4 December 2022

Royal Jordanian, salgono a sette i Dreamliner in flotta

[ 0 ]

Royal JordanianRoyal Jordanian ha accolto in flotta il suo settimo Boeing 787-8, in linea con il piano di consegne iniziato nel 2014 che punta al rinnovo del parco velivoli: i Dreamliner vanno infatti progressivamente a sostituire gli Airbus A340 e A330. Secondo quanto dichiarato da Suleiman Obeidat, presidente e ceo della compagnia, i nuovi B787 aprono a Royal Jordanian le porte di una nuova era, fatta di nuovi servizi e nuove rotte, che consentono al vettore di rilanciare la propria competitività a livello regionale e internazionale.




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 433409 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L'exploit estivo del traffico passeggeri per gli aeroporti di Catania e di Comiso si allunga all'autunno, con risultati per il mese di ottobre che la società di gestione degli scali siciliani non esita a definire "eccellenti". Nel dettaglio, l’aeroporto di Catania ha movimentato 993.573 passeggeri, contro i 919.076 del 2019, con una crescita del +8,1%, record assoluto per quel che riguarda lo scalo etneo; sempre in ottobre l’aeroporto di Comiso ha registrato 31.150 passeggeri rispetto ai 26.671 del 2019, con una crescita del +16,79%. “I risultati registrati dal sistema aeroportuale della Sicilia orientale non possono non soddisfarci– dichiarano la presidente e l'amministratore delegato della Società di gestione dell'Aeroporto di Catania, Giovanna Candura e Nico Torrisi -. Nonostante la crisi economica in atto, che in tutto il Paese ha visto contrarre i voli da parte di alcune compagnie aeree, i nostri aeroporti continuano a crescere e in maniera costante. A Catania, addirittura, abbiamo sfiorato anche per il mese di ottobre il milione di transiti, grazie anche al clima mite che ha di fatto allungato l’estate. Un segno della centralità dei nostri aeroporti per quel che riguarda la mobilità di buona parte dei siciliani e l’attrattività del nostro territorio e uno stimolo ulteriore ad accelerare il miglioramento della qualità dei servizi”. [post_title] => Catania e Comiso: è boom di passeggeri anche in ottobre, ben oltre i numeri 2019 [post_date] => 2022-11-03T09:27:56+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1667467676000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 410996 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Si sono chiusi con ricavi in calo di poco meno di 7 milioni rispetto al medesimo periodo dell'esercizio precedente i primi novesi mesi dell'anno finanziario dei Grandi Viaggi. L'operatore milanese ha infatti terminato il periodo ottobre 2020 - luglio 2021 con un giro d'affari complessivo di 12,37 milioni di euro, contro i 19,13 milioni del 2019-2020. Meglio è andato invece l'indice dei margini operativi lordi (ebitda) che, seppur rimasto in territorio negativo per 3,5 milioni, ha comunque contenuto parzialmente le perdite rispetto al -4,2 milioni dell'anno precedente. Un lieve miglioramento sostanzialmente generato dalle politiche di contenimento dei costi fissi. "L’attività turistico alberghiera è stata pesantemente condizionata dal perdurare dell’emergenza sanitaria - recita una nota ufficiale -. Le strutture di proprietà italiane hanno in particolare scontato la mancata apertura invernale, con il conseguente totale azzeramento dei ricavi invernali, mentre le vendite relative alle strutture italiane estive di proprietà sono aumentate rispetto al precedente periodo di circa l’85%. Le strutture di proprietà estere hanno fatto registrare un decremento di circa il 78%. Per quanto riguarda i villaggi commercializzati, il fatturato ha registrato un decremento di circa il 97%. Infine, il settore tour operator ha registrato un decremento del fatturato pari al 98%, ripartito in pari percentuale tra tutte le destinazioni (Oriente, America e Canada, Africa e Sud Africa e Australia), incidendo in termini di costi sia sui servizi alberghieri sia sul costo del volato. Il risultato netto consolidato del periodo, negativo per 6,7 milioni di euro, ha registrato un miglioramento rispetto allo stesso periodo del precedente esercizio (-7,6 milioni di euro nel 2020). Al 31 luglio 2021 la liquidità del gruppo ammonta a 27,71 milioni di euro; la posizione finanziaria netta a breve termine è positiva per 25,78 milioni di euro, mentre quella a medio lungo termine risulta negativa per 5,89 milioni di euro, con una posizione complessiva finanziaria netta positiva di 19,89 milioni di euro.   [post_title] => Igv: primi nove mesi zavorrati dalle chiusure invernali [post_date] => 2021-09-17T09:45:58+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1631871958000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 404313 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_404318" align="alignright" width="300"] Credit Pierluigi Orler[/caption] L’estate 2021 della Val d’Ega riparte sui 9 sentieri escursionistici della star delle Dolomiti, con la bella novità del Latemar Bike. Inaugurato nell’estate del 2014, il Latemarium si ripresenta il 5 giugno 2021 (per le partenze da Obereggen) in una forma che mantiene tutte le caratteristiche che l’hanno reso una delle attrazioni principali per gli escursionisti di ogni livello ma aggiunge all’offerta una serie di piccole accortezze necessarie a vivere l’esperienza in totale serenità e nel pieno rispetto delle regole e dell’ambiente. Facilmente raggiungibile da Obereggen con la seggiovia Oberholz, il Latemarium è pensato per offrire a bambini e genitori svariate interpretazioni della scoperta in quota che culminano infatti nella piattaforma Latemar.360°, grande chiocciola in legno attaccata alla montagna a 2.100 m s.l.m., con una vista mozzafiato sul mondo alpino circostante. Tutt’altro che immobile, il Latemarium è una creatura viva, che col tempo si è arricchita di ulteriori attrazioni, come il rifugio Oberholz - una perla architettonica e gastronomica fatta di grandi vetrate a 2.096 metri – o la versione completamente restaurata del Latemarhütte / Torre di Pisa, situato a 2.671 metri e raggiungibile attraverso uno dei più bei sentieri delle Dolomiti. Lungo il percorso Latemar.Natura, ideale per le famiglie grazie a dislivelli minimi e stazioni interattive e didattiche, si scoprono tutti i dettagli riguardanti i biotopi del Latemar, come il bosco alpino, il pascolo o l’alta montagna. Il Latemar.Panorama, direttamente sotto le rocce, offre oasi di relax con scorci straordinari ed è impreziosito da informazioni e dettagli sulle peculiarità geologiche di montagna, flora e fauna, sulle leggendarie gure del Latemar e sulla guerra di confine. Il Latemar.Relax scende a Obereggen dalla malga Laner Alm attraverso boschi ombreggiati, rigogliosi prati fioriti e verdi prati alpini sui quali gli animali pascolano, offrendo ai bambini uno spettacolo unico, Il Latemar.Art offre agli amanti dell’arte la possibilità di addentrarsi un un’esposizione davvero straordinaria nel museo a cielo aperto delle Dolomiti, con un itinerario costellato dei lavori di Dick Gordon, Sandro Scalet, Hidetoshi Nagasawa, Giampaolo Osele, Thorsten Schütt, Mauro Olivotto e Marco Nones. I più sportivi apprezzeranno invece il Latemar Torredipisa, escursione in montagna di difficoltà intermedia che si snoda tra camini e torri, salendo fino al Rifugio Torre di Pisa (2671 m), l’unico in questo mondo alpino ricco di crepacci. Ma la novità 2021 è la realizzazione di due nuovi sentieri Latemar.Bike dedicati alla bicicletta, tradizionale o e-bike. Nuove perle della collana Latemarium, un progetto ambientalistico concretizzatosi in una fitta rete di sentieri tematici, ideali per escursioni a piedi in famiglia ed in bicicletta. Altra novità: oltre a salire in quota con la seggiovia Oberholz, che dà il nome ad una delle mitiche piste del comprensorio sciisctico Ski Center Latemar, il Latemarium è raggiungibile dalla cabinovia Ochsenweide (aperta dal 3 luglio al 29 agosto 2021). Una nuova opportunità per salire ad una altezza inferiore alla punta più alta di Obereggen ma altrettanto agevole per iniziare le escursioni e per scegliere il percorso Latemar.Alp, percorribile anche con passeggino: 9 chilometri ai piedi del massiccio del Latemar con le stazioni interattive che raccontano ai visitatori il mondo agricolo alpino.     [post_title] => Val d'Ega presenta il Latemar Bike, le novità 2021 sui 9 sentieri escursionistici [post_date] => 2021-05-21T09:45:02+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1621590302000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "267971" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":4,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":3,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"433409","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L'exploit estivo del traffico passeggeri per gli aeroporti di Catania e di Comiso si allunga all'autunno, con risultati per il mese di ottobre che la società di gestione degli scali siciliani non esita a definire \"eccellenti\".\r\n\r\nNel dettaglio, l’aeroporto di Catania ha movimentato 993.573 passeggeri, contro i 919.076 del 2019, con una crescita del +8,1%, record assoluto per quel che riguarda lo scalo etneo; sempre in ottobre l’aeroporto di Comiso ha registrato 31.150 passeggeri rispetto ai 26.671 del 2019, con una crescita del +16,79%.\r\n\r\n“I risultati registrati dal sistema aeroportuale della Sicilia orientale non possono non soddisfarci– dichiarano la presidente e l'amministratore delegato della Società di gestione dell'Aeroporto di Catania, Giovanna Candura e Nico Torrisi -. Nonostante la crisi economica in atto, che in tutto il Paese ha visto contrarre i voli da parte di alcune compagnie aeree, i nostri aeroporti continuano a crescere e in maniera costante. A Catania, addirittura, abbiamo sfiorato anche per il mese di ottobre il milione di transiti, grazie anche al clima mite che ha di fatto allungato l’estate. Un segno della centralità dei nostri aeroporti per quel che riguarda la mobilità di buona parte dei siciliani e l’attrattività del nostro territorio e uno stimolo ulteriore ad accelerare il miglioramento della qualità dei servizi”.","post_title":"Catania e Comiso: è boom di passeggeri anche in ottobre, ben oltre i numeri 2019","post_date":"2022-11-03T09:27:56+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1667467676000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"410996","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Si sono chiusi con ricavi in calo di poco meno di 7 milioni rispetto al medesimo periodo dell'esercizio precedente i primi novesi mesi dell'anno finanziario dei Grandi Viaggi. L'operatore milanese ha infatti terminato il periodo ottobre 2020 - luglio 2021 con un giro d'affari complessivo di 12,37 milioni di euro, contro i 19,13 milioni del 2019-2020. Meglio è andato invece l'indice dei margini operativi lordi (ebitda) che, seppur rimasto in territorio negativo per 3,5 milioni, ha comunque contenuto parzialmente le perdite rispetto al -4,2 milioni dell'anno precedente. Un lieve miglioramento sostanzialmente generato dalle politiche di contenimento dei costi fissi.\r\n\r\n\"L’attività turistico alberghiera è stata pesantemente condizionata dal perdurare dell’emergenza sanitaria - recita una nota ufficiale -. Le strutture di proprietà italiane hanno in particolare scontato la mancata apertura invernale, con il conseguente totale azzeramento dei ricavi invernali, mentre le vendite relative alle strutture italiane estive di proprietà sono aumentate rispetto al precedente periodo di circa l’85%. Le strutture di proprietà estere hanno fatto registrare un decremento di circa il 78%. Per quanto riguarda i villaggi commercializzati, il fatturato ha registrato un decremento di circa il 97%. Infine, il settore tour operator ha registrato un decremento del fatturato pari al 98%, ripartito in pari percentuale tra tutte le destinazioni (Oriente, America e Canada, Africa e Sud Africa e Australia), incidendo in termini di costi sia sui servizi alberghieri sia sul costo del volato.\r\n\r\nIl risultato netto consolidato del periodo, negativo per 6,7 milioni di euro, ha registrato un miglioramento rispetto allo stesso periodo del precedente esercizio (-7,6 milioni di euro nel 2020). Al 31 luglio 2021 la liquidità del gruppo ammonta a 27,71 milioni di euro; la posizione finanziaria netta a breve termine è positiva per 25,78 milioni di euro, mentre quella a medio lungo termine risulta negativa per 5,89 milioni di euro, con una posizione complessiva finanziaria netta positiva di 19,89 milioni di euro.\r\n\r\n ","post_title":"Igv: primi nove mesi zavorrati dalle chiusure invernali","post_date":"2021-09-17T09:45:58+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1631871958000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"404313","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_404318\" align=\"alignright\" width=\"300\"] Credit Pierluigi Orler[/caption]\r\n\r\nL’estate 2021 della Val d’Ega riparte sui 9 sentieri escursionistici della star delle Dolomiti, con la bella novità del Latemar Bike. Inaugurato nell’estate del 2014, il Latemarium si ripresenta il 5 giugno 2021 (per le partenze da Obereggen) in una forma che mantiene tutte le caratteristiche che l’hanno reso una delle attrazioni principali per gli escursionisti di ogni livello ma aggiunge all’offerta una serie di piccole accortezze necessarie a vivere l’esperienza in totale serenità e nel pieno rispetto delle regole e dell’ambiente.\r\n\r\nFacilmente raggiungibile da Obereggen con la seggiovia Oberholz, il Latemarium è pensato per offrire a bambini e genitori svariate interpretazioni della scoperta in quota che culminano infatti nella piattaforma Latemar.360°, grande chiocciola in legno attaccata alla montagna a 2.100 m s.l.m., con una vista mozzafiato sul mondo alpino circostante. Tutt’altro che immobile, il Latemarium è una creatura viva, che col tempo si è arricchita di ulteriori attrazioni, come il rifugio Oberholz - una perla architettonica e gastronomica fatta di grandi vetrate a 2.096 metri – o la versione completamente restaurata del Latemarhütte / Torre di Pisa, situato a 2.671 metri e raggiungibile attraverso uno dei più bei sentieri delle Dolomiti.\r\n\r\nLungo il percorso Latemar.Natura, ideale per le famiglie grazie a dislivelli minimi e stazioni interattive e didattiche, si scoprono tutti i dettagli riguardanti i biotopi del Latemar, come il bosco alpino, il pascolo o l’alta montagna. Il Latemar.Panorama, direttamente sotto le rocce, offre oasi di relax con scorci straordinari ed è impreziosito da informazioni e dettagli sulle peculiarità geologiche di montagna, flora e fauna, sulle leggendarie gure del Latemar e sulla guerra di confine.\r\n\r\nIl Latemar.Relax scende a Obereggen dalla malga Laner Alm attraverso boschi ombreggiati, rigogliosi prati fioriti e verdi prati alpini sui quali gli animali pascolano, offrendo ai bambini uno spettacolo unico,\r\n\r\nIl Latemar.Art offre agli amanti dell’arte la possibilità di addentrarsi un un’esposizione davvero straordinaria nel museo a cielo aperto delle Dolomiti, con un itinerario costellato dei lavori di Dick Gordon, Sandro Scalet, Hidetoshi Nagasawa, Giampaolo Osele, Thorsten Schütt, Mauro Olivotto e Marco Nones.\r\n\r\nI più sportivi apprezzeranno invece il Latemar Torredipisa, escursione in montagna di difficoltà intermedia che si snoda tra camini e torri, salendo fino al Rifugio Torre di Pisa (2671 m), l’unico in questo mondo alpino ricco di crepacci.\r\n\r\nMa la novità 2021 è la realizzazione di due nuovi sentieri Latemar.Bike dedicati alla bicicletta, tradizionale o e-bike. Nuove perle della collana Latemarium, un progetto ambientalistico concretizzatosi in una fitta rete di sentieri tematici, ideali per escursioni a piedi in famiglia ed in bicicletta. Altra novità: oltre a salire in quota con la seggiovia Oberholz, che dà il nome ad una delle mitiche piste del comprensorio sciisctico Ski Center Latemar, il Latemarium è raggiungibile dalla cabinovia Ochsenweide (aperta dal 3 luglio al 29 agosto 2021). Una nuova opportunità per salire ad una altezza inferiore alla punta più alta di Obereggen ma altrettanto agevole per iniziare le escursioni e per scegliere il percorso Latemar.Alp, percorribile anche con passeggino: 9 chilometri ai piedi del massiccio del Latemar con le stazioni interattive che raccontano ai visitatori il mondo agricolo alpino.\r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"Val d'Ega presenta il Latemar Bike, le novità 2021 sui 9 sentieri escursionistici","post_date":"2021-05-21T09:45:02+00:00","category":["incoming"],"category_name":["Incoming"],"post_tag":[]},"sort":[1621590302000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti