1 March 2024

1238

[ 0 ]
Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono:
Email:
Provincia:
Comune:

Settore:
Mansione:


Testo dell'annuncio

Tour operator specializzato in incoming nel turismo ricettivo con sede a Roma cerca personale per il settore operativo gruppi.
Requisito indispensabile conoscenza pc con pacchetto office e lingua spagnola.
Si richiede esperienza minima biennale e disponibilità immediata.
Inviare cv a: fmtferna@tin.it o chiamare al 349 6438738.


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462279 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Quasi sette punti percentuali guadagnati in dieci anni. Complice anche la diminuzione dell'offerta complessiva registrata a seguito dell'epidemia, ma merito soprattutto del dinamismo di mercato dimostrato dall'ospitalità italiana, cresce il tasso di penetrazione dei brand di catena nella nostra Penisola. Lo rivela il time-lapse realizzato da Thrends, che da ormai due lustri pubblica semestralmente il proprio Chains Monitor Italy. Nell'ultima decade il comparto ha insomma intrapreso una decisa evoluzione nei modelli di sviluppo e crescita, più decisa di quanto direttamente visibile a livello immobiliare, con un consolidamento sempre più marcato e vicino a dinamiche europee e dei mercati anglosassoni. In massima sintesi, dal 2013 al 2023 gli hotel di catena sono passati da poco oltre 1.300 a 2.200 (+65%), mentre le camere da 146 mila a oltre 216 mila (+48%). Il tasso di penetrazione delle catene alberghiere (in termini di stanze) è quindi passato dal 13,4% del 2013, valore molto modesto a confronto con le dinamiche di altri player mondiali del turismo, al 20,1% di oggi. Un'evoluzione che dimostra anche come le catene abbiano iniziato ad accettare strutture di portata più ridotta, caratteristica peculiare del panorama immobiliare italiano: la dimensione media degli hotel brandizzati è infatti passata dalle 110 camere del 2013 alle 99 di oggi; un notevole abbassamento della soglia minima, dovuto al proliferare dei brand lifestyle, meno rigidi in termini dimensionali e quindi più adatti al tessuto immobiliare e ricettivo nazionale. Tra tre anni arriveremo al 22% delle camere “Il tasso di penetrazione delle catene in Italia è ancora tra i più bassi in Europa - spiega la senior analyst di Thrends, Irina Hernández -. Tuttavia, da un lato l’interesse degli investitori internazionali verso il nostro paese, soprattutto nel segmento luxury, e dall’altro la diminuzione delle camere di hotel in Italia, porterà molto probabilmente la presenza delle catene alberghiere nel Paese dall'attuale 20,1% a oltre il 22% tra tre anni, con una conseguente accelerazione del processo di consolidamento del mercato”. D'altra parte, i brand (soprattutto quelli internazionali) continuano a dare priorità alle prime quattro città italiane, essendo infatti Roma, Milano, Venezia e Firenze le destinazioni con il maggior numero di alberghi di catena (il 39% del totale). La pressione dei player globali sull’Italia non è mai stata così evidente: alla chiusura del censimento si contano 155 marchi internazionali presenti in Italia, contro i 75 di appena dieci anni fa, per una crescita del 100%. I gruppi con il maggior numero di hotel sono in particolare Bwh, Accor, Marriott International, B&B Hotels e Minor Hotels, che detengono il 19% degli alberghi brandizzati nel nostro paese. Le prime tre catene domestiche (per numero di hotel) sono invece Gruppo Una, Apogia Hotels e Iti Hotels. Cresce l'interesse degli investitori internazionali per i gruppi domestici Nel dettaglio, le compagnie alberghiere presenti sul suolo italiano sono passate da 138 a 270 (per gruppo, Thrends intende da sempre qualsiasi operatore che gestisca almeno cinque strutture con uno o più marchi differenti, ndr). Di questi, oggi, il 73% sono realtà domestiche, verso le quali negli ultimi anni, anche grazie al ricambio generazionale, è crescente l’interesse da parte degli investitori esteri. Sono infatti diverse le operazioni di vendita o joint venture tra fondi di investimento o altre catene internazionali e i gruppi italiani. Tra le ultime, ricordiamo l’acquisizione del 75% di Mira Hotels & Resorts da parte di Dsr Hotel Holding; l’acquisizione del 100% di Baglioni Hotels da parte della catena messicana Palace Resorts; la joint venture tra il gruppo Pellicano e la società di asset management paneuropea Aermont Capital. Nei prossimi anni (2024-2027) è inoltre in programma lo sviluppo e/o affiliazione di 232 hotel, di cui il 68% appartenenti a gruppi internazionali. Di questi, cinque riguardano strutture del segmento economy, 35 del midscale, 83 dell'upscale e 93 del luxury. Di 16 nuovi sviluppi non si conosce invece ancora il futuro posizionamento. Il 32% delle nuove aperture è rappresentato da hotel che entreranno a far parte di una catena domestica, mentre il restante 68% apparterrà a catene internazionali: il 32% americane, il 16% francesi, l’8% spagnole. Focus sulle Big 4 ma spunta anche per Napoli Le regioni che vedranno il maggior numero di nuove aperture sono la Lombardia (21%), il Lazio (20%), il Veneto (12%) e la Toscana (9%). Le prime cinque destinazioni per numero di hotel in pipeline sono invece Roma (18%), Milano (10%), Venezia (6%), Firenze (6%) e Napoli (3%). Per quanto riguarda la tipologia di destinazione, il 39% degli hotel sarà localizzato in città d’arte, il 22% in destinazioni leisure, il 15% in mete sun & beach e l’11% in location business. Il 21% degli hotel in pipeline, infine, sarà marchiato da Marriott International, Accor e Radisson Hotel Group.   [post_title] => Thrends: le camere di catena in Italia sfondano la soglia del 20% [post_date] => 2024-02-27T09:32:20+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709026340000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461516 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La Basilicata è sempre più una regione che dà spazio a luoghi unici, insoliti, lontani dalle rotte del turismo di massa e attento a riscoprire luoghi di autentica bellezza, cultura e tradizione.  Molteplici sono le possibilità di dare un senso “terapeutico” alle tanto desiderate vacanze dedicandosi ad attività rigeneranti immergendosi nella natura, riscoprendo il fascino delle tradizioni, gustando i piatti tipici e praticando sport e attività all’aria aperta. Il progetto Turismo delle Passioni ha individuato come mete di turismo lucano alcuni ambiti   meno conosciuti, ma decisamente non scontati e da scoprire.  Erbe spontanee e fiori: la Lucania con la sua incredibile biodiversità, tutelata e protetta da due parchi nazionali, tre parchi regionali e riserve naturali, è davvero il luogo ideale per trascorrere momenti unici di condivisione. La Basilicata è la terra ideale per ammirare chiaramente le stelle di notte nelle campagne, in montagna, o nei dintorni dei piccoli borghi arroccati; l’inquinamento luminoso è infatti molto basso con cieli bui che consentono di sentirsi in collegamento diretto con l’universo  in diverse modalità: Osservatorio astronomico di Anzi (PZ), tra i più accreditati in Italia per la divulgazione scientifica e astronomica è possibile ammirare circa 4500 stelle del cielo boreale e australe; SPARKme Space Academy – Museo della Scienza e dello Spazio a Matera, sito di divulgazione scientifica che propone all’utenza visite immersive nel mondo della scienza e dello spazio; Osservatorio per detriti spaziali di Castelgrande (PZ) a 1258 metri di quota, con 2 cupole con altrettanti telescopi di 20 e 40 cm.  Fiabe e Magia: alla scoperta di nuove idee di viaggio in una regione misteriosa e ancestrale, che conserva la sua bellezza antropologica lontana dagli sguardi indiscreti del turismo di massa. Il viaggio parte da Rapone (PZ) il Paese delle Fiabe e da un libro “Lo Cunto de Li Cunti” scritto nel 1600 dal napoletano Giambattista Basile che, ispirato dal territorio lucano, raccoglie e traduce numerosi racconti popolari. Si prosegue poi verso Albano di Lucania (PZ), il “Paese della Magia” già al centro degli studi durante le spedizioni in Lucania di Ernesto De Martino negli anni ’50, con un percorso–rituale “La Rocca del Cappello”, passando per Colobraro, con la coinvolgente iniziativa “Sogno di una notte a quel paese”, per giungere ad Agromonte, il paese degli indovinelli, tra le vette del Parco Nazionale del Pollino, dichiarato nel 2015 patrimonio naturale dell’Unesco. Non dimentichiamo, comunque, le altre meravigliose attrattive della Basilicata da vivere e gustare en plain air grazie ai parchi nazionali e alle aree protette, dove il verde dei boschi domina ampie valli e fiumi sinuosi. Qui puoi rigenerarti in completa simbiosi con la natura, scegliendo tra le tantissime attività dedicate a escursionisti e appassionati della montagna da scegliere tra Nordic Walking, River Walking, Ciaspolate sulla neve, torrentismo tra le cascate di Savoia, diverse offerte di Trekking guidato nel parco nazionale dell’Appennino Lucano, passeggiate botaniche nell’area del Vulture e molto altro ancora.  Anche il mare gioca un ruolo fondamentale nella proposta turistica lucana, sia sulla costa di Maratea che quella Ionica, in un coast to coast imperdibile e sorprendente: l’offerta prevede veleggiate sulla rotta dei delfini, escursioni in gozzo a Maratea, percorsi in barca tra le due coste, veleggiate in catamarano a partire da Policoro o marina di Pisticci, servizi sportivi come canoa e kayak e proposte di pesca sportiva. Il fascino unico della Basilicata è da scoprire nei piccoli borghi e nelle città d’arte, alla ricerca di tesori nascosti. Qui, dove la storia ha lasciato nei secoli segni e vestigia di popoli provenienti da ogni dove, puoi regalarti momenti unici in perfetta armonia tra arte e cultura. Partendo da Matera con i suoi Sassi e il parco della Murgia materana, ecco alcuni esempi da scoprire come  Montescaglioso, uno dei borghi più belli della Basilicata con il suo monumento più rappresentativo: l’Abbazia benedettina di San Michele Arcangelo; Tricarico, città d’arte e città arabo normanna; Pietrapertosa, il paese più alto della Regione e uno dei borghi più belli d’Italia immerso nel Parco Regionale di Gallipoli Cognato; Castelmezzano, per la sua rara bellezza offerta dallo scenario delle Dolomiti Lucane che gli fanno da sfondo. E non dimentichiamo infine il turismo esperienziale per conciliare, negli appositi laboratori, tempo libero e apprendimento grazie a esperienze multisensoriali che portano alla scoperta di luoghi inediti, antiche tradizioni e gustosi piatti tipici.     ­ [post_title] => Basilicata, nuove idee di viaggio alla scoperta di luoghi insoliti e unici [post_date] => 2024-02-15T09:41:09+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707990069000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461231 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_461237" align="alignleft" width="300"] L'Avani Palazzo Moscova di Milano[/caption] Il gruppo Nh Hotel chiude un ottimo 2023, registrando un fatturato totale di 2,16 miliardi di euro, per un crescita del 23% rispetto al 2022, che gli ha permesso di toccare una quota del 26% superiore a quella dell'anno pre-Covid 2019. Molto bene anche i margini operativi lordi (ebitda), pari a 596 milioni di euro (+15% sul 2022 e 44 mln sopra il 2019), per una redditività superiore al 27%. I profitti netti sono stati infine di 128,1 milioni, con un incremento annuo del 27,7%. Tali performance sono state il frutto di un aumento del 13% delle tariffe medie camera, a quota 138 euro, nonché di una crescita di sette punti percentuali dei tassi di occupazione, saliti al 68%. A fronte di tali cifre, il ricavo medio per camera disponibile si è assestato sui 94 euro (+26% rispetto al 2022; +21% sul 2019). A livello di dettaglio, la compagnia in Italia ha generato ricavi a perimetro costante del 19% superiori al 2022 e del 36% sopra a quelli di quattro anni fa. Roma e Milano sono state le destinazioni che hanno fatto segnare i risultati migliori. La tariffa media Nh nel nostro paese è stata quindi di 181 euro, con un tasso di occupazione del 67%, sostanzialmente in linea con il dato 2019. [post_title] => Nh festeggia un ottimo 2023: ricavi oltre i 2,1 mld con un ebitda poco sotto i 600 mln [post_date] => 2024-02-09T14:59:59+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707490799000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 460546 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Gli aeroporti italiani hanno ufficialmente superato i dati di traffico 2019, stabilendo così il nuovo record storico raggiungendo per la prima volta i 197,2 milioni di passeggeri, +2,1% rispetto al dato pre-Covid. A certificarlo ufficialmente sono i dati di Assaeroporti - dopo l'anticipazione di qualche settimana fa da parte del presidente, Carlo Borgomeo - che mostrano come a fronte di una ripresa post-pandemia che aveva visto il ruolo centrale del mercato domestico, il 2023 ha segnato il pieno recupero del segmento internazionale, la parte più qualificante del traffico aereo, che raggiunge i 128 milioni di passeggeri, lo 0,1% in più sul 2019. Un leggero gap rispetto ai livelli pre-Covid si riscontra invece per i movimenti aerei, che nel 2023 sono stati inferiori del 2,6% sul 2019, attestandosi a 1.601.059 unità. Più passeggeri e meno aerei che, quindi, viaggiano con un load factor maggiore, comportando benefici anche in termini ambientali.  Voglia di volare «Il 2023 si è chiuso con quasi 200 milioni di passeggeri, un record assoluto per gli aeroporti italiani, un'importante soglia psicologica raggiunta - ha ribadito Borgomeo -. Si conferma una straordinaria voglia di volare, a riprova della resilienza del nostro comparto, che è in ottima salute e resta strategico per il Paese. Il 2023 però è stato anche un anno caratterizzato da forti "turbolenze": penso al modo con cui è stata gestita la vicenda del caro voli, all'ennesimo rinvio del dossier Ita - Lufthansa, così come al tema dell'addizionale comunale, sul quale regna una grande confusione. «Gli operatori dovrebbero invece poter contare su un quadro di riferimento più stabile, meno estemporaneo. I gestori per essere competitivi hanno la necessità di pianificare per tempo gli investimenti e possono farlo solo con un miglior coordinamento delle politiche. Speriamo che il Piano Nazionale degli Aeroporti di prossima pubblicazione definisca chiare linee strategiche per il comparto». Intanto, la classifica 2023 dei primi 10 aeroporti italiani per numero di passeggeri vede in testa Roma Fiumicino con 40,5 milioni, Milano Malpensa con 26,1 milioni, Milano Bergamo con 16 milioni, Napoli con 12,4 milioni, Venezia con 11,3 milioni, Catania con 10,7 milioni, Bologna con 10 milioni, Milano Linate con 9,4 milioni, Palermo con 8,1 e Bari con 6,5 milioni. [post_title] => Record storico 2023 degli scali italiani: passeggeri a +2,1% sul 2019 [post_date] => 2024-02-01T09:00:48+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1706778048000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 460346 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Korean Air archivia il 2023 con un fatturato record di 11,3 miliardi di dollari e un utile operativo di 1,23 miliardi (non consolidati): quest'ultimo dato è superiore rispetto al risultato del 2019. L'utile operativo della compagnia aerea per il 2023 è aumentato su base annua del 10,9%, un tasso superiore alla media del settore. Il calo dell'utile operativo del quarto trimestre rispetto all'anno precedente è dovuto a un aumento delle retribuzioni del personale che comprendeva incentivi per il raggiungimento degli obiettivi annuali di performance e sicurezza. I ricavi annuali del settore passeggeri sono aumentati rispetto al 2019, grazie alla forte domanda di viaggi e alla maggiore richiesta di classi premium, nonostante la capacità abbia recuperato 'solo' l'80% dei livelli pre-pandemia. Nel settore cargo, sebbene i ricavi siano diminuiti a causa della ripresa della capacità di trasporto passeggeri e della normalizzazione del trasporto marittimo, è stato mantenuto un livello di redditività più elevato rispetto al 2019. Korean Air prevede che la domanda e la capacità passeggeri si riprenderanno completamente nel primo trimestre 2024: le stime indicano che la domanda di lungo raggio rimarrà robusta e che la domanda leisure aumenti durante l'alta stagione invernale. Korean Air massimizzerà i ricavi riprendendo le rotte e aumentando la capacità verso le destinazioni turistiche più popolari del Sud-est asiatico e del Giappone. [post_title] => Korean Air: domanda e capacità passeggeri verso il pieno recupero nel primo trimestre [post_date] => 2024-01-30T11:16:07+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1706613367000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 459906 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_459917" align="alignleft" width="138"] Alessandro Scotti[/caption] Nuova tegola sull'immagine del turismo organizzato. E' stato arrestato ieri l'amministratore del tour operator di Gallarate, Esse Vacation, Alessandro Scotti. I finanzieri hanno dato esecuzione a un'ordinanza di custodia cautelare, emessa dal gip del tribunale di Busto Arsizio, a seguito del pericolo di reiterazione del reato. L'accusa è quella di bancarotta fraudolenta.  Tutto ha avuto inizio con la segnalazione, ha spiegato la guardia di finanza al Sole 24 Ore Radiocor, di una serie di presunte irregolarità connesse all'acquisto e alla fruizione di pacchetti viaggio venduti dall'agenzia: su oltre 1.350 clienti sentiti, la stragrande maggioranza riferiva di aver subito lo stesso modus operandi: ossia l'indisponibilità delle strutture a ridosso della partenza con conseguente dirottamento presso altre di categoria inferiore o fatiscenti, oppure l'annullamento in concomitanza della partenza senza la corresponsione del rimborso e senza la possibilità di contattare l'agenzia di viaggi, i cui responsabili si rendevano, di fatto, irreperibili. Dagli accertamenti sono emersi "fatti che avevano portato al dissesto della società" e, in particolare: "operazioni con società italiane ed estere prive di documentazione fiscale, operazioni con eccedenza non fatturate e prelevamenti privi di giustificazione". Il tutto per un importo pari a oltre 1,3 milioni di euro. I finanzieri hanno anche quantificato un'evasione fiscale superiore ai 300 mila euro. Infine, con la segnalazione di dissesto, la procura ha avanzato l'istanza di liquidazione giudiziale della società, accolta dal tribunale, mediante la quale è stato possibile attivare l'assicurazione obbligatoria in capo ai tour operator con la quale sono stati risarciti oltre 400 clienti per un importo superiore ai 650 mila euro. [post_title] => Arrestato Alessandro Scotti, Esse Vacation. Accusa: bancarotta fraudolenta [post_date] => 2024-01-23T10:30:31+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1706005831000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 459657 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_443575" align="alignleft" width="300"] Alcune mobile home Human Company[/caption] Si fa sempre più stretto il legame tra la finanza e il mondo dell'open air italiano. Dopo le recenti indiscrezioni sul possibile cambio di partnership in casa Club del Sole, giungono ora altre voci riguardanti questa volta il gruppo Human Company, attualmente controllato al 100% dalla famiglia Cardini Vannucchi. Stando ai rumours, sempre raccolti dal Sole 24 Ore, l'operatore toscano sarebbe stato infatti messo nel mirino dagli statunitensi di Hines che, in joint venture con Clessidra, starebbe studiando il proprio ingresso nel capitale della società dell'open air, attiva anche nei segmenti degli ostelli e dei relais di campagna. L'operazione dovrebbe concludersi entro la fine del primo trimestre dell'anno e punterebbe al rafforzamento dell'organizzazione Human Company, nonché al suo ulteriore sviluppo. La compagnia toscana nata negli anni '80 come Ecv Group da una famiglia tradizionalmente legata all'industria tessile di Prato, ha chiuso il 2022 con un giro d'affari di 123 milioni di euro. Il gruppo conta oggi dieci village e camping in Toscana, Veneto, Lazio e Lussemburgo, a cui si aggiungono due ostelli 2.0 a marchio Plus Hostel a Firenze e a Praga, nonché la tenuta Palagina sulle colline del Chianti. Presente anche un format f&b chiamato Mercato Centrale, attualmente attivo a Firenze, Roma, Torino, a Milano e a Campi Bisenzio. [post_title] => Gli operatori finanziari Hines e Clessidra pronti a entrare nel capitale di Human Company [post_date] => 2024-01-18T12:50:47+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1705582247000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 459641 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Nuovi traguardi per il settore turistico delle Isole Canarie che nel 2023 ha registrato un aumento delle entrate del 23,2% rispetto al 2019, l'anno di riferimento prima della pandemia. Questo dato, secondo l'analisi elaborata da Exceltur, colloca l'arcipelago come terza regione con la maggiore crescita delle vendite turistiche in Spagna, dopo la Catalogna (+27,5%) e le Isole Baleari (+26%). A livello globale, l'industria turistica spagnola ha compiuti ulteriori passi avanti lungo la rotta della ripresa nel 2023, concludendo l'anno con un'attività totale che ha generato 186,5 miliardi di euro. Questo rappresenta un contributo significativo all'economia nazionale del 12,8%, la più elevata cifra raggiunto sinora. Le previsioni per il 2024 sono ancora più ottimistiche e prevedono un contributo superiore ai 200 miliardi di euro, portando l'incidenza del turismo sul Pil nazionale al 13,4%. [post_title] => Canarie: le entrate turistiche del 2023 hanno superato del 23,2% quelle pre-pandemia [post_date] => 2024-01-18T11:39:25+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1705577965000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 458843 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L'aeroporto di Trapani ha concluso con 44.000 passeggeri il mese di dicembre, dato che porta ad archiviare il 2023 con un totale di 1.332.413 passeggeri: il numero rappresenta un nuovo massimo storico per lo scalo, dopo le difficoltà che hanno preceduto la pandemia e le restrizioni dovute al Covid tra il 2020 e il 2021. Di fatto era dal 2017 che Trapani non superava il milione di passeggeri. Rispetto al 2022 l’aumento del traffico è stato del +49%, +211% rispetto al 2021, +224% rispetto al il 2019. Secondo i dati elaborati dalla società di gestione, Airgest, l’83% del traffico totale si è registrato durante la stagione estiva (1.109.941 aprile- ottobre); il 30% è stato di tipo internazionale (399.262). Il picco passeggeri è stato registrato a luglio ed agosto, in parte anche per lo smistamento su Birgi di alcuni voli originariamente previsti per l’aeroporto di Catania, che per alcune settimane è stato costretto a ridurre sensibilmente la sua attività in seguito a un incendio che ha interessato la stazione aeroportuale etnea. Sedici le rotte internazionali su cui Airgest ha potuto contare per la summer 2023 (Charleroi, Bordeaux, Billund, Bratislava, Dusseldorf, Karlsue Baden- Baden, Francoforte, Malta, Manchester, Modlin, Porto, Riga, Siviglia, Stansted, Tolosa e Katowice). Le tratte domestiche sono state Bergamo, Bologna, Milano Malpensa, Napoli, Pescara, Pisa, Roma, Torino, Venezia (Treviso), Forlì e Pantelleria. [post_title] => L'aeroporto di Trapani conclude un 2023 da incorniciare con oltre 1,33 milioni di passeggeri [post_date] => 2024-01-04T10:46:49+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1704365209000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "1238" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":6,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":87,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462279","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Quasi sette punti percentuali guadagnati in dieci anni. Complice anche la diminuzione dell'offerta complessiva registrata a seguito dell'epidemia, ma merito soprattutto del dinamismo di mercato dimostrato dall'ospitalità italiana, cresce il tasso di penetrazione dei brand di catena nella nostra Penisola. Lo rivela il time-lapse realizzato da Thrends, che da ormai due lustri pubblica semestralmente il proprio Chains Monitor Italy.\r\n\r\nNell'ultima decade il comparto ha insomma intrapreso una decisa evoluzione nei modelli di sviluppo e crescita, più decisa di quanto direttamente visibile a livello immobiliare, con un consolidamento sempre più marcato e vicino a dinamiche europee e dei mercati anglosassoni. In massima sintesi, dal 2013 al 2023 gli hotel di catena sono passati da poco oltre 1.300 a 2.200 (+65%), mentre le camere da 146 mila a oltre 216 mila (+48%). Il tasso di penetrazione delle catene alberghiere (in termini di stanze) è quindi passato dal 13,4% del 2013, valore molto modesto a confronto con le dinamiche di altri player mondiali del turismo, al 20,1% di oggi. Un'evoluzione che dimostra anche come le catene abbiano iniziato ad accettare strutture di portata più ridotta, caratteristica peculiare del panorama immobiliare italiano: la dimensione media degli hotel brandizzati è infatti passata dalle 110 camere del 2013 alle 99 di oggi; un notevole abbassamento della soglia minima, dovuto al proliferare dei brand lifestyle, meno rigidi in termini dimensionali e quindi più adatti al tessuto immobiliare e ricettivo nazionale.\r\n\r\nTra tre anni arriveremo al 22% delle camere\r\n\r\n“Il tasso di penetrazione delle catene in Italia è ancora tra i più bassi in Europa - spiega la senior analyst di Thrends, Irina Hernández -. Tuttavia, da un lato l’interesse degli investitori internazionali verso il nostro paese, soprattutto nel segmento luxury, e dall’altro la diminuzione delle camere di hotel in Italia, porterà molto probabilmente la presenza delle catene alberghiere nel Paese dall'attuale 20,1% a oltre il 22% tra tre anni, con una conseguente accelerazione del processo di consolidamento del mercato”.\r\n\r\nD'altra parte, i brand (soprattutto quelli internazionali) continuano a dare priorità alle prime quattro città italiane, essendo infatti Roma, Milano, Venezia e Firenze le destinazioni con il maggior numero di alberghi di catena (il 39% del totale). La pressione dei player globali sull’Italia non è mai stata così evidente: alla chiusura del censimento si contano 155 marchi internazionali presenti in Italia, contro i 75 di appena dieci anni fa, per una crescita del 100%. I gruppi con il maggior numero di hotel sono in particolare Bwh, Accor, Marriott International, B&B Hotels e Minor Hotels, che detengono il 19% degli alberghi brandizzati nel nostro paese. Le prime tre catene domestiche (per numero di hotel) sono invece Gruppo Una, Apogia Hotels e Iti Hotels.\r\n\r\nCresce l'interesse degli investitori internazionali per i gruppi domestici\r\n\r\nNel dettaglio, le compagnie alberghiere presenti sul suolo italiano sono passate da 138 a 270 (per gruppo, Thrends intende da sempre qualsiasi operatore che gestisca almeno cinque strutture con uno o più marchi differenti, ndr). Di questi, oggi, il 73% sono realtà domestiche, verso le quali negli ultimi anni, anche grazie al ricambio generazionale, è crescente l’interesse da parte degli investitori esteri. Sono infatti diverse le operazioni di vendita o joint venture tra fondi di investimento o altre catene internazionali e i gruppi italiani. Tra le ultime, ricordiamo l’acquisizione del 75% di Mira Hotels & Resorts da parte di Dsr Hotel Holding; l’acquisizione del 100% di Baglioni Hotels da parte della catena messicana Palace Resorts; la joint venture tra il gruppo Pellicano e la società di asset management paneuropea Aermont Capital.\r\n\r\nNei prossimi anni (2024-2027) è inoltre in programma lo sviluppo e/o affiliazione di 232 hotel, di cui il 68% appartenenti a gruppi internazionali. Di questi, cinque riguardano strutture del segmento economy, 35 del midscale, 83 dell'upscale e 93 del luxury. Di 16 nuovi sviluppi non si conosce invece ancora il futuro posizionamento. Il 32% delle nuove aperture è rappresentato da hotel che entreranno a far parte di una catena domestica, mentre il restante 68% apparterrà a catene internazionali: il 32% americane, il 16% francesi, l’8% spagnole.\r\n\r\nFocus sulle Big 4 ma spunta anche per Napoli\r\n\r\nLe regioni che vedranno il maggior numero di nuove aperture sono la Lombardia (21%), il Lazio (20%), il Veneto (12%) e la Toscana (9%).\r\nLe prime cinque destinazioni per numero di hotel in pipeline sono invece Roma (18%), Milano (10%), Venezia (6%), Firenze (6%) e Napoli (3%). Per quanto riguarda la tipologia di destinazione, il 39% degli hotel sarà localizzato in città d’arte, il 22% in destinazioni leisure, il 15% in mete sun & beach e l’11% in location business. Il 21% degli hotel in pipeline, infine, sarà marchiato da Marriott International, Accor e Radisson Hotel Group.\r\n\r\n ","post_title":"Thrends: le camere di catena in Italia sfondano la soglia del 20%","post_date":"2024-02-27T09:32:20+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1709026340000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461516","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"La Basilicata è sempre più una regione che dà spazio a luoghi unici, insoliti, lontani dalle rotte del turismo di massa e attento a riscoprire luoghi di autentica bellezza, cultura e tradizione. \r\nMolteplici sono le possibilità di dare un senso “terapeutico” alle tanto desiderate vacanze dedicandosi ad attività rigeneranti immergendosi nella natura, riscoprendo il fascino delle tradizioni, gustando i piatti tipici e praticando sport e attività all’aria aperta.\r\n\r\nIl progetto Turismo delle Passioni ha individuato come mete di turismo lucano alcuni ambiti   meno conosciuti, ma decisamente non scontati e da scoprire. \r\nErbe spontanee e fiori: la Lucania con la sua incredibile biodiversità, tutelata e protetta da due parchi nazionali, tre parchi regionali e riserve naturali, è davvero il luogo ideale per trascorrere momenti unici di condivisione.\r\n\r\n La Basilicata è la terra ideale per ammirare chiaramente le stelle di notte nelle campagne, in montagna, o nei dintorni dei piccoli borghi arroccati; l’inquinamento luminoso è infatti molto basso con cieli bui che consentono di sentirsi in collegamento diretto con l’universo  in diverse modalità: Osservatorio astronomico di Anzi (PZ), tra i più accreditati in Italia per la divulgazione scientifica e astronomica è possibile ammirare circa 4500 stelle del cielo boreale e australe; SPARKme Space Academy – Museo della Scienza e dello Spazio a Matera, sito di divulgazione scientifica che propone all’utenza visite immersive nel mondo della scienza e dello spazio; Osservatorio per detriti spaziali di Castelgrande (PZ) a 1258 metri di quota, con 2 cupole con altrettanti telescopi di 20 e 40 cm. \r\n\r\nFiabe e Magia: alla scoperta di nuove idee di viaggio in una regione misteriosa e ancestrale, che conserva la sua bellezza antropologica lontana dagli sguardi indiscreti del turismo di massa. Il viaggio parte da Rapone (PZ) il Paese delle Fiabe e da un libro “Lo Cunto de Li Cunti” scritto nel 1600 dal napoletano Giambattista Basile che, ispirato dal territorio lucano, raccoglie e traduce numerosi racconti popolari. Si prosegue poi verso Albano di Lucania (PZ), il “Paese della Magia” già al centro degli studi durante le spedizioni in Lucania di Ernesto De Martino negli anni ’50, con un percorso–rituale “La Rocca del Cappello”, passando per Colobraro, con la coinvolgente iniziativa “Sogno di una notte a quel paese”, per giungere ad Agromonte, il paese degli indovinelli, tra le vette del Parco Nazionale del Pollino, dichiarato nel 2015 patrimonio naturale dell’Unesco.\r\n\r\nNon dimentichiamo, comunque, le altre meravigliose attrattive della Basilicata da vivere e gustare en plain air grazie ai parchi nazionali e alle aree protette, dove il verde dei boschi domina ampie valli e fiumi sinuosi. Qui puoi rigenerarti in completa simbiosi con la natura, scegliendo tra le tantissime attività dedicate a escursionisti e appassionati della montagna da scegliere tra Nordic Walking, River Walking, Ciaspolate sulla neve, torrentismo tra le cascate di Savoia, diverse offerte di Trekking guidato nel parco nazionale dell’Appennino Lucano, passeggiate botaniche nell’area del Vulture e molto altro ancora. \r\n\r\nAnche il mare gioca un ruolo fondamentale nella proposta turistica lucana, sia sulla costa di Maratea che quella Ionica, in un coast to coast imperdibile e sorprendente: l’offerta prevede veleggiate sulla rotta dei delfini, escursioni in gozzo a Maratea, percorsi in barca tra le due coste, veleggiate in catamarano a partire da Policoro o marina di Pisticci, servizi sportivi come canoa e kayak e proposte di pesca sportiva.\r\n\r\nIl fascino unico della Basilicata è da scoprire nei piccoli borghi e nelle città d’arte, alla ricerca di tesori nascosti. Qui, dove la storia ha lasciato nei secoli segni e vestigia di popoli provenienti da ogni dove, puoi regalarti momenti unici in perfetta armonia tra arte e cultura. Partendo da Matera con i suoi Sassi e il parco della Murgia materana, ecco alcuni esempi da scoprire come  Montescaglioso, uno dei borghi più belli della Basilicata con il suo monumento più rappresentativo: l’Abbazia benedettina di San Michele Arcangelo; Tricarico, città d’arte e città arabo normanna; Pietrapertosa, il paese più alto della Regione e uno dei borghi più belli d’Italia immerso nel Parco Regionale di Gallipoli Cognato; Castelmezzano, per la sua rara bellezza offerta dallo scenario delle Dolomiti Lucane che gli fanno da sfondo.\r\n\r\nE non dimentichiamo infine il turismo esperienziale per conciliare, negli appositi laboratori, tempo libero e apprendimento grazie a esperienze multisensoriali che portano alla scoperta di luoghi inediti, antiche tradizioni e gustosi piatti tipici.\r\n \r\n \r\n\r\n­","post_title":"Basilicata, nuove idee di viaggio alla scoperta di luoghi insoliti e unici","post_date":"2024-02-15T09:41:09+00:00","category":["incoming"],"category_name":["Incoming"],"post_tag":[]},"sort":[1707990069000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461231","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_461237\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] L'Avani Palazzo Moscova di Milano[/caption]\r\n\r\nIl gruppo Nh Hotel chiude un ottimo 2023, registrando un fatturato totale di 2,16 miliardi di euro, per un crescita del 23% rispetto al 2022, che gli ha permesso di toccare una quota del 26% superiore a quella dell'anno pre-Covid 2019. Molto bene anche i margini operativi lordi (ebitda), pari a 596 milioni di euro (+15% sul 2022 e 44 mln sopra il 2019), per una redditività superiore al 27%. I profitti netti sono stati infine di 128,1 milioni, con un incremento annuo del 27,7%.\r\n\r\nTali performance sono state il frutto di un aumento del 13% delle tariffe medie camera, a quota 138 euro, nonché di una crescita di sette punti percentuali dei tassi di occupazione, saliti al 68%. A fronte di tali cifre, il ricavo medio per camera disponibile si è assestato sui 94 euro (+26% rispetto al 2022; +21% sul 2019). A livello di dettaglio, la compagnia in Italia ha generato ricavi a perimetro costante del 19% superiori al 2022 e del 36% sopra a quelli di quattro anni fa. Roma e Milano sono state le destinazioni che hanno fatto segnare i risultati migliori. La tariffa media Nh nel nostro paese è stata quindi di 181 euro, con un tasso di occupazione del 67%, sostanzialmente in linea con il dato 2019.","post_title":"Nh festeggia un ottimo 2023: ricavi oltre i 2,1 mld con un ebitda poco sotto i 600 mln","post_date":"2024-02-09T14:59:59+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1707490799000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"460546","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Gli aeroporti italiani hanno ufficialmente superato i dati di traffico 2019, stabilendo così il nuovo record storico raggiungendo per la prima volta i 197,2 milioni di passeggeri, +2,1% rispetto al dato pre-Covid. \r\n\r\nA certificarlo ufficialmente sono i dati di Assaeroporti - dopo l'anticipazione di qualche settimana fa da parte del presidente, Carlo Borgomeo - che mostrano come a fronte di una ripresa post-pandemia che aveva visto il ruolo centrale del mercato domestico, il 2023 ha segnato il pieno recupero del segmento internazionale, la parte più qualificante del traffico aereo, che raggiunge i 128 milioni di passeggeri, lo 0,1% in più sul 2019.\r\n\r\nUn leggero gap rispetto ai livelli pre-Covid si riscontra invece per i movimenti aerei, che nel 2023 sono stati inferiori del 2,6% sul 2019, attestandosi a 1.601.059 unità. Più passeggeri e meno aerei che, quindi, viaggiano con un load factor maggiore, comportando benefici anche in termini ambientali. \r\nVoglia di volare\r\n«Il 2023 si è chiuso con quasi 200 milioni di passeggeri, un record assoluto per gli aeroporti italiani, un'importante soglia psicologica raggiunta - ha ribadito Borgomeo -. Si conferma una straordinaria voglia di volare, a riprova della resilienza del nostro comparto, che è in ottima salute e resta strategico per il Paese. Il 2023 però è stato anche un anno caratterizzato da forti \"turbolenze\": penso al modo con cui è stata gestita la vicenda del caro voli, all'ennesimo rinvio del dossier Ita - Lufthansa, così come al tema dell'addizionale comunale, sul quale regna una grande confusione.\r\n\r\n«Gli operatori dovrebbero invece poter contare su un quadro di riferimento più stabile, meno estemporaneo. I gestori per essere competitivi hanno la necessità di pianificare per tempo gli investimenti e possono farlo solo con un miglior coordinamento delle politiche. Speriamo che il Piano Nazionale degli Aeroporti di prossima pubblicazione definisca chiare linee strategiche per il comparto».\r\n\r\nIntanto, la classifica 2023 dei primi 10 aeroporti italiani per numero di passeggeri vede in testa Roma Fiumicino con 40,5 milioni, Milano Malpensa con 26,1 milioni, Milano Bergamo con 16 milioni, Napoli con 12,4 milioni, Venezia con 11,3 milioni, Catania con 10,7 milioni, Bologna con 10 milioni, Milano Linate con 9,4 milioni, Palermo con 8,1 e Bari con 6,5 milioni.","post_title":"Record storico 2023 degli scali italiani: passeggeri a +2,1% sul 2019","post_date":"2024-02-01T09:00:48+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1706778048000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"460346","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Korean Air archivia il 2023 con un fatturato record di 11,3 miliardi di dollari e un utile operativo di 1,23 miliardi (non consolidati): quest'ultimo dato è superiore rispetto al risultato del 2019. L'utile operativo della compagnia aerea per il 2023 è aumentato su base annua del 10,9%, un tasso superiore alla media del settore. Il calo dell'utile operativo del quarto trimestre rispetto all'anno precedente è dovuto a un aumento delle retribuzioni del personale che comprendeva incentivi per il raggiungimento degli obiettivi annuali di performance e sicurezza.\r\n\r\nI ricavi annuali del settore passeggeri sono aumentati rispetto al 2019, grazie alla forte domanda di viaggi e alla maggiore richiesta di classi premium, nonostante la capacità abbia recuperato 'solo' l'80% dei livelli pre-pandemia. Nel settore cargo, sebbene i ricavi siano diminuiti a causa della ripresa della capacità di trasporto passeggeri e della normalizzazione del trasporto marittimo, è stato mantenuto un livello di redditività più elevato rispetto al 2019.\r\n\r\nKorean Air prevede che la domanda e la capacità passeggeri si riprenderanno completamente nel primo trimestre 2024: le stime indicano che la domanda di lungo raggio rimarrà robusta e che la domanda leisure aumenti durante l'alta stagione invernale. Korean Air massimizzerà i ricavi riprendendo le rotte e aumentando la capacità verso le destinazioni turistiche più popolari del Sud-est asiatico e del Giappone.","post_title":"Korean Air: domanda e capacità passeggeri verso il pieno recupero nel primo trimestre","post_date":"2024-01-30T11:16:07+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1706613367000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"459906","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_459917\" align=\"alignleft\" width=\"138\"] Alessandro Scotti[/caption]\r\n\r\nNuova tegola sull'immagine del turismo organizzato. E' stato arrestato ieri l'amministratore del tour operator di Gallarate, Esse Vacation, Alessandro Scotti. I finanzieri hanno dato esecuzione a un'ordinanza di custodia cautelare, emessa dal gip del tribunale di Busto Arsizio, a seguito del pericolo di reiterazione del reato. L'accusa è quella di bancarotta fraudolenta. \r\n\r\nTutto ha avuto inizio con la segnalazione, ha spiegato la guardia di finanza al Sole 24 Ore Radiocor, di una serie di presunte irregolarità connesse all'acquisto e alla fruizione di pacchetti viaggio venduti dall'agenzia: su oltre 1.350 clienti sentiti, la stragrande maggioranza riferiva di aver subito lo stesso modus operandi: ossia l'indisponibilità delle strutture a ridosso della partenza con conseguente dirottamento presso altre di categoria inferiore o fatiscenti, oppure l'annullamento in concomitanza della partenza senza la corresponsione del rimborso e senza la possibilità di contattare l'agenzia di viaggi, i cui responsabili si rendevano, di fatto, irreperibili.\r\n\r\nDagli accertamenti sono emersi \"fatti che avevano portato al dissesto della società\" e, in particolare: \"operazioni con società italiane ed estere prive di documentazione fiscale, operazioni con eccedenza non fatturate e prelevamenti privi di giustificazione\". Il tutto per un importo pari a oltre 1,3 milioni di euro. I finanzieri hanno anche quantificato un'evasione fiscale superiore ai 300 mila euro. Infine, con la segnalazione di dissesto, la procura ha avanzato l'istanza di liquidazione giudiziale della società, accolta dal tribunale, mediante la quale è stato possibile attivare l'assicurazione obbligatoria in capo ai tour operator con la quale sono stati risarciti oltre 400 clienti per un importo superiore ai 650 mila euro.","post_title":"Arrestato Alessandro Scotti, Esse Vacation. Accusa: bancarotta fraudolenta","post_date":"2024-01-23T10:30:31+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1706005831000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"459657","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_443575\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Alcune mobile home Human Company[/caption]\r\n\r\nSi fa sempre più stretto il legame tra la finanza e il mondo dell'open air italiano. Dopo le recenti indiscrezioni sul possibile cambio di partnership in casa Club del Sole, giungono ora altre voci riguardanti questa volta il gruppo Human Company, attualmente controllato al 100% dalla famiglia Cardini Vannucchi.\r\nStando ai rumours, sempre raccolti dal Sole 24 Ore, l'operatore toscano sarebbe stato infatti messo nel mirino dagli statunitensi di Hines che, in joint venture con Clessidra, starebbe studiando il proprio ingresso nel capitale della società dell'open air, attiva anche nei segmenti degli ostelli e dei relais di campagna.\r\n\r\nL'operazione dovrebbe concludersi entro la fine del primo trimestre dell'anno e punterebbe al rafforzamento dell'organizzazione Human Company, nonché al suo ulteriore sviluppo. La compagnia toscana nata negli anni '80 come Ecv Group da una famiglia tradizionalmente legata all'industria tessile di Prato, ha chiuso il 2022 con un giro d'affari di 123 milioni di euro. Il gruppo conta oggi dieci village e camping in Toscana, Veneto, Lazio e Lussemburgo, a cui si aggiungono due ostelli 2.0 a marchio Plus Hostel a Firenze e a Praga, nonché la tenuta Palagina sulle colline del Chianti. Presente anche un format f&b chiamato Mercato Centrale, attualmente attivo a Firenze, Roma, Torino, a Milano e a Campi Bisenzio.","post_title":"Gli operatori finanziari Hines e Clessidra pronti a entrare nel capitale di Human Company","post_date":"2024-01-18T12:50:47+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1705582247000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"459641","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Nuovi traguardi per il settore turistico delle Isole Canarie che nel 2023 ha registrato un aumento delle entrate del 23,2% rispetto al 2019, l'anno di riferimento prima della pandemia. Questo dato, secondo l'analisi elaborata da Exceltur, colloca l'arcipelago come terza regione con la maggiore crescita delle vendite turistiche in Spagna, dopo la Catalogna (+27,5%) e le Isole Baleari (+26%).\r\n\r\nA livello globale, l'industria turistica spagnola ha compiuti ulteriori passi avanti lungo la rotta della ripresa nel 2023, concludendo l'anno con un'attività totale che ha generato 186,5 miliardi di euro. Questo rappresenta un contributo significativo all'economia nazionale del 12,8%, la più elevata cifra raggiunto sinora.\r\n\r\nLe previsioni per il 2024 sono ancora più ottimistiche e prevedono un contributo superiore ai 200 miliardi di euro, portando l'incidenza del turismo sul Pil nazionale al 13,4%.","post_title":"Canarie: le entrate turistiche del 2023 hanno superato del 23,2% quelle pre-pandemia","post_date":"2024-01-18T11:39:25+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1705577965000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"458843","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L'aeroporto di Trapani ha concluso con 44.000 passeggeri il mese di dicembre, dato che porta ad archiviare il 2023 con un totale di 1.332.413 passeggeri: il numero rappresenta un nuovo massimo storico per lo scalo, dopo le difficoltà che hanno preceduto la pandemia e le restrizioni dovute al Covid tra il 2020 e il 2021. Di fatto era dal 2017 che Trapani non superava il milione di passeggeri.\r\n\r\nRispetto al 2022 l’aumento del traffico è stato del +49%, +211% rispetto al 2021, +224% rispetto al il 2019.\r\n\r\nSecondo i dati elaborati dalla società di gestione, Airgest, l’83% del traffico totale si è registrato durante la stagione estiva (1.109.941 aprile- ottobre); il 30% è stato di tipo internazionale (399.262). Il picco passeggeri è stato registrato a luglio ed agosto, in parte anche per lo smistamento su Birgi di alcuni voli originariamente previsti per l’aeroporto di Catania, che per alcune settimane è stato costretto a ridurre sensibilmente la sua attività in seguito a un incendio che ha interessato la stazione aeroportuale etnea.\r\n\r\nSedici le rotte internazionali su cui Airgest ha potuto contare per la summer 2023 (Charleroi, Bordeaux, Billund, Bratislava, Dusseldorf, Karlsue Baden- Baden, Francoforte, Malta, Manchester, Modlin, Porto, Riga, Siviglia, Stansted, Tolosa e Katowice). Le tratte domestiche sono state Bergamo, Bologna, Milano Malpensa, Napoli, Pescara, Pisa, Roma, Torino, Venezia (Treviso), Forlì e Pantelleria.","post_title":"L'aeroporto di Trapani conclude un 2023 da incorniciare con oltre 1,33 milioni di passeggeri","post_date":"2024-01-04T10:46:49+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1704365209000]}]}}

Lascia un commento