2 March 2024

Cortina d’Ampezzo ricorda Lacedelli, lo “scoiattolo” che conquistò il K2  

[ 0 ]

Lacedelli e Compagnoni sul K2

Il 31 luglio del 1954 Lino Lacedelli, ampezzano purosangue, conquistava il K2, primo scalatore assieme ad Achille Compagnoni.
Il duo conquistò la seconda montagna  più alta del pianeta. Lacedelli era parte degli Scoiattoli, un gruppo di arrampicatori non professionisti nato nel 1939 a Cortina e, tuttora, attivo nella scoperta delle meravigliose Dolomiti.
Fu un’impresa straordinaria soprattutto considerando quali erano i mezzi tecnici a disposizione allora, che ancora oggi, a più di mezzo secolo di distanza, fa parlare di sé. 
Ci fu, alle spalle di questa impresa, una squadra di trenta persone, tra i quali Walter Bonatti e Amir Mahdi, il cui contributo si rivelò fondamentale per la riuscita dell’impresa, guidata da Ardito Desio e patrocinata dal Club Alpino Italiano, dal Consiglio Nazionale delle Ricerche, dall’Istituto Geografico Militare e dallo Stato. L’impresa, di certo estrema, durò circa due mesi per arrivare a tracciare la via che condusse gli alpinisti agli 8.611 metri di quota lungo lo “Sperone degli Abruzzi”, dove furono posti nove campi, oltre al campo base e al bivacco finale Bonatti-Mahdi.

Ghedina, sindaco di Cortina d’Ampezzo

Il sindaco di Cortina, Gianpietro Ghedina, così celebra quell’eroico evento: «La spedizione sul K2 è stata un’impresa titanica che ha dato vita ad una storia affascinante che racconta tutta la passione dell’uomo per la montagna, tanto per la sua bellezza come per i suoi lati “oscuri”. Ostacoli che diventano, nella salita, una sfida con sé stessi. Per Cortina è motivo di orgoglio che questa impresa sia legata anche al nome di un ampezzano, uno degli storici Scoiattoli, un alpinista che è stato protagonista di tante imprese in alta quota, tracciando vie di arrampicata originali e di enorme difficoltà, testimoniando il suo grande amore per le nostre Dolomiti e per tutte le montagne del mondo». 
E Cortina si prepara a celebrare la storia dell’Alpinismo con tante iniziative.

Condividi



Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462599 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Parma possiede un patrimonio storico e architettonico che regala sempre nuove scoperte ed emozioni: città medievale, rinascimentale, ducale e della musica. Ma anche del Liberty (o Art Nouveau) che si affermò in Italia agli inizi del Novecento, ispirato al mondo floreale, utilizzato nelle decorazioni di palazzi, di ville, di balconi, di mobili e anche in preziosi affreschi per gli interni.  Pasqua e i ponti del 25 aprile e del 1° maggio offrono la possibilità di prendersi una vacanza di qualche giorno e dedicarsi a un “long week end” di relax.  Il viaggio nel Liberty parmigiano non può che iniziare dal centro storico. Alle spalle del Duomo e del Battistero, fra Piazzale Salvo d’Acquisto e Via del Prato, all’ombra del monumentale Complesso di San Francesco si affaccia il Residence Liberty, già Mobilificio Guastalla, progettato da Giorgio Alessi Canosio nel 1907: incanta per i suoi elementi decorativi in ferro battuto e i motivi geometrici e fitomorfi che si intrecciano in un armonico disegno. Pochi passi e sempre a firma dello stesso progettista, un altro palazzo Liberty tutto da ammirare. Attraversata Piazza Duomo e proseguendo verso Via Cavour, si incontra il Palazzo della Riserva dove nell’ingresso principale l’arte floreale è inconfondibile nelle decorazioni di Riccardo Del Prato. Ed è una sorpresa il vicino Palazzo delle Poste Centrali.  Nel vicino Borgo del Parmigianino, al civico 6, si affaccia Palazzo Raboni, dove l’arte floreale ritorna nei decori dei balconi e delle finestre. Mentre in Via Repubblica 43, Palazzo Lusignani è stato (ri)disegnato da Fortunato Morestori nel 1916, e gli interni sono magnificamente arredati secondo i dettami dell’Art Nouveau. Attraversando Piazzale della Pace dove domina il grande Complesso Monumentale della Pilotta, lo sguardo si sofferma sull’Ara del monumento dedicato a Giuseppe Verdi, realizzato nei primi del Novecento, opera di Ettore Ximenes e che faceva parte di un più ampio complesso, danneggiato durate la Seconda Guerra Mondiale. Attraversando Ponte Verdi ci si immerge nel fascino del Parco Ducale e del maestoso ed elegante Palazzo Ducale, per poi passeggiare sul Lungo Parma dove il fascino del Liberty conquista nelle facciate di Case Bormioli, realizzate nel 1905 su progetto dell’architetto Alfredo Provinciali. Proseguendo, all’altezza di Ponte Italia, in Viale Rustici uno degli esempi più importanti di Art Nouveau a Parma: il Villino Bonazzi. Poco lontano, in Via Frugoni, il Liberty parmigiano ritorna nelle facciate delle Case della Cooperativa La Casa, realizzate nel 1915 dall’architetto Massimo Maffei e in Palazzo Malpelli, in Piazzale Corte d’Appello.  Anche l’Oltretorrente ha il suo capolavoro di arte floreale: tutta da ammirare in Via D’Azeglio 6, Casa Valesi, progettata nel 1911 dall’architetto Moderanno Chiavelli (lo stesso “autore” del Palazzo delle Poste), con l’elegante torretta, la facciata impreziosita dalle decorazioni floreali e dei ferri battuti fitomorfi dei balconi.  Appena fuori Parma, a Mamiano di Traversetolo, la Fondazione Magnani Rocca, con l’elegante Villa al cui interno si può ammirare un'importante collezione d'arte e il parco secolare. E per concludere l’affascinante viaggio alla scoperta del Liberty parmense, trasferta a Salsomaggiore, a 35 km da Parma, per ammirare l’imponente facciata delle Terme Berzieri (in attesa della riapertura dei magnifici interni, in via di ristrutturazione), uno dei massimi capolavori Art Déco in Europa. Per tradurre in una bellissima esperienza questo itinerario, si può fare riferimento ai tour guidati in bicicletta, come quello proposto da Pedalart: “Fiori di ferro e di cemento” per andare alla scoperta dei tanti esempi di Art Nouveau sia a Parma sia in provincia, ammirando la sorprendente collezione d’arte raccolta nella villa Magnani Rocca a Mamiano e proseguendo l’itinerario tra Salsomaggiore Terme e Tabiano. Restando in sella, a disposizione anche i tour ideati dal Club di Prodotto Parma by Bike come quello proposto dalla guida Elisabetta Ivaldi: un percorso di un paio d’ore, pedalando tra i viali della città, alla ricerca delle ville e dei villini Liberty, voluti dalle famiglie benestanti per primeggiare sulle altre. Chi invece preferisse scoprire il Liberty a piedi, può richiedere un tour personalizzato.       [post_title] => Welcome Parma, trekking urbano in Stile Liberty nei ponti primaverili [post_date] => 2024-03-01T11:33:08+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709292788000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462589 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Riapre il prossimo 21 marzo con nove delle undici ville private completamente rinnovate il toscano Rosewood Castiglion del Bosco. Situata nel cuore del parco naturale della val D'Orcia, sito protetto dall'Unesco,  l'omonima tenuta si sviluppa per più di 2 mila ettari, le cui origini risalgono a circa 900 anni fa. Questa racchiude le antiche rovine del castello del 1100 d.C., una chiesa medievale del quattordicesimo secolo e il borgo, lo storico villaggio che oggi costituisce il cuore pulsante del resort gestito da Rosewood Hotels & Resorts, nel quale sorgono le 42 suite, abbracciate dalla campagna senese e in mezzo alla quale si trovano le 11 ville della proprietà. Queste ultime, vere residenze private, hanno tutte una forte identità; ognuna è diversa, offrono piscine a sfioro riscaldate, cucine realizzate del designer fiorentino Riccardo Barthel, terrazze e giardini con vista sul paesaggio circostante. Novità per la stagione 2024, ogni villa è dotata di un Land Rover Defender (sette posti) o fuoristrada 4x4, che gli ospiti possono guidare per tutta la durata del loro soggiorno, per esplorare la regione o semplicemente scoprire la tenuta. Nata come destinazione per gli amanti del vino e della gastronomia, la proprietà ospita due ristoranti, l'Osteria la Canonica e il ristorante Campo del Drago, 1 stella Michelin, guidato dallo chef Matteo Temperini. La tenuta comprende pure una spa dai toni della terra e della sfumature naturali, nonché un campo da golf a 18 buche progettato da Tom Weiskopf: unico golf club privato d'Italia prevede un accesso privilegiato per gli ospiti del Rosewood Castiglion del Bosco. A loro disposizione c'è pure la cantina storica della proprietà, dove si produce Brunello di Montalcino. Il resort sarà aperto fino al 7 gennaio 2025, con una programmazione per il periodo festivo ricca d'iniziative. [post_title] => Il Rosewood Castiglion del Bosco riapre il 21 marzo con nove ville ristrutturate [post_date] => 2024-03-01T10:56:30+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709290590000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462526 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Nuova certificazione Dream&Charme Assurance (dca) per una struttura meneghina. Dopo il Milano Scala, è questa la volta dell'Enterprise Hotel, primo albergo del gruppo Planetaria a ottenerla, in un percorso appena iniziato che mira ad accreditare in senso esg tutte le proprietà della compagnia. "Ci hanno ribaltato l'albergo come un calzino - ha raccontato alla conferenza stampa di presentazione il direttore generale del gruppo, Damiano De Crescenzo -. Siamo andati a recuperare anche i documenti di quando abbiamo costruito l’albergo, ricercando persino informazioni sulla rete fognaria e coinvolgendo l'intero staff. Ma ne vale la pena. Non solamente dal punto di vista etico: il vantaggio competitivo è notevole, anche se non facilmente misurabile. Ci sono però ormai moltissime società, non più solamente del Nord Europa ma anche italiane, che a parità di condizioni preferiscono le soluzioni certificate". E i costi, tutto sommato, sono contenuti. "Meno di quanto si possa immaginare", ha assicurato sempre De Crescenzo. Mediamente occorrono due giorni di valutazione, ha spiegato il ceo di Dream&Charme, Giorgio Caire di Lauzet: "Come realtà accreditata, inoltre, noi non possiamo per statuto svolgere alcuna attività di consulenza, per cui le nostre tariffe non sono elevate. La questione, semmai, è come fare a prepararsi. Ma a questa domanda io rispondo sempre di essere se stessi al 100%. Solo in questo modo si può infatti ottenere una fotografia più reale possibile della propria situazione contingente sul tema esg. In fondo, a me piace dire sempre che l'hotel perfettamente sostenibile non esiste. E' un percorso in divenire. E basta avere tre macro-elementi conformi su nove, per ottenere la nostra certificazione. Poi certo si può migliorare, ogni anno si fa un audit, ma nel mondo a oggi non esiste nessuna struttura che ne ha più di sette". E il campione di Dream&Charme è già abbastanza consistente, avendo rilasciato certificazioni già in 15 Paesi differenti, per un totale di oltre 32 mila camere. La società è la prima al mondo ad aver ottenuto l'accreditamento Iso 17065 specificamente dedicato al mondo ricettivo. "Dopo più di sei anni di lavoro, ce lo ha rilasciato nel 2020 Accredia, che è l'unico ente di accreditamento italiano riconosciuto a livello internazionale - ha proseguito  Caire di Lauzet -. La nostra valutazione prende in considerazione ben 1.200 parametri, suddivisi in nove macro-temi basati sull'Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile dell'Onu. L'importanza di essere l'unica realtà accredita dell'ospitalità si è ulteriormente accresciuta all'inizio di quest'anno. Lo scorso 17 gennaio il Parlamento Ue ha infatti approvato in via definitiva la nuova direttiva anti green washing. La norma, che dovrà essere recepita dagli Stati membri entro 24 mesi dalla sua emissione, stabilisce tra le altre cose che i certificati di sostenibilità, quando non accreditati da enti pubblici, devono essere considerati alla stregua di pubblicità ingannevole. Questo ovviamente non vuol dire che molti dei marchi green oggi esistenti non potranno più essere utilizzati per la promozione delle strutture, ma semplicemente che questi brand non potranno essere definiti delle vere certificazioni". [post_title] => L'Enterprise Hotel di Milano conquista la certificazione esg di Dream&Charme [post_date] => 2024-02-29T13:46:15+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709214375000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462460 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Itinerari self drive o selezionati tour con guida, alla scoperta del vero Ovest Americano. Da Denver a Salt Lake City, Kibo accompagna i viaggiatori sulle tracce di pistoleri e nativi americani. Un'esperienza da fare cullati da ballate country, in una sequenza di tappe che tocca i luoghi più significativi dell’avanzata dell’uomo bianco negli sterminati territori dei nativi americani. Da segnalare per esempio l’itinerario, che parte da Denver, in Colorado, e arriva a Salt Lake City, nello Utah. Presentato in due versioni, da otto giorni e sette notti o da 15 giorni e 14 notti, permette di visitare città che conservano intatto un certo spirito di frontiera, qualcosa di intangibile e romantico, una linfa che ha ispirato anche l’ultimo libro di Alessandro Baricco: il suo western metafisico Abel. Si sosta a Cheyenne, nel Wyoming, Deadwood, in South Dakota, per tornare in Wyoming a Cody e nella valle di Jackson Hole, passando naturalmente per lo Yellowstone National Park. Ogni località ha molte storie da raccontare, che si intrecciano con quelle della grande Storia americana, tra fuorilegge e sceriffi, grandi pascoli e duro lavoro quotidiano alla ricerca di un futuro ancora tutto da scrivere. Mentre Cheyenne, città magica delle pianure deve la sua prosperità alla posizione strategica per la costruzione della Union Pacific Railroad nella seconda metà dell’800, Deadwood è celebre per essere stata teatro dell’uccisione del pistolero Wild Bill, protagonista di molti fumetti di Tex Willer. Qui visse anche la leggendaria Calamity Jane, donna carovaniera che partecipò alla corsa all’oro e che era nota per sparare come un uomo. Il mistero di una relazione sentimentale tra i due non è mai stato chiarito, ma a tutt’oggi la cittadina vive del loro ricordo, e ogni giorno viene rappresentata l’uccisione di Wild Bill come in un teatro di posa a cielo aperto. Cody, gemma delle Montagne Rocciose, fu fondata da Buffalo Bill: è la città del rodeo. Lo Yellowstone National Park è uno dei più grandi e famosi parchi nazionali degli Stati Uniti e comprende canyon, fiumi, catene montuose e laghi di bellezza assoluta. Ultima tappa prima di Salt Lake City è Jackson Hole: una valle che è situata a oltre 2 mila metri di altitudine, diventata negli anni una famosa stazione sciistica e che ha ospitato diverse competizioni internazionali. [post_title] => Il West di Kibo sulle tracce di pistoleri e nativi americani cullati dalle ballate country [post_date] => 2024-02-29T10:14:38+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709201678000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462451 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Una full immersion di cinque giorni nelle tradizioni artigianali di tutti i continenti attraverso una mostra di cimeli e curiosità tipiche. L’agenzia milanese 5 Giornate, specializzata in viaggi all’estero su misura, con sede nell’antico dazio di porta Vittoria, offre un’esperienza “per sognare insieme il viaggio per eccellenza – spiega il direttore generale, Andrea Barbieri-: Il giro del mondo in 80 giorni di Jules Verne. Insieme con Elisabetta Invernici e Alberto Oliva, ci siamo ispirati a questa celeberrima opera dello scrittore francese proprio per restituire al pubblico l’immaginario e la fascinazione di una storia che dal 1872 conquista bambini e adulti, mille volte ripresa al cinema, in teatro e in tv”. L’iniziativa dal titolo il Giro del mondo in 5 giornate si svolge in occasione di Museo City 2024, da venerdì 1 a martedì 5 marzo 2024 e l’ingresso è libero. L'inaugurazione è per domani dalle ore 18.30: le avventure di Mister Fog e dei suoi compagni di viaggio protagonisti del romanzo ispireranno una performance teatrale, interpretata dall’attore Gianfilippo Maria Falsina con la sua compagnia, nei costumi d’epoca: gli artisti accompagneranno il pubblico alla scoperta dei cimeli esposti, ciascuno portatore di saperi e tradizioni peculiari. Si tratta di pezzi unici di arte e artigianato di preziosa fattura, raccolti nei più nascosti angoli del mondo, testimonianze etnografiche di valore, custoditi dalle Antiche Botteghe del network milanese Galleria&Friends. A seguire, l’esposizione sarà visitabile nei seguenti orari: sabato 2 e domenica 3 dalle 15 alle 18; lunedì 4 e martedì 5 dalle 9,30 alle 13 e dalle 13,30 alle 18. Ingresso libero. L'agenzia 5 Giornate fa parte del network l'Astrolabio della famiglia Aronson , nome che a sua volta ha fatto la storia dei servizi per il turismo: fu infatti proprietaria della Chiariva (1931), prima agenzia viaggi italiana e terza al mondo nel 1878. Oltre alla 5 Giornate, la rete include, sempre a Milano, anche l’Astrolabio e la Superviaggi, mentre a Bergamo è attiva la Ascot Viaggi. Tutte le attività in capo alla gamiglia Aronson nel 2023 hanno dichiarato un fatturato di oltre 20 milioni di euro.   [post_title] => A Milano l'agenzia 5 Giornate invita a fare il giro del mondo delle tradizioni artigianali [post_date] => 2024-02-29T09:58:21+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709200701000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462399 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Saranno quattro le crociere di spedizione mediterranee di Swan Hellenic previste per l'ultima parte dell'estate 2024. A ospitarle sarà la nave boutique Diana, dopo il viaggio di dieci notti Mysteries of Carthage and the Moors (10-20 agosto 2024), che la vedrà navigare da Lisbona a Palermo, attraverso lo stretto di Gibilterra, le colonne d'Ercole del mondo antico, e la costa nordafricana di Annibale. Secrets of Sicily dal 20 al 28 agosto 2024: partenza da Palermo per una circumnavigazione di otto notti dell'isola. Gli scali previsti sono Trapani, vicino alle rovine di Selinunte del VII secolo a.C.; Mazara del Vallo, uno straordinario mix di tutte le culture che hanno lasciato traccia in Sicilia; Porto Empedocle con il sito di Agrigento, patrimonio dell'Unesco, e successivo excursus internazionale nella città fortificata di La Valletta a Malta. La Diana salperà da lì per Siracusa, una delle città più grandi e potenti del mondo antico, Giardini Naxos vicino alla pittoresca Taormina e infine Lipari, la più grande isola delle Eolie, prima di completare questa rara circumnavigazione a Palermo. La crociera fa parte del programma Swan Hellenic’s Maris Culinary Discovery at Sea Series in collaborazione con Jre-Jeunes Restaurateurs, l'organizzazione gastronomica che raggruppa gli chef under 40 che hanno già ottenuto riconoscimenti internazional From Magna Graecia to Greece dal 28 agosto al 5 settembre. La spedizione parte da Palermo per un viaggio di otto notti nel cuore del Mediterraneo. Si naviga verso le isole vulcaniche di Lipari e Stromboli, per fare successivamente rotta verso Giardini Naxos e Crotone con il suo castello del sedicesimo secolo e il parco archeologico di Capo Colonna. A Seguire Otranto, famosa per il castello aragonese del quindicesimo secolo, la bella cattedrale e le ricche rovine bizantine, e Sarandë, in Albania, amata per le spiagge, la vita notturna e per i numerosi siti antichi Unesco che si trovano nelle vicinanze. La Diana condurrà poi i suoi ospiti nella città di Preveza, in Grecia, all'imbocco del golfo di Azio, vicino alla città imperiale di Nikopolis, che Ottaviano fondò nel 31 a.C. per celebrare la sua vittoria su Antonio e Cleopatra. Itea è il penultimo porto di scalo, a pochi passi dall'antica Delfi, nota per il suo oracolo, prima di concludere il viaggio presso il Pireo, porto di Atene. Questa spedizione è inserita nel programma Explore Space at Sea Series in collaborazione con il Seti Institute e ospiterà Mark Showalter, famoso astronomo planetario, che accompagnerà gli ospiti durante il viaggio. Inoltre, questa crociera fa anche parte della Chopra Explore & Restore Series ,in collaborazione con l'azienda specializzata nel settore della salute integrativa fondata dal dottor Deepak Chopra. Colors of the Eastern Mediterranean dal 5 al 16 settembre 2024. Si salpa per un'odissea di 11 notti dal Pireo, facendo scalo a Monemvasia, una delle città medievali meglio conservate d'Europa, ad Adama sull'isola vulcanica di Milos, nota per le sue catacombe paleocristiane e per il suo teatro antico, e a Rethymnon a Creta, con vestigia storiche risalenti alle dominazioni di Veneziani e Ottomani fino alla civiltà Minoica. Seguono Mandraki, sulla suggestiva isola di Nisyros, la piccola Symi, con una storia sorprendente per le sue dimensioni, e Rodi, rinomata per il suo Colosso perduto, una delle sette meraviglie del mondo antico, e per la sua Città Vecchia, tutelata dall'Unesco, costruita dai cavalieri di San Giovanni nel quattordicesimo secolo. A seguire, l'isola di Patmos, la cui storia religiosa è legata al libro delle Rivelazioni, seguita da Kusadasi, sulla terraferma turca, che confina con i resti della città romana di Efeso. Tornando all'isola, la Diana farà scalo a Chios, città natale del poeta Omero, e a Mitilene, capoluogo di Lesbo, prima di raggiungere Canakkale, porta dei Dardanelli e nei pressi della antica città di Troia, cantata e resa nell'Iliade di Omero. L'ultimo giorno intero sarà dedicato alla navigazione nei Dardanelli prima dell’approdo a Istanbul, ultima tappa di questa spedizione. Cultures of the East Mediterranean dal 16 al 24 settembre 2024. La Diana parte da Istanbul per trascorrere otto notti lungo le coste della Grecia e della Turchia verso Cipro. Ci sarà modo di esplorare i segreti di Kavála, nota nell'antichità come Neopolis, la cui cittadella bizantina è oggi circondata dai tortuosi vicoli della città vecchia ottomana. I porti di scalo successivi saranno Salonicco, la seconda città della Grecia moderna, con un'imponente presenza di monumenti di tutte le epoche; Volos, patria del Centauro e luogo di nascita di Giasone e dei suoi Argonauti; Chios, che deve la propria fama a Omero; Kusadasi, con Efeso fondata nell'undicesimo secolo a.C. e l'anfiteatro dove predicò San Paolo. A seguire, Heraklion, attuale capoluogo di Creta e nell’antichità importante centro della civiltà minoica, nota per il palazzo di Cnosso che fu sede, secondo il mito, del labirinto e del Minotauro. Infine Rodi e Limassol, la seconda città per importanza di Cipro, situata tra gli antichi siti di Amathous e Kourion. [post_title] => Swan Hellenic: tutti i dettagli delle quattro crociere mediterranee di fine estate [post_date] => 2024-02-28T11:53:34+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709121214000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462187 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Emirates conquista anche Wimbledon e diventa compagnia aerea ufficiale del quarto "Grande Slam". In base alla partnership pluriennale siglata con The Championships, Wimbledon il vettore godrà di un'ampia gamma di vantaggi, tra cui: branding on-court nel Centre Court e nel No.1 Court; attivazioni in loco per coinvolgere gli appassionati di tennis; diritti di marketing, digitali e sui social media; biglietti per l'ospitalità; e l'opportunità per la compagnia aerea di entrare a far parte del popolare "Wimbleworld" sulla piattaforma Roblox, con i campi da tennis e i percorsi a ostacoli brandizzati Emirates. "Dal campo di cemento al campo d’erba - siamo orgogliosi di far crescere la nostra presenza nel mondo del tennis - ha dichiarato Tim Clark, presidente di Emirates Airline -. Wimbledon è un grande evento sportivo visto da milioni di persone in tutto il mondo, e siamo lieti di essere associati a un marchio così rispettato. Emirates è sempre stata una sostenitrice del tennis e, in quanto sponsor di tutti e quattro i Grandi Slam, il nostro impegno nei confronti di questo sport è più che mai costante". Emirates e Wimbledon uniranno le forze anche per sostenere iniziative di impatto sociale nel Regno Unito: verrà creato un fondo multimilionario "Force for Good" per sostenere e promuovere iniziative che abbiano un impatto positivo sulla società e supportino le comunità locali. Ulteriori dettagli su questo fondo saranno annunciati nel corso del 2024. Emirates è la compagnia aerea ufficiale dell'ATP Tour dal 2013 e Premier Partner dal 2016. Il portafoglio della compagnia aerea comprende alcuni degli eventi di più alto profilo dei tour ATP e WTA. Oltre a tutti e quattro i tornei del Grande Slam, tra cui: US Open (dal 2012); Roland-Garros (dal 2013); Australian Open (dal 2015); e The Championships, Wimbledon (annunciato per il 2024) - la compagnia aerea supporta anche altri 60 tornei durante l'anno. Emirates sostiene anche i Dubai Duty Free Tennis Championships sin dalla loro nascita nel 1993. [post_title] => Emirates è il vettore ufficiale di Wimbledon, il suo quarto Grande Slam [post_date] => 2024-02-26T09:15:24+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708938924000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461914 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L’Alpe di Siusi è una notissima meta vacanziera dell’Alto Adige situata nel cuore del territorio dolomitico. La circondano picchi montuosi di rara bellezza e suggestivi pascoli verdi. Le stagioni turistiche di punta sono quelle quella estiva e quella invernale, ma anche durante la primavera e l’autunno non mancano i visitatori in cerca di panorami mozzafiato, benessere e relax. Quando si apre la stagione sciistica, nella prima settimana di dicembre, le piste del comprensorio sciistico brulicano di appassionati che fin dalla mattina mettono alla prova le loro doti sugli sci. Se anche voi siete fra quelli che amano le varie discipline invernali, dovreste prendere in considerazione una settimana bianca in questo paradiso terrestre magari soggiornando in questo eccezionale eccezionale hotel 5 stelle sull'Alpe di Siusi, il Seiser Alm Urthaler di Compaccio, una struttura di grande raffinatezza ed eleganza gestita dalla famiglia Urthaler da ben quattro generazioni. Al Seiser Alm Urthaler gli ospiti possono usufruire di molti servizi di alto livello; solo per citarne alcuni: piscina panoramica interna con acqua riscaldata a 30 °C, piscina all’aperto, area saune (con sauna finlandese, bagno turco e biosauna), percorso Kneipp, zona relax con accesso al giardino, area fitness di 200 metri quadrati, trattamenti benessere di vario tipo (massaggi, peeling, bagno al fieno ecc.), cucina gourmet, cantina di vini e tanto altro ancora. Compaccio, la località ideale per divertirsi sull’Alpe di Siusi Scegliere di soggiornare a Compaccio è un’ottima idea per una vacanza estiva o per una settimana bianca sull’Alpe di Siusi. Da qui partono cabinovie e seggiovie che portano sull’altopiano più esteso d’Europa. Bellissimo è poi il panorama che lo circonda. Il comprensorio sciistico dell’Alpe di Siusi Non c’è un’attività invernale che non si possa svolgere soggiornando sull’Alpe di Siusi. L’area sciistica dell’Alpe, unita a quella della Val Gardena, forma un comprensorio sciistico di eccezionale livello che arriva a contare circa 180 km di piste e 79 impianti di risalita. Si deve poi sottolineare la presenza del Re Laurino Snowpark Alpe di Siusi, considerato il migliore snowpark d’Italia; non è certo un caso che abbia ricevuto molti riconoscimenti. Anche l’offerta per lo sci di fondo è notevolissima tant’è che qui vengono spesso ad allenarsi anche campioni di livello internazionale. Si ricordano per esempio la pista Compaccio-Ritsch-Compaccio (5,4 km), la pista Möser (5,5 km), la pista Col del Lupo (8,9 km), la pista Hartl (12 km), la pista Panorama (11,3) e diverse altre. Sull’Alpe di Siusi si possono poi fare interessanti e rilassanti escursioni invernali; la rete di sentieri ha una lunghezza di circa 60 km. Sul sito ufficiale dell’Alpe di Siusi si possono trovare diverse indicazioni sui sentieri da percorrere con la specifica della lunghezza e del grado di difficoltà. Se poi sentite il bisogno di un po’ di romanticismo potreste prenotare una gita in carrozza sulla neve; vi godrete panorami innevati stupendi. Per le prenotazioni basta recarsi all’Ufficio Informazioni di Compaccio. Si devono infine segnalare diverse altre iniziative invernali come per esempio i tour guidati a Castel Prösels (XIII sec.) a Fiè allo Sciliar; dopo un tour di un'ora, viene servita una bibita calda. Nel mese di marzo 2024 inoltre, dal 14 al 16 e dal 20 al 22, si terrà la 16esima edizione di Swing on Snow; è una manifestazione che prevede che per 6 giorni al mattino gli sciatori e gli snowboarder siano accompagnati dalle note musicali di varie band. A mezzogiorno invece saranno gli ospiti delle baite a godere delle melodie. Insomma, non c’è proprio modo di annoiarsi durante una settimana bianca sull’Alpe di Siusi. [post_title] => Alpe di Siusi: perché sceglierla per una settimana bianca? [post_date] => 2024-02-20T11:30:08+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio [1] => informazione-pr ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio [1] => Informazione PR ) [post_tag] => Array ( [0] => alpe-di-siusi [1] => alto-adige [2] => comprensorio-sciistico-compaccio [3] => hotel-5-stelle-alpe-di-siusi-alto-adige [4] => hotel-5-stelle-compaccio [5] => hotel-a-compaccio [6] => hotel-di-lusso-alto-adige [7] => sciare-a-compaccio [8] => seiser-alm-urthaler-di-compaccio [9] => settimana-bianca-compaccio-alto-adige [10] => vacanze-in-alto-adige ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Alpe di Siusi [1] => Alto Adige [2] => comprensorio sciistico compaccio [3] => hotel 5 stelle alpe di siusi alto adige [4] => hotel 5 stelle compaccio [5] => hotel a compaccio [6] => hotel di lusso alto adige [7] => sciare a compaccio [8] => Seiser Alm Urthaler di Compaccio [9] => settimana bianca compaccio alto adige [10] => vacanze in alto adige ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708428608000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461816 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Tra le colline di Conegliano Valdobbiadene, patria del vino italiano più consumato al mondo, la famiglia Balbinot amplia la sua produzione con nuove referenze e apre all’enoturismo con esperienze in vigna e in cantina. L’azienda Le Manzane ha da poco piantumato circa 3 ettari di proprietà con barbatelle di Incrocio Manzoni o Manzoni Bianco e di Merlot. Inoltre ha stipulato un accordo di locazione di lungo periodo per 12,5 ettari di Pinot Grigio Doc Delle Venezie. «L’Incrocio Manzoni - spiega Ernesto Balbinot, titolare della società agricola Le Manzane - è un’uva autoctona a cui sono particolarmente legato e che già, in piccole quantità, produciamo nella versione classica con affinamento in acciaio, ma che a mio parere si presta bene anche a essere affinata in legno o altri recipienti. Stiamo, infatti, provando affinamenti in tonneaux di diversa tipologia e in serbatoi di cemento a forma di uovo per capire l’evoluzione del prodotto nel tempo. Abbiamo presentato finalmente, a fine 2023, le prime 2 mila bottiglie di Incrocio Manzoni ottenuto da uve fermentate e affinate in legno, un vino bianco non filtrato che abbiamo chiamato Sabbiato. Questo vino sarà affiancato da un Merlot che in questo momento sta riposando in legno; anche qui stiamo sperimentando perché vorrei ottenere un vino elegante, di carattere, ma non eccessivamente robusto». Tra le vigne della tenuta Le Manzane il vino è una questione di famiglia. Ernesto Balbinot con la moglie Silvana, i figli Marco e Anna hanno da poco iniziato a proporre un pacchetto di esperienze rivolte agli enoturisti e agli appassionati del vino mettendo a disposizione la sala degustazione con vista sui terrazzamenti della cantina scavata nella roccia e sui filari di Glera del vigneto dove ogni anno, a settembre, si svolge la Vendemmia solidale. L’altra location è la tenuta Le Manzane Hills a soli 5 minuti di auto dalla cantina dove si trova il Giardino delle Api con le arnie dipinte dai bambini della Casa Adelaide. La proposta non è solo un invito a godersi un buon bicchiere di vino abbinato al miele, ai formaggi e ai salumi locali, ma anche quella di vivere una degustazione che racconta storie, aneddoti, saperi, identità e territorio. Un viaggio alla scoperta dei segreti delle bollicine più famose al mondo, il Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore Docg anche in versione Cartizze, dei vitigni autoctoni come il Manzoni Bianco o il Verdiso o dei rossi internazionali. La cantina offre anche smart tasting ed esperienze adrenaliniche a bordo del Land Rover Defender. [post_title] => Alle Manzane le nuove proposte dedicate agli enoturisti tra le colline di Conegliano Valdobbiadene [post_date] => 2024-02-20T09:25:25+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708421125000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "cortina dampezzo ricorda lacedelli lo scoiattolo conquisto k2" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":48,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":462,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462599","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Parma possiede un patrimonio storico e architettonico che regala sempre nuove scoperte ed emozioni: città medievale, rinascimentale, ducale e della musica. Ma anche del Liberty (o Art Nouveau) che si affermò in Italia agli inizi del Novecento, ispirato al mondo floreale, utilizzato nelle decorazioni di palazzi, di ville, di balconi, di mobili e anche in preziosi affreschi per gli interni.\r\n\r\n Pasqua e i ponti del 25 aprile e del 1° maggio offrono la possibilità di prendersi una vacanza di qualche giorno e dedicarsi a un “long week end” di relax. \r\n\r\n Il viaggio nel Liberty parmigiano non può che iniziare dal centro storico. Alle spalle del Duomo e del Battistero, fra Piazzale Salvo d’Acquisto e Via del Prato, all’ombra del monumentale Complesso di San Francesco si affaccia il Residence Liberty, già Mobilificio Guastalla, progettato da Giorgio Alessi Canosio nel 1907: incanta per i suoi elementi decorativi in ferro battuto e i motivi geometrici e fitomorfi che si intrecciano in un armonico disegno.\r\n\r\nPochi passi e sempre a firma dello stesso progettista, un altro palazzo Liberty tutto da ammirare. Attraversata Piazza Duomo e proseguendo verso Via Cavour, si incontra il Palazzo della Riserva dove nell’ingresso principale l’arte floreale è inconfondibile nelle decorazioni di Riccardo Del Prato. Ed è una sorpresa il vicino Palazzo delle Poste Centrali.  Nel vicino Borgo del Parmigianino, al civico 6, si affaccia Palazzo Raboni, dove l’arte floreale ritorna nei decori dei balconi e delle finestre. Mentre in Via Repubblica 43, Palazzo Lusignani è stato (ri)disegnato da Fortunato Morestori nel 1916, e gli interni sono magnificamente arredati secondo i dettami dell’Art Nouveau. Attraversando Piazzale della Pace dove domina il grande Complesso Monumentale della Pilotta, lo sguardo si sofferma sull’Ara del monumento dedicato a Giuseppe Verdi, realizzato nei primi del Novecento, opera di Ettore Ximenes e che faceva parte di un più ampio complesso, danneggiato durate la Seconda Guerra Mondiale. Attraversando Ponte Verdi ci si immerge nel fascino del Parco Ducale e del maestoso ed elegante Palazzo Ducale, per poi passeggiare sul Lungo Parma dove il fascino del Liberty conquista nelle facciate di Case Bormioli, realizzate nel 1905 su progetto dell’architetto Alfredo Provinciali. Proseguendo, all’altezza di Ponte Italia, in Viale Rustici uno degli esempi più importanti di Art Nouveau a Parma: il Villino Bonazzi. Poco lontano, in Via Frugoni, il Liberty parmigiano ritorna nelle facciate delle Case della Cooperativa La Casa, realizzate nel 1915 dall’architetto Massimo Maffei e in Palazzo Malpelli, in Piazzale Corte d’Appello. \r\n\r\n Anche l’Oltretorrente ha il suo capolavoro di arte floreale: tutta da ammirare in Via D’Azeglio 6, Casa Valesi, progettata nel 1911 dall’architetto Moderanno Chiavelli (lo stesso “autore” del Palazzo delle Poste), con l’elegante torretta, la facciata impreziosita dalle decorazioni floreali e dei ferri battuti fitomorfi dei balconi. \r\n\r\n Appena fuori Parma, a Mamiano di Traversetolo, la Fondazione Magnani Rocca, con l’elegante Villa al cui interno si può ammirare un'importante collezione d'arte e il parco secolare. E per concludere l’affascinante viaggio alla scoperta del Liberty parmense, trasferta a Salsomaggiore, a 35 km da Parma, per ammirare l’imponente facciata delle Terme Berzieri (in attesa della riapertura dei magnifici interni, in via di ristrutturazione), uno dei massimi capolavori Art Déco in Europa.\r\n\r\nPer tradurre in una bellissima esperienza questo itinerario, si può fare riferimento ai tour guidati in bicicletta, come quello proposto da Pedalart: “Fiori di ferro e di cemento” per andare alla scoperta dei tanti esempi di Art Nouveau sia a Parma sia in provincia, ammirando la sorprendente collezione d’arte raccolta nella villa Magnani Rocca a Mamiano e proseguendo l’itinerario tra Salsomaggiore Terme e Tabiano. Restando in sella, a disposizione anche i tour ideati dal Club di Prodotto Parma by Bike come quello proposto dalla guida Elisabetta Ivaldi: un percorso di un paio d’ore, pedalando tra i viali della città, alla ricerca delle ville e dei villini Liberty, voluti dalle famiglie benestanti per primeggiare sulle altre. Chi invece preferisse scoprire il Liberty a piedi, può richiedere un tour personalizzato.\r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"Welcome Parma, trekking urbano in Stile Liberty nei ponti primaverili","post_date":"2024-03-01T11:33:08+00:00","category":["incoming"],"category_name":["Incoming"],"post_tag":[]},"sort":[1709292788000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462589","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Riapre il prossimo 21 marzo con nove delle undici ville private completamente rinnovate il toscano Rosewood Castiglion del Bosco. Situata nel cuore del parco naturale della val D'Orcia, sito protetto dall'Unesco,  l'omonima tenuta si sviluppa per più di 2 mila ettari, le cui origini risalgono a circa 900 anni fa. Questa racchiude le antiche rovine del castello del 1100 d.C., una chiesa medievale del quattordicesimo secolo e il borgo, lo storico villaggio che oggi costituisce il cuore pulsante del resort gestito da Rosewood Hotels & Resorts, nel quale sorgono le 42 suite, abbracciate dalla campagna senese e in mezzo alla quale si trovano le 11 ville della proprietà.\r\n\r\nQueste ultime, vere residenze private, hanno tutte una forte identità; ognuna è diversa, offrono piscine a sfioro riscaldate, cucine realizzate del designer fiorentino Riccardo Barthel, terrazze e giardini con vista sul paesaggio circostante. Novità per la stagione 2024, ogni villa è dotata di un Land Rover Defender (sette posti) o fuoristrada 4x4, che gli ospiti possono guidare per tutta la durata del loro soggiorno, per esplorare la regione o semplicemente scoprire la tenuta.\r\n\r\nNata come destinazione per gli amanti del vino e della gastronomia, la proprietà ospita due ristoranti, l'Osteria la Canonica e il ristorante Campo del Drago, 1 stella Michelin, guidato dallo chef Matteo Temperini. La tenuta comprende pure una spa dai toni della terra e della sfumature naturali, nonché un campo da golf a 18 buche progettato da Tom Weiskopf: unico golf club privato d'Italia prevede un accesso privilegiato per gli ospiti del Rosewood Castiglion del Bosco. A loro disposizione c'è pure la cantina storica della proprietà, dove si produce Brunello di Montalcino. Il resort sarà aperto fino al 7 gennaio 2025, con una programmazione per il periodo festivo ricca d'iniziative.","post_title":"Il Rosewood Castiglion del Bosco riapre il 21 marzo con nove ville ristrutturate","post_date":"2024-03-01T10:56:30+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1709290590000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462526","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Nuova certificazione Dream&Charme Assurance (dca) per una struttura meneghina. Dopo il Milano Scala, è questa la volta dell'Enterprise Hotel, primo albergo del gruppo Planetaria a ottenerla, in un percorso appena iniziato che mira ad accreditare in senso esg tutte le proprietà della compagnia. \"Ci hanno ribaltato l'albergo come un calzino - ha raccontato alla conferenza stampa di presentazione il direttore generale del gruppo, Damiano De Crescenzo -. Siamo andati a recuperare anche i documenti di quando abbiamo costruito l’albergo, ricercando persino informazioni sulla rete fognaria e coinvolgendo l'intero staff. Ma ne vale la pena. Non solamente dal punto di vista etico: il vantaggio competitivo è notevole, anche se non facilmente misurabile. Ci sono però ormai moltissime società, non più solamente del Nord Europa ma anche italiane, che a parità di condizioni preferiscono le soluzioni certificate\".\r\n\r\nE i costi, tutto sommato, sono contenuti. \"Meno di quanto si possa immaginare\", ha assicurato sempre De Crescenzo. Mediamente occorrono due giorni di valutazione, ha spiegato il ceo di Dream&Charme, Giorgio Caire di Lauzet: \"Come realtà accreditata, inoltre, noi non possiamo per statuto svolgere alcuna attività di consulenza, per cui le nostre tariffe non sono elevate. La questione, semmai, è come fare a prepararsi. Ma a questa domanda io rispondo sempre di essere se stessi al 100%. Solo in questo modo si può infatti ottenere una fotografia più reale possibile della propria situazione contingente sul tema esg. In fondo, a me piace dire sempre che l'hotel perfettamente sostenibile non esiste. E' un percorso in divenire. E basta avere tre macro-elementi conformi su nove, per ottenere la nostra certificazione. Poi certo si può migliorare, ogni anno si fa un audit, ma nel mondo a oggi non esiste nessuna struttura che ne ha più di sette\".\r\n\r\nE il campione di Dream&Charme è già abbastanza consistente, avendo rilasciato certificazioni già in 15 Paesi differenti, per un totale di oltre 32 mila camere. La società è la prima al mondo ad aver ottenuto l'accreditamento Iso 17065 specificamente dedicato al mondo ricettivo. \"Dopo più di sei anni di lavoro, ce lo ha rilasciato nel 2020 Accredia, che è l'unico ente di accreditamento italiano riconosciuto a livello internazionale - ha proseguito  Caire di Lauzet -. La nostra valutazione prende in considerazione ben 1.200 parametri, suddivisi in nove macro-temi basati sull'Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile dell'Onu. L'importanza di essere l'unica realtà accredita dell'ospitalità si è ulteriormente accresciuta all'inizio di quest'anno. Lo scorso 17 gennaio il Parlamento Ue ha infatti approvato in via definitiva la nuova direttiva anti green washing. La norma, che dovrà essere recepita dagli Stati membri entro 24 mesi dalla sua emissione, stabilisce tra le altre cose che i certificati di sostenibilità, quando non accreditati da enti pubblici, devono essere considerati alla stregua di pubblicità ingannevole. Questo ovviamente non vuol dire che molti dei marchi green oggi esistenti non potranno più essere utilizzati per la promozione delle strutture, ma semplicemente che questi brand non potranno essere definiti delle vere certificazioni\".","post_title":"L'Enterprise Hotel di Milano conquista la certificazione esg di Dream&Charme","post_date":"2024-02-29T13:46:15+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1709214375000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462460","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Itinerari self drive o selezionati tour con guida, alla scoperta del vero Ovest Americano. Da Denver a Salt Lake City, Kibo accompagna i viaggiatori sulle tracce di pistoleri e nativi americani. Un'esperienza da fare cullati da ballate country, in una sequenza di tappe che tocca i luoghi più significativi dell’avanzata dell’uomo bianco negli sterminati territori dei nativi americani.\r\n\r\nDa segnalare per esempio l’itinerario, che parte da Denver, in Colorado, e arriva a Salt Lake City, nello Utah. Presentato in due versioni, da otto giorni e sette notti o da 15 giorni e 14 notti, permette di visitare città che conservano intatto un certo spirito di frontiera, qualcosa di intangibile e romantico, una linfa che ha ispirato anche l’ultimo libro di Alessandro Baricco: il suo western metafisico Abel.\r\n\r\nSi sosta a Cheyenne, nel Wyoming, Deadwood, in South Dakota, per tornare in Wyoming a Cody e nella valle di Jackson Hole, passando naturalmente per lo Yellowstone National Park. Ogni località ha molte storie da raccontare, che si intrecciano con quelle della grande Storia americana, tra fuorilegge e sceriffi, grandi pascoli e duro lavoro quotidiano alla ricerca di un futuro ancora tutto da scrivere. Mentre Cheyenne, città magica delle pianure deve la sua prosperità alla posizione strategica per la costruzione della Union Pacific Railroad nella seconda metà dell’800, Deadwood è celebre per essere stata teatro dell’uccisione del pistolero Wild Bill, protagonista di molti fumetti di Tex Willer. Qui visse anche la leggendaria Calamity Jane, donna carovaniera che partecipò alla corsa all’oro e che era nota per sparare come un uomo. Il mistero di una relazione sentimentale tra i due non è mai stato chiarito, ma a tutt’oggi la cittadina vive del loro ricordo, e ogni giorno viene rappresentata l’uccisione di Wild Bill come in un teatro di posa a cielo aperto.\r\n\r\nCody, gemma delle Montagne Rocciose, fu fondata da Buffalo Bill: è la città del rodeo. Lo Yellowstone National Park è uno dei più grandi e famosi parchi nazionali degli Stati Uniti e comprende canyon, fiumi, catene montuose e laghi di bellezza assoluta. Ultima tappa prima di Salt Lake City è Jackson Hole: una valle che è situata a oltre 2 mila metri di altitudine, diventata negli anni una famosa stazione sciistica e che ha ospitato diverse competizioni internazionali.","post_title":"Il West di Kibo sulle tracce di pistoleri e nativi americani cullati dalle ballate country","post_date":"2024-02-29T10:14:38+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1709201678000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462451","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Una full immersion di cinque giorni nelle tradizioni artigianali di tutti i continenti attraverso una mostra di cimeli e curiosità tipiche. L’agenzia milanese 5 Giornate, specializzata in viaggi all’estero su misura, con sede nell’antico dazio di porta Vittoria, offre un’esperienza “per sognare insieme il viaggio per eccellenza – spiega il direttore generale, Andrea Barbieri-: Il giro del mondo in 80 giorni di Jules Verne. Insieme con Elisabetta Invernici e Alberto Oliva, ci siamo ispirati a questa celeberrima opera dello scrittore francese proprio per restituire al pubblico l’immaginario e la fascinazione di una storia che dal 1872 conquista bambini e adulti, mille volte ripresa al cinema, in teatro e in tv”.\r\n\r\nL’iniziativa dal titolo il Giro del mondo in 5 giornate si svolge in occasione di Museo City 2024, da venerdì 1 a martedì 5 marzo 2024 e l’ingresso è libero. L'inaugurazione è per domani dalle ore 18.30: le avventure di Mister Fog e dei suoi compagni di viaggio protagonisti del romanzo ispireranno una performance teatrale, interpretata dall’attore Gianfilippo Maria Falsina con la sua compagnia, nei costumi d’epoca: gli artisti accompagneranno il pubblico alla scoperta dei cimeli esposti, ciascuno portatore di saperi e tradizioni peculiari. Si tratta di pezzi unici di arte e artigianato di preziosa fattura, raccolti nei più nascosti angoli del mondo, testimonianze etnografiche di valore, custoditi dalle Antiche Botteghe del network milanese Galleria&Friends. A seguire, l’esposizione sarà visitabile nei seguenti orari: sabato 2 e domenica 3 dalle 15 alle 18; lunedì 4 e martedì 5 dalle 9,30 alle 13 e dalle 13,30 alle 18. Ingresso libero.\r\n\r\nL'agenzia 5 Giornate fa parte del network l'Astrolabio della famiglia Aronson , nome che a sua volta ha fatto la storia dei servizi per il turismo: fu infatti proprietaria della Chiariva (1931), prima agenzia viaggi italiana e terza al mondo nel 1878. Oltre alla 5 Giornate, la rete include, sempre a Milano, anche l’Astrolabio e la Superviaggi, mentre a Bergamo è attiva la Ascot Viaggi. Tutte le attività in capo alla gamiglia Aronson nel 2023 hanno dichiarato un fatturato di oltre 20 milioni di euro.  ","post_title":"A Milano l'agenzia 5 Giornate invita a fare il giro del mondo delle tradizioni artigianali","post_date":"2024-02-29T09:58:21+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1709200701000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462399","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Saranno quattro le crociere di spedizione mediterranee di Swan Hellenic previste per l'ultima parte dell'estate 2024. A ospitarle sarà la nave boutique Diana, dopo il viaggio di dieci notti Mysteries of Carthage and the Moors (10-20 agosto 2024), che la vedrà navigare da Lisbona a Palermo, attraverso lo stretto di Gibilterra, le colonne d'Ercole del mondo antico, e la costa nordafricana di Annibale.\r\n\r\nSecrets of Sicily dal 20 al 28 agosto 2024: partenza da Palermo per una circumnavigazione di otto notti dell'isola. Gli scali previsti sono Trapani, vicino alle rovine di Selinunte del VII secolo a.C.; Mazara del Vallo, uno straordinario mix di tutte le culture che hanno lasciato traccia in Sicilia; Porto Empedocle con il sito di Agrigento, patrimonio dell'Unesco, e successivo excursus internazionale nella città fortificata di La Valletta a Malta. La Diana salperà da lì per Siracusa, una delle città più grandi e potenti del mondo antico, Giardini Naxos vicino alla pittoresca Taormina e infine Lipari, la più grande isola delle Eolie, prima di completare questa rara circumnavigazione a Palermo. La crociera fa parte del programma Swan Hellenic’s Maris Culinary Discovery at Sea Series in collaborazione con Jre-Jeunes Restaurateurs, l'organizzazione gastronomica che raggruppa gli chef under 40 che hanno già ottenuto riconoscimenti internazional\r\n\r\nFrom Magna Graecia to Greece dal 28 agosto al 5 settembre. La spedizione parte da Palermo per un viaggio di otto notti nel cuore del Mediterraneo. Si naviga verso le isole vulcaniche di Lipari e Stromboli, per fare successivamente rotta verso Giardini Naxos e Crotone con il suo castello del sedicesimo secolo e il parco archeologico di Capo Colonna. A Seguire Otranto, famosa per il castello aragonese del quindicesimo secolo, la bella cattedrale e le ricche rovine bizantine, e Sarandë, in Albania, amata per le spiagge, la vita notturna e per i numerosi siti antichi Unesco che si trovano nelle vicinanze. La Diana condurrà poi i suoi ospiti nella città di Preveza, in Grecia, all'imbocco del golfo di Azio, vicino alla città imperiale di Nikopolis, che Ottaviano fondò nel 31 a.C. per celebrare la sua vittoria su Antonio e Cleopatra. Itea è il penultimo porto di scalo, a pochi passi dall'antica Delfi, nota per il suo oracolo, prima di concludere il viaggio presso il Pireo, porto di Atene. Questa spedizione è inserita nel programma Explore Space at Sea Series in collaborazione con il Seti Institute e ospiterà Mark Showalter, famoso astronomo planetario, che accompagnerà gli ospiti durante il viaggio. Inoltre, questa crociera fa anche parte della Chopra Explore & Restore Series ,in collaborazione con l'azienda specializzata nel settore della salute integrativa fondata dal dottor Deepak Chopra.\r\n\r\nColors of the Eastern Mediterranean dal 5 al 16 settembre 2024. Si salpa per un'odissea di 11 notti dal Pireo, facendo scalo a Monemvasia, una delle città medievali meglio conservate d'Europa, ad Adama sull'isola vulcanica di Milos, nota per le sue catacombe paleocristiane e per il suo teatro antico, e a Rethymnon a Creta, con vestigia storiche risalenti alle dominazioni di Veneziani e Ottomani fino alla civiltà Minoica. Seguono Mandraki, sulla suggestiva isola di Nisyros, la piccola Symi, con una storia sorprendente per le sue dimensioni, e Rodi, rinomata per il suo Colosso perduto, una delle sette meraviglie del mondo antico, e per la sua Città Vecchia, tutelata dall'Unesco, costruita dai cavalieri di San Giovanni nel quattordicesimo secolo. A seguire, l'isola di Patmos, la cui storia religiosa è legata al libro delle Rivelazioni, seguita da Kusadasi, sulla terraferma turca, che confina con i resti della città romana di Efeso. Tornando all'isola, la Diana farà scalo a Chios, città natale del poeta Omero, e a Mitilene, capoluogo di Lesbo, prima di raggiungere Canakkale, porta dei Dardanelli e nei pressi della antica città di Troia, cantata e resa nell'Iliade di Omero. L'ultimo giorno intero sarà dedicato alla navigazione nei Dardanelli prima dell’approdo a Istanbul, ultima tappa di questa spedizione.\r\n\r\nCultures of the East Mediterranean dal 16 al 24 settembre 2024. La Diana parte da Istanbul per trascorrere otto notti lungo le coste della Grecia e della Turchia verso Cipro. Ci sarà modo di esplorare i segreti di Kavála, nota nell'antichità come Neopolis, la cui cittadella bizantina è oggi circondata dai tortuosi vicoli della città vecchia ottomana. I porti di scalo successivi saranno Salonicco, la seconda città della Grecia moderna, con un'imponente presenza di monumenti di tutte le epoche; Volos, patria del Centauro e luogo di nascita di Giasone e dei suoi Argonauti; Chios, che deve la propria fama a Omero; Kusadasi, con Efeso fondata nell'undicesimo secolo a.C. e l'anfiteatro dove predicò San Paolo. A seguire, Heraklion, attuale capoluogo di Creta e nell’antichità importante centro della civiltà minoica, nota per il palazzo di Cnosso che fu sede, secondo il mito, del labirinto e del Minotauro. Infine Rodi e Limassol, la seconda città per importanza di Cipro, situata tra gli antichi siti di Amathous e Kourion.","post_title":"Swan Hellenic: tutti i dettagli delle quattro crociere mediterranee di fine estate","post_date":"2024-02-28T11:53:34+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1709121214000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462187","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":" Emirates conquista anche Wimbledon e diventa compagnia aerea ufficiale del quarto \"Grande Slam\". In base alla partnership pluriennale siglata con The Championships, Wimbledon il vettore godrà di un'ampia gamma di vantaggi, tra cui: branding on-court nel Centre Court e nel No.1 Court; attivazioni in loco per coinvolgere gli appassionati di tennis; diritti di marketing, digitali e sui social media; biglietti per l'ospitalità; e l'opportunità per la compagnia aerea di entrare a far parte del popolare \"Wimbleworld\" sulla piattaforma Roblox, con i campi da tennis e i percorsi a ostacoli brandizzati Emirates.\r\n\"Dal campo di cemento al campo d’erba - siamo orgogliosi di far crescere la nostra presenza nel mondo del tennis - ha dichiarato Tim Clark, presidente di Emirates Airline -. Wimbledon è un grande evento sportivo visto da milioni di persone in tutto il mondo, e siamo lieti di essere associati a un marchio così rispettato. Emirates è sempre stata una sostenitrice del tennis e, in quanto sponsor di tutti e quattro i Grandi Slam, il nostro impegno nei confronti di questo sport è più che mai costante\".\r\nEmirates e Wimbledon uniranno le forze anche per sostenere iniziative di impatto sociale nel Regno Unito: verrà creato un fondo multimilionario \"Force for Good\" per sostenere e promuovere iniziative che abbiano un impatto positivo sulla società e supportino le comunità locali. Ulteriori dettagli su questo fondo saranno annunciati nel corso del 2024.\r\nEmirates è la compagnia aerea ufficiale dell'ATP Tour dal 2013 e Premier Partner dal 2016. Il portafoglio della compagnia aerea comprende alcuni degli eventi di più alto profilo dei tour ATP e WTA. Oltre a tutti e quattro i tornei del Grande Slam, tra cui: US Open (dal 2012); Roland-Garros (dal 2013); Australian Open (dal 2015); e The Championships, Wimbledon (annunciato per il 2024) - la compagnia aerea supporta anche altri 60 tornei durante l'anno. Emirates sostiene anche i Dubai Duty Free Tennis Championships sin dalla loro nascita nel 1993.","post_title":"Emirates è il vettore ufficiale di Wimbledon, il suo quarto Grande Slam","post_date":"2024-02-26T09:15:24+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1708938924000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461914","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L’Alpe di Siusi è una notissima meta vacanziera dell’Alto Adige situata nel cuore del territorio dolomitico. La circondano picchi montuosi di rara bellezza e suggestivi pascoli verdi. Le stagioni turistiche di punta sono quelle quella estiva e quella invernale, ma anche durante la primavera e l’autunno non mancano i visitatori in cerca di panorami mozzafiato, benessere e relax.\r\n\r\nQuando si apre la stagione sciistica, nella prima settimana di dicembre, le piste del comprensorio sciistico brulicano di appassionati che fin dalla mattina mettono alla prova le loro doti sugli sci.\r\n\r\nSe anche voi siete fra quelli che amano le varie discipline invernali, dovreste prendere in considerazione una settimana bianca in questo paradiso terrestre magari soggiornando in questo eccezionale eccezionale hotel 5 stelle sull'Alpe di Siusi, il Seiser Alm Urthaler di Compaccio, una struttura di grande raffinatezza ed eleganza gestita dalla famiglia Urthaler da ben quattro generazioni.\r\n\r\nAl Seiser Alm Urthaler gli ospiti possono usufruire di molti servizi di alto livello; solo per citarne alcuni: piscina panoramica interna con acqua riscaldata a 30 °C, piscina all’aperto, area saune (con sauna finlandese, bagno turco e biosauna), percorso Kneipp, zona relax con accesso al giardino, area fitness di 200 metri quadrati, trattamenti benessere di vario tipo (massaggi, peeling, bagno al fieno ecc.), cucina gourmet, cantina di vini e tanto altro ancora.\r\nCompaccio, la località ideale per divertirsi sull’Alpe di Siusi\r\nScegliere di soggiornare a Compaccio è un’ottima idea per una vacanza estiva o per una settimana bianca sull’Alpe di Siusi. Da qui partono cabinovie e seggiovie che portano sull’altopiano più esteso d’Europa. Bellissimo è poi il panorama che lo circonda.\r\nIl comprensorio sciistico dell’Alpe di Siusi\r\nNon c’è un’attività invernale che non si possa svolgere soggiornando sull’Alpe di Siusi. L’area sciistica dell’Alpe, unita a quella della Val Gardena, forma un comprensorio sciistico di eccezionale livello che arriva a contare circa 180 km di piste e 79 impianti di risalita.\r\n\r\nSi deve poi sottolineare la presenza del Re Laurino Snowpark Alpe di Siusi, considerato il migliore snowpark d’Italia; non è certo un caso che abbia ricevuto molti riconoscimenti.\r\n\r\nAnche l’offerta per lo sci di fondo è notevolissima tant’è che qui vengono spesso ad allenarsi anche campioni di livello internazionale. Si ricordano per esempio la pista Compaccio-Ritsch-Compaccio (5,4 km), la pista Möser (5,5 km), la pista Col del Lupo (8,9 km), la pista Hartl (12 km), la pista Panorama (11,3) e diverse altre.\r\n\r\nSull’Alpe di Siusi si possono poi fare interessanti e rilassanti escursioni invernali; la rete di sentieri ha una lunghezza di circa 60 km. Sul sito ufficiale dell’Alpe di Siusi si possono trovare diverse indicazioni sui sentieri da percorrere con la specifica della lunghezza e del grado di difficoltà.\r\n\r\nSe poi sentite il bisogno di un po’ di romanticismo potreste prenotare una gita in carrozza sulla neve; vi godrete panorami innevati stupendi. Per le prenotazioni basta recarsi all’Ufficio Informazioni di Compaccio.\r\n\r\nSi devono infine segnalare diverse altre iniziative invernali come per esempio i tour guidati a Castel Prösels (XIII sec.) a Fiè allo Sciliar; dopo un tour di un'ora, viene servita una bibita calda.\r\n\r\nNel mese di marzo 2024 inoltre, dal 14 al 16 e dal 20 al 22, si terrà la 16esima edizione di Swing on Snow; è una manifestazione che prevede che per 6 giorni al mattino gli sciatori e gli snowboarder siano accompagnati dalle note musicali di varie band. A mezzogiorno invece saranno gli ospiti delle baite a godere delle melodie.\r\n\r\nInsomma, non c’è proprio modo di annoiarsi durante una settimana bianca sull’Alpe di Siusi.","post_title":"Alpe di Siusi: perché sceglierla per una settimana bianca?","post_date":"2024-02-20T11:30:08+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio","informazione-pr"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio","Informazione PR"],"post_tag":["alpe-di-siusi","alto-adige","comprensorio-sciistico-compaccio","hotel-5-stelle-alpe-di-siusi-alto-adige","hotel-5-stelle-compaccio","hotel-a-compaccio","hotel-di-lusso-alto-adige","sciare-a-compaccio","seiser-alm-urthaler-di-compaccio","settimana-bianca-compaccio-alto-adige","vacanze-in-alto-adige"],"post_tag_name":["Alpe di Siusi","Alto Adige","comprensorio sciistico compaccio","hotel 5 stelle alpe di siusi alto adige","hotel 5 stelle compaccio","hotel a compaccio","hotel di lusso alto adige","sciare a compaccio","Seiser Alm Urthaler di Compaccio","settimana bianca compaccio alto adige","vacanze in alto adige"]},"sort":[1708428608000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461816","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Tra le colline di Conegliano Valdobbiadene, patria del vino italiano più consumato al mondo, la famiglia Balbinot amplia la sua produzione con nuove referenze e apre all’enoturismo con esperienze in vigna e in cantina. L’azienda Le Manzane ha da poco piantumato circa 3 ettari di proprietà con barbatelle di Incrocio Manzoni o Manzoni Bianco e di Merlot. Inoltre ha stipulato un accordo di locazione di lungo periodo per 12,5 ettari di Pinot Grigio Doc Delle Venezie.\r\n\r\n«L’Incrocio Manzoni - spiega Ernesto Balbinot, titolare della società agricola Le Manzane - è un’uva autoctona a cui sono particolarmente legato e che già, in piccole quantità, produciamo nella versione classica con affinamento in acciaio, ma che a mio parere si presta bene anche a essere affinata in legno o altri recipienti. Stiamo, infatti, provando affinamenti in tonneaux di diversa tipologia e in serbatoi di cemento a forma di uovo per capire l’evoluzione del prodotto nel tempo. Abbiamo presentato finalmente, a fine 2023, le prime 2 mila bottiglie di Incrocio Manzoni ottenuto da uve fermentate e affinate in legno, un vino bianco non filtrato che abbiamo chiamato Sabbiato. Questo vino sarà affiancato da un Merlot che in questo momento sta riposando in legno; anche qui stiamo sperimentando perché vorrei ottenere un vino elegante, di carattere, ma non eccessivamente robusto».\r\n\r\nTra le vigne della tenuta Le Manzane il vino è una questione di famiglia. Ernesto Balbinot con la moglie Silvana, i figli Marco e Anna hanno da poco iniziato a proporre un pacchetto di esperienze rivolte agli enoturisti e agli appassionati del vino mettendo a disposizione la sala degustazione con vista sui terrazzamenti della cantina scavata nella roccia e sui filari di Glera del vigneto dove ogni anno, a settembre, si svolge la Vendemmia solidale.\r\n\r\nL’altra location è la tenuta Le Manzane Hills a soli 5 minuti di auto dalla cantina dove si trova il Giardino delle Api con le arnie dipinte dai bambini della Casa Adelaide. La proposta non è solo un invito a godersi un buon bicchiere di vino abbinato al miele, ai formaggi e ai salumi locali, ma anche quella di vivere una degustazione che racconta storie, aneddoti, saperi, identità e territorio. Un viaggio alla scoperta dei segreti delle bollicine più famose al mondo, il Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore Docg anche in versione Cartizze, dei vitigni autoctoni come il Manzoni Bianco o il Verdiso o dei rossi internazionali. La cantina offre anche smart tasting ed esperienze adrenaliniche a bordo del Land Rover Defender.","post_title":"Alle Manzane le nuove proposte dedicate agli enoturisti tra le colline di Conegliano Valdobbiadene","post_date":"2024-02-20T09:25:25+00:00","category":["incoming"],"category_name":["Incoming"],"post_tag":[]},"sort":[1708421125000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti