1 March 2024

1700

[ 0 ]
Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono:
Email:
Provincia:
Comune:

Settore:
Mansione:


Testo dell'annuncio

Addetta booking, ufficio gruppi, commerciale di sede e preparazione documenti di viaggio con esperienza precedente in tour operator, cerca impiego in adv o t.o. a Genova o zone limitrofe.Disponibile a valutare anche trasferimento fuori regione.
Utilizzo dei sistemi Ideal e AS 400.
Disponibilità immediata, anche per un lavoro stagionale, meglio se per inserimento definitivo in organico.
Elisa, tel. 340 5879880 oppure potete contattarmi tramite mail: elisa.85@alice.it


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462136 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Tradizione da una parte e sguardo rivolto al futuro dall'altra: lo Jutland, penisola della Danimarca, è una terra da vivere in famiglia e praticando diversi sport. Un luogo dove immergersi nella bellezza della natura e in quella dell’arte, lasciandosi conquistare dall’offerta gastronomica. E, soprattutto, l’angolo di mondo ideale per scoprire la “hygge”: quel sentimento di calorosa accoglienza, sicurezza e comodità tipicamente danese che spinge a trovare la felicità nelle piccole cose. Tante le connessioni con l’Italia, operate da Sas, easyJet e Ryanair: i voli raggiungono Copenhagen, ma anche lo Jutland. Molteplici le attività sportive all’aperto, che diventano un momento di incontro. Quest'anno sará la città di Brønderslev ad ospitare la maratona Royal Run, mentre Skagen ha voluto rinnovare il museo marittimo Maskinrummet e Saeby celebra con vivaci festeggiamenti i suoi 500 anni di storia. Si svolgerà poi davanti a 150mila spettatori del Danish Air Show ospitato dalla base aerea di Aalborg. La regione è scarsamente urbanizzata, ideale per praticare kayak, ciclismo, passeggiate, equitazione, bird-watching, nuoto, pesca. Ma anche per ammirare l'onda di sabbia in costante movimento di Råbjerg Mile, che ogni anno si sposta di 15 metri verso nord-est. O assistere allo scontro tra le acque di due mari che si incontrano sulla punta dello Jutland. Il Nordyjlland, il nord dello Jutland è anche una meta amata per i city-break e la tanto attuale street art, riccamente testimoniata sui palazzi di Skagen e Alborg, quest'ultima nota per le innovative strutture architettoniche e gli spazi dedicati all'arte come il museo Kunsten, il centro culturale Utzon, e il Musikken Hus. Grande poi, il fascino di Skagen, la città più settentrionale della Danimarca e, quindi, quella con il più alto indice di luminosità. Con la sua atmosfera bohémien, le spiagge infinite e i siti naturali unici, ha attirato l'interesse di artisti internazionali e degli impressionisti danesi: sono ben 1800 le loro opere esposte nel museo della città. Le famiglie e gli amanti delle escursioni all’aria aperta - a piedi o in bicicletta - potranno poi raggiungere il Kystlandet, la cosa orientale dello Jutland, che si stende per 266 km e offre ben 25 spiagge: i bambini resteranno affascinati dal Giardino Ecologico di Odder - una graziosa cittadina affacciata sul fiume e dal fascino danese - dal "Safari delle alghe" organizzato sull’isola di Endelave e dai tanti parchi giochi attrezzati. Incantevoli le piccole città come Juelsminde con il suo bellissimo porto o Horsens, crocevia tra Europa e Scandinavia, dove vivere un’esperienza alternativa visitando FÆNGSLET - Il Museo della Prigione: il più grande museo carcerario d'Europa.   [post_title] => Danimarca: ecco lo Jutland fra tradizioni, natura e street art [post_date] => 2024-02-23T09:30:27+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708680627000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461813 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => In occasione dell’anno del Drago, il McArthurGlenSerravalle Designer Outlet si è unito alla comunità cinese nei festeggiamenti, con un ricco programma di attività e promozioni realizzato tra gli scorsi 2 e 11 febbraio. Per rendere omaggio al Capodanno cinese, l'outlet si è in particolare trasformato, ricreando le affascinanti atmosfere del Paese asiatico con una serie di installazioni a tema. "Nonostante le sfide globali – afferma il general manager di Serravalle, Matteo Migani -, il nostro centro ha sperimentato nel 2023 un notevole incremento dei flussi turistici internazionali: i dati tax free indicano a fine anno un giro d'affari generato dai visitatori stranieri superiore del 14%  rispetto ai livelli del 2019, con un peso significativo sul totale fatturato sopra al 40%. Si tratta di turisti internazionali che cercano sempre più esperienze approfondite e di qualità sul territorio". Nel corso degli anni, il market mix dei visitatori all’interno dell'outlet si è infatti costantemente evoluto, andando a ridefinire, di conseguenza, le strategie di approccio ai mercati internazionali del centro: da un lato guardando a nuove fonti di traffico, dall’altro cercando di ridurre il rischio di dipendenza da specifici mercati o aree del mondo. "Negli ultimi mesi, risultati incoraggianti sono derivati in special modo dall'implementazione di un piano straordinario per rafforzare i legami con il mercato cinese - prosegue Migani -, ritenuto di vitale importanza strategica. L'area nota come Greater China (Cina, Hong Kong, Taiwan) lo scorso anno ha infatti contribuito significativamente alla crescita dei flussi internazionali, con l’11% del totale delle vendite tax free generate dal centro, e vede oggi prospettive di crescita ulteriormente positive". Anche per questo, e in linea con l'aumento previsto dei viaggiatori cinesi in Europa, Serravalle ha inaugurato propri profili su nuovi canali di comunicazione ampiamente utilizzati dalla popolazione cinese: gli account ufficiali dell'outlet su Red Little Book, online dal 4 gennaio, e su WeChat, operativo dal 26 gennaio, hanno già raccolto oltre 1.700 followers e generato più di 1.500 interazioni. Inoltre, tra le peculiarità che hanno caratterizzato la presenza cinese all’interno del centro, alcune evidenziano una discontinuità rispetto al passato: in questo momento, il profilo dei visitatori cinesi si connota per una capacità di spesa medio alta e una presenza spesso legata a viaggi di lavoro o incentive trip, prevalentemente composta quindi da clienti individuali o piccoli gruppi che tendono a privilegiare con ancor maggior favore il concetto di esperienza a 360 gradi. "L’interazione di questi visitatori con il territorio circostanze si conferma, in questo senso, una chiave di attrazione e un elemento integrante della stessa visita al centro - conclude Migani -. Noi da sempre rispondiamo a queste aspettative, favorendo la vocazione turistica dei territori circostanti e supportando iniziative di valorizzazione dei tesori culturali, enogastronomici e paesaggistici e all’eccellenza dei servizi di ospitalità dell'Alto Monferrato, dalle colline del Gavi e della val Borbera, in particolare". [post_title] => Crescono i visitatori cinesi all'outlet di Serravalle, che festeggia l'anno del Drago [post_date] => 2024-02-19T12:38:49+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708346329000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461569 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Venezia Mestre cambia volto grazie al nuovo progetto di ampliamento e restyling varato da Rete Ferroviaria Italiana, capofila del Polo Infrastrutture del Gruppo Fs: interventi del valore complessivo di 100 milioni di euro che faranno dello scalo veneziano una stazione più moderna, funzionale e accessibile. La gara di appalto partirà a breve e gli interventi riguarderanno una nuova opera di attraversamento dei binari e il potenziamento del trasporto dei viaggiatori in ottica intermodale, anche grazie a una riorganizzazione più funzionale dei servizi di sosta e un incremento del sistema del trasporto pubblico locale. Il focus dei lavori sarà anche rivolto a garantire alla stazione una migliore accessibilità, attraverso un design inclusivo e privo di barriere architettoniche. L’attuale edificio sarà sostituito da uno più nuovo e moderno, destinato a servizi per il viaggiatore come biglietterie, sale d’attesa, attività ricreative e commerciali. Coerentemente con il percorso di sostenibilità ambientale intrapreso da Rfi, per la stazione di Venezia Mestre sarà massimizzato il contributo della luce naturale con l’utilizzo di vetrate che agevoleranno l’ingresso della luce solare con sensori di luminosità in grado di modulare l’apporto di luce artificiale. Il progetto di rinnovo della stazione di Venezia Mestre rientra nel più ampio piano di Rete Ferroviaria Italiana per rendere più accessibili i principali 600 scali ferroviari del Paese. Tra i principali progetti di restyling in corso figurano quelli che riguardano le stazioni di Pesaro, Cattolica, Trento, Treviso, Frosinone e Milano Porta Romana. Quest’ultimo scalo si inserisce nel più ampio "Accordo di Programma Scali ferroviari Milano", che vede il Polo Urbano del Gruppo FS impegnato nel progetto di trasformazione dei sette ex scali ferroviari di Milano dismessi. [post_title] => Gruppo Fs: la stazione di Venezia Mestre cambia volto con un intervento da 100 mln di euro [post_date] => 2024-02-15T11:30:23+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707996623000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461516 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La Basilicata è sempre più una regione che dà spazio a luoghi unici, insoliti, lontani dalle rotte del turismo di massa e attento a riscoprire luoghi di autentica bellezza, cultura e tradizione.  Molteplici sono le possibilità di dare un senso “terapeutico” alle tanto desiderate vacanze dedicandosi ad attività rigeneranti immergendosi nella natura, riscoprendo il fascino delle tradizioni, gustando i piatti tipici e praticando sport e attività all’aria aperta. Il progetto Turismo delle Passioni ha individuato come mete di turismo lucano alcuni ambiti   meno conosciuti, ma decisamente non scontati e da scoprire.  Erbe spontanee e fiori: la Lucania con la sua incredibile biodiversità, tutelata e protetta da due parchi nazionali, tre parchi regionali e riserve naturali, è davvero il luogo ideale per trascorrere momenti unici di condivisione. La Basilicata è la terra ideale per ammirare chiaramente le stelle di notte nelle campagne, in montagna, o nei dintorni dei piccoli borghi arroccati; l’inquinamento luminoso è infatti molto basso con cieli bui che consentono di sentirsi in collegamento diretto con l’universo  in diverse modalità: Osservatorio astronomico di Anzi (PZ), tra i più accreditati in Italia per la divulgazione scientifica e astronomica è possibile ammirare circa 4500 stelle del cielo boreale e australe; SPARKme Space Academy – Museo della Scienza e dello Spazio a Matera, sito di divulgazione scientifica che propone all’utenza visite immersive nel mondo della scienza e dello spazio; Osservatorio per detriti spaziali di Castelgrande (PZ) a 1258 metri di quota, con 2 cupole con altrettanti telescopi di 20 e 40 cm.  Fiabe e Magia: alla scoperta di nuove idee di viaggio in una regione misteriosa e ancestrale, che conserva la sua bellezza antropologica lontana dagli sguardi indiscreti del turismo di massa. Il viaggio parte da Rapone (PZ) il Paese delle Fiabe e da un libro “Lo Cunto de Li Cunti” scritto nel 1600 dal napoletano Giambattista Basile che, ispirato dal territorio lucano, raccoglie e traduce numerosi racconti popolari. Si prosegue poi verso Albano di Lucania (PZ), il “Paese della Magia” già al centro degli studi durante le spedizioni in Lucania di Ernesto De Martino negli anni ’50, con un percorso–rituale “La Rocca del Cappello”, passando per Colobraro, con la coinvolgente iniziativa “Sogno di una notte a quel paese”, per giungere ad Agromonte, il paese degli indovinelli, tra le vette del Parco Nazionale del Pollino, dichiarato nel 2015 patrimonio naturale dell’Unesco. Non dimentichiamo, comunque, le altre meravigliose attrattive della Basilicata da vivere e gustare en plain air grazie ai parchi nazionali e alle aree protette, dove il verde dei boschi domina ampie valli e fiumi sinuosi. Qui puoi rigenerarti in completa simbiosi con la natura, scegliendo tra le tantissime attività dedicate a escursionisti e appassionati della montagna da scegliere tra Nordic Walking, River Walking, Ciaspolate sulla neve, torrentismo tra le cascate di Savoia, diverse offerte di Trekking guidato nel parco nazionale dell’Appennino Lucano, passeggiate botaniche nell’area del Vulture e molto altro ancora.  Anche il mare gioca un ruolo fondamentale nella proposta turistica lucana, sia sulla costa di Maratea che quella Ionica, in un coast to coast imperdibile e sorprendente: l’offerta prevede veleggiate sulla rotta dei delfini, escursioni in gozzo a Maratea, percorsi in barca tra le due coste, veleggiate in catamarano a partire da Policoro o marina di Pisticci, servizi sportivi come canoa e kayak e proposte di pesca sportiva. Il fascino unico della Basilicata è da scoprire nei piccoli borghi e nelle città d’arte, alla ricerca di tesori nascosti. Qui, dove la storia ha lasciato nei secoli segni e vestigia di popoli provenienti da ogni dove, puoi regalarti momenti unici in perfetta armonia tra arte e cultura. Partendo da Matera con i suoi Sassi e il parco della Murgia materana, ecco alcuni esempi da scoprire come  Montescaglioso, uno dei borghi più belli della Basilicata con il suo monumento più rappresentativo: l’Abbazia benedettina di San Michele Arcangelo; Tricarico, città d’arte e città arabo normanna; Pietrapertosa, il paese più alto della Regione e uno dei borghi più belli d’Italia immerso nel Parco Regionale di Gallipoli Cognato; Castelmezzano, per la sua rara bellezza offerta dallo scenario delle Dolomiti Lucane che gli fanno da sfondo. E non dimentichiamo infine il turismo esperienziale per conciliare, negli appositi laboratori, tempo libero e apprendimento grazie a esperienze multisensoriali che portano alla scoperta di luoghi inediti, antiche tradizioni e gustosi piatti tipici.     ­ [post_title] => Basilicata, nuove idee di viaggio alla scoperta di luoghi insoliti e unici [post_date] => 2024-02-15T09:41:09+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707990069000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461392 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => È l’acqua il cuore di Qc Spa of Wonders: un progetto di benessere psico-fisico nel quale il valore rigenerante dell’acqua incontra l’attenzione per l’ospite insieme con la bellezza delle location, l'innovazione e l’aspetto gastronomico. Il tutto, immergendosi in una dimensione magica, grazie alla cura del design e del dettaglio. Il percorso imprenditoriale dei fratelli Saverio e Andrea Quadrio Curzio, che oggi sta crescendo in Italia e nel mondo, ha preso il via a Bormio. Le acque benefiche delle nove fonti termali della valle dello Stelvio sono note sin dall’antichità, quando consentivano una sosta rigenerante ai viaggiatori che dal sud al nord valicavano le montagne per scambiare conoscenze e merci. «Il periodo di maggior splendore delle terme di Bormio va dal 1500 al 1800 e corrisponde alla crescita del commercio tra quest’area dell’Italia, l’odierna Svizzera e il Trentino - racconta Stefano Leone, direttore di Qc Grand Hotel Bagni Nuovi -. Inizialmente c’era un ricovero per i viaggiatori affaticati ai Bagni Vecchi e solo nel 1863 venne costruito il Grand Hotel Bagni Nuovi. La struttura, realizzata nel sontuoso stile Liberty in voga al tempo, ospitava la borghesia e la créme de la créme dell'epoca. L’hotel visse un tempo di grande splendore sino alla fine degli anni ‘70 del Novecento, prima di iniziare un lento declino. Nel 1983 Pericle Quadrio Curzio acquistò dal comune le strutture dei Bagni Vecchi e Bagni Nuovi e nel 1998 i suoi figli Saverio e Andrea decisero di rendere l'acqua nuovamente protagonista. È nato così il modello Qc Spa of Wonders che è stato felicemente replicato in 11 strutture e continua a crescere, perché la ricerca di nuove, incantevoli locations, non si ferma mai». Al Qc Grand Hotel Bagni Nuovi di Bormio l’ospite viene accolto con la cortesia e disponibilità che viene insegnata ai dipendenti nei corsi di formazione. «Dopo il Covid il personale è diminuito, quindi sto lavorando per portare qui i lavoratori della zona - sottolinea Leone –. Qc offre tanta formazione al personale: qui si lavora 12 mesi all’anno. Ai Bagni Nuovi ho 80 dipendenti, oltre a 30 massaggiatori tra Bagni Nuovi e Bagni Vecchi».  La struttura è sorprendente, ricca di angoli inattesi e di eleganza. Ci si può fermare quanto si desidera. L’esperienza di benessere inizia quando si indossa l’accappatoio bianco di Qc e, in una piacevole comunanza, si accede agli spazi dell’area wellness. Le piscine con vista mozzafiato sono una delle caratteristiche delle strutture di Qc perché, come afferma Saverio Quadrio Curzio, «la grande attrattiva delle nostre location è generalmente la piscina all'aperto, che deve avere una bella vista, un bel panorama». A Qc Bagni Nuovi ci si può immergere nell’acqua calda ammirando le montagne innevate o si possono scoprire le strutture esterne, come il nuovissimo Bosco degli Dei, con la sua sauna affacciata sulle montagne, la piscina e le vasche. Si possono vivere tante esperienze di benessere e relax, visitare la nuovissima casa sull’albero o dedicarsi un aperitivo facendo una divertente pausa gastronomica. Perché il tempo vissuto nella Spa of Wonders significa anche accedere agli spazi ampi e curati dell’hotel, al salone con la sua ricca proposta di pranzo a buffet e di una cena più formale e raffinata per gustare pure i piatti tipici della zona.  «Questo è uno dei centri termali più grandi d'Europa e le affluenze sono importanti - aggiunge il direttore Leone -. L’esperienza termale viene vissuta dai circa 200 ospiti delle nostre 100 camere e dai 300/400 clienti che arrivano in giornata, anche per trarre beneficio dalle acque termali che salgono dal sottosuolo spinte dalla pressione e, grazie a una limitata presenza di radon, sono adatte a curare la pelle e benefiche per ossa e articolazioni. Il 2023 è stato un anno di grande crescita, dopo le difficoltà legate alla pandemia, quando tutti i centri Qc sono stati chiusi. Abbiamo avuto un inverno molto positivo con un bel ritorno anche di stranieri. L’affluenza segue i ponti e le vacanze: il periodo che va dall’Immacolata a Natale, Capodanno e l’Epifania è al 90% degli italiani, perché a Bormio ci sono molte seconde case di milanesi e di ospiti che vengono dalla Brianza e dalla zona di Como e Varese. Quindi l’affluenza italiana prosegue nei weekend o con soggiorni più brevi di una volta, mentre gli ospiti sono stranieri al 50% - 60% e provengono in particolare da Svizzera, Germania e Austria». [gallery ids="461395,461398,461396"] [post_title] => Qc Bormio: dove è nato un progetto internazionale fondato su acqua e benessere [post_date] => 2024-02-14T11:03:07+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707908587000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461403 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Yichun City e la sua provincia, per la prima volta in Italia, dalla vetrina della Bit 2024 strizzano l’occhio al mercato Italia, pronti ad affascinare i viaggiatori nostrani. Una città situata a nord ovest della regione Jiangxi, fra le 35 aree amministrative cinesi, Yichun City e provincia puntano a far conoscere agli europei un prodotto turistico che attrae principalmente i mercati di Corea, Giappone e Africa, praticamente ancora sconosciuta al pubblico di casa nostra. Un'area immersa nel verde, tra colline e montagne, foreste che ricoprono più del 68% del territorio. Paesaggi e panorami unici, 28 parchi forestali provinciali e 3 parchi nazionali ecologici, ricca di preziose materie prime esportate in tutto il mondo. 4503 luoghi storici e culturali da visitare e ottima cucina. La montagna Mingyue con i suoi 1736 metri sprigiona benessere anche dalle sue acque ricche di minerali che sgorga anche a una temperatura di 70 gradi, preziosa per i bagni termali. Sono numerosi infatti centri di benessere per la cura delle malattie fra terme e resort. Le strutture alberghiere, moderne e tradizionali, offrono confortevole ospitalità per tutte le tasche. “I trasporti sono il fiore all’occhiello della Cina. È molto diffusa l’alta velocità ferroviaria in tutto il Paese – conferma Lan Ya Qing vice presidente della provincia -. Ottimi collegamenti anche con i principali aeroporti internazionali, in particolare su Pechino, Shanghai e Yuanzhou. Il Mingyue Mountain Airport collega 20 tra le principali città del Paese. Shanghai è raggiungibile in un’ora e mezza di volo e 4 ore in treno; 3 ore per Yuanzhou. Dall’Italia è comodissimo il volo diretto Milano Malpensa - Yuanzhou”. Yichun City è una città ricca di storia, lunga oltre 2000 anni, dal patrimonio culturale e naturale di straordinaria ricchezza. Sin dall’antichità è conosciuta come il paese dell’agricoltura, tra le 28 maggiori aree produttrici di grano e bamboo e poi e prodotti organici agricoli fonte della tradizionale medicina cinese; territorio ricco di minerali. Clima mite in tutte le stagioni, immersa nel verde di colline e montagne, ricca di acque e cascate. Una città industriale in crescita che vanta primati sulla nuova energia al litio, medicina biologica, elettronica, mobili, tessile e green food. Wanzai, una delle principali città della provincia, è custode di 4 patrimoni culturali: un particolare tessuto, un tamburo speciale, una maschera tradizionale e i fuochi d’artificio, dotati di una tecnologia avanzata, esportati in tutto il mondo, un esempio è su Disney Paris o lo spettacolo di apertura dei giochi olimpici di Pechino. Yifeng è la città del bamboo, esportato in tutto il mondo sia come prodotto edibile sia come legno. Da qui si esporta il prezioso litio. Città conosciuta anche per le terme dalle acque molto salutari e luogo di origine della cultura Zen. Tonguu è famosa per le piante pregiate utilizzate dalla medicina cinese. Il taxus, utilizzato contro il cancro, risulta più caro dell’oro. Seconda area in tutta la Cina per ricchezza di foreste. Ottima qualità dell’aria e dell’acqua, ricca di centri termali. Qui è famoso il té nero e la sua storia ultra millenaria, come il bamboo e la sua cucina. Qui a 1400 metri è praticabile anche lo sci.  [gallery ids="461407,461405,461406"]   [post_title] => Cina: Yichun City e provincia fanno capolino sul mercato Italia, focus sulla natura [post_date] => 2024-02-14T09:15:20+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( [0] => jiangxi [1] => yichun-city ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Jiangxi [1] => Yichun City ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707902120000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461331 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Aeroporti di Roma taglia il traguardo dei primi 50 anni: la società che gestisce gli scali di Fiumicino e Ciampino ha celebrato l'anniversario con la presentazione del nuovo logo, lanciato durante l'evento "Together, beyond flying": un claim che riflette l’attenzione verso le persone e un nuovo logo che, tendendo visivamente verso l’alto, simboleggia il costante impegno dell’azienda per delineare l’aeroporto del futuro, un luogo attento al benessere di tutti dove, per mantenere ed elevare i livelli di eccellenza dei servizi offerti ai passeggeri, lo sviluppo si coniuga con la sostenibilità, l’innovazione, la qualità, l’arte e la cultura. «Oggi (ieri per chi legge, ndr) celebriamo mezzo secolo di storia aziendale. In questi cinquant’anni di attività la società ha saputo accompagnare i cambiamenti epocali che hanno caratterizzato la storia del Paese, si è adeguata ai mutamenti sociali e culturali in corso e ha talvolta anche anticipato i grandi cambiamenti globali - ha dichiarato il presidente di Aeroporti di Roma, Vincenzo Nunziata durante l'evento che ha visto anche la partecipazione del Ministro dell’interno Matteo Piantedosi -. Sviluppando gli aeroporti della Capitale, ha riportato Roma nella sua giusta collocazione, ridandole centralità e protagonismo e facendone un hub intercontinentale per il trasporto aereo. È con questo spirito che ci accingiamo ad affrontare gli anni a venire, confermando il nostro impegno nel raggiungimento di nuovi traguardi, innovando, lavorando con e per il nostro territorio e sostenendo le future generazioni, consapevoli della responsabilità che abbiamo nei confronti della società e della nostra comunità aeroportuale». Dalla costituzione della società, il 12 febbraio 1974, gli aeroporti della Capitale sono cresciuti al punto che durante il 2023 hanno visto transitare 44,4 milioni di passeggeri, con una programmazione che ha coinvolto circa 100 compagnie aeree in volo attraverso 230 rotte in oltre 70 Paesi, collegando così la città di Roma con tutti i continenti. «Aeroporti di Roma celebra i suoi primi cinquant’anni di gestione guardando avanti con ottimismo e determinazione, in particolare rispetto alle sfide cruciali per il futuro del trasporto aereo, sulle quali dovranno focalizzarsi sia i player industriali sia quelli istituzionali: la transizione ambientale, la competitività del sistema trasportistico nazionale e gli investimenti a supporto della crescita - ha sottolineato Marco Troncone, ad di Aeroporti di Roma -. Connettività significa progresso sociale ed economico, promozione della cultura, esportazione del Made in Italy e del nostro ‘know-how’; attraverso il nostro sviluppo sostenibile a 360 gradi, grazie a tutte le nostre persone, continueremo ad operare come alleati delle nostre istituzioni per guidare l’Italia verso le prossime occasioni di posizionamento e rilancio internazionale, rappresentando un valore aggiunto per i cittadini e per i nostri territori di riferimento».   [post_title] => Aeroporti di Roma celebra i suoi primi 50 anni con un nuovo logo [post_date] => 2024-02-13T09:00:00+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707814800000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461278 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L’aviazione sta affrontando sfide senza precedenti. Il rapido cambiamento nelle dinamiche di mercato, il ripristino progressivo delle rotte, la gestione della capacità, il personale, l’obiettivo Net Zero 2050 e i ritardi nella consegna dei nuovi velivoli hanno generato scenari di concorrenza e forti oscillazioni nei prezzi dei biglietti. Nel corso del panel “Aviation tra picchi di domanda, pricing e offerta sotto stress. Come fare quadrare il cerchio?”, che si è tenuto durante l'ultima Bit, ci si è chiesti come superare questa fase complessa e garantire al settore un futuro prospero. «Gli impegni e le sfide del settore - ha sottolineato Michele Mauri, managing director di AlixPartners - sono quelli di mantenere la profittabilità del momento, anche se l’impegno per la decarbonizzazione porterà a una crescita dei prezzi per l’utente finale, visti anche i costi del Saf e la difficoltà nel reperirlo. Sarà difficile raggiungere il target del Net Zero nel 2050: le compagnie si attrezzano acquistando nuovi aeromobili, ma la lista di attesa fa sì che un velivolo ordinato oggi venga consegnato solo nel 2029». Positivo lo sguardo di Tommaso Fumelli, vp sales Italy di Ita Airways che afferma: «Il 2024 sarà un anno di grandi cambiamenti e di riequilibrio tra domanda e offerta. Per raggiungere gli obiettivi di sostenibilità lavoriamo al massimo riempimento dei nostri voli, c’è una grande attenzione alle tariffe. Inoltre siamo molto legati al sostegno del trade: su 100 passeggeri 65 sono generati attraverso i nostri partner. Per noi è cruciale il sostegno degli agenti di viaggio. Tutto questo si traduce in una crescita. Nel 2024 è previsto un incremento del 25% dell’offerta sui tre settori di rete e di oltre il 40% sull’intercontinentale. Ci sono rotte in partenza sulla summer come la Roma-Chicago ad aprile e la Roma-Toronto a partire da maggio e c’è un forte focus coll’apertura di 3 rotte sull’area del Golfo e 2 sull'Arabia Saudita, poi Djerba ad agosto, Kuwait-City e quindi la West Africa. Abbiamo anche un’attenzione sui prodotti storici di lungo raggio come la Roma-Buenos Aires, dove aggiungeremo due frequenze durante l'estate. In più c’è la riapertura del Tel Aviv, che è un segnale di speranza perché il conflitto in corso arrivi a una soluzione definitiva». Tra le voci dei relatori, fondamentale lo sguardo di chi si occupa del supporto al cliente. «Abbiamo parlato di numeri, retailing e ancillary, ma noi stiamo vivendo un periodo davvero difficile, inedito nella storia dell’aviazione civile. - afferma Claudio Cristofaro, ceo di Contur - Le complessità del passato hanno portato alla nascita di tecnologie adatte alla vendita, che hanno però causato un aumento delle problematiche. Quelle che prima erano emergenze che venivano gestite facilmente, adesso richiedono più impegno. Noi siamo sempre rimasti “in azione”. Dalla pandemia a oggi la situazione non si è normalizzata e il numero dei nostri interventi è molto elevato e superiore al passato. Sono problematiche globali, non legate a una singola compagnia. L’aviazione è un organismo complesso: in aeroporto ci sono la sicurezza, l’handling, le compagnie… un piccolo contrattempo può portare grandi problematiche. Ma fornendo supporto la nostra clientela si è fidelizzata. Noi trattiamo perlopiù con agenzie e stiamo crescendo, non solo perché le tariffe sono alle stelle, ma perché le adv si sentono più sicure nel vendere, sapendo che hanno una struttura alle spalle». [post_title] => Il futuro dell’aviazione fra nuove dinamiche di mercato e sfide pressanti [post_date] => 2024-02-12T11:22:13+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707736933000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461129 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Nuovo appuntamento ieri a Milano per l'Ufficio Nazionale Israeliano per il Turismo, con il consueto Premio stampa. Israel, land of Creation, è apparsa su oltre 1000 uscite, 987 giornali senza contare la parte social. Per questo il premio stampa "Israele nel cuore" ogni anno vuole premiare i reportage più emozionanti e approfonditi. La categoria spiritualità la vince Elio Buonsignore per il programma televisivo che appare sulle reti Mediaset, i Viaggi del Cuore con un fervido racconto di Gerusalemme e della Terra Santa. La categoria culturale la vince Roberto Sveva Burchiello con il programma Moto Excape. La categoria natura la vincono Domenico Gambardella per Kilimangiaro e ancora Daniela Rainaldi produttore e Angela Costantino autore per Linea Verde Life, Leopoldo Gasparotto per Little Big Italy. Per la categoria sport vince il premio Lorenzo Franculli di Gazzetta dello Sport, per la categoria content creator è premiata Camilla Gullà. Menzione speciale per Canale 5 a Giancarlo Scheri ed Emiliano Facchinetti per lo straordinario concerto dalla Torre di Davide a Gerusalemme. Ritornata due mesi fa, infine, Rosa Stella Brienza di Panorama, è stata la prima giornalista ad andare in Israele dopo lo scoppio della guerra.  [post_title] => "Israele nel cuore": torna anche quest'anno il premio stampa dedicato ai reportage più emozionanti [post_date] => 2024-02-08T13:56:07+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707400567000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "1700" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":23,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":385,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462136","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Tradizione da una parte e sguardo rivolto al futuro dall'altra: lo Jutland, penisola della Danimarca, è una terra da vivere in famiglia e praticando diversi sport. Un luogo dove immergersi nella bellezza della natura e in quella dell’arte, lasciandosi conquistare dall’offerta gastronomica.\r\nE, soprattutto, l’angolo di mondo ideale per scoprire la “hygge”: quel sentimento di calorosa accoglienza, sicurezza e comodità tipicamente danese che spinge a trovare la felicità nelle piccole cose.\r\nTante le connessioni con l’Italia, operate da Sas, easyJet e Ryanair: i voli raggiungono Copenhagen, ma anche lo Jutland. Molteplici le attività sportive all’aperto, che diventano un momento di incontro. Quest'anno sará la città di Brønderslev ad ospitare la maratona Royal Run, mentre Skagen ha voluto rinnovare il museo marittimo Maskinrummet e Saeby celebra con vivaci festeggiamenti i suoi 500 anni di storia. Si svolgerà poi davanti a 150mila spettatori del Danish Air Show ospitato dalla base aerea di Aalborg.\r\nLa regione è scarsamente urbanizzata, ideale per praticare kayak, ciclismo, passeggiate, equitazione, bird-watching, nuoto, pesca. Ma anche per ammirare l'onda di sabbia in costante movimento di Råbjerg Mile, che ogni anno si sposta di 15 metri verso nord-est. O assistere allo scontro tra le acque di due mari che si incontrano sulla punta dello Jutland.\r\nIl Nordyjlland, il nord dello Jutland è anche una meta amata per i city-break e la tanto attuale street art, riccamente testimoniata sui palazzi di Skagen e Alborg, quest'ultima nota per le innovative strutture architettoniche e gli spazi dedicati all'arte come il museo Kunsten, il centro culturale Utzon, e il Musikken Hus.\r\nGrande poi, il fascino di Skagen, la città più settentrionale della Danimarca e, quindi, quella con il più alto indice di luminosità. Con la sua atmosfera bohémien, le spiagge infinite e i siti naturali unici, ha attirato l'interesse di artisti internazionali e degli impressionisti danesi: sono ben 1800 le loro opere esposte nel museo della città.\r\nLe famiglie e gli amanti delle escursioni all’aria aperta - a piedi o in bicicletta - potranno poi raggiungere il Kystlandet, la cosa orientale dello Jutland, che si stende per 266 km e offre ben 25 spiagge: i bambini resteranno affascinati dal Giardino Ecologico di Odder - una graziosa cittadina affacciata sul fiume e dal fascino danese - dal \"Safari delle alghe\" organizzato sull’isola di Endelave e dai tanti parchi giochi attrezzati. Incantevoli le piccole città come Juelsminde con il suo bellissimo porto o Horsens, crocevia tra Europa e Scandinavia, dove vivere un’esperienza alternativa visitando FÆNGSLET - Il Museo della Prigione: il più grande museo carcerario d'Europa.\r\n ","post_title":"Danimarca: ecco lo Jutland fra tradizioni, natura e street art","post_date":"2024-02-23T09:30:27+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1708680627000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461813","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"In occasione dell’anno del Drago, il McArthurGlenSerravalle Designer Outlet si è unito alla comunità cinese nei festeggiamenti, con un ricco programma di attività e promozioni realizzato tra gli scorsi 2 e 11 febbraio. Per rendere omaggio al Capodanno cinese, l'outlet si è in particolare trasformato, ricreando le affascinanti atmosfere del Paese asiatico con una serie di installazioni a tema. \"Nonostante le sfide globali – afferma il general manager di Serravalle, Matteo Migani -, il nostro centro ha sperimentato nel 2023 un notevole incremento dei flussi turistici internazionali: i dati tax free indicano a fine anno un giro d'affari generato dai visitatori stranieri superiore del 14%  rispetto ai livelli del 2019, con un peso significativo sul totale fatturato sopra al 40%. Si tratta di turisti internazionali che cercano sempre più esperienze approfondite e di qualità sul territorio\".\r\n\r\nNel corso degli anni, il market mix dei visitatori all’interno dell'outlet si è infatti costantemente evoluto, andando a ridefinire, di conseguenza, le strategie di approccio ai mercati internazionali del centro: da un lato guardando a nuove fonti di traffico, dall’altro cercando di ridurre il rischio di dipendenza da specifici mercati o aree del mondo. \"Negli ultimi mesi, risultati incoraggianti sono derivati in special modo dall'implementazione di un piano straordinario per rafforzare i legami con il mercato cinese - prosegue Migani -, ritenuto di vitale importanza strategica. L'area nota come Greater China (Cina, Hong Kong, Taiwan) lo scorso anno ha infatti contribuito significativamente alla crescita dei flussi internazionali, con l’11% del totale delle vendite tax free generate dal centro, e vede oggi prospettive di crescita ulteriormente positive\".\r\n\r\nAnche per questo, e in linea con l'aumento previsto dei viaggiatori cinesi in Europa, Serravalle ha inaugurato propri profili su nuovi canali di comunicazione ampiamente utilizzati dalla popolazione cinese: gli account ufficiali dell'outlet su Red Little Book, online dal 4 gennaio, e su WeChat, operativo dal 26 gennaio, hanno già raccolto oltre 1.700 followers e generato più di 1.500 interazioni. Inoltre, tra le peculiarità che hanno caratterizzato la presenza cinese all’interno del centro, alcune evidenziano una discontinuità rispetto al passato: in questo momento, il profilo dei visitatori cinesi si connota per una capacità di spesa medio alta e una presenza spesso legata a viaggi di lavoro o incentive trip, prevalentemente composta quindi da clienti individuali o piccoli gruppi che tendono a privilegiare con ancor maggior favore il concetto di esperienza a 360 gradi.\r\n\r\n\"L’interazione di questi visitatori con il territorio circostanze si conferma, in questo senso, una chiave di attrazione e un elemento integrante della stessa visita al centro - conclude Migani -. Noi da sempre rispondiamo a queste aspettative, favorendo la vocazione turistica dei territori circostanti e supportando iniziative di valorizzazione dei tesori culturali, enogastronomici e paesaggistici e all’eccellenza dei servizi di ospitalità dell'Alto Monferrato, dalle colline del Gavi e della val Borbera, in particolare\".","post_title":"Crescono i visitatori cinesi all'outlet di Serravalle, che festeggia l'anno del Drago","post_date":"2024-02-19T12:38:49+00:00","category":["incoming"],"category_name":["Incoming"],"post_tag":[]},"sort":[1708346329000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461569","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Venezia Mestre cambia volto grazie al nuovo progetto di ampliamento e restyling varato da Rete Ferroviaria Italiana, capofila del Polo Infrastrutture del Gruppo Fs: interventi del valore complessivo di 100 milioni di euro che faranno dello scalo veneziano una stazione più moderna, funzionale e accessibile.\r\n\r\nLa gara di appalto partirà a breve e gli interventi riguarderanno una nuova opera di attraversamento dei binari e il potenziamento del trasporto dei viaggiatori in ottica intermodale, anche grazie a una riorganizzazione più funzionale dei servizi di sosta e un incremento del sistema del trasporto pubblico locale. Il focus dei lavori sarà anche rivolto a garantire alla stazione una migliore accessibilità, attraverso un design inclusivo e privo di barriere architettoniche.\r\n\r\nL’attuale edificio sarà sostituito da uno più nuovo e moderno, destinato a servizi per il viaggiatore come biglietterie, sale d’attesa, attività ricreative e commerciali. Coerentemente con il percorso di sostenibilità ambientale intrapreso da Rfi, per la stazione di Venezia Mestre sarà massimizzato il contributo della luce naturale con l’utilizzo di vetrate che agevoleranno l’ingresso della luce solare con sensori di luminosità in grado di modulare l’apporto di luce artificiale.\r\n\r\nIl progetto di rinnovo della stazione di Venezia Mestre rientra nel più ampio piano di Rete Ferroviaria Italiana per rendere più accessibili i principali 600 scali ferroviari del Paese. Tra i principali progetti di restyling in corso figurano quelli che riguardano le stazioni di Pesaro, Cattolica, Trento, Treviso, Frosinone e Milano Porta Romana. Quest’ultimo scalo si inserisce nel più ampio \"Accordo di Programma Scali ferroviari Milano\", che vede il Polo Urbano del Gruppo FS impegnato nel progetto di trasformazione dei sette ex scali ferroviari di Milano dismessi.","post_title":"Gruppo Fs: la stazione di Venezia Mestre cambia volto con un intervento da 100 mln di euro","post_date":"2024-02-15T11:30:23+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1707996623000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461516","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"La Basilicata è sempre più una regione che dà spazio a luoghi unici, insoliti, lontani dalle rotte del turismo di massa e attento a riscoprire luoghi di autentica bellezza, cultura e tradizione. \r\nMolteplici sono le possibilità di dare un senso “terapeutico” alle tanto desiderate vacanze dedicandosi ad attività rigeneranti immergendosi nella natura, riscoprendo il fascino delle tradizioni, gustando i piatti tipici e praticando sport e attività all’aria aperta.\r\n\r\nIl progetto Turismo delle Passioni ha individuato come mete di turismo lucano alcuni ambiti   meno conosciuti, ma decisamente non scontati e da scoprire. \r\nErbe spontanee e fiori: la Lucania con la sua incredibile biodiversità, tutelata e protetta da due parchi nazionali, tre parchi regionali e riserve naturali, è davvero il luogo ideale per trascorrere momenti unici di condivisione.\r\n\r\n La Basilicata è la terra ideale per ammirare chiaramente le stelle di notte nelle campagne, in montagna, o nei dintorni dei piccoli borghi arroccati; l’inquinamento luminoso è infatti molto basso con cieli bui che consentono di sentirsi in collegamento diretto con l’universo  in diverse modalità: Osservatorio astronomico di Anzi (PZ), tra i più accreditati in Italia per la divulgazione scientifica e astronomica è possibile ammirare circa 4500 stelle del cielo boreale e australe; SPARKme Space Academy – Museo della Scienza e dello Spazio a Matera, sito di divulgazione scientifica che propone all’utenza visite immersive nel mondo della scienza e dello spazio; Osservatorio per detriti spaziali di Castelgrande (PZ) a 1258 metri di quota, con 2 cupole con altrettanti telescopi di 20 e 40 cm. \r\n\r\nFiabe e Magia: alla scoperta di nuove idee di viaggio in una regione misteriosa e ancestrale, che conserva la sua bellezza antropologica lontana dagli sguardi indiscreti del turismo di massa. Il viaggio parte da Rapone (PZ) il Paese delle Fiabe e da un libro “Lo Cunto de Li Cunti” scritto nel 1600 dal napoletano Giambattista Basile che, ispirato dal territorio lucano, raccoglie e traduce numerosi racconti popolari. Si prosegue poi verso Albano di Lucania (PZ), il “Paese della Magia” già al centro degli studi durante le spedizioni in Lucania di Ernesto De Martino negli anni ’50, con un percorso–rituale “La Rocca del Cappello”, passando per Colobraro, con la coinvolgente iniziativa “Sogno di una notte a quel paese”, per giungere ad Agromonte, il paese degli indovinelli, tra le vette del Parco Nazionale del Pollino, dichiarato nel 2015 patrimonio naturale dell’Unesco.\r\n\r\nNon dimentichiamo, comunque, le altre meravigliose attrattive della Basilicata da vivere e gustare en plain air grazie ai parchi nazionali e alle aree protette, dove il verde dei boschi domina ampie valli e fiumi sinuosi. Qui puoi rigenerarti in completa simbiosi con la natura, scegliendo tra le tantissime attività dedicate a escursionisti e appassionati della montagna da scegliere tra Nordic Walking, River Walking, Ciaspolate sulla neve, torrentismo tra le cascate di Savoia, diverse offerte di Trekking guidato nel parco nazionale dell’Appennino Lucano, passeggiate botaniche nell’area del Vulture e molto altro ancora. \r\n\r\nAnche il mare gioca un ruolo fondamentale nella proposta turistica lucana, sia sulla costa di Maratea che quella Ionica, in un coast to coast imperdibile e sorprendente: l’offerta prevede veleggiate sulla rotta dei delfini, escursioni in gozzo a Maratea, percorsi in barca tra le due coste, veleggiate in catamarano a partire da Policoro o marina di Pisticci, servizi sportivi come canoa e kayak e proposte di pesca sportiva.\r\n\r\nIl fascino unico della Basilicata è da scoprire nei piccoli borghi e nelle città d’arte, alla ricerca di tesori nascosti. Qui, dove la storia ha lasciato nei secoli segni e vestigia di popoli provenienti da ogni dove, puoi regalarti momenti unici in perfetta armonia tra arte e cultura. Partendo da Matera con i suoi Sassi e il parco della Murgia materana, ecco alcuni esempi da scoprire come  Montescaglioso, uno dei borghi più belli della Basilicata con il suo monumento più rappresentativo: l’Abbazia benedettina di San Michele Arcangelo; Tricarico, città d’arte e città arabo normanna; Pietrapertosa, il paese più alto della Regione e uno dei borghi più belli d’Italia immerso nel Parco Regionale di Gallipoli Cognato; Castelmezzano, per la sua rara bellezza offerta dallo scenario delle Dolomiti Lucane che gli fanno da sfondo.\r\n\r\nE non dimentichiamo infine il turismo esperienziale per conciliare, negli appositi laboratori, tempo libero e apprendimento grazie a esperienze multisensoriali che portano alla scoperta di luoghi inediti, antiche tradizioni e gustosi piatti tipici.\r\n \r\n \r\n\r\n­","post_title":"Basilicata, nuove idee di viaggio alla scoperta di luoghi insoliti e unici","post_date":"2024-02-15T09:41:09+00:00","category":["incoming"],"category_name":["Incoming"],"post_tag":[]},"sort":[1707990069000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461392","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"È l’acqua il cuore di Qc Spa of Wonders: un progetto di benessere psico-fisico nel quale il valore rigenerante dell’acqua incontra l’attenzione per l’ospite insieme con la bellezza delle location, l'innovazione e l’aspetto gastronomico. Il tutto, immergendosi in una dimensione magica, grazie alla cura del design e del dettaglio. Il percorso imprenditoriale dei fratelli Saverio e Andrea Quadrio Curzio, che oggi sta crescendo in Italia e nel mondo, ha preso il via a Bormio. Le acque benefiche delle nove fonti termali della valle dello Stelvio sono note sin dall’antichità, quando consentivano una sosta rigenerante ai viaggiatori che dal sud al nord valicavano le montagne per scambiare conoscenze e merci. \r\n«Il periodo di maggior splendore delle terme di Bormio va dal 1500 al 1800 e corrisponde alla crescita del commercio tra quest’area dell’Italia, l’odierna Svizzera e il Trentino - racconta Stefano Leone, direttore di Qc Grand Hotel Bagni Nuovi -. Inizialmente c’era un ricovero per i viaggiatori affaticati ai Bagni Vecchi e solo nel 1863 venne costruito il Grand Hotel Bagni Nuovi. La struttura, realizzata nel sontuoso stile Liberty in voga al tempo, ospitava la borghesia e la créme de la créme dell'epoca. L’hotel visse un tempo di grande splendore sino alla fine degli anni ‘70 del Novecento, prima di iniziare un lento declino. Nel 1983 Pericle Quadrio Curzio acquistò dal comune le strutture dei Bagni Vecchi e Bagni Nuovi e nel 1998 i suoi figli Saverio e Andrea decisero di rendere l'acqua nuovamente protagonista. È nato così il modello Qc Spa of Wonders che è stato felicemente replicato in 11 strutture e continua a crescere, perché la ricerca di nuove, incantevoli locations, non si ferma mai». \r\nAl Qc Grand Hotel Bagni Nuovi di Bormio l’ospite viene accolto con la cortesia e disponibilità che viene insegnata ai dipendenti nei corsi di formazione. «Dopo il Covid il personale è diminuito, quindi sto lavorando per portare qui i lavoratori della zona - sottolinea Leone –. Qc offre tanta formazione al personale: qui si lavora 12 mesi all’anno. Ai Bagni Nuovi ho 80 dipendenti, oltre a 30 massaggiatori tra Bagni Nuovi e Bagni Vecchi».  \r\nLa struttura è sorprendente, ricca di angoli inattesi e di eleganza. Ci si può fermare quanto si desidera. L’esperienza di benessere inizia quando si indossa l’accappatoio bianco di Qc e, in una piacevole comunanza, si accede agli spazi dell’area wellness. Le piscine con vista mozzafiato sono una delle caratteristiche delle strutture di Qc perché, come afferma Saverio Quadrio Curzio, «la grande attrattiva delle nostre location è generalmente la piscina all'aperto, che deve avere una bella vista, un bel panorama». \r\nA Qc Bagni Nuovi ci si può immergere nell’acqua calda ammirando le montagne innevate o si possono scoprire le strutture esterne, come il nuovissimo Bosco degli Dei, con la sua sauna affacciata sulle montagne, la piscina e le vasche. Si possono vivere tante esperienze di benessere e relax, visitare la nuovissima casa sull’albero o dedicarsi un aperitivo facendo una divertente pausa gastronomica. Perché il tempo vissuto nella Spa of Wonders significa anche accedere agli spazi ampi e curati dell’hotel, al salone con la sua ricca proposta di pranzo a buffet e di una cena più formale e raffinata per gustare pure i piatti tipici della zona.  \r\n«Questo è uno dei centri termali più grandi d'Europa e le affluenze sono importanti - aggiunge il direttore Leone -. L’esperienza termale viene vissuta dai circa 200 ospiti delle nostre 100 camere e dai 300/400 clienti che arrivano in giornata, anche per trarre beneficio dalle acque termali che salgono dal sottosuolo spinte dalla pressione e, grazie a una limitata presenza di radon, sono adatte a curare la pelle e benefiche per ossa e articolazioni. Il 2023 è stato un anno di grande crescita, dopo le difficoltà legate alla pandemia, quando tutti i centri Qc sono stati chiusi. Abbiamo avuto un inverno molto positivo con un bel ritorno anche di stranieri. L’affluenza segue i ponti e le vacanze: il periodo che va dall’Immacolata a Natale, Capodanno e l’Epifania è al 90% degli italiani, perché a Bormio ci sono molte seconde case di milanesi e di ospiti che vengono dalla Brianza e dalla zona di Como e Varese. Quindi l’affluenza italiana prosegue nei weekend o con soggiorni più brevi di una volta, mentre gli ospiti sono stranieri al 50% - 60% e provengono in particolare da Svizzera, Germania e Austria».\r\n[gallery ids=\"461395,461398,461396\"]","post_title":"Qc Bormio: dove è nato un progetto internazionale fondato su acqua e benessere","post_date":"2024-02-14T11:03:07+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1707908587000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461403","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Yichun City e la sua provincia, per la prima volta in Italia, dalla vetrina della Bit 2024 strizzano l’occhio al mercato Italia, pronti ad affascinare i viaggiatori nostrani.\r\n\r\nUna città situata a nord ovest della regione Jiangxi, fra le 35 aree amministrative cinesi, Yichun City e provincia puntano a far conoscere agli europei un prodotto turistico che attrae principalmente i mercati di Corea, Giappone e Africa, praticamente ancora sconosciuta al pubblico di casa nostra.\r\n\r\nUn'area immersa nel verde, tra colline e montagne, foreste che ricoprono più del 68% del territorio. Paesaggi e panorami unici, 28 parchi forestali provinciali e 3 parchi nazionali ecologici, ricca di preziose materie prime esportate in tutto il mondo. 4503 luoghi storici e culturali da visitare e ottima cucina. La montagna Mingyue con i suoi 1736 metri sprigiona benessere anche dalle sue acque ricche di minerali che sgorga anche a una temperatura di 70 gradi, preziosa per i bagni termali. Sono numerosi infatti centri di benessere per la cura delle malattie fra terme e resort. Le strutture alberghiere, moderne e tradizionali, offrono confortevole ospitalità per tutte le tasche.\r\n\r\n“I trasporti sono il fiore all’occhiello della Cina. È molto diffusa l’alta velocità ferroviaria in tutto il Paese – conferma Lan Ya Qing vice presidente della provincia -. Ottimi collegamenti anche con i principali aeroporti internazionali, in particolare su Pechino, Shanghai e Yuanzhou. Il Mingyue Mountain Airport collega 20 tra le principali città del Paese. Shanghai è raggiungibile in un’ora e mezza di volo e 4 ore in treno; 3 ore per Yuanzhou. Dall’Italia è comodissimo il volo diretto Milano Malpensa - Yuanzhou”.\r\n\r\nYichun City è una città ricca di storia, lunga oltre 2000 anni, dal patrimonio culturale e naturale di straordinaria ricchezza. Sin dall’antichità è conosciuta come il paese dell’agricoltura, tra le 28 maggiori aree produttrici di grano e bamboo e poi e prodotti organici agricoli fonte della tradizionale medicina cinese; territorio ricco di minerali. Clima mite in tutte le stagioni, immersa nel verde di colline e montagne, ricca di acque e cascate. Una città industriale in crescita che vanta primati sulla nuova energia al litio, medicina biologica, elettronica, mobili, tessile e green food.\r\n\r\nWanzai, una delle principali città della provincia, è custode di 4 patrimoni culturali: un particolare tessuto, un tamburo speciale, una maschera tradizionale e i fuochi d’artificio, dotati di una tecnologia avanzata, esportati in tutto il mondo, un esempio è su Disney Paris o lo spettacolo di apertura dei giochi olimpici di Pechino.\r\n\r\nYifeng è la città del bamboo, esportato in tutto il mondo sia come prodotto edibile sia come legno. Da qui si esporta il prezioso litio. Città conosciuta anche per le terme dalle acque molto salutari e luogo di origine della cultura Zen.\r\n\r\nTonguu è famosa per le piante pregiate utilizzate dalla medicina cinese. Il taxus, utilizzato contro il cancro, risulta più caro dell’oro. Seconda area in tutta la Cina per ricchezza di foreste. Ottima qualità dell’aria e dell’acqua, ricca di centri termali. Qui è famoso il té nero e la sua storia ultra millenaria, come il bamboo e la sua cucina. Qui a 1400 metri è praticabile anche lo sci. \r\n\r\n[gallery ids=\"461407,461405,461406\"]\r\n\r\n ","post_title":"Cina: Yichun City e provincia fanno capolino sul mercato Italia, focus sulla natura","post_date":"2024-02-14T09:15:20+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":["jiangxi","yichun-city"],"post_tag_name":["Jiangxi","Yichun City"]},"sort":[1707902120000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461331","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"\r\n\r\nAeroporti di Roma taglia il traguardo dei primi 50 anni: la società che gestisce gli scali di Fiumicino e Ciampino ha celebrato l'anniversario con la presentazione del nuovo logo, lanciato durante l'evento \"Together, beyond flying\": un claim che riflette l’attenzione verso le persone e un nuovo logo che, tendendo visivamente verso l’alto, simboleggia il costante impegno dell’azienda per delineare l’aeroporto del futuro, un luogo attento al benessere di tutti dove, per mantenere ed elevare i livelli di eccellenza dei servizi offerti ai passeggeri, lo sviluppo si coniuga con la sostenibilità, l’innovazione, la qualità, l’arte e la cultura.\r\n\r\n«Oggi (ieri per chi legge, ndr) celebriamo mezzo secolo di storia aziendale. In questi cinquant’anni di attività la società ha saputo accompagnare i cambiamenti epocali che hanno caratterizzato la storia del Paese, si è adeguata ai mutamenti sociali e culturali in corso e ha talvolta anche anticipato i grandi cambiamenti globali - ha dichiarato il presidente di Aeroporti di Roma, Vincenzo Nunziata durante l'evento che ha visto anche la partecipazione del Ministro dell’interno Matteo Piantedosi -. Sviluppando gli aeroporti della Capitale, ha riportato Roma nella sua giusta collocazione, ridandole centralità e protagonismo e facendone un hub intercontinentale per il trasporto aereo. È con questo spirito che ci accingiamo ad affrontare gli anni a venire, confermando il nostro impegno nel raggiungimento di nuovi traguardi, innovando, lavorando con e per il nostro territorio e sostenendo le future generazioni, consapevoli della responsabilità che abbiamo nei confronti della società e della nostra comunità aeroportuale».\r\n\r\nDalla costituzione della società, il 12 febbraio 1974, gli aeroporti della Capitale sono cresciuti al punto che durante il 2023 hanno visto transitare 44,4 milioni di passeggeri, con una programmazione che ha coinvolto circa 100 compagnie aeree in volo attraverso 230 rotte in oltre 70 Paesi, collegando così la città di Roma con tutti i continenti.\r\n\r\n«Aeroporti di Roma celebra i suoi primi cinquant’anni di gestione guardando avanti con ottimismo e determinazione, in particolare rispetto alle sfide cruciali per il futuro del trasporto aereo, sulle quali dovranno focalizzarsi sia i player industriali sia quelli istituzionali: la transizione ambientale, la competitività del sistema trasportistico nazionale e gli investimenti a supporto della crescita - ha sottolineato Marco Troncone, ad di Aeroporti di Roma -. Connettività significa progresso sociale ed economico, promozione della cultura, esportazione del Made in Italy e del nostro ‘know-how’; attraverso il nostro sviluppo sostenibile a 360 gradi, grazie a tutte le nostre persone, continueremo ad operare come alleati delle nostre istituzioni per guidare l’Italia verso le prossime occasioni di posizionamento e rilancio internazionale, rappresentando un valore aggiunto per i cittadini e per i nostri territori di riferimento».\r\n\r\n ","post_title":"Aeroporti di Roma celebra i suoi primi 50 anni con un nuovo logo","post_date":"2024-02-13T09:00:00+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1707814800000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461278","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L’aviazione sta affrontando sfide senza precedenti. Il rapido cambiamento nelle dinamiche di mercato, il ripristino progressivo delle rotte, la gestione della capacità, il personale, l’obiettivo Net Zero 2050 e i ritardi nella consegna dei nuovi velivoli hanno generato scenari di concorrenza e forti oscillazioni nei prezzi dei biglietti.\r\nNel corso del panel “Aviation tra picchi di domanda, pricing e offerta sotto stress. Come fare quadrare il cerchio?”, che si è tenuto durante l'ultima Bit, ci si è chiesti come superare questa fase complessa e garantire al settore un futuro prospero.\r\n«Gli impegni e le sfide del settore - ha sottolineato Michele Mauri, managing director di AlixPartners - sono quelli di mantenere la profittabilità del momento, anche se l’impegno per la decarbonizzazione porterà a una crescita dei prezzi per l’utente finale, visti anche i costi del Saf e la difficoltà nel reperirlo. Sarà difficile raggiungere il target del Net Zero nel 2050: le compagnie si attrezzano acquistando nuovi aeromobili, ma la lista di attesa fa sì che un velivolo ordinato oggi venga consegnato solo nel 2029».\r\nPositivo lo sguardo di Tommaso Fumelli, vp sales Italy di Ita Airways che afferma: «Il 2024 sarà un anno di grandi cambiamenti e di riequilibrio tra domanda e offerta. Per raggiungere gli obiettivi di sostenibilità lavoriamo al massimo riempimento dei nostri voli, c’è una grande attenzione alle tariffe. Inoltre siamo molto legati al sostegno del trade: su 100 passeggeri 65 sono generati attraverso i nostri partner. Per noi è cruciale il sostegno degli agenti di viaggio. Tutto questo si traduce in una crescita. Nel 2024 è previsto un incremento del 25% dell’offerta sui tre settori di rete e di oltre il 40% sull’intercontinentale. Ci sono rotte in partenza sulla summer come la Roma-Chicago ad aprile e la Roma-Toronto a partire da maggio e c’è un forte focus coll’apertura di 3 rotte sull’area del Golfo e 2 sull'Arabia Saudita, poi Djerba ad agosto, Kuwait-City e quindi la West Africa. Abbiamo anche un’attenzione sui prodotti storici di lungo raggio come la Roma-Buenos Aires, dove aggiungeremo due frequenze durante l'estate. In più c’è la riapertura del Tel Aviv, che è un segnale di speranza perché il conflitto in corso arrivi a una soluzione definitiva».\r\nTra le voci dei relatori, fondamentale lo sguardo di chi si occupa del supporto al cliente. «Abbiamo parlato di numeri, retailing e ancillary, ma noi stiamo vivendo un periodo davvero difficile, inedito nella storia dell’aviazione civile. - afferma Claudio Cristofaro, ceo di Contur - Le complessità del passato hanno portato alla nascita di tecnologie adatte alla vendita, che hanno però causato un aumento delle problematiche. Quelle che prima erano emergenze che venivano gestite facilmente, adesso richiedono più impegno. Noi siamo sempre rimasti “in azione”. Dalla pandemia a oggi la situazione non si è normalizzata e il numero dei nostri interventi è molto elevato e superiore al passato. Sono problematiche globali, non legate a una singola compagnia. L’aviazione è un organismo complesso: in aeroporto ci sono la sicurezza, l’handling, le compagnie… un piccolo contrattempo può portare grandi problematiche. Ma fornendo supporto la nostra clientela si è fidelizzata. Noi trattiamo perlopiù con agenzie e stiamo crescendo, non solo perché le tariffe sono alle stelle, ma perché le adv si sentono più sicure nel vendere, sapendo che hanno una struttura alle spalle».","post_title":"Il futuro dell’aviazione fra nuove dinamiche di mercato e sfide pressanti","post_date":"2024-02-12T11:22:13+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1707736933000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461129","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Nuovo appuntamento ieri a Milano per l'Ufficio Nazionale Israeliano per il Turismo, con il consueto Premio stampa. Israel, land of Creation, è apparsa su oltre 1000 uscite, 987 giornali senza contare la parte social. Per questo il premio stampa \"Israele nel cuore\" ogni anno vuole premiare i reportage più emozionanti e approfonditi.\r\nLa categoria spiritualità la vince Elio Buonsignore per il programma televisivo che appare sulle reti Mediaset, i Viaggi del Cuore con un fervido racconto di Gerusalemme e della Terra Santa. La categoria culturale la vince Roberto Sveva Burchiello con il programma Moto Excape. La categoria natura la vincono Domenico Gambardella per Kilimangiaro e ancora Daniela Rainaldi produttore e Angela Costantino autore per Linea Verde Life, Leopoldo Gasparotto per Little Big Italy.\r\nPer la categoria sport vince il premio Lorenzo Franculli di Gazzetta dello Sport, per la categoria content creator è premiata Camilla Gullà. Menzione speciale per Canale 5 a Giancarlo Scheri ed Emiliano Facchinetti per lo straordinario concerto dalla Torre di Davide a Gerusalemme. Ritornata due mesi fa, infine, Rosa Stella Brienza di Panorama, è stata la prima giornalista ad andare in Israele dopo lo scoppio della guerra. ","post_title":"\"Israele nel cuore\": torna anche quest'anno il premio stampa dedicato ai reportage più emozionanti","post_date":"2024-02-08T13:56:07+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1707400567000]}]}}

Lascia un commento