2 March 2024

1676

[ 0 ]
Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono:
Email:
Provincia:
Comune:

Settore:
Mansione:


Testo dell'annuncio

Vendo agenzia viaggio in Roma zona Tuscolana, licenza B, 70 mq, tre postazioni di lavoro, 20 anni di attività, ottimo affitto. Mille 150 euro mensile, rinnovato per 6 anni, possibilità di affiancamento.
Ctc 338 8094661.


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 460624 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => E' un 2024 tutto all'insegna della crescita quello che si profila per l'aeroporto di Milano Malpensa, con un significativo incremento di compagnie aeree, voli e destinazioni. Protagonista l'espansione del lungo raggio, soprattutto verso l’Asia, che porta lo scalo a contare 176 destinazioni in 77 paesi collegati da 77 compagnie. La winter attuale ha visto l’ingresso di due nuove vettori e due nuove destinazioni cinesi, testimonianza della volontà di investire sul più grande mercato outbound d’Italia, grazie anche a un’ulteriore accelerazione dovuta dalle potenzialità legate al visa waiver per i passeggeri italiani. Da ieri, 4 febbraio, Cathay Pacific ha aggiunto un ulteriore collegamento da Malpensa a Hong Kong, portando da 3 a 4 le frequenze settimanali. Altro incremento della stagione sarà introdotto da Neos con l’aggiunta di un volo alla settimana per Almaty, capitale economica del Kazakistan, che dal prossimo 5 aprile, passerà da 2 a 3 frequenze settimanali. Le novità decolleranno il 1° marzo con Bulgaria Air, con 2 frequenze su Sofia, destinazione che dal 31 marzo entra a far parte dell’aerea Schengen. Turkmenistan Airlines atterra per la prima volta a Malpensa con un collegamento verso la sua capitale, Ashgabat, nuova destinazione su cui opererà dal prossimo 6 marzo con una frequenza alla settimana e dal 10 aprile con un secondo volo. Si tratta del primo storico volo passeggeri tra Italia e Turkmenistan. Hainan Airlines, dopo la recente apertura di Shenzhen, opererà dal 19 marzo una seconda importante rotta tra Milano e Chongqing, con 2 frequenze settimanali. Altra nuova destinazione per Malpensa sarà introdotta da Sun Express col il volo per Antalya, che sarà operato con due frequenze alla settimana dal 29 marzo. Un’altra novità è il ritorno del volo per Tolosa, che easyJet opererà con 2 frequenze a settimana dal primo aprile. La compagnia aerea lancerà anche due nuovi servizi settimanali su Gran Canaria e Sitia, destinazione inedita nella parte orientale di Creta, rispettivamente dal 31 marzo e dal 29 giugno. Debutteranno nuovi collegamenti Ryanair su Atene, Budapest, Parigi Beauvais e Marrakech, mentre Wizz Air attiverà voli per Tenerife e Comiso. Più scelta per arrivare a Parigi grazie a una nuova compagnia che ha scelto Malpensa, Transavia, che dal 4 aprile collegherà Paris Orly con 6 frequenze settimanali. Altra nuova compagnia in arrivo a Malpensa sarà Azores Airlines con i voli su  Ponte Delgada, il capoluogo delle isole portoghesi, collegandolo con due voli alla settimana dal 5 giugno. Con lo stesso volo si potrà continuare in prosecuzione verso Boston. A luglio ci sarà l’atteso ritorno di Thai Airways, con un volo giornaliero su Bangkok. L’offerta verso l’Asia si arricchirà anche di nuovo vettore, BeOnd, che introdurrà il collegamento diretto con le Maldive, dal 3 luglio con due frequenze alla settimana su Malé e con un aeromobile in configurazione all business, prodotto già proposto a Malpensa con successo da La Compagnie per New York. [post_title] => Milano Malpensa e l'accelerata sul lungo raggio. Grande focus verso l'Asia [post_date] => 2024-02-05T10:30:29+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707129029000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 460104 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Wizz Air sconta le conseguenze del conflitto in Medio Oriente nei risultati del trimestre ottobre-dicembre 2023, nonché delle difficoltà legate al grounding di alcuni aeromobili. La low cost ha infatti registrato un aumento del 16% delle perdite operative, che salgono a 180,4 milioni di euro rispetto ai 155,5 milioni dello stesso periodo dell'anno scorso. I ricavi si sono attestati a 1,06 miliardi di euro mentre il traffico passeggeri ha riportato la cifra record di 15,1 milioni, rispetto ai 12,4 milioni dell'analogo trimestre dello scorso esercizio. La compagnia aerea ha dichiarato che riprenderà alcuni voli per Tel Aviv a partire da marzo, dopo aver sospeso le operazioni verso Israele in seguito all'inizio della guerra in ottobre. Il vettore ha dichiarato che la sua performance finanziaria nel terzo trimestre è stata "materialmente influenzata dalla sospensione e dalla riallocazione della capacità destinata a Israele". «Nel terzo trimestre abbiamo continuato a registrare una crescita della capacità leader del settore, in vista del previsto fermo degli aeromobili nel quarto trimestre, quando i motori Gtf saranno rimossi per le ispezioni obbligatorie - ha dichiarato Jozsef Váradi, chief executive officer di Wizz Air - (...) L'inizio del quarto trimestre è stato positivo. Rimaniamo impegnati in un'efficace gestione dei costi, nell'utilizzo degli asset e nella produttività, tutti elementi fondamentali per il futuro e siamo fiduciosi nella nostra capacità di gestire questi elementi». Confermata la guidance dell’utile netto per l'intero esercizio 202, compresa tra i 350 e i 400 milioni di euro. [post_title] => Wizz Air sconta l'impatto del conflitto mediorientale e aumenta le perdite del trimestre [post_date] => 2024-01-25T12:49:15+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1706186955000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 459362 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il mercato Italia di Tap Air Portugal nel 2023 ha registrato una crescita del traffico del 31,8% per oltre 1,1 milioni di passeggeri trasportati sulle sei rotte operate. Una crescita maggiore di quella media globale per il vettore lusitano, che con 15,9 milioni di passeggeri ha archiviato l’anno scorso con un incremento del +15,2% sul 2022. In termini di load factor a livello globale la compagnia ha segnato un riempimento dell'80,8%, 0,8 punti percentuali in più rispetto al 2022 e già in crescita di 0,7% p.p. rispetto al 2019, l'ultimo anno pre-pandemico. L’Rpk è aumentato del 16% rispetto al 2022 e dell'1,4% rispetto al 2019. Particolarmente positiva la performance sul network di lungo raggio, con un totale di 4,6 milioni di passeggeri trasportati, vale a dire il 15,1% in più rispetto al 2022, e il 9,8% in più rispetto al 2019. Sulle rotte di Stati Uniti e Canada i passeggeri trasportati sono stati 1,46 milioni, il 18,4% in più rispetto al 2022 e il 39,5% in più rispetto al 2019. Sulle rotte verso il Brasile il numero totale di passeggeri trasportati è stato di oltre 1,9 milioni, con un incremento del 20,3% rispetto al 2022 e dell'8,4% rispetto al 2019. Per quanto riguarda le rotte verso le regioni autonome delle Azzorre e di Madeira, lo scorso anno TAP ha trasportato 1,5 milioni di passeggeri, vale a dire il 13,2% in più rispetto al 2022 e il 5,7% in più rispetto al 2019. Il confronto globale sul 2019 vede Tap ancora in difetto sui livelli di traffico che deteneva sulle rotte del Portogallo continentale, dell'Europa e dell'Africa, registrando, in termini di numeri totali, -7 % rispetto al numero totale di passeggeri trasportati nel 2019. È importante sottolineare che il piano di ristrutturazione definito dalla Commissione europea e a cui Tap sarà soggetta fino al 2025 le impongono di operare con un numero minore di aeromobili e un numero minore di slot all’aeroporto di Lisbona rispetto al 2019.   [post_title] => Tap centra una crescita del traffico sulle rotte italiane (+31,8%) maggiore di quella globale [post_date] => 2024-01-15T10:30:30+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1705314630000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 454983 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L'inverno di Air France decolla con un network di 167 destinazioni - 84 a lungo raggio e 83 a medio raggio. La compagnia opererà quindi, tra novembre 2023 e marzo 2024, a livelli prossimi a quelli dell'inverno 2019, e precisamente al 98% della capacità del 2019 in termini di posti-chilometro disponibili sui voli a lungo raggio. La winter alle porte vedrà un aumento del 20% delle capacità verso il Nord America rispetto al 2019, con fino a 212 voli settimanali verso 20 destinazioni negli Stati Uniti, in Canada e in Messico. Raleigh-Durham (Carolina del Nord) entrerà a far parte della rete Air France a partire dal 30 ottobre 2023, con 3 voli settimanali su Boeing 787-9. Più a sud, Air France rafforzerà i suoi servizi verso l'America centrale e meridionale con l'introduzione di un servizio giornaliero per San José (Costa Rica) con Airbus A350-900. Nei Caraibi, il 1° dicembre 2023, Air France inaugurerà una nuova rotta tra Pointe-à-Pitre (Guadalupa) e Saint-Martin - un volo settimanale a bordo di un Airbus A320. Crescita anche verso l'Asia dove, anche se ancora al di sotto dei livelli del 2019, la capacità aumenterà del 60% rispetto all'inverno 2022-2023, grazie alla Cina e al Giappone. La compagnia manterrà i voli giornalieri per Pechino, Shanghai e Hong Kong per tutto l'inverno e aggiungerà un secondo volo per Tokyo-Haneda. Quest'inverno, la compagnia volerà fino a 16 volte a settimana verso i due aeroporti di Tokyo. Infine, quest'inverno riprenderanno i voli giornalieri per Bangkok (Thailandia) e la destinazione godrà di un massimo di 10 voli settimanali durante i mesi di punta di gennaio e febbraio 2024. A partire dal 29 ottobre 2023, Air France inizierà a volare verso Abu Dhabi mentre in Africa il vettore vola ora tutti i giorni a Nairobi (Kenya), mentre il servizio per Dar Es Salaam (Tanzania), inaugurato a giugno come continuazione del servizio per Zanzibar (Tanzania), è stato esteso alla stagione invernale. Il medio raggio La rete di medio raggio vede il riavvio delle rotte stagionali tra Paris-Charles de Gaulle e Tromsø, Rovaniemi, Kittilä e Innsbruck. I voli per Cracovia sono stati estesi alla stagione invernale mentre, per ora, i voli da/per Tel Aviv rimangono sospesi (fino al 31 ottobre). La divisione low cost, Transavia France, volerà quest'inverno verso 84 città in 26 Paesi. Ancora una volta, sarà la prima compagnia aerea low-cost ad operare dagli aeroporti di Parigi. [post_title] => L'inverno di Air France conta 167 destinazioni. Più 20% la capacità sul Nord America [post_date] => 2023-10-27T11:16:43+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1698405403000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 454806 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => E' il centro storico di Venezia, con un'indice di esposizione turistica pari a 0,76, l'area a maggior rischio di overtourim della regione Veneto. Il dato potrebbe sembrare scontato, ma non è così. Provando ad andare oltre a opinioni, percezioni soggettive e correnti di pensiero, Federalberghi Veneto e Sociometrica, in collaborazione con Teamwork e Cherry Bank, hanno provato a studiare il fenomeno in maniera sistematica tramite un approccio analitico e dati oggettivi. Il rapporto è quindi partito da una serie di indicatori fondati su dati disponibili e costanti nel tempo, che chiunque potesse verificare e che avessero un valore oggettivo. Quello più efficace è apparso così la Tourism Exposure (Esposizione al turismo), costituita a sua volta da due  indicatori fondamentali: l’intensità e l’estensione. Il comune di Lazise primo per intensità dell'overtourism L’intensità dell’overtourism valuta in particolare la concentrazione di turisti in una specifica area o destinazione durante un determinato periodo, rispetto alla popolazione locale. In altre parole quantifica la presenza turistica rispetto alla popolazione residente. In Veneto, ben il 65,5% dei comuni (su un totale di 563) è interessato al fenomeno turistico. Dai dati emerge come il comune di Lazise, in provincia di Verona, abbia il più elevato rapporto tra presenze turistiche e popolazione residente (1,5), vale a dire che i turisti in un giorno medio rappresentano il 150% della popolazione residente. Al secondo posto si colloca il comune di Cavallino-Treporti (1,4), seguito da San Michele al Tagliamento (1,3). Venezia, che non compare nella graduatoria dei primi 20 comuni del Veneto, merita un discorso a parte, in quanto l’indicatore cambia di molto se rapportato alla popolazione del centro storico (meno di 50 mila abitanti), dove notoriamente si svolge la vacanza, o se rapportato all’intera popolazione del comune (256.083 abitanti, dati Istat). Considerando i soli abitanti del centro storico, l’indicatore di intensità di turismo diventa 0,6, piazzando Venezia al nono posto della classifica.  L'estensione dell'overtourism è l'indice più critico per il centro storico di Venezia L’estensione dell’overtourism valuta invece la diffusione geografica dei turisti su un’area o regione più ampia, ossia guarda l’ampiezza della presenza turistica su un territorio. In questo caso, Venezia è l’unica realtà in cui lo studio considera distintamente l’area di maggiore attrazione turistica (ovviamente il centro storico e le sue isole) rispetto al resto del comune (Mestre e terraferma). La città balza quindi al primo posto della graduatoria registrando un’altissima densità: 3.845 turisti/kmq, anziché 94,7 considerando l’intero territorio comunale. Seguono, staccati di molto, il comune di Cavallino-Treporti con 410 turisti/kmq e una superficie di 44,7 kmq e Peschiera del Garda con 333 turisti/kmq e una superficie di 18,3 kmq. Il report sottolinea, da una parte, le difficoltà nel definire le zone da considerare a maggiore attrazione turistica pur all’interno dello stesso comune (si pensi per esempio ai differenti sestieri di Venezia) e, dall’altra, si reputa necessario considerare diversi elementi quali la natura del territorio, la distribuzione dei flussi al suo interno, l’organizzazione della logistica... Il report considera poi le presenze extra alberghiere e quelle derivanti dalle locazioni turistiche brevi. La classifica non cambia molto sul fronte delle posizioni, ma moltissimo nei valori assoluti: l’isola di Venezia sfiora quota 5.050 turisti/kmq (5.048,5 per l’esattezza), mentre per Cavallino-Treporti la differenza è lievissima (da 410 a 416 turisti/kmq) e così dicasi per Peschiera del Garda (da 333 a 366 turisti/kmq). Si può parlare di overtourism quando la Tourism Exposure è sopra quota 0,75 Una volta calcolati questi due indicatori (intensità ed estensione), lo studio si occupa quindi di normalizzarli, vale a dire di considerarli su una scala comune comparabile, e poi di combinarli insieme, per creare l’indicatore fondamentale sintetico della Tourism Exposure. È calcolato a zero a uno: dove le destinazioni raggiungono il valore zero significa che in quelle località sia l’intensità sia l’estensione del fenomeno turistico è minimo, o del tutto inesistente. Nel caso in cui il valore è invece uno significa che si è in presenza della massima esposizione del comune al fenomeno turistico. Ecco allora, come si segnalava all'inizio, che in sintesi, unendo i due indici, Venezia centro storico risulta al primo posto, raggiungendo il valore di 0,76. Ciò significa che, rispetto a una teorica saturazione totale della popolazione e del territorio dell’isola di Venezia rispetto al turismo, saremmo a quota 76% con un massimo teorico del 100%. Se invece, considerassimo Venezia in quanto comune, perciò considerando sia il totale della popolazione, sia il totale dell’estensione del comune, allora il comune nella sua interezza sarebbe al ventottesimo posto. Al secondo posto si colloca Lazise, con l’indice combinato dello 0,52, seguito da San Michele al Tagliamento a pari merito con cavallino Treporti (0,49). Anche nel caso di questo indicatore sintetico e generale, risulta però difficile definire un valore oltre il quale vi sia un totale e complessivo overtourism, se non quando si raggiunga il valore massimo di uno o ci si collochi nelle sue vicinanze. Tuttavia, sottolinea l’analisi redatta da Sociometrica, è possibile predisporre indicativamente il paletto dello 0,75: valore di saturazione oltre cui la presenza turistica diventa difficilmente sostenibile e si innescano meccanismi negativi sia dal lato della domanda, perché i turisti non visiterebbero due volte una località troppo affollata, sia dal lato della residenzialità, perché la qualità della vita degli abitanti risulterebbe compromessa.   [post_title] => Fenomeno overtourism: un'indagine veneta ne prova a dare una definizione scientifica [post_date] => 2023-10-25T12:30:40+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1698237040000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 453828 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_453833" align="alignleft" width="356"] Il direttore generale Gruppo Una, Fabrizio Gaggio[/caption] Aprirà a Milano a metà 2026 la prossima grande novità del gruppo Una. “Abbiamo vinto la gara indetta da Fondazione Fiera per la gestione della struttura che sorgerà al Portello, come parte integrante di un complesso di due edifici attigui al centro congressi Mico, sviluppati dall’architetto Michele De Lucchi - racconta il direttore generale, Fabrizio Gaggio -. L’albergo si svilupperà su 21 piani e sarà dotato di 176 camere, con gli ultimi quattro livelli riservati a ristorazione, bar e club. La struttura entrerà nel nostro portfolio tramite un contratto di affitto di lungo periodo. Alla realizzazione noi parteciperemo con un importante investimento ff&e, con l’interior design che sarà affidato allo studio Vudafieri Saverino Partners, come già avvenuto per il nostro Una Esperienze Milano Verticale”.La novità giunge in concomitanza con un’estate più che positiva per Una, che ha visto i volumi ormai superare i livelli pre-Covid e le tariffe medie crescere del 13% rispetto al 2022. “Abbiamo raggiunto ampiamente gli obiettivi di budget - rivela sempre Gaggio -. Tanto più che le nostre previsioni iniziali avevano mantenuto toni prudenziali, a fronte dell’impennata dei costi energetici del 2022. In realtà siamo riusciti a contenere tali voci di uscita, per cui abbiamo sensibilmente migliorato pure le marginalità”. A trainare le performance del gruppo il prepotente ritorno della domanda Usa, che per alcune strutture della compagnia, come per esempio l’Unahotels Trastevere di Roma, è ormai il mercato principale in assoluto. “Ma grandi soddisfazioni ci ha dato anche l’f&b, che dalla fine del 2021 abbiamo deciso di internalizzare, con la notevole eccezione del ristorante di Bartolini del Milano Verticale”, aggiunge il direttore generale. Per il prossimo futuro la compagnia continua a guardare con interesse alle cosiddette Big 4, nonché a destinazioni secondarie urbane, a partire per esempio da Genova. Altro obiettivo è poi la Puglia, dove l’idea è quella di estendere l’offerta con nuovi resort, sul modello di quanto già fatto a Taormina e Giardini di Naxos. In arrivo anche importanti ristrutturazioni per l’hotel Art by Spanish Steps Una Esperienze di Roma, nonché per l’Unahotels Cusani di Milano che nel 2024 è destinato a essere riposizionato come Una Esperienze. “Certo - ammette infine Gaggio -, inutile nascondere che l’attuale contesto di tassi di interesse elevati non aiuti i piani di sviluppo dell’intero settore alberghiero. Anche per chi, come noi, adotta strategie asset - light, i ritorni attesi degli investitori tendono ad aumentare, con conseguente incremento dei livelli di affitto richiesti. L’idea è quella di collaborare con chi ha orizzonti di lungo periodo. Ma non è facile”.   [post_title] => Il Gruppo Una sbarca al Portello di Milano con una struttura da 176 camere [post_date] => 2023-10-11T14:05:57+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1697033157000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 453300 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Lo scacchiere europeo del trasporto aereo assume un nuovo assetto con l'ingresso di Air France-Klm nel capitale di Sas, con una quota del 20%. Il vettore scandinavo, tra i membri fondatori di Star Alliance, lascerà quindi la storica alleanza per trasferirsi in quello del gruppo franco-olandese, SkyTeam. Sas sta percorrendo da metà 2022 la strada del Chapter 11 negli Stati Uniti, dopo essere stata messa duramente alla prova dai costi elevati e dalle conseguenze della pandemia. Air France-Klm è parte del consorzio creato assieme a Castlelake (che rappresenta un insieme di fondi) e il governo danese che deterranno, rispettivamente, il 20%, il 32% e il 26% nella nuova compagine azionaria della compagnia scandinava. Secondo quanto spiegato da Sas - che da oltre un decennio fatica a competere con i rivali low cost nel frammentato settore dell'aviazione europea - è previsto un investimento totale di 12,9 miliardi di corone svedesi (1,16 miliardi di dollari) nella riorganizzazione: Air France-Klm stanzierà 144,5 milioni di dollari, di cui 109,5 milioni in azioni ordinarie e 35 milioni in obbligazioni convertibili garantite. Il gruppo ha dichiarato che la sua partecipazione potrà essere aumentata fino a garantirle il controllo dopo un minimo di due anni, in base alle condizioni normative e ai risultati finanziari. La decisioneAir France-Klm è successiva all’avvio della privatizzazione di Ita Airways e all’annuncio del governo portoghese della vendita del 51% di Tap Air Portugal. «Questo è un giorno importante per Sas e per Air France-Klm - ha commentato Benjamin Smith, ceo del gruppo franco-olandese -. Siamo lieti di far parte del consorzio vincente selezionato dal consiglio di amministrazione di Sas. Stabiliremo forti legami commerciali con Sas che, grazie alla sua posizione consolidata in Scandinavia e ad un marchio forte, offre un enorme potenziale al nostro gruppo. Questa cooperazione ci consentirà di rafforzare la nostra posizione nei Paesi nordici e di migliorare la connettività per i viaggiatori scandinavi ed europei». [post_title] => Air France-Klm si prende il 20% di Sas, che trasloca in SkyTeam [post_date] => 2023-10-04T09:18:45+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1696411125000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 451952 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => United Airlines accende i riflettori sul network che vedrà il debutto dell'Airbus A321neo, che includerà collegamenti verso cinque destinazioni dall'aeroporto internazionale O'Hare di Chicago. Il primo volo del vettore con questo tipo di aeromobile collegherà l'hub dell'Illinois con l'aeroporto internazionale Sky Harbor di Phoenix il 14 dicembre, con due frequenze al giorno che diverranno giornaliere a gennaio. Il 14 dicembre inizierà anche una seconda rotta, secondo i dati forniti da Oag Schedules Analyser, che collegherà Chicago a Fort Lauderdale, in Florida. Successivamente, il 9 gennaio 2024 è previsto il lancio di altre tre rotte, per Las Vegas, Fort Myers e Orlando; ciascuna sarà servita da un volo giornaliero. United ha ordinato 70 A321neo nel giugno 2021, come parte di un ordine più ampio per 270 aeromobili progettato per migliorare la connettività e ridurre i costi unitari in tutta l'azienda. La mossa fa seguito a un ordine fermo per 50 A321XLR a più lungo raggio effettuato nel dicembre 2019. L'introduzione dell'A321neo da 200 posti sulle rotte da Chicago andrà ad aumentare la capacità su ciascuna delle tratte esistenti, dove oggi volano Boeing 737-800 da 166 posti. [post_title] => United Airlines: ecco le prime rotte servite dall'A321neo da Chicago [post_date] => 2023-09-12T09:40:55+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1694511655000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 450609 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Traffico passeggeri in crescita del 28,3% in Europa nella prima metà del 2023 rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Ed è il traffico internazionale (+32,2%) ad aumentare ad una velocità doppia rispetto a quello domestico (+16,6%), così come rilevato dall'ultimo report targato Aci Europe. Un trend che potrebbe però cambiare direzione, a chiusura della stagione estiva.   Il volume dei passeggeri si è attestato al -7,7% nel primo semestre rispetto ai livelli 2019, “in costante miglioramento nel periodo, passando dal -11% di gennaio al -5,9% di giugno”. A giugno, la migliore performance di traffico passeggeri nel mercato Ue+ è stata registrata dagli aeroporti di Grecia (+14,2%), Islanda (+9,3%), Lussemburgo (+8,7%), Portogallo (+8,1%) e Polonia (+6,3%) . Al contrario, gli aeroporti in Finlandia (-32,2%), Slovenia (-31,9%), Germania (-21,7%), Bulgaria (-20,5%) e Svezia (-18,8%) sono rimasti ben al di sotto dei livelli pre-pandemia.   Bene la performance dell'Italia Aci Europe evidenzia che tra i mercati più importanti, gli aeroporti italiani (+1,9%) hanno registrato i migliori risultati, seguiti da quelli di Spagna (-2,8%), Regno Unito (-6%) e Francia (-8,3%). Passando al resto d'Europa, la migliore performance di traffico passeggeri nel mese di giugno è stata registrata dagli aeroporti dell'Albania (+114,6%), sostenuti dall'espansione dei vettori ultra low cost – seguiti da quelli dell'Uzbekistan (+91,7%), dell'Armenia (+ 87,6%), e Kazakhstan (+43,6%) “che ha beneficiato del traffico russo che si è allontanato dal mercato UE+”. Allo stesso tempo, gli aeroporti in Turchia (+0,6%) e Russia (+0,4%) hanno registrato una piena ripresa.   “Il traffico passeggeri è rimbalzato negli ultimi sei mesi, avvicinandosi sempre di più a una ripresa completa - ha commentato Olivier Jankovec, direttore generale di Aci Europe -. Tuttavia, il 2023 non è il 2019. Le prestazioni variano ampiamente tra i mercati nazionali e i volumi rimangono al di sotto dei livelli pre-pandemia per oltre la metà (52%) degli aeroporti europei. Oltre all'impatto duraturo della guerra in Ucraina su alcuni mercati, ciò è in gran parte dovuto a modelli di ripresa che sono diventati strutturali. Questi includono l'imponente ma selettiva espansione dei vettori ultra-low-cost e il relativo declino dei vettori full-service, nonché l'importanza della domanda leisure e VFR, nonché lo spostamento di una parte del traffico domestico verso altri modi di trasporto trasporto".   Finora, la domanda è rimasta "estremamente resiliente di fronte alle persistenti pressioni inflazionistiche e agli aumenti record delle tariffe aeree da inizio anno", ha aggiunto il leader. Ma, guardando avanti e oltre il picco dei mesi estivi, “vediamo significativi rischi al ribasso e molta incertezza". [post_title] => Il traffico passeggeri in Europa cresce a doppia cifra. Le incertezze del futuro [post_date] => 2023-08-01T10:14:34+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1690884874000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "1676" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":4,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":49,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"460624","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"E' un 2024 tutto all'insegna della crescita quello che si profila per l'aeroporto di Milano Malpensa, con un significativo incremento di compagnie aeree, voli e destinazioni. Protagonista l'espansione del lungo raggio, soprattutto verso l’Asia, che porta lo scalo a contare 176 destinazioni in 77 paesi collegati da 77 compagnie.\r\n\r\nLa winter attuale ha visto l’ingresso di due nuove vettori e due nuove destinazioni cinesi, testimonianza della volontà di investire sul più grande mercato outbound d’Italia, grazie anche a un’ulteriore accelerazione dovuta dalle potenzialità legate al visa waiver per i passeggeri italiani.\r\nDa ieri, 4 febbraio, Cathay Pacific ha aggiunto un ulteriore collegamento da Malpensa a Hong Kong, portando da 3 a 4 le frequenze settimanali. Altro incremento della stagione sarà introdotto da Neos con l’aggiunta di un volo alla settimana per Almaty, capitale economica del Kazakistan, che dal prossimo 5 aprile, passerà da 2 a 3 frequenze settimanali.\r\nLe novità decolleranno il 1° marzo con Bulgaria Air, con 2 frequenze su Sofia, destinazione che dal 31 marzo entra a far parte dell’aerea Schengen.\r\nTurkmenistan Airlines atterra per la prima volta a Malpensa con un collegamento verso la sua capitale, Ashgabat, nuova destinazione su cui opererà dal prossimo 6 marzo con una frequenza alla settimana e dal 10 aprile con un secondo volo. Si tratta del primo storico volo passeggeri tra Italia e Turkmenistan.\r\nHainan Airlines, dopo la recente apertura di Shenzhen, opererà dal 19 marzo una seconda importante rotta tra Milano e Chongqing, con 2 frequenze settimanali.\r\nAltra nuova destinazione per Malpensa sarà introdotta da Sun Express col il volo per Antalya, che sarà operato con due frequenze alla settimana dal 29 marzo.\r\nUn’altra novità è il ritorno del volo per Tolosa, che easyJet opererà con 2 frequenze a settimana dal primo aprile. La compagnia aerea lancerà anche due nuovi servizi settimanali su Gran Canaria e Sitia, destinazione inedita nella parte orientale di Creta, rispettivamente dal 31 marzo e dal 29 giugno.\r\nDebutteranno nuovi collegamenti Ryanair su Atene, Budapest, Parigi Beauvais e Marrakech, mentre Wizz Air attiverà voli per Tenerife e Comiso.\r\nPiù scelta per arrivare a Parigi grazie a una nuova compagnia che ha scelto Malpensa, Transavia, che dal 4 aprile collegherà Paris Orly con 6 frequenze settimanali.\r\nAltra nuova compagnia in arrivo a Malpensa sarà Azores Airlines con i voli su  Ponte Delgada, il capoluogo delle isole portoghesi, collegandolo con due voli alla settimana dal 5 giugno. Con lo stesso volo si potrà continuare in prosecuzione verso Boston.\r\nA luglio ci sarà l’atteso ritorno di Thai Airways, con un volo giornaliero su Bangkok. L’offerta verso l’Asia si arricchirà anche di nuovo vettore, BeOnd, che introdurrà il collegamento diretto con le Maldive, dal 3 luglio con due frequenze alla settimana su Malé e con un aeromobile in configurazione all business, prodotto già proposto a Malpensa con successo da La Compagnie per New York.","post_title":"Milano Malpensa e l'accelerata sul lungo raggio. Grande focus verso l'Asia","post_date":"2024-02-05T10:30:29+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1707129029000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"460104","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Wizz Air sconta le conseguenze del conflitto in Medio Oriente nei risultati del trimestre ottobre-dicembre 2023, nonché delle difficoltà legate al grounding di alcuni aeromobili. La low cost ha infatti registrato un aumento del 16% delle perdite operative, che salgono a 180,4 milioni di euro rispetto ai 155,5 milioni dello stesso periodo dell'anno scorso.\r\n\r\nI ricavi si sono attestati a 1,06 miliardi di euro mentre il traffico passeggeri ha riportato la cifra record di 15,1 milioni, rispetto ai 12,4 milioni dell'analogo trimestre dello scorso esercizio. La compagnia aerea ha dichiarato che riprenderà alcuni voli per Tel Aviv a partire da marzo, dopo aver sospeso le operazioni verso Israele in seguito all'inizio della guerra in ottobre. Il vettore ha dichiarato che la sua performance finanziaria nel terzo trimestre è stata \"materialmente influenzata dalla sospensione e dalla riallocazione della capacità destinata a Israele\".\r\n\r\n«Nel terzo trimestre abbiamo continuato a registrare una crescita della capacità leader del settore, in vista del previsto fermo degli aeromobili nel quarto trimestre, quando i motori Gtf saranno rimossi per le ispezioni obbligatorie - ha dichiarato Jozsef Váradi, chief executive officer di Wizz Air - (...) L'inizio del quarto trimestre è stato positivo. Rimaniamo impegnati in un'efficace gestione dei costi, nell'utilizzo degli asset e nella produttività, tutti elementi fondamentali per il futuro e siamo fiduciosi nella nostra capacità di gestire questi elementi».\r\n\r\nConfermata la guidance dell’utile netto per l'intero esercizio 202, compresa tra i 350 e i 400 milioni di euro.","post_title":"Wizz Air sconta l'impatto del conflitto mediorientale e aumenta le perdite del trimestre","post_date":"2024-01-25T12:49:15+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1706186955000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"459362","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il mercato Italia di Tap Air Portugal nel 2023 ha registrato una crescita del traffico del 31,8% per oltre 1,1 milioni di passeggeri trasportati sulle sei rotte operate. Una crescita maggiore di quella media globale per il vettore lusitano, che con 15,9 milioni di passeggeri ha archiviato l’anno scorso con un incremento del +15,2% sul 2022.\r\n\r\nIn termini di load factor a livello globale la compagnia ha segnato un riempimento dell'80,8%, 0,8 punti percentuali in più rispetto al 2022 e già in crescita di 0,7% p.p. rispetto al 2019, l'ultimo anno pre-pandemico. L’Rpk è aumentato del 16% rispetto al 2022 e dell'1,4% rispetto al 2019.\r\n\r\nParticolarmente positiva la performance sul network di lungo raggio, con un totale di 4,6 milioni di passeggeri trasportati, vale a dire il 15,1% in più rispetto al 2022, e il 9,8% in più rispetto al 2019. Sulle rotte di Stati Uniti e Canada i passeggeri trasportati sono stati 1,46 milioni, il 18,4% in più rispetto al 2022 e il 39,5% in più rispetto al 2019.\r\n\r\nSulle rotte verso il Brasile il numero totale di passeggeri trasportati è stato di oltre 1,9 milioni, con un incremento del 20,3% rispetto al 2022 e dell'8,4% rispetto al 2019.\r\n\r\nPer quanto riguarda le rotte verso le regioni autonome delle Azzorre e di Madeira, lo scorso anno TAP ha trasportato 1,5 milioni di passeggeri, vale a dire il 13,2% in più rispetto al 2022 e il 5,7% in più rispetto al 2019.\r\n\r\nIl confronto globale sul 2019 vede Tap ancora in difetto sui livelli di traffico che deteneva sulle rotte del Portogallo continentale, dell'Europa e dell'Africa, registrando, in termini di numeri totali, -7 % rispetto al numero totale di passeggeri trasportati nel 2019.\r\n\r\nÈ importante sottolineare che il piano di ristrutturazione definito dalla Commissione europea e a cui Tap sarà soggetta fino al 2025 le impongono di operare con un numero minore di aeromobili e un numero minore di slot all’aeroporto di Lisbona rispetto al 2019.  ","post_title":"Tap centra una crescita del traffico sulle rotte italiane (+31,8%) maggiore di quella globale","post_date":"2024-01-15T10:30:30+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1705314630000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"454983","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L'inverno di Air France decolla con un network di 167 destinazioni - 84 a lungo raggio e 83 a medio raggio. La compagnia opererà quindi, tra novembre 2023 e marzo 2024, a livelli prossimi a quelli dell'inverno 2019, e precisamente al 98% della capacità del 2019 in termini di posti-chilometro disponibili sui voli a lungo raggio.\r\n\r\nLa winter alle porte vedrà un aumento del 20% delle capacità verso il Nord America rispetto al 2019, con fino a 212 voli settimanali verso 20 destinazioni negli Stati Uniti, in Canada e in Messico. Raleigh-Durham (Carolina del Nord) entrerà a far parte della rete Air France a partire dal 30 ottobre 2023, con 3 voli settimanali su Boeing 787-9.\r\n\r\nPiù a sud, Air France rafforzerà i suoi servizi verso l'America centrale e meridionale con l'introduzione di un servizio giornaliero per San José (Costa Rica) con Airbus A350-900. Nei Caraibi, il 1° dicembre 2023, Air France inaugurerà una nuova rotta tra Pointe-à-Pitre (Guadalupa) e Saint-Martin - un volo settimanale a bordo di un Airbus A320.\r\n\r\nCrescita anche verso l'Asia dove, anche se ancora al di sotto dei livelli del 2019, la capacità aumenterà del 60% rispetto all'inverno 2022-2023, grazie alla Cina e al Giappone. La compagnia manterrà i voli giornalieri per Pechino, Shanghai e Hong Kong per tutto l'inverno e aggiungerà un secondo volo per Tokyo-Haneda. Quest'inverno, la compagnia volerà fino a 16 volte a settimana verso i due aeroporti di Tokyo. Infine, quest'inverno riprenderanno i voli giornalieri per Bangkok (Thailandia) e la destinazione godrà di un massimo di 10 voli settimanali durante i mesi di punta di gennaio e febbraio 2024.\r\n\r\nA partire dal 29 ottobre 2023, Air France inizierà a volare verso Abu Dhabi mentre in Africa il vettore vola ora tutti i giorni a Nairobi (Kenya), mentre il servizio per Dar Es Salaam (Tanzania), inaugurato a giugno come continuazione del servizio per Zanzibar (Tanzania), è stato esteso alla stagione invernale.\r\n\r\nIl medio raggio\r\n\r\nLa rete di medio raggio vede il riavvio delle rotte stagionali tra Paris-Charles de Gaulle e Tromsø, Rovaniemi, Kittilä e Innsbruck. I voli per Cracovia sono stati estesi alla stagione invernale mentre, per ora, i voli da/per Tel Aviv rimangono sospesi (fino al 31 ottobre).\r\n\r\nLa divisione low cost, Transavia France, volerà quest'inverno verso 84 città in 26 Paesi. Ancora una volta, sarà la prima compagnia aerea low-cost ad operare dagli aeroporti di Parigi.","post_title":"L'inverno di Air France conta 167 destinazioni. Più 20% la capacità sul Nord America","post_date":"2023-10-27T11:16:43+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1698405403000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"454806","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"E' il centro storico di Venezia, con un'indice di esposizione turistica pari a 0,76, l'area a maggior rischio di overtourim della regione Veneto. Il dato potrebbe sembrare scontato, ma non è così. Provando ad andare oltre a opinioni, percezioni soggettive e correnti di pensiero, Federalberghi Veneto e Sociometrica, in collaborazione con Teamwork e Cherry Bank, hanno provato a studiare il fenomeno in maniera sistematica tramite un approccio analitico e dati oggettivi. Il rapporto è quindi partito da una serie di indicatori fondati su dati disponibili e costanti nel tempo, che chiunque potesse verificare e che avessero un valore oggettivo. Quello più efficace è apparso così la Tourism Exposure (Esposizione al turismo), costituita a sua volta da due  indicatori fondamentali: l’intensità e l’estensione.\r\n\r\nIl comune di Lazise primo per intensità dell'overtourism\r\n\r\nL’intensità dell’overtourism valuta in particolare la concentrazione di turisti in una specifica area o destinazione durante un determinato periodo, rispetto alla popolazione locale. In altre parole quantifica la presenza turistica rispetto alla popolazione residente. In Veneto, ben il 65,5% dei comuni (su un totale di 563) è interessato al fenomeno turistico. Dai dati emerge come il comune di Lazise, in provincia di Verona, abbia il più elevato rapporto tra presenze turistiche e popolazione residente (1,5), vale a dire che i turisti in un giorno medio rappresentano il 150% della popolazione residente. Al secondo posto si colloca il comune di Cavallino-Treporti (1,4), seguito da San Michele al Tagliamento (1,3). Venezia, che non compare nella graduatoria dei primi 20 comuni del Veneto, merita un discorso a parte, in quanto l’indicatore cambia di molto se rapportato alla popolazione del centro storico (meno di 50 mila abitanti), dove notoriamente si svolge la vacanza, o se rapportato all’intera popolazione del comune (256.083 abitanti, dati Istat). Considerando i soli abitanti del centro storico, l’indicatore di intensità di turismo diventa 0,6, piazzando Venezia al nono posto della classifica. \r\n\r\nL'estensione dell'overtourism è l'indice più critico per il centro storico di Venezia\r\n\r\nL’estensione dell’overtourism valuta invece la diffusione geografica dei turisti su un’area o regione più ampia, ossia guarda l’ampiezza della presenza turistica su un territorio. In questo caso, Venezia è l’unica realtà in cui lo studio considera distintamente l’area di maggiore attrazione turistica (ovviamente il centro storico e le sue isole) rispetto al resto del comune (Mestre e terraferma). La città balza quindi al primo posto della graduatoria registrando un’altissima densità: 3.845 turisti/kmq, anziché 94,7 considerando l’intero territorio comunale. Seguono, staccati di molto, il comune di Cavallino-Treporti con 410 turisti/kmq e una superficie di 44,7 kmq e Peschiera del Garda con 333 turisti/kmq e una superficie di 18,3 kmq. Il report sottolinea, da una parte, le difficoltà nel definire le zone da considerare a maggiore attrazione turistica pur all’interno dello stesso comune (si pensi per esempio ai differenti sestieri di Venezia) e, dall’altra, si reputa necessario considerare diversi elementi quali la natura del territorio, la distribuzione dei flussi al suo interno, l’organizzazione della logistica... Il report considera poi le presenze extra alberghiere e quelle derivanti dalle locazioni turistiche brevi. La classifica non cambia molto sul fronte delle posizioni, ma moltissimo nei valori assoluti: l’isola di Venezia sfiora quota 5.050 turisti/kmq (5.048,5 per l’esattezza), mentre per Cavallino-Treporti la differenza è lievissima (da 410 a 416 turisti/kmq) e così dicasi per Peschiera del Garda (da 333 a 366 turisti/kmq).\r\n\r\nSi può parlare di overtourism quando la Tourism Exposure è sopra quota 0,75\r\n\r\nUna volta calcolati questi due indicatori (intensità ed estensione), lo studio si occupa quindi di normalizzarli, vale a dire di considerarli su una scala comune comparabile, e poi di combinarli insieme, per creare l’indicatore fondamentale sintetico della Tourism Exposure. È calcolato a zero a uno: dove le destinazioni raggiungono il valore zero significa che in quelle località sia l’intensità sia l’estensione del fenomeno turistico è minimo, o del tutto inesistente. Nel caso in cui il valore è invece uno significa che si è in presenza della massima esposizione del comune al fenomeno turistico. Ecco allora, come si segnalava all'inizio, che in sintesi, unendo i due indici, Venezia centro storico risulta al primo posto, raggiungendo il valore di 0,76. Ciò significa che, rispetto a una teorica saturazione totale della popolazione e del territorio dell’isola di Venezia rispetto al turismo, saremmo a quota 76% con un massimo teorico del 100%. Se invece, considerassimo Venezia in quanto comune, perciò considerando sia il totale della popolazione, sia il totale dell’estensione del comune, allora il comune nella sua interezza sarebbe al ventottesimo posto. Al secondo posto si colloca Lazise, con l’indice combinato dello 0,52, seguito da San Michele al Tagliamento a pari merito con cavallino Treporti (0,49).\r\n\r\nAnche nel caso di questo indicatore sintetico e generale, risulta però difficile definire un valore oltre il quale vi sia un totale e complessivo overtourism, se non quando si raggiunga il valore massimo di uno o ci si collochi nelle sue vicinanze. Tuttavia, sottolinea l’analisi redatta da Sociometrica, è possibile predisporre indicativamente il paletto dello 0,75: valore di saturazione oltre cui la presenza turistica diventa difficilmente sostenibile e si innescano meccanismi negativi sia dal lato della domanda, perché i turisti non visiterebbero due volte una località troppo affollata, sia dal lato della residenzialità, perché la qualità della vita degli abitanti risulterebbe compromessa.\r\n\r\n ","post_title":"Fenomeno overtourism: un'indagine veneta ne prova a dare una definizione scientifica","post_date":"2023-10-25T12:30:40+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1698237040000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"453828","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_453833\" align=\"alignleft\" width=\"356\"] Il direttore generale Gruppo Una, Fabrizio Gaggio[/caption]\r\n\r\nAprirà a Milano a metà 2026 la prossima grande novità del gruppo Una. “Abbiamo vinto la gara indetta da Fondazione Fiera per la gestione della struttura che sorgerà al Portello, come parte integrante di un complesso di due edifici attigui al centro congressi Mico, sviluppati dall’architetto Michele De Lucchi - racconta il direttore generale, Fabrizio Gaggio -. L’albergo si svilupperà su 21 piani e sarà dotato di 176 camere, con gli ultimi quattro livelli riservati a ristorazione, bar e club. La struttura entrerà nel nostro portfolio tramite un contratto di affitto di lungo periodo. Alla realizzazione noi parteciperemo con un importante investimento ff&e, con l’interior design che sarà affidato allo studio Vudafieri Saverino Partners, come già avvenuto per il nostro Una Esperienze Milano Verticale”.La novità giunge in concomitanza con un’estate più che positiva per Una, che ha visto i volumi ormai superare i livelli pre-Covid e le tariffe medie crescere del 13% rispetto al 2022. “Abbiamo raggiunto ampiamente gli obiettivi di budget - rivela sempre Gaggio -. Tanto più che le nostre previsioni iniziali avevano mantenuto toni prudenziali, a fronte dell’impennata dei costi energetici del 2022. In realtà siamo riusciti a contenere tali voci di uscita, per cui abbiamo sensibilmente migliorato pure le marginalità”.\r\n\r\nA trainare le performance del gruppo il prepotente ritorno della domanda Usa, che per alcune strutture della compagnia, come per esempio l’Unahotels Trastevere di Roma, è ormai il mercato principale in assoluto. “Ma grandi soddisfazioni ci ha dato anche l’f&b, che dalla fine del 2021 abbiamo deciso di internalizzare, con la notevole eccezione del ristorante di Bartolini del Milano Verticale”, aggiunge il direttore generale.\r\n\r\nPer il prossimo futuro la compagnia continua a guardare con interesse alle cosiddette Big 4, nonché a destinazioni secondarie urbane, a partire per esempio da Genova. Altro obiettivo è poi la Puglia, dove l’idea è quella di estendere l’offerta con nuovi resort, sul modello di quanto già fatto a Taormina e Giardini di Naxos. In arrivo anche importanti ristrutturazioni per l’hotel Art by Spanish Steps Una Esperienze di Roma, nonché per l’Unahotels Cusani di Milano che nel 2024 è destinato a essere riposizionato come Una Esperienze.\r\n\r\n“Certo - ammette infine Gaggio -, inutile nascondere che l’attuale contesto di tassi di interesse elevati non aiuti i piani di sviluppo dell’intero settore alberghiero. Anche per chi, come noi, adotta strategie asset - light, i ritorni attesi degli investitori tendono ad aumentare, con conseguente incremento dei livelli di affitto richiesti. L’idea è quella di collaborare con chi ha orizzonti di lungo periodo. Ma non è facile”.\r\n\r\n ","post_title":"Il Gruppo Una sbarca al Portello di Milano con una struttura da 176 camere","post_date":"2023-10-11T14:05:57+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1697033157000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"453300","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Lo scacchiere europeo del trasporto aereo assume un nuovo assetto con l'ingresso di Air France-Klm nel capitale di Sas, con una quota del 20%. Il vettore scandinavo, tra i membri fondatori di Star Alliance, lascerà quindi la storica alleanza per trasferirsi in quello del gruppo franco-olandese, SkyTeam.\r\n\r\nSas sta percorrendo da metà 2022 la strada del Chapter 11 negli Stati Uniti, dopo essere stata messa duramente alla prova dai costi elevati e dalle conseguenze della pandemia. Air France-Klm è parte del consorzio creato assieme a Castlelake (che rappresenta un insieme di fondi) e il governo danese che deterranno, rispettivamente, il 20%, il 32% e il 26% nella nuova compagine azionaria della compagnia scandinava.\r\n\r\nSecondo quanto spiegato da Sas - che da oltre un decennio fatica a competere con i rivali low cost nel frammentato settore dell'aviazione europea - è previsto un investimento totale di 12,9 miliardi di corone svedesi (1,16 miliardi di dollari) nella riorganizzazione: Air France-Klm stanzierà 144,5 milioni di dollari, di cui 109,5 milioni in azioni ordinarie e 35 milioni in obbligazioni convertibili garantite. Il gruppo ha dichiarato che la sua partecipazione potrà essere aumentata fino a garantirle il controllo dopo un minimo di due anni, in base alle condizioni normative e ai risultati finanziari.\r\n\r\nLa decisioneAir France-Klm è successiva all’avvio della privatizzazione di Ita Airways e all’annuncio del governo portoghese della vendita del 51% di Tap Air Portugal.\r\n\r\n«Questo è un giorno importante per Sas e per Air France-Klm - ha commentato Benjamin Smith, ceo del gruppo franco-olandese -. Siamo lieti di far parte del consorzio vincente selezionato dal consiglio di amministrazione di Sas. Stabiliremo forti legami commerciali con Sas che, grazie alla sua posizione consolidata in Scandinavia e ad un marchio forte, offre un enorme potenziale al nostro gruppo. Questa cooperazione ci consentirà di rafforzare la nostra posizione nei Paesi nordici e di migliorare la connettività per i viaggiatori scandinavi ed europei».","post_title":"Air France-Klm si prende il 20% di Sas, che trasloca in SkyTeam","post_date":"2023-10-04T09:18:45+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1696411125000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"451952","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"United Airlines accende i riflettori sul network che vedrà il debutto dell'Airbus A321neo, che includerà collegamenti verso cinque destinazioni dall'aeroporto internazionale O'Hare di Chicago.\r\n\r\nIl primo volo del vettore con questo tipo di aeromobile collegherà l'hub dell'Illinois con l'aeroporto internazionale Sky Harbor di Phoenix il 14 dicembre, con due frequenze al giorno che diverranno giornaliere a gennaio.\r\n\r\nIl 14 dicembre inizierà anche una seconda rotta, secondo i dati forniti da Oag Schedules Analyser, che collegherà Chicago a Fort Lauderdale, in Florida. Successivamente, il 9 gennaio 2024 è previsto il lancio di altre tre rotte, per Las Vegas, Fort Myers e Orlando; ciascuna sarà servita da un volo giornaliero.\r\n\r\nUnited ha ordinato 70 A321neo nel giugno 2021, come parte di un ordine più ampio per 270 aeromobili progettato per migliorare la connettività e ridurre i costi unitari in tutta l'azienda. La mossa fa seguito a un ordine fermo per 50 A321XLR a più lungo raggio effettuato nel dicembre 2019.\r\n\r\nL'introduzione dell'A321neo da 200 posti sulle rotte da Chicago andrà ad aumentare la capacità su ciascuna delle tratte esistenti, dove oggi volano Boeing 737-800 da 166 posti.","post_title":"United Airlines: ecco le prime rotte servite dall'A321neo da Chicago","post_date":"2023-09-12T09:40:55+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1694511655000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"450609","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Traffico passeggeri in crescita del 28,3% in Europa nella prima metà del 2023 rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Ed è il traffico internazionale (+32,2%) ad aumentare ad una velocità doppia rispetto a quello domestico (+16,6%), così come rilevato dall'ultimo report targato Aci Europe. Un trend che potrebbe però cambiare direzione, a chiusura della stagione estiva.\r\n \r\nIl volume dei passeggeri si è attestato al -7,7% nel primo semestre rispetto ai livelli 2019, “in costante miglioramento nel periodo, passando dal -11% di gennaio al -5,9% di giugno”. A giugno, la migliore performance di traffico passeggeri nel mercato Ue+ è stata registrata dagli aeroporti di Grecia (+14,2%), Islanda (+9,3%), Lussemburgo (+8,7%), Portogallo (+8,1%) e Polonia (+6,3%) . Al contrario, gli aeroporti in Finlandia (-32,2%), Slovenia (-31,9%), Germania (-21,7%), Bulgaria (-20,5%) e Svezia (-18,8%) sono rimasti ben al di sotto dei livelli pre-pandemia.\r\n \r\nBene la performance dell'Italia\r\nAci Europe evidenzia che tra i mercati più importanti, gli aeroporti italiani (+1,9%) hanno registrato i migliori risultati, seguiti da quelli di Spagna (-2,8%), Regno Unito (-6%) e Francia (-8,3%). Passando al resto d'Europa, la migliore performance di traffico passeggeri nel mese di giugno è stata registrata dagli aeroporti dell'Albania (+114,6%), sostenuti dall'espansione dei vettori ultra low cost – seguiti da quelli dell'Uzbekistan (+91,7%), dell'Armenia (+ 87,6%), e Kazakhstan (+43,6%) “che ha beneficiato del traffico russo che si è allontanato dal mercato UE+”. Allo stesso tempo, gli aeroporti in Turchia (+0,6%) e Russia (+0,4%) hanno registrato una piena ripresa.\r\n \r\n“Il traffico passeggeri è rimbalzato negli ultimi sei mesi, avvicinandosi sempre di più a una ripresa completa - ha commentato Olivier Jankovec, direttore generale di Aci Europe -. Tuttavia, il 2023 non è il 2019. Le prestazioni variano ampiamente tra i mercati nazionali e i volumi rimangono al di sotto dei livelli pre-pandemia per oltre la metà (52%) degli aeroporti europei. Oltre all'impatto duraturo della guerra in Ucraina su alcuni mercati, ciò è in gran parte dovuto a modelli di ripresa che sono diventati strutturali. Questi includono l'imponente ma selettiva espansione dei vettori ultra-low-cost e il relativo declino dei vettori full-service, nonché l'importanza della domanda leisure e VFR, nonché lo spostamento di una parte del traffico domestico verso altri modi di trasporto trasporto\".\r\n \r\nFinora, la domanda è rimasta \"estremamente resiliente di fronte alle persistenti pressioni inflazionistiche e agli aumenti record delle tariffe aeree da inizio anno\", ha aggiunto il leader. Ma, guardando avanti e oltre il picco dei mesi estivi, “vediamo significativi rischi al ribasso e molta incertezza\".","post_title":"Il traffico passeggeri in Europa cresce a doppia cifra. Le incertezze del futuro","post_date":"2023-08-01T10:14:34+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1690884874000]}]}}

Lascia un commento