29 January 2023

L’extra alberghiero è la prima attività a ripartire nell’era della pandemia

[ 0 ]

Marco Celani

Istat certifica che la ricettività extra alberghiera è stata la prima a ripartire e il settore ha consentito la tenuta della stagione e il raggiungimento di destinazioni finora fuori di circuiti tradizionali più inflazionati, come le Marche, il Molise e le località montane. Ciò si spiega con i requisiti considerati prioritari da chi ha viaggiato a partire dal lockdown di primavera: la necessità di mete isolate, il desiderio di non condividere spazi comuni, la mancanza di fiducia nelle sanificazioni effettuate in strutture di grandi dimensioni, i viaggi di prossimità in località raggiungibili con mezzi propri, voglia di garantirsi una soluzione di alloggio seppur temporaneo per riuscire a coniugare lavoro e vacanza”.

Così Marco Celani, Presidente Aigab – Associazione italiana gestori affitti brevi commenta i dati diffusi dall’Istat che parlano di presenze dimezzate negli esercizi ricettivi nei primi nove mesi del 2020 e che di fatto fotografano la tenuta del settore extra alberghiero che ha superato quello alberghiero nelle scelte di chi ha viaggiato negli ultimi mesi.

Come Aigab – continua Celani – sosteniamo da mesi che l’epidemia ha accelerato trend già in atto: non solo i millennial o i nomadi digitali preferiscono fare vacanze in mete desuete o vivere esperienze nelle città d’arte condividendo alloggi con coetanei studenti o workers, ma anche le famiglie da tempo preferiscono viaggiare affittando case invece che andare in hotel. Altra novità di questo 2020 è che sempre più spesso anche le aziende, spesso su richiesta dei loro stessi dipendenti, prenotano le case come soluzione principe per il business travel. Il 2020 è stata anche l’estate dell’holiday working, un fenomeno che ha consentito a migliaia di famiglie di vivere insieme periodi lunghi in località tipicamente di villeggiatura, lavorando in remoto. Abbiamo ricevuto fino a ottobre inoltrato richieste di prenotazioni con la specifica necessità di lavorare in appartamento in situazioni che hanno consentito una prima destagionalizzazione di zone abituate a chiudere a settembre (Liguria, Puglia, Sicilia)”.

Ci auguriamo che il Governo – conclude Celani – prenda atto che, anche nel 2021, i gestori che operano professionalmente sul mercato degli affitti brevi, e che noi comeAigab rappresentiamo, potranno dare un contributo importante nell’accoglienza di turisti stranieri e italiani che si porranno nel solco della sharing economy. È difficile prevedere che il turismo tradizionale faccia ritorno ai volumi del passato troppo in fretta. Alcune stime parlano del 2025 per eguagliare l’anno record che in termini di incoming è stato il 2019. È quindi importante che il Governo stimoli i proprietari di seconde case inutilizzate a metterle a reddito rendendone semplice ed efficiente l’affidamento a operatori specializzati che le promuovano online, nel totale rispetto delle normative, con flussi di denaro tracciati, raccogliendo tassa di soggiorno e versando la cedolare secca. Solo così si potrà sviluppare un’offerta alternativa e complementare a quella degli hotel, in grado di ripopolare i borghi e le località oggi sconosciute, che possono essere promosse sul web con gli strumenti della digital economy. Lo sforzo della promozione deve essere e sarà nelle mani delle imprese. È il nostro mestiere. Lo Stato non sprechi soldi in destination management e si concentri invece nella semplificazione normativa, attività che ricordiamo essere a costo zero.

In occasione dell’istituzione del nuovo codice unico nazionale presso il MiBACT invitiamo inoltre il Governo a coinvolgere gli operatori di settore per evitare di complicare gli adempimenti invece di semplificare la raccolta dei dati, al fine di rendere più omogenee le normative districando la selva di leggi regionali che rende le cose complicate a chi vuole operare in regola. Il settore degli affitti brevi ha ricevuto un duro colpo e sicuramente saranno migliaia le imprese che spariranno dal mercato, ma il fatto di essere perlopiù microimprese a bassa intensità di capitale farà sì che, appena sarà terminata la crisi di domanda, l’offerta si adeguerà rapidamente alla ripartenza. Il contributo al Pil dipende esclusivamente dalla capacità del Governo di capire le dinamiche e non porre ostacoli ad un mercato che rinascerà da solo.




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438106 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Tutte le novità della prossima stagione estiva, i progetti e la filosofia di Ota Viaggi. Sono stati questi i temi affrontati nella conferenza stampa di Ota Viaggi che si è tenuta stamattina a Roma presso Palazzo Ripetta. Un incontro che ha visto Domenico Aprea, ceo, Mario Aprea, cfo, e Massimo Diana, direttore commerciale del to, raccontare a una platea di giornalisti del settore gli obiettivi raggiunti e i piani di sviluppo del prossimo triennio. Un triennio che sarà cruciale per tutta la filiera e per il Mare Italia, su cui la realtà focalizza da anni i suoi impegni, insieme alla destinazione Sardegna a cui riserva un focus importante della sua offerta. “Le prospettive sono buone per chi come noi ha la voglia e la forza di investire - esordisce il ceo Domenico Aprea -. Durante la pandemia molti sono stati i viaggiatori che sono rimasti in Italia, la sfida futura è riuscire a intercettare questa domanda con servizi e prodotti giusti”.  Una delle problematiche principali da affrontare sarà sicuramente l’aumento dei prezzi: “Si tratta della sfida principale - spiega Aprea -, perché la capacità di spesa di oggi non è quella di prima e l’inflazione nel prossimo triennio marcerà forte. Probabilmente il 2024 sarà l’anno più complesso del prossimo triennio, anche se la voglia di viaggiare c’è e si sente”. I numeri e le sfide  Una sfida da affrontare partendo da leve commerciali strategiche e da autorevolezza e solidità del brand ormai consolidati sul mercato.  “Il turismo dal 2020 è ripartito con nuove dinamiche e nuove problematiche - spiega Massimo Diana, direttore commerciale -, è inutile continuare a fare confronti con il periodo prepandemico. Nel 2020 siamo riusciti incredibilmente ad avere 69.424 pax, numeri che ad aprile sembravano impossibili. Nel 2021 abbiamo avuto altri 12 mesi di incognita e abbiamo quasi raddoppiato i numeri (110.683) e questo dato continua a crescere in un 2022 molto difficile: 137.134 passeggeri, nonostante la guerra e la pandemia”.  Nel raffronto tra il 2022 e il 2020, il t.o. ha registrato un incremento di passeggeri di circa il 98%, un aumento di pratiche di circa l'87% e di fatturato di circa il 117%. Risultati di cui andar fieri, ma che sono diretta conseguenza, secondo Diana, di una strategia precisa che il t.o. porta avanti da anni anche sul fronte fornitori e distribuzione.   Gli impegni con la distribuzione “La nostra forza è quella di riuscire a mettere a disposizione delle adv una capacità alberghiera importante - spiega -, utile a garantire loro la possibilità di fare business. Inoltre, scegliamo strutture alberghiere che possano darci esclusiva o disponibilità importanti e su cui attuare policy che coinvolgono il fornitore come un vero e proprio partner”.  In merito al rapporto con la distribuzione, Diana evidenzia che il numero delle agenzie di viaggio che hanno codici attivi e che lavorano con Ota (4.800) è molto vicino al numero degli agenti che hanno lavorato almeno una pratica con il tour operator.  “Nel 2022 il 75% delle agenzie attive ha prodotto fatturato con Ota Viaggi - aggiunge Diana - segno evidente che accogliamo le loro esigenze e riusciamo ad essere vicino alla distribuzione. Per noi il rapporto con le adv e prioritario e non abbiamo nessuna intenzione di seguire il percorso fatto da altri, che hanno deciso di scavalcare l’intermediazione e andare sul al cliente finale".  Le novità di prodotto Sul fronte prodotto, il 2023 continua a vedere la predominanza della stagione Sardegna, seguita da Sicilia e Puglia.  “Arriviamo sul mercato con un catalogo di 72 strutture - spiega Diana -, di cui almeno 40 hanno visto investimenti importanti. Tra le novità, le più importanti riguardano la Sicilia, che vanterà 10 strutture tra cui il Mangia's Club Lipari, il Kamarina Resort e il Falconara resort. La Sardegna continua ad avere la maggior parte della nostra attenzione, ma continuiamo a investire in maniera crescente anche su Sicilia e Puglia”.  Confermate le leve commerciali principali, tra cui il ‘prenota prima’, il ‘pacchetto nave’ e e il 'più volo e trasferimenti', rielaborate per rilanciare l'advance booking. Diana pone l'accento anche sullo strumento chiamato ‘più trasferimenti’ che prevede la possibilità di scegliere un trasporto in intermodalità: “Mettiamo a disposizione del cliente trasferimenti dagli aeroporti o dalle stazioni ferroviarie al nostro villaggio”.  Per valorizzare ulteriormente la fase della vendita in early booking, Ota ha confermato la mancanza di penali sull’eventuale cancellazione dei viaggi prenotati da gennaio a marzo e annullati entro 30 giorni dalla partenza. “Inoltre, confermiamo il ‘blocca la tua vacanza’: un vantaggio che diamo all’agenzia di viaggio, perché il cliente finale può fermare la vacanza con il 10 per cento di anticipo che noi non richiediamo al punto vendita, garantendo un cash flow a chi chiude la prenotazione”.  Tra i progetti a medio e lungo termine del t.o., un rinnovato impegno sul turismo accessibile, grazie a un progetto di analisi e valutazione delle strutture attraverso uan partnership con LPtour, e un’adesione alla filosofia green con la riduzione delle copie catalogo prodotte e inviate in agenzia, cui seguiranno altre forme digitali di proposta basate su Qr code.  Il tour operator sarà inoltre presente ai più importanti appuntamenti del settore, tra cui BIT, BMT e TTG Travel Experience, oltre ai roadshow e ai Travel Open Day del Gruppo Travel. Inoltre, nel mese di maggio, avrà luogo il nuovo appuntamento con "Obiettivo X", probabilmente a Roma. I contratti inviati alle agenzie A partire dalla stagione estiva, nei contratti verrà integrata un'apposita clausola riguardante l'adesione al progetto Adv Overview al quale anche Ota Viaggi ha aderito. La novità è stata illustrata da Mario Aprea, cfo e consigliere di Astoi delegato del progetto Adv Overview: "Abbiamo avuto il regolare mandato per gestire a cura di Astoi la centralizzazione dei dati e delle informazioni necessarie per l'aggiornamento all'interno del portale  dei 3 documenti fondamentali per operare: licenza di esercizio, polizza di responsabilità civile e fondo di garanzia. Parteciperemo a dei webinar per spiegare alle adv l'importanza di questa iniziativa".   [post_title] => Ota Viaggi: tutte le novità del 2023 [post_date] => 2023-01-27T14:37:04+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674830224000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438095 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_438100" align="alignleft" width="300"] Uno scorcio di Como[/caption] Prosegue l'espansione dei brand internazionali in Italia. Stando ad alcune fonti, sarebbero in particolare in arrivo un Tribute (Marriott) sul waterfront di Pietrarsa, e un Mama Shelter (Accor) a Como. In Campania, il progetto riguarderebbe un complesso alberghiero in corso di realizzazione, che interessa le strutture edilizie parte dell'antica Villa Monaco. All’interno della tenuta sono già operativi un ristorante, la Casa Colonica, e un bar, Le Cabine, la cui apertura risale a dicembre del 2021. Secondo fonti di bilancio il programma di investimento totale ammonterebbe a 21,9 milioni di euro. Una volta ultimato, il complesso sarebbe quindi destinato a essere brandizzato Tribute Portfolio. Il marchio è sbarcato in Italia nel 2020 con il Regency Rome, 4 stelle da 40 camere; nel triennio 2023-25 sono peraltro in pipeline ulteriori sei alberghi Tribute nella nostra Penisola per un totale di oltre 700 stanze. Alcune indiscrezioni sostengono inoltre che a Como sarebbe in fase di sviluppo un nuovo Mama Shelter. Al momento non sono però ancora note la dimensione della struttura, né l’esatta localizzazione e la presunta data di apertura. Il primo hotel di questo brand lifestyle di casa Accor in Italia è stato il Mama Shelter Roma, aperto a luglio del 2021.   [post_title] => Anticipazioni: in arrivo un Tribute a Pietrarsa e un Mama Shelter a Como [post_date] => 2023-01-27T12:44:47+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674823487000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438081 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_438082" align="alignleft" width="300"] Carlos Muñoz[/caption] Notizie positive sul fronte del ricettivo. Hotelbeds e NH Hotel Group celebrano il positivo primo anno della loro alleanza. L'associazione ha trainato una crescita delle vendite nel 2022 fino al 69% rispetto a quelle pre-pandemia, con punte del +76% nell'ultimo quadrimestre. Il direttore commerciale del gruppo alberghiero, Carlos Muñoz, evidenzia che "nonostante alcuni venti contrari nel settore nel 2022, il primo anno della nostra associazione con NH è stato un clamoroso successo, con gli ultimi quattro mesi dell'anno particolarmente incoraggianti.”. Un esempio di globalizzazione Da parte sua, il direttore commerciale di NH, Fernando Vives, si è complimentato : "Hotelbeds che ha sostenuto la crescita di NH Group in tutto il mondo, ma soprattutto nelle regioni Asia-Pacifico e Medio Oriente, Africa e India, aiutandoci ad accedere a mercati e segmenti difficili da raggiungere”. L'accordo fornisce ai clienti di Hotelbeds l'accesso alle 355 proprietà di NH Hotel Group in 31 paesi in tutto il mondo come parte del loro status di partnership privilegiata. Ha inoltre fornito al gruppo alberghiero spagnolo l'accesso a 60.000 acquirenti di viaggi con sede in oltre 140 mercati di origine in tutto il mondo, inclusi canali di alto valore come agenzie di viaggio, tour operator, compagnie aeree e programmi di riscatto punti. [post_title] => Hotelbeds e NH Hotel Group: positivo il primo anno [post_date] => 2023-01-27T11:32:36+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674819156000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438018 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => American Airlines ha centrato un utile netto di 127 milioni di dollari nel 2022: si tratta del primo profitto annuale per il vettore dal 2019, come ha sottolineato il ceo Robert Isom. Sulla base delle stime dei costi e dell'andamento della domanda, American prevede ora una capacità superiore dell'8%-10% rispetto al primo trimestre del 2022 e stima di raggiungere il pareggio degli utili per azione. "Nell'ultimo anno il team di American ha prodotto risultati eccezionali - ha osservato Isom -. Ci siamo impegnati a gestire operazioni affidabile e a tornare alla redditività -. Siamo orgogliosi di aver guidato il settore nelle performance operative durante le vacanze, producendo ricavi record per l’intero anno e per il quarto trimestre, con il risultato di un terzo utile trimestrale consecutivo e un utile per l’intero anno. Mentre rivolgiamo la nostra attenzione al 2023, continueremo a dare priorità all’affidabilità, alla redditività e alla riduzione del debito”. Proprio nell'ultimo trimestre 2022 la compagnia ha totalizzato ricavi per 13,2 miliardi di dollari, in aumento del 16,6% rispetto allo stesso periodo del 2019 nonché il più alto fatturato del quarto trimestre nella storia di American, trainato dalla continua ripresa della domanda. Il fatturato record è stato raggiunto operando con una capacità inferiore del 6,1% rispetto allo stesso periodo del 2019. L'utile netto del trimestre è stato di 803 milioni di dollari. Sulla base delle tendenze della domanda e delle attuali previsioni sui prezzi del carburante, la compagnia prevede che gli utili rettificati per azione del primo trimestre 2023 saranno approssimativamente in pareggio, mentre per l'intero 2023 saranno compresi tra 2,50 e 3,50 dollari. [post_title] => American Airlines centra il primo utile annuale dal 2019, dopo un quarto trimestre record [post_date] => 2023-01-27T09:29:11+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674811751000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438050 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Si conferma la ripresa turistica della Capitale: oltre ai dati confortanti, presentati nel corso dell'Albergatore Day manifestazione organizzata da Federalberghi Roma, emergono anche nuovi investimenti per lo sviluppo turistico che segnano il ritorno dell'appeal del brand della città. I capitali impiegati in operazioni immobiliari hospitality in Italia nel 2022 sono stati 1,29 miliardi di euro (un rallentamento deciso nell'ultimo trimestre dell'anno ha impedito di raggiungere i livelli del 2021, ndr), ma oltre il 20% di questi si è concentrato a Roma secondo World Capital Group. E lo scenario real estate nella Città eterna sembra crescere sempre di più. Tra le novità più importanti, spicca in particolare la riapertura del Grand Hotel de la Minerve con il restyling curato da Orient Express: "L'inaugurazione è prevista per il 2024, sperando di non rallentare troppo per la burocrazia - ha spiegato Gilda Cotzias di Real Estate & Construction Arsenale Group -. Siamo molto orgogliosi di rilanciare e di dare luce a una struttura storica e rappresentativa. Stiamo notando che la richiesta luxury da parte dei brand è altissima; confermiamo inoltre che Roma è oggi il mercato più interessante nel segmento lusso". Un'ulteriore testimonianza della ripresa della destinazione è rappresentata da quello che sarà il primo Nobu Hotel in Italia: "Da anni ci avevano chiesto il rilancio di via Veneto e vorremmo vederla di nuovo vivace. Abbiamo pensato che il brand ideale fosse Nobu, perché servivano novità importanti come il nostro 5 stelle lusso lifestyle - ha aggiunto il proprietario del Nobu Hotel Roma & Nobu Restaurant Roma, Carlo Acampora -. Apriremo nella fase finale del 2023 e siamo certi che il mercato sia in espansione". Hilton con il nuovo Roma La Lama punta invece sul quartiere Eur offrendo oltre 400 camere: "Dopo alcuni rallentamenti inaugureremo l'hotel prima dell'estate 2023 - ha concluso il cluster general manager Hilton, Paolo Bellè -. Abbiamo puntato sull'Eur per creare una destinazione all'interno di Roma dalle grandi potenzialità". Infine, dai dati del turismo incoming secondo le rilevazioni ufficiali finali dell’Ente bilaterale turismo del Lazio (Ebtl) nel 2022 gli arrivi complessivi negli esercizi alberghieri e nelle Rta (residence) di Roma Capitale sono stati 9.666.238 con un incremento di +245,22% sul 2021 (e un recupero del 74,15% sul 2019). Le presenze complessive sono state 21.552.631 con una crescita del +291,47% (e un recupero del 70,24% sul 2019). [post_title] => Albergatore Day: Roma al centro degli investimenti del segmento lusso [post_date] => 2023-01-27T09:26:29+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674811589000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438015 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Comprendere e calcolare l’impatto ambientale della propria impresa. Grazie a majorian, piattaforma all-in-one multiservizi di cui fa parte lo stesso brand alberghiero, les Collectionneurs mette a disposizione Clorofil, uno strumento ad hoc per valutare l’impronta di carbonio del proprio ristorante e hotel. Il tool è fornito gratuitamente ai propri affiliati ma è aperto anche a tutti gli altri imprenditori. “Siamo convinti che gli imprenditori indipendenti siano l’avvenire di un’economia umana e di un mondo che avrà futuro - spiega la ceo di majorian, e già alla direzione generale del brand les Collectionneurs, Carole Pourchet -. Per questo motivo siamo noi stessi impegnati quotidianamente a unire, sostenere e liberare questi attori del dinamismo territoriale per permettere loro di progredire serenamente”. La piattaforma Clorofil.eco è stata sviluppata in partnership con ClimateSeed (ente esperto nella misurazione e riduzione di Co2, secondo il metodo Bilan Carbone dell’Agenzia per la transizione ecologica francese - Ademe) e consente di misurare l’insieme delle emissioni, dirette e indirette, generate dalla propria struttura in base a cinque macrocategorie: energia, acquisti, rifiuti, prestazioni legate all’hotellerie/ristorazione, mobilità. [post_title] => Les Collectionneurs (gruppo majorian) introduce Clorofil per misurare l’impronta di carbonio degli hotel [post_date] => 2023-01-26T13:45:19+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674740719000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437974 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Una home graficamente più pulita e piacevole, a cui si aggiungono ulteriori funzionalità per le agenzie di viaggi. È online la nuova release della piattaforma di Reisenplatz, la banca letti e metasearch broker di contratti alberghieri. Tra le novità, MyBook, il gestionale amministrativo è stato completamente ridisegnato: i suoi voucher personalizzabili con il logo dell’agenzia oggi per esempio dispongono anche di una mappa interattiva con QrCode. La piattaforma si arricchisce inoltre di un nuovo tool dedicato alle agenzie di viaggi specializzate in business travel e non solo. Tra i servizi previsti in 4Business, la possibilità di prenotare le camere in autonomia, con la possibilità di modificare direttamente i nominativi dei clienti. Per questo nuovo strumento, Reisenplatz si avvale soltanto di fornitori con contratti diretti con le strutture alberghiere, in modo da limitare i passaggi ed evitare errori nella trascrizione di nominativi o date, soprattutto nel caso di un viaggiatore d’affari che prenota principalmente sotto data. “Ogni camera prenotata su Reisenplatz viene verificata prima per via telematica e poi telefonicamente per avere la certezza sulla disponibilità di quanto prenotato - spiega il cco di Reisenplatz, Norman Tassin -. Sono funzionalità importanti che consentono di fare la differenza sul mercato. Così come è importante la nostra assistenza che è diretta, non affidata a call centre esterni, e operativa 7/7 e 24/24. Inoltre, vorrei sottolineare che la nuova business unit gruppi: lanciata quasi un anno fa, è uno dei reparti che sta dando maggior soddisfazioni”. Creata per soddisfare una precisa esigenza delle agenzie di viaggi, che chiedevano conferme immediate e pricing corretto per prenotazioni di camere superiori alle cinque unità, di solito il massimo consentito dai sistemi classici di prenotazione, oggi vale il 25% del totale del fatturato di Reisenplatz. “I valori aggiunti sono i tempi di conferma del pricing e le prenotazione gruppi fino a dieci camere entro le 24 ore: questo grazie agli accordi stipulati con dmc, hotel e fornitori diretti che ci consentono di bloccare le camere e i costi in modo quasi immediato, sempre con il vantaggio del cambio nome - conclude Tassin -. Mediamente riceviamo tra le 20 e le 25 richieste giornaliere di prenotazione tra dieci e 25 camere per gruppi, di queste il 90% si converte in vendita. Tra le destinazioni più richieste, Europa, Stati Uniti e Nord Africa”. [post_title] => E' online la nuova release della piattaforma di Reisenplatz [post_date] => 2023-01-26T10:17:04+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674728224000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437919 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Presto il gruppo Nicolaus metterà abbondantemente alle spalle l’obiettivo del bilancio a nove cifre, da sempre spartiacque psicologico per le aziende del settore con ambizioni. Il piano industriale dell’operatore pugliese parla infatti di una previsione di crescita del 25% circa. Ben oltre quindi quei 98 milioni di euro dichiarati per il 2022 in occasione del Ttg dello scorso fine ottobre, di cui manca però ancora l’ufficializzazione (la chiusura di bilancio arriverà a breve e potrebbe anche riservare alcune sorprese in meglio, ndr). In linea con una strategia di espansione dell’offerta ricettiva diretta iniziata ormai da tempo, "nei nostri progetti il grosso del fatturato lo dovrebbe dunque portare la compagnia alberghiera con i brand Nicolaus Club e Valtur – spiega il direttore prodotto, Gaetano Stea -. Da Turchese e Raro ci aspettiamo invece il completamento di gamma, rispettivamente con prodotti value for money e upscale". Il 2022 è stato senz’altro l’anno di Valtur, con il rilancio della programmazione lungo raggio nella declinazione Escape e soprattutto con il debutto della linea Italian Lifestyle Collection, a seguito dell’inaugurazione del Valtur Cervinia Cristallo Ski Resort: «Un vero gioiello – prosegue Stea -: una scommessa difficile, ma che possiamo già considerare vinta, visto che durante le vacanze natalizie ha sfiorato il 90% di occupazione con ospiti provenienti da 49 nazionalità differenti. E non finisce qui: non vogliamo svelare troppo, ma posso già dire che il prossimo appuntamento con l’Italian Lifestyle Collection è per la primavera 2024, con una nuova, iconica destinazione mare». [post_title] => Stea, Nicolaus: nel 2023 cresceremo di un ulteriore 25% [post_date] => 2023-01-25T11:48:46+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674647326000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437913 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => C'è anche il Grand Palladium Sicilia Resort & Spa tra le strutture che, secondo il ceo Jesús Sobrino, hanno contribuito a far chiudere un ottimo bilancio al gruppo Palladium nel 2022. La compagnia spagnola parte di Grupo Empresas Matutes ha infatti registrato un fatturato di 948 milioni di euro, con un incremento del +113% rispetto al 2021, e soprattutto un +26% in più rispetto al 2019. Inoltre, il gruppo ha aumentato le tariffe medie del +29%, e i ricavi medi per camera disponibile (revpar) del +16%, sempre in confronto all'anno pre-Covid 2019. “Continuiamo a consolidare la ristrutturazione effettuata nel 2020, con la quale abbiamo separato l'operatore alberghiero Palladium Hotel Group dal resto delle società del Grupo Empresas Matutes – ha spiegato il presidente della compagnia ricettiva, Abel Matutes Prats, in occasione dell'annuncio del nuovo Only You veneziano a Fitur –. Siamo soddisfatti di questi ottimi risultati, frutto dell'evoluzione degli hotel di recente apertura, così come dell’impegno per migliorare l'esperienza del cliente, ma anche i nostri processi interni e, di conseguenza, la redditività della nostra gestione". Tale successo, ha dunque rimarcato Sobrino, si deve al consolidamento di hotel come appunto il Grand Palladium Sicilia Resort & Spa, ma anche il Palladium Hotel Menorca, gli Only You Hotel Valencia e Málaga, aperti nel 2021, nonché dell'ottima accoglienza ricevuta dai Trs Ibiza Hotel e Hard Rock Hotel Marbella, inaugurati nel 2022. Inoltre, una delle pietre miliari dell'anno è stata l'assegnazione della prima Stella Michelin al ristorante Bless Hotel Ibiza, Etxeko Ibiza by Martín Berasategui. Il bilancio del 2022 evidenzia anche l'alleanza commerciale con la Registry Collection di Wyndham Hotels & Resorts, attraverso la quale il gruppo Palladium ha rafforzato la propria distribuzione e aumentato la propria capillarità in un mercato strategico come gli Stati Uniti, realizzando sinergie tra i rispettivi programmi fedeltà. Sobrino prevede infine buoni risultati anche per il 2023: "Nel 2022 siamo riusciti a superare di gran lunga le cifre pre-pandemiche, e le previsioni per il prossimo anno sono positive, nonostante le sfide che il settore deve affrontare. Ci aspettiamo un anno di crescita moderata, durante il quale pensiamo di raggiungere per la prima volta il miliardo di euro di fatturato”.   [post_title] => Gruppo Palladium: obiettivo quota 1 mld di euro di fatturato nel 2023 [post_date] => 2023-01-25T11:33:33+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674646413000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "lextra alberghiero riparte" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":26,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":1278,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438106","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Tutte le novità della prossima stagione estiva, i progetti e la filosofia di Ota Viaggi. Sono stati questi i temi affrontati nella conferenza stampa di Ota Viaggi che si è tenuta stamattina a Roma presso Palazzo Ripetta.\r\n\r\nUn incontro che ha visto Domenico Aprea, ceo, Mario Aprea, cfo, e Massimo Diana, direttore commerciale del to, raccontare a una platea di giornalisti del settore gli obiettivi raggiunti e i piani di sviluppo del prossimo triennio.\r\n\r\nUn triennio che sarà cruciale per tutta la filiera e per il Mare Italia, su cui la realtà focalizza da anni i suoi impegni, insieme alla destinazione Sardegna a cui riserva un focus importante della sua offerta.\r\n\r\n“Le prospettive sono buone per chi come noi ha la voglia e la forza di investire - esordisce il ceo Domenico Aprea -. Durante la pandemia molti sono stati i viaggiatori che sono rimasti in Italia, la sfida futura è riuscire a intercettare questa domanda con servizi e prodotti giusti”. \r\n\r\nUna delle problematiche principali da affrontare sarà sicuramente l’aumento dei prezzi: “Si tratta della sfida principale - spiega Aprea -, perché la capacità di spesa di oggi non è quella di prima e l’inflazione nel prossimo triennio marcerà forte. Probabilmente il 2024 sarà l’anno più complesso del prossimo triennio, anche se la voglia di viaggiare c’è e si sente”.\r\n\r\nI numeri e le sfide \r\n\r\nUna sfida da affrontare partendo da leve commerciali strategiche e da autorevolezza e solidità del brand ormai consolidati sul mercato. \r\n\r\n“Il turismo dal 2020 è ripartito con nuove dinamiche e nuove problematiche - spiega Massimo Diana, direttore commerciale -, è inutile continuare a fare confronti con il periodo prepandemico. Nel 2020 siamo riusciti incredibilmente ad avere 69.424 pax, numeri che ad aprile sembravano impossibili. Nel 2021 abbiamo avuto altri 12 mesi di incognita e abbiamo quasi raddoppiato i numeri (110.683) e questo dato continua a crescere in un 2022 molto difficile: 137.134 passeggeri, nonostante la guerra e la pandemia”. \r\n\r\nNel raffronto tra il 2022 e il 2020, il t.o. ha registrato un incremento di passeggeri di circa il 98%, un aumento di pratiche di circa l'87% e di fatturato di circa il 117%. Risultati di cui andar fieri, ma che sono diretta conseguenza, secondo Diana, di una strategia precisa che il t.o. porta avanti da anni anche sul fronte fornitori e distribuzione.  \r\n\r\n\r\n\r\nGli impegni con la distribuzione\r\n\r\n“La nostra forza è quella di riuscire a mettere a disposizione delle adv una capacità alberghiera importante - spiega -, utile a garantire loro la possibilità di fare business. Inoltre, scegliamo strutture alberghiere che possano darci esclusiva o disponibilità importanti e su cui attuare policy che coinvolgono il fornitore come un vero e proprio partner”. \r\n\r\nIn merito al rapporto con la distribuzione, Diana evidenzia che il numero delle agenzie di viaggio che hanno codici attivi e che lavorano con Ota (4.800) è molto vicino al numero degli agenti che hanno lavorato almeno una pratica con il tour operator.  “Nel 2022 il 75% delle agenzie attive ha prodotto fatturato con Ota Viaggi - aggiunge Diana - segno evidente che accogliamo le loro esigenze e riusciamo ad essere vicino alla distribuzione. Per noi il rapporto con le adv e prioritario e non abbiamo nessuna intenzione di seguire il percorso fatto da altri, che hanno deciso di scavalcare l’intermediazione e andare sul al cliente finale\". \r\n\r\nLe novità di prodotto\r\n\r\nSul fronte prodotto, il 2023 continua a vedere la predominanza della stagione Sardegna, seguita da Sicilia e Puglia.\r\n\r\n “Arriviamo sul mercato con un catalogo di 72 strutture - spiega Diana -, di cui almeno 40 hanno visto investimenti importanti. \r\n\r\nTra le novità, le più importanti riguardano la Sicilia, che vanterà 10 strutture tra cui il Mangia's Club Lipari, il Kamarina Resort e il Falconara resort. La Sardegna continua ad avere la maggior parte della nostra attenzione, ma continuiamo a investire in maniera crescente anche su Sicilia e Puglia”. \r\n\r\nConfermate le leve commerciali principali, tra cui il ‘prenota prima’, il ‘pacchetto nave’ e e il 'più volo e trasferimenti', rielaborate per rilanciare l'advance booking. Diana pone l'accento anche sullo strumento chiamato ‘più trasferimenti’ che prevede la possibilità di scegliere un trasporto in intermodalità: “Mettiamo a disposizione del cliente trasferimenti dagli aeroporti o dalle stazioni ferroviarie al nostro villaggio”. \r\n\r\nPer valorizzare ulteriormente la fase della vendita in early booking, Ota ha confermato la mancanza di penali sull’eventuale cancellazione dei viaggi prenotati da gennaio a marzo e annullati entro 30 giorni dalla partenza. “Inoltre, confermiamo il ‘blocca la tua vacanza’: un vantaggio che diamo all’agenzia di viaggio, perché il cliente finale può fermare la vacanza con il 10 per cento di anticipo che noi non richiediamo al punto vendita, garantendo un cash flow a chi chiude la prenotazione”. \r\n\r\nTra i progetti a medio e lungo termine del t.o., un rinnovato impegno sul turismo accessibile, grazie a un progetto di analisi e valutazione delle strutture attraverso uan partnership con LPtour, e un’adesione alla filosofia green con la riduzione delle copie catalogo prodotte e inviate in agenzia, cui seguiranno altre forme digitali di proposta basate su Qr code. \r\n\r\nIl tour operator sarà inoltre presente ai più importanti appuntamenti del settore, tra cui BIT, BMT e TTG Travel Experience, oltre ai roadshow e ai Travel Open Day del Gruppo Travel. Inoltre, nel mese di maggio, avrà luogo il nuovo appuntamento con \"Obiettivo X\", probabilmente a Roma.\r\n\r\nI contratti inviati alle agenzie\r\n\r\nA partire dalla stagione estiva, nei contratti verrà integrata un'apposita clausola riguardante l'adesione al progetto Adv Overview al quale anche Ota Viaggi ha aderito. La novità è stata illustrata da Mario Aprea, cfo e consigliere di Astoi delegato del progetto Adv Overview: \"Abbiamo avuto il regolare mandato per gestire a cura di Astoi la centralizzazione dei dati e delle informazioni necessarie per l'aggiornamento all'interno del portale  dei 3 documenti fondamentali per operare: licenza di esercizio, polizza di responsabilità civile e fondo di garanzia. Parteciperemo a dei webinar per spiegare alle adv l'importanza di questa iniziativa\".\r\n\r\n ","post_title":"Ota Viaggi: tutte le novità del 2023","post_date":"2023-01-27T14:37:04+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1674830224000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438095","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_438100\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Uno scorcio di Como[/caption]\r\n\r\nProsegue l'espansione dei brand internazionali in Italia. Stando ad alcune fonti, sarebbero in particolare in arrivo un Tribute (Marriott) sul waterfront di Pietrarsa, e un Mama Shelter (Accor) a Como.\r\n\r\nIn Campania, il progetto riguarderebbe un complesso alberghiero in corso di realizzazione, che interessa le strutture edilizie parte dell'antica Villa Monaco. All’interno della tenuta sono già operativi un ristorante, la Casa Colonica, e un bar, Le Cabine, la cui apertura risale a dicembre del 2021. Secondo fonti di bilancio il programma di investimento totale ammonterebbe a 21,9 milioni di euro. Una volta ultimato, il complesso sarebbe quindi destinato a essere brandizzato Tribute Portfolio. Il marchio è sbarcato in Italia nel 2020 con il Regency Rome, 4 stelle da 40 camere; nel triennio 2023-25 sono peraltro in pipeline ulteriori sei alberghi Tribute nella nostra Penisola per un totale di oltre 700 stanze.\r\n\r\nAlcune indiscrezioni sostengono inoltre che a Como sarebbe in fase di sviluppo un nuovo Mama Shelter. Al momento non sono però ancora note la dimensione della struttura, né l’esatta localizzazione e la presunta data di apertura. Il primo hotel di questo brand lifestyle di casa Accor in Italia è stato il Mama Shelter Roma, aperto a luglio del 2021.\r\n\r\n ","post_title":"Anticipazioni: in arrivo un Tribute a Pietrarsa e un Mama Shelter a Como","post_date":"2023-01-27T12:44:47+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1674823487000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438081","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_438082\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Carlos Muñoz[/caption]\r\n\r\nNotizie positive sul fronte del ricettivo. Hotelbeds e NH Hotel Group celebrano il positivo primo anno della loro alleanza. L'associazione ha trainato una crescita delle vendite nel 2022 fino al 69% rispetto a quelle pre-pandemia, con punte del +76% nell'ultimo quadrimestre.\r\n\r\nIl direttore commerciale del gruppo alberghiero, Carlos Muñoz, evidenzia che \"nonostante alcuni venti contrari nel settore nel 2022, il primo anno della nostra associazione con NH è stato un clamoroso successo, con gli ultimi quattro mesi dell'anno particolarmente incoraggianti.”.\r\nUn esempio di globalizzazione\r\nDa parte sua, il direttore commerciale di NH, Fernando Vives, si è complimentato : \"Hotelbeds che ha sostenuto la crescita di NH Group in tutto il mondo, ma soprattutto nelle regioni Asia-Pacifico e Medio Oriente, Africa e India, aiutandoci ad accedere a mercati e segmenti difficili da raggiungere”.\r\n\r\nL'accordo fornisce ai clienti di Hotelbeds l'accesso alle 355 proprietà di NH Hotel Group in 31 paesi in tutto il mondo come parte del loro status di partnership privilegiata.\r\n\r\nHa inoltre fornito al gruppo alberghiero spagnolo l'accesso a 60.000 acquirenti di viaggi con sede in oltre 140 mercati di origine in tutto il mondo, inclusi canali di alto valore come agenzie di viaggio, tour operator, compagnie aeree e programmi di riscatto punti.","post_title":"Hotelbeds e NH Hotel Group: positivo il primo anno","post_date":"2023-01-27T11:32:36+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1674819156000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438018","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"American Airlines ha centrato un utile netto di 127 milioni di dollari nel 2022: si tratta del primo profitto annuale per il vettore dal 2019, come ha sottolineato il ceo Robert Isom. Sulla base delle stime dei costi e dell'andamento della domanda, American prevede ora una capacità superiore dell'8%-10% rispetto al primo trimestre del 2022 e stima di raggiungere il pareggio degli utili per azione.\r\n\r\n\"Nell'ultimo anno il team di American ha prodotto risultati eccezionali - ha osservato Isom -. Ci siamo impegnati a gestire operazioni affidabile e a tornare alla redditività -. Siamo orgogliosi di aver guidato il settore nelle performance operative durante le vacanze, producendo ricavi record per l’intero anno e per il quarto trimestre, con il risultato di un terzo utile trimestrale consecutivo e un utile per l’intero anno. Mentre rivolgiamo la nostra attenzione al 2023, continueremo a dare priorità all’affidabilità, alla redditività e alla riduzione del debito”.\r\n\r\nProprio nell'ultimo trimestre 2022 la compagnia ha totalizzato ricavi per 13,2 miliardi di dollari, in aumento del 16,6% rispetto allo stesso periodo del 2019 nonché il più alto fatturato del quarto trimestre nella storia di American, trainato dalla continua ripresa della domanda. Il fatturato record è stato raggiunto operando con una capacità inferiore del 6,1% rispetto allo stesso periodo del 2019. L'utile netto del trimestre è stato di 803 milioni di dollari.\r\n\r\nSulla base delle tendenze della domanda e delle attuali previsioni sui prezzi del carburante, la compagnia prevede che gli utili rettificati per azione del primo trimestre 2023 saranno approssimativamente in pareggio, mentre per l'intero 2023 saranno compresi tra 2,50 e 3,50 dollari.","post_title":"American Airlines centra il primo utile annuale dal 2019, dopo un quarto trimestre record","post_date":"2023-01-27T09:29:11+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1674811751000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438050","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Si conferma la ripresa turistica della Capitale: oltre ai dati confortanti, presentati nel corso dell'Albergatore Day manifestazione organizzata da Federalberghi Roma, emergono anche nuovi investimenti per lo sviluppo turistico che segnano il ritorno dell'appeal del brand della città. I capitali impiegati in operazioni immobiliari hospitality in Italia nel 2022 sono stati 1,29 miliardi di euro (un rallentamento deciso nell'ultimo trimestre dell'anno ha impedito di raggiungere i livelli del 2021, ndr), ma oltre il 20% di questi si è concentrato a Roma secondo World Capital Group. E lo scenario real estate nella Città eterna sembra crescere sempre di più.\r\n\r\nTra le novità più importanti, spicca in particolare la riapertura del Grand Hotel de la Minerve con il restyling curato da Orient Express: \"L'inaugurazione è prevista per il 2024, sperando di non rallentare troppo per la burocrazia - ha spiegato Gilda Cotzias di Real Estate & Construction Arsenale Group -. Siamo molto orgogliosi di rilanciare e di dare luce a una struttura storica e rappresentativa. Stiamo notando che la richiesta luxury da parte dei brand è altissima; confermiamo inoltre che Roma è oggi il mercato più interessante nel segmento lusso\".\r\n\r\nUn'ulteriore testimonianza della ripresa della destinazione è rappresentata da quello che sarà il primo Nobu Hotel in Italia: \"Da anni ci avevano chiesto il rilancio di via Veneto e vorremmo vederla di nuovo vivace. Abbiamo pensato che il brand ideale fosse Nobu, perché servivano novità importanti come il nostro 5 stelle lusso lifestyle - ha aggiunto il proprietario del Nobu Hotel Roma & Nobu Restaurant Roma, Carlo Acampora -. Apriremo nella fase finale del 2023 e siamo certi che il mercato sia in espansione\".\r\n\r\nHilton con il nuovo Roma La Lama punta invece sul quartiere Eur offrendo oltre 400 camere: \"Dopo alcuni rallentamenti inaugureremo l'hotel prima dell'estate 2023 - ha concluso il cluster general manager Hilton, Paolo Bellè -. Abbiamo puntato sull'Eur per creare una destinazione all'interno di Roma dalle grandi potenzialità\".\r\n\r\nInfine, dai dati del turismo incoming secondo le rilevazioni ufficiali finali dell’Ente bilaterale turismo del Lazio (Ebtl) nel 2022 gli arrivi complessivi negli esercizi alberghieri e nelle Rta (residence) di Roma Capitale sono stati 9.666.238 con un incremento di +245,22% sul 2021 (e un recupero del 74,15% sul 2019). Le presenze complessive sono state 21.552.631 con una crescita del +291,47% (e un recupero del 70,24% sul 2019).","post_title":"Albergatore Day: Roma al centro degli investimenti del segmento lusso","post_date":"2023-01-27T09:26:29+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1674811589000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438015","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Comprendere e calcolare l’impatto ambientale della propria impresa. Grazie a majorian, piattaforma all-in-one multiservizi di cui fa parte lo stesso brand alberghiero, les Collectionneurs mette a disposizione Clorofil, uno strumento ad hoc per valutare l’impronta di carbonio del proprio ristorante e hotel. Il tool è fornito gratuitamente ai propri affiliati ma è aperto anche a tutti gli altri imprenditori.\r\n\r\n“Siamo convinti che gli imprenditori indipendenti siano l’avvenire di un’economia umana e di un mondo che avrà futuro - spiega la ceo di majorian, e già alla direzione generale del brand les Collectionneurs, Carole Pourchet -. Per questo motivo siamo noi stessi impegnati quotidianamente a unire, sostenere e liberare questi attori del dinamismo territoriale per permettere loro di progredire serenamente”.\r\n\r\nLa piattaforma Clorofil.eco è stata sviluppata in partnership con ClimateSeed (ente esperto nella misurazione e riduzione di Co2, secondo il metodo Bilan Carbone dell’Agenzia per la transizione ecologica francese - Ademe) e consente di misurare l’insieme delle emissioni, dirette e indirette, generate dalla propria struttura in base a cinque macrocategorie: energia, acquisti, rifiuti, prestazioni legate all’hotellerie/ristorazione, mobilità.","post_title":"Les Collectionneurs (gruppo majorian) introduce Clorofil per misurare l’impronta di carbonio degli hotel","post_date":"2023-01-26T13:45:19+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1674740719000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437974","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Una home graficamente più pulita e piacevole, a cui si aggiungono ulteriori funzionalità per le agenzie di viaggi. È online la nuova release della piattaforma di Reisenplatz, la banca letti e metasearch broker di contratti alberghieri. Tra le novità, MyBook, il gestionale amministrativo è stato completamente ridisegnato: i suoi voucher personalizzabili con il logo dell’agenzia oggi per esempio dispongono anche di una mappa interattiva con QrCode.\r\n\r\nLa piattaforma si arricchisce inoltre di un nuovo tool dedicato alle agenzie di viaggi specializzate in business travel e non solo. Tra i servizi previsti in 4Business, la possibilità di prenotare le camere in autonomia, con la possibilità di modificare direttamente i nominativi dei clienti. Per questo nuovo strumento, Reisenplatz si avvale soltanto di fornitori con contratti diretti con le strutture alberghiere, in modo da limitare i passaggi ed evitare errori nella trascrizione di nominativi o date, soprattutto nel caso di un viaggiatore d’affari che prenota principalmente sotto data.\r\n\r\n“Ogni camera prenotata su Reisenplatz viene verificata prima per via telematica e poi telefonicamente per avere la certezza sulla disponibilità di quanto prenotato - spiega il cco di Reisenplatz, Norman Tassin -. Sono funzionalità importanti che consentono di fare la differenza sul mercato. Così come è importante la nostra assistenza che è diretta, non affidata a call centre esterni, e operativa 7/7 e 24/24. Inoltre, vorrei sottolineare che la nuova business unit gruppi: lanciata quasi un anno fa, è uno dei reparti che sta dando maggior soddisfazioni”. Creata per soddisfare una precisa esigenza delle agenzie di viaggi, che chiedevano conferme immediate e pricing corretto per prenotazioni di camere superiori alle cinque unità, di solito il massimo consentito dai sistemi classici di prenotazione, oggi vale il 25% del totale del fatturato di Reisenplatz.\r\n\r\n“I valori aggiunti sono i tempi di conferma del pricing e le prenotazione gruppi fino a dieci camere entro le 24 ore: questo grazie agli accordi stipulati con dmc, hotel e fornitori diretti che ci consentono di bloccare le camere e i costi in modo quasi immediato, sempre con il vantaggio del cambio nome - conclude Tassin -. Mediamente riceviamo tra le 20 e le 25 richieste giornaliere di prenotazione tra dieci e 25 camere per gruppi, di queste il 90% si converte in vendita. Tra le destinazioni più richieste, Europa, Stati Uniti e Nord Africa”.","post_title":"E' online la nuova release della piattaforma di Reisenplatz","post_date":"2023-01-26T10:17:04+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1674728224000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437919","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Presto il gruppo Nicolaus metterà abbondantemente alle spalle l’obiettivo del bilancio a nove cifre, da sempre spartiacque psicologico per le aziende del settore con ambizioni. Il piano industriale dell’operatore pugliese parla infatti di una previsione di crescita del 25% circa. Ben oltre quindi quei 98 milioni di euro dichiarati per il 2022 in occasione del Ttg dello scorso fine ottobre, di cui manca però ancora l’ufficializzazione (la chiusura di bilancio arriverà a breve e potrebbe anche riservare alcune sorprese in meglio, ndr).\r\n\r\nIn linea con una strategia di espansione dell’offerta ricettiva diretta iniziata ormai da tempo, \"nei nostri progetti il grosso del fatturato lo dovrebbe dunque portare la compagnia alberghiera con i brand Nicolaus Club e Valtur – spiega il direttore prodotto, Gaetano Stea -. Da Turchese e Raro ci aspettiamo invece il completamento di gamma, rispettivamente con prodotti value for money e upscale\".\r\n\r\nIl 2022 è stato senz’altro l’anno di Valtur, con il rilancio della programmazione lungo raggio nella declinazione Escape e soprattutto con il debutto della linea Italian Lifestyle Collection, a seguito dell’inaugurazione del Valtur Cervinia Cristallo Ski Resort: «Un vero gioiello – prosegue Stea -: una scommessa difficile, ma che possiamo già considerare vinta, visto che durante le vacanze natalizie ha sfiorato il 90% di occupazione con ospiti provenienti da 49 nazionalità differenti. E non finisce qui: non vogliamo svelare troppo, ma posso già dire che il prossimo appuntamento con l’Italian Lifestyle Collection è per la primavera 2024, con una nuova, iconica destinazione mare».","post_title":"Stea, Nicolaus: nel 2023 cresceremo di un ulteriore 25%","post_date":"2023-01-25T11:48:46+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1674647326000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437913","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"C'è anche il Grand Palladium Sicilia Resort & Spa tra le strutture che, secondo il ceo Jesús Sobrino, hanno contribuito a far chiudere un ottimo bilancio al gruppo Palladium nel 2022. La compagnia spagnola parte di Grupo Empresas Matutes ha infatti registrato un fatturato di 948 milioni di euro, con un incremento del +113% rispetto al 2021, e soprattutto un +26% in più rispetto al 2019. Inoltre, il gruppo ha aumentato le tariffe medie del +29%, e i ricavi medi per camera disponibile (revpar) del +16%, sempre in confronto all'anno pre-Covid 2019.\r\n\r\n“Continuiamo a consolidare la ristrutturazione effettuata nel 2020, con la quale abbiamo separato l'operatore alberghiero Palladium Hotel Group dal resto delle società del Grupo Empresas Matutes – ha spiegato il presidente della compagnia ricettiva, Abel Matutes Prats, in occasione dell'annuncio del nuovo Only You veneziano a Fitur –. Siamo soddisfatti di questi ottimi risultati, frutto dell'evoluzione degli hotel di recente apertura, così come dell’impegno per migliorare l'esperienza del cliente, ma anche i nostri processi interni e, di conseguenza, la redditività della nostra gestione\".\r\n\r\nTale successo, ha dunque rimarcato Sobrino, si deve al consolidamento di hotel come appunto il Grand Palladium Sicilia Resort & Spa, ma anche il Palladium Hotel Menorca, gli Only You Hotel Valencia e Málaga, aperti nel 2021, nonché dell'ottima accoglienza ricevuta dai Trs Ibiza Hotel e Hard Rock Hotel Marbella, inaugurati nel 2022. Inoltre, una delle pietre miliari dell'anno è stata l'assegnazione della prima Stella Michelin al ristorante Bless Hotel Ibiza, Etxeko Ibiza by Martín Berasategui.\r\n\r\nIl bilancio del 2022 evidenzia anche l'alleanza commerciale con la Registry Collection di Wyndham Hotels & Resorts, attraverso la quale il gruppo Palladium ha rafforzato la propria distribuzione e aumentato la propria capillarità in un mercato strategico come gli Stati Uniti, realizzando sinergie tra i rispettivi programmi fedeltà. Sobrino prevede infine buoni risultati anche per il 2023: \"Nel 2022 siamo riusciti a superare di gran lunga le cifre pre-pandemiche, e le previsioni per il prossimo anno sono positive, nonostante le sfide che il settore deve affrontare. Ci aspettiamo un anno di crescita moderata, durante il quale pensiamo di raggiungere per la prima volta il miliardo di euro di fatturato”.\r\n\r\n ","post_title":"Gruppo Palladium: obiettivo quota 1 mld di euro di fatturato nel 2023","post_date":"2023-01-25T11:33:33+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1674646413000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti