7 December 2022

Il Viaggio: si allarga la rete di collaborazioni nell’ottica dell’adv del futuro

[ 0 ]

Quentin Desurmont e Ico Inanç

Un evento per i propri collaboratori, partner di grande lignaggio e un resort fra i migliori d’Italia, il Lefay resort & SPA Lago di Garda, sono gli ingredienti che Ico Inanç ha messo sul tappeto per il “Forum Moroni, Luxury Trends in Tourism”.
«Credo che la formazione, l’informazione interna, la partecipazione e l’attenzione siano i requisiti per essere, oggi, agenti di viaggio di successo. La definizione è riduttiva in quanto sarei più orientato verso la classificazione di consulenti, persone che fanno dell’esperienza e della professionalità il principale “attrezzo del mestiere” per consigliare e proporre ad ogni cliente il proprio viaggio».

Forum Moroni, quindi, eventi dedicati alla persona che gli ha insegnato tutto su questo mestiere, partendo dalla trasmissione della passione alla professionalità.
«I Forum Moroni – prosegue Inanç – sono una nuova avventura che vuole rendere omaggio ad una  vera viaggiatrice, Anna Moroni, che a metà degli anni ’60 decise di voler intraprendere una professione nel turismo, creando poi nel ’70 un tour operator, Il Viaggio, dedicato ai viaggi su misura, un’idea rivoluzionaria per l’epoca. La sua creazione di allora è oggi una realtà, un Travel Atelier pluripremiato, internazionalmente noto ed apprezzato per la sua professionalità».

E lo dimostra il parterre dei partecipanti, oltre a Quentin Desurmont, presidente di Traveller Made, il network internazionale dedicato al lusso, dove il rapporto con i partner, come il Lefay resort & SPA Lago di Garda assumono la connotazione di un rapporto molto più stretto che quello cliente/fornitore.

«Questo forum dedicato ad un particolare segmento di mercato, il lusso – conclude Inanç – oltre ad essere stato tenuto in una location che esemplifica perfettamente il concetto di “esperienza” di altissimo livello, sarà il primo di una lunga serie e ha potuto contare su partner eccellenti che ci hanno portato la loro esperienza e vicinanza come Gili Lankafushi, HTMS, i Como Hotels, il Gruppo Kerzner (Nne & Only), Six Senses, Mashatu e Mala Mala game reserve, Poseidon expeditions, l’Hotel Byron (Forte dei Marmi), Etihad, Abu Dhabi department of Culture and Tourism, Langham hotels, Traveller Made, Red Carnation hotels, Belmond».




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435653 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Prende il via dal 7 dicembre 2022 fino al 5 febbraio 2023 a Palazzo Monferrato di Alessandria la mostra “1853-2023, Torino-Genova, una rotaia lunga 170 anni”, dove è possibile ripercorrere, tramite illustrazioni e immagini multimediali, la storia della realizzazione della prima importante infrastruttura su rotaia della storia italiana e dove in contemporanea si propongono alcuni elementi di riflessione e di confronto tra le problematiche del periodo immediatamente precedente l’Unità nazionale. Arteria fondamentale per collegare la capitale del regno di Sardegna e il suo porto sul mar Ligure, fu realizzata nell'arco di nove anni circa. Il percorso espositivo articola il proprio racconto lungo alcune principali sezioni tematiche: Introduzione; L’attività preparatoria (1825-1845); I promotori del progetto: Camillo Cavour e Carlo Alberto; Il cantiere (1848-1853), luogo di sperimentazioni tecniche e tecnologiche; L’immagine della ferrovia attraverso la lente degli artisti; Evoluzione delle stazioni e del materiale viaggiante; La Torino-Genova e lo sviluppo del Nord-Ovest; Gli sviluppi attuali e futuri della linea. Oltre ai pannelli che sviluppano le singole sezioni, la mostra dispone di un tavolo con tecnologia touch screen, sul quale è possibile selezionare e ingrandire le 15 incisioni che il pittore svizzero Carlo Bossoli ha realizzato nel 1853 per un volume pubblicato a Londra (The Railway between Turin and Genoa), e inoltre consultare fin nei più minuti dettagli una planimetria di fine Ottocento che descrive le dotazioni tecnologiche della linea. Il progetto espositivo è promosso dal Comitato per i 170 anni della linea ferroviaria, un organismo nato nell’ambito della Fondazione SLALA (Sistema Logistico del Nord-Ovest), in collaborazione con la Camera di Commercio di Alessandria-Asti, la Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria, il Comune di Alessandria, e l’Università del Piemonte Orientale.  Il format prescelto è quello di una mostra itinerante che possa essere ospitata presso le principali città collocate lungo i 165 chilometri della tratta ferroviaria: in particolare, Torino, Asti, Alessandria, Novi Ligure e Genova.  Il racconto di questa storia affascinante – perché "è su questa linea che si è fatta l’Italia" – è affidato a un progetto curato da Roberto Livraghi, presidente del Comitato per i 170 anni della linea ferroviaria, e allestito da Line.lab di Giorgio Annone.  La mostra di Alessandria è realizzata con la speciale collaborazione operativa di: ALEXALA, Circuito Cultura e Territorio, ASM Costruire Insieme, DLF Alessandria-Asti, Fondazione FS, Museo Nazionale del Risorgimento Italiano di Torino, RFI-Rete Ferroviaria Italiana. [post_title] => Alessandria, al via la mostra “1853-2023, Torino-Genova, una rotaia lunga 170 anni” [post_date] => 2022-12-07T15:28:06+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670426886000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435519 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => È cresciuto l’interesse da parte dei turisti nei confronti della città di Milano. Una conferma che arriva da Global Blue, società leader nel settore del Tax Free Shopping, e Lybra Tech, azienda italiana che sviluppa soluzioni tecnologiche basate sui big data, per destinazioni turistiche, aziende ed hotel. In particolare, Global Blue conferma che tra agosto e ottobre 2022 Milano è la città con il più alto livello di spesa Tax Free in Italia (33%), superando così la performance legata al tax free shopping del pre-pandemia, con un tasso di recovery del 110%. Il capoluogo meneghino batte anche le altre realtà italiane per quanto riguarda lo scontrino medio che si attesta a 1.366 euro, confermandosi il valore più alto sulla penisola con una variazione positiva (+17%) rispetto al 2019. Inoltre, guidano la ripresa della città le aree del centro e del quadrilatero della moda con un tasso di recovery rispettivamente del 112% e il 110% se confrontati con il 2019. Ed è proprio nel quadrilatero che si registra il 51% delle spese totali da parte dei turisti, con uno scontrino medio di 2.121 euro. Per quanto riguarda le nazionalità in ingresso, rispetto alle altre destinazioni predilette per lo shopping come Roma, Firenze e Venezia, Milano gode di un mix più diversificato: sono i turisti provenienti dagli Stati Uniti a rappresentare il primo mercato estero in termini di spesa tax free (25%), seguiti dai Paesi Arabi (16%) e del sud-est asiatico (11%). Assente la Russia. Lo studio di Global Blue ha permesso anche di fotografare un particolare segmento di nuovi arrivi che hanno scelto Milano per i propri acquisti e che comprende l’area dei Paesi del Golfo. Nel dettaglio, i turisti arabi che hanno fatto shopping in Italia nel terzo trimestre del 2022 hanno concentrato quasi la metà dei loro acquisti proprio a Milano (47%), raddoppiando i livelli di spesa pre-pandemia fino a raggiungere il 197%, con uno scontrino medio pari a 1.390 euro, in aumento del 26% rispetto al 2019. Acquisti che per l’83% interessano il settore del Fashion & Clothing e per il 14% orologi e gioielli. Un’ulteriore chiave di lettura in prospettiva futura è fornita da Lybra Tech, secondo cui la domanda da parte dei turisti arabi verso la città di Milano è cresciuta in maniera considerevole durante gli ultimi tre mesi e, in particolare, nelle ultime settimane. Un trend positivo e che procede a un tasso medio del 3,9%. Forte è anche la richiesta di prenotazioni per il terzo weekend di dicembre, mentre non risulta che ci sia particolare interesse per le festività natalizie. Infine, dal punto di vista della permanenza sul territorio, Lybra Tech ha individuato una media di circa quattro notti per le persone provenienti dalle aree del Golfo, un valore molto più elevato rispetto a tutte le altre nazionalità. Sono i dati salienti del report trimestrale “The Next”, frutto della recente partnership tra Global Blue e Lybra Tech. L’analisi è basata sull'allineamento di due diverse fonti dati, una consuntiva e l'altra previsionale, che consente di valutare le performance Tax-Free Shopping (TFS) e di confrontarle con il mercato di riferimento. I turisti, infatti, rappresentano un bacino di inestimabile valore per ogni azienda, ma i mutevoli bisogni ed i repentini cambiamenti delle dinamiche di mercato hanno reso la loro comprensione ancora più importante per la strategia aziendale. È questa ragione che ha portato alla nascita di The Next, che costituisce uno strumento unico per rendere i brand consapevoli e protagonisti delle trasformazioni del mercato turistico sempre più in rapida evoluzione. Il tutto per dare alle imprese del settore l'opportunità di pianificare scelte di business data-driven attraverso la lettura e l'interpretazione della domanda turistica futura. Domande come quale sarà il trend del futuro, quali sono le aree della città più ricercate, come posso organizzare al meglio il mio negozio, insieme a molte altre, avranno ora una risposta. [post_title] => Milano: regina del turismo e centro internazionale di shopping [post_date] => 2022-12-07T10:30:34+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670409034000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435505 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il Parco Nazionale delle Cinque Terre è stato premiato a Bruxelles tra le aree protette che hanno che hanno raggiunto i traguardi e gli obiettivi della Carta Europea del Turismo Sostenibile (Cets) nel 2020, 2021 e 2022 per la gestione dei visitatori.  La delegazione dell'ente era composta dalla presidente Donatella Bianchi e dal vicepresidente Emanuele Moggia.  Il conferimento della certificazione promossa dalla Federazione Europarc è avvenuta nella sede del Parlamento Europeo. Il primo riconoscimento è stato ottenuto dal Parco della provincia della Spezia nel 2015 e adesso il Parco ha positivamente rinnovato la certificazione per il quinquennio 2021-2025.   La Cets rappresenta uno strumento di governance del turismo sensibile ai valori delle aree protette e alla sostenibilità, che prevede la collaborazione tra i diversi soggetti coinvolti nella filiera turistica per attuare una strategia concretizzata in un Piano d'Azione per lo Sviluppo Turistico.  [post_title] => Il Parco delle Cinque Terre premiato a Bruxelles per la sostenibilità [post_date] => 2022-12-07T10:18:05+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670408285000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435484 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Una delegazione del Parco Alpi Liguri, tra cui il presidente del Parco Alessandro Alessandri, i sindaci di Triora Massimo Di Fazio, di Pigna Roberto Trutalli e di Rezzo Renato Adorno, assieme a 4 aziende turistiche del territorio e agli operatori del Parco Alpi Liguri e della Regione Liguria, hanno fatto visita al Parlamento Europeo in occasione della cerimonia di premiazione formale del prestigioso riconoscimento della CETS Carta Europea del Turismo Sostenibile, ottenuta dal Parco nel 2021. L’evento, organizzato dalla Europarc Federation, ha visto insignire i Parchi europei che hanno ottenuto il marchio tra il 2020 ed il 2022. Il marchio ottenuto è per il Parco un importante traguardo internazionale che certifica una virtuosa gestione del territorio in ambito turistico ed ambientale e consente l’ingresso nella rete di destinazioni sostenibili a livello internazionale. Il risultato raggiunto rappresenta un primato in quanto il Parco naturale regionale delle Alpi Liguri è il primo parco regionale in Liguria ad averla ottenuta. «La Regione Liguria e il Parco delle Alpi Liguri - spiega il vice presidente della Regione con delega ai Parchi Alessandro Piana - per due giorni a Bruxelles al Parlamento Europeo hanno celebrato un momento importante nel percorso di ottenimento della certificazione della Carta Europea del Turismo Sostenibile. Un percorso realizzato grazie ai fondi del progetto transfrontaliero Alcotra Piter Alpimed Patrim e ai tavoli della governance del progetto PITEM MITO - Dalle Alpi al Mare: la terra dell’Outdoor tra Italia e Francia. Un impegno concreto capace di parlare alle comunità legate alle proprie tradizioni, di simboleggiare quell'Europa che finanzia e supporta processi economici innovativi, sostenibili anche nei territori più piccoli. Un esempio di coesione, collaborazione, partecipazione, rete». «Il Parco naturale regionale delle Alpi Liguri - ha sottolineato il Presidente Alessandri - ha una grande vocazione internazionale, una grande voglia di crescere e fare squadra per conservare e sviluppare il territorio. Sono orgoglioso del risultato ottenuto che voglio condividere con tutti i collaboratori e gli uffici del Parco, che ringrazio, e con i colleghi sindaci. Aver conseguito la Carta europea del turismo sostenibile vuol dire offrire una ulteriore garanzia di qualità a turisti e visitatori, considerata la grande attenzione spesa per il turismo che rispetta l’ambiente e le comunità locali». [post_title] => Parco Alpi Liguri, con il riconoscimento della CETS l’ingresso nella rete delle destinazioni sostenibili [post_date] => 2022-12-07T09:54:33+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670406873000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435517 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Riapre il prossimo 25 dicembre dopo un importante intervento di ristrutturazione il 4 stelle Garberhof in Alta Val Venosta. Il restyling ha mirato a creare un ambiente all'insegna di quello che la stessa proprietà definisce un modello di lusso silenzioso. Guidata dal proprietario Klaus Pobitzer, con la collaborazione dell’architetto, nonché amico di famiglia, Thomas Rampp, questa trasformazione ha coinvolto le camere, gli ambienti comuni e l’architettura esterna. Gli spazi abitativi si sono quindi rinnovati nel look, ampliandosi con 23 nuove chiavi, per un'offerta complessiva che ora conta 20 stanze, altrettante suite e due chalet. Il giardino esterno si è inoltre arricchito di un laghetto balneare naturale trattato in modo completamente biologico. L’ampia area benessere Mii: Amo, di 2.200 metri quadrati, è cambiata completamente nell’interior design introducendo materiali naturali quali l’argilla, il larice, il legno di abete rosso e rovere, migliorando l’isolamento acustico e arricchendosi di una nuova spaziosa sala relax con accesso al giardino. Vanno ad aggiungersi l’Hamam, tra i più grandi d’Italia e comprensivo di sei diverse aree per il rituale di purificazione, biosauna, sauna finlandese panoramica, docce emozionali, zona esterna con vasca ad acqua fredda, piscina interna ed esterna riscaldata panoramica, area fitness e zona beauty per massaggi e trattamenti con la linea cosmetica sviluppata in esclusiva a base di albicocca Prunus Armaniaca, antico cultivar dell'Alto Adige. Infine il cuore pulsante del Garberhof, il lounge bar 1981 che, oltre a offrire una selezione di 70 etichette di gin (incluso il Felix Luis realizzato in esclusiva per il proprietario Klaus a base di albicocca), si arricchisce di una nuova sala dedicata alle bollicine e una stanza per le degustazioni di vini locali per un’esperienza che si completa con la proposta enogastronomica del ristorante Pobitzer, guidato dallo chef Christian Lechthaler. Sin dalla sua nascita, il Garberhof ha poi sempre avuto l’amore per la natura circostante tra i suoi principali interessi. Da qui l’intuizione di piantare un vigneto di vitigni autoctoni Souvignier Gris, Solaris e Johanniter nel giardino della struttura, a oltre mille metri di altitudine, che quest’anno è stato vendemmiato per la prima volta con un risultato molto soddisfacente. Anche nella progettazione della struttura l’attenzione all’ambiente è sempre stata alla base della filosofia della famiglia Pobitzer: già dal 1983, solo dopo due anni dall’inaugurazione, il riscaldamento di tutti gli ambienti proviene unicamente dall’utilizzo del cippato; il Garberhof fu tra i primi inval Venosta a utilizzare questo tipo di riscaldamento naturale. Nel corso degli anni, si è quindi aggiunto l’uso del fotovoltaico, da cui oggi proviene il 25% del fabbisogno energetico elettrico ed è già nei progetti della famiglia Pobitzer un nuovo impianto per arrivare al 50%. L’utilizzo di apparecchiature elettriche e luci a basso consumo e un sistema di programmazione e automatismi in grado di utilizzare in modo intelligente l’energia è già attivo all’interno delle camere e in tutta la struttura. Inoltre, l’hotel utilizza la filtrazione e riciclo dell’acqua delle piscine per il riutilizzo come irrigazione nel giardino. La nuova ristrutturazione ha visto coinvolta anche l’architettura esterna: la facciata esposta a sud è stata lavorata con la sabbiatura del legno affinché il complesso possa inserirsi al meglio nel paesaggio alpino circostante; una riqualificazione energetica e un progetto di isolamento della struttura attraverso l’utilizzo del legno sulle facciate esterne ha poi creato elementi di ombreggiamento volti a migliorare la termoregolazione e a favorire la riduzione del calore dovuto all’esposizione solare. L’obiettivo nei prossimi tre anni è quello di ottenere le principali certificazioni ambientali e arrivare a essere sostenibili energeticamente fino al 90%. [post_title] => Riapre a Natale dopo il restyling l'alto-atesino Garberhof con 20 camere in più [post_date] => 2022-12-06T12:13:10+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670328790000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435503 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => “È stata un’esperienza incredibile poterla vivere di persona, rappresentando l’Italia a un evento che ha coinvolto mille delegati da tantissimi Paesi. E ci riempie di orgoglio". Così il product manager di Travel World Escape, Federico Bora, commenta la propria partecipazione in qualità di delegato alla sesta conferenza Mondiale del turismo, organizzata dalla Unwto a Kota Kinabalu in Malaysia. Dopo essere stato accolto lo scorso giugno tra i membri dell'Organizzazione mondiale del turismo, l'operatore mestrino aveva infatti annunciato la propria partecipazione alla Wtc malese di fine novembre. "È stato stimolante confrontarsi e insieme provare a capire alcuni percorsi da iniziare o su cui proseguire verso un futuro più resiliente, capace non solo di reagire, ma in grado di prevenire immaginando già ora il turismo verrà - prosegue Bora -. Tutte le sessioni, gli interventi e discussioni, hanno trattato argomenti, nuovi approcci e intuizioni che hanno rafforzato la volontà a proseguire nella nostra mission I Care”. Il tema di quest'anno è stato in particolare Tourism Futures Reimagined e ha offerto un approccio interdisciplinare per stimolare e ispirare i responsabili politici, gli esperti e i leader mondiali nel turismo presentando le più recenti innovazioni, tendenze, sfide pratiche e soluzioni per il futuro. "Nelle varie sessioni - aggiunge Bora - è spiccata soprattutto la fondamentale importanza dell’educazione delle nuove generazioni: ho incontrato e parlato con alcuni insegnanti e studenti presenti; una bella opportunità di conoscere un po’ come la Malesia stia formando il suo futuro nel turismo. Allo stesso tempo incontrare molte persone coinvolte nel turismo, a partire dai lavoratori, per esempio guide locali o nuove piccole realtà di accoglienza, come boutique hotel, sino alle proprietà di grandi catene, ma anche gli abitanti locali impegnati nel portare avanti e far crescere i progetti di turismo basato sulle comunità in Malesia. Il forte messaggio che è stato lanciato a tutti i livelli è stato quello di valorizzare la forte interconnessione di ogni ambito (governativo, educazione, imprese private, singoli operatori e comunità). Questo crea conoscenza e può orientare l’impegno di ciascuno verso gli stessi obiettivi con maggiore efficacia, come ha ricordato nel suo messaggio di chiusura Harry Hwang, il direttore per l’Asia e il Pacifico dell’Unwto". [post_title] => Bora, Travel World Escape: la Wtc un'occasione per scoprire nuovi percorsi per un futuro più resiliente [post_date] => 2022-12-06T11:46:09+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670327169000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435478 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_435495" align="alignleft" width="300"] Da sinistra, Luca Buonnpensiere, Paola D'Ammassa, responsabile vendite Centro-Sud Italia Glamour, Alessandra Brunetti, leisure sales di Ita Airways, Simone Prinari, direttore vendite & marketing Glamour, Federica Belardelli, sales Glamour, e Marco Depascale cruise development manager Glamour[/caption] Si rinsalda la collaborazione tra Glamour To e Ita Airways. Una partnership che si è rivelata un successo soprattutto su destinazioni come gli Stati Uniti, una delle mete più vendute da Glamour che ha una forte presenza sul lungo raggio. Da quest’anno poi si sono aggiunte nuove destinazioni come Giappone e Maldive, nonché specialmente  l’India, grazie alla interessante iniziativa del to toscano di offrire viaggi con accompagnatore dall’Italia da questa stagione invernale. I tour saranno focalizzati su Centro e Sud America, Africa & Oriente, ma anche su nuove mete che saranno proposte in occasione di eventi speciali. Gli accompagnatori potranno essere sia product manager di Glamour, sia esperti e accreditati tour leader. Si tratta di itinerari che puntano a far vivere un’esperienza a 360 gradi, permettendo di godere delle bellezze del territorio ma anche di scoprire la cultura e le tradizioni del luogo, grazie alla forte conoscenza della meta offerta. . La compagnia aerea e il tour operator viareggino hanno quindi pensato di organizzare due serate di presentazione ad hoc, il 30 novembre a Milano e il 5 dicembre a Roma, per illustrare agli agenti di viaggio tutte le offerte, le novità e le nuove destinazioni su cui hanno iniziato a collaborare. “Cerchiamo sempre di offrire qualcosa di nuovo e di diverso, un prodotto unico, che possa rendere un viaggio davvero un’esperienza memorabile - sottolinea il titolare di Glamour To, Luca Buonpensiere -. La partnership con Ita Airways ci aiuta a garantire i nostri alti standard e ci stimola a sviluppare sempre nuovi progetti e raggiungere nuovi obiettivi”.   [post_title] => Glamour To insieme a Ita per presentare i nuovi tour con accompagnatore dall'Italia [post_date] => 2022-12-06T11:16:49+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670325409000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435483 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Trasporto aereo. Il 5G è entrato nell'agenda del settore dell'aviazione europea con un orizzonte pieno di minacce. Le compagnie aeree sono preoccupate per il loro possibile impatto sulla sicurezza delle operazioni in futuro, in linea con le voci di allarme che si sono levate negli Stati Uniti.  Eurocontrol ritiene che l'impatto di questo problema sarà minore in Europa. Tuttavia, il suo direttore generale, Eamonn Brennan, avverte che «potrebbe minacciare la sicurezza aerea e comportare costi finanziari significativi per le compagnie aeree».  «Un anno di deviazioni causate dall'interruzione delle operazioni 5G nei giorni di scarsa visibilità potrebbe costare alle compagnie aeree e agli aeroporti fino a 180 milioni di euro e interrompere i piani di viaggio fino a 1,2 milioni di passeggeri», avverte. Teme infatti che «se non facciamo nulla, c'è il rischio reale che l'aviazione venga frenata nei prossimi anni, poiché i sistemi attuali troveranno sempre più difficile soddisfare i requisiti operativi». Sforzi coordinati Di fronte a questo rischio reale, richiede sforzi coordinati e urgenti per modernizzare i sistemi di comunicazione, navigazione e sorveglianza. Con ciò intende evitare una saturazione dei canali che potrebbe ostacolare il passaggio a sistemi più moderni e capaci. Tra le loro richieste vi sono il miglioramento del filtraggio della banda adiacente, nonché il mantenimento degli standard delle apparecchiature aeronautiche per i sistemi legacy. Allo stesso modo, insistono sulla necessità di raggiungere il giusto equilibrio tra il dispiegamento coordinato di nuovi sistemi radio. [post_title] => Trasporto aereo: incombono le minacce del 5G per la sicurezza [post_date] => 2022-12-06T10:53:25+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => topnews ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Top News ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670324005000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435481 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_338791" align="alignleft" width="300"] Andrea Incondi[/caption] In vista delle festività, FlixBus lancia l’iniziativa «Offset Christmas» (lett. «compensa il Natale»), con cui punta a limitare il proprio impatto sull’ambiente nel periodo natalizio. L’iniziativa riguarderà la settimana di Natale, da sempre caratterizzata da momenti di traffico intenso per il ritorno a casa di chi vive fuori sede, e si avvarrà della collaborazione con la Ong Atmosfair, che da anni supporta la visione dell’azienda di una mobilità più green, e del contributo individuale di chiunque vorrà contribuire, insieme a FlixBus, a fare un regalo di Natale all’ambiente. Grazie alla collaborazione con Atmosfair, chi si muove con FlixBus ha da sempre la possibilità di azzerare il proprio impatto sull’ambiente, compensando, all’atto della prenotazione, le emissioni di CO2 relative al viaggio con una donazione volontaria, proporzionata alla lunghezza dell’itinerario. L’importo viene poi devoluto ad Amtosfair e reinvestito in progetti certificati di protezione del clima. Grazie alle donazioni raccolte e devolute ad Atmosfair, negli anni sono state compensate 86.000 t di CO2, una somma equivalente alle emissioni generate da viaggi in FlixBus per oltre 2 miliardi di km. Con «Offset Christmas», FlixBus raddoppierà tutte le donazioni effettuate sui viaggi con prenotazione fra il 19 e il 25 dicembre verso tutte le destinazioni collegate dalla propria rete in Italia. Così, oltre a dare a chiunque la possibilità di contribuire attivamente alla tutela dell’ambiente, FlixBus punta a valorizzarne il contributo, con l’obiettivo di motivare sempre più persone ad aderire all’iniziativa. «La fine dell’anno è occasione per trarre un bilancio e interrogarci sul nostro contributo alle cause che toccano da vicino la comunità. Tra queste, quella ambientale è particolarmente rilevante, e riguarda una responsabilità condivisa a cui non possiamo più sottrarci e alla quale chiunque può contribuire. Ogni piccolo passo è importante in questo senso, e speriamo di poter fare sempre di più grazie all’impegno e alla collaborazione delle nostre passeggere e passeggeri, e di chi deciderà di utilizzare sempre più mezzi collettivi anziché la propria auto», ha dichiarato Andrea Incondi, managing director di FlixBus Italia. Le scelte personali contano Nonostante l’entità della sfida posta dal cambiamento climatico, anche le piccole azioni quotidiane possono contribuire alla causa ambientale. Ad esempio, chi preferisce i mezzi collettivi all’auto privata riduce già di molto il proprio impatto sul clima: un autobus, infatti, può sostituire fino a 30 automobili,[1] risultando, di per sé, una soluzione di gran lunga più ecologica, oltre che alla portata di chiunque. Ciononostante, soltanto poche persone, anche fra quelle che si impegnano per la causa ambientale, sono consapevoli dell’impatto positivo che possono produrre con le proprie azioni virtuose. La ricerca Il viaggiatore green, svolta dall’istituto Squadrati su un campione di persone dichiaratamente attente al tema, rivela che meno del 50% di queste è convinta dell’efficacia dei propri comportamenti. Iniziative come «Offset Christmas» possono contribuire ad accrescere il coinvolgimento delle persone e la loro motivazione a fare ancora di più. Del resto, proprio la ricerca Il viaggiatore green ha messo in luce la volontà, da parte delle persone, di partecipare attivamente alla transizione verso un sistema trasporti più green, preferendo all’auto un approccio integrato alla mobilità, basato sull’uso combinato di mezzi collettivi. In questa direzione va anche l’attenzione di FlixBus all’intermodalità, che contempla l’istituzione di collegamenti diretti verso hub della mobilità collettiva come le stazioni e autostazioni cittadine e gli aeroporti, e si affianca alle altre iniziative perseguite in campo di riduzione dell’impatto ambientale. [post_title] => Flixbus riduce l'impatto sull'ambiente a Natale con Offset Christmas [post_date] => 2022-12-06T10:37:20+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670323040000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "viaggio si allarga la rete collaborazioni nellottica delladv del futuro" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":62,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":2870,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435653","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Prende il via dal 7 dicembre 2022 fino al 5 febbraio 2023 a Palazzo Monferrato di Alessandria la mostra “1853-2023, Torino-Genova, una rotaia lunga 170 anni”, dove è possibile ripercorrere, tramite illustrazioni e immagini multimediali, la storia della realizzazione della prima importante infrastruttura su rotaia della storia italiana e dove in contemporanea si propongono alcuni elementi di riflessione e di confronto tra le problematiche del periodo immediatamente precedente l’Unità nazionale. Arteria fondamentale per collegare la capitale del regno di Sardegna e il suo porto sul mar Ligure, fu realizzata nell'arco di nove anni circa.\r\n\r\nIl percorso espositivo articola il proprio racconto lungo alcune principali sezioni tematiche: Introduzione; L’attività preparatoria (1825-1845); I promotori del progetto: Camillo Cavour e Carlo Alberto; Il cantiere (1848-1853), luogo di sperimentazioni tecniche e tecnologiche; L’immagine della ferrovia attraverso la lente degli artisti; Evoluzione delle stazioni e del materiale viaggiante; La Torino-Genova e lo sviluppo del Nord-Ovest; Gli sviluppi attuali e futuri della linea.\r\n\r\nOltre ai pannelli che sviluppano le singole sezioni, la mostra dispone di un tavolo con tecnologia touch screen, sul quale è possibile selezionare e ingrandire le 15 incisioni che il pittore svizzero Carlo Bossoli ha realizzato nel 1853 per un volume pubblicato a Londra (The Railway between Turin and Genoa), e inoltre consultare fin nei più minuti dettagli una planimetria di fine Ottocento che descrive le dotazioni tecnologiche della linea.\r\n\r\nIl progetto espositivo è promosso dal Comitato per i 170 anni della linea ferroviaria, un organismo nato nell’ambito della Fondazione SLALA (Sistema Logistico del Nord-Ovest), in collaborazione con la Camera di Commercio di Alessandria-Asti, la Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria, il Comune di Alessandria, e l’Università del Piemonte Orientale. \r\n\r\nIl format prescelto è quello di una mostra itinerante che possa essere ospitata presso le principali città collocate lungo i 165 chilometri della tratta ferroviaria: in particolare, Torino, Asti, Alessandria, Novi Ligure e Genova.  Il racconto di questa storia affascinante – perché \"è su questa linea che si è fatta l’Italia\" – è affidato a un progetto curato da Roberto Livraghi, presidente del Comitato per i 170 anni della linea ferroviaria, e allestito da Line.lab di Giorgio Annone. \r\n\r\nLa mostra di Alessandria è realizzata con la speciale collaborazione operativa di: ALEXALA, Circuito Cultura e Territorio, ASM Costruire Insieme, DLF Alessandria-Asti, Fondazione FS, Museo Nazionale del Risorgimento Italiano di Torino, RFI-Rete Ferroviaria Italiana.","post_title":"Alessandria, al via la mostra “1853-2023, Torino-Genova, una rotaia lunga 170 anni”","post_date":"2022-12-07T15:28:06+00:00","category":["incoming"],"category_name":["Incoming"],"post_tag":[]},"sort":[1670426886000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435519","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"È cresciuto l’interesse da parte dei turisti nei confronti della città di Milano. Una conferma che arriva da Global Blue, società leader nel settore del Tax Free Shopping, e Lybra Tech, azienda italiana che sviluppa soluzioni tecnologiche basate sui big data, per destinazioni turistiche, aziende ed hotel.\r\n\r\nIn particolare, Global Blue conferma che tra agosto e ottobre 2022 Milano è la città con il più alto livello di spesa Tax Free in Italia (33%), superando così la performance legata al tax free shopping del pre-pandemia, con un tasso di recovery del 110%.\r\n\r\nIl capoluogo meneghino batte anche le altre realtà italiane per quanto riguarda lo scontrino medio che si attesta a 1.366 euro, confermandosi il valore più alto sulla penisola con una variazione positiva (+17%) rispetto al 2019. Inoltre, guidano la ripresa della città le aree del centro e del quadrilatero della moda con un tasso di recovery rispettivamente del 112% e il 110% se confrontati con il 2019. Ed è proprio nel quadrilatero che si registra il 51% delle spese totali da parte dei turisti, con uno scontrino medio di 2.121 euro.\r\n\r\nPer quanto riguarda le nazionalità in ingresso, rispetto alle altre destinazioni predilette per lo shopping come Roma, Firenze e Venezia, Milano gode di un mix più diversificato: sono i turisti provenienti dagli Stati Uniti a rappresentare il primo mercato estero in termini di spesa tax free (25%), seguiti dai Paesi Arabi (16%) e del sud-est asiatico (11%). Assente la Russia.\r\n\r\nLo studio di Global Blue ha permesso anche di fotografare un particolare segmento di nuovi arrivi che hanno scelto Milano per i propri acquisti e che comprende l’area dei Paesi del Golfo. Nel dettaglio, i turisti arabi che hanno fatto shopping in Italia nel terzo trimestre del 2022 hanno concentrato quasi la metà dei loro acquisti proprio a Milano (47%), raddoppiando i livelli di spesa pre-pandemia fino a raggiungere il 197%, con uno scontrino medio pari a 1.390 euro, in aumento del 26% rispetto al 2019. Acquisti che per l’83% interessano il settore del Fashion & Clothing e per il 14% orologi e gioielli.\r\n\r\nUn’ulteriore chiave di lettura in prospettiva futura è fornita da Lybra Tech, secondo cui la domanda da parte dei turisti arabi verso la città di Milano è cresciuta in maniera considerevole durante gli ultimi tre mesi e, in particolare, nelle ultime settimane. Un trend positivo e che procede a un tasso medio del 3,9%. Forte è anche la richiesta di prenotazioni per il terzo weekend di dicembre, mentre non risulta che ci sia particolare interesse per le festività natalizie. Infine, dal punto di vista della permanenza sul territorio, Lybra Tech ha individuato una media di circa quattro notti per le persone provenienti dalle aree del Golfo, un valore molto più elevato rispetto a tutte le altre nazionalità.\r\n\r\nSono i dati salienti del report trimestrale “The Next”, frutto della recente partnership tra Global Blue e Lybra Tech. L’analisi è basata sull'allineamento di due diverse fonti dati, una consuntiva e l'altra previsionale, che consente di valutare le performance Tax-Free Shopping (TFS) e di confrontarle con il mercato di riferimento. I turisti, infatti, rappresentano un bacino di inestimabile valore per ogni azienda, ma i mutevoli bisogni ed i repentini cambiamenti delle dinamiche di mercato hanno reso la loro comprensione ancora più importante per la strategia aziendale.\r\n\r\nÈ questa ragione che ha portato alla nascita di The Next, che costituisce uno strumento unico per rendere i brand consapevoli e protagonisti delle trasformazioni del mercato turistico sempre più in rapida evoluzione. Il tutto per dare alle imprese del settore l'opportunità di pianificare scelte di business data-driven attraverso la lettura e l'interpretazione della domanda turistica futura. Domande come quale sarà il trend del futuro, quali sono le aree della città più ricercate, come posso organizzare al meglio il mio negozio, insieme a molte altre, avranno ora una risposta.","post_title":"Milano: regina del turismo e centro internazionale di shopping","post_date":"2022-12-07T10:30:34+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1670409034000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435505","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il Parco Nazionale delle Cinque Terre è stato premiato a Bruxelles tra le aree protette che hanno che hanno raggiunto i traguardi e gli obiettivi della Carta Europea del Turismo Sostenibile (Cets) nel 2020, 2021 e 2022 per la gestione dei visitatori.\r\n La delegazione dell'ente era composta dalla presidente Donatella Bianchi e dal vicepresidente Emanuele Moggia.\r\n Il conferimento della certificazione promossa dalla Federazione Europarc è avvenuta nella sede del Parlamento Europeo. Il primo riconoscimento è stato ottenuto dal Parco della provincia della Spezia nel 2015 e adesso il Parco ha positivamente rinnovato la certificazione per il quinquennio 2021-2025.\r\n \r\nLa Cets rappresenta uno strumento di governance del turismo sensibile ai valori delle aree protette e alla sostenibilità, che prevede la collaborazione tra i diversi soggetti coinvolti nella filiera turistica per attuare una strategia concretizzata in un Piano d'Azione per lo Sviluppo Turistico. ","post_title":"Il Parco delle Cinque Terre premiato a Bruxelles per la sostenibilità","post_date":"2022-12-07T10:18:05+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1670408285000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435484","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Una delegazione del Parco Alpi Liguri, tra cui il presidente del Parco Alessandro Alessandri, i sindaci di Triora Massimo Di Fazio, di Pigna Roberto Trutalli e di Rezzo Renato Adorno, assieme a 4 aziende turistiche del territorio e agli operatori del Parco Alpi Liguri e della Regione Liguria, hanno fatto visita al Parlamento Europeo in occasione della cerimonia di premiazione formale del prestigioso riconoscimento della CETS Carta Europea del Turismo Sostenibile, ottenuta dal Parco nel 2021. L’evento, organizzato dalla Europarc Federation, ha visto insignire i Parchi europei che hanno ottenuto il marchio tra il 2020 ed il 2022.\r\n\r\nIl marchio ottenuto è per il Parco un importante traguardo internazionale che certifica una virtuosa gestione del territorio in ambito turistico ed ambientale e consente l’ingresso nella rete di destinazioni sostenibili a livello internazionale. Il risultato raggiunto rappresenta un primato in quanto il Parco naturale regionale delle Alpi Liguri è il primo parco regionale in Liguria ad averla ottenuta.\r\n\r\n«La Regione Liguria e il Parco delle Alpi Liguri - spiega il vice presidente della Regione con delega ai Parchi Alessandro Piana - per due giorni a Bruxelles al Parlamento Europeo hanno celebrato un momento importante nel percorso di ottenimento della certificazione della Carta Europea del Turismo Sostenibile. Un percorso realizzato grazie ai fondi del progetto transfrontaliero Alcotra Piter Alpimed Patrim e ai tavoli della governance del progetto PITEM MITO - Dalle Alpi al Mare: la terra dell’Outdoor tra Italia e Francia. Un impegno concreto capace di parlare alle comunità legate alle proprie tradizioni, di simboleggiare quell'Europa che finanzia e supporta processi economici innovativi, sostenibili anche nei territori più piccoli. Un esempio di coesione, collaborazione, partecipazione, rete».\r\n\r\n«Il Parco naturale regionale delle Alpi Liguri - ha sottolineato il Presidente Alessandri - ha una grande vocazione internazionale, una grande voglia di crescere e fare squadra per conservare e sviluppare il territorio. Sono orgoglioso del risultato ottenuto che voglio condividere con tutti i collaboratori e gli uffici del Parco, che ringrazio, e con i colleghi sindaci. Aver conseguito la Carta europea del turismo sostenibile vuol dire offrire una ulteriore garanzia di qualità a turisti e visitatori, considerata la grande attenzione spesa per il turismo che rispetta l’ambiente e le comunità locali».","post_title":"Parco Alpi Liguri, con il riconoscimento della CETS l’ingresso nella rete delle destinazioni sostenibili","post_date":"2022-12-07T09:54:33+00:00","category":["incoming"],"category_name":["Incoming"],"post_tag":[]},"sort":[1670406873000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435517","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Riapre il prossimo 25 dicembre dopo un importante intervento di ristrutturazione il 4 stelle Garberhof in Alta Val Venosta. Il restyling ha mirato a creare un ambiente all'insegna di quello che la stessa proprietà definisce un modello di lusso silenzioso. Guidata dal proprietario Klaus Pobitzer, con la collaborazione dell’architetto, nonché amico di famiglia, Thomas Rampp, questa trasformazione ha coinvolto le camere, gli ambienti comuni e l’architettura esterna. Gli spazi abitativi si sono quindi rinnovati nel look, ampliandosi con 23 nuove chiavi, per un'offerta complessiva che ora conta 20 stanze, altrettante suite e due chalet.\r\n\r\nIl giardino esterno si è inoltre arricchito di un laghetto balneare naturale trattato in modo completamente biologico. L’ampia area benessere Mii: Amo, di 2.200 metri quadrati, è cambiata completamente nell’interior design introducendo materiali naturali quali l’argilla, il larice, il legno di abete rosso e rovere, migliorando l’isolamento acustico e arricchendosi di una nuova spaziosa sala relax con accesso al giardino. Vanno ad aggiungersi l’Hamam, tra i più grandi d’Italia e comprensivo di sei diverse aree per il rituale di purificazione, biosauna, sauna finlandese panoramica, docce emozionali, zona esterna con vasca ad acqua fredda, piscina interna ed esterna riscaldata panoramica, area fitness e zona beauty per massaggi e trattamenti con la linea cosmetica sviluppata in esclusiva a base di albicocca Prunus Armaniaca, antico cultivar dell'Alto Adige. Infine il cuore pulsante del Garberhof, il lounge bar 1981 che, oltre a offrire una selezione di 70 etichette di gin (incluso il Felix Luis realizzato in esclusiva per il proprietario Klaus a base di albicocca), si arricchisce di una nuova sala dedicata alle bollicine e una stanza per le degustazioni di vini locali per un’esperienza che si completa con la proposta enogastronomica del ristorante Pobitzer, guidato dallo chef Christian Lechthaler.\r\n\r\nSin dalla sua nascita, il Garberhof ha poi sempre avuto l’amore per la natura circostante tra i suoi principali interessi. Da qui l’intuizione di piantare un vigneto di vitigni autoctoni Souvignier Gris, Solaris e Johanniter nel giardino della struttura, a oltre mille metri di altitudine, che quest’anno è stato vendemmiato per la prima volta con un risultato molto soddisfacente. Anche nella progettazione della struttura l’attenzione all’ambiente è sempre stata alla base della filosofia della famiglia Pobitzer: già dal 1983, solo dopo due anni dall’inaugurazione, il riscaldamento di tutti gli ambienti proviene unicamente dall’utilizzo del cippato; il Garberhof fu tra i primi inval Venosta a utilizzare questo tipo di riscaldamento naturale. Nel corso degli anni, si è quindi aggiunto l’uso del fotovoltaico, da cui oggi proviene il 25% del fabbisogno energetico elettrico ed è già nei progetti della famiglia Pobitzer un nuovo impianto per arrivare al 50%. L’utilizzo di apparecchiature elettriche e luci a basso consumo e un sistema di programmazione e automatismi in grado di utilizzare in modo intelligente l’energia è già attivo all’interno delle camere e in tutta la struttura. Inoltre, l’hotel utilizza la filtrazione e riciclo dell’acqua delle piscine per il riutilizzo come irrigazione nel giardino. La nuova ristrutturazione ha visto coinvolta anche l’architettura esterna: la facciata esposta a sud è stata lavorata con la sabbiatura del legno affinché il complesso possa inserirsi al meglio nel paesaggio alpino circostante; una riqualificazione energetica e un progetto di isolamento della struttura attraverso l’utilizzo del legno sulle facciate esterne ha poi creato elementi di ombreggiamento volti a migliorare la termoregolazione e a favorire la riduzione del calore dovuto all’esposizione solare. L’obiettivo nei prossimi tre anni è quello di ottenere le principali certificazioni ambientali e arrivare a essere sostenibili energeticamente fino al 90%.","post_title":"Riapre a Natale dopo il restyling l'alto-atesino Garberhof con 20 camere in più","post_date":"2022-12-06T12:13:10+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1670328790000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435503","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"“È stata un’esperienza incredibile poterla vivere di persona, rappresentando l’Italia a un evento che ha coinvolto mille delegati da tantissimi Paesi. E ci riempie di orgoglio\". Così il product manager di Travel World Escape, Federico Bora, commenta la propria partecipazione in qualità di delegato alla sesta conferenza Mondiale del turismo, organizzata dalla Unwto a Kota Kinabalu in Malaysia. Dopo essere stato accolto lo scorso giugno tra i membri dell'Organizzazione mondiale del turismo, l'operatore mestrino aveva infatti annunciato la propria partecipazione alla Wtc malese di fine novembre.\r\n\r\n\"È stato stimolante confrontarsi e insieme provare a capire alcuni percorsi da iniziare o su cui proseguire\r\nverso un futuro più resiliente, capace non solo di reagire, ma in grado di prevenire immaginando già ora il\r\nturismo verrà - prosegue Bora -. Tutte le sessioni, gli interventi e discussioni, hanno trattato argomenti, nuovi approcci e intuizioni che hanno rafforzato la volontà a proseguire nella nostra mission I Care”. Il tema di quest'anno è stato in particolare Tourism Futures Reimagined e ha offerto un approccio interdisciplinare per\r\nstimolare e ispirare i responsabili politici, gli esperti e i leader mondiali nel turismo presentando le più\r\nrecenti innovazioni, tendenze, sfide pratiche e soluzioni per il futuro.\r\n\r\n\"Nelle varie sessioni - aggiunge Bora - è spiccata soprattutto la fondamentale importanza dell’educazione delle nuove generazioni: ho incontrato e parlato con alcuni insegnanti e studenti presenti; una bella opportunità di conoscere un po’ come la Malesia stia formando il suo futuro nel turismo. Allo stesso tempo incontrare molte persone coinvolte nel turismo, a partire dai lavoratori, per esempio guide locali o nuove piccole realtà di accoglienza, come boutique hotel, sino alle proprietà di grandi catene, ma anche gli abitanti locali impegnati nel portare avanti e far crescere i progetti di turismo basato sulle comunità in Malesia. Il forte messaggio che è stato lanciato a tutti i livelli è stato quello di valorizzare la forte interconnessione di ogni ambito (governativo, educazione, imprese private, singoli operatori e comunità). Questo crea conoscenza e può orientare l’impegno di ciascuno verso gli stessi obiettivi con maggiore\r\nefficacia, come ha ricordato nel suo messaggio di chiusura Harry Hwang, il direttore per l’Asia e il Pacifico dell’Unwto\".","post_title":"Bora, Travel World Escape: la Wtc un'occasione per scoprire nuovi percorsi per un futuro più resiliente","post_date":"2022-12-06T11:46:09+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1670327169000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435478","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_435495\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Da sinistra, Luca Buonnpensiere, Paola D'Ammassa, responsabile vendite Centro-Sud Italia Glamour, Alessandra Brunetti, leisure sales di Ita Airways, Simone Prinari, direttore vendite & marketing Glamour, Federica Belardelli, sales Glamour, e Marco Depascale cruise development manager Glamour[/caption]\r\n\r\nSi rinsalda la collaborazione tra Glamour To e Ita Airways. Una partnership che si è rivelata un successo soprattutto su destinazioni come gli Stati Uniti, una delle mete più vendute da Glamour che ha una forte presenza sul lungo raggio. Da quest’anno poi si sono aggiunte nuove destinazioni come Giappone e Maldive, nonché specialmente  l’India, grazie alla interessante iniziativa del to toscano di offrire viaggi con accompagnatore dall’Italia da questa stagione invernale. I tour saranno focalizzati su Centro e Sud America, Africa & Oriente, ma anche su nuove mete che saranno proposte in occasione di eventi speciali. Gli accompagnatori potranno essere sia product manager di Glamour, sia esperti e accreditati tour leader. Si tratta di itinerari che puntano a far vivere un’esperienza a 360 gradi, permettendo di godere delle bellezze del territorio ma anche di scoprire la cultura e le tradizioni del luogo, grazie alla forte conoscenza della meta offerta. .\r\n\r\nLa compagnia aerea e il tour operator viareggino hanno quindi pensato di organizzare due serate di presentazione ad hoc, il 30 novembre a Milano e il 5 dicembre a Roma, per illustrare agli agenti di viaggio tutte le offerte, le novità e le nuove destinazioni su cui hanno iniziato a collaborare. “Cerchiamo sempre di offrire qualcosa di nuovo e di diverso, un prodotto unico, che possa rendere un viaggio davvero un’esperienza memorabile - sottolinea il titolare di Glamour To, Luca Buonpensiere -. La partnership con Ita Airways ci aiuta a garantire i nostri alti standard e ci stimola a sviluppare sempre nuovi progetti e raggiungere nuovi obiettivi”.\r\n\r\n ","post_title":"Glamour To insieme a Ita per presentare i nuovi tour con accompagnatore dall'Italia","post_date":"2022-12-06T11:16:49+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1670325409000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435483","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Trasporto aereo. Il 5G è entrato nell'agenda del settore dell'aviazione europea con un orizzonte pieno di minacce. Le compagnie aeree sono preoccupate per il loro possibile impatto sulla sicurezza delle operazioni in futuro, in linea con le voci di allarme che si sono levate negli Stati Uniti. \r\n\r\nEurocontrol ritiene che l'impatto di questo problema sarà minore in Europa. Tuttavia, il suo direttore generale, Eamonn Brennan, avverte che «potrebbe minacciare la sicurezza aerea e comportare costi finanziari significativi per le compagnie aeree». \r\n\r\n«Un anno di deviazioni causate dall'interruzione delle operazioni 5G nei giorni di scarsa visibilità potrebbe costare alle compagnie aeree e agli aeroporti fino a 180 milioni di euro e interrompere i piani di viaggio fino a 1,2 milioni di passeggeri», avverte. Teme infatti che «se non facciamo nulla, c'è il rischio reale che l'aviazione venga frenata nei prossimi anni, poiché i sistemi attuali troveranno sempre più difficile soddisfare i requisiti operativi».\r\nSforzi coordinati\r\nDi fronte a questo rischio reale, richiede sforzi coordinati e urgenti per modernizzare i sistemi di comunicazione, navigazione e sorveglianza. Con ciò intende evitare una saturazione dei canali che potrebbe ostacolare il passaggio a sistemi più moderni e capaci.\r\n\r\nTra le loro richieste vi sono il miglioramento del filtraggio della banda adiacente, nonché il mantenimento degli standard delle apparecchiature aeronautiche per i sistemi legacy. Allo stesso modo, insistono sulla necessità di raggiungere il giusto equilibrio tra il dispiegamento coordinato di nuovi sistemi radio.","post_title":"Trasporto aereo: incombono le minacce del 5G per la sicurezza","post_date":"2022-12-06T10:53:25+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":["topnews"],"post_tag_name":["Top News"]},"sort":[1670324005000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435481","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_338791\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Andrea Incondi[/caption]\r\n\r\nIn vista delle festività, FlixBus lancia l’iniziativa «Offset Christmas» (lett. «compensa il Natale»), con cui punta a limitare il proprio impatto sull’ambiente nel periodo natalizio.\r\n\r\nL’iniziativa riguarderà la settimana di Natale, da sempre caratterizzata da momenti di traffico intenso per il ritorno a casa di chi vive fuori sede, e si avvarrà della collaborazione con la Ong Atmosfair, che da anni supporta la visione dell’azienda di una mobilità più green, e del contributo individuale di chiunque vorrà contribuire, insieme a FlixBus, a fare un regalo di Natale all’ambiente.\r\n\r\nGrazie alla collaborazione con Atmosfair, chi si muove con FlixBus ha da sempre la possibilità di azzerare il proprio impatto sull’ambiente, compensando, all’atto della prenotazione, le emissioni di CO2 relative al viaggio con una donazione volontaria, proporzionata alla lunghezza dell’itinerario. L’importo viene poi devoluto ad Amtosfair e reinvestito in progetti certificati di protezione del clima.\r\n\r\nGrazie alle donazioni raccolte e devolute ad Atmosfair, negli anni sono state compensate 86.000 t di CO2, una somma equivalente alle emissioni generate da viaggi in FlixBus per oltre 2 miliardi di km.\r\n\r\nCon «Offset Christmas», FlixBus raddoppierà tutte le donazioni effettuate sui viaggi con prenotazione fra il 19 e il 25 dicembre verso tutte le destinazioni collegate dalla propria rete in Italia.\r\n\r\nCosì, oltre a dare a chiunque la possibilità di contribuire attivamente alla tutela dell’ambiente, FlixBus punta a valorizzarne il contributo, con l’obiettivo di motivare sempre più persone ad aderire all’iniziativa.\r\n\r\n«La fine dell’anno è occasione per trarre un bilancio e interrogarci sul nostro contributo alle cause che toccano da vicino la comunità. Tra queste, quella ambientale è particolarmente rilevante, e riguarda una responsabilità condivisa a cui non possiamo più sottrarci e alla quale chiunque può contribuire. Ogni piccolo passo è importante in questo senso, e speriamo di poter fare sempre di più grazie all’impegno e alla collaborazione delle nostre passeggere e passeggeri, e di chi deciderà di utilizzare sempre più mezzi collettivi anziché la propria auto», ha dichiarato Andrea Incondi, managing director di FlixBus Italia.\r\nLe scelte personali contano\r\nNonostante l’entità della sfida posta dal cambiamento climatico, anche le piccole azioni quotidiane possono contribuire alla causa ambientale. Ad esempio, chi preferisce i mezzi collettivi all’auto privata riduce già di molto il proprio impatto sul clima: un autobus, infatti, può sostituire fino a 30 automobili,[1] risultando, di per sé, una soluzione di gran lunga più ecologica, oltre che alla portata di chiunque.\r\n\r\nCiononostante, soltanto poche persone, anche fra quelle che si impegnano per la causa ambientale, sono consapevoli dell’impatto positivo che possono produrre con le proprie azioni virtuose.\r\n\r\nLa ricerca Il viaggiatore green, svolta dall’istituto Squadrati su un campione di persone dichiaratamente attente al tema, rivela che meno del 50% di queste è convinta dell’efficacia dei propri comportamenti.\r\n\r\nIniziative come «Offset Christmas» possono contribuire ad accrescere il coinvolgimento delle persone e la loro motivazione a fare ancora di più.\r\n\r\nDel resto, proprio la ricerca Il viaggiatore green ha messo in luce la volontà, da parte delle persone, di partecipare attivamente alla transizione verso un sistema trasporti più green, preferendo all’auto un approccio integrato alla mobilità, basato sull’uso combinato di mezzi collettivi. In questa direzione va anche l’attenzione di FlixBus all’intermodalità, che contempla l’istituzione di collegamenti diretti verso hub della mobilità collettiva come le stazioni e autostazioni cittadine e gli aeroporti, e si affianca alle altre iniziative perseguite in campo di riduzione dell’impatto ambientale.","post_title":"Flixbus riduce l'impatto sull'ambiente a Natale con Offset Christmas","post_date":"2022-12-06T10:37:20+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1670323040000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti