30 July 2021

Tunisia: un video promuove il meglio dell’offerta mare, cultura e benessere

[ 0 ]

La Tunisia promuove la riapertura delle sue frontiere al turismo attraverso un video che si concentra sui molteplici prodotti che il Paese è in grado di offrire ai turisti, locali e internazionali.

Il breve film, della durata di 3 minuti (disponibile alla pagina Facebook dell’ente nazionale tunisino per il turismo) illustra la bellezza delle spiagge di sabbia fine che invitano ancora una volta i viaggiatori a godersi una vacanza rilassante al sole. Per i turisti che cercano di coniugare il relax con l’avventura, sono numerose le possibilità di praticare sport acquatici nei tanti centri nautici che punteggiano la costa tunisina. Per chi, invece, è alla ricerca di storia e cultura, le Medine di Tunisi, Kairouan e Sousse sono dei veri e propri musei a cielo aperto. Il video è stato realizzato in collaborazione con la Cooperazione Tedesca e il progetto “Promozione del turismo sostenibile” (un’azione congiunta dell’Ue e del Ministero Federale per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico) –

La Tunisia ha ospitato il suo primo volo charter con vacanzieri dalla fine dello scorso aprile, nonostante le restrizioni imposte dai Paesi europei da cui provengono i turisti, per arginare l’aumento dei casi di coronavirus. Previo esito negativo di un test Pcr effettuato al massimo 72 ore prima dell’imbarco, i turisti sono  tenuti al rigoroso rispetto del Protocollo tunisino anti Covid-19 per la salute del turismo, sin dal loro arrivo in Tunisia.

Dal 1° giugno 2021 il test Pcr negativo non è più richiesto ai viaggiatori che arrivano in Tunisia se hanno ricevuto le due dosi di vaccino, presentando il certificato con QR Code, oppure se hanno contratto il Covid-19 nelle 6 settimane precedenti la data di imbarco, previa presentazione di certificato medico rilasciato dalle autorità competenti.
Contestualmente è stata avviata una campagna di vaccinazione su larga scala da parte del Ministero del Turismo tunisino in collaborazione con le Federazioni Professionali del Turismo per vaccinare i dipendenti del settore turistico che lavorano, in presenza e stabilmente, in alberghi e ristoranti, agenzie di viaggio, musei e siti archeologici.




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( )

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti