30 May 2024

1442

[ 0 ]
Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono:
Email:
Provincia:
Comune:

Settore:
Mansione:


Testo dell'annuncio

Agenzia Viaggi in Milano (zona sud) ricerca persona con disponibilità immediata tempo pieno.
Si richiede buona esperienza biglietteria aerea, settore business travel.
Inviare curriculum via mail: info@vs-italia.it o contattare tel 02 89367195.


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467625 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => «I numeri del turismo a Salisburgo sono nuovamente positivi - afferma Ines Wizany, marketing manager di Tourismus Salzburg -. L’Italia è al quinto posto per pernottamenti dopo Germania, Austria, Usa e Uk. Gli italiani visitano Salisburgo per la natura, la cultura, Mozart e i mercatini dell’Avvento. A Salisburgo vivono 160.000 persone, quindi è una piccola città che si può visitare camminando. Tutto il centro storico è pedonale e poi c’è molto verde e una grande offerta per le famiglie. A Salisburgo c’è qualcosa per tutti i gusti. Il Museo di Storia Naturale, il famoso Castello di Hellbrunn con il suo enorme parco e il giardino zoologico… Inoltre Salisburgo è la capitale austriaca della birra: il birrificio Stiegl, fondato nel 1492, è oggi la più grande birreria privata del paese. Risale invece al 1621 la birreria degli agostiniani. In queste settimane soleggiate riaprono tutti i giardini e noi salisburghesi usciamo per fare sport e stare con gli amici. È questo il Lebensgefühl, tema della campagna turistica dell’Austria per il 2024». Salisburgo è uno splendido centro barocco, dove si incontrano architettura, storia, cultura e natura. Una città da scoprire a piedi, ma anche in bicicletta e con la Salzburg Card all-inclusive, che permette di vistare tutte le attrazioni e musei e di utilizzare i trasporti pubblici gratuitamente.  Piazze spaziose e vasti palazzi ospitano lo straordinario “Dom Quartier”, complesso museale che oggi festeggia i 10 anni dalla sua inaugurazione e consente di scoprire una città che è un gioiello barocco, patrimonio mondiale Unesco dal 1997. Per celebrare la ricorrenza dal prossimo 21 giugno e fino al 6 gennaio 2025 si potrà visitare presso la Residenzgalerie la mostra "I colori della Serenissima. Maestri veneziani dal Kunsthistorisches Museum di Vienna" dove, oltre ai capolavori viennesi, saranno esposti arazzi, bronzi, armature, capolavori e oggetti curiosi provenienti dalla leggendaria Kunstkammer dell'ex casa imperiale asburgica. Quest’anno ricorre anche il 450° anniversario della nascita del principe vescovo Markus Sittikus, a cui si deve la costruzione dell’attuale duomo di Salisburgo (dopo l’incendio del 1598) e del sontuoso il palazzo di Hellbrunn con il parco e i famosi giochi d’acqua. Tante le importanti ricorrenze - tra cui i 100 anni del Museo etnografico (Volkskundemuseum) - ma bisogna ricordare che Salisburgo è entrata a far parte del patrimonio mondiale dell'Umanità anche per le sue straordinarie creazioni in campo musicale. A partire dalla metà del 1300 i principi vescovi, infatti, accolsero in città compositori e musicisti da tutta Europa, tra cui il salisburghese Wolfgang Amadeus Mozart. Da allora la città ospita numerosi eventi musicali, spettacoli teatrali e festival. La prossima estate, dal 18 luglio al 31 agosto, si terrà la 104esima edizione del Festival di Salisburgo - diretto dalla regista e drammaturga Marina Davydova – che quest’anno metterà l’accento sulla musica spirituale e sul dialogo interreligioso. Salisburgo è un grandissimo palcoscenico all’aperto, con 4.500 eventi culturali ogni anno, tra i quali quelli legati al Teatro delle Marionette, che quest’anno compie 111 anni e, dal 2016, fa parte del patrimonio culturale immateriale dell'Unesco.La città è tanto amata anche per il luminoso periodo dell’Avvento, quando il centro storico barocco di Salisburgo, secondo una tradizione di oltre 500 anni, offre una cornice spettacolare ai suggestivi mercatini natalizi. «A Salisburgo c’è una bellissima combinazione tra cultura e natura. È una città da scoprire - conclude Ines Wizany - A poca distanza dal centro urbano ci sono le Grotte di Ghiaccio, la Strada Alpina del Großglockner e le Miniere di Sale. E poi c’è il Salzkammergut: l’area dei 70 laghi naturali. Il suo capoluogo, Bad Ischl, si trova a soli 20’ da Salisburgo ed è quest’anno capitale europea della cultura, con tutto il suo territorio». [post_title] => Austria: nella città barocca di Salisburgo la cultura abbraccia la natura [post_date] => 2024-05-24T10:12:49+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1716545569000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467894 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Un 2023 decisamente positivo per Air Europa Holding e le sue sussidiarie che hanno registrato un fatturato di 2,75 miliardi di euro, +18,3% rispetto al 2022. Un dato ancor più significativo se paragonato ai dati del 2019, quando il fatturato raggiunse 2,338 miliardi, in crescita quindi del 17,9%. Risultati che hanno permesso ad Air Europa di avere la capacità necessaria per effettuare il rimborso anticipato parziale del prestito bancario di 141 milioni di euro ricevuto nel 2020. Trend positivo che è proseguito nei primi tre mesi del 2024, con ricavi operativi a quota 583 milioni di euro, l'8,3% in più sull'analogo periodo 2023, con previsioni altrettanto buone per i prossimi mesi. Con una disponibilità di posti molto simile a quella dei primi mesi del 2023 (quasi 3,5 milioni di posti), il numero di passeggeri ha superato i 2,8 milioni, +2,5% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. «I risultati eccellenti ottenuti rafforzano ulteriormente la capacità di successo di Air Europa e confermano la nostra capacità di riuscire ad adempiere a tutti i nostri impegni autonomamente» ha dichiarato Juan José Hidalgo, presidente e ceo di Air Europa. L'Ebitda ha raggiunto gli oltre 205 milioni di euro, il 197,5% in più rispetto al 2022 e quasi il 90% in più rispetto al 2019, mentre l'utile netto ha superato i 165 milioni di euro, ben al di sopra della cifra registrata l'anno scorso e oltre i 28,6 milioni di euro raggiunti quattro anni fa. Nel 2023, l'offerta di posti volo Air Europa ha superato i 14,2 milioni di posti, +13,7% rispetto al 2022 e il numero di passeggeri è salito a oltre 11,7 milioni, + 17% in più rispetto all'anno precedente. Il load factor medio è stato dell'82%, 2,9 punti in più rispetto all'anno precedente; questo riflette non solo l'incremento della domanda, ma anche l'aumento dell'efficienza operativa In termini di flotta, la compagnia continuerà ad aumentare il numero di aerei durante tutto l'anno con un totale di quattro nuovi Boeing 787 Dreamliner. «Negli ultimi anni, abbiamo unificato la flotta attorno ai modelli Boeing più avanzati, il che ci ha permesso di ottimizzare le operazioni per bilanciare redditività, efficienza e qualità del servizio. Abbiamo sempre posto il cliente al centro delle nostre decisioni e i risultati che abbiamo raggiunto dimostrano che questa strategia è stata quella giusto» ha sottolineato Richard Clark, direttore generale di Air Europa. [post_title] => Air Europa archivia un 2023 dal fatturato record di 2,75 milardi di euro [post_date] => 2024-05-23T10:46:03+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1716461163000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467715 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il Gruppo Saudia (Saudia e la divisione low cost (flyadeal) ha siglato un ordine fermo per altri 105 aeromobili della Famiglia A320neo, di cui 12 A320neo e 93 A321neo, che porta il totale a quota 144 velivoli. «Saudia ha obiettivi operativi ambiziosi per soddisfare la domanda in crescita - ha commentato Ibrahim Al-Omar, direttore generale del Gruppo Saudia -. Stiamo incrementando i voli e la capacità in termini di posti per le nostre oltre 100 destinazioni offerte in quattro continenti, e pianifichiamo un'ulteriore espansione. I progressi della "Saudi Vision 2030" attirano ogni anno un numero maggiore di visitatori, turisti, imprenditori e pellegrini. Questo ha motivato la nostra decisione di assicurarci questo importante accordo, che creerà posti di lavoro, incrementerà il contenuto locale e contribuirà all'economia nazionale».  «I nuovi aeromobili consentiranno alla strategia del Gruppo Saudia di far progredire le capacità aeronautiche del Regno, permettendo al contempo a entrambe le compagnie aeree di beneficiare dell'eccezionale efficienza e performance economica, dei massimi livelli di comfort per i passeggeri e della riduzione dei consumi di carburante e delle emissioni della Famiglia A320neo» ha aggiuntoBenoît de Saint-Exupéry, executive vice president sales della divisione Commercial Aircraft. L'Arabia Saudita sta creando opportunità senza precedenti per l'aviazione globale grazie alla Strategia Nazionale Saudita per il Turismo, che ha come obiettivo oltre 150 milioni di turisti entro il 2030.  [post_title] => Gruppo Saudia: nuovo ordine per 105 velivoli della famiglia A320neo [post_date] => 2024-05-21T09:34:03+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1716284043000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467546 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La decisione era nell'aria da settimane ma ora arriva la conferma ufficiale: la vendita di Alpitour può attendere. Nelle informazioni aggiuntive alla trimestrale chiusa lo scorso 31 marzo, Tamburi Investment Partners, azionista di riferimento del più grande operatore del turismo italiano, sottolinea come nel periodo in esame sia "proseguita l’attività mirata alla valorizzazione del gruppo Alpitour che, come noto, abbiamo previsto di rallentare vista la bontà dei risultati in corso e il rafforzamento delle prospettive positive". Il gruppo torinese ha in particolare migliorato ulteriormente i propri margini operativi lordi (ebitda), dopo aver registrato nel 2023, per la prima volta nella sua storia, un primo trimestre finanziario positivo a livello di ebitda, confermando il trend estremamente positivo che consente di dimostrare come il salto di redditività registrato di recente possa essere considerato strutturale". La nota prosegue inoltre con una serie di considerazioni sul contesto attuale, nel quale le operazioni "di mergers and acquisitions continuano, seppur piano, a scendere", nonostante i mercati finanziari proseguano invece a macinare record. Due trend apparentemente antitetici che, secondo Tip, possono essere fatti risalire a cinque concause concomitanti: "Le banche centrali fanno molta fatica ad avviare il pur previsto piano di easing per evitare, con l’inflazione, di fare sbagli ancor più grandi; l’economia reale è in chiaro rallentamento quasi ovunque, ma in pochi realizzano che, dopo la fortissima crescita del 21/22, era normale e sano un consolidamento. Liquidità L’enorme liquidità riversata sui mercati nel post Covid sta chiaramente drogando un po' tutte le asset class, creando un forte disorientamento nella maggior parte degli operatori; in un contesto storicamente meno volatile, quello delle mergers and acquisitions, si nota innanzitutto una forte carenza di deals in uscita da parte dei fondi di private equity, che evidentemente non riescono a realizzare quanto previsto e preferiscono attendere. A fronte, l’enorme liquidità delle società industriali sta facendo aumentare il desiderio di add on e fusioni con contenuto strategico e si sta delineando un chiaro trend di combinazioni societarie basate sulle sinergie; i fenomeni di cui sopra stanno quindi dando vita a un sensibile, ancorché graduale, ridimensionamento delle valutazioni, a partire da quei multipli tanto citati e presi a esempio come parametri effettivamente validi per stabilire sia valori sia prezzi delle aziende". A livello consolidato Tip ha peraltro chiuso i primi tre mesi del 2024 con un utile netto consolidato pro forma di 29,4 milioni di euro, che cresce di oltre il 50% rispetto ai 19,6 milioni di un anno prima. Il patrimonio netto consolidato al 31 marzo 2024 è di circa 1,48 miliardi, rispetto agli 1,44 miliardi dello scorso 31 dicembre. "In questo contesto - conclude la nota - in Tip vediamo aumentare il numero dei dossier di potenziale investimento, ma continuiamo a non vedere urgenza di concretizzare operazioni, se non di particolare interesse". [post_title] => Tamburi, ora è ufficiale: la vendita di Alpitour può attendere [post_date] => 2024-05-16T15:27:12+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1715873232000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467485 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Utile annuale da record per il gruppo Sia, Singapore Airlines: i numeri rispecchiano la forte domanda di viaggi nell'Asia settentrionale, ma - segnala in una nota il vettore - permangono le difficoltà geopolitiche, gli intoppi della catena di approvvigionamento e la competizione sempre maggiore. La domanda di viaggi aerei è rimasta "sana" nel primo trimestre dell'anno fiscale 2024-2025, grazie alla ripresa delle prenotazioni nel Nord e nel Sud-est asiatico. Il profitto netto annuale del gruppo è salito a 2,68 miliardi di dollari di Singapore (1,99 miliardi di dollari) per l'anno fiscale chiuso a marzo 2024, rispetto ai 2,16 miliardi di dollari di un anno fa. Al 31 marzo 2024, la flotta del Gruppo era costituita da 200 aeromobili con un'età media di sette anni e tre mesi. Sia disponeva di 142 aeromobili passeggeri e sette cargo, mentre Scoot aveva 51 aerei passeggeri. Nell'aprile 2024, il Gruppo ha aggiunto alla sua flotta un Airbus A350-900 e due Embraer E190-E2. Al 1° maggio, i velivoli in ordine erano 89. Il network del gruppo a fine marzo contava 118 destinazioni in 35 Paesi e territori, di cui 73 servite da Sia e 67 da Scoot. [post_title] => Il gruppo Singapore Airlines archivia un anno dai profitti record [post_date] => 2024-05-16T11:17:32+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1715858252000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 466228 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il nuovo Bio Nature Pool nel Parco delle Terme di Merano (15 maggio la riapertura) offre un’esperienza di benessere tutta naturale.  Con una superficie d'acqua di quasi 1.200 mq e una profondità compresa tra 1,40 e 2 metri, il Bio Nature Pool è una piscina naturale ideale per il nuoto. A bordo vasca si trovano piattaforme in legno per il relax e tutt’intorno quasi 6.000 piante ripariali, tra cui iris di palude, salcerella ed erba della Pampas che favoriscono l’ecosistema acquatico realizzato attraverso un sistema complesso di filtraggio biologico. A vantaggio sicuramente dell’ambiente, visto che non c’è bisogno di cambiare l'acqua, ma anche della pelle dei bagnanti. L'acqua dolce e delicata infatti è inodore, senza disinfettanti e per questo adatta anche a chi soffre di allergie. Ai confini con il Bio Nature Pool si trova il laghetto ricoperto di ninfee e più in là le altre piscine immerse nel parco, a completare l’esperienza di benessere nella natura.  Il parco non ospita solamente il Bio Nature Pool, sono molte le piscine a disposizione degli ospiti con la bella stagione. Dalla piscina sportiva di 33 metri ideale per il nuoto alle vasche con acqua fredda e calda, dal bagno con acqua di sorgente al percorso Kneipp. Il relax è assicurato grazie al prato curato, con lettini per l’abbronzatura e zone d’ombra, alberi secolari e aiuole fiorite, il tutto contornato dalla vista sulle cime del gruppo del Tessa.  Distribuite nel parco si trovano anche 8 Relax Lounge con lettino di design per una coccola di lusso in più e uno spazio di intimità garantito.  65 attrezzature, 50 ore settimanali di corsi, 712 mq di area training. Sono questi i numeri del Fitness Center delle Terme Merano. Perdere peso, aumentare la massa muscolare, migliorare la condizione atletica, potenziare mobilità, resistenza ed equilibrio: qualsiasi sia l’obiettivo, qui è a portata di mano grazie ad attrezzature e programmi all’avanguardia, ai numerosi corsi organizzati, alla passione e professionalità dei trainer. Con la bella stagione gli sportivi hanno una possibilità in più: l’allenamento outdoor nella piattaforma fitness situata nel Parco termale. Una spazio pensato appositamente per i corsi di gruppo da svolgere all’aria aperta a contatto con la natura.  A Maia Alta di Merano l’Hotel Juliane****, partner delle Terme Merano, propone il pacchetto “Magica fioritura e benessere” comprensivo di: 5 pernottamenti in mezza pensione, 1 biglietto d’ingresso ai Giardini di Castel Trauttmansdorff e 1 ingresso alle Terme Merano. Costo a partire da 718 euro a persona.    ­ [post_title] => Parco delle Terme Merano riapre il 15 maggio con il nuovo Bio Nature Pool [post_date] => 2024-04-26T09:54:15+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1714125255000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 466179 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Per l'Osservatorio Emma Villas è record di prenotazioni per i weekend lunghi del 25 aprile e del 1° maggio che segnano un incremento nel numero delle prenotazioni delle ville del 76% sul 2022 (+44% sul 2023).  25 Aprile è il week end lungo più amato, con un aumento delle prenotazioni del +122% vs 2022 (e del +81% rispetto al 2023) battendo così il Primo Maggio, che registra un +48% rispetto alle prenotazioni del 2022 e del +21% rispetto al 2023. A scegliere la soluzione della villa di pregio sono gli italiani, ma spicca la presenza di turisti stranieri: primi in classifica gli olandesi, seguiti dagli statunitensi, polacchi (questi ultimi con un +144% di presenze sul 2023) e tedeschi. Le regioni con la crescita più marcata per questo periodo sono le Marche, Toscana e Sicilia, con una crescita rispettivamente del +120%, +61% e +45% di prenotazioni rispetto allo scorso anno. Emma Villas registra risultati positivi anche per quanto concerne il bilancio aziendale, che nel 2023 ha registrato ricavi in aumento del +15%, e con la recente acquisizione della società Marche Holiday Villas che ha portato a un incremento del portfolio di Emma Villas nelle Marche, regione molto richiesta dai turisti stranieri, di 23 proprietà in gestione esclusiva. In particolare, rispetto al 2022, le prenotazioni per ville e casali di pregio sono cresciute passando da 5.692 del 2022 a 6.015 nel 2023 (+5,7%), con un aumento anche del numero di settimane prenotate (passate da 7.390 del 2022 a 7.633 settimane nel 2023). «La villa sta diventando sempre di più la destinazione e il luogo ideale per vivere esperienze uniche e autentiche anche per delle fughe dalla quotidianità, scelte sia dai nostri connazionali che dai turisti stranieri – afferma Giammarco Bisogno, Fondatore e CEO di Emma Villas – Un trend, quello della scelta di una dimora di pregio per le proprie vacanze, testimoniato anche dai nostri risultati in forte crescita, sia annuali che stagionali. Infatti, solo in questo periodo abbiamo registrato un +76% nel numero di prenotazioni rispetto al 2022, con picchi regionali di importante crescita. Rispetto allo scorso anno le regioni che per il periodo hanno registrato una crescita più marcata sono state le Marche, per le quali abbiamo assistito ad un +120% nel numero delle prenotazioni, ma anche la Toscana e la Sicilia. I dati registrati nelle Marche ci hanno spinto a confermare la strategia di crescita dell’azienda anche per linee esterne e ad acquisire la società Marche Holidays, operatore molto interessante del territorio che porta in dote 23 nuove proprietà di pregio in esclusiva nella regione».     [post_title] => Osservatorio Emma Villas, record di prenotazioni per i Ponti su Marche, Toscana e Sicilia [post_date] => 2024-04-26T08:37:57+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1714120677000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465694 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L’aeroporto di Olbia è saldamente alla guida della crescita degli scali sardi: nel 2023 ha infatti registrato un incremento del 10,9% dei passeggeri rispetto al 2019. E’ l’unico aeroporto della Sardegna a registrare un valore così positivo in termini percentuali rispetto al periodo pre-Covid. A Cagliari la crescita rispetto al 2019 è stata del +2,6%, ma il dato è molto positivo nel confronto fra 2022 e 2023, dove l’incremento è stato del 10,4%. In Sardegna si è passati da 4,7 milioni di passeggeri a quasi 4,9 milioni nel 2023. Olbia aveva registrato nel 2019 2,9 milioni di passeggeri mentre lo scorso anno il numero degli arrivi è salito a 3,2 milioni di persone; dal 2022 al 2023 a Olbia l’incremento è stato più contenuto, cioè del 3,7%, mentre è Cagliari ha mostrare il dato più alto (10,4%). Cala invece Alghero, con meno di 1,5 milioni di passeggeri nel 2023 e una riduzione del 2,3% degli arrivi rispetto al 2022, mentre rispetto al 2019 ha segnato una crescita del 7,7%. Da evidenziare la performance particolarmente positiva delle rotte internazionali: a Olbia sono arrivati a 1,42 milioni di passeggeri (13,9% nel 2023) superando Cagliari, mentre risulta in calo il dato domestico (-3%). Ad Alghero la situazione è inversa, in quanto il traffico internazionale ha registrato una decrescita del 10% sui collegamenti. [post_title] => Sardegna: il traffico internazionale dell'aeroporto di Olbia cresce a doppia cifra sul 2019 [post_date] => 2024-04-17T09:43:01+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713346981000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465192 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Boeing ha rallentato il ritmo delle consegne nel primo trimestre del 2024, a causa di problemi su qualità e sicurezza. Nonostante queste difficoltà, la casa costruttrice statunitense ha comunque registrato un ottimo trimestre per quanto riguarda i nuovi ordini, grazie soprattutto a diversi accordi finalizzati nel mese di marzo. Tra questi, un impegno da parte di American Airlines per 85 velivoli 737 Max e ordini per 28 777-9 - otto da Ethiopian Airlines e 20 da un cliente sconosciuto, secondo i dati rilasciati dalla stessa Boeing ieri, 9 aprile. Un altro aspetto positivo è che a marzo la Boeing ha continuato a incrementare le consegne del 737 Max alle compagnie aeree cinesi: queste consegne sono riprese solo a gennaio, dopo una lunga pausa iniziata quando le autorità di regolamentazione hanno bloccato i Max nel marzo 2019. Boeing continua a ricevere nuovi ordini, anche se è in ritardo rispetto al concorrente Airbus. Le consegne del costruttore statunitense nel primo trimestre sono state di 83 aeromobili, in calo rispetto ai 130 dello stesso periodo dell'anno scorso; Airbus ha consegnato invece 142 velivoli nel primo trimestre. [post_title] => Boeing: consegne sempre a rilento nel primo trimestre, ma ci sono anche 126 nuovi ordini [post_date] => 2024-04-10T10:52:14+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712746334000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "1442" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":5,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":63,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467625","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"«I numeri del turismo a Salisburgo sono nuovamente positivi - afferma Ines Wizany, marketing manager di Tourismus Salzburg -. L’Italia è al quinto posto per pernottamenti dopo Germania, Austria, Usa e Uk. Gli italiani visitano Salisburgo per la natura, la cultura, Mozart e i mercatini dell’Avvento. A Salisburgo vivono 160.000 persone, quindi è una piccola città che si può visitare camminando. Tutto il centro storico è pedonale e poi c’è molto verde e una grande offerta per le famiglie. A Salisburgo c’è qualcosa per tutti i gusti. Il Museo di Storia Naturale, il famoso Castello di Hellbrunn con il suo enorme parco e il giardino zoologico… Inoltre Salisburgo è la capitale austriaca della birra: il birrificio Stiegl, fondato nel 1492, è oggi la più grande birreria privata del paese. Risale invece al 1621 la birreria degli agostiniani. In queste settimane soleggiate riaprono tutti i giardini e noi salisburghesi usciamo per fare sport e stare con gli amici. È questo il Lebensgefühl, tema della campagna turistica dell’Austria per il 2024».\r\n\r\nSalisburgo è uno splendido centro barocco, dove si incontrano architettura, storia, cultura e natura. Una città da scoprire a piedi, ma anche in bicicletta e con la Salzburg Card all-inclusive, che permette di vistare tutte le attrazioni e musei e di utilizzare i trasporti pubblici gratuitamente. \r\n\r\nPiazze spaziose e vasti palazzi ospitano lo straordinario “Dom Quartier”, complesso museale che oggi festeggia i 10 anni dalla sua inaugurazione e consente di scoprire una città che è un gioiello barocco, patrimonio mondiale Unesco dal 1997. Per celebrare la ricorrenza dal prossimo 21 giugno e fino al 6 gennaio 2025 si potrà visitare presso la Residenzgalerie la mostra \"I colori della Serenissima. Maestri veneziani dal Kunsthistorisches Museum di Vienna\" dove, oltre ai capolavori viennesi, saranno esposti arazzi, bronzi, armature, capolavori e oggetti curiosi provenienti dalla leggendaria Kunstkammer dell'ex casa imperiale asburgica.\r\n\r\nQuest’anno ricorre anche il 450° anniversario della nascita del principe vescovo Markus Sittikus, a cui si deve la costruzione dell’attuale duomo di Salisburgo (dopo l’incendio del 1598) e del sontuoso il palazzo di Hellbrunn con il parco e i famosi giochi d’acqua. Tante le importanti ricorrenze - tra cui i 100 anni del Museo etnografico (Volkskundemuseum) - ma bisogna ricordare che Salisburgo è entrata a far parte del patrimonio mondiale dell'Umanità anche per le sue straordinarie creazioni in campo musicale.\r\n\r\nA partire dalla metà del 1300 i principi vescovi, infatti, accolsero in città compositori e musicisti da tutta Europa, tra cui il salisburghese Wolfgang Amadeus Mozart. Da allora la città ospita numerosi eventi musicali, spettacoli teatrali e festival. La prossima estate, dal 18 luglio al 31 agosto, si terrà la 104esima edizione del Festival di Salisburgo - diretto dalla regista e drammaturga Marina Davydova – che quest’anno metterà l’accento sulla musica spirituale e sul dialogo interreligioso.\r\n\r\nSalisburgo è un grandissimo palcoscenico all’aperto, con 4.500 eventi culturali ogni anno, tra i quali quelli legati al Teatro delle Marionette, che quest’anno compie 111 anni e, dal 2016, fa parte del patrimonio culturale immateriale dell'Unesco.La città è tanto amata anche per il luminoso periodo dell’Avvento, quando il centro storico barocco di Salisburgo, secondo una tradizione di oltre 500 anni, offre una cornice spettacolare ai suggestivi mercatini natalizi.\r\n\r\n«A Salisburgo c’è una bellissima combinazione tra cultura e natura. È una città da scoprire - conclude Ines Wizany - A poca distanza dal centro urbano ci sono le Grotte di Ghiaccio, la Strada Alpina del Großglockner e le Miniere di Sale. E poi c’è il Salzkammergut: l’area dei 70 laghi naturali. Il suo capoluogo, Bad Ischl, si trova a soli 20’ da Salisburgo ed è quest’anno capitale europea della cultura, con tutto il suo territorio».","post_title":"Austria: nella città barocca di Salisburgo la cultura abbraccia la natura","post_date":"2024-05-24T10:12:49+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1716545569000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467894","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"\r\n\r\n\r\n\r\n\r\n\r\n\r\nUn 2023 decisamente positivo per Air Europa Holding e le sue sussidiarie che hanno registrato un fatturato di 2,75 miliardi di euro, +18,3% rispetto al 2022. Un dato ancor più significativo se paragonato ai dati del 2019, quando il fatturato raggiunse 2,338 miliardi, in crescita quindi del 17,9%. Risultati che hanno permesso ad Air Europa di avere la capacità necessaria per effettuare il rimborso anticipato parziale del prestito bancario di 141 milioni di euro ricevuto nel 2020.\r\n\r\n\r\n\r\n\r\n\r\n\r\n\r\n\r\nTrend positivo che è proseguito nei primi tre mesi del 2024, con ricavi operativi a quota 583 milioni di euro, l'8,3% in più sull'analogo periodo 2023, con previsioni altrettanto buone per i prossimi mesi. Con una disponibilità di posti molto simile a quella dei primi mesi del 2023 (quasi 3,5 milioni di posti), il numero di passeggeri ha superato i 2,8 milioni, +2,5% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente.\r\n\r\n«I risultati eccellenti ottenuti rafforzano ulteriormente la capacità di successo di Air Europa e confermano la nostra capacità di riuscire ad adempiere a tutti i nostri impegni autonomamente» ha dichiarato Juan José Hidalgo, presidente e ceo di Air Europa.\r\n\r\n\r\n\r\n\r\nL'Ebitda ha raggiunto gli oltre 205 milioni di euro, il 197,5% in più rispetto al 2022 e quasi il 90% in più rispetto al 2019, mentre l'utile netto ha superato i 165 milioni di euro, ben al di sopra della cifra registrata l'anno scorso e oltre i 28,6 milioni di euro raggiunti quattro anni fa.\r\n\r\n\r\n\r\n\r\nNel 2023, l'offerta di posti volo Air Europa ha superato i 14,2 milioni di posti, +13,7% rispetto al 2022 e il numero di passeggeri è salito a oltre 11,7 milioni, + 17% in più rispetto all'anno precedente. Il load factor medio è stato dell'82%, 2,9 punti in più rispetto all'anno precedente; questo riflette non solo l'incremento della domanda, ma anche l'aumento dell'efficienza operativa\r\n\r\n\r\n\r\n\r\n\r\n\r\n\r\n\r\n\r\n\r\nIn termini di flotta, la compagnia continuerà ad aumentare il numero di aerei durante tutto l'anno con un totale di quattro nuovi Boeing 787 Dreamliner. «Negli ultimi anni, abbiamo unificato la flotta attorno ai modelli Boeing più avanzati, il che ci ha permesso di ottimizzare le operazioni per bilanciare redditività, efficienza e qualità del servizio. Abbiamo sempre posto il cliente al centro delle nostre decisioni e i risultati che abbiamo raggiunto dimostrano che questa strategia è stata quella giusto» ha sottolineato Richard Clark, direttore generale di Air Europa.\r\n\r\n\r\n\r\n","post_title":"Air Europa archivia un 2023 dal fatturato record di 2,75 milardi di euro","post_date":"2024-05-23T10:46:03+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1716461163000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467715","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il Gruppo Saudia (Saudia e la divisione low cost (flyadeal) ha siglato un ordine fermo per altri 105 aeromobili della Famiglia A320neo, di cui 12 A320neo e 93 A321neo, che porta il totale a quota 144 velivoli. «Saudia ha obiettivi operativi ambiziosi per soddisfare la domanda in crescita - ha commentato Ibrahim Al-Omar, direttore generale del Gruppo Saudia -. Stiamo incrementando i voli e la capacità in termini di posti per le nostre oltre 100 destinazioni offerte in quattro continenti, e pianifichiamo un'ulteriore espansione. I progressi della \"Saudi Vision 2030\" attirano ogni anno un numero maggiore di visitatori, turisti, imprenditori e pellegrini. Questo ha motivato la nostra decisione di assicurarci questo importante accordo, che creerà posti di lavoro, incrementerà il contenuto locale e contribuirà all'economia nazionale». \r\n\r\n«I nuovi aeromobili consentiranno alla strategia del Gruppo Saudia di far progredire le capacità aeronautiche del Regno, permettendo al contempo a entrambe le compagnie aeree di beneficiare dell'eccezionale efficienza e performance economica, dei massimi livelli di comfort per i passeggeri e della riduzione dei consumi di carburante e delle emissioni della Famiglia A320neo» ha aggiuntoBenoît de Saint-Exupéry, executive vice president sales della divisione Commercial Aircraft.\r\n\r\nL'Arabia Saudita sta creando opportunità senza precedenti per l'aviazione globale grazie alla Strategia Nazionale Saudita per il Turismo, che ha come obiettivo oltre 150 milioni di turisti entro il 2030. ","post_title":"Gruppo Saudia: nuovo ordine per 105 velivoli della famiglia A320neo","post_date":"2024-05-21T09:34:03+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1716284043000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467546","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"La decisione era nell'aria da settimane ma ora arriva la conferma ufficiale: la vendita di Alpitour può attendere. Nelle informazioni aggiuntive alla trimestrale chiusa lo scorso 31 marzo, Tamburi Investment Partners, azionista di riferimento del più grande operatore del turismo italiano, sottolinea come nel periodo in esame sia \"proseguita l’attività mirata alla valorizzazione del gruppo Alpitour che, come noto, abbiamo previsto di rallentare vista la bontà dei risultati in corso e il rafforzamento delle prospettive positive\".\r\n\r\nIl gruppo torinese ha in particolare migliorato ulteriormente i propri margini operativi lordi (ebitda), dopo aver registrato nel 2023, per la prima volta nella sua storia, un primo trimestre finanziario positivo a livello di ebitda, confermando il trend estremamente positivo che consente di dimostrare come il salto di redditività registrato di recente possa essere considerato strutturale\".\r\n\r\nLa nota prosegue inoltre con una serie di considerazioni sul contesto attuale, nel quale le operazioni \"di mergers and acquisitions continuano, seppur piano, a scendere\", nonostante i mercati finanziari proseguano invece a macinare record. Due trend apparentemente antitetici che, secondo Tip, possono essere fatti risalire a cinque concause concomitanti: \"Le banche centrali fanno molta fatica ad avviare il pur previsto piano di easing per evitare, con l’inflazione, di fare sbagli ancor più grandi; l’economia reale è in chiaro rallentamento quasi ovunque, ma in pochi realizzano che, dopo la fortissima crescita del 21/22, era normale e sano un consolidamento.\r\nLiquidità\r\nL’enorme liquidità riversata sui mercati nel post Covid sta chiaramente drogando un po' tutte le asset class, creando un forte disorientamento nella maggior parte degli operatori; in un contesto storicamente meno volatile, quello delle mergers and acquisitions, si nota innanzitutto una forte carenza di deals in uscita da parte dei fondi di private equity, che evidentemente non riescono a realizzare quanto previsto e preferiscono attendere.\r\n\r\nA fronte, l’enorme liquidità delle società industriali sta facendo aumentare il desiderio di add on e fusioni con contenuto strategico e si sta delineando un chiaro trend di combinazioni societarie basate sulle sinergie; i fenomeni di cui sopra stanno quindi dando vita a un sensibile, ancorché graduale, ridimensionamento delle valutazioni, a partire da quei multipli tanto citati e presi a esempio come parametri effettivamente validi per stabilire sia valori sia prezzi delle aziende\".\r\n\r\nA livello consolidato Tip ha peraltro chiuso i primi tre mesi del 2024 con un utile netto consolidato pro forma di 29,4 milioni di euro, che cresce di oltre il 50% rispetto ai 19,6 milioni di un anno prima. Il patrimonio netto consolidato al 31 marzo 2024 è di circa 1,48 miliardi, rispetto agli 1,44 miliardi dello scorso 31 dicembre. \"In questo contesto - conclude la nota - in Tip vediamo aumentare il numero dei dossier di potenziale investimento, ma continuiamo a non vedere urgenza di concretizzare operazioni, se non di particolare interesse\".","post_title":"Tamburi, ora è ufficiale: la vendita di Alpitour può attendere","post_date":"2024-05-16T15:27:12+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1715873232000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467485","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Utile annuale da record per il gruppo Sia, Singapore Airlines: i numeri rispecchiano la forte domanda di viaggi nell'Asia settentrionale, ma - segnala in una nota il vettore - permangono le difficoltà geopolitiche, gli intoppi della catena di approvvigionamento e la competizione sempre maggiore.\r\n\r\nLa domanda di viaggi aerei è rimasta \"sana\" nel primo trimestre dell'anno fiscale 2024-2025, grazie alla ripresa delle prenotazioni nel Nord e nel Sud-est asiatico. Il profitto netto annuale del gruppo è salito a 2,68 miliardi di dollari di Singapore (1,99 miliardi di dollari) per l'anno fiscale chiuso a marzo 2024, rispetto ai 2,16 miliardi di dollari di un anno fa.\r\n\r\nAl 31 marzo 2024, la flotta del Gruppo era costituita da 200 aeromobili con un'età media di sette anni e tre mesi. Sia disponeva di 142 aeromobili passeggeri e sette cargo, mentre Scoot aveva 51 aerei passeggeri. Nell'aprile 2024, il Gruppo ha aggiunto alla sua flotta un Airbus A350-900 e due Embraer E190-E2. Al 1° maggio, i velivoli in ordine erano 89. Il network del gruppo a fine marzo contava 118 destinazioni in 35 Paesi e territori, di cui 73 servite da Sia e 67 da Scoot.","post_title":"Il gruppo Singapore Airlines archivia un anno dai profitti record","post_date":"2024-05-16T11:17:32+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1715858252000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"466228","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il nuovo Bio Nature Pool nel Parco delle Terme di Merano (15 maggio la riapertura) offre un’esperienza di benessere tutta naturale. \r\n\r\nCon una superficie d'acqua di quasi 1.200 mq e una profondità compresa tra 1,40 e 2 metri, il Bio Nature Pool è una piscina naturale ideale per il nuoto. A bordo vasca si trovano piattaforme in legno per il relax e tutt’intorno quasi 6.000 piante ripariali, tra cui iris di palude, salcerella ed erba della Pampas che favoriscono l’ecosistema acquatico realizzato attraverso un sistema complesso di filtraggio biologico.\r\n\r\nA vantaggio sicuramente dell’ambiente, visto che non c’è bisogno di cambiare l'acqua, ma anche della pelle dei bagnanti. L'acqua dolce e delicata infatti è inodore, senza disinfettanti e per questo adatta anche a chi soffre di allergie. Ai confini con il Bio Nature Pool si trova il laghetto ricoperto di ninfee e più in là le altre piscine immerse nel parco, a completare l’esperienza di benessere nella natura. \r\n\r\nIl parco non ospita solamente il Bio Nature Pool, sono molte le piscine a disposizione degli ospiti con la bella stagione. Dalla piscina sportiva di 33 metri ideale per il nuoto alle vasche con acqua fredda e calda, dal bagno con acqua di sorgente al percorso Kneipp. Il relax è assicurato grazie al prato curato, con lettini per l’abbronzatura e zone d’ombra, alberi secolari e aiuole fiorite, il tutto contornato dalla vista sulle cime del gruppo del Tessa. \r\n\r\nDistribuite nel parco si trovano anche 8 Relax Lounge con lettino di design per una coccola di lusso in più e uno spazio di intimità garantito. \r\n\r\n65 attrezzature, 50 ore settimanali di corsi, 712 mq di area training. Sono questi i numeri del Fitness Center delle Terme Merano. Perdere peso, aumentare la massa muscolare, migliorare la condizione atletica, potenziare mobilità, resistenza ed equilibrio: qualsiasi sia l’obiettivo, qui è a portata di mano grazie ad attrezzature e programmi all’avanguardia, ai numerosi corsi organizzati, alla passione e professionalità dei trainer.\r\n\r\nCon la bella stagione gli sportivi hanno una possibilità in più: l’allenamento outdoor nella piattaforma fitness situata nel Parco termale. Una spazio pensato appositamente per i corsi di gruppo da svolgere all’aria aperta a contatto con la natura. \r\n\r\nA Maia Alta di Merano l’Hotel Juliane****, partner delle Terme Merano, propone il pacchetto “Magica fioritura e benessere” comprensivo di: 5 pernottamenti in mezza pensione, 1 biglietto d’ingresso ai Giardini di Castel Trauttmansdorff e 1 ingresso alle Terme Merano. Costo a partire da 718 euro a persona. \r\n\r\n \r\n\r\n­","post_title":"Parco delle Terme Merano riapre il 15 maggio con il nuovo Bio Nature Pool","post_date":"2024-04-26T09:54:15+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1714125255000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"466179","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Per l'Osservatorio Emma Villas è record di prenotazioni per i weekend lunghi del 25 aprile e del 1° maggio che segnano un incremento nel numero delle prenotazioni delle ville del 76% sul 2022 (+44% sul 2023).  25 Aprile è il week end lungo più amato, con un aumento delle prenotazioni del +122% vs 2022 (e del +81% rispetto al 2023) battendo così il Primo Maggio, che registra un +48% rispetto alle prenotazioni del 2022 e del +21% rispetto al 2023.\r\n\r\nA scegliere la soluzione della villa di pregio sono gli italiani, ma spicca la presenza di turisti stranieri: primi in classifica gli olandesi, seguiti dagli statunitensi, polacchi (questi ultimi con un +144% di presenze sul 2023) e tedeschi. Le regioni con la crescita più marcata per questo periodo sono le Marche, Toscana e Sicilia, con una crescita rispettivamente del +120%, +61% e +45% di prenotazioni rispetto allo scorso anno.\r\n\r\nEmma Villas registra risultati positivi anche per quanto concerne il bilancio aziendale, che nel 2023 ha registrato ricavi in aumento del +15%, e con la recente acquisizione della società Marche Holiday Villas che ha portato a un incremento del portfolio di Emma Villas nelle Marche, regione molto richiesta dai turisti stranieri, di 23 proprietà in gestione esclusiva. In particolare, rispetto al 2022, le prenotazioni per ville e casali di pregio sono cresciute passando da 5.692 del 2022 a 6.015 nel 2023 (+5,7%), con un aumento anche del numero di settimane prenotate (passate da 7.390 del 2022 a 7.633 settimane nel 2023).\r\n\r\n«La villa sta diventando sempre di più la destinazione e il luogo ideale per vivere esperienze uniche e autentiche anche per delle fughe dalla quotidianità, scelte sia dai nostri connazionali che dai turisti stranieri – afferma Giammarco Bisogno, Fondatore e CEO di Emma Villas – Un trend, quello della scelta di una dimora di pregio per le proprie vacanze, testimoniato anche dai nostri risultati in forte crescita, sia annuali che stagionali. Infatti, solo in questo periodo abbiamo registrato un +76% nel numero di prenotazioni rispetto al 2022, con picchi regionali di importante crescita. Rispetto allo scorso anno le regioni che per il periodo hanno registrato una crescita più marcata sono state le Marche, per le quali abbiamo assistito ad un +120% nel numero delle prenotazioni, ma anche la Toscana e la Sicilia. I dati registrati nelle Marche ci hanno spinto a confermare la strategia di crescita dell’azienda anche per linee esterne e ad acquisire la società Marche Holidays, operatore molto interessante del territorio che porta in dote 23 nuove proprietà di pregio in esclusiva nella regione».\r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"Osservatorio Emma Villas, record di prenotazioni per i Ponti su Marche, Toscana e Sicilia","post_date":"2024-04-26T08:37:57+00:00","category":["incoming"],"category_name":["Incoming"],"post_tag":[]},"sort":[1714120677000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465694","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L’aeroporto di Olbia è saldamente alla guida della crescita degli scali sardi: nel 2023 ha infatti registrato un incremento del 10,9% dei passeggeri rispetto al 2019. E’ l’unico aeroporto della Sardegna a registrare un valore così positivo in termini percentuali rispetto al periodo pre-Covid.\r\n\r\nA Cagliari la crescita rispetto al 2019 è stata del +2,6%, ma il dato è molto positivo nel confronto fra 2022 e 2023, dove l’incremento è stato del 10,4%. In Sardegna si è passati da 4,7 milioni di passeggeri a quasi 4,9 milioni nel 2023.\r\n\r\nOlbia aveva registrato nel 2019 2,9 milioni di passeggeri mentre lo scorso anno il numero degli arrivi è salito a 3,2 milioni di persone; dal 2022 al 2023 a Olbia l’incremento è stato più contenuto, cioè del 3,7%, mentre è Cagliari ha mostrare il dato più alto (10,4%). Cala invece Alghero, con meno di 1,5 milioni di passeggeri nel 2023 e una riduzione del 2,3% degli arrivi rispetto al 2022, mentre rispetto al 2019 ha segnato una crescita del 7,7%.\r\n\r\nDa evidenziare la performance particolarmente positiva delle rotte internazionali: a Olbia sono arrivati a 1,42 milioni di passeggeri (13,9% nel 2023) superando Cagliari, mentre risulta in calo il dato domestico (-3%). Ad Alghero la situazione è inversa, in quanto il traffico internazionale ha registrato una decrescita del 10% sui collegamenti.","post_title":"Sardegna: il traffico internazionale dell'aeroporto di Olbia cresce a doppia cifra sul 2019","post_date":"2024-04-17T09:43:01+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1713346981000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465192","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Boeing ha rallentato il ritmo delle consegne nel primo trimestre del 2024, a causa di problemi su qualità e sicurezza. Nonostante queste difficoltà, la casa costruttrice statunitense ha comunque registrato un ottimo trimestre per quanto riguarda i nuovi ordini, grazie soprattutto a diversi accordi finalizzati nel mese di marzo.\r\n\r\nTra questi, un impegno da parte di American Airlines per 85 velivoli 737 Max e ordini per 28 777-9 - otto da Ethiopian Airlines e 20 da un cliente sconosciuto, secondo i dati rilasciati dalla stessa Boeing ieri, 9 aprile.\r\n\r\nUn altro aspetto positivo è che a marzo la Boeing ha continuato a incrementare le consegne del 737 Max alle compagnie aeree cinesi: queste consegne sono riprese solo a gennaio, dopo una lunga pausa iniziata quando le autorità di regolamentazione hanno bloccato i Max nel marzo 2019.\r\n\r\nBoeing continua a ricevere nuovi ordini, anche se è in ritardo rispetto al concorrente Airbus. Le consegne del costruttore statunitense nel primo trimestre sono state di 83 aeromobili, in calo rispetto ai 130 dello stesso periodo dell'anno scorso; Airbus ha consegnato invece 142 velivoli nel primo trimestre.","post_title":"Boeing: consegne sempre a rilento nel primo trimestre, ma ci sono anche 126 nuovi ordini","post_date":"2024-04-10T10:52:14+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1712746334000]}]}}

Lascia un commento