24 May 2022

Klm e Armata di Mare per la sostenibilità: temporary shop al T3 di Fiumicino

[ 0 ]

Klm rinnova la partnernship con Armata di Mare e torna a sensibilizzare le persone sul tema della sostenibilità con l’apertura di un temporary shop posizionato all’interno del terminal 3 dell’aeroporto di Fiumicino. Al suo interno sarà possibile acquistare Collair, la giacca ecologica con un peso di soli 100 grammi, prodotta con materiale riciclato raccolto grazie all’iniziativa di Klm #perunmarepulito. Un caposapalla che si trasforma in un comodo cuscinetto da viaggio per garantire a tutti i viaggiatori uno spostamento all’insegna del relax.

Il 50% del ricavato della vendita del Collair finanzierà infatti il programma SAF (Sustainable Aviation Fuel) del vettore olandese: elemento chiave per la riduzione di Co2 nel trasporto aereo che, insieme al rinnovo della flotta, all’innovazione tecnologica degli aeromobili e a una sempre maggiore efficienza operativa, aiuterà a ridurre le emissioni con l’obiettivo di abbatterle fino al 50% entro il 2030 (rispetto al 2005).

Il temporary shop vede anche la partnership di Radio Dimensione Suono Soft che garantirà con degli eventi settimanali un rilassante sottofondo musicale.

“L’aiuto di tutti, oggi più che mai, è fondamentale nel processo di sensibilizzazione e in azioni concrete per un futuro sempre più sostenibile. E anche grazie a Armata Di Mare, con cui collaboriamo da anni, vogliamo sottolineare l’urgenza di affrontare questo argomento, prenderne atto e sottolineare quanto sia fondamentale l’apporto individuale nel processo di salvaguardia del Pianeta – afferma Stefan Vanovermeir, direttore generale Air France-Klm East Mediterranean -. Una filosofia del tutto coerente con il nostro impegno sempre più importante verso la sostenibilità che vede il gruppo Air France-Klm per il 17esimo anno consecutivo ai primi posti all’interno del Dow Jones Sustainability Index, la classifica europea stilata da Dow Jones di Standard & Poor’s e da RobecoSAM, basata sull’analisi delle prestazioni economiche, sociali e ambientali delle aziende.”




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( )

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti