17 October 2021

L’Austria riparte dal trade e lancia la scommessa sull’inverno

[ 0 ]

Austria Turismo riparte dal trade, “partner strategici che ci aiutano a comprendere come gestire al meglio la situazione, quali nuove opportunità di business da sviluppare insieme”: Oskar Hinteregger, direttore dell’ente in Italia (nella foto), sottolinea la valenza di questo rapporto in grado di valorizzare al meglio un prodotto che, durante i lunghi mesi di empasse a causa della pandemia, è stato sviluppato in maniera ancora più autentica, sostenibile e creativa. “La pandemia non è finita, ma con collaborazione e con i partner le sfide si affrontano più facilmente. Vogliamo essere vostri partner di fiducia”.

Tre gli appuntamenti che nella scorsa settimana hanno visto protagonista Austria Turismo: a Trieste, Padova e Milano, con una selezione di partner significativa: Tirolo, Carinzia, Salisburgo, Graz, Hello Salzburg, Cultura della Wien Holding, Concerti del Palazzo di Schönbrunn, Castello di Hochosterwitz, Abbazia di Klosterneuburg, Mondi di Cristallo Swarovski, oltre alla partecipazione di Interrail.

Riflettori puntati sulla stagione autunnale e sul prossimo Avvento, periodi clou per il Paese in cui il settore turistico rappresenta “il 15% del Pil”. Riprende Hinteregger “Più individuale, più outdoor, più valore aggiunto: oggi le persone sono disposte a spendere di più per godere di una vera vacanza, di un prodotto diverso e meno conosciuto in Italia. Ad esempio le nostre baite, isolate, immerse nella natura più vera. Di forte tendenza anche il segmento benessere e spa”.

Intanto, un primo bilancio della stagione estiva “pur mancando i dati di agosto” vede il mercato italiano raggiungere “il 50% circa dei risultati abituali, risultato decisamente migliore rispetto a quanto da noi preventivato. A livello globale la Germania e i paesi dell’Europa centrale che confinano con Austria, hanno registrato performance molto positive, oltre poi a un sorprendente risultato da Polonia e Romania”. Dati orfani chiaramente dei flussi lungo raggio, che comunque “rappresentano soltanto l’8% del totale”. Complessivamente, a fine luglio, i dati mostrano “che siamo ad un -28% rispetto allo stesso periodo del 2019. Stimiamo il ritorno ai livelli pre-crisi al 2023”.

Silvia Festa, business and growth manager Interrail, sottolinea proprio la performance positiva dell’Austria tra le scelte dei viaggiatori nei mesi estivi: “Tra i pass venduti nel 2021 – tenendo conto che la stagione è stata limitata e ha preso slancio tra giugno e agosto e con paesi overseas fermi – l’Austria ha superato valori del 2019 e, benché Italia, Germania e Svizzera restino le mete più gettonate, il Paese si posiziona molto bene tra le destinazioni top.

“La nostra collaborazione con Austria Turismo è di lunga data e recentemente, sulla scia della nuova spinta green, questo connubio si è rafforzato, promuovendo un viaggio sostenibile che parte direttamente dall’Italia”. Tante le opportunità fornite dall’itinerario in treno, “dalla riscoperta delle mete più conosciute alle gemme ancora nascoste, che regalano un’esperienza di viaggio unica e diversa. E con vantaggi anche per gli agenti di viaggio, che possono creare pacchetti completi da proporre ai propri clienti, con prenotazione di servizi aggiuntivi a destinazione”.

 




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( )

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti