19 January 2022

Unwto: ancora 46 destinazioni chiuse ai turisti

[ 0 ]

Secondo l’Unwto Travel Restrictions Report, 46 destinazioni (21% di tutte le destinazioni in tutto il mondo) hanno attualmente i loro confini completamente chiusi ai turisti. Di queste, 26 destinazioni hanno le frontiere completamente chiuse almeno dalla fine di aprile 2020. Altre 55 (25% di tutte le destinazioni globali) continuano ad avere le frontiere parzialmente chiuse al turismo internazionale e 112 destinazioni (52% di tutte destinazioni) richiedono ai turisti internazionali di presentare una PCR o un test dell’antigene all’arrivo.

La ricerca mostra anche come le destinazioni si stanno aprendo ai turisti internazionali vaccinati: 85 destinazioni (39% di tutte le destinazioni nel mondo) hanno allentato le restrizioni per i turisti internazionali completamente vaccinati, mentre 20 destinazioni (9% di tutte le destinazioni mondiali) hanno fatto un pieno Covid- 19 vaccinazione obbligatoria per l’ingresso in una destinazione a fini turistici. Tuttavia, solo quattro destinazioni hanno finora revocato completamente tutte le restrizioni relative al Covid-19 (Colombia, Costa Rica, Repubblica Dominicana e Messico).

Il segretario generale dell’Unwto Zurab Pololikashvili afferma: «L’allentamento o la rimozione in sicurezza delle restrizioni ai viaggi sono essenziali per il riavvio del turismo e il ritorno dei benefici sociali ed economici che il settore offre. La tendenza verso le destinazioni che adottano approcci alle restrizioni basati sull’evidenza riflette la natura in evoluzione della pandemia e contribuirà anche a ripristinare la fiducia nei viaggi, contribuendo al contempo a mantenere al sicuro sia i turisti che i lavoratori del turismo».  

Come nelle precedenti edizioni della ricerca Unwto Travel Restrictions Report, quest’ultimo rapporto mostra che permangono differenze regionali per quanto riguarda le restrizioni di viaggio. L’Asia e il Pacifico rimangono la regione con il maggior numero di restrizioni in atto, con il 65% di tutte le destinazioni completamente chiuse. In confronto, l’Europa è la regione globale più aperta ai turisti internazionali (7% delle frontiere completamente chiuse), seguita dall’Africa (9%), dalle Americhe (10%) e dal Medio Oriente (15%).

Le sfide in corso poste dalla pandemia sottolineano ulteriormente l’importanza che le autorità nazionali garantiscano che le procedure e i requisiti di immigrazione siano forniti in modo tempestivo, affidabile e coerente su tutti i sistemi e piattaforme di informazione, per mantenere la fiducia e facilitare ulteriormente la mobilità internazionale.

 




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( )

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti