1 October 2022

L’Avana: la Camera Oscura del centro storico compie quindici anni

[ 0 ]
La Camera Oscura de la Habana

La Camera Oscura de L’Avana

Gemella di quella situata sulla Torre Tavira a Cadice, in Spagna, la Camera Oscura del centro storico de L’Avana celebra il 15° compleanno ponendosi come uno dei i luoghi più amati dai visitatori della capitale. Situata al piano superiore del palazzo Gomez Vila, Plaza Vieja, l’attrazione si basa su un effetto ottico attraverso il quale si riflettono, grazie a un gioco di specchi, su uno schermo rotondo e concavo le immagini della città all’esterno. Tra specchi e lenti, le immagini rappresentano un ritratto in movimento costante, esattamente come appare la città vista dal palazzo. La Camera Oscura testimonia l’esistenza di un centro storico vivo, pulsante, in cui stili architettonici differenti convivono, conferendole un fascino coloniale e storico difficilmente ripetibile.




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431447 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il gruppo Th si appresta a chiudere un 2022 decisamente positivo, con il fatturato complessivo che supera per la prima volta la simbolica cifra dei 100 milioni, arrivando a quota 133 milioni di euro. "Il che significa crescere del 109% sul 2021 e soprattutto del 46% sull’anno pre-Covid 2019, per complessivi 42 milioni in più - spiega l’amministratore delegato della compagnia, Giuliano Gaiba -. Si tratta di risultati decisamente confortanti, ancora di più se si considera il contesto in cui ci siamo mossi, caratterizzato ancora dalla pandemia, a cui si sono aggiunti la guerra e l’inflazione crescente». Nel dettaglio, il marchio Th Resorts dovrebbe registrare un giro d’affari complessivo di 110 milioni di euro (+17% sull’anno precedente), mentre la startup Baobab si stima si possa attestare attorno ai 20 milioni, «che è un risultato insperato per noi», aggiunge Gaiba. Lo storico operatore tailor made Markando è invece in fase di riorganizzazione e verrà rilanciato quest’autunno, «con un progetto innovativo e risorse dedicate di spessore ed esperienza». [post_title] => Baobab: primo anno a quota 20 milioni di fatturato [post_date] => 2022-09-30T11:25:22+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664537122000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431330 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_385945" align="alignleft" width="300"] Francesco Calia[/caption] Rimane forte l'interesse da parte degli investitori verso il comparto del real estate alberghiero italiano, grazie anche al progressivo recupero delle performance delle strutture rispetto ai risultati pre-pandemia. Nel primo semestre di quest’anno, i volumi di investimento nel settore dell'ospitalità italiana si sono infatti attestati sui 730 milioni di euro, superando i livelli dello stesso periodo del 2021, anno che poi ha chiuso con un totale transato pari a 2,1 miliardi di euro, miglior risultato di sempre dopo il record del 2019, quando è stata oltrepassata la soglia dei 3 miliardi. Negli ultimi 12 mesi, inoltre, l’incidenza degli investimenti del settore hotel sul totale dei volumi d’investimento del commercial real estate italiano (la categoria degli immobili a reddito con l'esclusione del residenziale, ndr) è stata del 16%, contro quella del 5% registrata a livello europeo. A conferma di come questo settore sia uno dei più sviluppati in Europa. Roma e Milano continuano quindi a dominare la scena. Lusso ed extra-lusso gli obiettivi nella Capitale; upper-upscale il focus nella città lombarda E’ la fotografia del mercato degli hotel in Italia presentata da Cbre, in occasione dell’evento Wanderlust 2022 – The Cbre Hotels Event svoltosi recentemente a Milano. Nel dettaglio, nell’ambito delle operazioni di tipo value-add, gli investitori mostrano particolare interesse verso il mercato romano, puntando al riposizionamento di strutture esistenti e alla conversione di immobili a uso ufficio nel centro storico della città, soprattutto nel segmento lusso ed extra-lusso. A Milano invece i flussi si sono diretti verso il segmento upper-upscale con operazioni di rebranding di hotel esistenti o acquisto di alberghi a reddito da parte di investitori core. Dal 2019 fino alla fine del primo semestre 2022, l’incidenza delle operazioni value-add nel mercato romano ha raggiunto quota 62%, mentre nel mercato milanese si è attestata al 47%. Tariffe medie in crescita a doppia cifra percentuale  A livello di performance, nei primi sette mesi del 2022 a Roma e Milano l’adr (average daily rate) è cresciuto a Roma e Milano rispettivamente del 21% e del 14%, conseguendo i migliori risultati tra le capitali europee, con Roma seconda solo a Parigi in termini di ritmo di crescita. I tassi di occupazione degli alberghi si collocano però ancora sotto i livelli del 2019, rispettivamente del -14% a Roma e dek -22% a Milano, ma in linea con quelli del mercato europeo. Il revpar (ricavo medio per camera disponibile), di conseguenza, a Roma è già al di sopra dei livelli raggiunti nel 2019 (+4%) mentre rimane ancora di poco in area negativa a Milano (-11%). Oltre alle grandi città bene anche il segmento resort “In sintesi possiamo dire che, dalla ripresa Covid e per i prossimi anni, il segmento dei resort e le città di Roma e Milano hanno trainato e traineranno il mercato degli investimenti alberghieri in Italia, assorbendo a oggi complessivamente circa il 70% dei capitali investiti in hotel nel Paese - commenta l'head of hotels di Cbre, Francesco Calia -. Le performance del mercato delle due città sono robuste, in rapidissima crescita e con valori/profitti superiori alle aspettative. E questo dovrebbe progressivamente tranquillizzare gli investitori sui loro ritorni, compensando in parte l’aumento del costo del capitale a prestito.” [post_title] => Cbre: Roma e Milano trainano le performance del real estate alberghiero italiano [post_date] => 2022-09-29T11:31:28+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664451088000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431271 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Le isole Bahamas sbarcano a Rimini con numerose novità, dal comparto crocieristico a quello dell'hotellerie. A presentarle al trade ci sarà Maria Grazia Marino, area manager del Ministero del Turismo. L'arcipelago caraibico conferma tutti i suoi plus per una vacanza all’insegna della natura, del green, ideale sia per le coppie ma anche ricca di proposte per le famiglie. Recentemente le isole delle Bahamas sono state incluse nei "World's Best Awards" di Travel + Leisure 2022, grazie all’inserimento delle Exuma, Harbour Island ed Eleuthera nell’elenco delle 25 migliori isole dei Caraibi. Intanto, dallo scorso 20 settembre il requisito del test Covid-19 (per i non vaccinati) è stato completamente eliminato. Già ad agosto le Bahamas avevano tolto l’obbligo di vaccino anti-Covid per i passeggeri delle crociere, con il vincolo per i non vaccinati di presentare un test Covid-19 negativo effettuato non più di tre giorni (72 ore) prima del viaggio alle Bahamas. Primo piano per il settore crocieristico, che ha giocato un ruolo cruciale per la ripresa del turismo alla Bahamas: solo nel primo trimestre del 2022 sono sbarcati oltre 1 milione di crocieristi, quando in tutto il 2021 gli arrivi registrati furono 1,1 milioni, con ricadute molto importanti su tutto l’indotto. [post_title] => Le isole Bahamas sbarcano a Rimini con numerose novità [post_date] => 2022-09-28T14:58:21+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664377101000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431235 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_431236" align="alignleft" width="300"] Luca Argelà[/caption] Saranno il Sudan e i Balcani i protagonisti dell'intervento di Shiruq all'ottava edizione di tourismA: il salone internazionale dedicato all’archeologia e al turismo culturale, ospitato al palazzo dei Congressi di Firenze da venerdì 30 settembre a domenica 2 ottobre. "Un'importante occasione di confronto e divulgazione delle iniziative legate alla comunicazione del mondo antico e alla valorizzazione delle sue testimonianze, dove noi potremo presentare la nostra offerta culturale e archeologica", spiega Luca Argelà, responsabile commerciale del to milanese. Venerdì 30 settembre Shiruq incontrerà in particolare gli agenti di viaggio al Buy cultural tourism, la quinta edizione del workshop b2b contenuto all'interno dell'evento fiorentino. "La nostra offerta è in continua evoluzione ed espansione - continua Argelà  - e al salone presenteremo interessanti novità". All'interno della rassegna Viaggi di cultura e archeologia, che si terrà sabato 1° ottobre presso la sala Limonaia del palazzo, Shiruq firmerà inoltre due ulteriori appuntamenti: alle ore 10.15 l'archeologo Alessandro Fumagalli e lo storico e giornalista Piero Pasini condurranno il pubblico in un viaggio attraverso "Le antiche vestigia dei Faraoni Neri", alla scoperta del Sudan più autentico. Alle ore 15.05 i due esperti porteranno infine in scena i Balcani, con la talk "Realtà e magia di un continente nel continente". [post_title] => Il Sudan e i Balcani di Shiruq protagonisti a tourismA, l'evento fiorentino dedicato ai viaggi culturali [post_date] => 2022-09-28T10:38:59+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664361539000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431184 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Nuovo capitolo per lo storico treno Venice Simplon - Orient Express che per la prima volta lancia una serie di itinerari nel mese di dicembre, toccando città come Firenze, Parigi, Venezia e Vienna in occasione delle festività. Un'opportunità di scoprire i mercatini di Natale e le tradizioni invernali di ciascuna città. Il convoglio percorrerà l’itinerario classico da Venezia a Parigi il 2 e il 12 dicembre, con ritorno il 20 dicembre. Effettuerà una fermata a Firenze il 7 dicembre (Venezia-Parigi) e l’8 dicembre (Parigi-Venezia), e ripartirà da Parigi in direzione di Vienna il 17 dicembre, per poi ritornare a Parigi il 18 dicembre. Il Venice Simplon-Orient-Express, a Belmond Train è composto da 17 carrozze originali degli anni ‘20 e ‘30, ognuna con il proprio fascino e la propria storia. Il treno si fregia di caratteristiche cabine storiche e di sei Grand suite, quintessenza di eleganza e stravaganza, i cui nomi omaggiano le città che ne hanno ispirato il décor, tra cui le stesse Parigi, Vienna e Venezia. A partire da giugno 2023, saranno inoltre aggiunte otto nuove suite alle due categorie già esistenti a bordo. Queste disporranno tra le altre cose di un bagno privato in marmo e di uno spazio lounge diurno convertibile in letti matrimoniali o singoli durante la notte. [post_title] => La prima volta d'inverno del Venice Simplon-Orient Express a Firenze, Parigi, Venezia e Vienna [post_date] => 2022-09-27T12:18:06+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664281086000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431144 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Non più Sea, Asia, Sudamerica e Australia Explorer, ma un solo nome, World Explorer, a racchiudere l'offerta mondo nata dai 50 anni di esperienza di Africa Explorer, che invece rimane a sottolineare la profonda specializzazione dell'operatore milanese sul continente Nero. Il tutto accompagnato da un cambio, anche visivo, dei rispettivi loghi, che ora racchiudono i colori della terra, del cielo stellato, dei deserti e della savana, con linee pulite unite da un tratto grafico volto sintetizzare la sostanza dei viaggi proposti. La novità nasce dall'esigenza di dare omogeneità all'offerta del to.  “È stata un’estate, quella che si è appena conclusa, di deciso rilancio - racconta il titolare, Alessandro Simonetti, figlio del fondatore Francesco -. Abbiamo lavorato moltissimo e siamo tornati a portare i nostri clienti in Africa e in numerose altre parti del mondo. Abbiamo raccolto apprezzamenti e ringraziamenti, perché in ogni luogo raggiunto i nostri viaggiatori hanno trovato professionalità e servizi eccellenti. Era giunto, quindi, il momento di segnare, anche visivamente, un passaggio tra un prima, vessato dalla crisi pandemica che ci ha quasi messo in ginocchio, e un dopo, che per noi inizia oggi, con un nuovo look e una più netta definizione del nostro prodotto: da un lato la nostra storia, ovvero African Explorer, e dall’altro il nostro futuro prossimo, World Explorer”. [post_title] => World e African Explorer cambiano logo e riposizionano l'immagine della compagnia [post_date] => 2022-09-27T09:53:39+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( [0] => nofascione ) [post_tag_name] => Array ( [0] => nofascione ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664272419000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431082 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_431083" align="alignleft" width="300"] Roberto Catanzaro[/caption] Nexi e Global Blue hanno stretto una partnership strategica finalizzata all'integrazione delle soluzioni di pagamento di Nexi con le piattaforme PMS (Property Management System) e i Point of Sale di Oracle. L’accordo consolida in modo significativo la collaborazione di lungo termine tra i due player e segue quello relativo al servizio DCC (Dynamic Currency Conversion) che - grazie allo status di Global Blue di Payment System Integrator Gold-level certificato Oracle® - consente agli esercenti dei 25 Paesi in cui opera Nexi di accettare pagamenti attraverso la suite di prodotti Oracle®. «La partnership strategica con Global Blue rafforza ulteriormente le nostre capacità di offrire a commercianti e aziende la migliore combinazione di scala europea e vicinanza al cliente - afferma Roberto Catanzaro, group chief strategy & transformation officer di Nexi - Estenderemo le nostre soluzioni di accettazione omnicanale e continueremo a fornire proposte che consentano nuove esperienze utente per i consumatori e nuove opportunità di business per i commercianti, con un focus specifico sui verticali dell'hotellerie, dell'ospitalità e del retail». Grazie alla semplificazione dei processi operativi e alla riduzione del carico di lavoro del personale addetto a Front Desk e Back Office, questa integrazione offre vantaggi significativi ai retailers che utilizzano le piattaforme Oracle OPERA Cloud Property Management, Simphony Point of Sale and Oracle Retail XStore Point-of-Service. I merchant, infatti, possono beneficiare di un’esperienza omnicanale davvero fluida, traendo un vantaggio concreto dal connubio tra la scala europea e la profonda competenza a livello locale di Nexi, mentre per i consumatori l'esperienza di acquisto diventa più semplice, più veloce e più sicura, nel rispetto dei più elevati standard di sicurezza e della Tokenizzazione end-to-end per l'archiviazione sicura dei dati delle carte.   «Attraverso questa collaborazione, Global Blue si conferma partner leader nel settore tecnologico e dei pagamenti e consente a chi opera nell’ambito dell’hospitality, della ristorazione e del commercio al dettaglio di disporre di uno strumento gestionale integrato e omnicanale per un’esperienza di acquisto ancora più fluida” - ha detto Damian Cecchi, svp added value payment solutions – “In qualità di fornitore di questa soluzione innovativa, possiamo e intendiamo continuare ad essere il punto di riferimento di tutti i nostri acquirer e partner che vedono le nostre competenze come necessarie per poter migliorare le proprie performance sul mercato». [post_title] => Nexi e Global Blue: partnership strategica per integrare le soluzioni [post_date] => 2022-09-26T11:11:49+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664190709000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431063 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Hong Kong compie un ulteriore passo sulla strada dell'eliminazione delle restrizioni imposte ai viaggiatori per controllare la diffusione del Covid: niente più quarantena obbligatoria negli hotel e nessun test Covid da effettuarsi prima del volo. Una volta giunti a Hong Kong però, viaggiatori in arrivo dovranno auto-monitorarsi per tre giorni per verificare l'eventuale presenza di un'infezione. In altre parole dovranno evitare strutture come ristoranti o centri commerciali per i primi tre giorni.   La notizia di questo allentamento delle restrizioni di viaggio ha da subito innescato un balzo in avanti delle richieste di viaggio e delle prenotazioni dei voli verso la città, tanto che Cathay Pacific prevede per ottobre l'aggiunta di altri 200 voli verso destinazioni asiatiche e di lungo raggio.   [post_title] => Hong Kong: niente più quarantena in hotel e test prima della partenza [post_date] => 2022-09-26T10:03:01+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664186581000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431036 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Riapre domani, 24 settembre, dopo 11 anni di chiusura, il Museo Reale di Belle Arti di Anversa (Kmska), con una nuova veste rinnovata e ristrutturata.  "L'apertura del Kmska è il momento culturale più importante del 2022 - ha sottolineato il ministro presidente Jan Jambon -.  Il Kmska ospita la più grande collezione d'arte delle Fiandre. Finalmente, dopo un lungo tour mondiale, i nostri maestri fiamminghi sono tornati a casa". Durante gli 11 anni di chiusura, l'edificio storico è stato è stato ristrutturato ed è stato aggiunto un nuovo volume di colore bianco puro. Questo crea il 40% di spazio espositivo. Con 8.400 pezzi, la collezione del museo è la più grande e preziosa delle Fiandre. L'opera più antica risale all'inizio del XIV secolo. Il Kmska possiede opere d'arte provenienti principalmente dal Belgio e dai Paesi Bassi meridionali, oltre ad un buon numero di capolavori internazionali di eccezionale qualità.   [post_title] => Fiandre: riapre domani ad Anversa il Museo Reale di Belle Arti [post_date] => 2022-09-23T15:08:32+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1663945712000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "lavana la camera oscura del centro storico compie quindici anni" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":47,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":914,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431447","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il gruppo Th si appresta a chiudere un 2022 decisamente positivo, con il fatturato complessivo che supera per la prima volta la simbolica cifra dei 100 milioni, arrivando a quota 133 milioni di euro. \"Il che significa crescere del 109% sul 2021 e soprattutto del 46% sull’anno pre-Covid 2019, per complessivi 42 milioni in più - spiega l’amministratore delegato della compagnia, Giuliano Gaiba -. Si tratta di risultati decisamente confortanti, ancora di più se si considera il contesto in cui ci siamo mossi, caratterizzato ancora dalla pandemia, a cui si sono aggiunti la guerra e l’inflazione crescente».\r\n\r\nNel dettaglio, il marchio Th Resorts dovrebbe registrare un giro d’affari complessivo di 110 milioni di euro (+17% sull’anno precedente), mentre la startup Baobab si stima si possa attestare attorno ai 20 milioni, «che è un risultato insperato per noi», aggiunge Gaiba. Lo storico operatore tailor made Markando è invece in fase di riorganizzazione e verrà rilanciato quest’autunno, «con un progetto innovativo e risorse dedicate di spessore ed esperienza».","post_title":"Baobab: primo anno a quota 20 milioni di fatturato","post_date":"2022-09-30T11:25:22+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1664537122000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431330","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_385945\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Francesco Calia[/caption]\r\n\r\nRimane forte l'interesse da parte degli investitori verso il comparto del real estate alberghiero italiano, grazie anche al progressivo recupero delle performance delle strutture rispetto ai risultati pre-pandemia. Nel primo semestre di quest’anno, i volumi di investimento nel settore dell'ospitalità italiana si sono infatti attestati sui 730 milioni di euro, superando i livelli dello stesso periodo del 2021, anno che poi ha chiuso con un totale transato pari a 2,1 miliardi di euro, miglior risultato di sempre dopo il record del 2019, quando è stata oltrepassata la soglia dei 3 miliardi. Negli ultimi 12 mesi, inoltre, l’incidenza degli investimenti del settore hotel sul totale dei volumi d’investimento del commercial real estate italiano (la categoria degli immobili a reddito con l'esclusione del residenziale, ndr) è stata del 16%, contro quella del 5% registrata a livello europeo. A conferma di come questo settore sia uno dei più sviluppati in Europa. Roma e Milano continuano quindi a dominare la scena.\r\n\r\nLusso ed extra-lusso gli obiettivi nella Capitale; upper-upscale il focus nella città lombarda\r\n\r\nE’ la fotografia del mercato degli hotel in Italia presentata da Cbre, in occasione dell’evento Wanderlust 2022 – The Cbre Hotels Event svoltosi recentemente a Milano. Nel dettaglio, nell’ambito delle operazioni di tipo value-add, gli investitori mostrano particolare interesse verso il mercato romano, puntando al riposizionamento di strutture esistenti e alla conversione di immobili a uso ufficio nel centro storico della città, soprattutto nel segmento lusso ed extra-lusso. A Milano invece i flussi si sono diretti verso il segmento upper-upscale con operazioni di rebranding di hotel esistenti o acquisto di alberghi a reddito da parte di investitori core. Dal 2019 fino alla fine del primo semestre 2022, l’incidenza delle operazioni value-add nel mercato romano ha raggiunto quota 62%, mentre nel mercato milanese si è attestata al 47%.\r\n\r\nTariffe medie in crescita a doppia cifra percentuale \r\n\r\nA livello di performance, nei primi sette mesi del 2022 a Roma e Milano l’adr (average daily rate) è cresciuto a Roma e Milano rispettivamente del 21% e del 14%, conseguendo i migliori risultati tra le capitali europee, con Roma seconda solo a Parigi in termini di ritmo di crescita. I tassi di occupazione degli alberghi si collocano però ancora sotto i livelli del 2019, rispettivamente del -14% a Roma e dek -22% a Milano, ma in linea con quelli del mercato europeo. Il revpar (ricavo medio per camera disponibile), di conseguenza, a Roma è già al di sopra dei livelli raggiunti nel 2019 (+4%) mentre rimane ancora di poco in area negativa a Milano (-11%).\r\n\r\nOltre alle grandi città bene anche il segmento resort\r\n\r\n“In sintesi possiamo dire che, dalla ripresa Covid e per i prossimi anni, il segmento dei resort e le città di Roma e Milano hanno trainato e traineranno il mercato degli investimenti alberghieri in Italia, assorbendo a oggi complessivamente circa il 70% dei capitali investiti in hotel nel Paese - commenta l'head of hotels di Cbre, Francesco Calia -. Le performance del mercato delle due città sono robuste, in rapidissima crescita e con valori/profitti superiori alle aspettative. E questo dovrebbe progressivamente tranquillizzare gli investitori sui loro ritorni, compensando in parte l’aumento del costo del capitale a prestito.”","post_title":"Cbre: Roma e Milano trainano le performance del real estate alberghiero italiano","post_date":"2022-09-29T11:31:28+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1664451088000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431271","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Le isole Bahamas sbarcano a Rimini con numerose novità, dal comparto crocieristico a quello dell'hotellerie. A presentarle al trade ci sarà Maria Grazia Marino, area manager del Ministero del Turismo.\r\nL'arcipelago caraibico conferma tutti i suoi plus per una vacanza all’insegna della natura, del green, ideale sia per le coppie ma anche ricca di proposte per le famiglie. Recentemente le isole delle Bahamas sono state incluse nei \"World's Best Awards\" di Travel + Leisure 2022, grazie all’inserimento delle Exuma, Harbour Island ed Eleuthera nell’elenco delle 25 migliori isole dei Caraibi.\r\nIntanto, dallo scorso 20 settembre il requisito del test Covid-19 (per i non vaccinati) è stato completamente eliminato. Già ad agosto le Bahamas avevano tolto l’obbligo di vaccino anti-Covid per i passeggeri delle crociere, con il vincolo per i non vaccinati di presentare un test Covid-19 negativo effettuato non più di tre giorni (72 ore) prima del viaggio alle Bahamas.\r\nPrimo piano per il settore crocieristico, che ha giocato un ruolo cruciale per la ripresa del turismo alla Bahamas: solo nel primo trimestre del 2022 sono sbarcati oltre 1 milione di crocieristi, quando in tutto il 2021 gli arrivi registrati furono 1,1 milioni, con ricadute molto importanti su tutto l’indotto.","post_title":"Le isole Bahamas sbarcano a Rimini con numerose novità","post_date":"2022-09-28T14:58:21+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1664377101000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431235","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_431236\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Luca Argelà[/caption]\r\n\r\nSaranno il Sudan e i Balcani i protagonisti dell'intervento di Shiruq all'ottava edizione di tourismA: il salone internazionale dedicato all’archeologia e al turismo culturale, ospitato al palazzo dei Congressi di Firenze da venerdì 30 settembre a domenica 2 ottobre. \"Un'importante occasione di confronto e divulgazione delle iniziative legate alla comunicazione del mondo antico e alla valorizzazione delle sue testimonianze, dove noi potremo presentare la nostra offerta culturale e archeologica\", spiega Luca Argelà, responsabile commerciale del to milanese.\r\n\r\nVenerdì 30 settembre Shiruq incontrerà in particolare gli agenti di viaggio al Buy cultural tourism, la quinta edizione del workshop b2b contenuto all'interno dell'evento fiorentino. \"La nostra offerta è in continua evoluzione ed espansione - continua Argelà  - e al salone presenteremo interessanti novità\". All'interno della rassegna Viaggi di cultura e archeologia, che si terrà sabato 1° ottobre presso la sala Limonaia del palazzo, Shiruq firmerà inoltre due ulteriori appuntamenti: alle ore 10.15 l'archeologo Alessandro Fumagalli e lo storico e giornalista Piero Pasini condurranno il pubblico in un viaggio attraverso \"Le antiche vestigia dei Faraoni Neri\", alla scoperta del Sudan più autentico. Alle ore 15.05 i due esperti porteranno infine in scena i Balcani, con la talk \"Realtà e magia di un continente nel continente\".","post_title":"Il Sudan e i Balcani di Shiruq protagonisti a tourismA, l'evento fiorentino dedicato ai viaggi culturali","post_date":"2022-09-28T10:38:59+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1664361539000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431184","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Nuovo capitolo per lo storico treno Venice Simplon - Orient Express che per la prima volta lancia una serie di itinerari nel mese di dicembre, toccando città come Firenze, Parigi, Venezia e Vienna in occasione delle festività. Un'opportunità di scoprire i mercatini di Natale e le tradizioni invernali di ciascuna città. Il convoglio percorrerà l’itinerario classico da Venezia a Parigi il 2 e il 12 dicembre, con ritorno il 20 dicembre. Effettuerà una fermata a Firenze il 7 dicembre (Venezia-Parigi) e l’8 dicembre (Parigi-Venezia), e ripartirà da Parigi in direzione di Vienna il 17 dicembre, per poi ritornare a Parigi il 18 dicembre.\r\n\r\nIl Venice Simplon-Orient-Express, a Belmond Train è composto da 17 carrozze originali degli anni ‘20 e ‘30, ognuna con il proprio fascino e la propria storia. Il treno si fregia di caratteristiche cabine storiche e di sei Grand suite, quintessenza di eleganza e stravaganza, i cui nomi omaggiano le città che ne hanno ispirato il décor, tra cui le stesse Parigi, Vienna e Venezia. A partire da giugno 2023, saranno inoltre aggiunte otto nuove suite alle due categorie già esistenti a bordo. Queste disporranno tra le altre cose di un bagno privato in marmo e di uno spazio lounge diurno convertibile in letti matrimoniali o singoli durante la notte.","post_title":"La prima volta d'inverno del Venice Simplon-Orient Express a Firenze, Parigi, Venezia e Vienna","post_date":"2022-09-27T12:18:06+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1664281086000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431144","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Non più Sea, Asia, Sudamerica e Australia Explorer, ma un solo nome, World Explorer, a racchiudere l'offerta mondo nata dai 50 anni di esperienza di Africa Explorer, che invece rimane a sottolineare la profonda specializzazione dell'operatore milanese sul continente Nero. Il tutto accompagnato da un cambio, anche visivo, dei rispettivi loghi, che ora racchiudono i colori della terra, del cielo stellato, dei deserti e della savana, con linee pulite unite da un tratto grafico volto sintetizzare la sostanza dei viaggi proposti.\r\n\r\nLa novità nasce dall'esigenza di dare omogeneità all'offerta del to.  “È stata un’estate, quella che si è appena conclusa, di deciso rilancio - racconta il titolare, Alessandro Simonetti, figlio del fondatore Francesco -. Abbiamo lavorato moltissimo e siamo tornati a portare i nostri clienti in Africa e in numerose altre parti del mondo. Abbiamo raccolto apprezzamenti e ringraziamenti, perché in ogni luogo raggiunto i nostri viaggiatori hanno trovato professionalità e servizi eccellenti. Era giunto, quindi, il momento di segnare, anche visivamente, un passaggio tra un prima, vessato dalla crisi pandemica che ci ha quasi messo in ginocchio, e un dopo, che per noi inizia oggi, con un nuovo look e una più netta definizione del nostro prodotto: da un lato la nostra storia, ovvero African Explorer, e dall’altro il nostro futuro prossimo, World Explorer”.","post_title":"World e African Explorer cambiano logo e riposizionano l'immagine della compagnia","post_date":"2022-09-27T09:53:39+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":["nofascione"],"post_tag_name":["nofascione"]},"sort":[1664272419000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431082","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_431083\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Roberto Catanzaro[/caption]\r\n\r\nNexi e Global Blue hanno stretto una partnership strategica finalizzata all'integrazione delle soluzioni di pagamento di Nexi con le piattaforme PMS (Property Management System) e i Point of Sale di Oracle. L’accordo consolida in modo significativo la collaborazione di lungo termine tra i due player e segue quello relativo al servizio DCC (Dynamic Currency Conversion) che - grazie allo status di Global Blue di Payment System Integrator Gold-level certificato Oracle® - consente agli esercenti dei 25 Paesi in cui opera Nexi di accettare pagamenti attraverso la suite di prodotti Oracle®.\r\n\r\n«La partnership strategica con Global Blue rafforza ulteriormente le nostre capacità di offrire a commercianti e aziende la migliore combinazione di scala europea e vicinanza al cliente - afferma Roberto Catanzaro, group chief strategy & transformation officer di Nexi - Estenderemo le nostre soluzioni di accettazione omnicanale e continueremo a fornire proposte che consentano nuove esperienze utente per i consumatori e nuove opportunità di business per i commercianti, con un focus specifico sui verticali dell'hotellerie, dell'ospitalità e del retail».\r\n\r\nGrazie alla semplificazione dei processi operativi e alla riduzione del carico di lavoro del personale addetto a Front Desk e Back Office, questa integrazione offre vantaggi significativi ai retailers che utilizzano le piattaforme Oracle OPERA Cloud Property Management, Simphony Point of Sale and Oracle Retail XStore Point-of-Service.\r\n\r\nI merchant, infatti, possono beneficiare di un’esperienza omnicanale davvero fluida, traendo un vantaggio concreto dal connubio tra la scala europea e la profonda competenza a livello locale di Nexi, mentre per i consumatori l'esperienza di acquisto diventa più semplice, più veloce e più sicura, nel rispetto dei più elevati standard di sicurezza e della Tokenizzazione end-to-end per l'archiviazione sicura dei dati delle carte.  \r\n\r\n«Attraverso questa collaborazione, Global Blue si conferma partner leader nel settore tecnologico e dei pagamenti e consente a chi opera nell’ambito dell’hospitality, della ristorazione e del commercio al dettaglio di disporre di uno strumento gestionale integrato e omnicanale per un’esperienza di acquisto ancora più fluida” - ha detto Damian Cecchi, svp added value payment solutions – “In qualità di fornitore di questa soluzione innovativa, possiamo e intendiamo continuare ad essere il punto di riferimento di tutti i nostri acquirer e partner che vedono le nostre competenze come necessarie per poter migliorare le proprie performance sul mercato».","post_title":"Nexi e Global Blue: partnership strategica per integrare le soluzioni","post_date":"2022-09-26T11:11:49+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1664190709000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431063","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Hong Kong compie un ulteriore passo sulla strada dell'eliminazione delle restrizioni imposte ai viaggiatori per controllare la diffusione del Covid: niente più quarantena obbligatoria negli hotel e nessun test Covid da effettuarsi prima del volo.\r\n\r\nUna volta giunti a Hong Kong però, viaggiatori in arrivo dovranno auto-monitorarsi per tre giorni per verificare l'eventuale presenza di un'infezione. In altre parole dovranno evitare strutture come ristoranti o centri commerciali per i primi tre giorni.\r\n\r\n \r\n\r\nLa notizia di questo allentamento delle restrizioni di viaggio ha da subito innescato un balzo in avanti delle richieste di viaggio e delle prenotazioni dei voli verso la città, tanto che Cathay Pacific prevede per ottobre l'aggiunta di altri 200 voli verso destinazioni asiatiche e di lungo raggio.\r\n\r\n ","post_title":"Hong Kong: niente più quarantena in hotel e test prima della partenza","post_date":"2022-09-26T10:03:01+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1664186581000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431036","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Riapre domani, 24 settembre, dopo 11 anni di chiusura, il Museo Reale di Belle Arti di Anversa (Kmska), con una nuova veste rinnovata e ristrutturata. \r\n\r\n\"L'apertura del Kmska è il momento culturale più importante del 2022 - ha sottolineato il ministro presidente Jan Jambon -.  Il Kmska ospita la più grande collezione d'arte delle Fiandre. Finalmente, dopo un lungo tour mondiale, i nostri maestri fiamminghi sono tornati a casa\".\r\n\r\nDurante gli 11 anni di chiusura, l'edificio storico è stato è stato ristrutturato ed è stato aggiunto un nuovo volume di colore bianco puro. Questo crea il 40% di spazio espositivo. Con 8.400 pezzi, la collezione del museo è la più grande e preziosa delle Fiandre. L'opera più antica risale all'inizio del XIV secolo. Il Kmska possiede opere d'arte provenienti principalmente dal Belgio e dai Paesi Bassi meridionali, oltre ad un buon numero di capolavori internazionali di eccezionale qualità.\r\n\r\n ","post_title":"Fiandre: riapre domani ad Anversa il Museo Reale di Belle Arti","post_date":"2022-09-23T15:08:32+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1663945712000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti