26 May 2024

Bandiere Blu, la Liguria dopo 14 anni ancora prima nella classifica

[ 0 ]

La Liguria si conferma per il 14esimo anno consecutivo regina delle spiagge e degli approdi più belli del Paese, non solo per il suo mare pulito ma anche per un’accoglienza di qualità a basso impatto ambientale: sono 83 infatti le bandiere blu, tra spiagge e approdi (17 approdi totali in 16 Comuni e 66 spiagge totali in 34 Comuni) che per il 2023 hanno conquistato l’ambito riconoscimento, di grandissimo valore turistico e ambientale. Alle Bandiere Blu ottenute lo scorso anno si sono aggiunti i Comuni di Sori e Laigueglia.

«La Liguria mantiene saldamente la prima posizione nella classifica delle Bandiere Blu in Italia – ha spiegato il presidente della Regione Liguria, Giovanni Toti – la prima per località balneari che rispettano i criteri relativi alla gestione sostenibile del territorio. E siamo felici che anche Sori e Laigueglia siano riusciti ad ottenere l’ambito premio. Le nostre località balneari, le spiagge, i porti turistici sono sempre più attrezzati, vantando giudizi eccellenti per la qualità delle acque di balneazione, per l’ospitalità alberghiera, per le informazioni turistiche, l’impatto e l’educazione ambientale. Un ringraziamento – conclude il presidente della Regione Liguria – a tutti i sindaci e agli imprenditori del comparto turistico e balneare che stanno rendendo la Liguria sempre più bella e accogliente e che sono già pronti per il grande lavoro che li attende».

L’ottenimento delle Bandiere Blu  permette alle amministrazioni di focalizzarsi sul mantenimento corretto della tutela mare-terra e di orientarsi su sempre maggiori sfide. I requisiti per ottenere la Bandiera Blu sono di estrema attualità e con il loro simbolo, ormai parte integrante dell’immaginario collettivo, ricordano a residenti e ospiti quanto sia decisivo il contributo di tutti nel conservare l’habitat.

«Sono felicissimo – aggiunge l’assessore al Turismo Augusto Sartori – che con i nuovi ingressi di Sori e Laigueglia la Liguria si confermi di gran lunga la regione col mare più bello d’Italia. Dico bello perché non si intende solo il più pulito ma anche quello con spiagge attrezzate con servizi sempre più moderni e accoglienti. Il merito è dei nostri imprenditori balneari che, con grande sforzo e dopo aver superato un periodo difficile anche a causa del Covid, si sono rimboccati le maniche e sono ripartiti alla grande».

6 Spiagge nuove:
1. Tiro a Volo (Sanremo)
2. Laigueglia (Laigueglia)
3. Spiaggia Centrale di Sori (Sori)
4. Levante Porto Levanto (Levanto)
5. Spiaggia Renà (Sestri Levante)
6. Spiaggia Riva Trigoso (Sestri Levante)

3 Approdi nuovi:
1. Cala del Forte (Ventimiglia)
2. Portosole (Sanremo)
3. Marina di Alassio (Alassio)

Condividi



Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 468024 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Ha preso il via a Genova il Design Festival, un'edizione, la quinta, ricca di eventi che richiama migliaia di visitatori, in un contesto unico, tra passato, presente e futuro. Il design torna protagonista per le strade del Centro Storico con la Genova BeDesign Week fino al 26 maggio 2024, la manifestazione del design a cielo aperto che anche quest’anno, offre l’opportunità di esplorare nuovi orizzonti creativi ed analizzarne l’impatto sulla società in evoluzione. Sono 166 gli espositori coinvolti e 122 gli appuntamenti in calendario suddivisi tra convegni (20), eventi nel distretto (46), eventi fuori distretto (19), momenti musicali (35) e mostre (2). In aumento anche i luoghi espositivi (110) tra atri di palazzi (42), attività del distretto (36) e fuori dal distretto (7), piazze (12) aperte al pubblico nei cinque giorni della manifestazione organizzata dal Dide – Distretto del Design di Genova con il supporto e la collaborazione di Regione Liguria, Comune di Genova, Camera di Commercio di Genova e Ascom Confcommercio Genova. Numeri rilevanti che testimoniano la crescita costante di un evento che dal 2018 ha valorizzato la rive gouche del Centro Storico – la zona compresa tra via San Lorenzo, via San Bernardo e Santa Maria di Castello – e coinvolto un numero sempre più alto di professionisti del settore. «Genova si prepara ad ospitare un’edizione ancora più ricca di contenuti e novità ma sempre con gli stessi obiettivi: valorizzare il territorio attraverso la creatività del design e diventare sempre più evento di qualità grazie agli espositori e ad iniziative collaterali come l’anteprima del Design Festival – spiega Elisabetta Rossetti, presidente del Dide_Distretto del Design di Genova -. Con uno sguardo sempre attento rivolto ai giovani, in particolare ai professionisti under 35, grazie al concorso che dallo scorso anno li vede protagonisti». Gli spazi che accolgono molti eventi rappresentano una cornice unica. Come Spazio Giustiniani situato in Piazzetta Giustiniani, in un antico Palazzo dei Rolli, edifici riconosciuti dall’Unesco Patrimonio Mondiale dell’Umanità. Questo Palazzo, restaurato nel corso del 2004 ad opera della fondazione Franzoni, porta proprio nel nome del suo committente il segno del forte legame che ha unito Roma e Genova in età barocca: esso fu costruito alla fine del Cinquecento dal cardinale Vincenzo Giustiniani (1519-1582), generale dell’ordine dei domenicani. La piazza sulla quale affaccia il palazzo è di forma rettangolare di circa 12x26 metri e ricalca le orme del tracciato urbano cinquecentesco, a sua volta erede dell’assetto medievale.     [post_title] => Genova Design Festival, 4 giorni tra eventi, mostre e momenti musicali [post_date] => 2024-05-24T10:54:05+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1716548045000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467970 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Gioco Viaggi punta sul prodotto Montagna. Un ricco catalogo, hotels selezionati, servizi ad hoc per tutti i target, destinazioni tra Valle d’Aosta, Trentino, Austria e Francia, un prodotto completo che l’operatore genovese ha presentato ad alcune agenzie selezionate in occasione di un Eductour in Austria, nella Valle dello Stubai. Il tour di tre giorni ha visto la collaborazione del Gruppo Stat, Stubai Touristik, Austria Turismo, Innsbruck Tourismus, Tirol Werbung e Swarovski. Le agenzie di viaggio hanno toccato con mano l’offerta ricettiva della vallata, in grado di soddisfare, in ogni periodo dell’anno, qualsiasi tipo di esigenza, dai gruppi, alle famiglie, ai giovani,  fino agli individuali che puntano sullo sport e anche sul relax. Escursioni in bici o sul ghiacciaio dello Stubai a 2.600 metri, esperienza in slittino su monorotaia, passeggiata in direzione del ponte sospeso con punto panoramico “Neustiftblick” o per la cascata “Grawa Wasserfall”, visita di Innsbruck e del Museo Swarosky: il programma dell’eductour ha offerto uno spaccato di alcune delle attività che possono caratterizzare una vacanza nella Valle dello Stubai. Gli Swarovski Kristallwelten (i Mondi di Cristallo Swarovski), per esempio, sono una vera chicca, una meta unica in Tirolo, la terza per visitatori in Austria,  che celebra la brillantezza e il fascino dei cristalli di Swarovski in tutte le loro sfaccettature. Il catalogo Montagna Collection di Gioco Viaggi è nato qualche anno fa sulla scia dell’organizzazione del ritiro della storica squadra del Genoa, che su proposta dell’operatore Aldo Sacco, ha deciso di portare i propri giocatori  a Neustift im Stubaital per ben 15 anni. L’iniziativa ha attirato l’attenzione di migliaia di tifosi che hanno così scelto la vallata austriaca sia per seguire la squadra ma anche per trascorre alcuni giorni di vacanza con la famiglia. «Lo Stubai è un concentrato di accoglienza, servizi e attività – commenta Piero Trobetta, titolare Gioco Viaggi - Il punto di forza dell’operatore è la consulenza a 360 gradi, per offrire ai viaggiatori, in base alle esigenze dei diversi target, un panorama completo di tutte le strutture ricettive, le attività ed i servizi a disposizione». La Vallata, che dista 40 minuti dal Brennero, è ideale per chi cerca vacanze nella natura, tra sport come sci, trekking, rafting, parapendio, grazie ai 4 impianti di risalita e ai sentieri che si snodano per oltre 200 chilometri. Molte sono le località da visitare, in primis Innsbruck, ricche di testimonianze storiche e culturali. «Il catalogo Montagna Collection si è arricchito negli anni – aggiunge Fulvia Ottonello, responsabile prodotto Montagna per Gioco Viaggi – Molte le novità e le proposte, tra le quali anche i pacchetti di sole 4 notti e programmi per famiglie con bambini (Parco per Bimbi e Multisport in Val di Sole), con attività da personalizzare. Dal 29 giugno al 25 agosto torna Alpibus, un’iniziativa nata insieme al Gruppo Stat, che ha collaborato con noi nell’organizzazione dell’Eductour». Il Gruppo Stat, è un’azienda che opera dal 1919 e che dall’Autotrasporto si è evoluta fino ad essere presente con proprie strutture in Piemonte e Liguria operando sul territorio nazionale per l'Europa e per il mondo. Impiega 180 persone, con una flotta di oltre 100 bus, 1 tour operator e 6 agenzie Viaggio. Anche quest’anno viene riproposto nel Catalogo Montagna di Gioco Viaggi, l’AlpiBus, un pacchetto che comprende oltre all'hotel anche il Bus della Stat da diverse città del nord Italia per molte destinazioni di montagna. Tra i punti di forza della Valle dello Stubai c’è sicuramente la Stubai Super Card che offre diversi servizi, tra i quali l’uso gratuito di impianti di risalita, di 1 piscina, ed anche la corsa gratuita sui bus della Rete di trasporto pubblico di Innsbruk, sulla ferrovia della valle dello Stubai ed altro. La card viene fornita a chi soggiorna in alcune strutture della vallata, che aderiscono all’iniziativa, oppure può essere acquistata. Il mercato italiano occupa la quarta posizione per gli arrivi nello Stubai (in totale 1 milione 800 mila all’anno.) «In percentuale si tratta del 5% - sottolinea Gebhard Schopf, delegato amministrativo Consorzio Val Stubai – che sale al 20% nel periodo estivo quando gli italiani sono numerosi. Nel Tirolo Austriaco ogni impresa della Valle (14 mila abitanti) per legge è socia del nostro consorzio e partecipa con un contributo proporzionato al reddito e al coinvolgimento della propria attività nel settore». Il Consorzio è nato 100 anni fa e comprende 1.600 soci. Dispone di un budget di 10 milioni di euro, dei quali 1/3 viene destinato alle infrastrutture, 1/3 nel marketing ed il restante per il personale». [post_title] => Gioco Viaggi, la Valle dello Stubai protagonista del catalogo Montagna Collection [post_date] => 2024-05-24T10:53:43+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1716548023000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467921 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Due luoghi distanti, ma uniti dalla storia millenaria e dall'acqua che rende unici entrambi: così la provincia cinese dello Jiangsu si è presentata a Venezia, con una conferenza dal titolo "Civiltà Fluttuante" - “Charm of Jiangsu”, organizzata congiuntamente dall'Ufficio provinciale della cultura e del turismo di Jiangsu e dall'Ufficio degli affari esteri del governo popolare della Provincia di Jiangsu. Un centinaio di ospiti rappresentanti della cultura, del turismo e dei media di Cina e Italia hanno partecipato all'incontro. L'amicizia tra Jiangsu e Veneto è antica e duratura Quest'anno ricorre il 20° anniversario dell'istituzione della partnership strategica globale tra Cina e Italia, nonché il 700° anniversario della morte di Marco Polo, pioniere degli scambi culturali tra Oriente e Occidente. La Provincia del Jiangsu e la Regione Veneto hanno una lunga storia di amicizia. Come ha detto Xu Ying, membro del Comitato Permanente del Partito e Vice Governatrice della Provincia del Jiangsu, nel suo video discorso, «Nel 1271, Marco Polo, a 17 anni, partì da Venezia, attraversando la Via della Seta e, superando mille traversie, giunse infine in Cina, vivendo nello Jiangsu per oltre dieci anni. Il legame tra lo Jiangsu e la regione Veneto risale quindi a oltre 700 anni fa. Dopo essere diventate città gemellate internazionalmente nel 1998, gli scambi e la cooperazione tra le due città e regioni sono diventati sempre più frequenti e approfonditi, grazie alle loro simili radici culturali e storiche». Geograficamente e storicamente, il Jiangsu e Venezia hanno legami profondi. Liu Kan, Console Generale del Consolato Generale della Cina a Milano, ha ribadito in un video messaggio come Suzhou sia nota come la "Venezia d'Oriente" e il famoso scrittore cinese Zhu Ziqing abbia descritto Venezia come "simile alle città sospese sull’acqua dell’area di Jiangnan".  [gallery ids="467930,467925,467927"] La “Civiltà Fluttuante” raccoglie il consenso del settore culturale e turistico «I grandi fiumi, i laghi e mari, i ponti e ruscelli, la raffinata cucina Huaiyang, il ricco patrimonio culturale, tutto questo lascia un'impressione profonda sui turisti stranieri»: Yang Zhichun, direttore del Dipartimento della Cultura e del Turismo della Provincia del Jiangsu, con il tema "Lasciamo che le civiltà fluttuanti coltivino un'amicizia sincera", ha presentato in dettaglio le risorse culturali e turistiche di "Charm of Jiangsu", che nascono e prosperano grazie all'acqua. E proprio nei giorni scorsi una delegazione turistica italiana di "Charm of Jiangsu" ha visitato la provincia, toccando con mano le bellezze naturali e del patrimonio culturale dell'area. Nuove tecnologie e media avvicinano lo Jiangsu Oggi, l'esperienza immersiva che nasce dalla fusione tra tecnologia digitale e creatività spaziale rappresenta un vero plus per il mercato culturale e del turismo. Di recente, Jiangsu ha proposto misure per promuovere ulteriormente lo sviluppo del turismo inbound, con la creazione di siti web multilingue per le principali destinazioni culturali e turistiche e perfezionando il sistema della segnaletica multilingue, al fine di migliorare il livello dei servizi turistici.  Grazie al progetto online "3D Tour – Charm of Jiangsu" e il lancio ufficiale del sito web multilingue "In Jiangsu" e dell'app (versione italiana), Jiangsu utilizza appieno le nuove tecnologie e i nuovi media per rendere l'esplorazione di Jiangsu "a portata di mano". Il progetto "3D Tour – Charm of Jiangsu" utilizza tecnologie avanzate di realtà virtuale, attraverso panorami, diorami e animazioni 3D, per illustrare su pc e dispositivi mobili i paesaggi naturali, i siti storici, l'arte culturale e la cucina autentica di Jiangsu. Il sito web e l'app "In Jiangsu" offrono supporto sulle politiche, le guide operative e le interfacce di servizio, creando una piattaforma di servizi dedicati all-in-one.  Accordi per promuovere cooperazioni e scambi ancora più intensi Approfondire gli scambi culturali è un'importante via per eliminare le barriere e promuovere la comprensione reciproca tra i popoli. Durante l'incontro veneziano lo Jiangsu e le organizzazioni culturali e turistiche italiane hanno raggiunto numerosi risultati di cooperazione, avviando un nuovo percorso di collaborazione. Con l'obiettivo di promuovere congiuntamente lo sviluppo del turismo di Jiangsu e di stimolare la prosperità economica del turismo locale, il Museo di Nanchino e il Centro di Promozione del Turismo del Jiangsu (Italia) hanno firmato accordi di cooperazione culturale per il 2024 con l'Istituto dell'Enciclopedia Italiana Treccani e il Museo M9. Inoltre, l'agenzia di viaggi italiana I Travel Srl, la Jiangsu Broadcasting International Travel Service e la compagnia aerea italiana Neos hanno firmato un accordo strategico per sviluppare il mercato e attrarre più turisti italiani in Jiangsu. L'incontro ha visto anche l'annuncio di "Misure per promuovere lo sviluppo del turismo inbound nella Provincia di Jiangsu". «Jiangsu e Veneto sono regioni gemelle in termini di patrimonio culturale, ambiente naturale e stile di vita delle persone. Sono così attratta da Jiangsu che l'anno prossimo andrò sicuramente a visitarla di persona" ha detto Raffaella Ianuale, giornalista de Il Gazzettino di Venezia. [gallery ids="467934,467935,467936,467938,467929"] [post_title] => Cina: il fascino dello Jiangsu protagonista di un evento a Venezia [post_date] => 2024-05-23T12:09:05+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1716466145000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467853 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_467857" align="alignleft" width="300"] L'area della masseria Maviglia - Foto di Tommaso1963 - Licenza Creative Commons[/caption] Nuovo progetto a 5 stelle lusso in Puglia. Quello che già alcuni etichettano come il concorrente ionico di Borgo Egnazia sorgerà a Maruggio, in provincia di Taranto, nella terra dove viene prodotto il Primitivo. La Maviglia Golf & Spa Resort è un'iniziativa della società svizzera Ultimate Collection, a sua volta guidata dall’ex banchiere italo-svizzero e proprietario del Southampton, Nicola Cortese. Progettato da Oppenheim Architecture e dagli architetti paesaggisti Enea, il resort si svilupperà all'interno di una tenuta di 202 ettari che comprende oltre 40 trulli saraceni e alcuni uliveti. La proprietà sarebbe stata acquistata nel 2023 per 12 milioni di euro, mentre l'investimento complessivo per l'intera operazione raggiungerebbe i 200 milioni. Al termine dei lavori, previsti per il 2027, il complesso includerà un resort da 70 suite, di superficie compresa tra i 55 e i 150 mq, nonché un campo da golf a 18 buche sviluppato su oltre 75 ettari di terreno, a cui si affiancherà un Golfer's Lodge dotato di 20 camere di circa 35 mq. Sarà realizzata pure una clubhouse con ristorante, bar, lounge e sale conferenze. I piani prevedono inoltre la costruzione di ulteriori 35 ville da una a sei camere da letto, con living e dining area, ambienti esterni e piscine, per superfici che spazieranno dai 90 ai 450 mq. A tutto ciò si aggiungeranno altri quattro ristoranti e una medical spa da 5 mila mq.   [post_title] => L'ex presidente del Southampton apre un 5 stelle in Puglia: sarà il concorrente ionico di Borgo Egnazia [post_date] => 2024-05-22T12:27:28+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1716380848000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467830 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => All'interno della cornice del Marina di Camerota, il 25 Maggio sarà ospitato il convegno firmato Blue Marina Awards per parlare di sostenibilità e accoglienza turistica nella blue economy. L’appuntamento alla Marina di Camerota porterà i riflettori su alcuni dei temi importanti che ruotano attorno ai temi della sostenibilità e del turismo nelle strutture portuali turistiche nautiche. Il 25 Maggio si parlerà di strategie per valorizzare il settore dei porti turistici, facendo in modo che possano essere supportati verso la crescita e lo sviluppo, affinchè si possano massimizzare le potenzialità di queste strutture e favorire il ruolo dei porti e approdi turistici come porte di accesso al turismo esperienziale e come volano per la valorizzazione dei territori. Il 25 Maggio si parlerà di come i porti turistici possano essere veri poli di aggregazione, scambio e incontro, integrati con le risorse ambientali, culturali, sociali e storiche del territorio circostante, diventando così elementi fondamentali nello sviluppo turistico locale. L’iniziativa dei Blue Marina Awards rappresenta un modello efficace per valorizzare il settore dei porti turistici, mettendone in risalto l'importanza strategica nell'economia blu. Durante l’appuntamento di Camerota saranno portati i riflettori su pratiche sostenibili e strategie volte a migliorare l’auto efficientamento energetico, la qualità e preservazione dell’ambiente marino, la valorizzazione del territorio e l’ accoglienza turistica per proiettare i porti e approdi turistici in una nuova era, che gli permetta di crescere, aumentare il business, intercettare e riuscire a soddisfare nuovi bisogni e flussi di turismo.   [post_title] => Blue Marina Awards alla Marina di Camerota, il 25 maggio focus su sostenibilità nei porti turistici [post_date] => 2024-05-22T11:24:38+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1716377078000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467842 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La moto è, più che un semplice veicolo, una vera e propria scuola di vita. Rappresenta un modo di viaggiare dove si è più a contatto con la natura e il paesaggio: un’esperienza in un certo senso primitiva, un po’ come accade quando si usa la bicicletta, complice il contatto maggiore con il contesto circostante. Allo stesso tempo, essendo caratterizzata da una spiccata esposizione del corpo, si rivela fondamentale adottare delle strategie per mettersi in totale sicurezza. Oggi vi proponiamo una serie di consigli utili per i principianti - ma anche per i guidatori più esperti per i quali un recap non guasta mai - così da spostarsi fuori dai confini abituali in piena tranquillità e vivere al massimo le emozioni che solo una due ruote riesce a offrire. Assicurazione moto: la prima tutela quando si viaggia su strada La polizza assicurativa è in primo luogo una misura obbligatoria per legge: un aspetto che non va mai sottovalutato così da farsi trovare in regola in caso di controlli. È, inoltre, essenziale per via del fatto che permette di tutelarsi qualora vengano arrecati danni a cose e persone. Non tutte le coperture sono uguali e tra le migliori assicurazioni moto online segnaliamo quella di Telepass, in grado di garantire la massima tutela del veicolo a due ruote in ogni momento. L’attivazione, così come la fruizione, è semplice e pratica: questo grazie a l’accessibilità tramite app che permette di averla a portata di mano in qualsiasi situazione tramite smartphone o tablet. Tra le polizze accessorie più interessanti segnaliamo anche quella di assistenza stradale, capace di intervenire non solo durante un sinistro ma anche in presenza di guasto, cosa che può capitare per quanto riguarda il motore o le varie parti del mezzo, gomme comprese. Verificare di avere la polizza in corso di validità e con tutto il necessario è perciò da intendersi come il primo requisito per viaggiare in sicurezza. L’importanza di controllare la moto prima dei viaggi lunghi Il controllo della due ruote si rivela qualcosa da programmare con regolarità, in modo da predisporre un monitoraggio preciso e puntuale delle sue condizioni: questo soprattutto se la meta che si desidera raggiungere è piuttosto distante. Quali parti è bene verificare, così da prevenire eventuali imprevisti? Di seguito le principali: Olio motore: se non è a livello bisogna rabboccarlo. Se invece è trascorso un certo intervallo chilometrico indicato dalla casa produttrice serve sostituirlo. Catena: deve trovarsi alla giusta tensione, ben lubrificata e pulita. In presenza di un tragitto a lunga percorrenza è buona abitudine portare con sé uno spray lubrificante, in modo da poter dare una mano ulteriore durante lo spostamento. Freni: da monitorare pastiglie, liquido dei freni e dischi. Pneumatici: da verificare la pressione e se sono usurati. Si tratta di una parte essenziale, in quanto è l’unica a diretto contatto con l’asfalto. Incide direttamente sulla performance e sull’affidabilità del veicolo, soprattutto per quanto riguarda la frenata. Fari e frecce: vanno controllati perché permettono agli altri guidatori di avere una visibilità ottimale del mezzo. La scelta dell’abbigliamento da moto La scelta dell’abbigliamento per un motociclista è qualcosa di fondamentale, dal momento che incide da un lato sulla comodità alla guida e dall’altro sulla visibilità su strada. Vediamo insieme cosa è bene sempre acquistare: Guanti da moto: sono una protezione cruciale dal freddo, dagli agenti atmosferici e, soprattutto, qualora si verificasse un incidente. È preferibile scegliere un modello di una taglia più grande, così da poter inserire dei sottoguanti, più aderenti e in grado di favorire la circolazione. Esistono, inoltre, tipologie ancora più protettive: sono quelle in carbonio o in kevlar. Il consiglio è in ogni caso di misurare i guanti, in maniera tale da capire quale soluzione è più in linea con le proprie esigenze. Scarpe, pantaloni e giubbotti: è essenziale che aderiscano perfettamente. Per quanto riguarda le calzature, si rivelano decisamente validi gli stivali da motociclista, soprattutto se si percorrono strade sterrate. Per gli spostamenti notturni, sono invece da prediligere le versioni contenenti inserti luminescenti. La giacca, insieme ai pantaloni, è imprescindibile qualora capitasse di cadere dal veicolo per varie ragioni e consente di contenere non poco l’entità dell’infortunio. Tuta da moto: per il mototurismo è consigliabile un capo a due pezzi, che permette di avere separati giubbotto e pantalone. La scelta deve essere fatta principalmente in base al comfort, un fattore soggettivo e che influisce, al contempo, sulla postura adottata alla guida. Fare in modo di essere visibili Chi viaggia sulle due ruote è consapevole dei rischi a cui va incontro e dell’importanza di risultare ben percepibili dagli altri guidatori. Sotto questo punto di vista, è fondamentale indossare un abbigliamento dai colori vivaci o rifrangenti. Per aumentare la percezione del mezzo è inoltre buona norma applicare delle luci come supplemento durante le ore notturne o in caso di eventi atmosferici avversi, come la pioggia. Questo consiglio è valido, inoltre, nel momento in cui ci si accosta lungo una piazzola; in caso di imprevisto è bene segnalare la propria presenza con una luce rossa intermittente. Guidare con prudenza: il fattore che fa la differenza Una guida attenta, prudente e rispettosa del Codice della Strada è il vero fattore che fa la differenza quando si sta sulle due ruote: vale per chi è alle prime armi come per chi ha una maggiore confidenza del mezzo. Un aspetto da non sottovalutare vista l’adrenalina che genera lo stare in sella, soprattutto in strade all’apparenza poco trafficate o piacevoli da percorrere. Rispettare i limiti di velocità, i segnali stradali e avere un’andatura tale da consentire di frenare agevolmente sono piccole abitudini di buon senso, virtuose e in grado di garantire una maggiore sicurezza. Attenzione allo slalom tra le autovetture, specialmente quando si ha un bagaglio considerevole o si ospita a bordo un’altra persona: perdere l’equilibrio è un attimo. Il manto stradale presenta spesso delle imperfezioni, come buche, foglie che fanno slittare gli pneumatici e via dicendo: possono mettere a dura prova persino un guidatore esperto. Meglio, prima di partire, dare un’occhiata al meteo, così da essere più consapevoli rispetto alle condizioni che si vanno ad affrontare. [post_title] => Mototurismo per principianti: i consigli per viaggiare sicuri [post_date] => 2024-05-22T11:14:22+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( [0] => assicurazione-moto [1] => consigli-per-viaggiare-sicuri [2] => migliori-assicurazioni-moto-online [3] => mototurismo [4] => polizza-assicurativa-moto [5] => telepass [6] => viaggiare-in-moto [7] => viaggiare-sicuri-in-moto ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Assicurazione moto [1] => consigli per viaggiare sicuri [2] => migliori assicurazioni moto online [3] => mototurismo [4] => polizza assicurativa moto [5] => telepass [6] => viaggiare in moto [7] => viaggiare sicuri in moto ) ) [sort] => Array ( [0] => 1716376462000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467623 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Una Carinzia da percorrere a piedi o in bicicletta, passeggiando lungo sentieri ben tracciati e privi di barriere architettoniche ideali per le famiglie o percorrendo lunghi trekking che seguono l'Alpe Adria Trail. «La nostra regione punta molto sulla natura per la prossima stagione turistica, perché la natura è la nostra ricchezza - sottolinea Elke Maidic, rappresentante della Carinzia -. Una natura da vivere anche in modo attivo seguendo la rete delle piste ciclabili del Gran Tour dei Laghi, lungo 420 km, che si sviluppa intorno ai 20 specchi d’acqua più belli del territorio». La Carinzia è una delle regioni più ricche d'acqua d'Europa, con i suoi oltre 1.200 laghi. I lidi balneari attrezzati - come quello di Klagenfurt, il più grande stabilimento balneare lacustre d’Europa - permettono di sperimentare momenti di relax o più attivo, tra tuffi e stand-up-paddling. «Un’altra esperienza da vivere sono i 20 Slow Trails: escursioni su distanze che non superano i 10 km, con dislivelli massimi di 300 metri, adatti a tutti per godersi la natura, con panorami incantevoli. Proponiamo sempre una combinazione tra attività e relax, che definiamo “un tempo per sé alla carinziana”. Protagonista anche lo slow food: nel 2017 la regione è stata definita la prima destinazione di Slow Food Travel al mondo. Ne siamo orgogliosi, perché rappresentiamo il best-practice. In Carinzia sono tre le destinazioni dove l’ospite può gustare i piatti locali scoprendo da dove viene il prodotto, a partire dal lavoro del contadino, passando dal raccolto e arrivando a cucinare insieme. Il concetto di buono, sano e pulito che caratterizza la filosofia di slow food fa da sempre parte della cultura del cibo carinziana e il consorzio Slow Food Carinzia sceglie la via della sostenibilità utilizzando prodotti di stagione a km.0 e riscoprendo i piatti tipici del territorio, arricchiti dall’influenza delle vicine Italia e Slovenia. Per questo anche quest’anno, dal 19 al 21 settembre, Klagenfurt ospiterà le Giornate della Cucina Alpe-Adria. Un momento di celebrazione della ricchezza culinaria di un territorio che si estende dalla montagna alla costa mediterranea, dal Carso alle Alpi Orientali, alla presenza di noti chef e produttori vinicoli. «Oggi possiamo fregiarci del titolo di Slow Food Travel Destination. Abbiamo anche messo a punto una guida dove l’adesione alle norme dello slow food è simboleggiata da piccole lumache. Una o più lumache indicano che un ristorante fa tutto secondo i criteri dello slow food: dalla fermentazione dei prodotti per la conservazione invernale all’utilizzo della carne prodotta nella fattoria vicina … In Carinzia esistono 11 Slow Food Village dove i bambini imparano già a scuola questa filosofia di vita».   [post_title] => Austria: ecco la Carinzia, fra natura e itinerari slow food [post_date] => 2024-05-21T14:26:40+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1716301600000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467758 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Nei week-end dal 14 al 29 settembre 2024 torna l’edizione “Autunno” di “Ville Aperte in Brianza”, per esplorare 200 capolavori architettonici, spesso inaccessibili al pubblico, in 5 province della Lombardia, tra itinerari speciali, visite guidate ed eventi a tema. La manifestazione, giunta alla 22° edizione e proposta nel doppio appuntamento “Primavera” e “Autunno”, apre le porte delle “ville di delizia”, le splendide dimore costruite a partire dal XVI al XIX secolo dalle famiglie nobiliari milanesi che sceglievano la Brianza per trascorrervi lunghi periodi di vacanza e riposo e dove dedicarsi ad attività di svago. L’edizione Primavera ha visto l’apertura di 33 ville, registrando un grande successo con 25mila presenze, in attesa dell’edizione Autunno: in programma nei week end dal 14 al 29 settembre 2024 sarà ancora più ricca di proposte, sorprese, nuove esperienze artistiche, coinvolgendo oltre 200 beni, 80 partner (tra pubblici e privati) e 5 province. Protagoniste non solo le “ville di delizia” ma anche tutto quanto le circonda: musei, edifici religiosi, vie d’acqua, parchi, luoghi di architettura industriale, piccoli borghi, itinerari storici e naturalistici e tanti altri siti culturali. Molteplici saranno gli eventi collaterali, come visite e laboratori per bambini ispirati al tema della scoperta e conoscenza e del “nuovo” in occasione dei 700 anni dalla morte di Marco Polo.   In programma Itinerari tra storia, natura e arte tra le ville di delizia a cura delle associazioni di guide turistiche Art-U e Guidarte, come pure Itinerari a piedi o in bicicletta insieme all’Associazione Cammino di Sant’Agostino, tra paesaggi e luoghi di cultura. “Ville aperte in Brianza” è anche Ville Accessibili e sarà riproposto il progetto Senso Comune dove a fare da guide saranno alcune persone diversamente abili, che illustreranno le bellezze di ville e palazzi. E non mancheranno tante altre novità e soprese.     [post_title] => Ville aperte Brianza, dal 14 al 29 settembre l'edizione autunnale con visite guidate ed eventi [post_date] => 2024-05-21T12:12:34+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1716293554000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467745 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Arrivano brutte notizie per il gruppo alberghiero fondato da Daniela Righi e Alessandro Vadagnini. Lo scorso 30 di aprile il tribunale di Verona ha infatti aperto un procedimento di liquidazione giudiziale per Mira Management srl. Il termine per il deposito dell'ammissione allo stato passivo è fissato per il prossimo 6 settembre, mentre l'esame dello stato passivo è in calendario il 7 ottobre successivo. Con il brand Mira Hotels & Resorts, la compagnia vanta al momento un portfolio di quattro indirizzi 4 stelle superior e 5 stelle in Piemonte (l’Alagna Mountain Resort & Spa), a Follonica (il Riva Toscana Golf Resort & Spa), in Puglia (l’Acaya Golf Resort & Spa di Lecce) e in Sicilia (il Borgo di Luce i Monasteri Golf Resort & Spa). Dsr Hotel Holding Ad aprile 2023 il controllo della società era peraltro passato nelle mani dei tedeschi di Dsr Hotel Holding, con l’obiettivo dichiarato di sviluppare in Italia i propri brand A-Rosa, aja ed Enri Hotels, nonché i marchi della joint venture con Der Touristik. Dopo l'operazione, Daniela Righi e Alessandro Vadagnini avevano mantenuto il 25% della società, nonché la guida del business in Italia. Tra gli sviluppi ancora in cantiere, ci sarebbe l'apertura di un 5 stelle da 99 camere a Salò, entrato nel portfolio Dsr a seguito dell'acquisizione di 13 hotel da Travel Charme: la struttura, la cui apertura è prevista per il prossimo luglio con il brand A-Rosa, sarebbe infatti dovuto essere gestita dallo stesso gruppo Mira.   Contattata da noi di Travel Quotidiano, la società al momento non ha rilasciato alcun commento in merito alla vicenda  [post_title] => Gruppo Mira: aperta la procedura di liquidazione giudiziale [post_date] => 2024-05-21T11:15:48+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1716290148000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "bandiere blu la liguria 14 anni ancora nella classifica" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":53,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":1038,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"468024","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Ha preso il via a Genova il Design Festival, un'edizione, la quinta, ricca di eventi che richiama migliaia di visitatori, in un contesto unico, tra passato, presente e futuro.\r\n\r\nIl design torna protagonista per le strade del Centro Storico con la Genova BeDesign Week fino al 26 maggio 2024, la manifestazione del design a cielo aperto che anche quest’anno, offre l’opportunità di esplorare nuovi orizzonti creativi ed analizzarne l’impatto sulla società in evoluzione. Sono 166 gli espositori coinvolti e 122 gli appuntamenti in calendario suddivisi tra convegni (20), eventi nel distretto (46), eventi fuori distretto (19), momenti musicali (35) e mostre (2).\r\n\r\nIn aumento anche i luoghi espositivi (110) tra atri di palazzi (42), attività del distretto (36) e fuori dal distretto (7), piazze (12) aperte al pubblico nei cinque giorni della manifestazione organizzata dal Dide – Distretto del Design di Genova con il supporto e la collaborazione di Regione Liguria, Comune di Genova, Camera di Commercio di Genova e Ascom Confcommercio Genova. Numeri rilevanti che testimoniano la crescita costante di un evento che dal 2018 ha valorizzato la rive gouche del Centro Storico – la zona compresa tra via San Lorenzo, via San Bernardo e Santa Maria di Castello – e coinvolto un numero sempre più alto di professionisti del settore.\r\n\r\n«Genova si prepara ad ospitare un’edizione ancora più ricca di contenuti e novità ma sempre con gli stessi obiettivi: valorizzare il territorio attraverso la creatività del design e diventare sempre più evento di qualità grazie agli espositori e ad iniziative collaterali come l’anteprima del Design Festival – spiega Elisabetta Rossetti, presidente del Dide_Distretto del Design di Genova -. Con uno sguardo sempre attento rivolto ai giovani, in particolare ai professionisti under 35, grazie al concorso che dallo scorso anno li vede protagonisti».\r\n\r\nGli spazi che accolgono molti eventi rappresentano una cornice unica. Come Spazio Giustiniani situato in Piazzetta Giustiniani, in un antico Palazzo dei Rolli, edifici riconosciuti dall’Unesco Patrimonio Mondiale dell’Umanità.\r\n\r\nQuesto Palazzo, restaurato nel corso del 2004 ad opera della fondazione Franzoni, porta proprio nel nome del suo committente il segno del forte legame che ha unito Roma e Genova in età barocca: esso fu costruito alla fine del Cinquecento dal cardinale Vincenzo Giustiniani (1519-1582), generale dell’ordine dei domenicani. La piazza sulla quale affaccia il palazzo è di forma rettangolare di circa 12x26 metri e ricalca le orme del tracciato urbano cinquecentesco, a sua volta erede dell’assetto medievale.\r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"Genova Design Festival, 4 giorni tra eventi, mostre e momenti musicali","post_date":"2024-05-24T10:54:05+00:00","category":["incoming"],"category_name":["Incoming"],"post_tag":[]},"sort":[1716548045000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467970","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Gioco Viaggi punta sul prodotto Montagna.\r\n\r\nUn ricco catalogo, hotels selezionati, servizi ad hoc per tutti i target, destinazioni tra Valle d’Aosta, Trentino, Austria e Francia, un prodotto completo che l’operatore genovese ha presentato ad alcune agenzie selezionate in occasione di un Eductour in Austria, nella Valle dello Stubai.\r\n\r\nIl tour di tre giorni ha visto la collaborazione del Gruppo Stat, Stubai Touristik, Austria Turismo, Innsbruck Tourismus, Tirol Werbung e Swarovski.\r\n\r\nLe agenzie di viaggio hanno toccato con mano l’offerta ricettiva della vallata, in grado di soddisfare, in ogni periodo dell’anno, qualsiasi tipo di esigenza, dai gruppi, alle famiglie, ai giovani,  fino agli individuali che puntano sullo sport e anche sul relax.\r\n\r\nEscursioni in bici o sul ghiacciaio dello Stubai a 2.600 metri, esperienza in slittino su monorotaia, passeggiata in direzione del ponte sospeso con punto panoramico “Neustiftblick” o per la cascata “Grawa Wasserfall”, visita di Innsbruck e del Museo Swarosky: il programma dell’eductour ha offerto uno spaccato di alcune delle attività che possono caratterizzare una vacanza nella Valle dello Stubai.\r\n\r\nGli Swarovski Kristallwelten (i Mondi di Cristallo Swarovski), per esempio, sono una vera chicca, una meta unica in Tirolo, la terza per visitatori in Austria,  che celebra la brillantezza e il fascino dei cristalli di Swarovski in tutte le loro sfaccettature.\r\n\r\nIl catalogo Montagna Collection di Gioco Viaggi è nato qualche anno fa sulla scia dell’organizzazione del ritiro della storica squadra del Genoa, che su proposta dell’operatore Aldo Sacco, ha deciso di portare i propri giocatori  a Neustift im Stubaital per ben 15 anni. L’iniziativa ha attirato l’attenzione di migliaia di tifosi che hanno così scelto la vallata austriaca sia per seguire la squadra ma anche per trascorre alcuni giorni di vacanza con la famiglia.\r\n\r\n«Lo Stubai è un concentrato di accoglienza, servizi e attività – commenta Piero Trobetta, titolare Gioco Viaggi - Il punto di forza dell’operatore è la consulenza a 360 gradi, per offrire ai viaggiatori, in base alle esigenze dei diversi target, un panorama completo di tutte le strutture ricettive, le attività ed i servizi a disposizione».\r\n\r\nLa Vallata, che dista 40 minuti dal Brennero, è ideale per chi cerca vacanze nella natura, tra sport come sci, trekking, rafting, parapendio, grazie ai 4 impianti di risalita e ai sentieri che si snodano per oltre 200 chilometri. Molte sono le località da visitare, in primis Innsbruck, ricche di testimonianze storiche e culturali.\r\n\r\n«Il catalogo Montagna Collection si è arricchito negli anni – aggiunge Fulvia Ottonello, responsabile prodotto Montagna per Gioco Viaggi – Molte le novità e le proposte, tra le quali anche i pacchetti di sole 4 notti e programmi per famiglie con bambini (Parco per Bimbi e Multisport in Val di Sole), con attività da personalizzare. Dal 29 giugno al 25 agosto torna Alpibus, un’iniziativa nata insieme al Gruppo Stat, che ha collaborato con noi nell’organizzazione dell’Eductour».\r\n\r\nIl Gruppo Stat, è un’azienda che opera dal 1919 e che dall’Autotrasporto si è evoluta fino ad essere presente con proprie strutture in Piemonte e Liguria operando sul territorio nazionale per l'Europa e per il mondo. Impiega 180 persone, con una flotta di oltre 100 bus, 1 tour operator e 6 agenzie Viaggio. Anche quest’anno viene riproposto nel Catalogo Montagna di Gioco Viaggi, l’AlpiBus, un pacchetto che comprende oltre all'hotel anche il Bus della Stat da diverse città del nord Italia per molte destinazioni di montagna.\r\n\r\nTra i punti di forza della Valle dello Stubai c’è sicuramente la Stubai Super Card che offre diversi servizi, tra i quali l’uso gratuito di impianti di risalita, di 1 piscina, ed anche la corsa gratuita sui bus della Rete di trasporto pubblico di Innsbruk, sulla ferrovia della valle dello Stubai ed altro. La card viene fornita a chi soggiorna in alcune strutture della vallata, che aderiscono all’iniziativa, oppure può essere acquistata.\r\n\r\nIl mercato italiano occupa la quarta posizione per gli arrivi nello Stubai (in totale 1 milione 800 mila all’anno.)\r\n\r\n«In percentuale si tratta del 5% - sottolinea Gebhard Schopf, delegato amministrativo Consorzio Val Stubai – che sale al 20% nel periodo estivo quando gli italiani sono numerosi. Nel Tirolo Austriaco ogni impresa della Valle (14 mila abitanti) per legge è socia del nostro consorzio e partecipa con un contributo proporzionato al reddito e al coinvolgimento della propria attività nel settore». Il Consorzio è nato 100 anni fa e comprende 1.600 soci. Dispone di un budget di 10 milioni di euro, dei quali 1/3 viene destinato alle infrastrutture, 1/3 nel marketing ed il restante per il personale».","post_title":"Gioco Viaggi, la Valle dello Stubai protagonista del catalogo Montagna Collection","post_date":"2024-05-24T10:53:43+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1716548023000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467921","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Due luoghi distanti, ma uniti dalla storia millenaria e dall'acqua che rende unici entrambi: così la provincia cinese dello Jiangsu si è presentata a Venezia, con una conferenza dal titolo \"Civiltà Fluttuante\" - “Charm of Jiangsu”, organizzata congiuntamente dall'Ufficio provinciale della cultura e del turismo di Jiangsu e dall'Ufficio degli affari esteri del governo popolare della Provincia di Jiangsu. Un centinaio di ospiti rappresentanti della cultura, del turismo e dei media di Cina e Italia hanno partecipato all'incontro.\r\n\r\nL'amicizia tra Jiangsu e Veneto è antica e duratura\r\n\r\nQuest'anno ricorre il 20° anniversario dell'istituzione della partnership strategica globale tra Cina e Italia, nonché il 700° anniversario della morte di Marco Polo, pioniere degli scambi culturali tra Oriente e Occidente. La Provincia del Jiangsu e la Regione Veneto hanno una lunga storia di amicizia. Come ha detto Xu Ying, membro del Comitato Permanente del Partito e Vice Governatrice della Provincia del Jiangsu, nel suo video discorso, «Nel 1271, Marco Polo, a 17 anni, partì da Venezia, attraversando la Via della Seta e, superando mille traversie, giunse infine in Cina, vivendo nello Jiangsu per oltre dieci anni. Il legame tra lo Jiangsu e la regione Veneto risale quindi a oltre 700 anni fa. Dopo essere diventate città gemellate internazionalmente nel 1998, gli scambi e la cooperazione tra le due città e regioni sono diventati sempre più frequenti e approfonditi, grazie alle loro simili radici culturali e storiche».\r\n\r\nGeograficamente e storicamente, il Jiangsu e Venezia hanno legami profondi. Liu Kan, Console Generale del Consolato Generale della Cina a Milano, ha ribadito in un video messaggio come Suzhou sia nota come la \"Venezia d'Oriente\" e il famoso scrittore cinese Zhu Ziqing abbia descritto Venezia come \"simile alle città sospese sull’acqua dell’area di Jiangnan\". \r\n\r\n[gallery ids=\"467930,467925,467927\"]\r\n\r\nLa “Civiltà Fluttuante” raccoglie il consenso del settore culturale e turistico\r\n\r\n«I grandi fiumi, i laghi e mari, i ponti e ruscelli, la raffinata cucina Huaiyang, il ricco patrimonio culturale, tutto questo lascia un'impressione profonda sui turisti stranieri»: Yang Zhichun, direttore del Dipartimento della Cultura e del Turismo della Provincia del Jiangsu, con il tema \"Lasciamo che le civiltà fluttuanti coltivino un'amicizia sincera\", ha presentato in dettaglio le risorse culturali e turistiche di \"Charm of Jiangsu\", che nascono e prosperano grazie all'acqua.\r\n\r\nE proprio nei giorni scorsi una delegazione turistica italiana di \"Charm of Jiangsu\" ha visitato la provincia, toccando con mano le bellezze naturali e del patrimonio culturale dell'area.\r\n\r\nNuove tecnologie e media avvicinano lo Jiangsu\r\n\r\nOggi, l'esperienza immersiva che nasce dalla fusione tra tecnologia digitale e creatività spaziale rappresenta un vero plus per il mercato culturale e del turismo. Di recente, Jiangsu ha proposto misure per promuovere ulteriormente lo sviluppo del turismo inbound, con la creazione di siti web multilingue per le principali destinazioni culturali e turistiche e perfezionando il sistema della segnaletica multilingue, al fine di migliorare il livello dei servizi turistici. \r\n\r\nGrazie al progetto online \"3D Tour – Charm of Jiangsu\" e il lancio ufficiale del sito web multilingue \"In Jiangsu\" e dell'app (versione italiana), Jiangsu utilizza appieno le nuove tecnologie e i nuovi media per rendere l'esplorazione di Jiangsu \"a portata di mano\".\r\n\r\nIl progetto \"3D Tour – Charm of Jiangsu\" utilizza tecnologie avanzate di realtà virtuale, attraverso panorami, diorami e animazioni 3D, per illustrare su pc e dispositivi mobili i paesaggi naturali, i siti storici, l'arte culturale e la cucina autentica di Jiangsu. Il sito web e l'app \"In Jiangsu\" offrono supporto sulle politiche, le guide operative e le interfacce di servizio, creando una piattaforma di servizi dedicati all-in-one. \r\n\r\nAccordi per promuovere cooperazioni e scambi ancora più intensi\r\n\r\nApprofondire gli scambi culturali è un'importante via per eliminare le barriere e promuovere la comprensione reciproca tra i popoli. Durante l'incontro veneziano lo Jiangsu e le organizzazioni culturali e turistiche italiane hanno raggiunto numerosi risultati di cooperazione, avviando un nuovo percorso di collaborazione.\r\n\r\nCon l'obiettivo di promuovere congiuntamente lo sviluppo del turismo di Jiangsu e di stimolare la prosperità economica del turismo locale, il Museo di Nanchino e il Centro di Promozione del Turismo del Jiangsu (Italia) hanno firmato accordi di cooperazione culturale per il 2024 con l'Istituto dell'Enciclopedia Italiana Treccani e il Museo M9. Inoltre, l'agenzia di viaggi italiana I Travel Srl, la Jiangsu Broadcasting International Travel Service e la compagnia aerea italiana Neos hanno firmato un accordo strategico per sviluppare il mercato e attrarre più turisti italiani in Jiangsu.\r\n\r\nL'incontro ha visto anche l'annuncio di \"Misure per promuovere lo sviluppo del turismo inbound nella Provincia di Jiangsu\". «Jiangsu e Veneto sono regioni gemelle in termini di patrimonio culturale, ambiente naturale e stile di vita delle persone. Sono così attratta da Jiangsu che l'anno prossimo andrò sicuramente a visitarla di persona\" ha detto Raffaella Ianuale, giornalista de Il Gazzettino di Venezia.\r\n\r\n[gallery ids=\"467934,467935,467936,467938,467929\"]","post_title":"Cina: il fascino dello Jiangsu protagonista di un evento a Venezia","post_date":"2024-05-23T12:09:05+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1716466145000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467853","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_467857\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] L'area della masseria Maviglia - Foto di Tommaso1963 - Licenza Creative Commons[/caption]\r\n\r\nNuovo progetto a 5 stelle lusso in Puglia. Quello che già alcuni etichettano come il concorrente ionico di Borgo Egnazia sorgerà a Maruggio, in provincia di Taranto, nella terra dove viene prodotto il Primitivo. La Maviglia Golf & Spa Resort è un'iniziativa della società svizzera Ultimate Collection, a sua volta guidata dall’ex banchiere italo-svizzero e proprietario del Southampton, Nicola Cortese. Progettato da Oppenheim Architecture e dagli architetti paesaggisti Enea, il resort si svilupperà all'interno di una tenuta di 202 ettari che comprende oltre 40 trulli saraceni e alcuni uliveti. La proprietà sarebbe stata acquistata nel 2023 per 12 milioni di euro, mentre l'investimento complessivo per l'intera operazione raggiungerebbe i 200 milioni.\r\n\r\nAl termine dei lavori, previsti per il 2027, il complesso includerà un resort da 70 suite, di superficie compresa tra i 55 e i 150 mq, nonché un campo da golf a 18 buche sviluppato su oltre 75 ettari di terreno, a cui si affiancherà un Golfer's Lodge dotato di 20 camere di circa 35 mq. Sarà realizzata pure una clubhouse con ristorante, bar, lounge e sale conferenze. I piani prevedono inoltre la costruzione di ulteriori 35 ville da una a sei camere da letto, con living e dining area, ambienti esterni e piscine, per superfici che spazieranno dai 90 ai 450 mq. A tutto ciò si aggiungeranno altri quattro ristoranti e una medical spa da 5 mila mq.\r\n\r\n ","post_title":"L'ex presidente del Southampton apre un 5 stelle in Puglia: sarà il concorrente ionico di Borgo Egnazia","post_date":"2024-05-22T12:27:28+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1716380848000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467830","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"All'interno della cornice del Marina di Camerota, il 25 Maggio sarà ospitato il convegno firmato Blue Marina Awards per parlare di sostenibilità e accoglienza turistica nella blue economy.\r\n\r\nL’appuntamento alla Marina di Camerota porterà i riflettori su alcuni dei temi importanti che ruotano attorno ai temi della sostenibilità e del turismo nelle strutture portuali turistiche nautiche.\r\n\r\nIl 25 Maggio si parlerà di strategie per valorizzare il settore dei porti turistici, facendo in modo che possano essere supportati verso la crescita e lo sviluppo, affinchè si possano massimizzare le potenzialità di queste strutture e favorire il ruolo dei porti e approdi turistici come porte di accesso al turismo esperienziale e come volano per la valorizzazione dei territori.\r\n\r\nIl 25 Maggio si parlerà di come i porti turistici possano essere veri poli di aggregazione, scambio e incontro, integrati con le risorse ambientali, culturali, sociali e storiche del territorio circostante, diventando così elementi fondamentali nello sviluppo turistico locale.\r\n\r\nL’iniziativa dei Blue Marina Awards rappresenta un modello efficace per valorizzare il settore dei porti turistici, mettendone in risalto l'importanza strategica nell'economia blu.\r\n\r\nDurante l’appuntamento di Camerota saranno portati i riflettori su pratiche sostenibili e strategie volte a migliorare l’auto efficientamento energetico, la qualità e preservazione dell’ambiente marino, la valorizzazione del territorio e l’ accoglienza turistica per proiettare i porti e approdi turistici in una nuova era, che gli permetta di crescere, aumentare il business, intercettare e riuscire a soddisfare nuovi bisogni e flussi di turismo.\r\n\r\n ","post_title":"Blue Marina Awards alla Marina di Camerota, il 25 maggio focus su sostenibilità nei porti turistici","post_date":"2024-05-22T11:24:38+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1716377078000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467842","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"La moto è, più che un semplice veicolo, una vera e propria scuola di vita. Rappresenta un modo di viaggiare dove si è più a contatto con la natura e il paesaggio: un’esperienza in un certo senso primitiva, un po’ come accade quando si usa la bicicletta, complice il contatto maggiore con il contesto circostante.\r\n\r\nAllo stesso tempo, essendo caratterizzata da una spiccata esposizione del corpo, si rivela fondamentale adottare delle strategie per mettersi in totale sicurezza.\r\n\r\nOggi vi proponiamo una serie di consigli utili per i principianti - ma anche per i guidatori più esperti per i quali un recap non guasta mai - così da spostarsi fuori dai confini abituali in piena tranquillità e vivere al massimo le emozioni che solo una due ruote riesce a offrire.\r\nAssicurazione moto: la prima tutela quando si viaggia su strada\r\nLa polizza assicurativa è in primo luogo una misura obbligatoria per legge: un aspetto che non va mai sottovalutato così da farsi trovare in regola in caso di controlli.\r\n\r\nÈ, inoltre, essenziale per via del fatto che permette di tutelarsi qualora vengano arrecati danni a cose e persone.\r\n\r\nNon tutte le coperture sono uguali e tra le migliori assicurazioni moto online segnaliamo quella di Telepass, in grado di garantire la massima tutela del veicolo a due ruote in ogni momento. L’attivazione, così come la fruizione, è semplice e pratica: questo grazie a l’accessibilità tramite app che permette di averla a portata di mano in qualsiasi situazione tramite smartphone o tablet.\r\n\r\nTra le polizze accessorie più interessanti segnaliamo anche quella di assistenza stradale, capace di intervenire non solo durante un sinistro ma anche in presenza di guasto, cosa che può capitare per quanto riguarda il motore o le varie parti del mezzo, gomme comprese.\r\n\r\nVerificare di avere la polizza in corso di validità e con tutto il necessario è perciò da intendersi come il primo requisito per viaggiare in sicurezza.\r\nL’importanza di controllare la moto prima dei viaggi lunghi\r\nIl controllo della due ruote si rivela qualcosa da programmare con regolarità, in modo da predisporre un monitoraggio preciso e puntuale delle sue condizioni: questo soprattutto se la meta che si desidera raggiungere è piuttosto distante.\r\n\r\nQuali parti è bene verificare, così da prevenire eventuali imprevisti? Di seguito le principali:\r\n\r\n \tOlio motore: se non è a livello bisogna rabboccarlo. Se invece è trascorso un certo intervallo chilometrico indicato dalla casa produttrice serve sostituirlo.\r\n \tCatena: deve trovarsi alla giusta tensione, ben lubrificata e pulita. In presenza di un tragitto a lunga percorrenza è buona abitudine portare con sé uno spray lubrificante, in modo da poter dare una mano ulteriore durante lo spostamento.\r\n \tFreni: da monitorare pastiglie, liquido dei freni e dischi.\r\n \tPneumatici: da verificare la pressione e se sono usurati. Si tratta di una parte essenziale, in quanto è l’unica a diretto contatto con l’asfalto. Incide direttamente sulla performance e sull’affidabilità del veicolo, soprattutto per quanto riguarda la frenata.\r\n \tFari e frecce: vanno controllati perché permettono agli altri guidatori di avere una visibilità ottimale del mezzo.\r\n\r\nLa scelta dell’abbigliamento da moto\r\nLa scelta dell’abbigliamento per un motociclista è qualcosa di fondamentale, dal momento che incide da un lato sulla comodità alla guida e dall’altro sulla visibilità su strada. Vediamo insieme cosa è bene sempre acquistare:\r\n\r\n \tGuanti da moto: sono una protezione cruciale dal freddo, dagli agenti atmosferici e, soprattutto, qualora si verificasse un incidente. È preferibile scegliere un modello di una taglia più grande, così da poter inserire dei sottoguanti, più aderenti e in grado di favorire la circolazione. Esistono, inoltre, tipologie ancora più protettive: sono quelle in carbonio o in kevlar. Il consiglio è in ogni caso di misurare i guanti, in maniera tale da capire quale soluzione è più in linea con le proprie esigenze.\r\n \tScarpe, pantaloni e giubbotti: è essenziale che aderiscano perfettamente. Per quanto riguarda le calzature, si rivelano decisamente validi gli stivali da motociclista, soprattutto se si percorrono strade sterrate. Per gli spostamenti notturni, sono invece da prediligere le versioni contenenti inserti luminescenti. La giacca, insieme ai pantaloni, è imprescindibile qualora capitasse di cadere dal veicolo per varie ragioni e consente di contenere non poco l’entità dell’infortunio.\r\n \tTuta da moto: per il mototurismo è consigliabile un capo a due pezzi, che permette di avere separati giubbotto e pantalone. La scelta deve essere fatta principalmente in base al comfort, un fattore soggettivo e che influisce, al contempo, sulla postura adottata alla guida.\r\n\r\nFare in modo di essere visibili\r\nChi viaggia sulle due ruote è consapevole dei rischi a cui va incontro e dell’importanza di risultare ben percepibili dagli altri guidatori. Sotto questo punto di vista, è fondamentale indossare un abbigliamento dai colori vivaci o rifrangenti.\r\n\r\nPer aumentare la percezione del mezzo è inoltre buona norma applicare delle luci come supplemento durante le ore notturne o in caso di eventi atmosferici avversi, come la pioggia.\r\n\r\nQuesto consiglio è valido, inoltre, nel momento in cui ci si accosta lungo una piazzola; in caso di imprevisto è bene segnalare la propria presenza con una luce rossa intermittente.\r\nGuidare con prudenza: il fattore che fa la differenza\r\nUna guida attenta, prudente e rispettosa del Codice della Strada è il vero fattore che fa la differenza quando si sta sulle due ruote: vale per chi è alle prime armi come per chi ha una maggiore confidenza del mezzo.\r\n\r\nUn aspetto da non sottovalutare vista l’adrenalina che genera lo stare in sella, soprattutto in strade all’apparenza poco trafficate o piacevoli da percorrere.\r\n\r\nRispettare i limiti di velocità, i segnali stradali e avere un’andatura tale da consentire di frenare agevolmente sono piccole abitudini di buon senso, virtuose e in grado di garantire una maggiore sicurezza.\r\n\r\nAttenzione allo slalom tra le autovetture, specialmente quando si ha un bagaglio considerevole o si ospita a bordo un’altra persona: perdere l’equilibrio è un attimo.\r\n\r\nIl manto stradale presenta spesso delle imperfezioni, come buche, foglie che fanno slittare gli pneumatici e via dicendo: possono mettere a dura prova persino un guidatore esperto. Meglio, prima di partire, dare un’occhiata al meteo, così da essere più consapevoli rispetto alle condizioni che si vanno ad affrontare.","post_title":"Mototurismo per principianti: i consigli per viaggiare sicuri","post_date":"2024-05-22T11:14:22+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":["assicurazione-moto","consigli-per-viaggiare-sicuri","migliori-assicurazioni-moto-online","mototurismo","polizza-assicurativa-moto","telepass","viaggiare-in-moto","viaggiare-sicuri-in-moto"],"post_tag_name":["Assicurazione moto","consigli per viaggiare sicuri","migliori assicurazioni moto online","mototurismo","polizza assicurativa moto","telepass","viaggiare in moto","viaggiare sicuri in moto"]},"sort":[1716376462000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467623","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"\r\nUna Carinzia da percorrere a piedi o in bicicletta, passeggiando lungo sentieri ben tracciati e privi di barriere architettoniche ideali per le famiglie o percorrendo lunghi trekking che seguono l'Alpe Adria Trail.\r\n\r\n«La nostra regione punta molto sulla natura per la prossima stagione turistica, perché la natura è la nostra ricchezza - sottolinea Elke Maidic, rappresentante della Carinzia -. Una natura da vivere anche in modo attivo seguendo la rete delle piste ciclabili del Gran Tour dei Laghi, lungo 420 km, che si sviluppa intorno ai 20 specchi d’acqua più belli del territorio».\r\n\r\nLa Carinzia è una delle regioni più ricche d'acqua d'Europa, con i suoi oltre 1.200 laghi. I lidi balneari attrezzati - come quello di Klagenfurt, il più grande stabilimento balneare lacustre d’Europa - permettono di sperimentare momenti di relax o più attivo, tra tuffi e stand-up-paddling.\r\n\r\n«Un’altra esperienza da vivere sono i 20 Slow Trails: escursioni su distanze che non superano i 10 km, con dislivelli massimi di 300 metri, adatti a tutti per godersi la natura, con panorami incantevoli. Proponiamo sempre una combinazione tra attività e relax, che definiamo “un tempo per sé alla carinziana”. Protagonista anche lo slow food: nel 2017 la regione è stata definita la prima destinazione di Slow Food Travel al mondo. Ne siamo orgogliosi, perché rappresentiamo il best-practice. In Carinzia sono tre le destinazioni dove l’ospite può gustare i piatti locali scoprendo da dove viene il prodotto, a partire dal lavoro del contadino, passando dal raccolto e arrivando a cucinare insieme. Il concetto di buono, sano e pulito che caratterizza la filosofia di slow food fa da sempre parte della cultura del cibo carinziana e il consorzio Slow Food Carinzia sceglie la via della sostenibilità utilizzando prodotti di stagione a km.0 e riscoprendo i piatti tipici del territorio, arricchiti dall’influenza delle vicine Italia e Slovenia. Per questo anche quest’anno, dal 19 al 21 settembre, Klagenfurt ospiterà le Giornate della Cucina Alpe-Adria. Un momento di celebrazione della ricchezza culinaria di un territorio che si estende dalla montagna alla costa mediterranea, dal Carso alle Alpi Orientali, alla presenza di noti chef e produttori vinicoli.\r\n\r\n«Oggi possiamo fregiarci del titolo di Slow Food Travel Destination. Abbiamo anche messo a punto una guida dove l’adesione alle norme dello slow food è simboleggiata da piccole lumache. Una o più lumache indicano che un ristorante fa tutto secondo i criteri dello slow food: dalla fermentazione dei prodotti per la conservazione invernale all’utilizzo della carne prodotta nella fattoria vicina … In Carinzia esistono 11 Slow Food Village dove i bambini imparano già a scuola questa filosofia di vita».\r\n\r\n ","post_title":"Austria: ecco la Carinzia, fra natura e itinerari slow food","post_date":"2024-05-21T14:26:40+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1716301600000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467758","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Nei week-end dal 14 al 29 settembre 2024 torna l’edizione “Autunno” di “Ville Aperte in Brianza”, per esplorare 200 capolavori architettonici, spesso inaccessibili al pubblico, in 5 province della Lombardia, tra itinerari speciali, visite guidate ed eventi a tema.\r\n\r\nLa manifestazione, giunta alla 22° edizione e proposta nel doppio appuntamento “Primavera” e “Autunno”, apre le porte delle “ville di delizia”, le splendide dimore costruite a partire dal XVI al XIX secolo dalle famiglie nobiliari milanesi che sceglievano la Brianza per trascorrervi lunghi periodi di vacanza e riposo e dove dedicarsi ad attività di svago.\r\n\r\nL’edizione Primavera ha visto l’apertura di 33 ville, registrando un grande successo con 25mila presenze, in attesa dell’edizione Autunno: in programma nei week end dal 14 al 29 settembre 2024 sarà ancora più ricca di proposte, sorprese, nuove esperienze artistiche, coinvolgendo oltre 200 beni, 80 partner (tra pubblici e privati) e 5 province. Protagoniste non solo le “ville di delizia” ma anche tutto quanto le circonda: musei, edifici religiosi, vie d’acqua, parchi, luoghi di architettura industriale, piccoli borghi, itinerari storici e naturalistici e tanti altri siti culturali.\r\n\r\nMolteplici saranno gli eventi collaterali, come visite e laboratori per bambini ispirati al tema della scoperta e conoscenza e del “nuovo” in occasione dei 700 anni dalla morte di Marco Polo.   In programma Itinerari tra storia, natura e arte tra le ville di delizia a cura delle associazioni di guide turistiche Art-U e Guidarte, come pure Itinerari a piedi o in bicicletta insieme all’Associazione Cammino di Sant’Agostino, tra paesaggi e luoghi di cultura. “Ville aperte in Brianza” è anche Ville Accessibili e sarà riproposto il progetto Senso Comune dove a fare da guide saranno alcune persone diversamente abili, che illustreranno le bellezze di ville e palazzi. E non mancheranno tante altre novità e soprese.\r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"Ville aperte Brianza, dal 14 al 29 settembre l'edizione autunnale con visite guidate ed eventi","post_date":"2024-05-21T12:12:34+00:00","category":["incoming"],"category_name":["Incoming"],"post_tag":[]},"sort":[1716293554000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467745","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Arrivano brutte notizie per il gruppo alberghiero fondato da Daniela Righi e Alessandro Vadagnini. Lo scorso 30 di aprile il tribunale di Verona ha infatti aperto un procedimento di liquidazione giudiziale per Mira Management srl. Il termine per il deposito dell'ammissione allo stato passivo è fissato per il prossimo 6 settembre, mentre l'esame dello stato passivo è in calendario il 7 ottobre successivo.\r\n\r\nCon il brand Mira Hotels & Resorts, la compagnia vanta al momento un portfolio di quattro indirizzi 4 stelle superior e 5 stelle in Piemonte (l’Alagna Mountain Resort & Spa), a Follonica (il Riva Toscana Golf Resort & Spa), in Puglia (l’Acaya Golf Resort & Spa di Lecce) e in Sicilia (il Borgo di Luce i Monasteri Golf Resort & Spa).\r\nDsr Hotel Holding\r\nAd aprile 2023 il controllo della società era peraltro passato nelle mani dei tedeschi di Dsr Hotel Holding, con l’obiettivo dichiarato di sviluppare in Italia i propri brand A-Rosa, aja ed Enri Hotels, nonché i marchi della joint venture con Der Touristik. Dopo l'operazione, Daniela Righi e Alessandro Vadagnini avevano mantenuto il 25% della società, nonché la guida del business in Italia.\r\n\r\nTra gli sviluppi ancora in cantiere, ci sarebbe l'apertura di un 5 stelle da 99 camere a Salò, entrato nel portfolio Dsr a seguito dell'acquisizione di 13 hotel da Travel Charme: la struttura, la cui apertura è prevista per il prossimo luglio con il brand A-Rosa, sarebbe infatti dovuto essere gestita dallo stesso gruppo Mira.  \r\n\r\nContattata da noi di Travel Quotidiano, la società al momento non ha rilasciato alcun commento in merito alla vicenda ","post_title":"Gruppo Mira: aperta la procedura di liquidazione giudiziale","post_date":"2024-05-21T11:15:48+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1716290148000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti