minuti, 50 euro.\r\n\r\nÈ un punto di vista unico anche quello offerto dal Romantik Hotel Santer di Dobbiaco (BZ), in Val Pusteria, a poca distanza dai tracciati delle aree più apprezzate delle Dolomiti: Plan de Corones, Cortina e le Dolomiti di Sesto. Qui si respira l’amore per la montagna, che passa dai servizi per lo sci a quelli più rilassanti del centro benessere di circa 3mila mq, tra la piscina interna, le zone relax, la whirlpool, le saune e la piscina esterna panoramica con acqua calda a 36°. Ideale per una pausa rigenerante il massaggio Relax Hot Chrystal con quarzo alla rosa, 50 minuti, 63 euro\r\n\r\n ","post_title":"Romantik Hotels, relax nelle Spa tra le vette maestose delle Dolomiti","post_date":"2022-10-04T09:28:34+00:00","category":["incoming"],"category_name":["Incoming"],"post_tag":[]},"sort":[1664875714000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431502","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":" Royal Jordanian ha inaugurato lo scorso 1° ottobre il collegamento tra Milano Malpensa e Amman. La rotta rappresenta in realtà il ritorno della compagnia aerea giordana sullo scalo milanese, da dove opererà tre voli settimanali (sabato, domenica e mercoledì) verso l’aeroporto Queen Alia International di Amman.\r\n \r\n“Royal Jordanian continuerà a sviluppare il suo network e cercherà nuovi mercati attraenti per la sua espansione economica - ha affermato Karim Makhlouf, cco del vettore -. La nostra ambizione è quella di diventare la compagnia aerea preferita verso il Medio Oriente e verso i paesi del Levante. Inoltre, ambiamo ad attrarre più turisti in Giordania offrendo tariffe vantaggiose, ottima qualità del servizio e la scoperta dell’ospitalità giordana sul voli Milano – Amman!”.\r\n \r\n\"Con il ritorno di questo nostro storico partner si arricchisce di valore e qualità l’offerta da Milano per la Giordania e in generale per il Mediterraneo - ha dichiarato Andrea Tucci, vice president Aviation Business Development di Sea -. Attualmente il recupero del traffico sul nostro aeroporto è pari al 97% dei livelli pre-Covid, grazie al contributo di 75 compagnie aeree su di un network di 190 destinazioni, dati che confermano l’attrattività della nostra Regione e il potenziale della catchment area che spingono i vettori più dinamici a investire nelle nostre infrastrutture”.\r\n \r\nProsegue, intanto, l'iter di rinnovo della flotta Royal Jordanian, che prevede il passaggio dagli attuali 24 a più di 40 aeromobili nei prossimi tre-cinque anni: il vettore ha annunciato che acquisterà 20 Airbus A320neo per sostituire la sua flotta degli attuali 13 A320 e sta valutando l'introduzione di ulteriori Boeing 787.\r\nIl ceo Samer Majali ha reso noto che la compagnia aerea sta discutendo anche l'ampliamento della flotta di 787 a 11 aeromobili, valutando sia la versione 787-9 che quella 787-10.\r\n ","post_title":"Royal Jordanian operativa sulla Milano-Amman. Avanti il progetto di rinnovo flotta","post_date":"2022-10-03T10:00:18+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1664791218000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti