29 September 2022

California fra street art, murales e varie amenità

[ 0 ]
Un murale a San Francisco

Un murale a San Francisco

La California è sempre stata all’avanguardia delle manifestazioni artistiche, di strada, e non, legate alla corrente degli artisti urbani. Vediamo qualche esempio di percorsi per scoprire l’a street art del Golden state.
San Francisco – 1AM Gallery: invece di vagare per ore alla ricerca della migliore street art a San Francisco, grazie ai guru dei graffiti della 1AM Gallery, potrete conoscere l’arte urbana locale con un tour guidato ed avere l’opportunità di creare, legalmente, il vostro murales personale.
Graff Tours – Los Angeles: basato a New York, Graff Tours si avvale di artisti locali per guidare i tour delle migliori location di street art a Los Angeles. Sono loro a stabilire il percorso, fornendo informazioni sulle tecniche e stili di ogni tipo di arte pubblica.
Per i patiti del “selfie” ecco le migiori location:
Balmy Alley – San Francisco: quartiere d’arte e musica per eccellenza, Mission District a San Francisco ospita anche Balmy Alley, uno spot leggendario dove si possono ammirare le opere di pittori e writer famosi così come di talenti nascenti. Il murales più antico risale agli anni 70 e narra delle allora politiche statunitensi in America Latina. Tra Folsom e Harrison Streets all’incrocio con 24th Street.
Chicano Park – San Diego: quello che era nato come terreno di scontro tra le autorità locali e giovani attivisti latino americani negli anni 70 si è trasformato in un parco che si estende sotto il Coronado Bay Bridge e che oggi ospita la più grande concentrazione di murales della nazione. Siamo a San Diego, nel quartiere Barrio Logan. Gli oltre 70 murales del Chicano Park sono stati recentemente restaurati e catalogati in un progetto degli studenti dell’Università di San Diego. Il parco è oggi iscritto al National Registry of Historic Places.
Melrose Avenue – Los Angeles: a metà degli anni 80, mentre Melrose Avenue diveniva mecca del movimento hippy, le strade e i vicoli circostanti iniziarono a calamitare artisti di strada oggi tra i più grandi come Banksy e Shepard Fairey. I proprietari dei negozi iniziarono a chiedere agli artisti di dipingere i propri locali e da quel momento la street art è diventata parte integrante di Melrose Avenue. Melrose Avenue, tra La Brea Ave. E Fairfax Ave.
Van Nuys – Mural Mile, Los Angeles: un gruppo di giovani artisti ha rivitalizzato l’area nord-est di San Fernando Valley con vibranti murales che celebrano la cultura latino americana con la rappresentazione di ogni genere di personaggi, da Frida Kahlo a Danny Trejo. Van Nuys Boulevard tra Foothill Boulevard e San Fernando Road .
1984 Summer Olympics Murals – Los Angeles: le Olimpiadi estive del 1984 hanno rappresentato una grande opportunità per la città e la sua creatività. Dieci murales sono stati creati per l’occasione lungo due delle principali arterie che portano a Downtown, Harbor e Hollywood Highways. Un’opera di restauro è iniziata qualche anno fa per celebrare il 30 ° anniversario dei giochi olimpici e l’Olympic Arts Festival. Highway 110 e 101, Dowtown Los Angeles.




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431263 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Cuba, Colombia, Venezuela, Messico, Costarica, Panama, Nicaragua, Honduras, Guatemala e Belize. Sono le destinazioni curate oggi da Brasil World, oltre al Paese da cui il to del gruppo Quality ha preso il nome, in omaggio alla sua vocazione originaria, al momento della fondazione 20 anni fa. Da qui la naturale decisione di cambiare il marchio in Latin World dal prossimo 5 ottobre. L'operazione di rebranding verrà poi completata con l'evoluzione del logo, che sarà sui colori vivi del rosso e del verde, pur mantenendo intatta l’identità grafica e l'elemento iconico del pappagallo. Latin World andrà così ad affiancarsi agli altri tre specialisti dell’area sudamericana di Quality: Latitud Patagonia (Argentina, Cile, Ecuador, Bolivia e Antartide), Mistral Tour (Perù) e America World (Caraibi). “Erano diversi anni che desideravamo rinnovare il nostro logo per renderlo maggiormente identitario rispetto alla gamma di prodotti che proponiamo - spiega il titolare di Lating World, Michele de Carlo -. Lo stop dovuto alla pandemia ci ha consentito di lavorare finalmente sul progetto e arrivare oggi a presentare con orgoglio il nuovo brand”. Tutti i riferimenti societari, operativi e di prodotto rimarranno gli stessi di sempre. Le email cambieranno nel solo suffisso finale in @latinworld.it. [post_title] => Brasil World cresce e diventa Latin World per rispecchiare l'intera gamma di prodotti offerti [post_date] => 2022-09-28T13:16:51+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664371011000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431214 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => CitizenM approda a Chicago, dove ha appena aperto la propria undicesima struttura negli Stati Uniti, la ventinovesima nel mondo. Intanto in Italia procedono i lavori di conversione dell’immobile su Lungotevere de’ Cenci a Roma: iniziati dopo un complesso iter urbanistico per la posizione della proprietà in un sito Unesco, prevedono importanti cambiamenti strutturali per rispondere anche alle più recenti normative antisismiche. Questa apertura, che segnerà il debutto di citizenM nella nostra Penisola, è prevista per la fine del 2023. A Chicago, la struttura, di nuova costruzione, si trova al civico 300 di Michigan Avenue ed è situata in una posizione strategica, tra Riverwalk e il Millennium Park. Il citizenM Chicago Downtown includerà pezzi d’arte, design ad alta tecnologia e una serie di servizi per visitare una delle città culturalmente più interessanti al mondo. L’hotel, con le sue 280 camere, si trova all’interno di una torre di 47 piani, che comprende anche 289 unità residenziali e 25 mila metri quadrati di spazi commerciali. Per celebrare l'arrivo di citizenM, l’artista Nina Chanel Abney, originaria di Chicago, è stata incaricata di trasformare le pareti d’ingresso e la terrazza esterna dell'edificio, di ben 2 mila metri quadrati, in un gigantesco tributo alla città. Il suo lavoro è ispirato dalle dinamiche del panorama mediatico contemporaneo e affronta temi come razza, genere e politica. Conosciuta per i suoi dipinti, le stampe e i murales su larga scala con composizioni stratificate, le sue opere figurative presentano simboli e forme geometriche colorate e spigolose. "Rappresentando uno dei mercati più importanti degli Stati Uniti, era fondamentale per noi essere presente anche a Chicago - spiega Robin Chadha, chief marketing officer della compagnia -. La struttura aggiungerà una nuova torre che conferirà un tocco di colore al Magnificent Mile, quartiere famoso in tutto il mondo, mentre gli interni sono stati arredati con una selezione di opere di artisti locali di Chicago, per conferire all'hotel un'atmosfera che rappresenti la città".     [post_title] => CitizenM approda a Chicago mentre si avvicina l'apertura di Roma a fine 2023 [post_date] => 2022-09-28T09:40:29+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664358029000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431152 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => «Nel giugno del 2022 la compagnia di bandiera del Bahrain, Gulf Air, è tornata operativa in Italia con voli diretti da Roma e da Milano. Si è così aperta una nuova prospettiva per il mercato italiano - afferma Andrea Mele, presidente e a.d. di Viaggi del Mappamondo -. Il Bahrain è una destinazione “nuova” per il nostro mercato: un luogo piacevole, caldo e soleggiato d’inverno. Una terra con una storia antica. Gli alberghi sono belli, i prezzi sono interessanti ed è a sole 5 ore di volo». La ricca offerta turistica dell’arcipelago, composto da 33 isole e affacciato sul Golfo Arabico, è fatta di storia, cultura, sport e natura. La popolazione è etnicamente eterogenea e pratica numerose religioni. Tre sono i siti Unesco: le rovine di un forte portoghese del ‘500, il percorso della pesca e della lavorazione delle perle (che sono state la ricchezza del Bahrain prima della scoperta del petrolio) e un misterioso cimitero composto da circa 12mila tumuli risalente al periodo tra il 2200 e il 1750 a.C.. Interessante, poi, il sito del primo pozzo estrattivo dell’area del Golfo, attivo nel 1932. Mappamondo ha selezionato con cura 4 hotel per i suoi clienti, strutture eleganti con piscina e spiaggia: The Grove Hotel indicato per il turismo cittadino o mice, The Ritz-Carlton adatto ai viaggiatori edonisti ma anche ai bambini, The Art Hotel & Resort per le famiglie e il sontuoso Sofitel Bahrain Zallaq Thalassa Sea&Spa per chi ama la tradizione locale e il relax. L’ospite sceglierà tra la vita in spiaggia, le escursioni - anche nel deserto - e la possibilità di seguire eventi velici come le finali della SSL Golden Cup - in programma dal 28 ottobre al 20 novembre prossimi – o il Gran Premio di Formula 1, che si svolge ogni anno nel mese di marzo nel colossale Circuito Sakhir, costruito nel deserto nel 2004. E non bisogna dimenticare i souk e il divertimento. Il Bahrain è abitato da un popolo amichevole ed è amato dai turisti, come testimoniano i dati raccolti dalla Baharain Tourism & Exhibitions Authority: nel secondo trimestre del 2022 l’incremento dei visitatori in arrivo ha infatti raggiunto il 38%, mentre si attesta all’82% il dato delle presenze rispetto al 2019. L’obiettivo è raggiungere il 100% entro la fine dell’anno. Frattanto Mappamondo si prende cura dei propri clienti: «Stiamo preparando una campagna, anche digitale, che prevede diverse proposte di viaggio: - conclude infatti il presidente Mele – abbiamo pensato a un long-weekend o 6 notti in Bahrain e ad altre combinazioni, come lo stop di 2 notti in Bahrain per poi proseguire verso Dubai dove fermarsi o continuare in direzione delle Maldive o della Thailandia. Mappamondo farà tutto il possibile per lanciare questa nuova destinazione». [gallery ids="431154,431153,431157"] [post_title] => Il Bahrain con Mappamondo: un arcipelago dove la storia incontra il relax [post_date] => 2022-09-27T10:23:15+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664274195000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 430985 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Ethiopian Airlines apre un hotel a 5 stelle all'aeroporto di Addis Abeba. La costruzione è iniziata nel dicembre 2020 e mira a garantire la convenienza e il comfort dei passeggeri, degli equipaggi e delle compagnie aeree che utilizzano Addis Abeba come hub. La struttura è fisicamente collegata al Bole International Departure Terminal 02, a pochi passi dal gate di partenza, e sarà gestito dall'Ethiopian Skylight Hotel come Ethiopian Skylight In-Terminal Hotel. Il progetto, articolato in due fasi, ha raggiunto il completamento della prima fase, mettendo a disposizione degli ospiti 41 camere. L'Ethiopian Skylight In-Terminal Hotel dispone di 97 camere moderne, spaziose e lussuose, con un ristorante e altri servizi. Include varie categorie come una suite executive, una camera premium per persone diversamente abili, 12 camere comunicanti, 30 camere doppie e 53 camere matrimoniali. "L'ampio network di Ethiopian porta ogni anno milioni di passeggeri attraverso Addis Abeba - ha sottolineato Mesfin Tasew, ceo di Ethiopian Airlines Group -. Desideriamo che i nostri passeggeri si godano ogni minuto trascorso con noi, anche le ore di transito in aeroporto. La costruzione di un hotel all'interno del terminal porta il transito ad Addis Abeba a un livello superiore. Risponde alla domanda del settore e ci porta a pianificare e creare una connettività efficiente e senza interruzioni per migliorare il comfort dei passeggeri".   [post_title] => Ethiopian Airlines apre un hotel 5 stelle all'aeroporto di Addis Abeba [post_date] => 2022-09-23T09:20:40+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1663924840000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 430913 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Palazzo Ducale di Genova ospita, dal 6 ottobre 2022 al 22 gennaio 2023, una straordinaria esposizione per raccontare la grandezza del massimo pittore barocco di sempre: Peter Paul Rubens e il suo rapporto con la città. Il progetto nasce in occasione del quarto centenario della pubblicazione ad Anversa del celebre volume di Pietro Paolo Rubens, Palazzi di Genova (1622). La curatela è di Nils Büttner. Rubens soggiornò in diverse occasioni a Genova tra il 1600 e il 1607, visitandola anche al seguito del duca di Mantova, Vincenzo I Gonzaga, presso cui ricopriva il ruolo di pittore di corte. Ebbe così modo di intrattenere rapporti diretti e in alcuni casi molto stretti con i più ricchi e influenti aristocratici dell’oligarchia cittadina. In mostra sono presentate più di 150 opere, tra le quali hanno il ruolo di protagonisti oltre venti Rubens provenienti da musei e collezioni europee e italiane, che si sommano a quelli presenti in città, giungendo così a un numero come non vi era dalla fine del Settecento a Genova; da quando, cioè, la crisi dell’aristocrazia con i contraccolpi della Rivoluzione Francese diede avvio a un’inesorabile diaspora di capolavori verso le collezioni del mondo. A partire dal nucleo rubensiano, il racconto del contesto culturale e artistico della città nell’epoca del suo maggiore splendore viene completato da dipinti degli autori che Rubens per certo vide e studiò (Tintoretto e Luca Cambiaso); che incontrò in Italia e in particolare a Genova durante il suo soggiorno (Frans Pourbus il Giovane, Sofonisba Anguissola e Bernardo Castello), o con cui collaborò (Jan Wildens e Frans Snyders). Disegni, incisioni, arazzi, arredi, volumi antichi, perfino abiti, accessori femminili e gioielli consentono di celebrare la grandiosità di una capitale artistica visitata da uno dei maggiori artisti di tutti i tempi e confermano quell’appellativo di Superba che fu dato a Genova. La mostra gode della collaborazione della città di Anversa e del Centrum Rubenianum di Anversa, dell’ambasciata del Belgio in Italia, del consolato onorario del Belgio a Genova, della città di Mantova, di VisitFlanders, nonché della Camera di commercio di Genova. Il comune sta lavorando ad attivare altre partnership istituzionali con altri enti e città italiane ed europee. L’appuntamento espositivo di Palazzo Ducale è l’occasione per attivare un progetto di grande rilievo, dal titolo Rubens 22. A network ideato e curato da Anna Orlando; di fatto la più importante rete culturale mai attivata a Genova intorno a un singolo artista. In città, inoltre, il visitatore potrà seguire un vero e proprio itinerario rubensiano alla scoperta dei capolavori nelle loro sedi permanenti. Il tour in città sarà segnalato con veri e propri focus, a completamento del racconto narrato dalla mostra di Palazzo Ducale e toccherà anche i palazzi cinquecenteschi che Rubens certamente visitò. Nel quadro delle altre iniziative cittadine si segnala, nel giugno del 2023, la finale di Ocean Race, il maggior evento velistico internazionale che prenderà avvio da Alicante nel 2022. La città si prepara a questo importante appuntamento con una serie di eventi che presentano Genova al mondo. Ebbene, Rubens a Genova e il progetto Rubens 22. A Network fanno parte del programma culturale di Ocean Race. La mostra è prodotta dal comune di Genova con fondazione Palazzo Ducale per la vultura e la casa editrice Electa, con il supporto e la partecipazione dello sponsor unico Rimorchiatori Riuniti. Ilgruppo ha voluto sostenere questo importante progetto artistico e cultuale per celebrare, insieme alla città dove è nato e ha sede, i suoi primi 100 anni di storia. [post_title] => Rubens a Genova: 150 opere in mostra nella città ligure dal 6 ottobre 2022 al 22 gennaio 2023 [post_date] => 2022-09-22T12:36:01+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1663850161000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 430888 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Scoprire Mauritius attraverso l’arte gourmet di grandi chef stellati. La promozione dell’isola passa anche attraverso la gastronomia e così profumi e sapori approdano a Milano per la settimana “Mauritius Gourmet Week” presso l’hub di Identità Golose, dal 21 al 24 settembre. A fare gli onori di casa Claudio Cerroni, cofondatore di Identità Golose, “la casa degli chef”. “Esportare e dare un assaggio di Mauritius anche senza viaggiare” ed è così che nasce la Gourmet Week a Milano con lo chef pluripremiato Moorongun Coopen, chef executive dello Shandrani Beachcomber Resort & Spa direttamente da Mauritius, per creare un mix di cucina tra mauriziano e mediterraneo. Un evento organizzato da Beachcomber Resort & Spa, Turisanda, l’Ente di promozione turistica mauriziana ed Air Mauritius. Per le serate saranno presenti anche due chef italiani Luca Marchini,  del ristorante L’Erba del Re, stella Michelin, e Antonella Ricci del Fornello da Ricci, entrambi molto legati all’isola. La partecipazione del gruppo Gruppo Alpitour per l’area tour operating con Turisanda, sinonimo di esperienza è il brand italiano più longevo del settore, dall’esperienza storica, garanzia di professionalità soprattutto nel luxury e nei luoghi da sogno. Inoltre voli diretti settimanali di Neos collegheranno l’isola una volta alla settimana dal 20 dicembre con il Dreamliner 787. La presenza di Beachcomber conferma l’attenzione del brand riservata da sempre alla qualità e alla varietà in cucina, per un servizio impeccabile in ogni suo ristorante attraverso scuola di formazione, eventi gourmet e collaborazioni con chef stellati da tutto il mondo. “La Gourmet Week porta alla luce la ricca varietà di esperienze che Mauritius ha da offrire e la sua ricca cultura gastronomica incrocio di varie culture. Ciò che colpisce dell’isola di Mauritius è anche l’ospitalià e il calore delle persone - afferma Mia Hezi, account director Mtpa – che dà la sensazione di essere a casa: cibo e calore, un matrimonio perfetto”. La collaborazione con partner di alto livello chiude il cerchio con Air Mauritius. La compagnia aerea, rappresentata nel nostro Paese da Apg Italy, vanta una certificazione a 4 stelle dall’agenzia di rating Skytrax, con velivoli di nuova generazione, 2 Airbus 330-900Neo, 2 Airbus 350-900Xwb e 3 Atr 72-500. Collega l’Italia sia da Parigi in code-share con Air France con 10 voli alla settimana e da Londra con 3 voli settimanali. Il servizio di bordo prevede due classi, la business e l’economica. In arrivo altre due nuovi aeromobili in quanto la domanda di viaggio ha superato i livelli del 2019.   [post_title] => La 'Mauritius Gourmet Week' è di scena a Milano, all'Hub di Identità Golose [post_date] => 2022-09-21T15:28:46+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1663774126000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 430758 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Vendite ben oltre le aspettative per l'Egitto griffato Mistral Tour nella prima parte dell'anno. Un trend che prosegue anche nella seconda metà del 2022, con ottimi segnali per il 2023. “I dati di prenotazione degli ultimi mesi sono stati sorprendenti, superando abbondantemente il budget che avevamo prefissato - spiega il product manager del to di casa Quality Group, Antonio D’Errico -. La destinazione è stata gettonatissima da una clientela eterogenea sia per età, sia per budget di spesa e interessi, grazie alla capacità di saper incontrare ogni richiesta della clientela. L’Egitto è infatti amato per i suoi itinerari classici alla scoperta del suo ricco patrimonio storico e archeologico ma anche dagli amanti della natura e da chi desidera semplicemente rilassarsi tuffandosi in punti mare tra i più belli al mondo”. Per rispondere alla domanda crescente Mistral Tour ha quindi rivisto la propria programmazione, confermando e perfezionando i tour classici e migliorando ancor più i servizi offerti, siglando tra le altre cose un accordo con le motonavi Farida e Jamila. La motonave boutique Farida, 5 stelle deluxe, a differenza da quelle utilizzate normalmente in Egitto, dispone di sole 40 cabine di metrature molto ampie - 30 metri quadrati - per il massimo comfort dei clienti. Sarà utilizzata per tutte le crociere sul Nilo proposte in catalogo a eccezione del tour Ramses, che si avvarrà invece della motonave Jamila. Forte del successo avuto negli ultimi mesi la proposta Experience Egitto, che abbina a un itinerario classico esperienze glamour e active (degustazioni di local food, passeggiate a cavallo o a dorso di mulo, aperitivi nello storico Mena House con vista sulle piramidi...) è stata inoltre inserita nel catalogo cartaceo e ne è divenuta la punta di diamante, aggiungendosi alle altre nove proposte di itinerario, tutte abbinabili a crociere e a estensioni mare a Marsa Alam, Hurghada, Soma Bay e Sharm El Sheik. Per agli amanti delle crociere e per chi desidera ammirare le meraviglie dell’Egitto da un punto di vista differente, si riconferma infine in programmazione la crociera a bordo di una dahabeya, la tipica vela a due alberi che da Luxor raggiunge Assuan. L’imbarcazione dispone di sole otto cabine di charme, curate in ogni dettaglio, spesso utilizzate in esclusiva da nuclei familiari, gruppi di amici o per team building. [post_title] => Egitto sugli scudi per Mistral (gruppo Quality) che potenzia l'offerta sulla destinazione [post_date] => 2022-09-20T11:11:57+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1663672317000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 430675 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Siamo arrivati al punto che anche Confindustria di Carlo Bonomi inizia a lodare il turismo. Lo studio dell'Ufficio studi di Confindustria parte con le note negative. Se il caro gas dovesse persistere anche nel 2023 in Italia sarebbero a rischio fino a 582 mila posti di lavoro.  In dettaglio, si afferma, sono state condotte due simulazioni econometriche per il prezzo del gas che rimanga fino a fine 2023. Tuttavia, fa notare l'Ufficio studi di Confindustria, rientrano i prezzi di varie commodity. Perché è più fiacca l'economia mondiale. L'Italia, invece, resiste grazie a più mobilità e turismo e alla crescita (minore) delle costruzioni. Recupero Gli indicatori qualitativi, prosegue Confindustria, sono "peggiorati". In agosto il Pmi è sceso ancora più in territorio negativo (48,0), segnalando recessione. Anche i giudizi sugli ordini Istat sono in flessione, anticipando minor domanda. La fiducia delle imprese ha subito un ulteriore calo, su livelli ridotti. Però il recupero del turismo in Italia sostiene anche l'industria. La spesa dei viaggiatori stranieri ha ormai azzerato il gap dal pre-Covid: -0,9% a giugno (era -21% in aprile). La maggiore spesa per servizi (+5,3% nel secondo trimestre, ma ancora -4,5% il gap) ha trainato i consumi, soprattutto acquisti fuori casa, grazie alla fine delle restrizioni. [post_title] => Confindustria: il recupero del turismo sostiene anche l'industria [post_date] => 2022-09-19T10:52:55+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( [0] => topnews ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Top News ) ) [sort] => Array ( [0] => 1663584775000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 430594 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Incontriamo a Verona, Amerigo Varotti presidente di Confturismo Terre d’Urbino e del Montefeltro che ci parla sia della stagione estiva, con numeri e prospettive, e inoltre allarga gli orizzonti indicando i punti cardinali della promozione di questi luoghi magnifici. «Ci occupiamo della parte nord elle Marche – ha iniziato Varotti -. Di Urbino e delle località che fanno parte dell’ex ducato di Urbino. Quindi borghi, città storiche, paesi dell’Appennino marchigiano. Che diciamolo fuori dei denti: è una terra dalla ricchezza unica. Il turismo quest’anno è andato molto bene. Tante presenze turistiche, un grande ritorno degli stranieri, soprattutto olandesi austriaci tedeschi. Ma anche americani, francesi inglesi. Un anno votato alla riscoperta delle parte nord della Marche». Fra queste poli d'interesse naturalmente Urbino ha avuto un posto di rilievo. «Urbino si è confermata un polo di attrazione, anche perché quest’anno si celebravano i seicento anni dalla nascita di Federico da Montefeltro. La persona che ha creato le nostre località più importanti, che ha fortificato il nostro territorio. E grazie a Francesco di Giorgio Martini, che era l’architetto che Federico aveva scelto per completare il palazzo ducale di Urbino, sono state realizzate 330 opere fortificazioni militari, palazzi civili, e chiese che oggi sono visitabili e sono tutte nell’itinerario che come Confturismo Terre d’Urbino e del Montefeltro abbiamo proposto e stiamo proponendo nelle fiere». Il turismo è ritornato nella Marche. Come è accaduto in questa estate un po' in tutta la nostra penisola. «Teniamo conto che la regione Marche - ha continuato Varotti - ha una presenza di stranieri limitati rispetto al resto d’Italia. Nelle marche 85% sono turisti italiani, mentre il 15% stranieri. Però abbiamo registrato 130% in più di stranieri. Per cui a fine anno faremo un confronto con il 2019 che è stato l’ultimo anno pre covid e tireremo le somme definitiva. Posso dire però che i dati sono molto positivi. Daremo un quadro completo a fine anno. Anche perché come Confturismo la stagione non è finita. Abbiamo un autunno molto importante. Il nostro è l’autunno delle fiere e delle sagre, a cominciare dalla fiera nazionale del tartufo bianco pregiato che inizia la seconda domenica di ottobre a Pergola, e poi tanti altri eventi legati al territorio, come quello della birra a Pecchio. da noi il turismo lavora 365 all’anno. Non c’è un inizio e non c’è una fina. E andata bene fino ad adesso con questi incrementi importanti, ma noi confidiamo che possa migliorare anzi posso dire che in questi giorni di metà settembre abbiamo ancora non dico il pieno agostano, ma quasi, e soprattutto abbiamo molti stranieri. Insomma la stagione né andata e sta andando molto bene». Infine la promozione che viene divisa in settori omogenei e sinergici fra di lro. «Noi vogliamo promuovere il territorio sotto alcuni cluster - ha affermato Varotti -: l’arte e la cultura, Urbino, Raffaello, Giovanni Santi padre di Raffaello. Per Giovanni Santi abbiamo addirittura previsto anche un interessante itinerario. Poi l’enogastronomia, i grandi vini della provincia di Pesaro Urbino, i prodotti tipici. Nelle terre di Urbino abbiamo dei prodotti importanti che portano nelle nostre località tanti turisti. L’altro elemento è quello ambientale: una terra della bellezza intatta, perché da noi si possono vedere i paesaggi per come li avevano dipinti Raffaello, Piero della Francesca, Leonardo da vinci. D'altra parte il panorama che è dietro la Gioconda è il Montefeltro. Il Bosco delle Cesane, la gola del Furlo, la catena montuosa del monte Nerone, del monte Catria e del monte Petrano attirano tantissimi turisti legati alle manifestazioni outdoor come bike, gravel, trekking. E infine vogliamo valorizzare il territorio pensando ai grandi personaggi che sono nati o hanno vissuto in queste nostre terre. Raffaello, Giovanni Santi, Bramante, e moltissimi altri».   [post_title] => Varotti (Confturismo Terre d'Urbino e Montefeltro):«Una stagione molto positiva» [post_date] => 2022-09-16T11:29:44+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1663327784000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "california fra street art murale varie amenita" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":40,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":555,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431263","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Cuba, Colombia, Venezuela, Messico, Costarica, Panama, Nicaragua, Honduras, Guatemala e Belize. Sono le destinazioni curate oggi da Brasil World, oltre al Paese da cui il to del gruppo Quality ha preso il nome, in omaggio alla sua vocazione originaria, al momento della fondazione 20 anni fa. Da qui la naturale decisione di cambiare il marchio in Latin World dal prossimo 5 ottobre. L'operazione di rebranding verrà poi completata con l'evoluzione del logo, che sarà sui colori vivi del rosso e del verde, pur mantenendo intatta l’identità grafica e l'elemento iconico del pappagallo.\r\n\r\nLatin World andrà così ad affiancarsi agli altri tre specialisti dell’area sudamericana di Quality: Latitud Patagonia (Argentina, Cile, Ecuador, Bolivia e Antartide), Mistral Tour (Perù) e America World (Caraibi). “Erano diversi anni che desideravamo rinnovare il nostro logo per renderlo maggiormente identitario rispetto alla gamma di prodotti che proponiamo - spiega il titolare di Lating World, Michele de Carlo -. Lo stop dovuto alla pandemia ci ha consentito di lavorare finalmente sul progetto e arrivare oggi a presentare con orgoglio il nuovo brand”. Tutti i riferimenti societari, operativi e di prodotto rimarranno gli stessi di sempre. Le email cambieranno nel solo suffisso finale in @latinworld.it.","post_title":"Brasil World cresce e diventa Latin World per rispecchiare l'intera gamma di prodotti offerti","post_date":"2022-09-28T13:16:51+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1664371011000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431214","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"CitizenM approda a Chicago, dove ha appena aperto la propria undicesima struttura negli Stati Uniti, la ventinovesima nel mondo. Intanto in Italia procedono i lavori di conversione dell’immobile su Lungotevere de’ Cenci a Roma: iniziati dopo un complesso iter urbanistico per la posizione della proprietà in un sito Unesco, prevedono importanti cambiamenti strutturali per rispondere anche alle più recenti normative antisismiche. Questa apertura, che segnerà il debutto di citizenM nella nostra Penisola, è prevista per la fine del 2023.\r\n\r\nA Chicago, la struttura, di nuova costruzione, si trova al civico 300 di Michigan Avenue ed è situata in una posizione strategica, tra Riverwalk e il Millennium Park. Il citizenM Chicago Downtown includerà pezzi d’arte, design ad alta tecnologia e una serie di servizi per visitare una delle città culturalmente più interessanti al mondo. L’hotel, con le sue 280 camere, si trova all’interno di una torre di 47 piani, che comprende anche 289 unità residenziali e 25 mila metri quadrati di spazi commerciali.\r\n\r\nPer celebrare l'arrivo di citizenM, l’artista Nina Chanel Abney, originaria di Chicago, è stata incaricata di trasformare le pareti d’ingresso e la terrazza esterna dell'edificio, di ben 2 mila metri quadrati, in un gigantesco tributo alla città. Il suo lavoro è ispirato dalle dinamiche del panorama mediatico contemporaneo e affronta temi come razza, genere e politica. Conosciuta per i suoi dipinti, le stampe e i murales su larga scala con composizioni stratificate, le sue opere figurative presentano simboli e forme geometriche colorate e spigolose.\r\n\r\n\"Rappresentando uno dei mercati più importanti degli Stati Uniti, era fondamentale per noi essere presente anche a Chicago - spiega Robin Chadha, chief marketing officer della compagnia -. La struttura aggiungerà una nuova torre che conferirà un tocco di colore al Magnificent Mile, quartiere famoso in tutto il mondo, mentre gli interni sono stati arredati con una selezione di opere di artisti locali di Chicago, per conferire all'hotel un'atmosfera che rappresenti la città\".\r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"CitizenM approda a Chicago mentre si avvicina l'apertura di Roma a fine 2023","post_date":"2022-09-28T09:40:29+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1664358029000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431152","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"«Nel giugno del 2022 la compagnia di bandiera del Bahrain, Gulf Air, è tornata operativa in Italia con voli diretti da Roma e da Milano. Si è così aperta una nuova prospettiva per il mercato italiano - afferma Andrea Mele, presidente e a.d. di Viaggi del Mappamondo -. Il Bahrain è una destinazione “nuova” per il nostro mercato: un luogo piacevole, caldo e soleggiato d’inverno. Una terra con una storia antica. Gli alberghi sono belli, i prezzi sono interessanti ed è a sole 5 ore di volo».\r\n\r\nLa ricca offerta turistica dell’arcipelago, composto da 33 isole e affacciato sul Golfo Arabico, è fatta di storia, cultura, sport e natura. La popolazione è etnicamente eterogenea e pratica numerose religioni. Tre sono i siti Unesco: le rovine di un forte portoghese del ‘500, il percorso della pesca e della lavorazione delle perle (che sono state la ricchezza del Bahrain prima della scoperta del petrolio) e un misterioso cimitero composto da circa 12mila tumuli risalente al periodo tra il 2200 e il 1750 a.C.. Interessante, poi, il sito del primo pozzo estrattivo dell’area del Golfo, attivo nel 1932. Mappamondo ha selezionato con cura 4 hotel per i suoi clienti, strutture eleganti con piscina e spiaggia: The Grove Hotel indicato per il turismo cittadino o mice, The Ritz-Carlton adatto ai viaggiatori edonisti ma anche ai bambini, The Art Hotel & Resort per le famiglie e il sontuoso Sofitel Bahrain Zallaq Thalassa Sea&Spa per chi ama la tradizione locale e il relax.\r\n\r\nL’ospite sceglierà tra la vita in spiaggia, le escursioni - anche nel deserto - e la possibilità di seguire eventi velici come le finali della SSL Golden Cup - in programma dal 28 ottobre al 20 novembre prossimi – o il Gran Premio di Formula 1, che si svolge ogni anno nel mese di marzo nel colossale Circuito Sakhir, costruito nel deserto nel 2004. E non bisogna dimenticare i souk e il divertimento. Il Bahrain è abitato da un popolo amichevole ed è amato dai turisti, come testimoniano i dati raccolti dalla Baharain Tourism & Exhibitions Authority: nel secondo trimestre del 2022 l’incremento dei visitatori in arrivo ha infatti raggiunto il 38%, mentre si attesta all’82% il dato delle presenze rispetto al 2019.\r\n\r\nL’obiettivo è raggiungere il 100% entro la fine dell’anno. Frattanto Mappamondo si prende cura dei propri clienti: «Stiamo preparando una campagna, anche digitale, che prevede diverse proposte di viaggio: - conclude infatti il presidente Mele – abbiamo pensato a un long-weekend o 6 notti in Bahrain e ad altre combinazioni, come lo stop di 2 notti in Bahrain per poi proseguire verso Dubai dove fermarsi o continuare in direzione delle Maldive o della Thailandia. Mappamondo farà tutto il possibile per lanciare questa nuova destinazione».\r\n\r\n[gallery ids=\"431154,431153,431157\"]","post_title":"Il Bahrain con Mappamondo: un arcipelago dove la storia incontra il relax","post_date":"2022-09-27T10:23:15+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1664274195000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"430985","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Ethiopian Airlines apre un hotel a 5 stelle all'aeroporto di Addis Abeba. La costruzione è iniziata nel dicembre 2020 e mira a garantire la convenienza e il comfort dei passeggeri, degli equipaggi e delle compagnie aeree che utilizzano Addis Abeba come hub. La struttura è fisicamente collegata al Bole International Departure Terminal 02, a pochi passi dal gate di partenza, e sarà gestito dall'Ethiopian Skylight Hotel come Ethiopian Skylight In-Terminal Hotel. Il progetto, articolato in due fasi, ha raggiunto il completamento della prima fase, mettendo a disposizione degli ospiti 41 camere.\r\n\r\nL'Ethiopian Skylight In-Terminal Hotel dispone di 97 camere moderne, spaziose e lussuose, con un ristorante e altri servizi. Include varie categorie come una suite executive, una camera premium per persone diversamente abili, 12 camere comunicanti, 30 camere doppie e 53 camere matrimoniali.\r\n\r\n\"L'ampio network di Ethiopian porta ogni anno milioni di passeggeri attraverso Addis Abeba - ha sottolineato Mesfin Tasew, ceo di Ethiopian Airlines Group -. Desideriamo che i nostri passeggeri si godano ogni minuto trascorso con noi, anche le ore di transito in aeroporto. La costruzione di un hotel all'interno del terminal porta il transito ad Addis Abeba a un livello superiore. Risponde alla domanda del settore e ci porta a pianificare e creare una connettività efficiente e senza interruzioni per migliorare il comfort dei passeggeri\".\r\n\r\n ","post_title":"Ethiopian Airlines apre un hotel 5 stelle all'aeroporto di Addis Abeba","post_date":"2022-09-23T09:20:40+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1663924840000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"430913","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Palazzo Ducale di Genova ospita, dal 6 ottobre 2022 al 22 gennaio 2023, una straordinaria esposizione per raccontare la grandezza del massimo pittore barocco di sempre: Peter Paul Rubens e il suo rapporto con la città. Il progetto nasce in occasione del quarto centenario della pubblicazione ad Anversa del celebre volume di Pietro Paolo Rubens, Palazzi di Genova (1622). La curatela è di Nils Büttner.\r\n\r\nRubens soggiornò in diverse occasioni a Genova tra il 1600 e il 1607, visitandola anche al seguito del duca di Mantova, Vincenzo I Gonzaga, presso cui ricopriva il ruolo di pittore di corte. Ebbe così modo di intrattenere rapporti diretti e in alcuni casi molto stretti con i più ricchi e influenti aristocratici dell’oligarchia cittadina.\r\n\r\nIn mostra sono presentate più di 150 opere, tra le quali hanno il ruolo di protagonisti oltre venti Rubens provenienti da musei e collezioni europee e italiane, che si sommano a quelli presenti in città, giungendo così a un numero come non vi era dalla fine del Settecento a Genova; da quando, cioè, la crisi dell’aristocrazia con i contraccolpi della Rivoluzione Francese diede avvio a un’inesorabile diaspora di capolavori verso le collezioni del mondo.\r\n\r\nA partire dal nucleo rubensiano, il racconto del contesto culturale e artistico della città nell’epoca del suo maggiore splendore viene completato da dipinti degli autori che Rubens per certo vide e studiò (Tintoretto e Luca Cambiaso); che incontrò in Italia e in particolare a Genova durante il suo soggiorno (Frans Pourbus il Giovane, Sofonisba Anguissola e Bernardo Castello), o con cui collaborò (Jan Wildens e Frans Snyders).\r\n\r\nDisegni, incisioni, arazzi, arredi, volumi antichi, perfino abiti, accessori femminili e gioielli consentono di celebrare la grandiosità di una capitale artistica visitata da uno dei maggiori artisti di tutti i tempi e confermano quell’appellativo di Superba che fu dato a Genova.\r\n\r\nLa mostra gode della collaborazione della città di Anversa e del Centrum Rubenianum di Anversa, dell’ambasciata del Belgio in Italia, del consolato onorario del Belgio a Genova, della città di Mantova, di VisitFlanders, nonché della Camera di commercio di Genova. Il comune sta lavorando ad attivare altre partnership istituzionali con altri enti e città italiane ed europee.\r\n\r\nL’appuntamento espositivo di Palazzo Ducale è l’occasione per attivare un progetto di grande rilievo, dal titolo Rubens 22. A network ideato e curato da Anna Orlando; di fatto la più importante rete culturale mai attivata a Genova intorno a un singolo artista. In città, inoltre, il visitatore potrà seguire un vero e proprio itinerario rubensiano alla scoperta dei capolavori nelle loro sedi permanenti. Il tour in città sarà segnalato con veri e propri focus, a completamento del racconto narrato dalla mostra di Palazzo Ducale e toccherà anche i palazzi cinquecenteschi che Rubens certamente visitò. Nel quadro delle altre iniziative cittadine si segnala, nel giugno del 2023, la finale di Ocean Race, il maggior evento velistico internazionale che prenderà avvio da Alicante nel 2022. La città si prepara a questo importante appuntamento con una serie di eventi che presentano Genova al mondo. Ebbene, Rubens a Genova e il progetto Rubens 22. A Network fanno parte del programma culturale di Ocean Race.\r\n\r\nLa mostra è prodotta dal comune di Genova con fondazione Palazzo Ducale per la vultura e la casa editrice Electa, con il supporto e la partecipazione dello sponsor unico Rimorchiatori Riuniti. Ilgruppo ha voluto sostenere questo importante progetto artistico e cultuale per celebrare, insieme alla città dove è nato e ha sede, i suoi primi 100 anni di storia.","post_title":"Rubens a Genova: 150 opere in mostra nella città ligure dal 6 ottobre 2022 al 22 gennaio 2023","post_date":"2022-09-22T12:36:01+00:00","category":["incoming"],"category_name":["Incoming"],"post_tag":[]},"sort":[1663850161000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"430888","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":" Scoprire Mauritius attraverso l’arte gourmet di grandi chef stellati. La promozione dell’isola passa anche attraverso la gastronomia e così profumi e sapori approdano a Milano per la settimana “Mauritius Gourmet Week” presso l’hub di Identità Golose, dal 21 al 24 settembre. A fare gli onori di casa Claudio Cerroni, cofondatore di Identità Golose, “la casa degli chef”.\r\n\r\n“Esportare e dare un assaggio di Mauritius anche senza viaggiare” ed è così che nasce la Gourmet Week a Milano con lo chef pluripremiato Moorongun Coopen, chef executive dello Shandrani Beachcomber Resort & Spa direttamente da Mauritius, per creare un mix di cucina tra mauriziano e mediterraneo. Un evento organizzato da Beachcomber Resort & Spa, Turisanda, l’Ente di promozione turistica mauriziana ed Air Mauritius. Per le serate saranno presenti anche due chef italiani Luca Marchini,  del ristorante L’Erba del Re, stella Michelin, e Antonella Ricci del Fornello da Ricci, entrambi molto legati all’isola.\r\n\r\nLa partecipazione del gruppo Gruppo Alpitour per l’area tour operating con Turisanda, sinonimo di esperienza è il brand italiano più longevo del settore, dall’esperienza storica, garanzia di professionalità soprattutto nel luxury e nei luoghi da sogno. Inoltre voli diretti settimanali di Neos collegheranno l’isola una volta alla settimana dal 20 dicembre con il Dreamliner 787.\r\n\r\nLa presenza di Beachcomber conferma l’attenzione del brand riservata da sempre alla qualità e alla varietà in cucina, per un servizio impeccabile in ogni suo ristorante attraverso scuola di formazione, eventi gourmet e collaborazioni con chef stellati da tutto il mondo.\r\n\r\n“La Gourmet Week porta alla luce la ricca varietà di esperienze che Mauritius ha da offrire e la sua ricca cultura gastronomica incrocio di varie culture. Ciò che colpisce dell’isola di Mauritius è anche l’ospitalià e il calore delle persone - afferma Mia Hezi, account director Mtpa – che dà la sensazione di essere a casa: cibo e calore, un matrimonio perfetto”.\r\n\r\nLa collaborazione con partner di alto livello chiude il cerchio con Air Mauritius. La compagnia aerea, rappresentata nel nostro Paese da Apg Italy, vanta una certificazione a 4 stelle dall’agenzia di rating Skytrax, con velivoli di nuova generazione, 2 Airbus 330-900Neo, 2 Airbus 350-900Xwb e 3 Atr 72-500. Collega l’Italia sia da Parigi in code-share con Air France con 10 voli alla settimana e da Londra con 3 voli settimanali. Il servizio di bordo prevede due classi, la business e l’economica. In arrivo altre due nuovi aeromobili in quanto la domanda di viaggio ha superato i livelli del 2019.  ","post_title":"La 'Mauritius Gourmet Week' è di scena a Milano, all'Hub di Identità Golose","post_date":"2022-09-21T15:28:46+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1663774126000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"430758","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Vendite ben oltre le aspettative per l'Egitto griffato Mistral Tour nella prima parte dell'anno. Un trend che prosegue anche nella seconda metà del 2022, con ottimi segnali per il 2023. “I dati di prenotazione degli ultimi mesi sono stati sorprendenti, superando abbondantemente il budget che avevamo prefissato - spiega il product manager del to di casa Quality Group, Antonio D’Errico -. La destinazione è stata gettonatissima da una clientela eterogenea sia per età, sia per budget di spesa e interessi, grazie alla capacità di saper incontrare ogni richiesta della clientela. L’Egitto è infatti amato per i suoi itinerari classici alla scoperta del suo ricco patrimonio storico e archeologico ma anche dagli amanti della natura e da chi desidera semplicemente rilassarsi tuffandosi in punti mare tra i più belli al mondo”.\r\n\r\nPer rispondere alla domanda crescente Mistral Tour ha quindi rivisto la propria programmazione, confermando e perfezionando i tour classici e migliorando ancor più i servizi offerti, siglando tra le altre cose un accordo con le motonavi Farida e Jamila. La motonave boutique Farida, 5 stelle deluxe, a differenza da quelle utilizzate normalmente in Egitto, dispone di sole 40 cabine di metrature molto ampie - 30 metri quadrati - per il massimo comfort dei clienti. Sarà utilizzata per tutte le crociere sul Nilo proposte in catalogo a eccezione del tour Ramses, che si avvarrà invece della motonave Jamila.\r\n\r\nForte del successo avuto negli ultimi mesi la proposta Experience Egitto, che abbina a un itinerario classico esperienze glamour e active (degustazioni di local food, passeggiate a cavallo o a dorso di mulo, aperitivi nello storico Mena House con vista sulle piramidi...) è stata inoltre inserita nel catalogo cartaceo e ne è divenuta la punta di diamante, aggiungendosi alle altre nove proposte di itinerario, tutte abbinabili a crociere e a estensioni mare a Marsa Alam, Hurghada, Soma Bay e Sharm El Sheik.\r\n\r\nPer agli amanti delle crociere e per chi desidera ammirare le meraviglie dell’Egitto da un punto di vista differente, si riconferma infine in programmazione la crociera a bordo di una dahabeya, la tipica vela a due alberi che da Luxor raggiunge Assuan. L’imbarcazione dispone di sole otto cabine di charme, curate in ogni dettaglio, spesso utilizzate in esclusiva da nuclei familiari, gruppi di amici o per team building.","post_title":"Egitto sugli scudi per Mistral (gruppo Quality) che potenzia l'offerta sulla destinazione","post_date":"2022-09-20T11:11:57+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1663672317000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"430675","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Siamo arrivati al punto che anche Confindustria di Carlo Bonomi inizia a lodare il turismo. Lo studio dell'Ufficio studi di Confindustria parte con le note negative. Se il caro gas dovesse persistere anche nel 2023 in Italia sarebbero a rischio fino a 582 mila posti di lavoro.  In dettaglio, si afferma, sono state condotte due simulazioni econometriche per il prezzo del gas che rimanga fino a fine 2023.\r\n\r\nTuttavia, fa notare l'Ufficio studi di Confindustria, rientrano i prezzi di varie commodity. Perché è più fiacca l'economia mondiale. L'Italia, invece, resiste grazie a più mobilità e turismo e alla crescita (minore) delle costruzioni.\r\nRecupero\r\nGli indicatori qualitativi, prosegue Confindustria, sono \"peggiorati\". In agosto il Pmi è sceso ancora più in territorio negativo (48,0), segnalando recessione. Anche i giudizi sugli ordini Istat sono in flessione, anticipando minor domanda. La fiducia delle imprese ha subito un ulteriore calo, su livelli ridotti.\r\n\r\nPerò il recupero del turismo in Italia sostiene anche l'industria. La spesa dei viaggiatori stranieri ha ormai azzerato il gap dal pre-Covid: -0,9% a giugno (era -21% in aprile). La maggiore spesa per servizi (+5,3% nel secondo trimestre, ma ancora -4,5% il gap) ha trainato i consumi, soprattutto acquisti fuori casa, grazie alla fine delle restrizioni.","post_title":"Confindustria: il recupero del turismo sostiene anche l'industria","post_date":"2022-09-19T10:52:55+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":["topnews"],"post_tag_name":["Top News"]},"sort":[1663584775000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"430594","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Incontriamo a Verona, Amerigo Varotti presidente di Confturismo Terre d’Urbino e del Montefeltro che ci parla sia della stagione estiva, con numeri e prospettive, e inoltre allarga gli orizzonti indicando i punti cardinali della promozione di questi luoghi magnifici.\r\n\r\n«Ci occupiamo della parte nord elle Marche – ha iniziato Varotti -. Di Urbino e delle località che fanno parte dell’ex ducato di Urbino. Quindi borghi, città storiche, paesi dell’Appennino marchigiano. Che diciamolo fuori dei denti: è una terra dalla ricchezza unica. Il turismo quest’anno è andato molto bene. Tante presenze turistiche, un grande ritorno degli stranieri, soprattutto olandesi austriaci tedeschi. Ma anche americani, francesi inglesi. Un anno votato alla riscoperta delle parte nord della Marche».\r\n\r\nFra queste poli d'interesse naturalmente Urbino ha avuto un posto di rilievo.\r\n\r\n«Urbino si è confermata un polo di attrazione, anche perché quest’anno si celebravano i seicento anni dalla nascita di Federico da Montefeltro. La persona che ha creato le nostre località più importanti, che ha fortificato il nostro territorio. E grazie a Francesco di Giorgio Martini, che era l’architetto che Federico aveva scelto per completare il palazzo ducale di Urbino, sono state realizzate 330 opere fortificazioni militari, palazzi civili, e chiese che oggi sono visitabili e sono tutte nell’itinerario che come Confturismo Terre d’Urbino e del Montefeltro abbiamo proposto e stiamo proponendo nelle fiere».\r\n\r\nIl turismo è ritornato nella Marche. Come è accaduto in questa estate un po' in tutta la nostra penisola.\r\n\r\n«Teniamo conto che la regione Marche - ha continuato Varotti - ha una presenza di stranieri limitati rispetto al resto d’Italia. Nelle marche 85% sono turisti italiani, mentre il 15% stranieri. Però abbiamo registrato 130% in più di stranieri. Per cui a fine anno faremo un confronto con il 2019 che è stato l’ultimo anno pre covid e tireremo le somme definitiva. Posso dire però che i dati sono molto positivi. Daremo un quadro completo a fine anno. Anche perché come Confturismo la stagione non è finita. Abbiamo un autunno molto importante. Il nostro è l’autunno delle fiere e delle sagre, a cominciare dalla fiera nazionale del tartufo bianco pregiato che inizia la seconda domenica di ottobre a Pergola, e poi tanti altri eventi legati al territorio, come quello della birra a Pecchio. da noi il turismo lavora 365 all’anno. Non c’è un inizio e non c’è una fina. E andata bene fino ad adesso con questi incrementi importanti, ma noi confidiamo che possa migliorare anzi posso dire che in questi giorni di metà settembre abbiamo ancora non dico il pieno agostano, ma quasi, e soprattutto abbiamo molti stranieri. Insomma la stagione né andata e sta andando molto bene».\r\n\r\nInfine la promozione che viene divisa in settori omogenei e sinergici fra di lro.\r\n\r\n«Noi vogliamo promuovere il territorio sotto alcuni cluster - ha affermato Varotti -: l’arte e la cultura, Urbino, Raffaello, Giovanni Santi padre di Raffaello. Per Giovanni Santi abbiamo addirittura previsto anche un interessante itinerario. Poi l’enogastronomia, i grandi vini della provincia di Pesaro Urbino, i prodotti tipici. Nelle terre di Urbino abbiamo dei prodotti importanti che portano nelle nostre località tanti turisti.\r\n\r\nL’altro elemento è quello ambientale: una terra della bellezza intatta, perché da noi si possono vedere i paesaggi per come li avevano dipinti Raffaello, Piero della Francesca, Leonardo da vinci. D'altra parte il panorama che è dietro la Gioconda è il Montefeltro.\r\n\r\nIl Bosco delle Cesane, la gola del Furlo, la catena montuosa del monte Nerone, del monte Catria e del monte Petrano attirano tantissimi turisti legati alle manifestazioni outdoor come bike, gravel, trekking. E infine vogliamo valorizzare il territorio pensando ai grandi personaggi che sono nati o hanno vissuto in queste nostre terre. Raffaello, Giovanni Santi, Bramante, e moltissimi altri».\r\n\r\n ","post_title":"Varotti (Confturismo Terre d'Urbino e Montefeltro):«Una stagione molto positiva»","post_date":"2022-09-16T11:29:44+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1663327784000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti