4 December 2022

Vijay Dewan: «Crescono gli investimenti sul turismo»

[ 0 ]
Vijay Dewan, a destra, con Giovanni Dinu uno dei delegati italiani presenti a Destination East

Vijay Dewan, a destra, con Giovanni Dinu uno dei delegati italiani presenti a Destination East

Vijay Dewan è il presidente regionale della CII, (Confederation of Indian Industries) artefice del successo di Destination East, la manifestazione che promuove il turismo nella parte nord orientale del paese.
Con lui facciamo il punto della situazione del turismo indiano. «Al momento circa 284 milioni di persone lavorano in settori vicini al turismo (nel mondo 1 su 11 è dedicato al turismo). Gli investimenti sono più redditizi nel turismo tanto che a parità d’investimento (1milione di rupie) si creano 78 posti di lavoro nel nostro settore, 18 nel manifatturiero e 45 in agricoltura. Il peso dell’industria turistica indiana pesa attualmente circa 137 miliardi di usd con una stima di crescita al raddoppio entro il 2025. L’India riceve uno dei più alti regimi di spesa turistica pro capite; il settore è il X fra le produzioni economiche del paese a più alta attrazione di capitali stranieri. Durante il periodo aprile 2000 marzo 2016, il turistico alberghiero ha attratto circa 9.23 miliardi di usd in investimenti esteri, secondo i dati dell’Industrial Policy and Promotion (DIPP) – prosegue Dewan – Gli arrivi di turisti stranieri in India segnano 9 milioni per il 2016-2017 con una crescita dell’11% sullo scorso anno mentre la valuta pregiate entrata è aumentata del 13.1% con il risultato di circa 1.92 miliardi di usd, secondo i dati diffusi dal ministero del turismo. I booking alberghieri online sono saliti dai 3.5 agli 8.4 milioni di notti e il traffico passeggeri è cresciuto del 20%».




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435294 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Un nuovo experience museo dedicato ai 5 sensi, il primo in Italia. Nell’ambito delle iniziative che celebrano i 30 anni dalla nascita dell’area Area Porto Antico e dell’Acquario di Genova apre al pubblico in una nuova location, sotto l’Acquario di Genova, e in una veste completamente rinnovata La Città dei Bambini e dei Ragazzi. 2.000 mq di spazio espositivo con oltre 40 exhibit dove i bambini e i ragazzi da 2 a 12 anni, insieme a genitori o altri adulti accompagnatori, possono compiere un vero e proprio viaggio alla scoperta di sé e del mondo attraverso l’esperienza diretta. Costa Edutainment e Porto Antico di Genova hanno affidato la progettazione, la produzione e la direzione artistica dell’experience museum a Filmmaster Events, azienda italiana leader nell’ideazione e produzione di grandi eventi, live show e cerimonie con oltre 40 anni di storia alle spalle – che è stata partner del progetto “La Città dei Bambini e dei Ragazzi” fin dalla definizione del suo concept innovativo. «Si tratta di un grande lavoro di squadra – commenta Beppe Costa, presidente Costa Edutainment – tra il Comune di Genova, la Porto Antico e noi di Costa Edutainment, motivo di orgoglio per tutta la città. Un tassello in più per l’attrattività di Genova, non più città per vecchi. Il nuovo Museo sarà curato, grazie ad iniziative e un programma ben definito, per crescere di anno in anno». Un’intera area – Splash – è espressamente dedicata alla fascia 2-4 anni come luogo protetto dove muoversi e imparare divertendosi in libertà. Altre quattro aree dedicate ai sensi – una sala per l’udito, una per il tatto, una per gusto e olfatto e una per la vista - propongono installazioni adatte a tutti, bambini, ragazzi e adulti, con vari gradi di complessità e obiettivi di apprendimento a seconda della fascia di età dei fruitori. L’esperienza di approfondimento proposta in ogni sala viene anticipata da portali di grande impatto scenografico – Megastereo, Tuttotatto, Per tutti i gusti, Occhio ragazzi! - che costituiscono exhibit interattivi che introducono di volta in volta i visitatori al tema. La “Casa in costruzione”, una delle installazioni più apprezzate già nella precedente Città dei bambini, è inserita in un contesto dedicato alla città sostenibile, in cui bambini possono giocare muniti di caschetto e giubbino da cantiere. Le installazioni, a seconda del tema presentato, propongono una fruizione singola, a coppie o a piccoli gruppi. Sono inoltre presenti un’area didattica, dove si possono svolgere i laboratori per le scuole, e un’area dedicata a feste di compleanno ed eventi privati. Un percorso esperienziale che utilizza tatto, vista, udito, olfatto e gusto come strumento per trasmettere conoscenze e divertirsi, attivando nei bambini e nei ragazzi un processo di educazione permanente e trasferendo alle nuove generazioni uno spirito critico rispetto agli stimoli loro forniti. Per celebrare l’apertura del nuovo spazio espositivo, dal 2 dicembre 2022 al 9 gennaio 2023 la visita sarà arricchita dai “Science snack”, animazioni sviluppate in collaborazione con il Festival della Scienza adatte alle diverse fasce di età che approfondiranno di volta in volta temi diversi in maniera coinvolgente e divertente. Il palinsesto prevede appuntamenti pomeridiani nei giorni feriali e appuntamenti in tutte le fasce di visita nei giorni festivi e nel periodo natalizio. I “Science snack”, compresi nella visita, hanno una durata di 20 minuti circa. Il trasferimento della struttura sotto l’Acquario persegue tre obiettivi importanti: la valorizzazione di una eccellenza della città, la sinergia anche logistica con una delle più importanti attrazioni del nostro Paese rivolte ai giovanissimi e, sotto il profilo della vivibilità della città, la riqualificazione dell’area di ponente del Porto Antico. Il nuovo experience museum è una struttura in continua evoluzione che proporrà di anno in anno nuovi spazi, exhibit e proposte didattiche, fornendo sempre nuovi spunti di visita e contribuendo all’attrattività di Genova per il pubblico di famiglie e scuole. La nuova Città dei Bambini e dei Ragazzi ha ricevuto il patrocinio di: AIRC Fondazione AIRC per la ricerca sul cancro ETS; Associazione Festival della Scienza; CNR Consiglio Nazionale delle Ricerche; IIT Istituto Italiano di Tecnologia; Opera Nazionale Montessori. L’operazione di rinnovamento riguarda anche il logo che è stato ridisegnato in chiave moderna. Il nuovo logo capitalizza il nome ed eredita segni dal passato, ma si esprime con colori accesi e forme addolcite. Il pay-off, “experience museum”, è l’evoluzione del precedente  “gioco, scienza e tecnologia”. L’investimento per la realizzazione è di quasi 5 milioni di Euro, equamente ripartiti tra i due partner Porto Antico di Genova SpA e Costa Edutainment SpA.   [post_title] => Genova, una nuova veste per la Città dei Bambini e dei Ragazzi, experience museo [post_date] => 2022-12-02T10:15:32+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669976132000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435276 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Una media occupazione superiore all'80% tra luglio e ottobre. E' la performance estiva del Belstay Venezia Mestre, rivelata in occasione della cerimonia ufficiale di lancio della struttura, svoltasi ieri con dj set e musica dal vivo, nonché impreziosita dalle specialità culinarie di chef Andrea Ribaldone. «L’intervento di riqualificazione, che abbiamo completato per implementare il nostro nuovo format alberghiero, si colloca perfettamente nel territorio veneziano che, per intensità di traffico leisure e aziende attive sul territorio, rappresenta un crocevia nell’Italia del nord-est. – commenta Roberto Di Tullio, a.d. di Belstay Hotels –. L’albergo ha sempre rappresentato un punto di riferimento nell’area per incontri aziendali e politici di alto profilo e per poterlo rilanciare si sono resi necessari significativi investimenti e un nuovo approccio gestionale, che lo rendesse più fruibile dalla clientela. Il format di accoglienza è molto apprezzato e ora siamo concentrati nel farci conoscere dai segmenti mice e business travel nel territorio veneziano». Il Belstay Venezia Mestre è un hotel di categoria 4 stelle con 188 camere completamente ristrutturate e caratterizzato da un design fresco e contemporaneo. La struttura dispone di ampia lobby, bar, due sale ristorante e un centro congressi con sala conferenze dalla capienza massima di 180 persone. Gli ospiti possono anche usufruire della palestra al piano interrato e del servizio navetta verso la stazione di Mestre. [post_title] => Ieri la cerimonia ufficiale di lancio del Belstay Venezia Mestre dopo un'estate da oltre l'80% di occupazione [post_date] => 2022-12-02T09:38:51+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669973931000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435074 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Singapore Airlines e il Gruppo Tata hanno confermato la prossima fusione della joint venture Vistara in Air India; nell'ambito dell'accordo Sia acquisirà una partecipazione del 25,1% in Air India. Oltre a conferire la propria quota di Vistara, Sia investirà 250 milioni di dollari nella nuova compagnia aerea. Le due parti mirano a completare la fusione entro marzo 2024, previa approvazione delle autorità di regolamentazione. L'accordo creerà un rivale più forte per il vettore dominante del Paese, IndiGo, e darà alla compagnia aerea di Singapore, che non ha un mercato nazionale, un punto d'appoggio più solido in uno dei mercati dell'aviazione in più rapida crescita al mondo. Inoltre, consentirà al conglomerato indiano di consolidare i propri marchi attorno al servizio completo Air India e alla low cost Air India Express. Singapore e Tata avevano creato Vistara nel 2013: ora, con l'annunciato merger, il marchio probabilmente sarà eliminato. E' altresì possibile che a seguito della fusione la stessa Air India potrebbe cambiare a breve la propria livrea. [post_title] => Air India: entro marzo 2024 la fusione con Vistara [post_date] => 2022-11-30T09:20:58+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669800058000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435022 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sarà gestito con il brand lusso di proprietà Almar il Timi Ama di Villasimius, la cui conduzione è stata recentemente acquisita dal gruppo Hnh Hospitality, che opera anche come white label company in collaborazione con alcune compagnie internazionali. La struttura sarda proviene da anni di storica permanenza sotto il cappello Pullman di casa Accor. L'indirizzo di Villasimius sarà così il terzo Almar della compagnia, dopo il veneto Jesolo Resort & Spa e il siciliano Giardino di Costanza di Mazara del Vallo. “Siamo particolarmente orgogliosi di questa nuova gestione a marchio Almar in Sardegna, che rappresenta per noi un nuovo e importante traguardo nel segmento dei luxury resort – sottolinea l'a.d. di Hnh Hospitality, Luca Boccato –. Dopo l’avvio nell’estate appena conclusa dell'Almar Giardino di Costanza, aperto da maggio scorso, e in ottica di forte continuità con l'indirizzo di Jesolo, abbiamo scelto di ampliare e, allo stesso tempo, diversificare ancor di più la nostra offerta. Questo, tramite una struttura situata in una delle destinazioni più in voga della Sardegna, con una proposta che concilia le esigenze del turismo leisure con quelle del turismo congressuale e del benessere. Il piano di investimenti concordato con la proprietà ci permetterà inoltre, entro l’estate 2025, un forte riposizionamento del prodotto, in linea con gli standard del nostro brand e della migliore offerta di resort lusso della Sardegna del sud”. L'Almar Timi Ama Resort & Spa si affaccia sullo stagno dei Notteri: una riserva naturale abitata da una popolosa comunità di fenicotteri rosa. Attraverso il parco della proprietà, sempre area protetta, si raggiunge la spiaggia di Timi Ama. Il resort include 280 camere, dotate di balcone o terrazza e distribuite su tre piani. La struttura offre anche quattro ristoranti e altrettanti bar, una piscina esterna e una interna dedicata alla spa, nonché una spiaggia attrezzata, adiacente alla proprietà. Oltre alla spa Thalasso, alimentata da un impianto collegato al mare, il complesso accoglie anche un fitness center comprensivo di campi da tennis, multifunzionali e da beach volley. Infine, il Timi Ama dedicherà ampio spazio pure all’offerta business di taglio congressuale, grazie a quattro sale riunioni, con capienza massima di 350 ospiti e un anfiteatro esterno da 400 posti. “Siamo felici  di aver chiuso questo accordo con un importante operatore italiano del segmento resort a 5 stelle – aggiungono Simone Festuccia e Pierpaolo Mazzella, amministratori di Timi Ama s.p.a. –. L’investimento che completeremo nel prossimo biennio sarà un'importante opportunità di valorizzazione per un asset strategico per la nostra società, coerente con le nuove tendenze di mercato per un segmento e una destinazione in forte crescita”. Nell’ambito dell’operazione, Hnh Hospitality è stata assistita per i profili legali da Advant Nctm, con un team coordinato dal partner Bruno Fondacaro, mentre Savills Italy ha agito in qualità di advisor di Timi Ama s.p.a. con l’head of hospitality & leisure, Dario Leone. [post_title] => Colpo Hnh Hospitality: acquisita la gestione del Timi Ama di Villasimius [post_date] => 2022-11-29T11:44:19+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669722259000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434883 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Air India prosegue lungo la rotta dell'espansione del network intercontinentale con l'aggiunta di sei destinazioni tra Europa e Stati Uniti. La compagnia aerea tornerà così anche a Milano Malpensa, dal 1° febbraio 2023; riprenderanno anche i voli da Nuova Delhi per Copenhagen  Vienna, come pure da Mumbai a Parigi e Francoforte. Negli Usa il vettore inaugurerà la nuova rotta da Mumbai verso New York. Sulla Nuova Delhi-Milano i collegamenti decolleranno il 1° febbraio 2023 con quattro frequenze alla settimana, mentre i voli saranno tre alla settimana su ciascuna delle rotte Delhi-Vienna e Delhi-Copenaghen a partire rispettivamente dal 18 febbraio e dal 1° marzo 2023. La compagnia aerea ha inoltre pianificato tre nuovi voli settimanali sulla rotta Mumbai-Parigi e quattro nuovi voli settimanali sulla Mumbai-Francoforte. Su queste rotte saranno impiegati B787-8 Dreamliner di Air India con 18 posti in Business Class e 238 in Economy Class. Il nuovo servizio Mumbai-New York inizierà il 14 febbraio 2023 e opererà ogni giorno verso il Jfk con aeromobili B777-200LR. Il nuovo volo si aggiungerà all'attuale servizio giornaliero di Air India da Delhi al Jfk e ai 4 voli settimanali per il Newark Liberty, portando le frequenze del vettore sulla tratta India-Usa a 47 voli diretti alla settimana.       "Un elemento chiave del nostro piano di trasformazione quinquennale, Vihaan.AI, è quello di rafforzare il network globale, collegando le principali città del Paese con un numero ancora maggiore di destinazioni - ha commentato Campbell Wilson, ceo di Air India -. L'introduzione di questi nuovi voli non-stop per New York, Milano, Vienna, Copenaghen, Parigi e Francoforte è un altro passo in questo percorso, che si accelererà con l'espansione della nostra flotta di aeromobili".     [post_title] => Air India: sei nuove rotte verso Europa e Usa. Ritorno a Milano dal 1° febbraio [post_date] => 2022-11-28T09:12:44+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669626764000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434858 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Lab Travel Group, operatore della distribuzione turistica che si avvale della collaborazione di oltre 150 agenti di viaggio sul territorio nazionale,  aderisce Museo del Turismo realizzando una sala dedicata alla storia delle compagnie aeree nella propria filiale di Torino, in via del Carmine. Il Museo del Turismo è un’iniziativa senza scopo di lucro ideata dallo spagnolo Alberto Bosque Coello che ha l’intento di promuovere la storia del turismo in tutto il mondo. L’Italia fa parte dei 7 paesi che ospitano le quasi 100 sale tematiche ricche di oggetti, tra cui dépliant, gadget, cartoline, timbri, biglietti e souvenir raccolti dai privati nei loro viaggi.   [gallery ids="434862,434863,434864,434865,434866,434867,434868,434869,434870,434871,434872,434873,434874,434875"] La nuova sala, la numero 73, è aperta al pubblico su prenotazione ed è stata allestita con cura e attenzione da Rita La Torre e Paolo Destefanis, agenti di viaggio Lab Travel Group e testimoni diretti della rivoluzione generata da internet nel settore del trasporto aereo, culminata con l’avvento di nuovi sistemi automatizzati per la distribuzione e il calcolo delle tariffe e il successo del modello low-cost. Il risultato è un percorso dedicato ai nostalgici dei viaggi d’antan, ma anche ai più giovani appassionati di turismo tra cimeli, memorabilia, aneddoti e oggetti vintage dal fascino senza tempo, come l’apribottiglie in omaggio ai passeggeri del Concorde che volava tra Parigi e New York negli anni ’80, caratterizzato da una forma stilizzata ispirata al profilo dello stesso Concorde e della Tour Eiffel. E ancora, le copie dei menù in First Class di Pan Am, i modellini degli aeromobili del passato, borsette portadocumenti e kit da viaggio. Da segnalare anche la sezione dedicata ai libretti degli orari, semplicemente inimmaginabili per i nativi digitali, che comprende anche una rara testimonianza dell’orario ufficiale di tutte le compagnie del mondo, raggruppato in due libroni, aggiornati e spediti alle agenzie di viaggio ogni 3 mesi. Tra i percorsi tematici più curiosi, una menzione speciale va sicuramente a quello incentrato sulla storia della biglietteria. All’interno della sala si possono trovare biglietti di ogni tipo e i manuali delle diverse compagnie per il calcolo delle tariffe in base alle miglia. Prima degli anni ’80, un agente di viaggio esperto impiegava circa quindici minuti per calcolare la tariffa di un volo diretto Milano – New York, ma poteva volerci fino a un’ora di tempo per le tratte più complesse comprensive di uno o più scali. Una volta calcolato l’importo e verificata la disponibilità, il biglietto veniva emesso con macchine speciali, che le agenzie abilitate ricevevano direttamente dalla IATA (Associazione Internazionale del Trasporto Aereo) per poi essere etichettato con una targhettatrice che apponeva su di esso il marchio dell’agenzia e il logo della compagnia aerea, rendendolo valido per l’imbarco. Con l’avvento dei primi automatismi basati sui GDS (Global Distribution System), negli anni ’80 il modo di emettere i biglietti cambia completamente: la mostra ripercorre questa evoluzione arrivando fino agli “E-ticket” di oggi. Paolo Destefanis, agente di viaggio Lab Travel Group e curatore della Sala, dichiara: “Questa sala è il risultato di un grande lavoro di recupero della memoria storica e offre una retrospettiva completa sull’evoluzione delle compagnie aeree e, conseguentemente, del lavoro degli agenti di viaggio nel corso del Novecento. Molti degli oggetti esposti sono ricordi personali dei colleghi di Lab Travel Group, ma ci siamo avvalsi anche della collaborazione di altri agenti di viaggio e di ex dipendenti delle stesse compagnie, che hanno aperto i loro archivi per noi (un ringraziamento particolare va in questo senso al signor Mimmo Cristofaro, titolare dell’agenzia Contur Srl) e di affezionati e storici clienti, che hanno voluto condividere i loro ricordi di viaggio. In linea con la filosofia che anima il Museo del Turismo, intendiamo tener vivo il passato di una professione profondamente cambiata in seguito all’evoluzione tecnologica, affinché tanto gli appassionati, quanto gli addetti ai lavori di oggi possano comprendere l’impegno e il valore che da sempre caratterizza il mestiere dell’agente di viaggio”. Per visitare la sala è sufficiente fissare un appuntamento presso la filiale di Lab Travel Group di via del Carmine 28 a Torino. www.themuseumoftourism.org https://www.facebook.com/ILMUSEODELTURISMO/ https://www.instagram.com/ilmuseodelturismo/ [post_title] => Museo del Turismo: nuova sala a Torino presso Lab Travel Group [post_date] => 2022-11-25T17:31:03+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669397463000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434671 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Non solo vacanze in tutti gli angoli del mondo, ma anche un viaggio indietro nel tempo, alla scoperta del passato dell’aviazione civile: è l’ultima proposta di Lab Travel Group, operatore leader nel settore della distribuzione turistica, che si avvale della collaborazione di oltre 150 agenti di viaggio sul territorio nazionale. Lab Travel Group ha scelto di aderire al Museo del turismo realizzando una sala dedicata alla storia delle compagnie aeree nella propria filiale di Torino, in via del Carmine. Il Museo del turismo è un’iniziativa senza scopo di lucro ideata dallo spagnolo Alberto Bosque Coello che ha l’intento di promuovere la storia del turismo in tutto il mondo. L’Italia fa parte dei 7 paesi che ospitano le quasi 100 sale tematiche ricche di oggetti, tra cui dépliant, gadget, cartoline, timbri, biglietti e souvenir raccolti dai privati nei loro viaggi. La nuova sala, la numero 73, è aperta al pubblico su prenotazione ed è stata allestita con cura e attenzione da Rita La Torre e Paolo Destefanis, agenti di viaggio Lab Travel Group e testimoni diretti della rivoluzione generata da internet nel settore del trasporto aereo, culminata con l’avvento di nuovi sistemi automatizzati per la distribuzione e il calcolo delle tariffe e il successo del modello low-cost. Il risultato è un percorso dedicato ai nostalgici dei viaggi d’antan, ma anche ai più giovani appassionati di turismo tra cimeli, memorabilia, aneddoti e oggetti vintage dal fascino senza tempo, come l’apribottiglie in omaggio ai passeggeri del Concorde che volava tra Parigi e New York negli anni ’80, caratterizzato da una forma stilizzata ispirata al profilo dello stesso Concorde e della Tour Eiffel. E ancora, le copie dei menù in First Class di Pan Am, i modellini degli aeromobili del passato, borsette portadocumenti e kit da viaggio. Da segnalare anche la sezione dedicata ai libretti degli orari, semplicemente inimmaginabili per i nativi digitali, che comprende anche una rara testimonianza dell’orario ufficiale di tutte le compagnie del mondo, raggruppato in due libroni, aggiornati e spediti alle agenzie di viaggio ogni 3 mesi. Tra i percorsi tematici più curiosi, una menzione speciale va sicuramente a quello incentrato sulla storia della biglietteria. All’interno della sala si possono trovare biglietti di ogni tipo e i manuali delle diverse compagnie per il calcolo delle tariffe in base alle miglia. Prima degli anni ’80, un agente di viaggio esperto impiegava circa quindici minuti per calcolare la tariffa di un volo diretto Milano – New York, ma poteva volerci fino a un’ora di tempo per le tratte più complesse comprensive di uno o più scali. Una volta calcolato l’importo e verificata la disponibilità, il biglietto veniva emesso con macchine speciali, che le agenzie abilitate ricevevano direttamente dalla IATA (Associazione Internazionale del Trasporto Aereo) per poi essere etichettato con una targhettatrice che apponeva su di esso il marchio dell’agenzia e il logo della compagnia aerea, rendendolo valido per l’imbarco. Con l’avvento dei primi automatismi basati sui GDS (Global Distribution System), negli anni ’80 il modo di emettere i biglietti cambia completamente: la mostra ripercorre questa evoluzione arrivando fino agli “E-ticket” di oggi. Paolo Destefanis, agente di viaggio Lab Travel Group e curatore della Sala, dichiara: “Questa sala è il risultato di un grande lavoro di recupero della memoria storica e offre una retrospettiva completa sull’evoluzione delle compagnie aeree e, conseguentemente, del lavoro degli agenti di viaggio nel corso del Novecento. Molti degli oggetti esposti sono ricordi personali dei colleghi di Lab Travel Group, ma ci siamo avvalsi anche della collaborazione di altri agenti di viaggio e di ex dipendenti delle stesse compagnie, che hanno aperto i loro archivi per noi (un ringraziamento particolare va in questo senso al signor Mimmo Cristofaro, titolare dell’agenzia Contur Srl) e di affezionati e storici clienti, che hanno voluto condividere i loro ricordi di viaggio. In linea con la filosofia che anima il Museo del Turismo, intendiamo tener vivo il passato di una professione profondamente cambiata in seguito all’evoluzione tecnologica, affinché tanto gli appassionati, quanto gli addetti ai lavori di oggi possano comprendere l’impegno e il valore che da sempre caratterizza il mestiere dell’agente di viaggio”. [post_title] => Lab Travel Group apre una sala nel Museo del turismo [post_date] => 2022-11-24T10:05:21+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669284321000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434606 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L'India ha rimosso da ieri, 22 novembre, l'obbligo per i viaggiatori di presentare una certificazione di vaccinazione per il Covid, nonché l'autodichiarazione Air Suvidha, introdotta per il tracciamento dei contatti durante la pandemia. Il Ministero indiano della Salute ha annunciato la revisione dei protocolli di viaggio "alla luce del percorso di flessione continuo del Covid-19 e dei progressi significativi ottenuti nella copertura vaccinale, nel mondo e in India".  I viaggiatori possono dunque tornare a un'esperienza di viaggio "normale", come prevedono le nuove linee guida del governo: ai passeggeri in arrivo non è più richiesto di essere vaccinati né di sottoporsi al test Covid-19. Tuttavia, dovrebbero "preferibilmente essere completamente vaccinati secondo il programma primario di vaccinazione contro la Covid-19 approvato nel loro Paese". Le mascherine non sono obbligatorie durante i voli, ma solo raccomandate. I passeggeri con sintomi Covid devono essere isolati e indossare una mascherina durante il viaggio e recarsi in una struttura di isolamento per il trattamento. All'aeroporto, i viaggiatori saranno sottoposti a controlli termici e, se presentano sintomi, saranno isolati e indirizzati a una struttura medica. [post_title] => L'India ha rimosso le ultime restrizioni di viaggio legate al Covid [post_date] => 2022-11-23T09:17:02+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669195022000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434564 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Ogni mercoledì fino al 9 dicembre, i viaggiatori che hanno scelto Originaltour per scoprire l'Oman saranno ospiti di una festa con tanto di torta nel campo tendato Desert Night Camp: 5 stelle del Wahiba Sands, una vallata circondata da sabbia dorata. Proprio il prossimo 9 dicembre l'operatore compie infatti 33 anni di attività. E ha deciso di festeggiare sul campo. Originaltour è stato fondato da Loredana Arcangeli e Luciano Paparelli nel lontano 1989, proponendo viaggi in Medio ed Estremo Oriente, in Australia e Pacifico. Nel 1999 ha iniziato per primo in Italia a programmare viaggi di gruppo e individuali in Oman, meta sconosciuta agli più, e oggi è uno degli operatori riconosciuti come specialista della destinazione, con tanto di ufficio a Muscat, la capitale del Sultanato. Con Originaltour sia gli individuali, sia i gruppi visitano il paese a bordo di fuoristrada, mezzo ideale per raggiungere i luoghi più remoti e segreti del Sultanato. Con il tempo, la programmazione si è arricchita di numerose mete, concentrate in Estremo Oriente, oceano Indiano, Medio Oriente, Australia & Pacifico e Asia centrale. A metà degli anni Novanta il to ha lanciato anche una linea di viaggi per subacquei ed è stato tra i primi a proporre il mar Rosso e a portare gli italiani appassionati di immersione da Sipadan a Layang Layang in Malesia, a Manado e Derawan in Indonesia. “Da allora il mercato è profondamente cambiato - commenta Loredana Arcangeli, direttore generale dell’operatore -: oggi c’è molta più concorrenza e soprattutto notiamo un appiattimento da parte dei competitor delle proposte per l’Oman, che è il Paese per il quale siamo riconosciuti come specialisti. Sia per l’Oman, ma lo stesso vale anche per altre mete che proponiamo, come per esempio gli Emirati Arabi, l’Uzbekistan, le isole del Pacifico, l’Indonesia e la Malesia, abbiamo sempre cercato di proporre non tanto il meglio, ma quello che secondo noi può piacere alle mutate esigenze di chi viaggia. Oggi il valore di un viaggio è dato dalle esperienze che si possono fare sul posto; quelle vere che consentono di entrare in contatto con le persone, emozionarsi sotto le stelle nel deserto, nel silenzio più completo. Non è un caso se i tour che sono tra i più richiesti in Oman siano quelli della linea Adventure, dove si dorme in campi mobili e fissi nel deserto, si viaggia soltanto in fuoristrada e alcuni pasti sono al sacco: chi viaggia vuole emozionarsi e noi offriamo l’opportunità di farlo ma con la sicurezza e la garanzia di un operatore che conosce la destinazione nei minimi dettagli”. [post_title] => Originaltour compie 33 anni e li festeggia in Oman con una festa nel Desert Night Camp [post_date] => 2022-11-22T12:04:42+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669118682000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "vijay dewan un profilo del turismo india" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":69,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":407,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435294","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Un nuovo experience museo dedicato ai 5 sensi, il primo in Italia. Nell’ambito delle iniziative che celebrano i 30 anni dalla nascita dell’area Area Porto Antico e dell’Acquario di Genova apre al pubblico in una nuova location, sotto l’Acquario di Genova, e in una veste completamente rinnovata La Città dei Bambini e dei Ragazzi.\r\n\r\n2.000 mq di spazio espositivo con oltre 40 exhibit dove i bambini e i ragazzi da 2 a 12 anni, insieme a genitori o altri adulti accompagnatori, possono compiere un vero e proprio viaggio alla scoperta di sé e del mondo attraverso l’esperienza diretta.\r\n\r\nCosta Edutainment e Porto Antico di Genova hanno affidato la progettazione, la produzione e la direzione artistica dell’experience museum a Filmmaster Events, azienda italiana leader nell’ideazione e produzione di grandi eventi, live show e cerimonie con oltre 40 anni di storia alle spalle – che è stata partner del progetto “La Città dei Bambini e dei Ragazzi” fin dalla definizione del suo concept innovativo.\r\n\r\n«Si tratta di un grande lavoro di squadra – commenta Beppe Costa, presidente Costa Edutainment – tra il Comune di Genova, la Porto Antico e noi di Costa Edutainment, motivo di orgoglio per tutta la città. Un tassello in più per l’attrattività di Genova, non più città per vecchi. Il nuovo Museo sarà curato, grazie ad iniziative e un programma ben definito, per crescere di anno in anno».\r\n\r\nUn’intera area – Splash – è espressamente dedicata alla fascia 2-4 anni come luogo protetto dove muoversi e imparare divertendosi in libertà. Altre quattro aree dedicate ai sensi – una sala per l’udito, una per il tatto, una per gusto e olfatto e una per la vista - propongono installazioni adatte a tutti, bambini, ragazzi e adulti, con vari gradi di complessità e obiettivi di apprendimento a seconda della fascia di età dei fruitori. L’esperienza di approfondimento proposta in ogni sala viene anticipata da portali di grande impatto scenografico – Megastereo, Tuttotatto, Per tutti i gusti, Occhio ragazzi! - che costituiscono exhibit interattivi che introducono di volta in volta i visitatori al tema. La “Casa in costruzione”, una delle installazioni più apprezzate già nella precedente Città dei bambini, è inserita in un contesto dedicato alla città sostenibile, in cui bambini possono giocare muniti di caschetto e giubbino da cantiere.\r\n\r\nLe installazioni, a seconda del tema presentato, propongono una fruizione singola, a coppie o a piccoli gruppi. Sono inoltre presenti un’area didattica, dove si possono svolgere i laboratori per le scuole, e un’area dedicata a feste di compleanno ed eventi privati.\r\n\r\nUn percorso esperienziale che utilizza tatto, vista, udito, olfatto e gusto come strumento per trasmettere conoscenze e divertirsi, attivando nei bambini e nei ragazzi un processo di educazione permanente e trasferendo alle nuove generazioni uno spirito critico rispetto agli stimoli loro forniti.\r\n\r\nPer celebrare l’apertura del nuovo spazio espositivo, dal 2 dicembre 2022 al 9 gennaio 2023 la visita sarà arricchita dai “Science snack”, animazioni sviluppate in collaborazione con il Festival della Scienza adatte alle diverse fasce di età che approfondiranno di volta in volta temi diversi in maniera coinvolgente e divertente. Il palinsesto prevede appuntamenti pomeridiani nei giorni feriali e appuntamenti in tutte le fasce di visita nei giorni festivi e nel periodo natalizio. I “Science snack”, compresi nella visita, hanno una durata di 20 minuti circa.\r\n\r\nIl trasferimento della struttura sotto l’Acquario persegue tre obiettivi importanti: la valorizzazione di una eccellenza della città, la sinergia anche logistica con una delle più importanti attrazioni del nostro Paese rivolte ai giovanissimi e, sotto il profilo della vivibilità della città, la riqualificazione dell’area di ponente del Porto Antico.\r\n\r\nIl nuovo experience museum è una struttura in continua evoluzione che proporrà di anno in anno nuovi spazi, exhibit e proposte didattiche, fornendo sempre nuovi spunti di visita e contribuendo all’attrattività di Genova per il pubblico di famiglie e scuole.\r\n\r\nLa nuova Città dei Bambini e dei Ragazzi ha ricevuto il patrocinio di: AIRC Fondazione AIRC per la ricerca sul cancro ETS; Associazione Festival della Scienza; CNR Consiglio Nazionale delle Ricerche; IIT Istituto Italiano di Tecnologia; Opera Nazionale Montessori.\r\n\r\nL’operazione di rinnovamento riguarda anche il logo che è stato ridisegnato in chiave moderna. Il nuovo logo capitalizza il nome ed eredita segni dal passato, ma si esprime con colori accesi e forme addolcite. Il pay-off, “experience museum”, è l’evoluzione del precedente  “gioco, scienza e tecnologia”.\r\n\r\nL’investimento per la realizzazione è di quasi 5 milioni di Euro, equamente ripartiti tra i due partner Porto Antico di Genova SpA e Costa Edutainment SpA.\r\n\r\n ","post_title":"Genova, una nuova veste per la Città dei Bambini e dei Ragazzi, experience museo","post_date":"2022-12-02T10:15:32+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1669976132000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435276","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Una media occupazione superiore all'80% tra luglio e ottobre. E' la performance estiva del Belstay Venezia Mestre, rivelata in occasione della cerimonia ufficiale di lancio della struttura, svoltasi ieri con dj set e musica dal vivo, nonché impreziosita dalle specialità culinarie di chef Andrea Ribaldone.\r\n\r\n«L’intervento di riqualificazione, che abbiamo completato per implementare il nostro nuovo format alberghiero, si colloca perfettamente nel territorio veneziano che, per intensità di traffico leisure e aziende attive sul territorio, rappresenta un crocevia nell’Italia del nord-est. – commenta Roberto Di Tullio, a.d. di Belstay Hotels –. L’albergo ha sempre rappresentato un punto di riferimento nell’area per incontri aziendali e politici di alto profilo e per poterlo rilanciare si sono resi necessari significativi investimenti e un nuovo approccio gestionale, che lo rendesse più fruibile dalla clientela. Il format di accoglienza è molto apprezzato e ora siamo concentrati nel farci conoscere dai segmenti mice e business travel nel territorio veneziano».\r\n\r\nIl Belstay Venezia Mestre è un hotel di categoria 4 stelle con 188 camere completamente ristrutturate e caratterizzato da un design fresco e contemporaneo. La struttura dispone di ampia lobby, bar, due sale ristorante e un centro congressi con sala conferenze dalla capienza massima di 180 persone. Gli ospiti possono anche usufruire della palestra al piano interrato e del servizio navetta verso la stazione di Mestre.","post_title":"Ieri la cerimonia ufficiale di lancio del Belstay Venezia Mestre dopo un'estate da oltre l'80% di occupazione","post_date":"2022-12-02T09:38:51+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1669973931000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435074","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Singapore Airlines e il Gruppo Tata hanno confermato la prossima fusione della joint venture Vistara in Air India; nell'ambito dell'accordo Sia acquisirà una partecipazione del 25,1% in Air India. Oltre a conferire la propria quota di Vistara, Sia investirà 250 milioni di dollari nella nuova compagnia aerea. Le due parti mirano a completare la fusione entro marzo 2024, previa approvazione delle autorità di regolamentazione.\r\n\r\nL'accordo creerà un rivale più forte per il vettore dominante del Paese, IndiGo, e darà alla compagnia aerea di Singapore, che non ha un mercato nazionale, un punto d'appoggio più solido in uno dei mercati dell'aviazione in più rapida crescita al mondo.\r\n\r\nInoltre, consentirà al conglomerato indiano di consolidare i propri marchi attorno al servizio completo Air India e alla low cost Air India Express.\r\n\r\nSingapore e Tata avevano creato Vistara nel 2013: ora, con l'annunciato merger, il marchio probabilmente sarà eliminato. E' altresì possibile che a seguito della fusione la stessa Air India potrebbe cambiare a breve la propria livrea.","post_title":"Air India: entro marzo 2024 la fusione con Vistara","post_date":"2022-11-30T09:20:58+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1669800058000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435022","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Sarà gestito con il brand lusso di proprietà Almar il Timi Ama di Villasimius, la cui conduzione è stata recentemente acquisita dal gruppo Hnh Hospitality, che opera anche come white label company in collaborazione con alcune compagnie internazionali. La struttura sarda proviene da anni di storica permanenza sotto il cappello Pullman di casa Accor. L'indirizzo di Villasimius sarà così il terzo Almar della compagnia, dopo il veneto Jesolo Resort & Spa e il siciliano Giardino di Costanza di Mazara del Vallo.\r\n\r\n“Siamo particolarmente orgogliosi di questa nuova gestione a marchio Almar in Sardegna, che rappresenta per noi un nuovo e importante traguardo nel segmento dei luxury resort – sottolinea l'a.d. di Hnh Hospitality, Luca Boccato –. Dopo l’avvio nell’estate appena conclusa dell'Almar Giardino di Costanza, aperto da maggio scorso, e in ottica di forte continuità con l'indirizzo di Jesolo, abbiamo scelto di ampliare e, allo stesso tempo, diversificare ancor di più la nostra offerta. Questo, tramite una struttura situata in una delle destinazioni più in voga della Sardegna, con una proposta che concilia le esigenze del turismo leisure con quelle del turismo congressuale e del benessere. Il piano di investimenti concordato con la proprietà ci permetterà inoltre, entro l’estate 2025, un forte riposizionamento del prodotto, in linea con gli standard del nostro brand e della migliore offerta di resort lusso della Sardegna del sud”.\r\n\r\nL'Almar Timi Ama Resort & Spa si affaccia sullo stagno dei Notteri: una riserva naturale abitata da una popolosa comunità di fenicotteri rosa. Attraverso il parco della proprietà, sempre area protetta, si raggiunge la spiaggia di Timi Ama. Il resort include 280 camere, dotate di balcone o terrazza e distribuite su tre piani. La struttura offre anche quattro ristoranti e altrettanti bar, una piscina esterna e una interna dedicata alla spa, nonché una spiaggia attrezzata, adiacente alla proprietà. Oltre alla spa Thalasso, alimentata da un impianto collegato al mare, il complesso accoglie anche un fitness center comprensivo di campi da tennis, multifunzionali e da beach volley. Infine, il Timi Ama dedicherà ampio spazio pure all’offerta business di taglio congressuale, grazie a quattro sale riunioni, con capienza massima di 350 ospiti e un anfiteatro esterno da 400 posti.\r\n\r\n“Siamo felici  di aver chiuso questo accordo con un importante operatore italiano del segmento resort a 5 stelle – aggiungono Simone Festuccia e Pierpaolo Mazzella, amministratori di Timi Ama s.p.a. –. L’investimento che completeremo nel prossimo biennio sarà un'importante opportunità di valorizzazione per un asset strategico per la nostra società, coerente con le nuove tendenze di mercato per un segmento e una destinazione in forte crescita”. Nell’ambito dell’operazione, Hnh Hospitality è stata assistita per i profili legali da Advant Nctm, con un team coordinato dal partner Bruno Fondacaro, mentre Savills Italy ha agito in qualità di advisor di Timi Ama s.p.a. con l’head of hospitality & leisure, Dario Leone.","post_title":"Colpo Hnh Hospitality: acquisita la gestione del Timi Ama di Villasimius","post_date":"2022-11-29T11:44:19+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1669722259000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434883","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Air India prosegue lungo la rotta dell'espansione del network intercontinentale con l'aggiunta di sei destinazioni tra Europa e Stati Uniti. La compagnia aerea tornerà così anche a Milano Malpensa, dal 1° febbraio 2023; riprenderanno anche i voli da Nuova Delhi per Copenhagen  Vienna, come pure da Mumbai a Parigi e Francoforte. Negli Usa il vettore inaugurerà la nuova rotta da Mumbai verso New York.\r\n\r\nSulla Nuova Delhi-Milano i collegamenti decolleranno il 1° febbraio 2023 con quattro frequenze alla settimana, mentre i voli saranno tre alla settimana su ciascuna delle rotte Delhi-Vienna e Delhi-Copenaghen a partire rispettivamente dal 18 febbraio e dal 1° marzo 2023. La compagnia aerea ha inoltre pianificato tre nuovi voli settimanali sulla rotta Mumbai-Parigi e quattro nuovi voli settimanali sulla Mumbai-Francoforte. Su queste rotte saranno impiegati B787-8 Dreamliner di Air India con 18 posti in Business Class e 238 in Economy Class.\r\n\r\nIl nuovo servizio Mumbai-New York inizierà il 14 febbraio 2023 e opererà ogni giorno verso il Jfk con aeromobili B777-200LR. Il nuovo volo si aggiungerà all'attuale servizio giornaliero di Air India da Delhi al Jfk e ai 4 voli settimanali per il Newark Liberty, portando le frequenze del vettore sulla tratta India-Usa a 47 voli diretti alla settimana.\r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\n\"Un elemento chiave del nostro piano di trasformazione quinquennale, Vihaan.AI, è quello di rafforzare il network globale, collegando le principali città del Paese con un numero ancora maggiore di destinazioni - ha commentato Campbell Wilson, ceo di Air India -. L'introduzione di questi nuovi voli non-stop per New York, Milano, Vienna, Copenaghen, Parigi e Francoforte è un altro passo in questo percorso, che si accelererà con l'espansione della nostra flotta di aeromobili\".\r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"Air India: sei nuove rotte verso Europa e Usa. Ritorno a Milano dal 1° febbraio","post_date":"2022-11-28T09:12:44+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1669626764000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434858","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Lab Travel Group, operatore della distribuzione turistica che si avvale della collaborazione di oltre 150 agenti di viaggio sul territorio nazionale,  aderisce Museo del Turismo realizzando una sala dedicata alla storia delle compagnie aeree nella propria filiale di Torino, in via del Carmine.\r\n\r\nIl Museo del Turismo è un’iniziativa senza scopo di lucro ideata dallo spagnolo Alberto Bosque Coello che ha l’intento di promuovere la storia del turismo in tutto il mondo. L’Italia fa parte dei 7 paesi che ospitano le quasi 100 sale tematiche ricche di oggetti, tra cui dépliant, gadget, cartoline, timbri, biglietti e souvenir raccolti dai privati nei loro viaggi.\r\n\r\n \r\n\r\n[gallery ids=\"434862,434863,434864,434865,434866,434867,434868,434869,434870,434871,434872,434873,434874,434875\"]\r\n\r\nLa nuova sala, la numero 73, è aperta al pubblico su prenotazione ed è stata allestita con cura e attenzione da Rita La Torre e Paolo Destefanis, agenti di viaggio Lab Travel Group e testimoni diretti della rivoluzione generata da internet nel settore del trasporto aereo, culminata con l’avvento di nuovi sistemi automatizzati per la distribuzione e il calcolo delle tariffe e il successo del modello low-cost.\r\n\r\nIl risultato è un percorso dedicato ai nostalgici dei viaggi d’antan, ma anche ai più giovani appassionati di turismo tra cimeli, memorabilia, aneddoti e oggetti vintage dal fascino senza tempo, come l’apribottiglie in omaggio ai passeggeri del Concorde che volava tra Parigi e New York negli anni ’80, caratterizzato da una forma stilizzata ispirata al profilo dello stesso Concorde e della Tour Eiffel. E ancora, le copie dei menù in First Class di Pan Am, i modellini degli aeromobili del passato, borsette portadocumenti e kit da viaggio. Da segnalare anche la sezione dedicata ai libretti degli orari, semplicemente inimmaginabili per i nativi digitali, che comprende anche una rara testimonianza dell’orario ufficiale di tutte le compagnie del mondo, raggruppato in due libroni, aggiornati e spediti alle agenzie di viaggio ogni 3 mesi.\r\n\r\nTra i percorsi tematici più curiosi, una menzione speciale va sicuramente a quello incentrato sulla storia della biglietteria. All’interno della sala si possono trovare biglietti di ogni tipo e i manuali delle diverse compagnie per il calcolo delle tariffe in base alle miglia. Prima degli anni ’80, un agente di viaggio esperto impiegava circa quindici minuti per calcolare la tariffa di un volo diretto Milano – New York, ma poteva volerci fino a un’ora di tempo per le tratte più complesse comprensive di uno o più scali. Una volta calcolato l’importo e verificata la disponibilità, il biglietto veniva emesso con macchine speciali, che le agenzie abilitate ricevevano direttamente dalla IATA (Associazione Internazionale del Trasporto Aereo) per poi essere etichettato con una targhettatrice che apponeva su di esso il marchio dell’agenzia e il logo della compagnia aerea, rendendolo valido per l’imbarco. Con l’avvento dei primi automatismi basati sui GDS (Global Distribution System), negli anni ’80 il modo di emettere i biglietti cambia completamente: la mostra ripercorre questa evoluzione arrivando fino agli “E-ticket” di oggi.\r\n\r\nPaolo Destefanis, agente di viaggio Lab Travel Group e curatore della Sala, dichiara: “Questa sala è il risultato di un grande lavoro di recupero della memoria storica e offre una retrospettiva completa sull’evoluzione delle compagnie aeree e, conseguentemente, del lavoro degli agenti di viaggio nel corso del Novecento. Molti degli oggetti esposti sono ricordi personali dei colleghi di Lab Travel Group, ma ci siamo avvalsi anche della collaborazione di altri agenti di viaggio e di ex dipendenti delle stesse compagnie, che hanno aperto i loro archivi per noi (un ringraziamento particolare va in questo senso al signor Mimmo Cristofaro, titolare dell’agenzia Contur Srl) e di affezionati e storici clienti, che hanno voluto condividere i loro ricordi di viaggio. In linea con la filosofia che anima il Museo del Turismo, intendiamo tener vivo il passato di una professione profondamente cambiata in seguito all’evoluzione tecnologica, affinché tanto gli appassionati, quanto gli addetti ai lavori di oggi possano comprendere l’impegno e il valore che da sempre caratterizza il mestiere dell’agente di viaggio”.\r\n\r\nPer visitare la sala è sufficiente fissare un appuntamento presso la filiale di Lab Travel Group di via del Carmine 28 a Torino.\r\n\r\nwww.themuseumoftourism.org\r\n\r\nhttps://www.facebook.com/ILMUSEODELTURISMO/\r\n\r\nhttps://www.instagram.com/ilmuseodelturismo/","post_title":"Museo del Turismo: nuova sala a Torino presso Lab Travel Group","post_date":"2022-11-25T17:31:03+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1669397463000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434671","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Non solo vacanze in tutti gli angoli del mondo, ma anche un viaggio indietro nel tempo, alla scoperta del passato dell’aviazione civile: è l’ultima proposta di Lab Travel Group, operatore leader nel settore della distribuzione turistica, che si avvale della collaborazione di oltre 150 agenti di viaggio sul territorio nazionale.\r\n\r\nLab Travel Group ha scelto di aderire al Museo del turismo realizzando una sala dedicata alla storia delle compagnie aeree nella propria filiale di Torino, in via del Carmine.\r\n\r\nIl Museo del turismo è un’iniziativa senza scopo di lucro ideata dallo spagnolo Alberto Bosque Coello che ha l’intento di promuovere la storia del turismo in tutto il mondo. L’Italia fa parte dei 7 paesi che ospitano le quasi 100 sale tematiche ricche di oggetti, tra cui dépliant, gadget, cartoline, timbri, biglietti e souvenir raccolti dai privati nei loro viaggi.\r\n\r\nLa nuova sala, la numero 73, è aperta al pubblico su prenotazione ed è stata allestita con cura e attenzione da Rita La Torre e Paolo Destefanis, agenti di viaggio Lab Travel Group e testimoni diretti della rivoluzione generata da internet nel settore del trasporto aereo, culminata con l’avvento di nuovi sistemi automatizzati per la distribuzione e il calcolo delle tariffe e il successo del modello low-cost.\r\n\r\nIl risultato è un percorso dedicato ai nostalgici dei viaggi d’antan, ma anche ai più giovani appassionati di turismo tra cimeli, memorabilia, aneddoti e oggetti vintage dal fascino senza tempo, come l’apribottiglie in omaggio ai passeggeri del Concorde che volava tra Parigi e New York negli anni ’80, caratterizzato da una forma stilizzata ispirata al profilo dello stesso Concorde e della Tour Eiffel. E ancora, le copie dei menù in First Class di Pan Am, i modellini degli aeromobili del passato, borsette portadocumenti e kit da viaggio. Da segnalare anche la sezione dedicata ai libretti degli orari, semplicemente inimmaginabili per i nativi digitali, che comprende anche una rara testimonianza dell’orario ufficiale di tutte le compagnie del mondo, raggruppato in due libroni, aggiornati e spediti alle agenzie di viaggio ogni 3 mesi.\r\n\r\nTra i percorsi tematici più curiosi, una menzione speciale va sicuramente a quello incentrato sulla storia della biglietteria. All’interno della sala si possono trovare biglietti di ogni tipo e i manuali delle diverse compagnie per il calcolo delle tariffe in base alle miglia. Prima degli anni ’80, un agente di viaggio esperto impiegava circa quindici minuti per calcolare la tariffa di un volo diretto Milano – New York, ma poteva volerci fino a un’ora di tempo per le tratte più complesse comprensive di uno o più scali. Una volta calcolato l’importo e verificata la disponibilità, il biglietto veniva emesso con macchine speciali, che le agenzie abilitate ricevevano direttamente dalla IATA (Associazione Internazionale del Trasporto Aereo) per poi essere etichettato con una targhettatrice che apponeva su di esso il marchio dell’agenzia e il logo della compagnia aerea, rendendolo valido per l’imbarco. Con l’avvento dei primi automatismi basati sui GDS (Global Distribution System), negli anni ’80 il modo di emettere i biglietti cambia completamente: la mostra ripercorre questa evoluzione arrivando fino agli “E-ticket” di oggi.\r\n\r\nPaolo Destefanis, agente di viaggio Lab Travel Group e curatore della Sala, dichiara: “Questa sala è il risultato di un grande lavoro di recupero della memoria storica e offre una retrospettiva completa sull’evoluzione delle compagnie aeree e, conseguentemente, del lavoro degli agenti di viaggio nel corso del Novecento. Molti degli oggetti esposti sono ricordi personali dei colleghi di Lab Travel Group, ma ci siamo avvalsi anche della collaborazione di altri agenti di viaggio e di ex dipendenti delle stesse compagnie, che hanno aperto i loro archivi per noi (un ringraziamento particolare va in questo senso al signor Mimmo Cristofaro, titolare dell’agenzia Contur Srl) e di affezionati e storici clienti, che hanno voluto condividere i loro ricordi di viaggio. In linea con la filosofia che anima il Museo del Turismo, intendiamo tener vivo il passato di una professione profondamente cambiata in seguito all’evoluzione tecnologica, affinché tanto gli appassionati, quanto gli addetti ai lavori di oggi possano comprendere l’impegno e il valore che da sempre caratterizza il mestiere dell’agente di viaggio”.","post_title":"Lab Travel Group apre una sala nel Museo del turismo","post_date":"2022-11-24T10:05:21+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1669284321000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434606","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L'India ha rimosso da ieri, 22 novembre, l'obbligo per i viaggiatori di presentare una certificazione di vaccinazione per il Covid, nonché l'autodichiarazione Air Suvidha, introdotta per il tracciamento dei contatti durante la pandemia.\r\n\r\nIl Ministero indiano della Salute ha annunciato la revisione dei protocolli di viaggio \"alla luce del percorso di flessione continuo del Covid-19 e dei progressi significativi ottenuti nella copertura vaccinale, nel mondo e in India\". \r\n\r\nI viaggiatori possono dunque tornare a un'esperienza di viaggio \"normale\", come prevedono le nuove linee guida del governo: ai passeggeri in arrivo non è più richiesto di essere vaccinati né di sottoporsi al test Covid-19. Tuttavia, dovrebbero \"preferibilmente essere completamente vaccinati secondo il programma primario di vaccinazione contro la Covid-19 approvato nel loro Paese\".\r\nLe mascherine non sono obbligatorie durante i voli, ma solo raccomandate.\r\nI passeggeri con sintomi Covid devono essere isolati e indossare una mascherina durante il viaggio e recarsi in una struttura di isolamento per il trattamento. All'aeroporto, i viaggiatori saranno sottoposti a controlli termici e, se presentano sintomi, saranno isolati e indirizzati a una struttura medica.","post_title":"L'India ha rimosso le ultime restrizioni di viaggio legate al Covid","post_date":"2022-11-23T09:17:02+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1669195022000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434564","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Ogni mercoledì fino al 9 dicembre, i viaggiatori che hanno scelto Originaltour per scoprire l'Oman saranno ospiti di una festa con tanto di torta nel campo tendato Desert Night Camp: 5 stelle del Wahiba Sands, una vallata circondata da sabbia dorata. Proprio il prossimo 9 dicembre l'operatore compie infatti 33 anni di attività. E ha deciso di festeggiare sul campo. Originaltour è stato fondato da Loredana Arcangeli e Luciano Paparelli nel lontano 1989, proponendo viaggi in Medio ed Estremo Oriente, in Australia e Pacifico. Nel 1999 ha iniziato per primo in Italia a programmare viaggi di gruppo e individuali in Oman, meta sconosciuta agli più, e oggi è uno degli operatori riconosciuti come specialista della destinazione, con tanto di ufficio a Muscat, la capitale del Sultanato.\r\n\r\nCon Originaltour sia gli individuali, sia i gruppi visitano il paese a bordo di fuoristrada, mezzo ideale per raggiungere i luoghi più remoti e segreti del Sultanato. Con il tempo, la programmazione si è arricchita di numerose mete, concentrate in Estremo Oriente, oceano Indiano, Medio Oriente, Australia & Pacifico e Asia centrale. A metà degli anni Novanta il to ha lanciato anche una linea di viaggi per subacquei ed è stato tra i primi a proporre il mar Rosso e a portare gli italiani appassionati di immersione da Sipadan a Layang Layang in Malesia, a Manado e Derawan in Indonesia.\r\n\r\n“Da allora il mercato è profondamente cambiato - commenta Loredana Arcangeli, direttore generale dell’operatore -: oggi c’è molta più concorrenza e soprattutto notiamo un appiattimento da parte dei competitor delle proposte per l’Oman, che è il Paese per il quale siamo riconosciuti come specialisti. Sia per l’Oman, ma lo stesso vale anche per altre mete che proponiamo, come per esempio gli Emirati Arabi, l’Uzbekistan, le isole del Pacifico, l’Indonesia e la Malesia, abbiamo sempre cercato di proporre non tanto il meglio, ma quello che secondo noi può piacere alle mutate esigenze di chi viaggia. Oggi il valore di un viaggio è dato dalle esperienze che si possono fare sul posto; quelle vere che consentono di entrare in contatto con le persone, emozionarsi sotto le stelle nel deserto, nel silenzio più completo. Non è un caso se i tour che sono tra i più richiesti in Oman siano quelli della linea Adventure, dove si dorme in campi mobili e fissi nel deserto, si viaggia soltanto in fuoristrada e alcuni pasti sono al sacco: chi viaggia vuole emozionarsi e noi offriamo l’opportunità di farlo ma con la sicurezza e la garanzia di un operatore che conosce la destinazione nei minimi dettagli”.","post_title":"Originaltour compie 33 anni e li festeggia in Oman con una festa nel Desert Night Camp","post_date":"2022-11-22T12:04:42+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1669118682000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti