26 September 2021

Aci Europe: traffico ancora in netto calo nel 2021. E le finanze degli scali “vacillano”

[ 0 ]

Volumi di traffico in netto calo rispetto al 2019: il risultato cambia poco, sia che si tratti della migliore o della peggiore delle ipotesi. Aci Europe ha aggiornato così le proprie previsioni per il traffico passeggeri del 2021, evidenziando come lo stesso rimarrà a “livelli bassi” nel primo e nel secondo trimestre, con una certa ripresa nel terzo trimestre, a condizione che le vaccinazioni vengano effettivamente introdotte in modo significativo e che le restrizioni di viaggio siano almeno parzialmente rimosse. Lo scenario intermedio di Aci Europe prevede quindi un calo del -40% del traffico nel terzo trimestre rispetto allo stesso periodo del 2019, con uno scenario più pessimistico che mostra un calo del -57%, qualora persistano le restrizioni di viaggio.

Il calo nel quarto trimestre potrebbe variare tra il -45% e il -57%. Nel 2020, gli aeroporti europei hanno movimentato 1,73 miliardi di passeggeri in meno rispetto al 2019, riportando il mercato ai livelli precedenti al 1995.

In bilico anche la resilienza finanziaria degli aeroporti, che secondo Aci Europe sta “vacillando” a causa del perdurare della crisi. Gli aeroporti europei hanno perso 30 miliardi di euro nel 2020 rispetto al 2019, in altre parole il 60% circa dei ricavi annuali abituali.

“I bassi volumi di passeggeri previsti e le maggiori pressioni del mercato/della concorrenza sui ricavi aeroportuali si traducono in perdite sempre maggiori per gli aeroporti – spiega una nota dell’associazione -. Ciò potrebbe anche provocare uno scollamento tra il ritmo della ripresa del traffico e quello del ritorno dei ricavi. Di conseguenza, nello scenario intermedio, gli aeroporti perderanno ancora altri 25 miliardi di euro di ricavi nel 2021, rispetto al 2019“.




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( )

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti