21 September 2021

Marriott accelera l’espansione in Giappone. Sei i brand del gruppo introdotti nel 2020

[ 0 ]

Una camera dell’ultimo arrivato giapponese in casa Marriott: l’Higashiyama Niseko Village, a Ritz-Carlton Reserve

Ac Hotels by Marriott, Aloft, Edition, Jw Marriott, Fairfield e Ritz-Carlton Reserve. Sono i sei brand Marriott International che hanno debuttato per la prima volta in Giappone nel corso del 2020, portando in questo modo il numero delle strutture della compagnia nel Paese a quota 63.

Il Tokyo Edition Toranomon è stato in particolare inaugurato lo scorso 20 ottobre, mentre il Jw Marriott Hotel Nara, ottocentesima struttura del gruppo nell’area Asia – Pacifico, rappresenta il primo albergo di un marchio internazionale del lusso nella destinazione nipponica celebre, tra le altre cose, per i propri templi e santuari patrimonio dell’umanità Unesco. L’Higashiyama Niseko Village, a Ritz-Carlton Reserve, ha poi cominciato ad accogliere i propri ospiti a partire dalla corrente stagione invernale.

Nel segmento select-service, l’Ac Hotel Tokyo Ginza ha aperto i propri battenti a luglio, seguito in tempi più recenti dall’Aloft Tokyo Ginza. Particolarmente intenso è stato infine lo sviluppo del marchio Fairfield by Marriott che grazie al progetto Michi-no-eki ha visto l’apertura di ben otto nuovi hotel in alcune delle principali stazioni di servizio lungo le autostrade giapponesi. Elaborato in collaborazione con lo sviluppatore locale Sekisui House, il piano prevede peraltro l’inaugurazione di ulteriori 18 Fairfield nel Paese. Oltre a questi, Marriott vanta oggi una pipeline di sviluppo di altre 12 strutture in Giappone, tra cui spicca il nome del Bulgari Tokyo.




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( )

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti