10 May 2021

1786

[ 0 ]
Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono:
Email:
Provincia:
Comune:

Settore:
Mansione:


Testo dell'annuncio

Per apertura reparto incoming italia, tour operator multinazionale con sede in Roma e uffici internazionali (Asia, Australia) cerca professionista esperto per copertura ruolo responsabile incoming, introdotto nel settore, esperienza verificabile, ottima conoscenza prodotto Italia, ottima conoscenza contrattistica hotel, pacchetto fornitori, hotel, trasporti, guide, visite. I mercati di riferimento sono quello asiatico, australiano e nordamericano.
E’ richiesta ottima conoscenza inglese, totale autonomia organizzativa, buone conoscenze applicativi ufficio.
Inviare curriculum per fissare incontro in sede di Roma a: toincoming@gmail.com


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353852 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => E' stato firmato il nuovo patto per il lavoro nel turismo tra Regione, organizzazioni sindacali (Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil) ed enti datoriali (Confindustria, Confcommercio, Confesercenti). L'intesa dà continuità al patto siglato il 2 febbraio 2018, varato per favorire la destagionalizzazione del turismo e una maggiore stabilità dei molti lavoratori stagionali impiegati nel settore in Liguria. A seguito della firma del 2018 era stato emanato un bando, in chiusura in questi giorni, che ha avuto un ottimo riscontro e ha esaurito tutte le risorse disponibili (3 milioni di euro da fondi FSE) che sono servite a erogare bonus assunzionali per oltre mille contratti (ad oggi 1086) della durata minima di otto mesi. «Abbiamo raggiunto un accordo con le parti sociali - ha detto l'assessore al lavoro e al turismo Gianni Berrino - e abbiamo introdotto qualche novità per rendere ancora più efficace una misura che è arrivata alla sua scadenza con ottimi risultati. Il rinnovo del patto, e il nuovo bando che seguirà, si rendono necessari per le molte domande arrivate che soddisfano i requisiti ma che sono rimaste pendenti per l'esaurimento dei fondi». Altra importante novità è l'estensione dell'opportunità anche ad altre tipologie di imprese. Se il patto dell'anno scorso era rivolto alla ricettività turistica e agli stabilimenti balneari, il patto 2019 si rivolge anche ai gestori di ristoranti e bar che faranno contratti di almeno otto mesi e che prolungheranno di conseguenza il loro periodo di apertura annuale: si viene incontro in questo modo, in particolare ma non solo, ai molti esercizi sui lungomare delle più importanti località balneari della regione che spesso non fanno attività oltre i sei mesi della primavera e dell'estate.   [post_title] => Liguria, firmato nuovo patto per il lavoro nel turismo [post_date] => 2019-05-31T09:59:03+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1559296743000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353834 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Cresce la ricaduta del turismo via mare sui territori toccati dalle navi, ma soprattutto aumenta il traffico complessivo della crocieristica, così come dei traghetti, degli aliscafi e dei catamarani. Più articolato, invece, il giudizio sulla nautica, mentre anche il comparto dei traghetti soffre ancora di un certo ritardo in tema di standard dell'offerta. Sono i risultati principali dell'ultima edizione dell'Adriatic Sea Tourism Report, presentato ad Ancona da Francesco di Cesare, presidente di Risposte Turismo, in apertura della quarta edizione dell'Adriatic Sea Forum - cruise, ferry, sail & yacht. Nel 2018 sono ammontate in particolare a 420 milioni di euro le spese turistiche a terra sostenute dai crocieristi e da chi sceglie di muoversi in traghetto, in aliscafo o in catamarano per le proprie vacanze in Adriatico (escursioni e visite, pernottamenti, pre-post viaggio, shopping e ristorazione...). In termini di traffico complessivo, le previsioni di Risposte Turismo per il 2019 parlano quindi di 5,52 milioni passeggeri movimentati (imbarchi, sbarchi e transiti), in crescita del 7,3% rispetto al 2018. In aumento pure le toccate nave (+7,2%), per un totale di 3.307 approdi. L’anno in corso dovrebbe invece chiudersi con Venezia saldamente al primo posto con 1,56 milioni di crocieristi movimentati (stabile rispetto al 2018) e 502 toccate nave (stabile), seguita da Corfù con 787 mila crocieristi (+7%) e 416 toccate nave (+0,7%), nonché Dubrovnik, con 745 mila crocieristi (+1,8%) e 475 toccate nave (+8,4%). Ma l'Adriatic Sea Tourism Report contiene anche un focus dedicato alla movimentazione passeggeri su traghetti, aliscafi e catamarani. L’anno in corso dovrebbe in particolare chiudersi con una leggero aumento ulteriore rispetto ai già positivi risultati registrati nel 2018 (19,74 milioni di passeggeri movimentati, +2,4% sul 2017): il migliore degli ultimi dieci anni. Tra i porti esaminati, le previsioni 2019 sono positive per Zara (2,43 milioni di passeggeri movimentati, + 1-2%), Durres (875mila, +2,6%), Dubrovnik (575mila, +3%), Sibenik (300mila, +3%), Rijeka (150mila, 16%) e Pola (12mila, +2,2% su rotte costiere e stabile sulle rotte internazionali). Stabile, al contrario, la movimentazione passeggeri prevista a fine anno nei porti di Ancona, Saranda, Porec, Trieste, Rovigno, Pesaro e Umago/Novigrad. Il rapporto, infine, prova a gettare uno sguardo anche sul comparto nautico dei sette Paesi che si affacciano sull'Adriatico. Tra questi, l’Italia conferma la propria leadership nell’area con 186 marine (56% del totale) e oltre 49 mila posti barca (il 65,6% del totale). A seguire Croazia (125 marine e oltre 17.400 posti barca) e la coppia Slovenia – Montenegro, con 8 marine e, rispettivamente, poco più di 3.100 e 2.800 posti barca. L’analisi del versante italiano dell’Adriatico fa tuttavia emergere uno scenario in chiaro scuro: se da un lato infatti alcune strutture stanno riscontrando un periodo di difficoltà, continuando tuttavia a operare in attesa di nuovi investitori e della ripresa del mercato, dall’altro sono in programma nel prossimo biennio importanti ampliamenti, per complessivi ulteriori 2.570 posti barca. «Nonostante i nodi da sciogliere su Venezia, il traffico crocieristico quest’anno crescerà significativamente in Adriatico grazie al lavoro compiuto da tutti gli operatori attivi nell’area – è il commento di di Cesare -. Viceversa, il comparto dei traghetti continua a prestarsi a una doppia lettura. Da un lato, infatti, si evidenzia la sua rilevanza nelle direttrici di spostamento dei turisti in Adriatico e le ampie potenzialità di crescita, dall’altro si registra ancora un ritardo rispetto agli standard, per esempio di offerta e di promozione, che altre soluzioni di trasporto hanno adottato da tempo. Per la nautica, infine, le indicazioni che abbiamo raccolto attraverso la nostra indagine fanno intravedere uno 2019 positivo. Ciò potrebbe tradursi in un maggior tasso di occupazione delle marine che oggi, per dimensioni e standard, sono già pronte ad accogliere livelli più elevati di traffico». [post_title] => Bene il turismo via mare in Adriatico ma i traghetti possono fare di meglio [post_date] => 2019-05-31T09:15:44+00:00 [category] => Array ( [0] => in-evidenza [1] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => In evidenza [1] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( [0] => adriatico [1] => francesco-di-cesare [2] => in-evidenza [3] => risposte-turismo ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Adriatico [1] => Francesco di Cesare [2] => In evidenza [3] => Risposte turismo ) ) [sort] => Array ( [0] => 1559294144000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 352672 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La catena Riu Hotels & Resorts ha appena aperto due nuovi hotel nelle isole Maldive: Il Riu Atoll e il Riu Palace Maldivas hanno rispettivamente 4 e 5 stelle e si trovano sull'atollo di Dhaalu. Entrambe le strutture offrono ai clienti suite sul magnifico Oceano Indiano. «Questo è un momento straordinario per la nostra catena -spiega Luis Riu, ceo dell'azienda - in quanto da oltre sette anni aspiravamo ad aprire un albergo alle Maldive. Potere aprire due hotel contemporaneamente, vincendo un'entusiasmante sfida logistica e tecnica dovuta alla loro posizione geografica, è per me, sia personalmente sia professionalmente, un sogno che diventa realtà». In questo progetto nulla è stato lasciato al caso. Ha comportato un arduo lavoro, iniziato all'inizio del 2017 e durato oltre due anni. Il tutto per dare vita a due resort all inclusive, situati in due isole diverse, uniti tra loro tramite un’impressionante passerella di 800 metri sull'acqua, su entrambi i lati della quale si trovano le 72 suite sull'acqua del Riu Palace Maldivas. Sull'isola privata di Maafushi si trova quindi il Riu Atoll: un Riu Classic 4 stelle dotato di 264 camere, 36 delle quali suite sull'acqua. L'hotel dispone di un ristorante principale, il "Dhoni", del ristorante italiano "Sophia" e della "Beef Steak House". A questi si aggiungono uno Sport Bar aperto 24 ore su 24, il lounge bar "Bodeberu" e il bar acquatico "Tequila". Inoltre, il Riu Atoll offre una piscina, un parco giochi per bambini e il club per bambini RiuLand. Sulla vicina isola di Kedhigandu, anch'essa privata, si trova invece il Riu Palace Maldivas: un resort 5 stelle con 176 camere. A livello gastronomico, i clienti del Riu Palace Maldivas potranno godere dei ristoranti e dei bar del Riu Atoll, e disporranno anche dell'esclusivo ristorante principale "Palm" con terrazza, nonché del ristorante fusion "Krystal" e del ristorante giapponese "Yu hi". Inoltre, la struttura offre il bar "Paradise", ubicato in una piscina infinity e un'area chill out. Il resort offre bevande Premium in tutto l'hotel e servizio in camera. Il design degli interni di entrambi gli hotel rispetta l'ambiente che li circonda, impiegando materiali caldi come il legno e introducendo elementi come il vetro per dare più spazio e sfruttare la luce e il clima della destinazione. Inoltre, offre anche molti spazi aperti, conferendo protagonismo alle spettacolari viste di cui è possibile godere da qualsiasi punto delle isole. Nelle suite e nelle camere predominano i colori chiari, la sabbia e l’acquamarina, che evocano il mare, ma anche le albe e i tramonti che è possibile ammirare solo in questa recondita e incredibile destinazione turistica.         [post_title] => Riu sbarca alle Maldive con due hotel sull'atollo di Dhaalu [post_date] => 2019-05-21T13:14:42+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558444482000 ) ) )

Lascia un commento