9 December 2022

1691

[ 0 ]
Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono:
Email:
Provincia:
Comune:

Settore:
Mansione:


Testo dell'annuncio

AFFITTASI TOUR OPERATOR O UFFICIO
Zona Roma Marconi, 39 mq, tre vetrine arredato, accessoriato. Ampio parcheggio facilità mezzi pubblici. Mille 200 euro mensili + IVA (comprensivo canone di locazione). Info Antonio, cell. 347 3537853.


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434205 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Da qualche giorno si riconcorrono le voci sul futuro di Club Med. La capogruppo Fosun, zavorrata da un debito che le è recentemente costato il declassamento al rating B2 con outlook negativo da parte di Moody’s, si starebbe infatti apprestando a cedere fino a 11 miliardi di dollari di asset non-core. Alcuni voci hanno perciò cominciato a circolare, suggerendo che in vendita ci sarebbe anche la compagnia francese, il cui valore di mercato si aggirerebbe oggi sugli 1,5 miliardi di dollari. E tra i possibili acquirenti, forse come mera suggestione, è spuntato anche il nome della Investindustrial di Andrea Bonomi, che nel 2015 contese il gruppo transalpino proprio a Fosun. Poche ore fa è però giunta quella che sembra essere una smentita categorica da parte di Club Med su qualsiasi voce di vendita. In una nota ufficiale la compagnia francese conferma in particolare le prospettive di vendita di asset non-core Fosun per 7-11 miliardi di dollari. Allo stesso tempo, però, il documento specifica che il gruppo cinese avrebbe intenzione di concentrarsi su quelli che considera i propri settori chiave, tra cui compare anche il turismo, oltre alla farmaceutica, alla vendita al dettaglio e alle assicurazioni. Fosun Tourism Group, la divisione della holding cinese dedicata all'industria dei viaggi a cui riferiscono i brand Club Med, Thomas Cook Travel e Atlantis Sanya, avrebbe tra l'altro fatto segnare risultati soddisfacenti per il primo semestre del 2022, almeno dal punto di vista dei margini operativi lordi, con l'ebitda che avrebbe raggiunto quota 169 milioni di dollari, rispetto al rosso da 72 milioni dello stesso periodo dell'anno scorso. Tra le opzioni a disposizione del gruppo cinese rimarrebbero tuttavia ancora quelle del ritorno in Borsa di Club Med e/o dell'entrata nel capitale di eventuali fondi di private equity. Voci, queste ultime, che non sono state ancora smentite. Fatto sta che, secondo quanto riporta recentemente Bloomberg citando fonti vicine a Fosun, le discussioni in merito alla questione cessioni sarebbero ancora in una fase estremamente prematura: nessuna decisione sarebbe quindi ancora stata presa, né sarebbe neppure stata assoldata ancora alcuna società di consulenza per la gestione delle eventuali transazioni.   [post_title] => Club Med smentisce le voci: non siamo in vendita (probabilmente) [post_date] => 2022-11-16T10:08:17+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1668593297000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 432955 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Norwegian ha registrato nel terzo trimestre un aumento dell'utile netto, ma è già prevista una riduzione di un quarto della capacità durante i mesi invernali. Nel periodo luglio-settembre, il profitto è salito a 910 milioni di corone (87,57 milioni di dollari) rispetto all'utile di 169 milioni dello stesso periodo dell'anno precedente. "Per i prossimi mesi invernali, Norwegian utilizzerà i contratti di leasing flessibili riducendo la capacità di circa il 25%", ha dichiarato il ceo Geir Karlsen in una nota, sottolineando che "l'attuale incertezza macroeconomica e geopolitica" potrebbe influire sulla domanda. Norwegian, che ha rischiato il collasso quando è scoppiata la pandemia nel 2020, ha registrato un fatturato trimestrale di 7,1 miliardi di corone, il più alto di qualsiasi trimestre dagli ultimi tre mesi del 2019. I passeggeri trasportati sono stati 6,1 milioni, rispetto ai 2,5 milioni del terzo trimestre del 2021 e ai 5 milioni del trimestre precedente; il load factor è salito all'88,8%, rispetto al 73,1% dello stesso periodo dello scorso anno e all'81,2% del trimestre precedente. La compagnia, focalizzata sul traffico all'interno dei mercati nordici, ha evidenziato il trend positivo del segmento business travel "sulle rotte nazionali più popolari in Norvegia". Per l'estate 2023, Norwegian prevede un aumento della flotta a 85 aeromobili.   [post_title] => Norwegian: utile in crescita nel terzo trimestre, ma la capacità scenderà del 25% nei mesi invernali [post_date] => 2022-10-26T09:14:02+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1666775642000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 432288 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Come cambiano i “turismi” e quali sono le sfide per le imprese ricettive per affrontare uno scenario che vede 4 aziende su 10 prevedere perdite in bilancio per il 2022, a causa principalmente del drammatico aumento dei costi di gestione. Nuova domanda turistica e nuove professionalità necessarie agli operatori sono stati i temi al centro del convegno Isnart – Unioncamere organizzato al TTG di Rimini con la partecipazione di Roberto Di Vincenzo, Presidente di Isnart, Marco Damiano, Area Formazione e Politiche attive del lavoro di Unioncamere e Annalisa Bonifacio, Head of Talent Acquisition & Sales di Randstad Hr Solutions. Secondo i dati dell’Osservatorio sull’Economia del Turismo delle Camere di commercio, elaborati da Isnart-Unioncamere, nell’estate 2022, le imprese ricettive italiane hanno venduto in media il 51,5% delle camere disponibili nel mese di giugno, il 72,6% a luglio e il 78,8% ad agosto, andamento sostenuto anche rispetto al 2019. Il 64,2% dei turisti era italiano e il 35,8% internazionale (componente in decisa ripresa rispetto all’estate 2021). Il turismo è quindi in netta in ripresa ed è da rilevare che le decisioni di viaggio dei cittadini europei non sembrano tanto condizionate dalla guerra in Ucraina, quanto invece da inflazione e aumento dei costi. Dall’indagine emerge infatti un bilancio in chiaroscuro: vendite superiori agli anni passati (2019 compreso), ma crescita dei costi che mette in difficoltà 1 impresa su 2, e per l’Autunno 1 impresa su 3 prevede di aumentare i prezzi. Il Covid-19 è stato un formidabile acceleratore di tendenze già in atto prima della pandemia. Le indagini di Isnart mostrano cambiamenti motivazionali profondi, soprattutto per la ricerca di nuove conoscenze ed esperienze inedite, meglio se in un contesto naturale e con maggiore attenzione verso la sostenibilità ambientale e sociale. Tra le nuove tendenze della domanda: la riservatezza, ricerca di uno spazio riservato per sé stessi o da condividere con poche persone selezionate; il benessere, attenzione verso l’aspetto emotivo e affettivo della vacanza; la libertà, esperienze fuori dagli schemi della «normalità», osare verso nuove dimensioni del turismo; la dimensione “on life”, esperienze immersive e a fisicità aumentata. Le prime 10 motivazioni di visita dei turisti in Italia per la stagione estiva 2022 sono state: posto ideale per riposarsi (18,8%); il risparmio tramite ospitalità da parenti e amici (17%); la natura (16,8%); il desiderio di vedere un posto mai visto (16,1%); la ricchezza del patrimonio artistico/monumentale (15%); balneare: svago e relax (14,8%); il rapporto qualità-prezzo (14,1%); la facilità di raggiungimento (12,6%); la vicinanza della meta (11,8%); la conoscenza della struttura ricettiva (11,7%). La ripresa della domanda nell’Estate 2022 si è scontrata con uno shortage occupazionale: il 60,7 % delle strutture alberghiere e il 14,1% di quelle extra alberghiere hanno incontrato grandi difficoltà a reperire personale stagionale. Il turismo rappresentava un quarto di tutti i nuovi posti di lavoro prima di Covid-19. Nel periodo più acuto della pandemia, i lavoratori del travel si sono spostati in altri settori dell’economia (3 milioni di posti di lavoro in meno in Europa). Il calo dell'occupazione ha colpito soprattutto i giovani e le donne. Il mismatch (difficoltà di reperimento) tra domanda ed offerta di lavoro è ormai un fenomeno strutturale. Il Sistema Informativo Excelsior di Unioncamere e Anpal stima per il 2022 circa 2 milioni di “assunzioni difficili”, di cui 400mila per figure professionali nel settore del turismo, principalmente a causa della mancanza di candidati (shortage gap) nel 25% dei casi (+9% sul 2019), mentre nel 10% dei casi emerge un disallineamento rispetto alle competenze richieste (skill gap). A questo si aggiunge, secondo Randstad, la necessità di sostenere la riconversione e l’aggiornamento delle competenze per far crescere la massa critica delle opportunità per risorse umane qualificate e per rispondere al fabbisogno delle aziende anche anticipando la domanda di nuovi profili. Tra le nuove figure professionali più richieste: energy manager, social media manager, data analyst, digital marketing manager ed esperti di digital management per prodotti e destinazioni turistiche. La sfida oggi è dunque soprattutto quella delle competenze. Come rileva l’Osservatorio sull’Economia del Turismo delle Camere di commercio, oggi per il 51,9 % delle persone Internet rappresenta il principale strumento che influenza la scelta di soggiorno, sopravanzando la conoscenza dei luoghi già visitati (37%) e il passaparola (33%). Sulla rete si costruisce e si condivide il legame soggettivo ed emotivo con i luoghi, si progettano e co-progettano le esperienze, si confrontano offerte e soluzioni. Serve quindi una nuova formazione che tenga il passo con la crescita del settore, laddove oggi le risorse sono concentrate sugli investimenti in infrastrutture e i programmi di formazione sono obsoleti. La competizione tra imprese e tra destinazioni turistiche si giocherà sempre più sulle skill digitali e sulla capacità di applicare e gestire una data governance anche in termini predittivi.   [post_title] => Isnart, la crescita dei costi mette in difficoltà un'impresa su due [post_date] => 2022-10-14T15:11:29+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1665760289000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 432067 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => VisitDenmark, Visit Iceland, Visit Norway  e Visit Finland, sono al TTG Travel Experience,per presentare le nuove attrazioni, gli eventi e le tendenze per il mercato italiano nel 2023. Qualche dato sui flussi turistici in ciascun Paese.  Per quanto riguarda la Danimarca la capacità di collegamenti aerei per numero di posti dall’Italia ha raggiunto i valori del 2019. Copenaghen traina ancora le tendenze del 2022 ma si registra un aumento dell’interesse verso le zone costiere e le esperienze all’aria aperta. Agosto del 2022 rispetto al 2019 (anno di riferimento pre-pandemia) ha registrato un +3.6%. Ora si attesta a -14% rispetto allo stesso periodo del 2019 (gennaio-agosto).   In Finlandia invece il totale dei pernottamenti italiani nel periodo gennaio-luglio 2022 è di 79.700 unità, si registra quindi appena un - 8% rispetto allo stesso periodo del 2019.  L'Islanda sta riscuotendo un crescente interesse come destinazione di viaggio tra gli italiani. Gli arrivi di visitatori dall'Italia all'Islanda erano in costante aumento già prima della pandemia di COVID-19 e continuano a crescere. La ragione principale è il grande aumento dei collegamenti aerei tra i due paesi: quasi il 99% dei visitatori in Islanda arriva dall'aeroporto internazionale di Keflavik. Lo scorso agosto sono partiti dall'Islanda 18.700 passeggeri italiani: si tratta di un numero di visitatori italiani molto maggiore rispetto allo stesso periodo degli anni precedenti la pandemia. Tra giugno e agosto di quest'anno 33.000 italiani sono partiti dall'Islanda, ma erano solo 22.000 circa durante i mesi estivi negli anni 2018 e 2019. Il turismo in Norvegia, pur in uno scenario ancora parzialmente segnato dal perdurare della crisi post pandemia e dall’instabilità politica internazionale, sta dimostrando di avere un forte appeal fra i viaggiatori internazionali compresi quelli provenienti dall’Italia. Si registra un andamento decisamente positivo per il mese di agosto con un aumento del 169%, rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso ma soprattutto con una crescita dell’1% rispetto al mese di agosto del 2019 che aveva rappresentato un anno record per il turismo dall’Italia. Le statistiche dei pernottamenti dei turisti italiani in Norvegia nel periodo invernale ottobre 2021 - marzo 2022, sono state quasi alla pari con le statistiche del periodo pre-covid 2019/2020.  “Negli ultimi mesi, dopo il calo di vendite legato alla pandemia e alle restrizioni governative, abbiamo con piacere rivisto in crescita esponenziale il numero dei viaggiatori italiani che hanno preferito per il loro primo viaggio post pandemia il Nord Europa - dichiara Manila Salvatelli di Easyweeks - .In testa alle vendite dei primi mesi del 2022 l'Islanda, seguita dalla Norvegia, Finlandia, Danimarca e Svezia. Tutte le destinazioni citate, sono state preferite per motivi differenti e soggettivi, ma con una costante oggettiva racchiudibile nelle seguenti parole chiave riferite dai ns clienti: ecoturismo e sostenibilità ambientale, natura incontaminata, qualità delle escursioni natura-cultura-gastronomia proposte, unicità delle strutture ecosostenibili selezionate per il loro soggiorno, garanzia dei servizi offerti, organizzazione e puntualità dei mezzi di trasporto utilizzati durante il viaggio (eccetto i ritardi e scioperi aerei sui cieli del nord durante la passata estate che hanno aumentato l'ansia e generato a tutti i TO enormi problemi).  I nostri viaggiatori adeguatamente preparati ed informati, hanno soddisfatto le aspettative pre-partenza. Non è stato sempre facile, ma al 99% per il nostro staff esperto nelle destinazioni, professionalmente gratificante.” [post_title] => Paesi Nordici, flussi turistici e novità al TTG [post_date] => 2022-10-13T09:00:58+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1665651658000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431721 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Fairfield farà il proprio debutto il prossimo anno in Europa e Medio Oriente. Il secondo brand più grande del portfolio di 30 marchi del gruppo Marriott conta oggi 1.230 hotel in attività, a cui si aggiungeranno presto sei nuovi indirizzi nel Vecchio continente e in Arabia Saudita. Qui il design delle proprietà Fairfield è stato pensato in modo da riflettere le caratteristiche locali: quello europeo si ispira allo stile scandinavo, che offre un'estetica leggera e luminosa, mentre per le proprietà in Medio Oriente è prevista una disposizione personalizzata per la regione, che comprende sale di preghiera e segnali che indicano la direzione verso La Mecca. Il concetto di ristorazione del marchio si chiama The Social Market e include una colazione salutare e compresa nel soggiorno, mentre in alcuni hotel, gli ospiti potranno gustare una selezione di piatti freddi e caldi à la carte per la sera. I viaggiatori possono anche servirsi di ciò di cui hanno bisogno presso il comodo market aperto 24/7, che offre snack e bevande. Il marchio debutterà dunque in Europa nel terzo trimestre 2023 con il Fairfield by Marriott Copenhagen North Harbor da 234 camere, parte di uno sviluppo dual-branded che vedrà anche la presenza di un Residence Inn da 81 chiavi per i soggiorni lunghi. Nello stesso periodo aprirà i propri battenti anche il Fairfield by Marriott Amsterdam Schiphol Airport da 175 camere. A seguire, ci saranno anche i Fairfield by Marriott Zug da 123 chiavi (secondo trimestre 2024) e Bordeaux Train Station da 191 camere (quarto trimestre 2024). In Arabia Saudita le inaugurazioni riguarderanno invece i Fairfield by Marriott Makkah Al Naseem da 2.600 chiavi (primo trimestre 2025) e Makkah Ibrahim Al Khalil Road da 1.376 camere (quarto trimestre 2025) [post_title] => Parte da Copenaghen, Amsterdam, Zugo e Bordeaux l'avventura europea del brand Fairfield [post_date] => 2022-10-05T13:37:02+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664977022000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431210 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Anticipazioni esclusive sulla programmazione della prossima estate e la presentazione delle nuove mete nonché delle strutture selezionate per la stagione invernale che sta per arrivare. Ota Viaggi sarà presente al prossimo Ttg di Rimini, in programma dal 12 al 14 ottobre (pad C3 - stand 190-191). Per l'occasione è prevista anche una conferenza stampa dedicata alla nuova stagione e tenuta dal direttore commerciale Massimo Diana, dal titolo: "Estate 2023: la nuova sfida per Ota Viaggi. Un mare Italia da organizzare". [post_title] => Ota Viaggi sarà a Rimini con le novità per l'inverno e le anticipazioni sulla prossima estate [post_date] => 2022-09-28T09:28:45+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664357325000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 430712 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Tap Air Portugal propone tante destinazioni in Portogallo e oltre Atlantico a tariffe speciali, da prenotare entro il prossimo 2 ottobre, per partenze fino al 30 giugno 2023. Tra le proposte, il Portogallo da 89 euro, Madeira da 109 euro, Azzorre da 169 euro; 11 destinazioni in Brasile da 419 euro oltre che verso il Nord e Centro America, ad esempio New York da 269 euro. La compagnia consente anche lo Stopover gratis a Lisbona fino a 5 notti, nella tratta di andata oppure di ritorno verso le numerose destinazioni oltreoceano. L’iniziativa è valida anche per Madeira e le Azzorre e dà diritto a una serie di altri vantaggi come tariffe alberghiere esclusive, offerte speciali e sconti presso numerosi partner.  Tap opera 93 voli settimanali dall’Italia con partenze dirette per Lisbona da 6 aeroporti: Milano Malpensa, Roma Fiumicino, Venezia, Firenze, Bologna e Napoli. Grazie al codeshare con Ita Airways si può partire da altri 11 aeroporti (Brindisi, Bologna, Bari, Catania, Genova, Napoli, Palermo, Lamezia Terme, Torino, Trieste e Verona), mentre l’accordo con Trenitalia permette di avere nello stesso biglietto la combinazione treno ad alta velocità-aereo, iniziando o terminando il viaggio nelle stazioni centrali di numerose città.  [post_title] => Tap Air Portugal incentiva le prenotazioni per viaggiare fino al 30 giugno 2023 [post_date] => 2022-09-20T09:15:38+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1663665338000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 429979 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Premio di produzione più consistente per i dipendenti Gb Viaggi. Per far fronte al caro vita, il to capitolino, che negli ultimi anni ha portato avanti importanti investimenti per la formazione e la valorizzazione delle competenze interne, quest'anno ha deciso di ricompensare ulteriormente i propri collaboratori con una maggiorazione del premio aziendale che va dai 500 ai 1.500 euro, a seconda degli obiettivi raggiunti. “Il gruppo, nonostante gli anni difficili affrontati da tutto il comparto turistico, continua a crescere - commenta Giuseppe Naimo, direttore risorse umane Gb Viaggi -. Il cuore pulsante della nostra azienda e del nostro successo sono le persone. Senza di loro, i risultati non sarebbero stati raggiunti. Ed è per questo che vogliamo riconoscere, in modo concreto, il valore del loro contributo”. Impegno, costanza e duro lavoro hanno portato il tour operator a una crescita esponenziale, che quest’anno ha superato ogni aspettativa con un incremento del +169% sulle presenze nell’ultimo biennio e un +70% in più solo nell’ultimo anno, chiudendo la stagione 2022 con un fatturato di circa 21 milioni di euro. L’incremento del premio di produzione è stato il frutto di un confronto aperto e collaborativo con la Rsu aziendale, nel tentativo di accrescere la qualità della vita di tutti i lavoratori. [post_title] => Gb Viaggi continua a crescere e aumenta il premio di produzione per i dipendenti [post_date] => 2022-09-06T09:12:01+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1662455521000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 429162 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Ras Al Khaimah traccia un bilancio molto positivo per i primi sei mesi del 2022, con il più alto numero di arrivi nell’Emirato dall'inizio della pandemia. La destinazione ha raggiunto quota 521.085 visitatori internazionali e nazionali, con un incremento del 21% rispetto allo stesso periodo del 2021 che segna un ritorno ai numeri pre-pandemici di giugno 2019. Questo risultato positivo è stato reso possibile grazie all'apertura di nuovi hotel e resort, tra cui il Radisson Resort Ras Al Khaimah a Marjan Island, l’InterContinental Mina Al Arab, la prima struttura di InterContinental Hotels Group nell'Emirato e, più recentemente, il debutto del Mövenpick Resort Al Marjan Island su un tratto di 300 metri di spiaggia e sede del più grande parco acquatico galleggiante di Ras Al Khaimah. Ad oggi l'Emirato conta oltre 8.000 camere, a cui se ne aggiungeranno 4.617 nei prossimi anni. La Ras Al Khaimah Tourism Development Authority per incentivare ulteriormente gli arrivi 2022 ha recentemente annunciato una serie di partnership strategiche con le compagnie aeree e i principali tour operator per puntare ai mercati emergenti e in crescita. Inoltre, per incrementare la connettività, l'Autorità sta sviluppando il settore delle crociere dell'Emirato, con l'obiettivo di raggiungere 50 scali di navi da crociera a stagione e oltre 10.000 passeggeri nei prossimi anni. "Ras A Khaimah è una delle prime destinazioni della Regione a tornare ai livelli pre-Covid grazie all'impegno del nostro settore turistico durante la pandemia - ha dichiarato Raki Phillips, ceo di Ras Al Khaimah Tourism Development Authority -. Questo è ancora più rilevante se si considera l'attuale panorama economico e geopolitico in cui operiamo, che ci spinge a concentrarci su ciò che è importante per la resilienza a lungo termine: diversificazione, attenzione alla comunità e sostenibilità. Siamo sulla buona strada per toccare quota 1,11 milioni di arrivi entro la fine dell'anno e per tornare completamente ai livelli pre-pandemia in soli due anni". [post_title] => Ras Al Khaimah: il semestre centra i numeri pre-Covid. Riflettori puntati sulle crociere [post_date] => 2022-08-01T11:13:40+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1659352420000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "1691" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":6,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":46,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434205","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Da qualche giorno si riconcorrono le voci sul futuro di Club Med. La capogruppo Fosun, zavorrata da un debito che le è recentemente costato il declassamento al rating B2 con outlook negativo da parte di Moody’s, si starebbe infatti apprestando a cedere fino a 11 miliardi di dollari di asset non-core. Alcuni voci hanno perciò cominciato a circolare, suggerendo che in vendita ci sarebbe anche la compagnia francese, il cui valore di mercato si aggirerebbe oggi sugli 1,5 miliardi di dollari. E tra i possibili acquirenti, forse come mera suggestione, è spuntato anche il nome della Investindustrial di Andrea Bonomi, che nel 2015 contese il gruppo transalpino proprio a Fosun.\r\n\r\nPoche ore fa è però giunta quella che sembra essere una smentita categorica da parte di Club Med su qualsiasi voce di vendita. In una nota ufficiale la compagnia francese conferma in particolare le prospettive di vendita di asset non-core Fosun per 7-11 miliardi di dollari. Allo stesso tempo, però, il documento specifica che il gruppo cinese avrebbe intenzione di concentrarsi su quelli che considera i propri settori chiave, tra cui compare anche il turismo, oltre alla farmaceutica, alla vendita al dettaglio e alle assicurazioni. Fosun Tourism Group, la divisione della holding cinese dedicata all'industria dei viaggi a cui riferiscono i brand Club Med, Thomas Cook Travel e Atlantis Sanya, avrebbe tra l'altro fatto segnare risultati soddisfacenti per il primo semestre del 2022, almeno dal punto di vista dei margini operativi lordi, con l'ebitda che avrebbe raggiunto quota 169 milioni di dollari, rispetto al rosso da 72 milioni dello stesso periodo dell'anno scorso.\r\n\r\nTra le opzioni a disposizione del gruppo cinese rimarrebbero tuttavia ancora quelle del ritorno in Borsa di Club Med e/o dell'entrata nel capitale di eventuali fondi di private equity. Voci, queste ultime, che non sono state ancora smentite. Fatto sta che, secondo quanto riporta recentemente Bloomberg citando fonti vicine a Fosun, le discussioni in merito alla questione cessioni sarebbero ancora in una fase estremamente prematura: nessuna decisione sarebbe quindi ancora stata presa, né sarebbe neppure stata assoldata ancora alcuna società di consulenza per la gestione delle eventuali transazioni.\r\n\r\n ","post_title":"Club Med smentisce le voci: non siamo in vendita (probabilmente)","post_date":"2022-11-16T10:08:17+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1668593297000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"432955","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Norwegian ha registrato nel terzo trimestre un aumento dell'utile netto, ma è già prevista una riduzione di un quarto della capacità durante i mesi invernali. Nel periodo luglio-settembre, il profitto è salito a 910 milioni di corone (87,57 milioni di dollari) rispetto all'utile di 169 milioni dello stesso periodo dell'anno precedente.\r\n\r\n\"Per i prossimi mesi invernali, Norwegian utilizzerà i contratti di leasing flessibili riducendo la capacità di circa il 25%\", ha dichiarato il ceo Geir Karlsen in una nota, sottolineando che \"l'attuale incertezza macroeconomica e geopolitica\" potrebbe influire sulla domanda.\r\n\r\nNorwegian, che ha rischiato il collasso quando è scoppiata la pandemia nel 2020, ha registrato un fatturato trimestrale di 7,1 miliardi di corone, il più alto di qualsiasi trimestre dagli ultimi tre mesi del 2019. I passeggeri trasportati sono stati 6,1 milioni, rispetto ai 2,5 milioni del terzo trimestre del 2021 e ai 5 milioni del trimestre precedente; il load factor è salito all'88,8%, rispetto al 73,1% dello stesso periodo dello scorso anno e all'81,2% del trimestre precedente.\r\n\r\nLa compagnia, focalizzata sul traffico all'interno dei mercati nordici, ha evidenziato il trend positivo del segmento business travel \"sulle rotte nazionali più popolari in Norvegia\".\r\n\r\nPer l'estate 2023, Norwegian prevede un aumento della flotta a 85 aeromobili.\r\n\r\n ","post_title":"Norwegian: utile in crescita nel terzo trimestre, ma la capacità scenderà del 25% nei mesi invernali","post_date":"2022-10-26T09:14:02+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1666775642000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"432288","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Come cambiano i “turismi” e quali sono le sfide per le imprese ricettive per affrontare uno scenario che vede 4 aziende su 10 prevedere perdite in bilancio per il 2022, a causa principalmente del drammatico aumento dei costi di gestione.\r\n\r\nNuova domanda turistica e nuove professionalità necessarie agli operatori sono stati i temi al centro del convegno Isnart – Unioncamere organizzato al TTG di Rimini con la partecipazione di Roberto Di Vincenzo, Presidente di Isnart, Marco Damiano, Area Formazione e Politiche attive del lavoro di Unioncamere e Annalisa Bonifacio, Head of Talent Acquisition & Sales di Randstad Hr Solutions.\r\n\r\nSecondo i dati dell’Osservatorio sull’Economia del Turismo delle Camere di commercio, elaborati da Isnart-Unioncamere, nell’estate 2022, le imprese ricettive italiane hanno venduto in media il 51,5% delle camere disponibili nel mese di giugno, il 72,6% a luglio e il 78,8% ad agosto, andamento sostenuto anche rispetto al 2019. Il 64,2% dei turisti era italiano e il 35,8% internazionale (componente in decisa ripresa rispetto all’estate 2021).\r\n\r\nIl turismo è quindi in netta in ripresa ed è da rilevare che le decisioni di viaggio dei cittadini europei non sembrano tanto condizionate dalla guerra in Ucraina, quanto invece da inflazione e aumento dei costi. Dall’indagine emerge infatti un bilancio in chiaroscuro: vendite superiori agli anni passati (2019 compreso), ma crescita dei costi che mette in difficoltà 1 impresa su 2, e per l’Autunno 1 impresa su 3 prevede di aumentare i prezzi.\r\n\r\nIl Covid-19 è stato un formidabile acceleratore di tendenze già in atto prima della pandemia. Le indagini di Isnart mostrano cambiamenti motivazionali profondi, soprattutto per la ricerca di nuove conoscenze ed esperienze inedite, meglio se in un contesto naturale e con maggiore attenzione verso la sostenibilità ambientale e sociale.\r\n\r\nTra le nuove tendenze della domanda: la riservatezza, ricerca di uno spazio riservato per sé stessi o da condividere con poche persone selezionate; il benessere, attenzione verso l’aspetto emotivo e affettivo della vacanza; la libertà, esperienze fuori dagli schemi della «normalità», osare verso nuove dimensioni del turismo; la dimensione “on life”, esperienze immersive e a fisicità aumentata.\r\n\r\nLe prime 10 motivazioni di visita dei turisti in Italia per la stagione estiva 2022 sono state: posto ideale per riposarsi (18,8%); il risparmio tramite ospitalità da parenti e amici (17%); la natura (16,8%); il desiderio di vedere un posto mai visto (16,1%); la ricchezza del patrimonio artistico/monumentale (15%); balneare: svago e relax (14,8%); il rapporto qualità-prezzo (14,1%); la facilità di raggiungimento (12,6%); la vicinanza della meta (11,8%); la conoscenza della struttura ricettiva (11,7%).\r\n\r\nLa ripresa della domanda nell’Estate 2022 si è scontrata con uno shortage occupazionale: il 60,7 % delle strutture alberghiere e il 14,1% di quelle extra alberghiere hanno incontrato grandi difficoltà a reperire personale stagionale. Il turismo rappresentava un quarto di tutti i nuovi posti di lavoro prima di Covid-19. Nel periodo più acuto della pandemia, i lavoratori del travel si sono spostati in altri settori dell’economia (3 milioni di posti di lavoro in meno in Europa). Il calo dell'occupazione ha colpito soprattutto i giovani e le donne. Il mismatch (difficoltà di reperimento) tra domanda ed offerta di lavoro è ormai un fenomeno strutturale. Il Sistema Informativo Excelsior di Unioncamere e Anpal stima per il 2022 circa 2 milioni di “assunzioni difficili”, di cui 400mila per figure professionali nel settore del turismo, principalmente a causa della mancanza di candidati (shortage gap) nel 25% dei casi (+9% sul 2019), mentre nel 10% dei casi emerge un disallineamento rispetto alle competenze richieste (skill gap).\r\n\r\nA questo si aggiunge, secondo Randstad, la necessità di sostenere la riconversione e l’aggiornamento delle competenze per far crescere la massa critica delle opportunità per risorse umane qualificate e per rispondere al fabbisogno delle aziende anche anticipando la domanda di nuovi profili.\r\n\r\nTra le nuove figure professionali più richieste: energy manager, social media manager, data analyst, digital marketing manager ed esperti di digital management per prodotti e destinazioni turistiche.\r\n\r\nLa sfida oggi è dunque soprattutto quella delle competenze. Come rileva l’Osservatorio sull’Economia del Turismo delle Camere di commercio, oggi per il 51,9 % delle persone Internet rappresenta il principale strumento che influenza la scelta di soggiorno, sopravanzando la conoscenza dei luoghi già visitati (37%) e il passaparola (33%). Sulla rete si costruisce e si condivide il legame soggettivo ed emotivo con i luoghi, si progettano e co-progettano le esperienze, si confrontano offerte e soluzioni. Serve quindi una nuova formazione che tenga il passo con la crescita del settore, laddove oggi le risorse sono concentrate sugli investimenti in infrastrutture e i programmi di formazione sono obsoleti.\r\n\r\nLa competizione tra imprese e tra destinazioni turistiche si giocherà sempre più sulle skill digitali e sulla capacità di applicare e gestire una data governance anche in termini predittivi.\r\n\r\n ","post_title":"Isnart, la crescita dei costi mette in difficoltà un'impresa su due","post_date":"2022-10-14T15:11:29+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1665760289000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"432067","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"VisitDenmark, Visit Iceland, Visit Norway  e Visit Finland, sono al TTG Travel Experience,per presentare le nuove attrazioni, gli eventi e le tendenze per il mercato italiano nel 2023.\r\n\r\nQualche dato sui flussi turistici in ciascun Paese. \r\n\r\nPer quanto riguarda la Danimarca la capacità di collegamenti aerei per numero di posti dall’Italia ha raggiunto i valori del 2019. Copenaghen traina ancora le tendenze del 2022 ma si registra un aumento dell’interesse verso le zone costiere e le esperienze all’aria aperta. Agosto del 2022 rispetto al 2019 (anno di riferimento pre-pandemia) ha registrato un +3.6%. Ora si attesta a -14% rispetto allo stesso periodo del 2019 (gennaio-agosto).\r\n\r\n \r\n\r\nIn Finlandia invece il totale dei pernottamenti italiani nel periodo gennaio-luglio 2022 è di 79.700 unità, si registra quindi appena un - 8% rispetto allo stesso periodo del 2019. \r\n\r\nL'Islanda sta riscuotendo un crescente interesse come destinazione di viaggio tra gli italiani. Gli arrivi di visitatori dall'Italia all'Islanda erano in costante aumento già prima della pandemia di COVID-19 e continuano a crescere. La ragione principale è il grande aumento dei collegamenti aerei tra i due paesi: quasi il 99% dei visitatori in Islanda arriva dall'aeroporto internazionale di Keflavik. Lo scorso agosto sono partiti dall'Islanda 18.700 passeggeri italiani: si tratta di un numero di visitatori italiani molto maggiore rispetto allo stesso periodo degli anni precedenti la pandemia. Tra giugno e agosto di quest'anno 33.000 italiani sono partiti dall'Islanda, ma erano solo 22.000 circa durante i mesi estivi negli anni 2018 e 2019.\r\n\r\nIl turismo in Norvegia, pur in uno scenario ancora parzialmente segnato dal perdurare della crisi post pandemia e dall’instabilità politica internazionale, sta dimostrando di avere un forte appeal fra i viaggiatori internazionali compresi quelli provenienti dall’Italia. Si registra un andamento decisamente positivo per il mese di agosto con un aumento del 169%, rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso ma soprattutto con una crescita dell’1% rispetto al mese di agosto del 2019 che aveva rappresentato un anno record per il turismo dall’Italia. Le statistiche dei pernottamenti dei turisti italiani in Norvegia nel periodo invernale ottobre 2021 - marzo 2022, sono state quasi alla pari con le statistiche del periodo pre-covid 2019/2020.\r\n\r\n “Negli ultimi mesi, dopo il calo di vendite legato alla pandemia e alle restrizioni governative, abbiamo con piacere rivisto in crescita esponenziale il numero dei viaggiatori italiani che hanno preferito per il loro primo viaggio post pandemia il Nord Europa - dichiara Manila Salvatelli di Easyweeks - .In testa alle vendite dei primi mesi del 2022 l'Islanda, seguita dalla Norvegia, Finlandia, Danimarca e Svezia. Tutte le destinazioni citate, sono state preferite per motivi differenti e soggettivi, ma con una costante oggettiva racchiudibile nelle seguenti parole chiave riferite dai ns clienti: ecoturismo e sostenibilità ambientale, natura incontaminata, qualità delle escursioni natura-cultura-gastronomia proposte, unicità delle strutture ecosostenibili selezionate per il loro soggiorno, garanzia dei servizi offerti, organizzazione e puntualità dei mezzi di trasporto utilizzati durante il viaggio (eccetto i ritardi e scioperi aerei sui cieli del nord durante la passata estate che hanno aumentato l'ansia e generato a tutti i TO enormi problemi).  I nostri viaggiatori adeguatamente preparati ed informati, hanno soddisfatto le aspettative pre-partenza. Non è stato sempre facile, ma al 99% per il nostro staff esperto nelle destinazioni, professionalmente gratificante.”","post_title":"Paesi Nordici, flussi turistici e novità al TTG","post_date":"2022-10-13T09:00:58+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1665651658000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431721","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Fairfield farà il proprio debutto il prossimo anno in Europa e Medio Oriente. Il secondo brand più grande del portfolio di 30 marchi del gruppo Marriott conta oggi 1.230 hotel in attività, a cui si aggiungeranno presto sei nuovi indirizzi nel Vecchio continente e in Arabia Saudita. Qui il design delle proprietà Fairfield è stato pensato in modo da riflettere le caratteristiche locali: quello europeo si ispira allo stile scandinavo, che offre un'estetica leggera e luminosa, mentre per le proprietà in Medio Oriente è prevista una disposizione personalizzata per la regione, che comprende sale di preghiera e segnali che indicano la direzione verso La Mecca.\r\n\r\nIl concetto di ristorazione del marchio si chiama The Social Market e include una colazione salutare e compresa nel soggiorno, mentre in alcuni hotel, gli ospiti potranno gustare una selezione di piatti freddi e caldi à la carte per la sera. I viaggiatori possono anche servirsi di ciò di cui hanno bisogno presso il comodo market aperto 24/7, che offre snack e bevande.\r\n\r\nIl marchio debutterà dunque in Europa nel terzo trimestre 2023 con il Fairfield by Marriott Copenhagen North Harbor da 234 camere, parte di uno sviluppo dual-branded che vedrà anche la presenza di un Residence Inn da 81 chiavi per i soggiorni lunghi. Nello stesso periodo aprirà i propri battenti anche il Fairfield by Marriott Amsterdam Schiphol Airport da 175 camere. A seguire, ci saranno anche i Fairfield by Marriott Zug da 123 chiavi (secondo trimestre 2024) e Bordeaux Train Station da 191 camere (quarto trimestre 2024). In Arabia Saudita le inaugurazioni riguarderanno invece i Fairfield by Marriott Makkah Al Naseem da 2.600 chiavi (primo trimestre 2025) e Makkah Ibrahim Al Khalil Road da 1.376 camere (quarto trimestre 2025)","post_title":"Parte da Copenaghen, Amsterdam, Zugo e Bordeaux l'avventura europea del brand Fairfield","post_date":"2022-10-05T13:37:02+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1664977022000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431210","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Anticipazioni esclusive sulla programmazione della prossima estate e la presentazione delle nuove mete nonché delle strutture selezionate per la stagione invernale che sta per arrivare. Ota Viaggi sarà presente al prossimo Ttg di Rimini, in programma dal 12 al 14 ottobre (pad C3 - stand 190-191).\r\n\r\nPer l'occasione è prevista anche una conferenza stampa dedicata alla nuova stagione e tenuta dal direttore commerciale Massimo Diana, dal titolo: \"Estate 2023: la nuova sfida per Ota Viaggi. Un mare Italia da organizzare\".","post_title":"Ota Viaggi sarà a Rimini con le novità per l'inverno e le anticipazioni sulla prossima estate","post_date":"2022-09-28T09:28:45+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1664357325000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"430712","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Tap Air Portugal propone tante destinazioni in Portogallo e oltre Atlantico a tariffe speciali, da prenotare entro il prossimo 2 ottobre, per partenze fino al 30 giugno 2023. Tra le proposte, il Portogallo da 89 euro, Madeira da 109 euro, Azzorre da 169 euro; 11 destinazioni in Brasile da 419 euro oltre che verso il Nord e Centro America, ad esempio New York da 269 euro.\r\n\r\nLa compagnia consente anche lo Stopover gratis a Lisbona fino a 5 notti, nella tratta di andata oppure di ritorno verso le numerose destinazioni oltreoceano. L’iniziativa è valida anche per Madeira e le Azzorre e dà diritto a una serie di altri vantaggi come tariffe alberghiere esclusive, offerte speciali e sconti presso numerosi partner. \r\nTap opera 93 voli settimanali dall’Italia con partenze dirette per Lisbona da 6 aeroporti: Milano Malpensa, Roma Fiumicino, Venezia, Firenze, Bologna e Napoli. Grazie al codeshare con Ita Airways si può partire da altri 11 aeroporti (Brindisi, Bologna, Bari, Catania, Genova, Napoli, Palermo, Lamezia Terme, Torino, Trieste e Verona), mentre l’accordo con Trenitalia permette di avere nello stesso biglietto la combinazione treno ad alta velocità-aereo, iniziando o terminando il viaggio nelle stazioni centrali di numerose città. ","post_title":"Tap Air Portugal incentiva le prenotazioni per viaggiare fino al 30 giugno 2023","post_date":"2022-09-20T09:15:38+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1663665338000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"429979","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Premio di produzione più consistente per i dipendenti Gb Viaggi. Per far fronte al caro vita, il to capitolino, che negli ultimi anni ha portato avanti importanti investimenti per la formazione e la valorizzazione delle competenze interne, quest'anno ha deciso di ricompensare ulteriormente i propri collaboratori con una maggiorazione del premio aziendale che va dai 500 ai 1.500 euro, a seconda degli obiettivi raggiunti.\r\n\r\n“Il gruppo, nonostante gli anni difficili affrontati da tutto il comparto turistico, continua a crescere - commenta Giuseppe Naimo, direttore risorse umane Gb Viaggi -. Il cuore pulsante della nostra azienda e del nostro successo sono le persone. Senza di loro, i risultati non sarebbero stati raggiunti. Ed è per questo che vogliamo riconoscere, in modo concreto, il valore del loro contributo”.\r\n\r\nImpegno, costanza e duro lavoro hanno portato il tour operator a una crescita esponenziale, che quest’anno ha superato ogni aspettativa con un incremento del +169% sulle presenze nell’ultimo biennio e un +70% in più solo nell’ultimo anno, chiudendo la stagione 2022 con un fatturato di circa 21 milioni di euro.\r\n\r\nL’incremento del premio di produzione è stato il frutto di un confronto aperto e collaborativo con la Rsu aziendale, nel tentativo di accrescere la qualità della vita di tutti i lavoratori.","post_title":"Gb Viaggi continua a crescere e aumenta il premio di produzione per i dipendenti","post_date":"2022-09-06T09:12:01+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1662455521000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"429162","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Ras Al Khaimah traccia un bilancio molto positivo per i primi sei mesi del 2022, con il più alto numero di arrivi nell’Emirato dall'inizio della pandemia. La destinazione ha raggiunto quota 521.085 visitatori internazionali e nazionali, con un incremento del 21% rispetto allo stesso periodo del 2021 che segna un ritorno ai numeri pre-pandemici di giugno 2019.\r\n\r\nQuesto risultato positivo è stato reso possibile grazie all'apertura di nuovi hotel e resort, tra cui il Radisson Resort Ras Al Khaimah a Marjan Island, l’InterContinental Mina Al Arab, la prima struttura di InterContinental Hotels Group nell'Emirato e, più recentemente, il debutto del Mövenpick Resort Al Marjan Island su un tratto di 300 metri di spiaggia e sede del più grande parco acquatico galleggiante di Ras Al Khaimah. Ad oggi l'Emirato conta oltre 8.000 camere, a cui se ne aggiungeranno 4.617 nei prossimi anni.\r\n\r\nLa Ras Al Khaimah Tourism Development Authority per incentivare ulteriormente gli arrivi 2022 ha recentemente annunciato una serie di partnership strategiche con le compagnie aeree e i principali tour operator per puntare ai mercati emergenti e in crescita. Inoltre, per incrementare la connettività, l'Autorità sta sviluppando il settore delle crociere dell'Emirato, con l'obiettivo di raggiungere 50 scali di navi da crociera a stagione e oltre 10.000 passeggeri nei prossimi anni.\r\n\r\n\"Ras A Khaimah è una delle prime destinazioni della Regione a tornare ai livelli pre-Covid grazie all'impegno del nostro settore turistico durante la pandemia - ha dichiarato Raki Phillips, ceo di Ras Al Khaimah Tourism Development Authority -. Questo è ancora più rilevante se si considera l'attuale panorama economico e geopolitico in cui operiamo, che ci spinge a concentrarci su ciò che è importante per la resilienza a lungo termine: diversificazione, attenzione alla comunità e sostenibilità. Siamo sulla buona strada per toccare quota 1,11 milioni di arrivi entro la fine dell'anno e per tornare completamente ai livelli pre-pandemia in soli due anni\".","post_title":"Ras Al Khaimah: il semestre centra i numeri pre-Covid. Riflettori puntati sulle crociere","post_date":"2022-08-01T11:13:40+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1659352420000]}]}}

Lascia un commento