14 July 2024

1710

[ 0 ]
Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono:
Email:
Provincia:
Comune:

Settore:
Mansione:


Testo dell'annuncio

Iscritta alle liste di MOBILITA’ del comune di Roma, disponibilità immediata, decennale esperienza come project leader c/o agenzie viaggi e dmc settore INCOMING, MICE e CONGRESSI. Ottimo inglese e pacchetto Office. Conoscenza sistema IDEAL. Cerco impiego presso agenzia viaggio, dmc o tour operator, anche part time di Roma.
Cristina: cell. 333 2491541; e-mail: an.cri@tiscali.it


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 470458 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Un prodotto che si adatta perfettamente al viaggiatore che ama le capitali europee e vuole entrare in contatto con la cultura, l’enogastronomia e le tradizioni. Da qualche anno Misha Travel punta sulle crociere fluviali. "Nel 2018, nasce Crucemundo Italia – Misha Travel – spiega il titolare del tour operator genovese Domenico Scidone -. La nostra offerta di  crociere fluviali in Europa è quindi caratterizzata da nuovi itinerari sui fiumi Reno, Meno, Mosella Danubio e Douro. Operiamo con quattro motonavi di moderna concezione di cui alcune di proprietà: due sul fiume Reno, la 5 stelle Crucevita e la 3 stelle plus Fidelio; una sul Danubio, la 4 stelle plus Crucestar; una sul Douro, la 4 stelle Douro Cruiser". I punti di forza della crociera fluviale sono tanti: è una vacanza no stress (le navi sono piccole ma dotate di ogni comfort) ed eco sostenibile perché consente al turista di arrivare direttamente nel cuore delle città europee. "Non solo – aggiunge Scidone –: rappresenta un’opportunità interessante anche per l’agenzia di viaggi che può scorporare diversi servizi per il cliente e organizzare un pacchetto molto articolato. Un modo per fidelizzare il cliente». L’offerta di oltre 100 partenze sui principali fiumi Europei punta su servizio di assistenza in Italiano e ristorazione di alto livello, escursioni qualificate e prezzi competitivi. Per esempio una crociera di otto giorni - sette notti parte da 650 euro. Misha Travel propone inoltre fin dagli anni ’50 pacchetti turistici e tour verso la Russia, con la Transiberiana da Mosca a Pechino o Vladivostok, nonché Asia ed Europa Orientale: Armenia, Georgia, Repubbliche Baltiche, Polonia, Ungheria, Romania; c'è poi anche il Medioriente con Turchia, Giordania; e poi gli speciali programmazione Argentina, Cile, crociere, Patagonia e Antartide. "Non solo – conclude Scidone –: proponiamo pure Spagna e Portogallo con itinerari culturali. Lanceremo a breve le crociere a tema sui vini (con escursione a Salamanca). L’obiettivo è quello di evidenziare itinerari molto particolari, difficilmente realizzabili nei tour classici». [post_title] => Misha Travel: focus sulle crociere fluviali con Crucemundo Italia [post_date] => 2024-07-01T10:39:20+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1719830360000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 470461 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_470466" align="alignright" width="300"] Da sinistra, Eleonora Sasso, Gianpaolo Romano e Claudio Asborno[/caption] Il viaggio di nozze è uno specchio dei tempi: monitora il cambiamento della società italiana e offre statistiche e tendenze di un settore che ha registrato una forte evoluzione dopo la pandemi. E' la principale evidenza del primo Osservatorio viaggi di nozze per CartOrange. "Da più di 25 anni accompagniamo gli sposi nel progettare il loro viaggio e abbiamo voluto capire quali fossero le caratteristiche e le tendenze attuali, offrendo alle coppie e ai professionisti del settore uno studio accurato, con la possibilità di avere degli insight di prima mano - afferma Gianpaolo Romano, fondatore e a.d. del network consulenziale -. Per farlo, abbiamo deciso di utilizzare esclusivamente i dati forniti dai viaggi venduti da noi: dal nord al sud, dall’Italia all’estero". [caption id="attachment_470463" align="alignleft" width="300"] Gianpaolo Romano[/caption] Il viaggio di nozze è dunque cambiato, anche rispetto a 10 anni fa: oggi può essere più breve, di tre-quattro giorni in strutture luxury, oppure legato alle passioni e all’esperienzialità. Cambiano pure le date e i mesi di partenza, le destinazioni e il modo di vivere il viaggio. Se prima era una fuga d’amore, ora è un’avventura. "Oggi il viaggio di nozze non è più pensato come una vacanza su un’isola deserta. Il mare è presente solo nel 67% delle partenze, perché spesso si combina un viaggio di scoperta con un soggiorno mare. Il viaggio di nozze è diventato un punto focale dell’esperienza matrimoniale e il valore economico della spesa per passeggero si è molto alzato rispetto a dieci anni fa». Come sottolinea Eleonora Sasso, responsabile marketing di CartOrange, questi elementi erano già emersi prima del 2019: «Appartengono ai macro-cambiamenti sociali in corso: il viaggio di nozze è un privilegio che appartiene a tutte le età. Il 73% dei viaggiatori rientra in una fascia compresa tra i 25 e i 39 anni, ma ben il 22% ha un’età tra i 40 e i 59 e il 5% oltre i 59 anni; negli ultimi tempi stanno aumentando anche i matrimoni in quota senior: ne abbiamo organizzati per diversi over 70 e anche per una coppia over 80! Le seconde nozze sono un costume crescente e insieme con la coppia partono anche i figli (8%) o gli amici (5%)". Claudio Asborno, responsabile del tour operator CartOrange, presenta altri interessanti dati raccolti dal nuovo Osservatorio: «Per quanto riguarda le destinazioni dei viaggi di nozze si confermano i grandi classici, ma con diverse novità e sorprese. Nella top ten delle aree geografiche abbiamo l’Asia (che pesa il 38%) seguita dall’Africa (21%) e Nord America: grande classico, ma sceso al terzo posto con il 15%. Ne consegue la riflessione che se per gli italiani Nord America è la prima destinazione a lungo raggio, non è la prima meta nozze. Molto positiva anche l’incidenza dell’Europa (10%) con la novità dell’Islanda, e poi il Medio Oriente (6%), con l’exploit della Giordania nel 2023. Il Giappone è la destinazione più in crescita in assoluto sul mercato italiano negli ultimi anni. L’Oceania è al 5%, l’America centrale al 3% e tutto il Sud America al 2%. Grazie alla destagionalizzazione dei viaggi di nozze si parte settimane o mesi dopo il giorno del matrimonio e si va in Sud America d’inverno".  "Si possono inoltre già rilevare alcune tendenze del 2024 - conclude Eleonora Sasso - L’incremento della spesa media del 2% rispetto al 2023 e il fatto che i futuri sposi scelgano e prenotino fino a sei mesi prima il loro viaggio di nozze. In questo inizio 2024 le mete protagoniste sono gli Stati Uniti, il Perù e la Tanzania con Zanzibar". [post_title] => Osservatorio CartOrange: il viaggio di nozze oggi è più avventura e meno fuga d'amore [post_date] => 2024-07-01T10:31:42+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1719829902000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 470172 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il Tribe Milano Malpensa, aperto lo scorso febbraio e presentato ufficialmente qualche giorno fa, porta in Italia, un concept di urban hotel funzionale e dal design elegante. "Grazie a una divisione sviluppo e a esperti di marketing attenti a alle tendenze di mercato creiamo dei marchi e delle proposte che ci permettono di andare incontro alle nuove esigenze dei clienti" spiega Daniela Tondini, communication director del gruppo Accor -. Lo facciamo da due punti di vista: quello del cliente finale, visitando le strutture e vivendone l’esperienza, e quello del proprietario". Accor spesso non possiede infatti i muri. "Abbiamo invece dei proprietari che si affidano a noi con un brand o l’altro, per avere il massimo della resa: economica ma anche di soddisfazione degli ospiti. E alcuni decidono si sposare concept totalmente nuovi, come è accaduto proprio con il Tribe Milano Malpensa. Questa struttura era adatta a tale marchio anche per il vasto bacino di aziende del territorio, che la rende un punto ideale per eventi e per incontri di lavoro. Siamo aperti all’esterno pure con la ristorazione: i pranzi di lavoro sono momenti business che spesso diventano bleisure. Il proprietario della struttura di Milano Malpensa ha peraltro con noi altri nove alberghi, di cui l’ultimo è il Mercure Cinecittà, che ha appena aperto a Roma. Altri proprietari scelgono invece soft brand da collezione. Il nuovo marchio Handwritten, per esempio, consente di mantenere il carattere degli alberghi partner". Accor possiede oggi quasi 5.600 alberghi in 110 Paesi con 45 marchi alberghieri. «Andiamo dall’ultra-luxury (con Raffles e Orient Express) al lusso (Sofitel, Emblems Collection), fino al midscale (Tribe, Novotel, Mercure e MGallery). Ma abbiamo pure un’offerta economy molto forte, che è quella della famiglia ibis (ibis, ibis Styles e ibis Budget). Quindi passiamo dall’ultra lusso all’economico puro, in modo da andare incontro a qualunque esigenza del viaggiatore. Ci definiamo un gruppo di ospitalità aumentata: non si parla più solo di un letto ma di un’esperienza. Per questo ci siamo lanciati in proposte come il treno (Orient Express, ndr), ma anche la storica nave Queen Elisabeth 2 del brand Mgallery: un albergo galleggiante".   [post_title] => Tondini, Accor: crescere diversificando per rispondere alle esigenze di clienti e proprietari [post_date] => 2024-06-26T12:06:32+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1719403592000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469770 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Prima operazione di rilievo del gruppo Soges dopo la propria ammissione al listino Euronext Growth Milan della Borsa meneghina. La società toscana ha infatti rinnovato il contratto di locazione relativo all'Art Hotel Atelier di Firenze, già gestito dal 2021 con il brand Place of Charme, aggiungendo all'accordo anche la dependance esterna, attigua alla struttura. La mossa consentirà alla compagnia di ampliare l'offerta della struttura fiorentina dalle attuali 19 camere a un totale di 33, a partire già dal prossimo 1° di luglio. Il nuovo accordo con la proprietà, Grimagest, ha una durata di sei anni, con rinnovo automatico per ulteriori tre. Nel 2023 l'Art Hotel Atelier ha registrato un tasso occupazione del 91% con tariffe medie pari a circa 170 euro.  [post_title] => Il gruppo Soges amplia l'offerta del Place of Charme Art Hotel Atelier di Firenze con 14 nuove camere [post_date] => 2024-06-19T14:15:34+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718806534000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469706 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Grazie a un accordo di franchising con Bohemian Hotels ehf, il gruppo Hilton annuncia due nuove proprietà islandesi che si aggiungeranno alle quattro già operative nel Paese: l’hotel Akureyri Skáld, Curio Collection nella parte settentrionale dell'isola e una nuova struttura nella capitale Reykjavik. L’Akureyri, si trova nella pittoresca via Hafnarstræti, nel cuore dell'omonima cittadina. La struttura, che dovrebbe aprire nell’estate del 2025, offrirà 70 camere, lounge, lobby bar, ristorante aperto tutto il giorno con un cortile esterno e un innovativo concetto di social club. L’area è diventata un’attrazione turistica per la sua vicinanza al circolo di Diamante e al circolo Polare Artico, ideale per l’osservazione delle balene o dell'aurora boreale. Nella primavera del 2026 è prevista quindi l’apertura di una seconda struttura a Brietartún, Reykjavík, che offrirà sistemazioni lifestyle con un marchio Hilton ancora da definire. Situato in prossimità della storica Freemasons' Hall e della vivace area di Hlemmur, l’hotel avrà 170 posti letto. Bohemian Hotels ehf. è una joint venture di proprietà di Luxor ehf. e Concordia ehf., quest’ultima guidata dai veterani del settore Magnea Thorey Hjalmarsdottir e Þorsteinn Örn Guðmundsson, che vantano un'esperienza pluridecennale nella gestione e nello sviluppo alberghiero, tra cui collaborazioni di successo con marchi internazionali quali quelli dello stesso gruppo Hilton. [post_title] => Hilton si espande in Islanda con due nuovi hotel a Reykjavik e nel nord dell'isola [post_date] => 2024-06-18T15:12:08+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718723528000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469572 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Al via una nuova partnership strategica tra SiteMinder e ClouBeds. Permetterà ai clienti dalla piattaforma di revenua management  di accedere a quella di property management system (pms) e viceversa. “A fine 2023 abbiamo annunciato la nostra mission volta a rendere le attività di revenue management più accessibili a tutti gli hotel del mondo - spiega il ceo e managing director di SiteMinder, Sankar Narayan -. Siamo entusiasti di collaborare con Cloudbeds per portare avanti questo obiettivo, eliminando gli ostacoli causati dalla dispersione di dati importanti in sistemi singoli". “La nostra partnership con SiteMinder rappresenta l’unione di due dei più importanti nomi del settore hospitality, uniti da un impegno comune volto a promuovere una maggiore integrazione tra le piattaforme alberghiere e a creare nuovi standard a beneficio degli albergatori di tutto il mondo - conferma per parte sua il ceo di Cloudbeds, Adam Harris -. Questo è solo l'inizio: siamo entusiasti di poter offrire a chi gestisce strutture alberghiere opportunità di guadagno incrementali, ottimizzando e semplificando gli aspetti operativi della connessione alberghiera”. [post_title] => SiteMinder e Cloudbeds integrano i rispettivi sistemi di revenue management e pms [post_date] => 2024-06-17T10:58:10+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718621890000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469569 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Quest'anno Iberia opera sulle rotte fra Europa e America Latina con una capacità record di oltre 5,3 milioni di posti. Un dato che supera il precedente record della compagnia aerea spagnola in America Latina, che nel 2023 era di quasi 4,6 milioni di posti. Pertanto, la crescita 2024 si attesta ad un +16,4% rispetto all'anno scorso, e addirittura a +20% rispetto alle cifre registrate prima della pandemia, nel 2019. In parallelo, segnala Iberia, aumenta in modo significativo il numero dei voli; nel 2024, il vettore opererà più di 320 voli settimanali rispetto ai 280 registrati durante la stagione estiva dello scorso anno e ai 300 che hanno creato un "ponte" tra le due sponde dell'Atlantico lo scorso Natale. A supporto dell'aumento delle frequenze verso alcuni dei 16 Paesi in cui la compagnia vola nella regione, su queste rotte viene impiegato un maggior numero di aeromobili A350, i più grandi ed efficienti della flotta Iberia. Le destinazioni che beneficiano dei maggiori aumenti di capacità sono Argentina, Brasile, Repubblica Dominicana e Porto Rico. [post_title] => Iberia brucia ogni record di capacità sulle rotte verso l'America Latina: +20% sul 2019 [post_date] => 2024-06-17T10:57:23+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718621843000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469567 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Consegnata a Royal Caribbean International la nuova Utopia of the Seas, presso gli stabilimenti  Chantiers de l'Atlantique di Saint-Nazaire, in Francia. La nave debutterà tra poche settimane, il 19 luglio, a Port Canaveral, in Florida. "Dalla vacanza multigenerazionale per eccellenza, con il debutto quest’anno della Icon of the Seas, alla fuga per eccellenza di un weekend su Utopia of the Seas, siamo concentrati sull'offerta di una varietà di opzioni di vacanza per i nostri ospiti", ha commentato il presidente e ceo del gruppo Rcl, Jason Liberty. Prima del viaggio inaugurale Utopia arriverà negli Stati Uniti con i team di Royal Caribbean impegnati negli ultimi ritocchi per prepararla per la festa. Ultima arrivata della classe Oasis, è la prima del suo genere a debuttare con weekend di tre notti e vacanze nei giorni feriali di quattro notti. Offrirà oltre 40 opzioni per cenare, bere e festeggiare; più piscine dei giorni di vacanza; opportunità per dedicarsi al divertimento e per rilassarsi; nonché Perfect Day at CocoCay, l'isola privata di Royal Caribbean alle Bahamas. [post_title] => Rcl riceve la Utopia of the Seas. Debutterà in Florida il 19 luglio per crociere da tre e quattro notti [post_date] => 2024-06-17T10:42:41+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718620961000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469566 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Si avvicina a grandi passi l'ingresso di Qatar Airways nel capitale di RwandAir: la compagnia aerea del Paese centroafricano indica come possibile data già il prossimo luglio. La partnership con Qatar Airways darebbe impulso al settore dell'aviazione del Ruanda e consentirebbe al vettore statale di ampliare le proprie operazioni e la propria flotta, ha precisato l'amministratore delegato Yvonne Makolo, ripreso dal Financial Times, mentre Boeing prevede che il traffico passeggeri intra-africano sarà più che quadruplicato nei prossimi due decenni. Negli ultimi cinque anni, il Qatar e il Ruanda hanno lavorato a un accordo - che è stato in parte ritardato dalla pandemia e dal fatto che il Qatar ha ospitato la Coppa del Mondo di calcio - per concedere alla compagnia aerea della nazione del Golfo una quota del 49% della compagnia di bandiera ruandese per una somma non ancora svelata. «È da un tempo che se ne parla, da quasi cinque anni. Ora siamo davvero alla conclusione» ha dichiarato Makolo. RwandAir ha già accesso al network di Qatar Airways grazie a un accordo di codeshare: «Noi accediamo a oltre 70 punti del loro network e loro accedono a una serie di destinazioni, soprattutto in Africa centrale, dove non sono presenti». Attualmente RwandAir possiede solo tre velivoli widebody utilizzati sulle rotte verso Bruxelles, Londra e Parigi. [post_title] => RwandAir: Qatar Airways sempre più vicina all'acquisizione, probabilmente a luglio [post_date] => 2024-06-17T10:35:12+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718620512000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "1710" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":5,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":400,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"470458","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Un prodotto che si adatta perfettamente al viaggiatore che ama le capitali europee e vuole entrare in contatto con la cultura, l’enogastronomia e le tradizioni. Da qualche anno Misha Travel punta sulle crociere fluviali. \"Nel 2018, nasce Crucemundo Italia – Misha Travel – spiega il titolare del tour operator genovese Domenico Scidone -. La nostra offerta di  crociere fluviali in Europa è quindi caratterizzata da nuovi itinerari sui fiumi Reno, Meno, Mosella Danubio e Douro. Operiamo con quattro motonavi di moderna concezione di cui alcune di proprietà: due sul fiume Reno, la 5 stelle Crucevita e la 3 stelle plus Fidelio; una sul Danubio, la 4 stelle plus Crucestar; una sul Douro, la 4 stelle Douro Cruiser\".\r\n\r\nI punti di forza della crociera fluviale sono tanti: è una vacanza no stress (le navi sono piccole ma dotate di ogni comfort) ed eco sostenibile perché consente al turista di arrivare direttamente nel cuore delle città europee. \"Non solo – aggiunge Scidone –: rappresenta un’opportunità interessante anche per l’agenzia di viaggi che può scorporare diversi servizi per il cliente e organizzare un pacchetto molto articolato. Un modo per fidelizzare il cliente». L’offerta di oltre 100 partenze sui principali fiumi Europei punta su servizio di assistenza in Italiano e ristorazione di alto livello, escursioni qualificate e prezzi competitivi. Per esempio una crociera di otto giorni - sette notti parte da 650 euro.\r\n\r\nMisha Travel propone inoltre fin dagli anni ’50 pacchetti turistici e tour verso la Russia, con la Transiberiana da Mosca a Pechino o Vladivostok, nonché Asia ed Europa Orientale: Armenia, Georgia, Repubbliche Baltiche, Polonia, Ungheria, Romania; c'è poi anche il Medioriente con Turchia, Giordania; e poi gli speciali programmazione Argentina, Cile, crociere, Patagonia e Antartide. \"Non solo – conclude Scidone –: proponiamo pure Spagna e Portogallo con itinerari culturali. Lanceremo a breve le crociere a tema sui vini (con escursione a Salamanca). L’obiettivo è quello di evidenziare itinerari molto particolari, difficilmente realizzabili nei tour classici».","post_title":"Misha Travel: focus sulle crociere fluviali con Crucemundo Italia","post_date":"2024-07-01T10:39:20+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1719830360000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"470461","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_470466\" align=\"alignright\" width=\"300\"] Da sinistra, Eleonora Sasso, Gianpaolo Romano e Claudio Asborno[/caption]\r\n\r\nIl viaggio di nozze è uno specchio dei tempi: monitora il cambiamento della società italiana e offre statistiche e tendenze di un settore che ha registrato una forte evoluzione dopo la pandemi. E' la principale evidenza del primo Osservatorio viaggi di nozze per CartOrange. \"Da più di 25 anni accompagniamo gli sposi nel progettare il loro viaggio e abbiamo voluto capire quali fossero le caratteristiche e le tendenze attuali, offrendo alle coppie e ai professionisti del settore uno studio accurato, con la possibilità di avere degli insight di prima mano - afferma Gianpaolo Romano, fondatore e a.d. del network consulenziale -. Per farlo, abbiamo deciso di utilizzare esclusivamente i dati forniti dai viaggi venduti da noi: dal nord al sud, dall’Italia all’estero\".\r\n\r\n[caption id=\"attachment_470463\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Gianpaolo Romano[/caption]\r\n\r\nIl viaggio di nozze è dunque cambiato, anche rispetto a 10 anni fa: oggi può essere più breve, di tre-quattro giorni in strutture luxury, oppure legato alle passioni e all’esperienzialità. Cambiano pure le date e i mesi di partenza, le destinazioni e il modo di vivere il viaggio. Se prima era una fuga d’amore, ora è un’avventura. \"Oggi il viaggio di nozze non è più pensato come una vacanza su un’isola deserta. Il mare è presente solo nel 67% delle partenze, perché spesso si combina un viaggio di scoperta con un soggiorno mare. Il viaggio di nozze è diventato un punto focale dell’esperienza matrimoniale e il valore economico della spesa per passeggero si è molto alzato rispetto a dieci anni fa». \r\n\r\nCome sottolinea Eleonora Sasso, responsabile marketing di CartOrange, questi elementi erano già emersi prima del 2019: «Appartengono ai macro-cambiamenti sociali in corso: il viaggio di nozze è un privilegio che appartiene a tutte le età. Il 73% dei viaggiatori rientra in una fascia compresa tra i 25 e i 39 anni, ma ben il 22% ha un’età tra i 40 e i 59 e il 5% oltre i 59 anni; negli ultimi tempi stanno aumentando anche i matrimoni in quota senior: ne abbiamo organizzati per diversi over 70 e anche per una coppia over 80! Le seconde nozze sono un costume crescente e insieme con la coppia partono anche i figli (8%) o gli amici (5%)\".\r\n\r\nClaudio Asborno, responsabile del tour operator CartOrange, presenta altri interessanti dati raccolti dal nuovo Osservatorio: «Per quanto riguarda le destinazioni dei viaggi di nozze si confermano i grandi classici, ma con diverse novità e sorprese. Nella top ten delle aree geografiche abbiamo l’Asia (che pesa il 38%) seguita dall’Africa (21%) e Nord America: grande classico, ma sceso al terzo posto con il 15%. Ne consegue la riflessione che se per gli italiani Nord America è la prima destinazione a lungo raggio, non è la prima meta nozze. Molto positiva anche l’incidenza dell’Europa (10%) con la novità dell’Islanda, e poi il Medio Oriente (6%), con l’exploit della Giordania nel 2023. Il Giappone è la destinazione più in crescita in assoluto sul mercato italiano negli ultimi anni. L’Oceania è al 5%, l’America centrale al 3% e tutto il Sud America al 2%. Grazie alla destagionalizzazione dei viaggi di nozze si parte settimane o mesi dopo il giorno del matrimonio e si va in Sud America d’inverno\".  \"Si possono inoltre già rilevare alcune tendenze del 2024 - conclude Eleonora Sasso - L’incremento della spesa media del 2% rispetto al 2023 e il fatto che i futuri sposi scelgano e prenotino fino a sei mesi prima il loro viaggio di nozze. In questo inizio 2024 le mete protagoniste sono gli Stati Uniti, il Perù e la Tanzania con Zanzibar\".","post_title":"Osservatorio CartOrange: il viaggio di nozze oggi è più avventura e meno fuga d'amore","post_date":"2024-07-01T10:31:42+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1719829902000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"470172","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il Tribe Milano Malpensa, aperto lo scorso febbraio e presentato ufficialmente qualche giorno fa, porta in Italia, un concept di urban hotel funzionale e dal design elegante. \"Grazie a una divisione sviluppo e a esperti di marketing attenti a alle tendenze di mercato creiamo dei marchi e delle proposte che ci permettono di andare incontro alle nuove esigenze dei clienti\" spiega Daniela Tondini, communication director del gruppo Accor -. Lo facciamo da due punti di vista: quello del cliente finale, visitando le strutture e vivendone l’esperienza, e quello del proprietario\".\r\n\r\nAccor spesso non possiede infatti i muri. \"Abbiamo invece dei proprietari che si affidano a noi con un brand o l’altro, per avere il massimo della resa: economica ma anche di soddisfazione degli ospiti. E alcuni decidono si sposare concept totalmente nuovi, come è accaduto proprio con il Tribe Milano Malpensa. Questa struttura era adatta a tale marchio anche per il vasto bacino di aziende del territorio, che la rende un punto ideale per eventi e per incontri di lavoro. Siamo aperti all’esterno pure con la ristorazione: i pranzi di lavoro sono momenti business che spesso diventano bleisure.\r\n\r\nIl proprietario della struttura di Milano Malpensa ha peraltro con noi altri nove alberghi, di cui l’ultimo è il Mercure Cinecittà, che ha appena aperto a Roma. Altri proprietari scelgono invece soft brand da collezione. Il nuovo marchio Handwritten, per esempio, consente di mantenere il carattere degli alberghi partner\".\r\n\r\nAccor possiede oggi quasi 5.600 alberghi in 110 Paesi con 45 marchi alberghieri. «Andiamo dall’ultra-luxury (con Raffles e Orient Express) al lusso (Sofitel, Emblems Collection), fino al midscale (Tribe, Novotel, Mercure e MGallery). Ma abbiamo pure un’offerta economy molto forte, che è quella della famiglia ibis (ibis, ibis Styles e ibis Budget). Quindi passiamo dall’ultra lusso all’economico puro, in modo da andare incontro a qualunque esigenza del viaggiatore. Ci definiamo un gruppo di ospitalità aumentata: non si parla più solo di un letto ma di un’esperienza. Per questo ci siamo lanciati in proposte come il treno (Orient Express, ndr), ma anche la storica nave Queen Elisabeth 2 del brand Mgallery: un albergo galleggiante\".\r\n\r\n ","post_title":"Tondini, Accor: crescere diversificando per rispondere alle esigenze di clienti e proprietari","post_date":"2024-06-26T12:06:32+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1719403592000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469770","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Prima operazione di rilievo del gruppo Soges dopo la propria ammissione al listino Euronext Growth Milan della Borsa meneghina. La società toscana ha infatti rinnovato il contratto di locazione relativo all'Art Hotel Atelier di Firenze, già gestito dal 2021 con il brand Place of Charme, aggiungendo all'accordo anche la dependance esterna, attigua alla struttura.\r\n\r\nLa mossa consentirà alla compagnia di ampliare l'offerta della struttura fiorentina dalle attuali 19 camere a un totale di 33, a partire già dal prossimo 1° di luglio. Il nuovo accordo con la proprietà, Grimagest, ha una durata di sei anni, con rinnovo automatico per ulteriori tre. Nel 2023 l'Art Hotel Atelier ha registrato un tasso occupazione del 91% con tariffe medie pari a circa 170 euro. ","post_title":"Il gruppo Soges amplia l'offerta del Place of Charme Art Hotel Atelier di Firenze con 14 nuove camere","post_date":"2024-06-19T14:15:34+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1718806534000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469706","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Grazie a un accordo di franchising con Bohemian Hotels ehf, il gruppo Hilton annuncia due nuove proprietà islandesi che si aggiungeranno alle quattro già operative nel Paese: l’hotel Akureyri Skáld, Curio Collection nella parte settentrionale dell'isola e una nuova struttura nella capitale Reykjavik.\r\n\r\nL’Akureyri, si trova nella pittoresca via Hafnarstræti, nel cuore dell'omonima cittadina. La struttura, che dovrebbe aprire nell’estate del 2025, offrirà 70 camere, lounge, lobby bar, ristorante aperto tutto il giorno con un cortile esterno e un innovativo concetto di social club. L’area è diventata un’attrazione turistica per la sua vicinanza al circolo di Diamante e al circolo Polare Artico, ideale per l’osservazione delle balene o dell'aurora boreale.\r\n\r\nNella primavera del 2026 è prevista quindi l’apertura di una seconda struttura a Brietartún, Reykjavík, che offrirà sistemazioni lifestyle con un marchio Hilton ancora da definire. Situato in prossimità della storica Freemasons' Hall e della vivace area di Hlemmur, l’hotel avrà 170 posti letto.\r\n\r\nBohemian Hotels ehf. è una joint venture di proprietà di Luxor ehf. e Concordia ehf., quest’ultima guidata dai veterani del settore Magnea Thorey Hjalmarsdottir e Þorsteinn Örn Guðmundsson, che vantano un'esperienza pluridecennale nella gestione e nello sviluppo alberghiero, tra cui collaborazioni di successo con marchi internazionali quali quelli dello stesso gruppo Hilton.","post_title":"Hilton si espande in Islanda con due nuovi hotel a Reykjavik e nel nord dell'isola","post_date":"2024-06-18T15:12:08+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1718723528000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469572","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Al via una nuova partnership strategica tra SiteMinder e ClouBeds. Permetterà ai clienti dalla piattaforma di revenua management  di accedere a quella di property management system (pms) e viceversa. “A fine 2023 abbiamo annunciato la nostra mission volta a rendere le attività di revenue management più accessibili a tutti gli hotel del mondo - spiega il ceo e managing director di SiteMinder, Sankar Narayan -. Siamo entusiasti di collaborare con Cloudbeds per portare avanti questo obiettivo, eliminando gli ostacoli causati dalla dispersione di dati importanti in sistemi singoli\".\r\n\r\n“La nostra partnership con SiteMinder rappresenta l’unione di due dei più importanti nomi del settore hospitality, uniti da un impegno comune volto a promuovere una maggiore integrazione tra le piattaforme alberghiere e a creare nuovi standard a beneficio degli albergatori di tutto il mondo - conferma per parte sua il ceo di Cloudbeds, Adam Harris -. Questo è solo l'inizio: siamo entusiasti di poter offrire a chi gestisce strutture alberghiere opportunità di guadagno incrementali, ottimizzando e semplificando gli aspetti operativi della connessione alberghiera”.","post_title":"SiteMinder e Cloudbeds integrano i rispettivi sistemi di revenue management e pms","post_date":"2024-06-17T10:58:10+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1718621890000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469569","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Quest'anno Iberia opera sulle rotte fra Europa e America Latina con una capacità record di oltre 5,3 milioni di posti.\r\n\r\nUn dato che supera il precedente record della compagnia aerea spagnola in America Latina, che nel 2023 era di quasi 4,6 milioni di posti. Pertanto, la crescita 2024 si attesta ad un +16,4% rispetto all'anno scorso, e addirittura a +20% rispetto alle cifre registrate prima della pandemia, nel 2019.\r\n\r\nIn parallelo, segnala Iberia, aumenta in modo significativo il numero dei voli; nel 2024, il vettore opererà più di 320 voli settimanali rispetto ai 280 registrati durante la stagione estiva dello scorso anno e ai 300 che hanno creato un \"ponte\" tra le due sponde dell'Atlantico lo scorso Natale.\r\n\r\nA supporto dell'aumento delle frequenze verso alcuni dei 16 Paesi in cui la compagnia vola nella regione, su queste rotte viene impiegato un maggior numero di aeromobili A350, i più grandi ed efficienti della flotta Iberia.\r\n\r\nLe destinazioni che beneficiano dei maggiori aumenti di capacità sono Argentina, Brasile, Repubblica Dominicana e Porto Rico.","post_title":"Iberia brucia ogni record di capacità sulle rotte verso l'America Latina: +20% sul 2019","post_date":"2024-06-17T10:57:23+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1718621843000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469567","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Consegnata a Royal Caribbean International la nuova Utopia of the Seas, presso gli stabilimenti  Chantiers de l'Atlantique di Saint-Nazaire, in Francia. La nave debutterà tra poche settimane, il 19 luglio, a Port Canaveral, in Florida. \"Dalla vacanza multigenerazionale per eccellenza, con il debutto quest’anno della Icon of the Seas, alla fuga per eccellenza di un weekend su Utopia of the Seas, siamo concentrati sull'offerta di una varietà di opzioni di vacanza per i nostri ospiti\", ha commentato il presidente e ceo del gruppo Rcl, Jason Liberty.\r\n\r\nPrima del viaggio inaugurale Utopia arriverà negli Stati Uniti con i team di Royal Caribbean impegnati negli ultimi ritocchi per prepararla per la festa. Ultima arrivata della classe Oasis, è la prima del suo genere a debuttare con weekend di tre notti e vacanze nei giorni feriali di quattro notti. Offrirà oltre 40 opzioni per cenare, bere e festeggiare; più piscine dei giorni di vacanza; opportunità per dedicarsi al divertimento e per rilassarsi; nonché Perfect Day at CocoCay, l'isola privata di Royal Caribbean alle Bahamas.","post_title":"Rcl riceve la Utopia of the Seas. Debutterà in Florida il 19 luglio per crociere da tre e quattro notti","post_date":"2024-06-17T10:42:41+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1718620961000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469566","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Si avvicina a grandi passi l'ingresso di Qatar Airways nel capitale di RwandAir: la compagnia aerea del Paese centroafricano indica come possibile data già il prossimo luglio.\r\n\r\nLa partnership con Qatar Airways darebbe impulso al settore dell'aviazione del Ruanda e consentirebbe al vettore statale di ampliare le proprie operazioni e la propria flotta, ha precisato l'amministratore delegato Yvonne Makolo, ripreso dal Financial Times, mentre Boeing prevede che il traffico passeggeri intra-africano sarà più che quadruplicato nei prossimi due decenni.\r\n\r\nNegli ultimi cinque anni, il Qatar e il Ruanda hanno lavorato a un accordo - che è stato in parte ritardato dalla pandemia e dal fatto che il Qatar ha ospitato la Coppa del Mondo di calcio - per concedere alla compagnia aerea della nazione del Golfo una quota del 49% della compagnia di bandiera ruandese per una somma non ancora svelata.\r\n\r\n«È da un tempo che se ne parla, da quasi cinque anni. Ora siamo davvero alla conclusione» ha dichiarato Makolo. RwandAir ha già accesso al network di Qatar Airways grazie a un accordo di codeshare: «Noi accediamo a oltre 70 punti del loro network e loro accedono a una serie di destinazioni, soprattutto in Africa centrale, dove non sono presenti».\r\n\r\nAttualmente RwandAir possiede solo tre velivoli widebody utilizzati sulle rotte verso Bruxelles, Londra e Parigi.","post_title":"RwandAir: Qatar Airways sempre più vicina all'acquisizione, probabilmente a luglio","post_date":"2024-06-17T10:35:12+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1718620512000]}]}}

Lascia un commento