16 April 2024

1712

[ 0 ]
Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono:
Email:
Provincia:
Comune:

Settore:
Mansione:


Testo dell'annuncio

Trentacinque anni di esperienza turistica, ricettivo, gruppi, contratti con compagnia aerea, biglietteria aerea, patentino direttore tecnico.
Cell 338 2468264.


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465008 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Primo trimestre da record per il Torino Airport, che con oltre 1,11 milioni di passeggeri ha centrato il suo miglior risultato di sempre in questa frazione di inizio anno. Con un totale di 1.114.448 passeggeri, Caselle ha registrato quindi una crescita del 3,7% sullo stesso periodo del 2023 (1.074.195 passeggeri). Tutti e tre i mesi - gennaio, febbraio e marzo - hanno battuto i rispettivi record mensili dell’anno precedente. A trainare la crescita è stato il traffico internazionale con un incremento dei volumi pari al 7,6% arrivando a rappresentare il 60% del traffico totale: i passeggeri dei voli internazionali sono infatti passati da 620mila nel 2023 a oltre 667.000 nel 2024. Tale risultato è stato raggiunto anche grazie all’ottimo andamento del traffico neve registrato nella stagione invernale 2023-2024: il numero di sciatori trasportati ha registrato un incremento del 9% rispetto alla stagione 2022-2023. I voli per gli sciatori dal Nord Europa hanno riportato alcune novità di linea come Belfast (collegata da Ryanair) e London Heathrow (collegata da British Airways), a cui va sommato il volo charter da East Midlands, sempre in Gran Bretagna; inoltre Air Baltic si è aggiunta su Vilnius (già servita da Ryanair). Anche i flussi turistici legati alle vacanze pasquali hanno contribuito in maniera significativa al raggiungimento del record del trimestre: nella settimana di Pasqua, dal giovedì santo al martedì successivo, i passeggeri sono stati oltre 85.000 tra arrivi e partenze, in crescita del 7,9% sui dati registrati negli analoghi giorni di Pasqua 2023 (circa 80.000). [post_title] => Torino Airport: il traffico internazionale traina i risultati record del primo trimestre 2024 [post_date] => 2024-04-08T10:15:55+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712571355000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 464524 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La primavera dei Travel Open Day si è aperta a Torino, il 21 marzo scorso, con un atteso b2b che ha visto la presenza di oltre 30 espositori. “Torino è una città che risponde sempre bene”, dichiara Laura Zancolò, key account manager di Svizzera Turismo, accanto a Levente Gyorgy, da pochi mesi responsabile dei mercati per Vaud Promotion, che dichiara: “Da due anni, il canton Vaud punta alla multi-settorialità e coinvolge settori diversi: turismo, economia, prodotti tipici, imprese… Tutti ambasciatori del Cantone. Per il 2024 il focus è su gastronomia e vini, su musei e la frizzante city-life di Losanna, sulla riviera di Montreaux e i paesaggi Unesco del Lavaux, Glacier 3000 e le piste di Villars sur Ollons. Ma anche sulle terme e la Vallée du Joux, culla dell’orologeria Svizzera”. Primo Tod per Asatours, to britannico attivo da 35 anni, specializzato in Gran Bretagna e Irlanda per individuali, gruppi e mice: “Approccio più che positivo – afferma Sara Lasca – ho colto interesse per la versatilità del nostro prodotto, classico ma che contempla percorsi meno battuti, esperienze e autentiche chicche. Come la Battersea Power Station di Londra, ex centrale a carbone eternata da un lp dei Pink Floyd, ora fulcro di un’area trendy molto vivace, o Belfast capitale nordirlandese che ha ancora molto da esprimere”. Rappresentata sul mercato italiano da poco più di un anno da JoyCò, Ayada è la nuova frontiera delle Maldive.“Per noi questo confronto con il trade è fondamentale - dichiara Gioja Tresoldi, managing director di JoyCò -. Ayada, nelle Maldive del Sud, dista 60 chilometri dall’isola più vicina, aspetto che ne garantisce privacy e relax. Riporta alle Maldive delle origini, ma con confort e servizi all’avanguardia, sistemazioni, 112 in tutto, di varia tipologia, attività per ospiti di ogni età. La proprietà è di una famiglia che sta investendo molto in Europa e ora guarda con interesse all’Italia” A due passi da Trieste, Lipica è una meta slovena di grande appeal. “Per noi l’Italia è una priorità e il 2024 dà già segnali di ulteriore crescita - afferma Kristina Mamić Mikša -. Sempre più apprezzata, e non solo dagli sportivi, è immersa in 300 ettari di verde, con un maneggio appena rinnovato, allevamento di 30 cavalli, golf a 9 buche, hotel in piena sintonia con l’ambiente, centro congressi... Di certo il treno diretto Milano – Lubjana, che fermerà anche a Lipica, segnerà una svolta”. Novità anche per il Girasole, con una “Islanda in versione fly and drive - dichiara Claudio Parisi –, a cui si aggiungeranno mete insolite. In uscita pure il nuovo catalogo Azzorre, tour per Madeira e la Rota Vicentina, in Portogallo, il cammino dei Fari e quello di Santiago, in Spagna. In tema ferroviario, da segnalare i viaggi a bordo dei treni spagnoli di lusso e la grande ripresa dell’Interrail: formula per anni dimenticata e oggi molto richiesta dagli agenti di viaggi per l’utenza più giovane”. [gallery ids="464528,464529,464530,464531"] [post_title] => Al Travel Open Day di Torino molti debutti e tante novità [post_date] => 2024-03-28T12:18:39+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1711628319000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 464505 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il gruppo Carnival ha chiuso a fine febbraio un primo trimestre fiscale sopra le aspettative e si prepara  a vedere finalmente il proprio bilancio tornare in territorio positivo, dopo le difficoltà finanziarie sperimentate durante il Covid e nella fase di ripartenza. "E' stato un fantastico inizio d'anno - sottolinea il ceo, Josh Weinstein -. I risultati del primo trimestre hanno superato le nostre previsioni in ogni voce contabile, con una wave saeson che ha garantito prenotazioni record a tariffe su livelli considerevolmente superiori a quelli passati. Tutto ciò ci porta a modificare le nostre stime per il 2023-2034, alzando le aspettative di miglioramento dei nostri rendimenti attesi di un punto percentuale, fino ad arrivare quasi alla doppia cifra". Nel dettaglio, il fatturato totale Carnival tra dicembre e febbraio ha raggiunto i 5,4 miliardi di dollari (4,4 mld nello stesso periodo dell'anno precedente), con profitti operativi per 276 milioni (vs -172 mln). Bene anche i margini operativi lordi rettificati (adjusted ebitda), a quota 871 milioni: una cifra di oltre 70 mln sopra le stime dello scorso dicembre (erano 382 mln 12 mesi prima). Ancora in negativo invece la bottom line con gli utili netti rettificati in rosso per 214 milioni. Un risultato comunque migliore di quanto stimato a inizio anno fiscale, nonché nettamente superiore ai -693 mln registrati tra dicembre 2022 e febbraio 2023. Il dato è comunque destinato a migliorare nei prossimi mesi, visto che tradizionalmente il primo trimestre è il periodo meno profittevole per l'industria crocieristica. [post_title] => Prosegue il percorso del gruppo Carnival verso il nero in bottom line [post_date] => 2024-03-28T11:04:09+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1711623849000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 464059 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Tempo di utili per le principali compagnie aeree  europee, a chiusura di un 2023 nel segno della ripresa. I protagonisti del trasporto aereo del Vecchio Continente, a cominciare dal gruppo Lufthansa a quello di Air France-Klm, dal gruppo Ryanair a Iag, hanno tutti archiviato l'ultimo esercizio con risultati positivi.  Secondo un'analisi de Il Sole 24 Ore i quattro gruppi hanno registrato un fatturato di 106,16 miliardi di euro nel 2023, pari ad una crescita del +18,9% (16,87 miliardi), mentre gli utili netti aggregati sono cresciuti del +110% (7,45 miliardi). A centrare i migliori risultati è stato il gruppo Iag con ricavi per 29,45 miliardi (+27,6%), un utile operativo di 3,51 miliardi (+174%) e un utile netto più che quadruplicato a quota 2,655 miliardi. Anche Lufthansa ha fatto bene, ottenendo il terzo miglior risultato della storia (+15% di ricavi; +76% di utile operativo; +112% di utile netto). Si tratta di un trend significativo, se si considera che il volume del traffico internazionale è ancora al di sotto dei livelli pre-pandemici, segnando un -4,3% rispetto al 2019, mentre il traffico domestico è aumentato del +6,7% rispetto al gennaio di cinque anni fa. Intanto, nel gennaio 2024, la domanda di viaggio globale è aumentata del +16,6% rispetto allo stesso periodo del 2023, e quella europea del +10%. Una tendenza che conferma la buona performance registrata negli ultimi mesi dello scorso anno. Per questo motivo, l'associazione delle compagnie aeree europee Airlines for Europe (A4E) prevede che nell'estate del 2024 il traffico in Europa sarà del 96% rispetto ai livelli del 2019.   [post_title] => Le compagnie aeree europee ritrovano profitti e ricavi record nel 2023 [post_date] => 2024-03-22T10:11:52+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1711102312000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 463578 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Un percorso parallelo multisensoriale con contenuti interattivi, opere da toccare e da ascoltare, guide nella lingua dei segni, nuovi device multimediali e introduzione di linguaggi contemporanei, per un Museo sempre più inclusivo e accessibile che promuove la cultura dell’incontro e dell’integrazione con la diversità. Sono queste alcune delle proposte portate a compimento dal Museo di Palazzo Pretorio di Prato, e che danno l’avvio alla prima parte delle celebrazioni per i 10 anni dalla sua inaugurazione, avvenuta il 12 aprile 2014 dopo un complesso intervento di restauro dell’allora Museo Civico, chiuso da vent’anni e ospitato dal 1912 nel duecentesco Palazzo Pretorio. «In questi dieci anni il Museo di Palazzo Pretorio non ha mai smesso di saper raccontare la storia e la contemporaneità di Prato. E ancora oggi, con l'impegno di essere un Museo sempre più inclusivo e aperto, è testimone di una Città che, forte della sua identità di città partecipata, ha fatto dei temi dell’integrazione e dell’inclusione i fattori chiave di una governance multilivello - dichiara il Sindaco Matteo Biffoni - Dobbiamo sempre più prendere consapevolezza che la potenzialità e la forza competitiva di Prato sono dovute in parte alla sua capacità di essere una comunità che ha sconfitto i pregiudizi sulla diversità». Ispirato fin dalla sua riapertura ad una concezione rispettosa dei principi dell’accessibilità e dell’abbattimento delle barriere architettoniche, con una progettualità orientata all’inclusione, il Museo presenta ora nuovi interventi che insistono sulla prospettiva di una visione museologica aperta e sempre più inclusiva, realizzati grazie agli specifici fondi del PNRR dedicati alla rimozione delle barriere fisiche, cognitive e sensoriali dei musei e dei luoghi della cultura pubblici a cui il Museo di Palazzo Pretorio ha avuto accesso grazie ad un progetto di sviluppo e implementazione delle proprie dotazioni tecnologiche e tiflodidattiche, improntato alla sempre maggiore accessibilità e ad una migliore fruizione dell’esperienza di visita. «Il programma delle Celebrazioni per il decennale si arricchisce con questo progetto che riflette quello che è da sempre l’impegno del Museo: promozione dell'inclusione, abbattimento di tutte le barriere, superamento dell'idea di museo quale contenitore di opere, costruendo nel tempo narrazioni articolate e iniziative condivise per coinvolgere pubblici sempre più ampi alla vita del Pretorio», afferma l’Assessore alla Cultura Simone Mangani. «Nella consapevolezza che l’arte debba essere vettore di coesione e di integrazione sociale, il Museo di Palazzo Pretorio si mette in gioco e dà così forma a nuovi modi di leggere la bellezza», aggiunge Rita Iacopino, direttrice del Museo di Palazzo Pretorio. Il nuovo percorso parte dal piano terra con un plastico multimediale interattivo che ricostruisce tridimensionalmente in scala il Palazzo Pretorio e che consente l’esplorazione tattile dell’edificio favorendo la “leggibilità” ai visitatori con ridotte capacità visive. Audio attivabili con un tocco sui punti corrispondenti muniti di sensore permettono di ripercorrere le fasi storiche del Palazzo in un viaggio attraverso alcuni significativi elementi architettonici. Convinto che l’inclusione sia un valore, il Museo sta lavorando anche al restyling e all’aggiornamento del Sito web e dell’App, con la creazione di nuove sezioni e contenuti, progettati per rendere possibile la navigazione anche da parte di un pubblico con difficoltà sensoriali o cognitive. [post_title] => Prato, il Museo di Palazzo Pretorio si rinnova con percorsi tattili e sensoriali [post_date] => 2024-03-18T09:00:53+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1710752453000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 463520 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Bilancio 2023 positivo per l'aeroporto Marconi di Bologna che archivia il 2023 con ricavi consolidati per 145,1 milioni di euro, +7,8% rispetto al 2022, e pari ad una crescita del +15,9% se confrontati con il 2019. L'ebit del Marconi si è attestato a 25,8 milioni di euro contro un risultato di 36 milioni del 2022 (14,7 milioni al netto del Contributo Covid) e di 31,1 milioni di euro nell’ultimo anno pre-Covid. L'esercizio si chiude con un utile consolidato di 16,7 milioni di euro contro 31,1 milioni del 2022 (di cui 21,1 milioni dovuti al contributo derivante dal Fondo di compensazione). Al netto di tale contributo straordinario, l’utile del 2022 con cui confrontare il risultato dello stesso periodo del 2023 ammonta a 10 milioni di euro e la crescita è quindi del 67,5%. «Possiamo definire il 2023 come l’anno della definitiva ripresa delle attività, con oltre un anno di anticipo sulle previsioni, pur in uno scenario globale caratterizzato da una profonda incertezza e volatilità - ha commentato Nazareno Ventola, ad e direttore generale di Aeroporto Guglielmo Marconi di Bologna -. In tale contesto siamo stati in grado di gestire il ritorno a pieno regime del traffico nel nostro aeroporto, seppur in un contesto caratterizzato dalla presenza di diversi cantieri, che ci accompagneranno anche nei prossimi anni e che hanno lo scopo di migliorare ulteriormente, nel breve e nel lungo termine, le nostre infrastrutture e, di conseguenza, l’esperienza di viaggio». Nel 2023 sono stati complessivamente 9.970.284 i passeggeri registrati, in crescita del 17,4% rispetto al 2022, 78.658 i movimenti (+11,0%) e 50.994 le tonnellate di merce trasportata (-7,6%). Prendendo invece a riferimento il 2019, ultimo anno pre-Covid, il traffico passeggeri è stato nell’ultimo anno superiore del 6%, con luglio come il miglior mese di sempre nella storia dello scalo. Numeri che hanno permesso allo scalo bolognese di confermarsi al settimo posto in Italia per numero di passeggeri. l traffico low cost ha fatto registrare una variazione positiva dei volumi rispetto sia al 2022, con un +11,4%, che al 2019 con un +23,6%, mentre il traffico legacy ha mostrato un recupero più lento: +32,7% rispetto al 2022 ma -17,2% rispetto al 2019, oltre ad una contrazione dei movimenti sempre rispetto al 2019. Analizzando le performance dei vettori, Ryanair si conferma la prima compagnia sullo scalo con il 53,3% del traffico totale, seguita da Wizz Air con il 9,7%, in crescita rispetto al 5,4% del 2019 e da Air France con il 2,9%. [post_title] => L'Aeroporto Bologna archivia il 2023 con profitti per 16,7 milioni di euro [post_date] => 2024-03-15T09:51:56+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1710496316000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 463048 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Prosegue l'attrazione fatale tra i gruppi dell'ospitalità spagnola e l'Italia. Dopo Room Mate, Lhg e Casual Hoteles (per citare solo alcuni di quelli con una storia recente nella nostra Penisola), è ora il momento anche di Panoram Hotel Management, partner tra gli altri di gruppi come Hilton e Accor. La white label company già gestisce il Grand Hotel Imperiale a Forte dei Marmi, ma mira espandersi ulteriormente nel nostro paese. E per farlo ha scelto Fabrizio Trimarchi, quale direttore sviluppo per l'Italia.  Con una lunga esperienza nel settore immobiliare alberghiero durata oltre 20 anni, Trimarchi proviene dal ruolo di managing partner di Hotel Seeker. In precedenza, aveva ricoperto il ruolo di vice president Jones Lang LaSalle Hotels in Italia, oltre ad altri incarichi in società di consulenza direzionale e società alberghiere quali Starwood e Sheraton. Mba in Bocconi, Trimarchi ha conseguito il certificate in real estate and hotel investments presso la Cornell University, l’advanced certificate in real estate presso la Henley business school, university of Reading (Uk). È inoltre un membro attivo del Rics e un esperto valutatore alberghiero. Panoram guarda ora a tutti i mercati alberghieri primari, quali Milano, Torino, Roma, Venezia, Verona, Firenze, Napoli e selezionate città secondarie, insieme alle principali destinazioni leisure, che godano di flussi turistici consolidati. L'approccio sarà white label, associato al contratto di gestione alberghiera hma e agli accordi di franchising. Attualmente Panoram Hotel Management gestisce un portafoglio di sedici hotel in Spagna e Italia. [post_title] => La white label company spagnola Panoram spinge sull'Italia: Fabrizio Trimarchi direttore sviluppo [post_date] => 2024-03-07T12:55:26+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709816126000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 463031 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Turkmenistan Airlines ha inaugurato ieri il suo primo volo passeggeri dall’hub di Ashgabat a Milano Malpensa: il collegamento viene operato una volta alla settimana, il mercoledì, con un Boeing 737-800, ma potrebbe presto raddoppiare in base ai dati di traffico. «Milano è la nostra terza destinazione europea dopo Londra Heathrow e Francoforte – ha dichiarato Kerim Baymyradov, ground handling & cargo manager della compagnia di bandiera del Turkmenistan - e la prima che abbiamo aperto in Europa dopo la pandemia. Una pietra miliare, che ci porta in una destinazione tra le più dinamiche in Europa e una scelta che riflette la domanda di viaggio e la volontà di contribuire a rafforzare il legame tra i due paesi, dopo che la scorsa estate abbiamo attivato i primi collegamenti solo merci, operati con un A330-200». Il vettore oggi vola attraverso un network «di 20 destinazioni in 11 paesi asiatici ed europei e in flotta contiamo due B777-200 e 2 B777-300 l’ultimo dei quali è stato acquistato lo scorso anno – afferma Daniyar Jorayev, head of economic relations department della compagnia - e sono impiegati sulle rotte per Ho chi Minh, Kuala Lumpur e Bangkok mentre i -200 sono utilizzati sulle due rotte per Londra e Francoforte. In futuro, una volta consolidato il traffico, puntiamo a operare anche su Milano con i B777, unendo il servizio cargo a quello passeggeri».  Una crescita che passa da un primo aumento delle frequenze che passerebbero, dal prossimo 6 aprile a due alla settimana. «In questo momento vogliamo incentivare principalmente l’utilizzo del nostro hub di Ashgabat che, grazie alla sua posizione strategica, rappresenta uno snodo ideale per raggiungere destinazioni quali Bangkok, Pechino, Delhi, oltre alla Thailandia e Malesia». La compagnia, che in Italia ha scelto Edograf come gsa, per la distribuzione fa perno su «Hahn Air con la pubblicazione dei voli in tutti i gds con il codice H1». Malpensa e la scommessa sull'Asia Grandi aspettative anche per l'aeroporto di Milano Malpensa, che con l'arrivo di Turkmenistan Airlines aggiunge un nuovo tassello all'offerta di collegamenti verso il continente asiatico: «Il lancio di questo volo si inserisce in una fase di crescita molto positiva per Malpensa, dopo un 2023 in cui sono stati raggiunti e anzi leggermente superati i volumi di traffico 2019 - afferma Aldo Schmid, head of aviation, marketing and traffic rights Sea -. E i primi due mesi del 2024 sono stati estremamente positivi con un +12% di crescita passeggeri, con premesse altrettanto positive per la summer, in particolare sull’Asia, avremo una crescita di capacità 18% rispetto al 2023. Con 33 rotte in 24 Paesi, operate da 28 compagnie lo scalo di Malpensa è al quarto posto tra quelli in Europa occidentale per connettività sull'Asia, in termini di destinazioni servite e di compagnie aeree operative». [gallery ids="463042,463044,463045"] [post_title] => Turkmenistan Airlines è operativa sulla Milano Malpensa-Ashgabat. E punta a crescere [post_date] => 2024-03-07T12:45:08+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709815508000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 463039 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => RateHawk chiude un 2023 record, raddoppiando il valore netto delle vendite e registrando una crescita dell'85% del numero di prenotazioni rispetto all'anno precedente. Insieme alla capogruppo Emerging Travel, il sistema online di prenotazione di strutture ricettive, biglietti aerei e transfer per professionisti del turismo ha quindi raggiunto un valore lordo delle transazioni pari a 2,6 miliardi di dollari. Biglietti aerei e transfer hanno mostrato un incremento costante per tutto il 2023: Il numero di voli prenotati è raddoppiato, mentre gli ordini di transfer hanno visto un aumento pari al 67%, rispetto all'anno precedente. "Volgendo lo sguardo al 2024 abbiamo una visione ottimista, in linea con le previsioni dell'Organizzazione mondiale del turismo delle Nazioni unite, secondo cui i flussi internazionali dovrebbero tornare completamente ai livelli pre-pandemici", sottolinea l'a.d. di Emerging Travel Group, Felix Shpilman A oggi sono oltre 62 mila i partner di RateHawk in tutto il mondo, il 61% in più rispetto all'anno precedente. Di questi, oltre 6 mila sono professionisti del settore situati in Italia (pari al 55% in più rispetto al 2022). Secondo i dati della piattaforma, il numero di prenotazioni nella nostra Penisola è incrementato di 2,5 volte rispetto all'anno precedente. Le destinazioni estere più gettonate sono state Stati Uniti, Spagna, Francia, Grecia, Emirati Arabi Uniti, Regno Unito, Giappone, Germania, Portogallo e Maldive. "Il nostro è uno dei paesi in più rapida crescita nella parte europea della nostra attività, grazie a un settore turistico ben sviluppato e all'elevata concentrazione di partner b2b - conclude Gabriele Graziani, head of business development manager per l'Italia -. La domanda dei servizi che offriamo sta registrando un veloce incremento d’interesse da parte di tutti i professionisti ai quali ci rivolgiamo, siano essi agenti di viaggio, tour operator, dmc, Ota... Per far fronte a questa domanda, abbiamo ampliato il numero di persone nel team, che prevediamo di allargare ulteriormente durante l’anno in corso, per continuare a crescere con lo stesso ritmo". [post_title] => Un 2023 da performance record per RateHawk che raddoppia il fatturato [post_date] => 2024-03-07T12:39:50+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709815190000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "1712" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":177,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":155,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465008","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Primo trimestre da record per il Torino Airport, che con oltre 1,11 milioni di passeggeri ha centrato il suo miglior risultato di sempre in questa frazione di inizio anno. Con un totale di 1.114.448 passeggeri, Caselle ha registrato quindi una crescita del 3,7% sullo stesso periodo del 2023 (1.074.195 passeggeri).\r\nTutti e tre i mesi - gennaio, febbraio e marzo - hanno battuto i rispettivi record mensili dell’anno precedente. A trainare la crescita è stato il traffico internazionale con un incremento dei volumi pari al 7,6% arrivando a rappresentare il 60% del traffico totale: i passeggeri dei voli internazionali sono infatti passati da 620mila nel 2023 a oltre 667.000 nel 2024.\r\nTale risultato è stato raggiunto anche grazie all’ottimo andamento del traffico neve registrato nella stagione invernale 2023-2024: il numero di sciatori trasportati ha registrato un incremento del 9% rispetto alla stagione 2022-2023.\r\nI voli per gli sciatori dal Nord Europa hanno riportato alcune novità di linea come Belfast (collegata da Ryanair) e London Heathrow (collegata da British Airways), a cui va sommato il volo charter da East Midlands, sempre in Gran Bretagna; inoltre Air Baltic si è aggiunta su Vilnius (già servita da Ryanair).\r\nAnche i flussi turistici legati alle vacanze pasquali hanno contribuito in maniera significativa al raggiungimento del record del trimestre: nella settimana di Pasqua, dal giovedì santo al martedì successivo, i passeggeri sono stati oltre 85.000 tra arrivi e partenze, in crescita del 7,9% sui dati registrati negli analoghi giorni di Pasqua 2023 (circa 80.000).","post_title":"Torino Airport: il traffico internazionale traina i risultati record del primo trimestre 2024","post_date":"2024-04-08T10:15:55+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1712571355000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"464524","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"La primavera dei Travel Open Day si è aperta a Torino, il 21 marzo scorso, con un atteso b2b che ha visto la presenza di oltre 30 espositori. “Torino è una città che risponde sempre bene”, dichiara Laura Zancolò, key account manager di Svizzera Turismo, accanto a Levente Gyorgy, da pochi mesi responsabile dei mercati per Vaud Promotion, che dichiara: “Da due anni, il canton Vaud punta alla multi-settorialità e coinvolge settori diversi: turismo, economia, prodotti tipici, imprese… Tutti ambasciatori del Cantone. Per il 2024 il focus è su gastronomia e vini, su musei e la frizzante city-life di Losanna, sulla riviera di Montreaux e i paesaggi Unesco del Lavaux, Glacier 3000 e le piste di Villars sur Ollons. Ma anche sulle terme e la Vallée du Joux, culla dell’orologeria Svizzera”.\r\n\r\nPrimo Tod per Asatours, to britannico attivo da 35 anni, specializzato in Gran Bretagna e Irlanda per individuali, gruppi e mice: “Approccio più che positivo – afferma Sara Lasca – ho colto interesse per la versatilità del nostro prodotto, classico ma che contempla percorsi meno battuti, esperienze e autentiche chicche. Come la Battersea Power Station di Londra, ex centrale a carbone eternata da un lp dei Pink Floyd, ora fulcro di un’area trendy molto vivace, o Belfast capitale nordirlandese che ha ancora molto da esprimere”.\r\n\r\nRappresentata sul mercato italiano da poco più di un anno da JoyCò, Ayada è la nuova frontiera delle Maldive.“Per noi questo confronto con il trade è fondamentale - dichiara Gioja Tresoldi, managing director di JoyCò -. Ayada, nelle Maldive del Sud, dista 60 chilometri dall’isola più vicina, aspetto che ne garantisce privacy e relax. Riporta alle Maldive delle origini, ma con confort e servizi all’avanguardia, sistemazioni, 112 in tutto, di varia tipologia, attività per ospiti di ogni età. La proprietà è di una famiglia che sta investendo molto in Europa e ora guarda con interesse all’Italia”\r\n\r\nA due passi da Trieste, Lipica è una meta slovena di grande appeal. “Per noi l’Italia è una priorità e il 2024 dà già segnali di ulteriore crescita - afferma Kristina Mamić Mikša -. Sempre più apprezzata, e non solo dagli sportivi, è immersa in 300 ettari di verde, con un maneggio appena rinnovato, allevamento di 30 cavalli, golf a 9 buche, hotel in piena sintonia con l’ambiente, centro congressi... Di certo il treno diretto Milano – Lubjana, che fermerà anche a Lipica, segnerà una svolta”. Novità anche per il Girasole, con una “Islanda in versione fly and drive - dichiara Claudio Parisi –, a cui si aggiungeranno mete insolite. In uscita pure il nuovo catalogo Azzorre, tour per Madeira e la Rota Vicentina, in Portogallo, il cammino dei Fari e quello di Santiago, in Spagna. In tema ferroviario, da segnalare i viaggi a bordo dei treni spagnoli di lusso e la grande ripresa dell’Interrail: formula per anni dimenticata e oggi molto richiesta dagli agenti di viaggi per l’utenza più giovane”.\r\n\r\n[gallery ids=\"464528,464529,464530,464531\"]","post_title":"Al Travel Open Day di Torino molti debutti e tante novità","post_date":"2024-03-28T12:18:39+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1711628319000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"464505","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il gruppo Carnival ha chiuso a fine febbraio un primo trimestre fiscale sopra le aspettative e si prepara  a vedere finalmente il proprio bilancio tornare in territorio positivo, dopo le difficoltà finanziarie sperimentate durante il Covid e nella fase di ripartenza. \"E' stato un fantastico inizio d'anno - sottolinea il ceo, Josh Weinstein -. I risultati del primo trimestre hanno superato le nostre previsioni in ogni voce contabile, con una wave saeson che ha garantito prenotazioni record a tariffe su livelli considerevolmente superiori a quelli passati. Tutto ciò ci porta a modificare le nostre stime per il 2023-2034, alzando le aspettative di miglioramento dei nostri rendimenti attesi di un punto percentuale, fino ad arrivare quasi alla doppia cifra\".\r\n\r\nNel dettaglio, il fatturato totale Carnival tra dicembre e febbraio ha raggiunto i 5,4 miliardi di dollari (4,4 mld nello stesso periodo dell'anno precedente), con profitti operativi per 276 milioni (vs -172 mln). Bene anche i margini operativi lordi rettificati (adjusted ebitda), a quota 871 milioni: una cifra di oltre 70 mln sopra le stime dello scorso dicembre (erano 382 mln 12 mesi prima). Ancora in negativo invece la bottom line con gli utili netti rettificati in rosso per 214 milioni. Un risultato comunque migliore di quanto stimato a inizio anno fiscale, nonché nettamente superiore ai -693 mln registrati tra dicembre 2022 e febbraio 2023. Il dato è comunque destinato a migliorare nei prossimi mesi, visto che tradizionalmente il primo trimestre è il periodo meno profittevole per l'industria crocieristica.","post_title":"Prosegue il percorso del gruppo Carnival verso il nero in bottom line","post_date":"2024-03-28T11:04:09+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1711623849000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"464059","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":" Tempo di utili per le principali compagnie aeree  europee, a chiusura di un 2023 nel segno della ripresa. I protagonisti del trasporto aereo del Vecchio Continente, a cominciare dal gruppo Lufthansa a quello di Air France-Klm, dal gruppo Ryanair a Iag, hanno tutti archiviato l'ultimo esercizio con risultati positivi. \r\n\r\nSecondo un'analisi de Il Sole 24 Ore i quattro gruppi hanno registrato un fatturato di 106,16 miliardi di euro nel 2023, pari ad una crescita del +18,9% (16,87 miliardi), mentre gli utili netti aggregati sono cresciuti del +110% (7,45 miliardi).\r\n\r\nA centrare i migliori risultati è stato il gruppo Iag con ricavi per 29,45 miliardi (+27,6%), un utile operativo di 3,51 miliardi (+174%) e un utile netto più che quadruplicato a quota 2,655 miliardi. Anche Lufthansa ha fatto bene, ottenendo il terzo miglior risultato della storia (+15% di ricavi; +76% di utile operativo; +112% di utile netto).\r\n\r\nSi tratta di un trend significativo, se si considera che il volume del traffico internazionale è ancora al di sotto dei livelli pre-pandemici, segnando un -4,3% rispetto al 2019, mentre il traffico domestico è aumentato del +6,7% rispetto al gennaio di cinque anni fa.\r\n\r\nIntanto, nel gennaio 2024, la domanda di viaggio globale è aumentata del +16,6% rispetto allo stesso periodo del 2023, e quella europea del +10%. Una tendenza che conferma la buona performance registrata negli ultimi mesi dello scorso anno. Per questo motivo, l'associazione delle compagnie aeree europee Airlines for Europe (A4E) prevede che nell'estate del 2024 il traffico in Europa sarà del 96% rispetto ai livelli del 2019.\r\n\r\n ","post_title":"Le compagnie aeree europee ritrovano profitti e ricavi record nel 2023","post_date":"2024-03-22T10:11:52+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1711102312000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"463578","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Un percorso parallelo multisensoriale con contenuti interattivi, opere da toccare e da ascoltare, guide nella lingua dei segni, nuovi device multimediali e introduzione di linguaggi contemporanei, per un Museo sempre più inclusivo e accessibile che promuove la cultura dell’incontro e dell’integrazione con la diversità.\r\n\r\nSono queste alcune delle proposte portate a compimento dal Museo di Palazzo Pretorio di Prato, e che danno l’avvio alla prima parte delle celebrazioni per i 10 anni dalla sua inaugurazione, avvenuta il 12 aprile 2014 dopo un complesso intervento di restauro dell’allora Museo Civico, chiuso da vent’anni e ospitato dal 1912 nel duecentesco Palazzo Pretorio.\r\n\r\n«In questi dieci anni il Museo di Palazzo Pretorio non ha mai smesso di saper raccontare la storia e la contemporaneità di Prato. E ancora oggi, con l'impegno di essere un Museo sempre più inclusivo e aperto, è testimone di una Città che, forte della sua identità di città partecipata, ha fatto dei temi dell’integrazione e dell’inclusione i fattori chiave di una governance multilivello - dichiara il Sindaco Matteo Biffoni - Dobbiamo sempre più prendere consapevolezza che la potenzialità e la forza competitiva di Prato sono dovute in parte alla sua capacità di essere una comunità che ha sconfitto i pregiudizi sulla diversità».\r\n\r\nIspirato fin dalla sua riapertura ad una concezione rispettosa dei principi dell’accessibilità e dell’abbattimento delle barriere architettoniche, con una progettualità orientata all’inclusione, il Museo presenta ora nuovi interventi che insistono sulla prospettiva di una visione museologica aperta e sempre più inclusiva, realizzati grazie agli specifici fondi del PNRR dedicati alla rimozione delle barriere fisiche, cognitive e sensoriali dei musei e dei luoghi della cultura pubblici a cui il Museo di Palazzo Pretorio ha avuto accesso grazie ad un progetto di sviluppo e implementazione delle proprie dotazioni tecnologiche e tiflodidattiche, improntato alla sempre maggiore accessibilità e ad una migliore fruizione dell’esperienza di visita.\r\n\r\n«Il programma delle Celebrazioni per il decennale si arricchisce con questo progetto che riflette quello che è da sempre l’impegno del Museo: promozione dell'inclusione, abbattimento di tutte le barriere, superamento dell'idea di museo quale contenitore di opere, costruendo nel tempo narrazioni articolate e iniziative condivise per coinvolgere pubblici sempre più ampi alla vita del Pretorio», afferma l’Assessore alla Cultura Simone Mangani.\r\n\r\n«Nella consapevolezza che l’arte debba essere vettore di coesione e di integrazione sociale, il Museo di Palazzo Pretorio si mette in gioco e dà così forma a nuovi modi di leggere la bellezza», aggiunge Rita Iacopino, direttrice del Museo di Palazzo Pretorio.\r\n\r\nIl nuovo percorso parte dal piano terra con un plastico multimediale interattivo che ricostruisce tridimensionalmente in scala il Palazzo Pretorio e che consente l’esplorazione tattile dell’edificio favorendo la “leggibilità” ai visitatori con ridotte capacità visive. Audio attivabili con un tocco sui punti corrispondenti muniti di sensore permettono di ripercorrere le fasi storiche del Palazzo in un viaggio attraverso alcuni significativi elementi architettonici.\r\n\r\nConvinto che l’inclusione sia un valore, il Museo sta lavorando anche al restyling e all’aggiornamento del Sito web e dell’App, con la creazione di nuove sezioni e contenuti, progettati per rendere possibile la navigazione anche da parte di un pubblico con difficoltà sensoriali o cognitive.","post_title":"Prato, il Museo di Palazzo Pretorio si rinnova con percorsi tattili e sensoriali","post_date":"2024-03-18T09:00:53+00:00","category":["incoming"],"category_name":["Incoming"],"post_tag":[]},"sort":[1710752453000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"463520","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Bilancio 2023 positivo per l'aeroporto Marconi di Bologna che archivia il 2023 con ricavi consolidati per 145,1 milioni di euro, +7,8% rispetto al 2022, e pari ad una crescita del +15,9% se confrontati con il 2019.\r\n\r\nL'ebit del Marconi si è attestato a 25,8 milioni di euro contro un risultato di 36 milioni del 2022 (14,7 milioni al netto del Contributo Covid) e di 31,1 milioni di euro nell’ultimo anno pre-Covid. L'esercizio si chiude con un utile consolidato di 16,7 milioni di euro contro 31,1 milioni del 2022 (di cui 21,1 milioni dovuti al contributo derivante dal Fondo di compensazione). Al netto di tale contributo straordinario, l’utile del 2022 con cui confrontare il risultato dello stesso periodo del 2023 ammonta a 10 milioni di euro e la crescita è quindi del 67,5%.\r\n\r\n«Possiamo definire il 2023 come l’anno della definitiva ripresa delle attività, con oltre un anno di anticipo sulle previsioni, pur in uno scenario globale caratterizzato da una profonda incertezza e volatilità - ha commentato Nazareno Ventola, ad e direttore generale di Aeroporto Guglielmo Marconi di Bologna -. In tale contesto siamo stati in grado di gestire il ritorno a pieno regime del traffico nel nostro aeroporto, seppur in un contesto caratterizzato dalla presenza di diversi cantieri, che ci accompagneranno anche nei prossimi anni e che hanno lo scopo di migliorare ulteriormente, nel breve e nel lungo termine, le nostre infrastrutture e, di conseguenza, l’esperienza di viaggio».\r\n\r\nNel 2023 sono stati complessivamente 9.970.284 i passeggeri registrati, in crescita del 17,4% rispetto al 2022, 78.658 i movimenti (+11,0%) e 50.994 le tonnellate di merce trasportata (-7,6%). Prendendo invece a riferimento il 2019, ultimo anno pre-Covid, il traffico passeggeri è stato nell’ultimo anno superiore del 6%, con luglio come il miglior mese di sempre nella storia dello scalo. Numeri che hanno permesso allo scalo bolognese di confermarsi al settimo posto in Italia per numero di passeggeri.\r\nl traffico low cost ha fatto registrare una variazione positiva dei volumi rispetto sia al 2022, con un +11,4%, che al 2019 con un +23,6%, mentre il traffico legacy ha mostrato un recupero più lento: +32,7% rispetto al 2022 ma -17,2% rispetto al 2019, oltre ad una contrazione dei movimenti sempre rispetto al 2019.\r\nAnalizzando le performance dei vettori, Ryanair si conferma la prima compagnia sullo scalo con il 53,3% del traffico totale, seguita da Wizz Air con il 9,7%, in crescita rispetto al 5,4% del 2019 e da Air France con il 2,9%.","post_title":"L'Aeroporto Bologna archivia il 2023 con profitti per 16,7 milioni di euro","post_date":"2024-03-15T09:51:56+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1710496316000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"463048","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Prosegue l'attrazione fatale tra i gruppi dell'ospitalità spagnola e l'Italia. Dopo Room Mate, Lhg e Casual Hoteles (per citare solo alcuni di quelli con una storia recente nella nostra Penisola), è ora il momento anche di Panoram Hotel Management, partner tra gli altri di gruppi come Hilton e Accor. La white label company già gestisce il Grand Hotel Imperiale a Forte dei Marmi, ma mira espandersi ulteriormente nel nostro paese. E per farlo ha scelto Fabrizio Trimarchi, quale direttore sviluppo per l'Italia. \r\n\r\nCon una lunga esperienza nel settore immobiliare alberghiero durata oltre 20 anni, Trimarchi proviene dal ruolo di managing partner di Hotel Seeker. In precedenza, aveva ricoperto il ruolo di vice president Jones Lang LaSalle Hotels in Italia, oltre ad altri incarichi in società di consulenza direzionale e società alberghiere quali Starwood e Sheraton. Mba in Bocconi, Trimarchi ha conseguito il certificate in real estate and hotel investments presso la Cornell University, l’advanced certificate in real estate presso la Henley business school, university of Reading (Uk). È inoltre un membro attivo del Rics e un esperto valutatore alberghiero.\r\n\r\nPanoram guarda ora a tutti i mercati alberghieri primari, quali Milano, Torino, Roma, Venezia, Verona, Firenze, Napoli e selezionate città secondarie, insieme alle principali destinazioni leisure, che godano di flussi turistici consolidati. L'approccio sarà white label, associato al contratto di gestione alberghiera hma e agli accordi di franchising. Attualmente Panoram Hotel Management gestisce un portafoglio di sedici hotel in Spagna e Italia.","post_title":"La white label company spagnola Panoram spinge sull'Italia: Fabrizio Trimarchi direttore sviluppo","post_date":"2024-03-07T12:55:26+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1709816126000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"463031","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Turkmenistan Airlines ha inaugurato ieri il suo primo volo passeggeri dall’hub di Ashgabat a Milano Malpensa: il collegamento viene operato una volta alla settimana, il mercoledì, con un Boeing 737-800, ma potrebbe presto raddoppiare in base ai dati di traffico.\r\n\r\n«Milano è la nostra terza destinazione europea dopo Londra Heathrow e Francoforte – ha dichiarato Kerim Baymyradov, ground handling & cargo manager della compagnia di bandiera del Turkmenistan - e la prima che abbiamo aperto in Europa dopo la pandemia. Una pietra miliare, che ci porta in una destinazione tra le più dinamiche in Europa e una scelta che riflette la domanda di viaggio e la volontà di contribuire a rafforzare il legame tra i due paesi, dopo che la scorsa estate abbiamo attivato i primi collegamenti solo merci, operati con un A330-200».\r\n\r\nIl vettore oggi vola attraverso un network «di 20 destinazioni in 11 paesi asiatici ed europei e in flotta contiamo due B777-200 e 2 B777-300 l’ultimo dei quali è stato acquistato lo scorso anno – afferma Daniyar Jorayev, head of economic relations department della compagnia - e sono impiegati sulle rotte per Ho chi Minh, Kuala Lumpur e Bangkok mentre i -200 sono utilizzati sulle due rotte per Londra e Francoforte. In futuro, una volta consolidato il traffico, puntiamo a operare anche su Milano con i B777, unendo il servizio cargo a quello passeggeri». \r\n\r\nUna crescita che passa da un primo aumento delle frequenze che passerebbero, dal prossimo 6 aprile a due alla settimana. «In questo momento vogliamo incentivare principalmente l’utilizzo del nostro hub di Ashgabat che, grazie alla sua posizione strategica, rappresenta uno snodo ideale per raggiungere destinazioni quali Bangkok, Pechino, Delhi, oltre alla Thailandia e Malesia».\r\n\r\nLa compagnia, che in Italia ha scelto Edograf come gsa, per la distribuzione fa perno su «Hahn Air con la pubblicazione dei voli in tutti i gds con il codice H1».\r\n\r\nMalpensa e la scommessa sull'Asia\r\n\r\nGrandi aspettative anche per l'aeroporto di Milano Malpensa, che con l'arrivo di Turkmenistan Airlines aggiunge un nuovo tassello all'offerta di collegamenti verso il continente asiatico: «Il lancio di questo volo si inserisce in una fase di crescita molto positiva per Malpensa, dopo un 2023 in cui sono stati raggiunti e anzi leggermente superati i volumi di traffico 2019 - afferma Aldo Schmid, head of aviation, marketing and traffic rights Sea -. E i primi due mesi del 2024 sono stati estremamente positivi con un +12% di crescita passeggeri, con premesse altrettanto positive per la summer, in particolare sull’Asia, avremo una crescita di capacità 18% rispetto al 2023. Con 33 rotte in 24 Paesi, operate da 28 compagnie lo scalo di Malpensa è al quarto posto tra quelli in Europa occidentale per connettività sull'Asia, in termini di destinazioni servite e di compagnie aeree operative».\r\n\r\n[gallery ids=\"463042,463044,463045\"]","post_title":"Turkmenistan Airlines è operativa sulla Milano Malpensa-Ashgabat. E punta a crescere","post_date":"2024-03-07T12:45:08+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1709815508000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"463039","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"RateHawk chiude un 2023 record, raddoppiando il valore netto delle vendite e registrando una crescita dell'85% del numero di prenotazioni rispetto all'anno precedente. Insieme alla capogruppo Emerging Travel, il sistema online di prenotazione di strutture ricettive, biglietti aerei e transfer per professionisti del turismo ha quindi raggiunto un valore lordo delle transazioni pari a 2,6 miliardi di dollari. Biglietti aerei e transfer hanno mostrato un incremento costante per tutto il 2023: Il numero di voli prenotati è raddoppiato, mentre gli ordini di transfer hanno visto un aumento pari al 67%, rispetto all'anno precedente.\r\n\r\n\"Volgendo lo sguardo al 2024 abbiamo una visione ottimista, in linea con le previsioni dell'Organizzazione mondiale del turismo delle Nazioni unite, secondo cui i flussi internazionali dovrebbero tornare completamente ai livelli pre-pandemici\", sottolinea l'a.d. di Emerging Travel Group, Felix Shpilman\r\n\r\nA oggi sono oltre 62 mila i partner di RateHawk in tutto il mondo, il 61% in più rispetto all'anno precedente. Di questi, oltre 6 mila sono professionisti del settore situati in Italia (pari al 55% in più rispetto al 2022). Secondo i dati della piattaforma, il numero di prenotazioni nella nostra Penisola è incrementato di 2,5 volte rispetto all'anno precedente. Le destinazioni estere più gettonate sono state Stati Uniti, Spagna, Francia, Grecia, Emirati Arabi Uniti, Regno Unito, Giappone, Germania, Portogallo e Maldive.\r\n\r\n\"Il nostro è uno dei paesi in più rapida crescita nella parte europea della nostra attività, grazie a un settore turistico ben sviluppato e all'elevata concentrazione di partner b2b - conclude Gabriele Graziani, head of business development manager per l'Italia -. La domanda dei servizi che offriamo sta registrando un veloce incremento d’interesse da parte di tutti i professionisti ai quali ci rivolgiamo, siano essi agenti di viaggio, tour operator, dmc, Ota... Per far fronte a questa domanda, abbiamo ampliato il numero di persone nel team, che prevediamo di allargare ulteriormente durante l’anno in corso, per continuare a crescere con lo stesso ritmo\".","post_title":"Un 2023 da performance record per RateHawk che raddoppia il fatturato","post_date":"2024-03-07T12:39:50+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1709815190000]}]}}

Lascia un commento