6 October 2022

EasyJet taglia l’operativo di giugno per limitare i disservizi legati alla mancanza di personale

[ 0 ]

EasyJet sta tagliando l’operativo voli previsto per il mese di giugno per evitare che si ripetano i disservizi di metà semestre, quando la carenza di personale ha fatto sì che migliaia di passeggeri vedessero il loro volo cancellato all’ultimo momento. La situazione di mancanza di personale, sia di volo che di terra, è ormai generalizzata, con migliaia di lavoratori che hanno trovato altrove nuovi impieghi meglio retribuiti.

Secondo quanto calcolato dal quotidiano britannico The Independent soltanto ieri sono stati circa 10.000 i viaggiatori in possesso di un biglietto easyJet che hanno visto i loro voli cancellati . Almeno 64 voli sono stati cancellati.

Peter Bellew, chief operating officer della compagnia aerea, ha dichiarato in un messaggio al personale che il vettore sta effettuando cancellazioni preventive nei “prossimi giorni e settimane” per “aumentare la resilienza del network”.

“Effettuare queste cancellazioni non è una cosa che prendiamo alla leggera, ma sarebbe peggio cancellare i piani dei nostri passeggeri il giorno stesso in cui sono pronti a volare”, ha detto Bellew nel messaggio condiviso con il Guardian. “Siamo tutti consapevoli dell’impatto che la situazione attuale sta avendo sui nostri clienti, sul nostro personale e sulla nostra reputazione”.

 




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431810 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Stagione estiva da incorniciare per IOBUS, la compagnia tutta italiana di bus turistici per tours cittadini: nei mesi clou del periodo estivo – da maggio a metà settembre – sono stati trasportati quasi 100mila passeggeri, con picchi di 18-20mila turisti nei mesi di luglio ed agosto. “In pochi mesi dall’avvìo dell’attività la nostra start-up – commenta Giuseppe Cilia, presidente di Iobus - ha fatto registrare perfomance superiori alle aspettative, in taluni giorni siamo andati sold out, seguendo il trend di ripresa turistica nella Capitale. Abbiamo anche scelto di adottare un pricing adeguato all’alto standard del nostro servizio che ci è stato riconosciuto dai commenti sui social. Prosegue poi con nostra grande soddisfazione la collaborazione operativa con Itabus, un player d’eccellenza nel trasporto su gomma a lunga percorrenza”. A certificare il successo di Iobus ci sono state poi le recensioni postate sui social e sulle piattaforme OTA dove, come sottolinea Fabiola Cilia, general manager di Iobus: “Sono stati espressi lusinghieri giudizi sul nostro servizio, sulla componente digitale con i commentari in 8 lingue ed una audio-guida per bambini, e ancora sulla cortesia, efficienza del nostro staff e sulla pulizia a bordo dei bus. In generale l’indice di gradimento del nostro prodotto, in una scala da 1 a cinque, si è attestato sui 4 punti, facendo risultare Iobus tra le migliori compagnie di tours nella Capitale”. Dunque una prima stagione operativa che rappresenta un promettente viatico per il futuro di Iobus, già pianificato: “Oltre ad aver potenziato il nostro personale con nuove assunzioni – aggiunge infatti Fabiola Cilia - abbiamo raggiunto accordi commerciali con le maggiori OTA internazionali, da GetYouGuide a Booking, da Isango ad Attraction World; e conclusa una importante partnership con ‘Tickets’. Stiamo poi chiudendo una intesa con Musement e con una OTA particolarmente forte nei mercati asiatici. Sempre per la stagione 2023 è previsto l’aumento della flotta a 8 bus che garantiranno una frequenza del servizio ogni 12 minuti”. Riguardo infine al potenziamento del prodotto, Iobus ha già diversificato l’offerta con i tours delle catacombe, col servizio per l’Outlet di Castel Romano e la vendita diretta dei biglietti per i Musei Vaticani. E ora sono in via di allestimento altri Info-point in città: accanto ai punti vendita di Piazza dei Cinquecento (Stazione Termini), Via IV Novembre, Via della Conciliazione, Piazza San Silvestro, infatti, verranno assicurati altri 20 punti-vendita nel centro-città grazie ad accordi di esclusiva raggiunti con alcune edicole storiche nel cuore della Capitale.   [post_title] => Iobus chiude la stagione estiva a pieno regime, 100mila pax da maggio [post_date] => 2022-10-06T13:06:06+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1665061566000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431769 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => EasyJet vola alto verso l'estate 2023 mettendo in vendita circa 32.000 voli per viaggiare tra il 9 maggio e il 30 settembre 2023 dall’Italia verso numerose destinazioni del network. Un scelta fra circa 70 destinazioni raggiungibili con i collegamenti diretti di easyJet in 18 diversi Paesi tra Europa, Nord Africa e Medio Oriente. Le tariffe partono da 29,99 euro. Tornano dunque disponibili per le prenotazione le spiagge più belle del Mediterraneo, come quelle delle isole greche, raggiungibili dalle tre basi italiane di easyJet – Milano Malpensa, Napoli e Venezia. Ma anche la costa croata con le città di Dubrovnik e Spalato disponibili da Milano e da Napoli, così come le spiagge italiane della Puglia, della Campania, della Sicilia e della Sardegna. Intanto, in attesa dell'estate, dal prossimo 4 dicembre decollerà da Milano Malpensa il primo volo easyJet verso l'isola di Madeira; in calendario anche i voli per Rovaniemi che saranno disponibili per gli interi mesi di dicembre e gennaio. [post_title] => EasyJet: in vendita i voli per viaggiare dall'Italia nell'estate 2023 [post_date] => 2022-10-06T10:36:19+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1665052579000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431758 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Un team multidisciplinare a disposizione degli agenti di viaggio, che vanta non solo addetti booking, ma anche esperti di operativo e commerciale, in grado di supportare ancora più efficacemente coloro che già utilizzano la piattaforma dinamica di self-booking. E' una delle iniziative comprese nel piano di rilancio di Jump, il tour operator dinamico di casa Uvet, che si prepara a vivere un autunno ricco di novità. E' stata infatti anche annunciata un'imminente campagna con il nuovo Claim “Jump, il velocista dinamico. Book Easy sempre, Tailor Made quando vuoi!”, creato dall’ufficio marketing del gruppo, in grado di riassumere efficacemente le caratteristiche della piattaforma: velocità di restituzione risultati, facilità di prenotazione, possibilità di acquistare prodotti già pacchettizzati o creati su misura dall’agente di viaggio unitamente alla possibilità di gestire in autonomia la propria redditività, impostando il prezzo di vendita. Al via infine pure la stampa di un folder illustrativo e il lancio di una campagna di incentivazione vendite, che verrà presentata alle agenzie di viaggio nel corso dei prossimi webinar organizzati dall’operatore, con programmi meritocratici premianti come il cashback e i membership awards. “Nel corso dell’autunno presenteremo anche alcune importanti novità che accompagnano il rilascio dell’ultima release della piattaforma – commenta Leonardo Rosatelli, coordinatore del progetto Jump –, come l’utile servizio di alert che si attiva in caso di diminuzione del prezzo di un servizio, il sistema di assegnazione dei posti volo direttamente dal portale, la ricerca di tariffe volo pubbliche o negoziate e ulteriori filtri utili nella ricerca di hotel”. [post_title] => Una campagna di incentivazione e un nuovo team multidisciplinare per il rilancio di Jump [post_date] => 2022-10-06T09:52:38+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1665049958000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431752 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Si è appena concluso Futuriamo: l'evento di team building organizzato da Futura Vacanze presso il cilentano Futura Club Eleamare, ultima new entry in ordine di tempo della stagione 2022. L'appuntamento ha visto il coinvolgimento di tutto il personale del to e della rappresentanza della società di gestione Fv Hotels, con la presenza di direttori, capi ricevimento, chef, maitre e staff alberghiero per un totale di oltre 100 persone. Presente, naturalmente, anche tutto il board direzionale del gruppo. Fortemente voluta, questa tre giorni di team building è stata pensata anche come una preziosa occasione per stare insieme e festeggiare i traguardi raggiunti. Attività e sfide a squadre, momenti di intrattenimento con show e party serali sono state affidate alla conduzione di Art Swiss, società di animazione di riferimento dell’operatore. L’evento è stato poi una bella occasione per fare un bilancio sulle strutture a gestione diretta e premiare i migliori risultati ottenuti per singolo villaggio, secondo gli indici di gradimento dei clienti raccolti nel corso della stagione. “Dopo questi due anni di pandemia, molto difficili, trovare le motivazioni per ripartire è stato complicato e complesso per l’intero comparto - spiega l'amministratore unico di Futura Vacanze, Stefano Brunetti  -. Il nostro gruppo però ha reagito bene e gran parte del merito di tutto ciò è anche del personale e di tutto lo staff. Quest’anno, abbiamo superato qualunque traguardo in termini di fatturato e presenze. La distribuzione e i clienti hanno potuto scegliere tra ben 20 Futura Club, il numero passeggeri è arrivato a quota 150 mila e la società di gestione del gruppo oggi conta 1.500 camere in Italia". Emozioni condivise tra dipendenti e collaboratori per festeggiare la stagione appena conclusa e per guardare tutti insieme al futuro e ai prossimi obiettivi. “Abbiamo fortemente voluto questo evento perché desideravamo ringraziare in un momento speciale i dipendenti e tutto lo staff per l’ottimo lavoro svolto - aggiunge il direttore operativo, Emanuela di Giuseppe -. Futuriamo si è dimostrata un’importante occasione per stare insieme, conoscersi meglio e divertirsi. Inaugura, quindi, una nuova tradizione per la nostra azienda, destinata a ripetersi ogni anno”.   [post_title] => Futura Vacanze: un evento di team building per celebrare quota 150 mila pax [post_date] => 2022-10-06T09:42:08+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1665049328000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431747 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sarà un inverno particolarmente freddo per quasi tutte le compagnie aeree decollate negli ultimi due-tre anni. Flyr, Norse Atlantic e Norwegian affrontano con più di una preoccupazione i prossimi mesi che, già tradizionalmente caratterizzati da minor traffico, devono anche tenere in considerazione le sfide aggiuntive, dagli elevati costi del carburante all'inflazione. La start-up norvegese Flyr - decollata nel giugno 2021 - ha già anticipato che l'operativo invernale sarà drasticamente ridotto: invece di operare con i 12 velivoli previsti, nei cieli ce ne saranno solo cinque o sei e sospenderà i voli verso tutti i mercati chiave, tranne alcuni - tra cui Alicante, Barcellona, Parigi e Roma - delle 27 destinazioni servite a settembre. I tagli mirano a dimezzare le spese e a ridurre al minimo la liquidità. "Ci è voluto più tempo del previsto per fidelizzare i viaggiatori d'affari sulle rotte nazionali in Norvegia, dove i vettori storici mantengono ampie quote di mercato", ha dichiarato il ceo Tonje Wikstrøm Frislid. Norse Atlantic Airways, altro vettore norvegese, sospenderà i collegamenti per Los Angeles da Berlino e Oslo per l'inverno - rotte originariamente pianificate per tutto l'anno - con una riduzione del 28% della capacità pianificata per il periodo novembre-marzo. "La stagione invernale è storicamente più impegnativa per il settore e quest'anno deve affrontare l'onere aggiuntivo dei prezzi elevati del carburante, dell'inflazione crescente nei mercati in cui operiamo e dell'incertezza della domanda complessiva", ha dichiarato un portavoce di Norse.  In controtendenza l'andamento previsto da Play, altra start-up nordica che ha debuttato nel giugno 2021: il ceo, Birgir Jónsson, come riferito da Airline Weekly ha dichiarato che il vettore ha "prospettive positive" per l'inverno, specie sulle rotte transatlantiche verso gli Stati Uniti. La domanda continua a crescere grazie alla "fiducia dei consumatori nei viaggi" e Play prevede un continuo aumento del load factor durante le vacanze invernali e nel 2023.  Norwegian non ha aggiornato le sue previsioni per l'inverno dalla fine di agosto. All'epoca, i dirigenti avevano dichiarato di aver assistito a un "normale" rallentamento delle prenotazioni a partire dall'estate rispetto agli anni precedenti alla pandemia. Norwegian ha pianificato di ridurre stagionalmente la sua capacità invernale di circa il 28%, concentrandosi sulla redditività.   [post_title] => Da Flyr a Norse Atlantic: sarà un inverno lungo e più difficile del previsto per le start-up [post_date] => 2022-10-06T09:30:27+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1665048627000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431739 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Korean Air è tornata a volare nei cieli italiani, con collegamenti diretti su Seul da Milano e Roma,  a frequenza trisettimanale: da Malpensa, mercoledì, venerdì e domenica e da Fiumicino martedì, giovedì e sabato. Con l'entrata in vigore dell’orario invernale, su Malpensa dal 2 novembre sarà operativo il Boeing 787-9 con 24 posti in business e 245 in economica, da gennaio e fino alla fine di marzo è previsto l’utilizzo del B777-200 con 26 posti in business e 225 in economy; da Roma in inverno opererà il B777-300 con 64 posti business e 227 in economy. Al momento i voli non dispongono della first class. “I due collegamenti si distinguono per la tipologia di traffico - sottolinea Mihyang Seo, responsabile ufficio Korean Air Milano - I voli da Milano sono caratterizzati principalmente da una clientela business, che rappresenta la domanda del mercato del Nord Italia, mentre Roma risponde al flusso leisure”. Intanto, la flotta di 155 aeromobili con cui Korean ha trasportato nel 2019 oltre 27 milioni di passeggeri su 120 città in 43 paesi del mondo, sta ritornando alla normalità, dopo il difficile periodo della pandemia. “Non sono state ancora riaperte tutte le destinazioni. Stiamo lavorando per riattivare gradualmente tutto il network. Incrementeremo le frequenze settimanali e l’arrivo di nuovi aeromobili” sottolinea Gianfranco Antonello Pizzolla, ufficio commerciale Korean Air. Prospettive positive anche per l'aeroporto di Seul, che si è riscoperto come hub ideale sull’Asia. “Una novità da cui dobbiamo trarre vantaggio considerando la situazione asiatica, al momento stagnante – conclude Pizzolla -. Korean Air è molto appetibile, sia per la qualità dei servizi, sia per l’ampiezza del network. Abbiamo avuto ottime vendite sui proseguimenti per Bali, Ho Chi Minh, Hanoi, Manila e Sydney”. [post_title] => Korean Air vola di nuovo dall'Italia verso Seul, hub ideale sull'Asia [post_date] => 2022-10-06T09:07:58+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1665047278000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431718 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Un viaggio lungo il Trans Bhutan Trail, storico percorso di 250 miglia che taglia il Paese da est a ovest, riaperto ufficialmente a fine settembre. E' quello che propone l'operatore di lusso britannico Red Savannah, che ha diviso il sentiero in 28 settori distinti e in una selezione di tre itinerari gestibili, in grado di offrire opzioni con diversi livelli di servizio e avventura. Il Trans Bhutan Trail è un percorso le cui origini risalgono almeno al quindicesimo secolo; si snoda attraverso il regno dell'Himalaya tra paesaggi incontaminati e comunità secolari, mostrando non solo le spettacolari bellezze naturali e la biodiversità della destinazione, ma pure il patrimonio unico del popolo bhutanese. Le proposte Red Savannah comprendono dunque un itinerario di dieci giorni all'insegna del massimo comfort, senza pernottamenti in tenda. Questo tour include due giorni di camminate panoramiche sul Trans Bhutan Trail, due strutture Six Senses, un corso di cucina, una lezione di tiro con l'arco e un soggiorno nella valle glaciale protetta di Gangtey. A ciò si aggiunge un'intrepida avventura di 12 giorni nel Bhutan orientale, soggiornando in un misto di campeggi firmati, guesthouse e hotel di prestigio, che offrono una visione di regioni che solo pochi possono sperimentare. Infine, c'è il viaggio di otto giorni tra gli highlights bhutanesi, con un moderato livello di avventura e di lusso, in cui le destinazioni di Thimphu e Punakha sono collegate da tre giorni di camminata lungo la Trans Bhutan Trail. Tutte le proposte dell'operatore britannico includono inoltre l'accesso a un veicolo di supporto dedicato per la durata dell'itinerario, in modo da offrire la massima flessibilità a coloro che non sono sicuri della quantità di camminata che desiderano intraprendere ogni giorno (ideale per gruppi misti o coppie in cui uno dei partecipanti cerca di fare meno fatica dell'altro); le visite agli storici dzong bhutanesi e l'opportunità di partecipare a rituali spirituali accompagnati da una guida locale; l'opportunità di provare un bagno di pietre calde bhutanesi, un antico rituale di guarigione che si rifà all'influenza dell'Ayurveda indiano e dell'Ayurveda e della secolare medicina tibetana, la possibilità di fare un'escursione a Paro Takstang, l'iconico monastero del Nido della Tigre in Bhutan; del  tempo libero per godersi le strutture termali e la cucina gourmet degli hotel di lusso selezionati; un contributo significativo al turismo sostenibile e allo sviluppo economico del Bhutan (tutti i profitti generati dal Trans Bhutan Trail saranno infatti reinvestiti nelle infrastrutture e nelle comunità che vivono lungo il percorso). [post_title] => Il to britannico di lusso Red Savannah lancia le avventure a piedi lungo il Trans Bhutan Trail [post_date] => 2022-10-05T13:16:52+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664975812000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431661 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_393341" align="alignleft" width="300"] Andrea Cani[/caption] Il gruppo Kkm esce da un'ottima estate che, nonostante le difficoltà organizzative legate al traffico aereo, ha visto la compagnia tornare a registrare volumi di vendita sui livelli del 2019. Una performance, spiega Andrea Cani, che ha permesso all'operatore di ripagare gli investimenti sostenuti a cavallo tra 2019 e 2020, per il rilancio del network EnjoyNet e l’apertura del tour operator in-house Enjoy Destinations. Ma proprio "gli eventi di questa estate - riprende il ceo della compagnia - mi spingono a esortare tutto il settore a cambiare il sistema e a rivedere i criteri legati alla selezione dei partner. Le agenzie di viaggio, i network e i tour operator dovrebbero limitare se non evitare di utilizzare vettori che non riconoscono gli intermediari e non tutelano il cliente, privilegiando altre compagnie più corrette nello sviluppo di relazioni commerciali proficue per entrambe le parti. In questo momento storico del turismo, l’intermediazione ha una grande occasione di rilancio: per riqualificare il suo ruolo agli occhi del consumatore deve però impegnarsi a livello di comparto, per trasmettere qualità e affidabilità rispetto alle sorti del viaggio fai-da-te. Aggiungo che è necessario fare quadrato contro tutte le forme di abusivismo per evitare di leggere ancora notizie di clienti truffati da agenzie e tour operator non in regola con tutte le coperture necessarie a tutela dei viaggiatori”. A fronte di un’estate migliore delle aspettative, il futuro è denso di novità, a cominciare da Kkm Experiences, contenitore di nuove proposte create internamente da Kkm Group, attraverso contrattualizzazioni dirette per la clientela italiana, leisure e mice. Oltre ai classici appuntamenti del Gp di Formula 1, che proseguiranno fino al Gp di Abu Dhabi del 20 novembre, entrano in programmazione la Champions League, il Sei nazioni di rugby e il Super Bowl del 12 febbraio in Arizona. Da segnalare anche un accordo con la squadra Nba degli Orlando Magic: oltre ad assistere ai match di pallacanestro, gli appassionati potranno incontrare gli atleti e allenarsi sul campo con loro o, in ottica di team-building, creare la propria partita contro le vecchie glorie della squadra. Lo stesso format sarà disponibile con i New York Yankees, iconico brand della Major League Baseball (Mlb). Kkm sarà presente anche alla prossima fiera di Rimini, in programma dal 12 al 14 di ottobre: “Stiamo finalizzando molti progetti – spiega il ceo della compagnia, Andrea Cani – anche sul fronte tecnologico e della distribuzione. A Rimini saremo tra i primi a entrare nel Metaverso e proporremo nuove opportunità anche sul fronte commerciale con Touchpoint. Il nostro obiettivo non sarà mai la vendita diretta: mettiamo a fattore comune i punti di forza di tutti i partner per il bene e la crescita del gruppo e ci impegniamo a lavorare in un’ottica di lead generation a favore delle agenzie. La nostra è una formula di sviluppo orizzontale, fortemente orientata ai valori del modello familiare da cui siamo partiti, che rifugge dalle impostazioni gerarchiche tipiche delle grandi aggregazioni”. [post_title] => Cani, Kkm: si dovrebbe evitare di utilizzare i vettori che non riconoscono gli intermediari [post_date] => 2022-10-05T10:17:15+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( [0] => nofascione ) [post_tag_name] => Array ( [0] => nofascione ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664965035000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431655 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il Marocco ha eliminato le ultime restrizioni di viaggio in vigore per limitare la diffusione del Covid-19: dallo scorso 30 settembre, chi arriva nel Paese non è più obbligato a presentare un certificato di vaccinazione o un test Pcr. I viaggiatori sono però tenuti a compilare un modulo sanitario. All'arrivo negli aeroporti, inoltre, possono ancora essere effettuati test rapidi su gruppi selezionati di passeggeri. Dopo 48 ore dall'arrivo possono essere richiesti ulteriori test Pcr per passeggeri selezionati a caso. Non è previsto alcun requisito di ingresso per i bambini di età inferiore ai 6 anni. Intanto, l'industria turistica del Paese prosegue lungo la strada della ripresa, con un livello di entrate che si stanno avvicinando ai record pre-pandemia: a fine luglio il dato si attestava a 3,4 miliardi di dollari, pari ad un tasso di recupero dell'88,4%.   [post_title] => Anche il Marocco ha eliminato le ultime restrizioni di viaggio [post_date] => 2022-10-05T09:50:19+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( [0] => nofascione ) [post_tag_name] => Array ( [0] => nofascione ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664963419000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "easyjet taglia loperativo di giugno per limitare i disservizi legati alla mancanza di personale" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":106,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":1706,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431810","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Stagione estiva da incorniciare per IOBUS, la compagnia tutta italiana di bus turistici per tours cittadini: nei mesi clou del periodo estivo – da maggio a metà settembre – sono stati trasportati quasi 100mila passeggeri, con picchi di 18-20mila turisti nei mesi di luglio ed agosto.\r\n\r\n“In pochi mesi dall’avvìo dell’attività la nostra start-up – commenta Giuseppe Cilia, presidente di Iobus - ha fatto registrare perfomance superiori alle aspettative, in taluni giorni siamo andati sold out, seguendo il trend di ripresa turistica nella Capitale. Abbiamo anche scelto di adottare un pricing adeguato all’alto standard del nostro servizio che ci è stato riconosciuto dai commenti sui social. Prosegue poi con nostra grande soddisfazione la collaborazione operativa con Itabus, un player d’eccellenza nel trasporto su gomma a lunga percorrenza”.\r\n\r\nA certificare il successo di Iobus ci sono state poi le recensioni postate sui social e sulle piattaforme OTA dove, come sottolinea Fabiola Cilia, general manager di Iobus: “Sono stati espressi lusinghieri giudizi sul nostro servizio, sulla componente digitale con i commentari in 8 lingue ed una audio-guida per bambini, e ancora sulla cortesia, efficienza del nostro staff e sulla pulizia a bordo dei bus. In generale l’indice di gradimento del nostro prodotto, in una scala da 1 a cinque, si è attestato sui 4 punti, facendo risultare Iobus tra le migliori compagnie di tours nella Capitale”.\r\n\r\nDunque una prima stagione operativa che rappresenta un promettente viatico per il futuro di Iobus, già pianificato: “Oltre ad aver potenziato il nostro personale con nuove assunzioni – aggiunge infatti Fabiola Cilia - abbiamo raggiunto accordi commerciali con le maggiori OTA internazionali, da GetYouGuide a Booking, da Isango ad Attraction World; e conclusa una importante partnership con ‘Tickets’. Stiamo poi chiudendo una intesa con Musement e con una OTA particolarmente forte nei mercati asiatici. Sempre per la stagione 2023 è previsto l’aumento della flotta a 8 bus che garantiranno una frequenza del servizio ogni 12 minuti”.\r\n\r\nRiguardo infine al potenziamento del prodotto, Iobus ha già diversificato l’offerta con i tours delle catacombe, col servizio per l’Outlet di Castel Romano e la vendita diretta dei biglietti per i Musei Vaticani. E ora sono in via di allestimento altri Info-point in città: accanto ai punti vendita di Piazza dei Cinquecento (Stazione Termini), Via IV Novembre, Via della Conciliazione, Piazza San Silvestro, infatti, verranno assicurati altri 20 punti-vendita nel centro-città grazie ad accordi di esclusiva raggiunti con alcune edicole storiche nel cuore della Capitale.\r\n\r\n ","post_title":"Iobus chiude la stagione estiva a pieno regime, 100mila pax da maggio","post_date":"2022-10-06T13:06:06+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1665061566000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431769","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"EasyJet vola alto verso l'estate 2023 mettendo in vendita circa 32.000 voli per viaggiare tra il 9 maggio e il 30 settembre 2023 dall’Italia verso numerose destinazioni del network.\r\nUn scelta fra circa 70 destinazioni raggiungibili con i collegamenti diretti di easyJet in 18 diversi Paesi tra Europa, Nord Africa e Medio Oriente. Le tariffe partono da 29,99 euro.\r\nTornano dunque disponibili per le prenotazione le spiagge più belle del Mediterraneo, come quelle delle isole greche, raggiungibili dalle tre basi italiane di easyJet – Milano Malpensa, Napoli e Venezia. Ma anche la costa croata con le città di Dubrovnik e Spalato disponibili da Milano e da Napoli, così come le spiagge italiane della Puglia, della Campania, della Sicilia e della Sardegna.\r\nIntanto, in attesa dell'estate, dal prossimo 4 dicembre decollerà da Milano Malpensa il primo volo easyJet verso l'isola di Madeira; in calendario anche i voli per Rovaniemi che saranno disponibili per gli interi mesi di dicembre e gennaio.","post_title":"EasyJet: in vendita i voli per viaggiare dall'Italia nell'estate 2023","post_date":"2022-10-06T10:36:19+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1665052579000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431758","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Un team multidisciplinare a disposizione degli agenti di viaggio, che vanta non solo addetti booking, ma anche esperti di operativo e commerciale, in grado di supportare ancora più efficacemente coloro che già utilizzano la piattaforma dinamica di self-booking. E' una delle iniziative comprese nel piano di rilancio di Jump, il tour operator dinamico di casa Uvet, che si prepara a vivere un autunno ricco di novità.\r\n\r\nE' stata infatti anche annunciata un'imminente campagna con il nuovo Claim “Jump, il velocista dinamico. Book Easy sempre, Tailor Made quando vuoi!”, creato dall’ufficio marketing del gruppo, in grado di riassumere efficacemente le caratteristiche della piattaforma: velocità di restituzione risultati, facilità di prenotazione, possibilità di acquistare prodotti già pacchettizzati o creati su misura dall’agente di viaggio unitamente alla possibilità di gestire in autonomia la propria redditività, impostando il prezzo di vendita.\r\n\r\nAl via infine pure la stampa di un folder illustrativo e il lancio di una campagna di incentivazione vendite, che verrà presentata alle agenzie di viaggio nel corso dei prossimi webinar organizzati dall’operatore, con programmi meritocratici premianti come il cashback e i membership awards.\r\n\r\n“Nel corso dell’autunno presenteremo anche alcune importanti novità che accompagnano il rilascio dell’ultima release della piattaforma – commenta Leonardo Rosatelli, coordinatore del progetto Jump –, come l’utile servizio di alert che si attiva in caso di diminuzione del prezzo di un servizio, il sistema di assegnazione dei posti volo direttamente dal portale, la ricerca di tariffe volo pubbliche o negoziate e ulteriori filtri utili nella ricerca di hotel”.","post_title":"Una campagna di incentivazione e un nuovo team multidisciplinare per il rilancio di Jump","post_date":"2022-10-06T09:52:38+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1665049958000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431752","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Si è appena concluso Futuriamo: l'evento di team building organizzato da Futura Vacanze presso il cilentano Futura Club Eleamare, ultima new entry in ordine di tempo della stagione 2022. L'appuntamento ha visto il coinvolgimento di tutto il personale del to e della rappresentanza della società di gestione Fv Hotels, con la presenza di direttori, capi ricevimento, chef, maitre e staff alberghiero per un totale di oltre 100 persone. Presente, naturalmente, anche tutto il board direzionale del gruppo.\r\n\r\nFortemente voluta, questa tre giorni di team building è stata pensata anche come una preziosa occasione per stare insieme e festeggiare i traguardi raggiunti. Attività e sfide a squadre, momenti di intrattenimento con show e party serali sono state affidate alla conduzione di Art Swiss, società di animazione di riferimento dell’operatore. L’evento è stato poi una bella occasione per fare un bilancio sulle strutture a gestione diretta e premiare i migliori risultati ottenuti per singolo villaggio, secondo gli indici di gradimento dei clienti raccolti nel corso della stagione.\r\n\r\n“Dopo questi due anni di pandemia, molto difficili, trovare le motivazioni per ripartire è stato complicato e complesso per l’intero comparto - spiega l'amministratore unico di Futura Vacanze, Stefano Brunetti  -. Il nostro gruppo però ha reagito bene e gran parte del merito di tutto ciò è anche del personale e di tutto lo staff. Quest’anno, abbiamo superato qualunque traguardo in termini di fatturato e presenze. La distribuzione e i clienti hanno potuto scegliere tra ben 20 Futura Club, il numero passeggeri è arrivato a quota 150 mila e la società di gestione del gruppo oggi conta 1.500 camere in Italia\".\r\n\r\nEmozioni condivise tra dipendenti e collaboratori per festeggiare la stagione appena conclusa e per guardare tutti insieme al futuro e ai prossimi obiettivi. “Abbiamo fortemente voluto questo evento perché desideravamo ringraziare in un momento speciale i dipendenti e tutto lo staff per l’ottimo lavoro svolto - aggiunge il direttore operativo, Emanuela di Giuseppe -. Futuriamo si è dimostrata un’importante occasione per stare insieme, conoscersi meglio e divertirsi. Inaugura, quindi, una nuova tradizione per la nostra azienda, destinata a ripetersi ogni anno”.\r\n\r\n ","post_title":"Futura Vacanze: un evento di team building per celebrare quota 150 mila pax","post_date":"2022-10-06T09:42:08+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1665049328000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431747","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Sarà un inverno particolarmente freddo per quasi tutte le compagnie aeree decollate negli ultimi due-tre anni. Flyr, Norse Atlantic e Norwegian affrontano con più di una preoccupazione i prossimi mesi che, già tradizionalmente caratterizzati da minor traffico, devono anche tenere in considerazione le sfide aggiuntive, dagli elevati costi del carburante all'inflazione.\r\n\r\nLa start-up norvegese Flyr - decollata nel giugno 2021 - ha già anticipato che l'operativo invernale sarà drasticamente ridotto: invece di operare con i 12 velivoli previsti, nei cieli ce ne saranno solo cinque o sei e sospenderà i voli verso tutti i mercati chiave, tranne alcuni - tra cui Alicante, Barcellona, Parigi e Roma - delle 27 destinazioni servite a settembre. I tagli mirano a dimezzare le spese e a ridurre al minimo la liquidità. \"Ci è voluto più tempo del previsto per fidelizzare i viaggiatori d'affari sulle rotte nazionali in Norvegia, dove i vettori storici mantengono ampie quote di mercato\", ha dichiarato il ceo Tonje Wikstrøm Frislid.\r\n\r\nNorse Atlantic Airways, altro vettore norvegese, sospenderà i collegamenti per Los Angeles da Berlino e Oslo per l'inverno - rotte originariamente pianificate per tutto l'anno - con una riduzione del 28% della capacità pianificata per il periodo novembre-marzo. \"La stagione invernale è storicamente più impegnativa per il settore e quest'anno deve affrontare l'onere aggiuntivo dei prezzi elevati del carburante, dell'inflazione crescente nei mercati in cui operiamo e dell'incertezza della domanda complessiva\", ha dichiarato un portavoce di Norse. \r\n\r\nIn controtendenza l'andamento previsto da Play, altra start-up nordica che ha debuttato nel giugno 2021: il ceo, Birgir Jónsson, come riferito da Airline Weekly ha dichiarato che il vettore ha \"prospettive positive\" per l'inverno, specie sulle rotte transatlantiche verso gli Stati Uniti. La domanda continua a crescere grazie alla \"fiducia dei consumatori nei viaggi\" e Play prevede un continuo aumento del load factor durante le vacanze invernali e nel 2023. \r\n\r\nNorwegian non ha aggiornato le sue previsioni per l'inverno dalla fine di agosto. All'epoca, i dirigenti avevano dichiarato di aver assistito a un \"normale\" rallentamento delle prenotazioni a partire dall'estate rispetto agli anni precedenti alla pandemia. Norwegian ha pianificato di ridurre stagionalmente la sua capacità invernale di circa il 28%, concentrandosi sulla redditività.\r\n\r\n ","post_title":"Da Flyr a Norse Atlantic: sarà un inverno lungo e più difficile del previsto per le start-up","post_date":"2022-10-06T09:30:27+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1665048627000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431739","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Korean Air è tornata a volare nei cieli italiani, con collegamenti diretti su Seul da Milano e Roma,  a frequenza trisettimanale: da Malpensa, mercoledì, venerdì e domenica e da Fiumicino martedì, giovedì e sabato. Con l'entrata in vigore dell’orario invernale, su Malpensa dal 2 novembre sarà operativo il Boeing 787-9 con 24 posti in business e 245 in economica, da gennaio e fino alla fine di marzo è previsto l’utilizzo del B777-200 con 26 posti in business e 225 in economy; da Roma in inverno opererà il B777-300 con 64 posti business e 227 in economy. Al momento i voli non dispongono della first class.\r\n\r\n“I due collegamenti si distinguono per la tipologia di traffico - sottolinea Mihyang Seo, responsabile ufficio Korean Air Milano - I voli da Milano sono caratterizzati principalmente da una clientela business, che rappresenta la domanda del mercato del Nord Italia, mentre Roma risponde al flusso leisure”.\r\n\r\nIntanto, la flotta di 155 aeromobili con cui Korean ha trasportato nel 2019 oltre 27 milioni di passeggeri su 120 città in 43 paesi del mondo, sta ritornando alla normalità, dopo il difficile periodo della pandemia. “Non sono state ancora riaperte tutte le destinazioni. Stiamo lavorando per riattivare gradualmente tutto il network. Incrementeremo le frequenze settimanali e l’arrivo di nuovi aeromobili” sottolinea Gianfranco Antonello Pizzolla, ufficio commerciale Korean Air.\r\n\r\nProspettive positive anche per l'aeroporto di Seul, che si è riscoperto come hub ideale sull’Asia. “Una novità da cui dobbiamo trarre vantaggio considerando la situazione asiatica, al momento stagnante – conclude Pizzolla -. Korean Air è molto appetibile, sia per la qualità dei servizi, sia per l’ampiezza del network. Abbiamo avuto ottime vendite sui proseguimenti per Bali, Ho Chi Minh, Hanoi, Manila e Sydney”.","post_title":"Korean Air vola di nuovo dall'Italia verso Seul, hub ideale sull'Asia","post_date":"2022-10-06T09:07:58+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1665047278000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431718","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Un viaggio lungo il Trans Bhutan Trail, storico percorso di 250 miglia che taglia il Paese da est a ovest, riaperto ufficialmente a fine settembre. E' quello che propone l'operatore di lusso britannico Red Savannah, che ha diviso il sentiero in 28 settori distinti e in una selezione di tre itinerari gestibili, in grado di offrire opzioni con diversi livelli di servizio e avventura. Il Trans Bhutan Trail è un percorso le cui origini risalgono almeno al quindicesimo secolo; si snoda attraverso il regno dell'Himalaya tra paesaggi incontaminati e comunità secolari, mostrando non solo le spettacolari bellezze naturali e la biodiversità della destinazione, ma pure il patrimonio unico del popolo bhutanese.\r\n\r\nLe proposte Red Savannah comprendono dunque un itinerario di dieci giorni all'insegna del massimo comfort, senza pernottamenti in tenda. Questo tour include due giorni di camminate panoramiche sul Trans Bhutan Trail, due strutture Six Senses, un corso di cucina, una lezione di tiro con l'arco e un soggiorno nella valle glaciale protetta di Gangtey. A ciò si aggiunge un'intrepida avventura di 12 giorni nel Bhutan orientale, soggiornando in un misto di campeggi firmati, guesthouse e hotel di prestigio, che offrono una visione di regioni che solo pochi possono sperimentare. Infine, c'è il viaggio di otto giorni tra gli highlights bhutanesi, con un moderato livello di avventura e di lusso, in cui le destinazioni di Thimphu e Punakha sono collegate da tre giorni di camminata lungo la Trans Bhutan Trail.\r\n\r\nTutte le proposte dell'operatore britannico includono inoltre l'accesso a un veicolo di supporto dedicato per la durata dell'itinerario, in modo da offrire la massima flessibilità a coloro che non sono sicuri della quantità di camminata che desiderano intraprendere ogni giorno (ideale per gruppi misti o coppie in cui uno dei partecipanti cerca di fare meno fatica dell'altro); le visite agli storici dzong bhutanesi e l'opportunità di partecipare a rituali spirituali accompagnati da una guida locale; l'opportunità di provare un bagno di pietre calde bhutanesi, un antico rituale di guarigione che si rifà all'influenza dell'Ayurveda indiano e dell'Ayurveda e della secolare medicina tibetana, la possibilità di fare un'escursione a Paro Takstang, l'iconico monastero del Nido della Tigre in Bhutan; del  tempo libero per godersi le strutture termali e la cucina gourmet degli hotel di lusso selezionati; un contributo significativo al turismo sostenibile e allo sviluppo economico del Bhutan (tutti i profitti generati dal Trans Bhutan Trail saranno infatti reinvestiti nelle infrastrutture e nelle comunità che vivono lungo il percorso).","post_title":"Il to britannico di lusso Red Savannah lancia le avventure a piedi lungo il Trans Bhutan Trail","post_date":"2022-10-05T13:16:52+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1664975812000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431661","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_393341\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Andrea Cani[/caption]\r\n\r\nIl gruppo Kkm esce da un'ottima estate che, nonostante le difficoltà organizzative legate al traffico aereo, ha visto la compagnia tornare a registrare volumi di vendita sui livelli del 2019. Una performance, spiega Andrea Cani, che ha permesso all'operatore di ripagare gli investimenti sostenuti a cavallo tra 2019 e 2020, per il rilancio del network EnjoyNet e l’apertura del tour operator in-house Enjoy Destinations. Ma proprio \"gli eventi di questa estate - riprende il ceo della compagnia - mi spingono a esortare tutto il settore a cambiare il sistema e a rivedere i criteri legati alla selezione dei partner. Le agenzie di viaggio, i network e i tour operator dovrebbero limitare se non evitare di utilizzare vettori che non riconoscono gli intermediari e non tutelano il cliente, privilegiando altre compagnie più corrette nello sviluppo di relazioni commerciali proficue per entrambe le parti. In questo momento storico del turismo, l’intermediazione ha una grande occasione di rilancio: per riqualificare il suo ruolo agli occhi del consumatore deve però impegnarsi a livello di comparto, per trasmettere qualità e affidabilità rispetto alle sorti del viaggio fai-da-te. Aggiungo che è necessario fare quadrato contro tutte le forme di abusivismo per evitare di leggere ancora notizie di clienti truffati da agenzie e tour operator non in regola con tutte le coperture necessarie a tutela dei viaggiatori”.\r\n\r\nA fronte di un’estate migliore delle aspettative, il futuro è denso di novità, a cominciare da Kkm Experiences, contenitore di nuove proposte create internamente da Kkm Group, attraverso contrattualizzazioni dirette per la clientela italiana, leisure e mice. Oltre ai classici appuntamenti del Gp di Formula 1, che proseguiranno fino al Gp di Abu Dhabi del 20 novembre, entrano in programmazione la Champions League, il Sei nazioni di rugby e il Super Bowl del 12 febbraio in Arizona. Da segnalare anche un accordo con la squadra Nba degli Orlando Magic: oltre ad assistere ai match di pallacanestro, gli appassionati potranno incontrare gli atleti e allenarsi sul campo con loro o, in ottica di team-building, creare la propria partita contro le vecchie glorie della squadra. Lo stesso format sarà disponibile con i New York Yankees, iconico brand della Major League Baseball (Mlb).\r\n\r\nKkm sarà presente anche alla prossima fiera di Rimini, in programma dal 12 al 14 di ottobre: “Stiamo finalizzando molti progetti – spiega il ceo della compagnia, Andrea Cani – anche sul fronte tecnologico e della distribuzione. A Rimini saremo tra i primi a entrare nel Metaverso e proporremo nuove opportunità anche sul fronte commerciale con Touchpoint. Il nostro obiettivo non sarà mai la vendita diretta: mettiamo a fattore comune i punti di forza di tutti i partner per il bene e la crescita del gruppo e ci impegniamo a lavorare in un’ottica di lead generation a favore delle agenzie. La nostra è una formula di sviluppo orizzontale, fortemente orientata ai valori del modello familiare da cui siamo partiti, che rifugge dalle impostazioni gerarchiche tipiche delle grandi aggregazioni”.","post_title":"Cani, Kkm: si dovrebbe evitare di utilizzare i vettori che non riconoscono gli intermediari","post_date":"2022-10-05T10:17:15+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":["nofascione"],"post_tag_name":["nofascione"]},"sort":[1664965035000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431655","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il Marocco ha eliminato le ultime restrizioni di viaggio in vigore per limitare la diffusione del Covid-19: dallo scorso 30 settembre, chi arriva nel Paese non è più obbligato a presentare un certificato di vaccinazione o un test Pcr. I viaggiatori sono però tenuti a compilare un modulo sanitario.\r\n\r\nAll'arrivo negli aeroporti, inoltre, possono ancora essere effettuati test rapidi su gruppi selezionati di passeggeri. Dopo 48 ore dall'arrivo possono essere richiesti ulteriori test Pcr per passeggeri selezionati a caso. Non è previsto alcun requisito di ingresso per i bambini di età inferiore ai 6 anni.\r\n\r\nIntanto, l'industria turistica del Paese prosegue lungo la strada della ripresa, con un livello di entrate che si stanno avvicinando ai record pre-pandemia: a fine luglio il dato si attestava a 3,4 miliardi di dollari, pari ad un tasso di recupero dell'88,4%.\r\n\r\n ","post_title":"Anche il Marocco ha eliminato le ultime restrizioni di viaggio","post_date":"2022-10-05T09:50:19+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":["nofascione"],"post_tag_name":["nofascione"]},"sort":[1664963419000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti