2 October 2022

1589

[ 0 ]
Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono:
Email:
Provincia:
Comune:

Settore:
Mansione:


Testo dell'annuncio

Esperienza pluriennale in compagnia aerea come supervisore in amministrazione, conoscenza Excel, Word, Power point, Bsplink, Businessway, cerco lavoro part-time zona Roma. Monica, cell. 339 5297969.


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431245 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Consegnata da Fincantieri al gruppo Viking la Polaris, seconda nave di un'ordine da due unità da crociera expedition. La cerimonia si è svolta presso il cantiere di Søviknes, in Norvegia. Al pari della Octantis, consegnata lo scorso anno, la Viking Polaris può accogliere a bordo 378 ospiti in 189 cabine. Entrambe le unità sono inoltre dotate della certificazione Polar Class 6 per le spedizioni nelle regioni polari, e hanno dimensioni tali da poter navigare in aree remote e nel fiume San Lorenzo, mantenendo maneggevolezza e stabilità superiori anche con mare agitato. Progettate dagli stessi architetti e ingegneri che hanno lavorato alle navi oceaniche della flotta Viking, le nuove unità presentano un moderno design scandinavo, ambienti intimi e attenzione ai dettagli, con lo stile delle aree pubbliche tipico di Viking e alcuni ambienti aggiunti appositamente per la particolare tipologia di viaggio expedition. La collaborazione tra Fincantieri e Viking annovera ben 18 unità totali, incluse le quattro annunciate poche settimane fa, confermando così la ripresa del settore crocieristico, atteso a un ritorno sui livelli pre-pandemici nel 2023. [post_title] => Fincantieri consegna la nave expedition Polaris al gruppo Viking [post_date] => 2022-09-28T11:08:46+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664363326000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431217 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => A fine anno sono previsti in Adriatico 3,3 milioni di crocieristi movimentati (imbarchi, sbarchi e transiti), in crescita del 232% sul 2021 grazie a 2.936 accosti di navi da crociera (+195% sul 2021). Un dato positivo, certo, ma ancora lontano da quello del 2019, quando i numeri parlavano di ben 5,7 milioni di passeggeri movimentati nella medesima area. Il podio della classifica 2022 vede quindi Corfù al primo posto con oltre mezzo milione di passeggeri previsti e 411 toccate nave, davanti a Kotor (400 mila passeggeri movimentati e 440 toccate nave) e Trieste (380 mila passeggeri movimentati e 230 accosti). A livello di Paesi, la previsione per la chiusura d’anno vede quindi l’Italia confermarsi al primo posto per numero di passeggeri movimentati (1,36 milioni, pari al 40% del totale), davanti a Croazia (900 mila passeggeri) e Grecia (560 mila passeggeri). La Croazia, invece, registrerà a fine 2022 il numero più alto di toccate nave (995) davanti all’Italia (927) e al Montenegro (453). Sono alcuni dei dati della nuova edizione dell'Adriatic Sea Tourism Report che, insieme alle previsioni per il 2023, verranno presentati da Risposte Turismo in occasione della quinta edizione di Adriatic Sea Forum – Cruise, Ferry, Sail & Yacht, organizzato a Bari dal 6 al 7 ottobre dalla stessa Risposte Turismo, in partnership con l'Autorità di sistema portuale del mar Adriatico meridionale e Pugliapromozione. Lanciato nel 2013, il forum vedrà la partecipazione di operatori dei settori crociere, traghetti e nautica provenienti dai sette Paesi che si affacciano sull’Adriatico (Italia, Albania, Bosnia ed Erzegovina, Croazia, Grecia, Montenegro e Slovenia). «La nuova edizione dell’Adriatic Sea Forum giunge in un momento particolarmente significativo per il comparto, nel quale la sfida, ancor più del passato, si gioca sulla capacità di attrazione della domanda, dunque dei turisti, nell’area adriatica - dichiara Francesco di Cesare, presidente Risposte Turismo - Nei due giorni del forum porremo agli operatori e ai rappresentanti di enti di governo una serie di temi e quesiti per comprendere quali potranno essere le future traiettorie di sviluppo di questi settori in Adriatico, e ascolteremo intenzioni, progetti, programmi e istanze che dovrebbero segnare le prossime dinamiche e consentire il raggiungimento di nuovi e più ambiziosi risultati». Tra gli altri dati del rapporto, si segnalano anche quelli sul segmento dei traghetti e degli aliscafi: i primi numeri dell'Adriatic Sea Tourism Report mostrano a fine 2022 nei porti adriatici quasi 18 milioni di passeggeri movimentati (+26% sul 2021 e risultato vicino ai 20 milioni - numeri record - registrati nel 2019). A fine 2022 Bari si confermerà inoltre primo porto in Adriatico per passeggeri movimentati su rotte internazionali (quasi 800 mila), davanti a Durazzo e Ancona che si contenderanno la seconda posizione con circa 690 mila passeggeri movimentati. Da segnalare come per tutti e tre i porti la movimentazione ferry si sviluppi per il 100% su rotte internazionali. Passando infine alla nautica, secondo i dati elaborati da Risposte Turismo in Adriatico sono attive 337 strutture per quasi 80 mila posti barca (79.171). L’Italia conferma la propria leadership grazie a 189 strutture attive (56% delle marine presenti nell’area, per un totale di 49 mila posti barca, 62% del totale), davanti a Croazia (126 strutture per quasi 21 mila posti barca) e Montenegro (8 strutture per 3.545 posti barca). Il turismo nautico in Adriatico mostra, nel quadriennio 2019 – 2022, una crescita complessiva nel numero di marine, porti turistici e posti barca. Nel periodo, infatti, sono state aperte otto nuove strutture nautiche (tre in Croazia, due in Italia e in Montenegro e una in Grecia), per un totale di quasi 4 mila nuovi posti barca. «Nonostante le incertezze che pesano sul contesto internazionale – conclude di Cesare - il turismo ha dato evidenti segnali di ripresa in questo 2022 e il maritime tourism, con le sue componenti, spicca per dinamicità. Negli scorsi mesi abbiamo registrato attraverso i nostri lavori di ricerca una intensa accelerazione sul fronte degli investimenti, con l’offerta nautica, di traghetti e crociere che tanto sul fronte porti e marine che su quello delle compagnie di navigazione sta alzando man mano il livello qualitativo, con una grande attenzione anche al tema della salvaguardia dell’ambiente». [post_title] => All'Adriatic Sea Forum di Bari i dati del report ad hoc di Risposte Turismo [post_date] => 2022-09-28T10:06:57+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664359617000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 430542 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Gli stranieri tornano in Italia in massa: nei primi sei mesi del 2022 hanno speso 15,9 miliardi di euro, in aumento del 308% rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso (3,9 mld). Nel confronto con il primo anno della pandemia (6,2 mld), l'incremento è del 155,1%, grazie ai mesi precedenti l'arrivo del covid (gennaio e febbraio). E' quanto emerge dalle tabelle della Banca d'Italia che accompagnano l'indagine sul turismo internazionale. La bilancia dei pagamenti turistica mostra che i turisti italiani andati all'estero, nel primo semestre, hanno speso 9 miliardi, in aumento del 142,1% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno (3,7 mld). L'incremento rispetto ai primi sei mesi del 2020, quando gli italiani hanno speso 5,2 miliardi di euro, è invece del 71%. Il saldo risulta positivo per 6,8 miliardi di euro, un valore che è difficile confrontare con l'anno precedente (159 mln) e con il 2020 (935 mln). Analizzando i trimestri emerge che nei primi tre mesi dell'anno la spesa degli stranieri è stata pari a 5,1 miliardi, a cui si sommano 10,8 miliardi del secondo trimestre. Mentre la spesa dei viaggiatori italiani nei primi tre mesi del 2022 è stata di 3,4 miliardi, a cui vanno sommati altri 5,6 miliardi del secondo trimestre. Secondo Bankitalia lo scorso giugno la bilancia dei pagamenti turistica dell'Italia ha registrato un avanzo di 2,5 miliardi di euro (da 0,4 mld nello stesso mese del 2021), lievemente superiore ai livelli pre-pandemici del 2019. ''Grazie alla completa revoca delle restrizioni all'ingresso'', le entrate turistiche (4,6 miliardi) sono state pari a circa tre volte quelle dell'anno precedente; le uscite (pari a 2,1 miliardi) sono raddoppiate. [post_title] => Bankitalia certifica il boom del turismo straniero. Spesi 15,9 miliardi [post_date] => 2022-09-15T14:49:21+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1663253361000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 430068 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_402293" align="alignleft" width="300"] Vittorio Messina[/caption] Il trimestre giugno-agosto ha segnato finalmente il ritorno alla normalità delle vacanze estive e un importante consolidamento della crescita dei flussi turistici. Le attese di inizio stagione, però, sono rimaste in parte disattese, a causa del caro carburanti, del caos aeroporti e dell'impennata dell'inflazione, che hanno un po' indebolito la domanda. L’aumento dei costi energetici ha inoltre ridotto drasticamente i margini delle attività ricettive. Sono i primi dati sull'estate che emergono da un'indagine Assoturismo Confesercenti, realizzata dal Centro studi turistici di Firenze, su un campione di 1.694 imprenditori della ricettività. Presenze quasi a livelli del 2019 In base alle informazioni raccolte, si rileva una crescita delle presenze del trimestre estivo (giugno-luglio-agosto) pari al +15,5% sul 2021. Per la componente nazionale l’aumento è del 5,1%, mentre per la componente straniera sale a +35,4%. In termini assoluti i turisti registrati nelle strutture ricettive sono circa 49 milioni, per un totale di 198,8 milioni di pernottamenti: un livello del 6,9% inferiore rispetto all'anno pre-Covid 2019. Buoni i flussi da Europa e Usa Risultati rilevanti sono emersi per gli stranieri, sebbene ancora sotto i numeri del 2019 (-20,2%). Le imprese ricettive hanno ospitato prevalentemente turisti tedeschi, ma anche dalla Francia, dai Paesi Bassi, dalla Svizzera, dal Belgio, dagli Stati Uniti e dal Regno Unito. Gli aumenti più significativi sono stati registrati soprattutto nelle regioni del Nord Ovest (+18,5%), del Nord Est (+16,8%) e del Centro (+16,2%). Per Sud e Isole la crescita stimata è del +10,3%. Il rimbalzo delle città d'arte Nel complesso, tra stranieri e italiani le località marine e montane hanno segnato una crescita dell'11% circa rispetto al 2021; +21,9% per le imprese delle località dei laghi, +20,5% per il turismo rurale e collinare, +18,1% per le aree termali. Però, il recupero più significativo è stato quello delle città e dei centri d’arte, le destinazioni più penalizzate dall’emergenza sanitaria: rispetto allo scorso anno la crescita dei pernottamenti è del +31%. Bene anche settembre Archiviato il trimestre estivo, l’interesse degli imprenditori è ora sul prolungamento della stagione anche nel mese di settembre. In valori assoluti, la variazione attesa per settembre 2022, rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, è di oltre 2,7 milioni di pernottamenti in più, per un totale di 44,3 milioni. A segnalare maggiore ottimismo le imprese delle città d’arte con un +15,9% di prenotazioni. Caro energia: servono interventi concreti a sostegno delle imprese “Le bollette di luce e gas sono praticamente triplicate e questo ha ridotto di molto i margini per le imprese del turismo, dato che i pacchetti per la stagione estiva sono stati venduti prima degli aumenti. Il quasi ritorno del turismo ai livelli pre-pandemia è sicuramente una buona notizia ma – commenta il presidente di Assoturismo Confesercenti Vittorio Messina - senza interventi concreti a sostegno delle imprese, migliaia di strutture ricettive e attività del comparto non potranno più sostenere la spesa per l’energia e saranno costrette a chiudere”.   [post_title] => Assoturismo certifica la ripresa piena del turismo italiano. Ma ora pesano i rincari [post_date] => 2022-09-07T10:13:23+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1662545603000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 429320 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Ryanair ha trasportato 16,8 milioni di passeggeri nel mese di luglio, operando circa 92.300 voli. La cifra è superiore ai 15,9 milioni registrati a giugno di quest'anno e in aumento dell'81% rispetto al numero di passeggeri registrati nel luglio 2021. Non solo: si tratta anche di un aumento di circa 2 milioni di passeggeri rispetto al luglio del 2019. Il load factor della low cost ha inoltre raggiunto il 96%, rispetto all'80% del luglio 2021. Luglio rappresenta il settimo mese consecutivo di crescita per Ryanair, sia in termini di passeggeri trasportati sia a livello di load factor. All'inizio dell'anno, durante il mese di gennaio, Ryanair ha trasportato 7 milioni di passeggeri, con il traffico invernale che ha risentito delle restrizioni di viaggio dovute alla variante Omicron del Covid-19. [post_title] => Ryanair sfiora i 17 milioni di passeggeri a luglio, settimo mese consecutivo di crescita [post_date] => 2022-08-04T09:36:59+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1659605819000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 428853 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il governo del Napal ha varato una serie di misure per rilanciare l'industria del turismo, particolarmente colpita dalla pandemia, che includono l'istituzione della Visit Nepal Decade, nel decennio tra il 2023 e il 2033. Presentando il piano Jeevan Ram Shrestha, ministro nepalese per la cultura, il turismo e l'aviazione civile, ha dichiarato che il governo sta rompendo la tradizione di annunciare un singolo anno come "Visit Nepal Year", in modo da condurre una campagna sostenuta per promuovere il turismo, uno dei principali generatori di valuta estera e di posti di lavoro per il Paese. Il governo intanto punta ad attrarre 1 milione di turisti stranieri nell'anno fiscale 2022-23, iniziato a metà luglio. Il Nepal ha accolto 1,19 milioni di visitatori stranieri nel 2019 e ha cercato di attrarne 2 milioni nel 2020, quando è stato lanciato Visit Nepal 2020, ma il Covid-19 ha costretto il governo a sospendere la campagna. Lo scorso giugno, secondo i dati del ministero del Turismo, gli stranieri che hanno visitato il Paese sono stati 237.670. Nell'ambito del nuovo piano d'azione, il Nepal lancerà campagne di promozione in Cina, India e Bangladesh, le prime due delle quali sono le maggiori fonti di turisti per il Nepal negli anni normali. È previsto anche un piano per promuovere il Nepal come destinazione Mice e per il turismo spirituale, con l'offerta di pacchetti di yoga, benessere e spa. E visto che l'alpinismo è da sempre una parte fondamentale del turismo nepalese, il Paese sta pianificando l'apertura di altre vette himalayane. [post_title] => Nepal: nuovo piano per rilanciare il turismo con la Visit Nepal Decade [post_date] => 2022-07-25T11:17:12+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1658747832000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 428705 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Non si fermano gli investimenti degli austriaci di Jp Immobilien in Italia. A pochi giorni dalla notizia dell'acquisizione dell'hotel Milano di Madonna di Campiglio, da riposizionare nel segmento lifestyle, arriva ora quella del Residence del Mare Casa Minelli a Trieste. L'operazione, come nel caso trentino, è stata condotta dalla controllata Jp Hospitality Investors Club. La proprietà si trova nel centro storico, in zona pedonale, nei pressi di piazza Unità d'Italia, vicino al lungomare e al porto. Vanta un totale di 36 appartamenti con angolo cucina per soggiorni short & long stay. L’asset, attualmente un 3 stelle, risulta in buone condizioni ma sarà comunque oggetto di una ristrutturazione leggera, ancora una volta per riposizionarlo come prodotto lifestyle. E' questa la quinta acquisizione italiana del gruppo austriaco che, proprio a Trieste, ha tra le altre rilevato a inizio anno da Ferrovie dello Stato il palazzo Compartimentale per 10 milioni di euro. I piani sono quelli di convertire la proprietà in un 4 stelle da 159 camere a marchio 25hours, il secondo del brand Accor-Ennismore in Italia dopo il debutto fiorentino. [post_title] => Focus sull'Italia per l'austriaca Jp Immobilien: acquisito un residence a Trieste [post_date] => 2022-07-21T12:05:32+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1658405132000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 428414 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il Portogallo ha registrato lo scorso maggio un numero di turisti stranieri in aumento di quasi sei volte rispetto allo stesso mese dell'anno scorso, anche se ancora inferiore di circa il 9% rispetto ai livelli precedenti alla pandemia. Secondi i dati resi noti dall'Istituto nazionale di statistica (Ine), i turisti sono stati più di 1,58 milioni, rispetto ai circa 274.000 di un anno fa, quando il Paese era ancora soggetto alle restrizioni di viaggio a causa del Covid-19. Nel maggio 2019, invece, il numero si era attestato a 1,73 milioni. Il settore turistico portoghese rappresentava quasi il 15% del prodotto interno lordo prima della pandemia. Quanto alla provenienza dei turisti, è la Gran Bretagna a detenere il primo posto con la quota maggiore degli arrivi a maggio (16%), seguita dalla Francia (11,5%); gli Stati Uniti hanno condiviso il terzo posto con Spagna e Germania, ciascuna con il 10% degli arrivi. L'Ine ha evidenziato che il settore alberghiero nel suo complesso ha registrato 2,5 milioni di ospiti nel mese di maggio e il fatturato totale degli hotel è aumentato di 3,6 volte, raggiungendo 456,1 milioni di euro (456,7 milioni di dollari). Il mercato nazionale ha contribuito con 1,8 milioni di pernottamenti e i mercati esterni con 4,7 milioni.     [post_title] => Portogallo: il numero dei turisti stranieri cresce in modo significativo [post_date] => 2022-07-15T13:04:20+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1657890260000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 428223 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => E' pari a 31 il saldo netto del numero di hotel di catena in Italia, tra entrate e uscite registrate nel primo semestre dell'anno. Lo rivela il consueto rapporto trimestrale Chains Monitor Italy, realizzato dalla società di consulenza riminese Thrends. In particolare,  gli alberghi brandizzati nel periodo gennaio – giugno di questo anno sono stati 102, di cui il 67% appartenenti al segmento upscale. D’altra parte, sono stati 71 gli hotel che hanno cessato la propria affiliazione a una catena nel corso dello stesso semestre, la maggior parte dei quali appartenenti anch’essi al segmento upscale (76%), nonché a un brand domestico (66%). Nei prossimi anni (2022-2025) è poi in programma lo sviluppo e/o affiliazione di 158 hotel, di cui il 73,4% appartenenti a gruppi internazionali. Tra le nuove aperture in pipeline, cinque hotel apparterranno al segmento economy, 13 al midscale, 72 all'upscale, 63 al luxury. A questi si aggiungeranno infine cinque strutture, il cui segmento di appartenenza non è al momento noto. Il 26,6% delle novità è poi rappresentato da hotel che entreranno a far parte di una catena domestica, mentre il restante 73,4% saranno legate a brand internazionali, tra cui il 26,6% americani, il 12,7% francesi e il 6,3% inglesi. Le regioni che vedranno il maggior numero di nuove aperture sono il Lazio (22,8%), la Lombardia (20,3%), il Veneto (15,2%) e la Toscana (10,1%). Le prime cinque mete per volume della pipeline sono quindi Roma (21,5%), Milano (12,7%), Venezia (9,5%), Firenze (5,1%) e Napoli (3,2%). Per quanto riguarda infine il tipo di destinazione, il 39% degli hotel sarà localizzato in città d’arte, il 20% in location business, l’8% in mete leisure e l’11% in aree sun & beach. [post_title] => Thrends: prosegue la crescita degli hotel di catena in Italia. Focus su Roma [post_date] => 2022-07-13T11:43:39+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1657712619000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "1589" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":5,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":69,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431245","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Consegnata da Fincantieri al gruppo Viking la Polaris, seconda nave di un'ordine da due unità da crociera expedition. La cerimonia si è svolta presso il cantiere di Søviknes, in Norvegia. Al pari della Octantis, consegnata lo scorso anno, la Viking Polaris può accogliere a bordo 378 ospiti in 189 cabine. Entrambe le unità sono inoltre dotate della certificazione Polar Class 6 per le spedizioni nelle regioni polari, e hanno dimensioni tali da poter navigare in aree remote e nel fiume San Lorenzo, mantenendo maneggevolezza e stabilità superiori anche con mare agitato.\r\n\r\nProgettate dagli stessi architetti e ingegneri che hanno lavorato alle navi oceaniche della flotta Viking, le nuove unità presentano un moderno design scandinavo, ambienti intimi e attenzione ai dettagli, con lo stile delle aree pubbliche tipico di Viking e alcuni ambienti aggiunti appositamente per la particolare tipologia di viaggio expedition. La collaborazione tra Fincantieri e Viking annovera ben 18 unità totali, incluse le quattro annunciate poche settimane fa, confermando così la ripresa del settore crocieristico, atteso a un ritorno sui livelli pre-pandemici nel 2023.","post_title":"Fincantieri consegna la nave expedition Polaris al gruppo Viking","post_date":"2022-09-28T11:08:46+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1664363326000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431217","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"A fine anno sono previsti in Adriatico 3,3 milioni di crocieristi movimentati (imbarchi, sbarchi e transiti), in crescita del 232% sul 2021 grazie a 2.936 accosti di navi da crociera (+195% sul 2021). Un dato positivo, certo, ma ancora lontano da quello del 2019, quando i numeri parlavano di ben 5,7 milioni di passeggeri movimentati nella medesima area. Il podio della classifica 2022 vede quindi Corfù al primo posto con oltre mezzo milione di passeggeri previsti e 411 toccate nave, davanti a Kotor (400 mila passeggeri movimentati e 440 toccate nave) e Trieste (380 mila passeggeri movimentati e 230 accosti). A livello di Paesi, la previsione per la chiusura d’anno vede quindi l’Italia confermarsi al primo posto per numero di passeggeri movimentati (1,36 milioni, pari al 40% del totale), davanti a Croazia (900 mila passeggeri) e Grecia (560 mila passeggeri). La Croazia, invece, registrerà a fine 2022 il numero più alto di toccate nave (995) davanti all’Italia (927) e al Montenegro (453).\r\n\r\nSono alcuni dei dati della nuova edizione dell'Adriatic Sea Tourism Report che, insieme alle previsioni per il 2023, verranno presentati da Risposte Turismo in occasione della quinta edizione di Adriatic Sea Forum – Cruise, Ferry, Sail & Yacht, organizzato a Bari dal 6 al 7 ottobre dalla stessa Risposte Turismo, in partnership con l'Autorità di sistema portuale del mar Adriatico meridionale e Pugliapromozione. Lanciato nel 2013, il forum vedrà la partecipazione di operatori dei settori crociere, traghetti e nautica provenienti dai sette Paesi che si affacciano sull’Adriatico (Italia, Albania, Bosnia ed Erzegovina, Croazia, Grecia, Montenegro e Slovenia).\r\n\r\n«La nuova edizione dell’Adriatic Sea Forum giunge in un momento particolarmente significativo per il comparto, nel quale la sfida, ancor più del passato, si gioca sulla capacità di attrazione della domanda, dunque dei turisti, nell’area adriatica - dichiara Francesco di Cesare, presidente Risposte Turismo - Nei due giorni del forum porremo agli operatori e ai rappresentanti di enti di governo una serie di temi e quesiti per comprendere quali potranno essere le future traiettorie di sviluppo di questi settori in Adriatico, e ascolteremo intenzioni, progetti, programmi e istanze che dovrebbero segnare le prossime dinamiche e consentire il raggiungimento di nuovi e più ambiziosi risultati».\r\n\r\nTra gli altri dati del rapporto, si segnalano anche quelli sul segmento dei traghetti e degli aliscafi: i primi numeri dell'Adriatic Sea Tourism Report mostrano a fine 2022 nei porti adriatici quasi 18 milioni di passeggeri movimentati (+26% sul 2021 e risultato vicino ai 20 milioni - numeri record - registrati nel 2019). A fine 2022 Bari si confermerà inoltre primo porto in Adriatico per passeggeri movimentati su rotte internazionali (quasi 800 mila), davanti a Durazzo e Ancona che si contenderanno la seconda posizione con circa 690 mila passeggeri movimentati. Da segnalare come per tutti e tre i porti la movimentazione ferry si sviluppi per il 100% su rotte internazionali.\r\n\r\nPassando infine alla nautica, secondo i dati elaborati da Risposte Turismo in Adriatico sono attive 337 strutture per quasi 80 mila posti barca (79.171). L’Italia conferma la propria leadership grazie a 189 strutture attive (56% delle marine presenti nell’area, per un totale di 49 mila posti barca, 62% del totale), davanti a Croazia (126 strutture per quasi 21 mila posti barca) e Montenegro (8 strutture per 3.545 posti barca). Il turismo nautico in Adriatico mostra, nel quadriennio 2019 – 2022, una crescita complessiva nel numero di marine, porti turistici e posti barca. Nel periodo, infatti, sono state aperte otto nuove strutture nautiche (tre in Croazia, due in Italia e in Montenegro e una in Grecia), per un totale di quasi 4 mila nuovi posti barca.\r\n\r\n«Nonostante le incertezze che pesano sul contesto internazionale – conclude di Cesare - il turismo ha dato evidenti segnali di ripresa in questo 2022 e il maritime tourism, con le sue componenti, spicca per dinamicità. Negli scorsi mesi abbiamo registrato attraverso i nostri lavori di ricerca una intensa accelerazione sul fronte degli investimenti, con l’offerta nautica, di traghetti e crociere che tanto sul fronte porti e marine che su quello delle compagnie di navigazione sta alzando man mano il livello qualitativo, con una grande attenzione anche al tema della salvaguardia dell’ambiente».","post_title":"All'Adriatic Sea Forum di Bari i dati del report ad hoc di Risposte Turismo","post_date":"2022-09-28T10:06:57+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1664359617000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"430542","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Gli stranieri tornano in Italia in massa: nei primi sei mesi del 2022 hanno speso 15,9 miliardi di euro, in aumento del 308% rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso (3,9 mld). Nel confronto con il primo anno della pandemia (6,2 mld), l'incremento è del 155,1%, grazie ai mesi precedenti l'arrivo del covid (gennaio e febbraio).\r\n\r\nE' quanto emerge dalle tabelle della Banca d'Italia che accompagnano l'indagine sul turismo internazionale. La bilancia dei pagamenti turistica mostra che i turisti italiani andati all'estero, nel primo semestre, hanno speso 9 miliardi, in aumento del 142,1% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno (3,7 mld). L'incremento rispetto ai primi sei mesi del 2020, quando gli italiani hanno speso 5,2 miliardi di euro, è invece del 71%. Il saldo risulta positivo per 6,8 miliardi di euro, un valore che è difficile confrontare con l'anno precedente (159 mln) e con il 2020 (935 mln).\r\nAnalizzando i trimestri emerge che nei primi tre mesi dell'anno la spesa degli stranieri è stata pari a 5,1 miliardi, a cui si sommano 10,8 miliardi del secondo trimestre. Mentre la spesa dei viaggiatori italiani nei primi tre mesi del 2022 è stata di 3,4 miliardi, a cui vanno sommati altri 5,6 miliardi del secondo trimestre.\r\nSecondo Bankitalia lo scorso giugno la bilancia dei pagamenti turistica dell'Italia ha registrato un avanzo di 2,5 miliardi di euro (da 0,4 mld nello stesso mese del 2021), lievemente superiore ai livelli pre-pandemici del 2019. ''Grazie alla completa revoca delle restrizioni all'ingresso'', le entrate turistiche (4,6 miliardi) sono state pari a circa tre volte quelle dell'anno precedente; le uscite (pari a 2,1 miliardi) sono raddoppiate.","post_title":"Bankitalia certifica il boom del turismo straniero. Spesi 15,9 miliardi","post_date":"2022-09-15T14:49:21+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1663253361000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"430068","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_402293\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Vittorio Messina[/caption]\r\n\r\nIl trimestre giugno-agosto ha segnato finalmente il ritorno alla normalità delle vacanze estive e un importante consolidamento della crescita dei flussi turistici. Le attese di inizio stagione, però, sono rimaste in parte disattese, a causa del caro carburanti, del caos aeroporti e dell'impennata dell'inflazione, che hanno un po' indebolito la domanda. L’aumento dei costi energetici ha inoltre ridotto drasticamente i margini delle attività ricettive. Sono i primi dati sull'estate che emergono da un'indagine Assoturismo Confesercenti, realizzata dal Centro studi turistici di Firenze, su un campione di 1.694 imprenditori della ricettività.\r\n\r\nPresenze quasi a livelli del 2019\r\n\r\nIn base alle informazioni raccolte, si rileva una crescita delle presenze del trimestre estivo (giugno-luglio-agosto) pari al +15,5% sul 2021. Per la componente nazionale l’aumento è del 5,1%, mentre per la componente straniera sale a +35,4%. In termini assoluti i turisti registrati nelle strutture ricettive sono circa 49 milioni, per un totale di 198,8 milioni di pernottamenti: un livello del 6,9% inferiore rispetto all'anno pre-Covid 2019.\r\n\r\nBuoni i flussi da Europa e Usa\r\n\r\nRisultati rilevanti sono emersi per gli stranieri, sebbene ancora sotto i numeri del 2019 (-20,2%). Le imprese ricettive hanno ospitato prevalentemente turisti tedeschi, ma anche dalla Francia, dai Paesi Bassi, dalla Svizzera, dal Belgio, dagli Stati Uniti e dal Regno Unito. Gli aumenti più significativi sono stati registrati soprattutto nelle regioni del Nord Ovest (+18,5%), del Nord Est (+16,8%) e del Centro (+16,2%). Per Sud e Isole la crescita stimata è del +10,3%.\r\n\r\nIl rimbalzo delle città d'arte\r\n\r\nNel complesso, tra stranieri e italiani le località marine e montane hanno segnato una crescita dell'11% circa rispetto al 2021; +21,9% per le imprese delle località dei laghi, +20,5% per il turismo rurale e collinare, +18,1% per le aree termali. Però, il recupero più significativo è stato quello delle città e dei centri d’arte, le destinazioni più penalizzate dall’emergenza sanitaria: rispetto allo scorso anno la crescita dei pernottamenti è del +31%.\r\n\r\nBene anche settembre\r\n\r\nArchiviato il trimestre estivo, l’interesse degli imprenditori è ora sul prolungamento della stagione anche nel mese di settembre. In valori assoluti, la variazione attesa per settembre 2022, rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, è di oltre 2,7 milioni di pernottamenti in più, per un totale di 44,3 milioni. A segnalare maggiore ottimismo le imprese delle città d’arte con un +15,9% di prenotazioni.\r\n\r\nCaro energia: servono interventi concreti a sostegno delle imprese\r\n\r\n“Le bollette di luce e gas sono praticamente triplicate e questo ha ridotto di molto i margini per le imprese del turismo, dato che i pacchetti per la stagione estiva sono stati venduti prima degli aumenti. Il quasi ritorno del turismo ai livelli pre-pandemia è sicuramente una buona notizia ma – commenta il presidente di Assoturismo Confesercenti Vittorio Messina - senza interventi concreti a sostegno delle imprese, migliaia di strutture ricettive e attività del comparto non potranno più sostenere la spesa per l’energia e saranno costrette a chiudere”.\r\n\r\n ","post_title":"Assoturismo certifica la ripresa piena del turismo italiano. Ma ora pesano i rincari","post_date":"2022-09-07T10:13:23+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1662545603000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"429320","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Ryanair ha trasportato 16,8 milioni di passeggeri nel mese di luglio, operando circa 92.300 voli. La cifra è superiore ai 15,9 milioni registrati a giugno di quest'anno e in aumento dell'81% rispetto al numero di passeggeri registrati nel luglio 2021. Non solo: si tratta anche di un aumento di circa 2 milioni di passeggeri rispetto al luglio del 2019. Il load factor della low cost ha inoltre raggiunto il 96%, rispetto all'80% del luglio 2021.\r\n\r\nLuglio rappresenta il settimo mese consecutivo di crescita per Ryanair, sia in termini di passeggeri trasportati sia a livello di load factor.\r\n\r\nAll'inizio dell'anno, durante il mese di gennaio, Ryanair ha trasportato 7 milioni di passeggeri, con il traffico invernale che ha risentito delle restrizioni di viaggio dovute alla variante Omicron del Covid-19.","post_title":"Ryanair sfiora i 17 milioni di passeggeri a luglio, settimo mese consecutivo di crescita","post_date":"2022-08-04T09:36:59+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1659605819000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"428853","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il governo del Napal ha varato una serie di misure per rilanciare l'industria del turismo, particolarmente colpita dalla pandemia, che includono l'istituzione della Visit Nepal Decade, nel decennio tra il 2023 e il 2033.\r\n\r\nPresentando il piano Jeevan Ram Shrestha, ministro nepalese per la cultura, il turismo e l'aviazione civile, ha dichiarato che il governo sta rompendo la tradizione di annunciare un singolo anno come \"Visit Nepal Year\", in modo da condurre una campagna sostenuta per promuovere il turismo, uno dei principali generatori di valuta estera e di posti di lavoro per il Paese.\r\n\r\nIl governo intanto punta ad attrarre 1 milione di turisti stranieri nell'anno fiscale 2022-23, iniziato a metà luglio. Il Nepal ha accolto 1,19 milioni di visitatori stranieri nel 2019 e ha cercato di attrarne 2 milioni nel 2020, quando è stato lanciato Visit Nepal 2020, ma il Covid-19 ha costretto il governo a sospendere la campagna. Lo scorso giugno, secondo i dati del ministero del Turismo, gli stranieri che hanno visitato il Paese sono stati 237.670.\r\n\r\nNell'ambito del nuovo piano d'azione, il Nepal lancerà campagne di promozione in Cina, India e Bangladesh, le prime due delle quali sono le maggiori fonti di turisti per il Nepal negli anni normali.\r\n\r\nÈ previsto anche un piano per promuovere il Nepal come destinazione Mice e per il turismo spirituale, con l'offerta di pacchetti di yoga, benessere e spa. E visto che l'alpinismo è da sempre una parte fondamentale del turismo nepalese, il Paese sta pianificando l'apertura di altre vette himalayane.","post_title":"Nepal: nuovo piano per rilanciare il turismo con la Visit Nepal Decade","post_date":"2022-07-25T11:17:12+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1658747832000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"428705","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Non si fermano gli investimenti degli austriaci di Jp Immobilien in Italia. A pochi giorni dalla notizia dell'acquisizione dell'hotel Milano di Madonna di Campiglio, da riposizionare nel segmento lifestyle, arriva ora quella del Residence del Mare Casa Minelli a Trieste. L'operazione, come nel caso trentino, è stata condotta dalla controllata Jp Hospitality Investors Club. La proprietà si trova nel centro storico, in zona pedonale, nei pressi di piazza Unità d'Italia, vicino al lungomare e al porto. Vanta un totale di 36 appartamenti con angolo cucina per soggiorni short & long stay. L’asset, attualmente un 3 stelle, risulta in buone condizioni ma sarà comunque oggetto di una ristrutturazione leggera, ancora una volta per riposizionarlo come prodotto lifestyle.\r\n\r\nE' questa la quinta acquisizione italiana del gruppo austriaco che, proprio a Trieste, ha tra le altre rilevato a inizio anno da Ferrovie dello Stato il palazzo Compartimentale per 10 milioni di euro. I piani sono quelli di convertire la proprietà in un 4 stelle da 159 camere a marchio 25hours, il secondo del brand Accor-Ennismore in Italia dopo il debutto fiorentino.","post_title":"Focus sull'Italia per l'austriaca Jp Immobilien: acquisito un residence a Trieste","post_date":"2022-07-21T12:05:32+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1658405132000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"428414","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il Portogallo ha registrato lo scorso maggio un numero di turisti stranieri in aumento di quasi sei volte rispetto allo stesso mese dell'anno scorso, anche se ancora inferiore di circa il 9% rispetto ai livelli precedenti alla pandemia.\r\n\r\nSecondi i dati resi noti dall'Istituto nazionale di statistica (Ine), i turisti sono stati più di 1,58 milioni, rispetto ai circa 274.000 di un anno fa, quando il Paese era ancora soggetto alle restrizioni di viaggio a causa del Covid-19. Nel maggio 2019, invece, il numero si era attestato a 1,73 milioni. Il settore turistico portoghese rappresentava quasi il 15% del prodotto interno lordo prima della pandemia.\r\n\r\nQuanto alla provenienza dei turisti, è la Gran Bretagna a detenere il primo posto con la quota maggiore degli arrivi a maggio (16%), seguita dalla Francia (11,5%); gli Stati Uniti hanno condiviso il terzo posto con Spagna e Germania, ciascuna con il 10% degli arrivi.\r\n\r\nL'Ine ha evidenziato che il settore alberghiero nel suo complesso ha registrato 2,5 milioni di ospiti nel mese di maggio e il fatturato totale degli hotel è aumentato di 3,6 volte, raggiungendo 456,1 milioni di euro (456,7 milioni di dollari). Il mercato nazionale ha contribuito con 1,8 milioni di pernottamenti e i mercati esterni con 4,7 milioni.\r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"Portogallo: il numero dei turisti stranieri cresce in modo significativo","post_date":"2022-07-15T13:04:20+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1657890260000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"428223","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"E' pari a 31 il saldo netto del numero di hotel di catena in Italia, tra entrate e uscite registrate nel primo semestre dell'anno. Lo rivela il consueto rapporto trimestrale Chains Monitor Italy, realizzato dalla società di consulenza riminese Thrends. In particolare,  gli alberghi brandizzati nel periodo gennaio – giugno di questo anno sono stati 102, di cui il 67% appartenenti al segmento upscale. D’altra parte, sono stati 71 gli hotel che hanno cessato la propria affiliazione a una catena nel corso dello stesso semestre, la maggior parte dei quali appartenenti anch’essi al segmento upscale (76%), nonché a un brand domestico (66%).\r\n\r\nNei prossimi anni (2022-2025) è poi in programma lo sviluppo e/o affiliazione di 158 hotel, di cui il 73,4% appartenenti a gruppi internazionali. Tra le nuove aperture in pipeline, cinque hotel apparterranno al segmento economy, 13 al midscale, 72 all'upscale, 63 al luxury. A questi si aggiungeranno infine cinque strutture, il cui segmento di appartenenza non è al momento noto. Il 26,6% delle novità è poi rappresentato da hotel che entreranno a far parte di una catena domestica, mentre il restante 73,4% saranno legate a brand internazionali, tra cui il 26,6% americani, il 12,7% francesi e il 6,3% inglesi.\r\n\r\nLe regioni che vedranno il maggior numero di nuove aperture sono il Lazio (22,8%), la Lombardia (20,3%), il Veneto (15,2%) e la Toscana (10,1%). Le prime cinque mete per volume della pipeline sono quindi Roma (21,5%), Milano (12,7%), Venezia (9,5%), Firenze (5,1%) e Napoli (3,2%). Per quanto riguarda infine il tipo di destinazione, il 39% degli hotel sarà localizzato in città d’arte, il 20% in location business, l’8% in mete leisure e l’11% in aree sun & beach.","post_title":"Thrends: prosegue la crescita degli hotel di catena in Italia. Focus su Roma","post_date":"2022-07-13T11:43:39+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1657712619000]}]}}

Lascia un commento