25 April 2024

1656

[ 0 ]
Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono:
Email:
Provincia:
Comune:

Settore:
Mansione:


Testo dell'annuncio

Il gruppo Bravo Net-HPVacanze ricerca agente monomandatario per le regioni Marche, Abruzzo e Umbria per il potenziamento della propria rete commerciale.
Si richiede comprovata esperienza professionale come agente commerciale nel settore turistico e residenza in una delle regioni interessate.
Inviare CV a: marketing@geotn.it


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465551 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Le compagnie aeree low cost si confermano la scelta prediletta dei viaggiatori italiani, con una quota di mercato che nel 2023 ha raggiunto il 65% e, in particolare, il 69,2% sulle rotte domestiche e il 62,5% su quelle internazionali. L'analisi è quella elaborata da Il Corriere della Sera in base ai dati di traffico dell'Enac, che evidenziano inoltre il predominio di Ryanair: lo scorso anno il vettore irlandese ha trasportato quasi 56 milioni di passeggeri, in altre parole più della metà degli italiani che hanno scelto di volare e un viaggiatore su tre (considerate tutte le nazionalità) tra quelli che sono transitati dagli aeroporti italiani. In pratica, la low cost ha imbarcato più passeggeri del totale di quelli trasportati dai successivi cinque vettori in classifica: easyJet, Ita Airways, Wizz Air, Vueling e Lufthansa. Tra le curiosità emerse anche la perdita del primato di rotta più traffico d'Italia della Roma Fiumicino-Catania, che nel 2023 si è fermata a 1,56 milioni di passeggeri (in entrambe le direzioni, rispetto al dato di 1,54 milioni dell’anno precedente), meno degli 1,75 milioni della Roma-Madrid (1,29 milioni nel 2022). Un sorpasso solo in parte dovuto all’incendio del Terminal 1 dello scalo siciliano che ha spostato diversi voli in altri impianti, soprattutto a Comiso.   Da segnalare infine la significativa crescita del traffico su Roma (che nel 2023 si è confermato l'aeroporto più utilizzato): complice anche l’espansione dell'attività di Ita Airways, il “Leonardo da Vinci” è tornato al primo posto sulle rotte intercontinentali: sul gradino più alto del podio troviamo la Fiumicino-New York Jfk, con quasi 1 milione di passeggeri trasportate in entrambe le direzioni (981.030), che supera così la Milano Malpensa-Jfk (833 mila viaggiatori) che nel 2022 si era ritrovata prima. Lo scalo lombardo si conferma però principale base italiana del trasporto merci.     [post_title] => I viaggiatori italiani preferiscono le low cost. E soprattutto Ryanair [post_date] => 2024-04-15T13:08:59+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713186539000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 464734 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L'Arabia Saudita ha centrato un nuovo e significativo traguardo nella propria corsa allo sviluppo turistico: nel 2023, secondi dati preliminari della Banca Centrale Saudita, i visitatori stranieri hanno stabilito un nuovo record di spesa, raggiungendo i 36 miliardi di dollari (135 miliardi di Sar). La cifra rappresenta la spesa più alta dei visitatori stranieri nella storia del Regno, con una crescita del 42,8% rispetto al 2022. Questa storica impennata della spesa è emblematica degli sforzi sostenuti dall'Arabia Saudita per rafforzare l'industria turistica: lo scorso anno il paese è emerso come leader sulla scena del turismo globale. Ha guidato la classifica del turismo delle Nazioni Unite per il tasso di crescita dei turisti internazionali rispetto al 2019, con un incremento del 56%. Secondo il Tourism Barometer dell'Unwto di gennaio 2024, sempre lo scorso anno, gli arrivi turistici del Regno nel 2023 sono aumentati del 156% rispetto al 2019. [post_title] => Arabia Saudita: la spesa dei turisti stranieri raggiunge per la prima volta i 36 mld di dollari [post_date] => 2024-04-02T15:18:48+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712071128000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 464693 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La Grecia consolida ulteriormente la progressiva e costante ripresa che ha caratterizzato gli anni post pandemia: nel 2023 gli arrivi internazionali e le entrate turistiche sono aumentati, rispettivamente, del 4% e del 12% rispetto al 2019. Se confrontato con il 2022 il traffico turistico in entrata in Grecia è aumentato del 17,6% e ha raggiunto circa i 32,7 milioni di viaggiatori, rispetto ai 27,8 milioni del 2022; le entrate dei viaggi lo scorso anno hanno registrato un aumento del 15,7% rispetto al 2022 e sono state pari a 20,460 miliardi di euro. Secondo l'Insete - l'unità di ricerca della Greek Tourism Confederation - avendo definitivamente superato le cifre del 2019, il 2023 è ora il nuovo anno di riferimento per l'andamento del turismo in Grecia. La recente analisi evidenza che nel 2023 gli arrivi aerei internazionali hanno raggiunto quota 24,1 milioni, con un aumento di 2,5 milioni (+11,8%) rispetto al 2022. Gli aeroporti di Atene e Salonicco hanno registrato una crescita significativa degli arrivi, rispettivamente del 27,4% e del 19,4% nel 2023 rispetto al 2022. Entrambi gli scali hanno registrato una crescita impressionante, soprattutto nel primo trimestre del 2023, rispetto al primo trimestre del 2022, quando erano ancora in vigore le restrizioni di viaggio dovute alla Covid-19. Gli arrivi internazionali su strada hanno raggiunto i 10,4 milioni, rispetto agli 8,0 milioni del periodo gennaio-dicembre 2022, registrando un aumento significativo di 2,4 milioni (+30,4%). Performance da record per crociere e traghetti, sulle rotte dell'Adriatico, che hanno superato tutti i numeri degli anni passati in termini di arrivi di passeggeri: il totale degli arrivi di navi da crociera nei 49 porti greci ha così raggiunto quota 5.230 e il numero di passeggeri ha toccato i 7 milioni, con un aumento di 450 arrivi di navi (+9%) e un incremento di 2,4 milioni di passeggeri (+51%) rispetto al 2022. Infine, in termini di entrate, che si sono attestate a circa 20,4 milioni di euro per una crescita del 15,7% rispetto al 2022, l'istituto di ricerca mostra che l'11,5% è da attribuirsi ai residenti nei Paesi dell'Unione europea: in particolare, le entrate dalla Germania sono aumentate del 9,5%, raggiungendo circa 3,56 milioni di euro, mentre quelle dalla Francia sono aumentate dell'11,6%, raggiungendo circa 1,42 milioni di euro. Dai Paesi al di fuori dell'Ue le entrate dal Regno Unito sono aumentate del 5,8% (3,3 milioni di euro) e quelle dagli Stati Uniti del 14% (1,36 milioni di euro).  [post_title] => Grecia avanti tutta rispetto al 2019: boom del traffico crocieristico [post_date] => 2024-04-02T11:40:05+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712058005000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 464059 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Tempo di utili per le principali compagnie aeree  europee, a chiusura di un 2023 nel segno della ripresa. I protagonisti del trasporto aereo del Vecchio Continente, a cominciare dal gruppo Lufthansa a quello di Air France-Klm, dal gruppo Ryanair a Iag, hanno tutti archiviato l'ultimo esercizio con risultati positivi.  Secondo un'analisi de Il Sole 24 Ore i quattro gruppi hanno registrato un fatturato di 106,16 miliardi di euro nel 2023, pari ad una crescita del +18,9% (16,87 miliardi), mentre gli utili netti aggregati sono cresciuti del +110% (7,45 miliardi). A centrare i migliori risultati è stato il gruppo Iag con ricavi per 29,45 miliardi (+27,6%), un utile operativo di 3,51 miliardi (+174%) e un utile netto più che quadruplicato a quota 2,655 miliardi. Anche Lufthansa ha fatto bene, ottenendo il terzo miglior risultato della storia (+15% di ricavi; +76% di utile operativo; +112% di utile netto). Si tratta di un trend significativo, se si considera che il volume del traffico internazionale è ancora al di sotto dei livelli pre-pandemici, segnando un -4,3% rispetto al 2019, mentre il traffico domestico è aumentato del +6,7% rispetto al gennaio di cinque anni fa. Intanto, nel gennaio 2024, la domanda di viaggio globale è aumentata del +16,6% rispetto allo stesso periodo del 2023, e quella europea del +10%. Una tendenza che conferma la buona performance registrata negli ultimi mesi dello scorso anno. Per questo motivo, l'associazione delle compagnie aeree europee Airlines for Europe (A4E) prevede che nell'estate del 2024 il traffico in Europa sarà del 96% rispetto ai livelli del 2019.   [post_title] => Le compagnie aeree europee ritrovano profitti e ricavi record nel 2023 [post_date] => 2024-03-22T10:11:52+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1711102312000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 463250 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il 2024 e il mese di gennaio in particolare confermano la parabola positiva della domanda di viaggio: l’ultimo report Iata mostra come la domanda misurata in passeggeri-chilometro, sia aumentata del 16,6% rispetto all'anno precedente, attestatandosi al 99,6% dei livelli di gennaio 2019. A dicembre, il livello di confronto con il 2019 era pari al 97,5%. La capacità totale di gennaio, misurata in chilometri di posti disponibili, è aumentata del 14,1% rispetto all'anno precedente ed è rimasta entro lo 0,5% dei livelli di gennaio 2019. Il traffico internazionale di gennaio è aumentato del 20,8% rispetto al gennaio 2023, con un aumento della capacità del 20,9%. La domanda aerea nazionale totale è aumentata del 10,4%, con una capacità in crescita del 4,6%. "Il 2024 è iniziato bene nonostante le incertezze economiche e geopolitiche - ha dichiarato il direttore generale della Iata, Willie Walsh -. Mentre i governi cercano di costruire la prosperità nelle loro economie nell'anno elettorale più affollato di sempre, è fondamentale che vedano l'aviazione come un catalizzatore della crescita". I vettori dell'Asia-Pacifico hanno ancora una volta guidato le altre regioni nella crescita della domanda internazionale, con un aumento del traffico del 45,4% rispetto a gennaio 2023. La capacità è aumentata del 48,1% nel periodo. Il forte tasso di crescita è dovuto principalmente alla Cina, che un anno prima aveva iniziato a rimuovere le restrizioni ai viaggi Covid-19: "a ripresa delle principali rotte internazionali da/per l'Asia-Pacifico è ancora in ritardo, ma rotte come Asia-Medio Oriente hanno superato i livelli pre-pandemia". Il traffico e la capacità internazionale dei vettori europei nel gennaio 2024 sono aumentati a due cifre rispetto all'anno precedente e il load factor è aumentato di 0,1 punti percentuali. [post_title] => Traffico aereo, prosegue la parabola ascendente della domanda che è al 99,6% dei livelli 2019 [post_date] => 2024-03-12T09:30:59+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1710235859000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462669 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => United prevede di ricevere da Boeing 102 nuovi aeromobili in meno nel 2024 rispetto a quanto stabilito dal contratto: un ritardo che costringe la compagnia aerea a ricalcolare il piano della flotta e le aspettative di rinnovo per i prossimi anni. In un documento depositato il 29 febbraio presso la Securities and Exchange Commission (Sec) degli Stati Uniti, il vettore ha dichiarato di contare sul fatto che il costruttore statunitense gli consegnerà 63 aerei nel 2024, anziché i 165 originariamente previsti. Secondo United, i ritardi nelle consegne rappresentano un rischio importante per la capacità di realizzare il piano di trasformazione della flotta "United Next" nonché per la gestione globale dello sviluppo. I ritardi arrivano mentre Boeing si occupa di numerosi problemi di qualità relativi al 737 Max, per i quali la Federal Aviation Administration ha messo in mora il produttore. United, da parte sua, ha dichiarato di essere alla ricerca di soluzioni per evitare conseguenze negative dai ritardi, ad esempio facendo maggiore affidamento su altri tipi di aeromobili e ritardando il ritiro di quelli più datati.   [post_title] => United Airlines prevede di ricevere da Boeing 102 aeromobili in meno nel 2024 [post_date] => 2024-03-04T10:14:47+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709547287000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 460173 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_435257" align="alignleft" width="300"] Luigi Corradi, ad Trenitalia e capogruppo di settore Polo Passeggeri[/caption] Buone notizie da Ferrovie dello Stato. Il numero dei viaggiatori del Polo Passeggeri del Gruppo FS nel 2023 è cresciuto del 18% rispetto all’anno precedente. Una crescita a doppia cifra, rimarcata da Luigi Corradi, amministratore delegato di Trenitalia che ai microfoni della trasmissione "Sportello Italia" di Rai Radio 1 ha sottolineato il trend positivo delle persone che in Italia scelgono il treno o i bus di FS per viaggiare. «I passeggeri del 2023 sono stati 648 milioni – ha rimarcato Corradi – di questi circa 470 milioni hanno viaggiato sui treni di Trenitalia, mentre sui mezzi di Busitalia hanno viaggiato oltre 165 milioni di passeggeri e sui treni e i bus di Ferrovie del Sud Est si sono mosse più di 12 milioni di persone». Numeri che evidenziano un andamento positivo, molto vicino a quello degli pre-Covid. In particolare, a trainare questa crescita, come evidenziato dallo stesso Corradi, c’è il settore del turismo. Viaggi di piacere «Sempre più persone scelgono il treno per i propri viaggi di piacere, perché è una scelta comoda e sostenibile. Abbiamo avuto i principali picchi nel periodo estivo e in quello delle festività natalizie», ha detto Corradi. Durante la scorsa estate, infatti, sono stati oltre 100 milioni i passeggeri a bordo dei treni di Trenitalia, mentre solo durante le festività natalizie sono state 18 milioni le persone che hanno viaggiato con i treni di FS, una crescita del 7% rispetto al 2022. [post_title] => Corradi (FS): «Nel 2023 i passeggeri sono stati 648 milioni» [post_date] => 2024-01-26T10:43:59+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1706265839000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 460104 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Wizz Air sconta le conseguenze del conflitto in Medio Oriente nei risultati del trimestre ottobre-dicembre 2023, nonché delle difficoltà legate al grounding di alcuni aeromobili. La low cost ha infatti registrato un aumento del 16% delle perdite operative, che salgono a 180,4 milioni di euro rispetto ai 155,5 milioni dello stesso periodo dell'anno scorso. I ricavi si sono attestati a 1,06 miliardi di euro mentre il traffico passeggeri ha riportato la cifra record di 15,1 milioni, rispetto ai 12,4 milioni dell'analogo trimestre dello scorso esercizio. La compagnia aerea ha dichiarato che riprenderà alcuni voli per Tel Aviv a partire da marzo, dopo aver sospeso le operazioni verso Israele in seguito all'inizio della guerra in ottobre. Il vettore ha dichiarato che la sua performance finanziaria nel terzo trimestre è stata "materialmente influenzata dalla sospensione e dalla riallocazione della capacità destinata a Israele". «Nel terzo trimestre abbiamo continuato a registrare una crescita della capacità leader del settore, in vista del previsto fermo degli aeromobili nel quarto trimestre, quando i motori Gtf saranno rimossi per le ispezioni obbligatorie - ha dichiarato Jozsef Váradi, chief executive officer di Wizz Air - (...) L'inizio del quarto trimestre è stato positivo. Rimaniamo impegnati in un'efficace gestione dei costi, nell'utilizzo degli asset e nella produttività, tutti elementi fondamentali per il futuro e siamo fiduciosi nella nostra capacità di gestire questi elementi». Confermata la guidance dell’utile netto per l'intero esercizio 202, compresa tra i 350 e i 400 milioni di euro. [post_title] => Wizz Air sconta l'impatto del conflitto mediorientale e aumenta le perdite del trimestre [post_date] => 2024-01-25T12:49:15+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1706186955000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 459975 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L'Italia è l'ottavo paese europeo in cui si sviluppa il brand tedesco del cosiddetto lusso essenziale, Ruby Hotels. La prima apertura sarà a Firenze ed è prevista per l'inizio del terzo trimestre del 2024. In un palazzo storico nel cuore del capoluogo toscano si sta realizzando, insieme al gruppo Gb Holding, un albergo con 118 camere e un Ruby Workspace con una superficie totale di circa 300 mq. L'edificio ottocentesco avrà anche un bar e una caffetteria, una terrazza nel cortile interno e uno spazio di lavoro dedicato. La proprietà si trova in piazza della Libertà, nella parte settentrionale del centro storico della città. Il nuovo Ruby Hotel di Roma aprirà invece nel 2025 e sarà il secondo albergo del gruppo in Italia. Sarà situato in un edificio di ex uffici della polizia con una facciata storica nel centro di Roma, vicino alla Scalinata di Trinità dei Monti. Avrà circa 165 camere, un bar e una caffetteria aperti 24 ore su 24 e una terrazza sul tetto con vista sul centro di Roma. Ruby realizzerà l'hotel insieme a Ece Work & Live come sviluppatore del progetto e investitore. [post_title] => Il brand Ruby Hotels approda in Italia: debutto a Firenze, poi Roma [post_date] => 2024-01-23T15:21:56+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1706023316000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "1656" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":4,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":76,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465551","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Le compagnie aeree low cost si confermano la scelta prediletta dei viaggiatori italiani, con una quota di mercato che nel 2023 ha raggiunto il 65% e, in particolare, il 69,2% sulle rotte domestiche e il 62,5% su quelle internazionali.\r\nL'analisi è quella elaborata da Il Corriere della Sera in base ai dati di traffico dell'Enac, che evidenziano inoltre il predominio di Ryanair: lo scorso anno il vettore irlandese ha trasportato quasi 56 milioni di passeggeri, in altre parole più della metà degli italiani che hanno scelto di volare e un viaggiatore su tre (considerate tutte le nazionalità) tra quelli che sono transitati dagli aeroporti italiani.\r\nIn pratica, la low cost ha imbarcato più passeggeri del totale di quelli trasportati dai successivi cinque vettori in classifica: easyJet, Ita Airways, Wizz Air, Vueling e Lufthansa.\r\n\r\nTra le curiosità emerse anche la perdita del primato di rotta più traffico d'Italia della Roma Fiumicino-Catania, che nel 2023 si è fermata a 1,56 milioni di passeggeri (in entrambe le direzioni, rispetto al dato di 1,54 milioni dell’anno precedente), meno degli 1,75 milioni della Roma-Madrid (1,29 milioni nel 2022). Un sorpasso solo in parte dovuto all’incendio del Terminal 1 dello scalo siciliano che ha spostato diversi voli in altri impianti, soprattutto a Comiso.\r\n \r\nDa segnalare infine la significativa crescita del traffico su Roma (che nel 2023 si è confermato l'aeroporto più utilizzato): complice anche l’espansione dell'attività di Ita Airways, il “Leonardo da Vinci” è tornato al primo posto sulle rotte intercontinentali: sul gradino più alto del podio troviamo la Fiumicino-New York Jfk, con quasi 1 milione di passeggeri trasportate in entrambe le direzioni (981.030), che supera così la Milano Malpensa-Jfk (833 mila viaggiatori) che nel 2022 si era ritrovata prima. Lo scalo lombardo si conferma però principale base italiana del trasporto merci.\r\n \r\n\r\n ","post_title":"I viaggiatori italiani preferiscono le low cost. E soprattutto Ryanair","post_date":"2024-04-15T13:08:59+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1713186539000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"464734","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L'Arabia Saudita ha centrato un nuovo e significativo traguardo nella propria corsa allo sviluppo turistico: nel 2023, secondi dati preliminari della Banca Centrale Saudita, i visitatori stranieri hanno stabilito un nuovo record di spesa, raggiungendo i 36 miliardi di dollari (135 miliardi di Sar). La cifra rappresenta la spesa più alta dei visitatori stranieri nella storia del Regno, con una crescita del 42,8% rispetto al 2022.\r\n\r\nQuesta storica impennata della spesa è emblematica degli sforzi sostenuti dall'Arabia Saudita per rafforzare l'industria turistica: lo scorso anno il paese è emerso come leader sulla scena del turismo globale. Ha guidato la classifica del turismo delle Nazioni Unite per il tasso di crescita dei turisti internazionali rispetto al 2019, con un incremento del 56%.\r\n\r\nSecondo il Tourism Barometer dell'Unwto di gennaio 2024, sempre lo scorso anno, gli arrivi turistici del Regno nel 2023 sono aumentati del 156% rispetto al 2019.","post_title":"Arabia Saudita: la spesa dei turisti stranieri raggiunge per la prima volta i 36 mld di dollari","post_date":"2024-04-02T15:18:48+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1712071128000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"464693","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"La Grecia consolida ulteriormente la progressiva e costante ripresa che ha caratterizzato gli anni post pandemia: nel 2023 gli arrivi internazionali e le entrate turistiche sono aumentati, rispettivamente, del 4% e del 12% rispetto al 2019.\r\n\r\nSe confrontato con il 2022 il traffico turistico in entrata in Grecia è aumentato del 17,6% e ha raggiunto circa i 32,7 milioni di viaggiatori, rispetto ai 27,8 milioni del 2022; le entrate dei viaggi lo scorso anno hanno registrato un aumento del 15,7% rispetto al 2022 e sono state pari a 20,460 miliardi di euro.\r\n\r\nSecondo l'Insete - l'unità di ricerca della Greek Tourism Confederation - avendo definitivamente superato le cifre del 2019, il 2023 è ora il nuovo anno di riferimento per l'andamento del turismo in Grecia.\r\n\r\nLa recente analisi evidenza che nel 2023 gli arrivi aerei internazionali hanno raggiunto quota 24,1 milioni, con un aumento di 2,5 milioni (+11,8%) rispetto al 2022.\r\nGli aeroporti di Atene e Salonicco hanno registrato una crescita significativa degli arrivi, rispettivamente del 27,4% e del 19,4% nel 2023 rispetto al 2022. Entrambi gli scali hanno registrato una crescita impressionante, soprattutto nel primo trimestre del 2023, rispetto al primo trimestre del 2022, quando erano ancora in vigore le restrizioni di viaggio dovute alla Covid-19.\r\n\r\nGli arrivi internazionali su strada hanno raggiunto i 10,4 milioni, rispetto agli 8,0 milioni del periodo gennaio-dicembre 2022, registrando un aumento significativo di 2,4 milioni (+30,4%).\r\n\r\nPerformance da record per crociere e traghetti, sulle rotte dell'Adriatico, che hanno superato tutti i numeri degli anni passati in termini di arrivi di passeggeri: il totale degli arrivi di navi da crociera nei 49 porti greci ha così raggiunto quota 5.230 e il numero di passeggeri ha toccato i 7 milioni, con un aumento di 450 arrivi di navi (+9%) e un incremento di 2,4 milioni di passeggeri (+51%) rispetto al 2022.\r\n\r\nInfine, in termini di entrate, che si sono attestate a circa 20,4 milioni di euro per una crescita del 15,7% rispetto al 2022, l'istituto di ricerca mostra che l'11,5% è da attribuirsi ai residenti nei Paesi dell'Unione europea: in particolare, le entrate dalla Germania sono aumentate del 9,5%, raggiungendo circa 3,56 milioni di euro, mentre quelle dalla Francia sono aumentate dell'11,6%, raggiungendo circa 1,42 milioni di euro.\r\nDai Paesi al di fuori dell'Ue le entrate dal Regno Unito sono aumentate del 5,8% (3,3 milioni di euro) e quelle dagli Stati Uniti del 14% (1,36 milioni di euro). ","post_title":"Grecia avanti tutta rispetto al 2019: boom del traffico crocieristico","post_date":"2024-04-02T11:40:05+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1712058005000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"464059","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":" Tempo di utili per le principali compagnie aeree  europee, a chiusura di un 2023 nel segno della ripresa. I protagonisti del trasporto aereo del Vecchio Continente, a cominciare dal gruppo Lufthansa a quello di Air France-Klm, dal gruppo Ryanair a Iag, hanno tutti archiviato l'ultimo esercizio con risultati positivi. \r\n\r\nSecondo un'analisi de Il Sole 24 Ore i quattro gruppi hanno registrato un fatturato di 106,16 miliardi di euro nel 2023, pari ad una crescita del +18,9% (16,87 miliardi), mentre gli utili netti aggregati sono cresciuti del +110% (7,45 miliardi).\r\n\r\nA centrare i migliori risultati è stato il gruppo Iag con ricavi per 29,45 miliardi (+27,6%), un utile operativo di 3,51 miliardi (+174%) e un utile netto più che quadruplicato a quota 2,655 miliardi. Anche Lufthansa ha fatto bene, ottenendo il terzo miglior risultato della storia (+15% di ricavi; +76% di utile operativo; +112% di utile netto).\r\n\r\nSi tratta di un trend significativo, se si considera che il volume del traffico internazionale è ancora al di sotto dei livelli pre-pandemici, segnando un -4,3% rispetto al 2019, mentre il traffico domestico è aumentato del +6,7% rispetto al gennaio di cinque anni fa.\r\n\r\nIntanto, nel gennaio 2024, la domanda di viaggio globale è aumentata del +16,6% rispetto allo stesso periodo del 2023, e quella europea del +10%. Una tendenza che conferma la buona performance registrata negli ultimi mesi dello scorso anno. Per questo motivo, l'associazione delle compagnie aeree europee Airlines for Europe (A4E) prevede che nell'estate del 2024 il traffico in Europa sarà del 96% rispetto ai livelli del 2019.\r\n\r\n ","post_title":"Le compagnie aeree europee ritrovano profitti e ricavi record nel 2023","post_date":"2024-03-22T10:11:52+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1711102312000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"463250","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il 2024 e il mese di gennaio in particolare confermano la parabola positiva della domanda di viaggio: l’ultimo report Iata mostra come la domanda misurata in passeggeri-chilometro, sia aumentata del 16,6% rispetto all'anno precedente, attestatandosi al 99,6% dei livelli di gennaio 2019.\r\n\r\nA dicembre, il livello di confronto con il 2019 era pari al 97,5%.\r\n\r\nLa capacità totale di gennaio, misurata in chilometri di posti disponibili, è aumentata del 14,1% rispetto all'anno precedente ed è rimasta entro lo 0,5% dei livelli di gennaio 2019.\r\n\r\nIl traffico internazionale di gennaio è aumentato del 20,8% rispetto al gennaio 2023, con un aumento della capacità del 20,9%. La domanda aerea nazionale totale è aumentata del 10,4%, con una capacità in crescita del 4,6%.\r\n\r\n\"Il 2024 è iniziato bene nonostante le incertezze economiche e geopolitiche - ha dichiarato il direttore generale della Iata, Willie Walsh -. Mentre i governi cercano di costruire la prosperità nelle loro economie nell'anno elettorale più affollato di sempre, è fondamentale che vedano l'aviazione come un catalizzatore della crescita\".\r\n\r\nI vettori dell'Asia-Pacifico hanno ancora una volta guidato le altre regioni nella crescita della domanda internazionale, con un aumento del traffico del 45,4% rispetto a gennaio 2023. La capacità è aumentata del 48,1% nel periodo.\r\n\r\nIl forte tasso di crescita è dovuto principalmente alla Cina, che un anno prima aveva iniziato a rimuovere le restrizioni ai viaggi Covid-19: \"a ripresa delle principali rotte internazionali da/per l'Asia-Pacifico è ancora in ritardo, ma rotte come Asia-Medio Oriente hanno superato i livelli pre-pandemia\".\r\n\r\nIl traffico e la capacità internazionale dei vettori europei nel gennaio 2024 sono aumentati a due cifre rispetto all'anno precedente e il load factor è aumentato di 0,1 punti percentuali.","post_title":"Traffico aereo, prosegue la parabola ascendente della domanda che è al 99,6% dei livelli 2019","post_date":"2024-03-12T09:30:59+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1710235859000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462669","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"United prevede di ricevere da Boeing 102 nuovi aeromobili in meno nel 2024 rispetto a quanto stabilito dal contratto: un ritardo che costringe la compagnia aerea a ricalcolare il piano della flotta e le aspettative di rinnovo per i prossimi anni.\r\n\r\nIn un documento depositato il 29 febbraio presso la Securities and Exchange Commission (Sec) degli Stati Uniti, il vettore ha dichiarato di contare sul fatto che il costruttore statunitense gli consegnerà 63 aerei nel 2024, anziché i 165 originariamente previsti.\r\n\r\nSecondo United, i ritardi nelle consegne rappresentano un rischio importante per la capacità di realizzare il piano di trasformazione della flotta \"United Next\" nonché per la gestione globale dello sviluppo.\r\n\r\nI ritardi arrivano mentre Boeing si occupa di numerosi problemi di qualità relativi al 737 Max, per i quali la Federal Aviation Administration ha messo in mora il produttore. United, da parte sua, ha dichiarato di essere alla ricerca di soluzioni per evitare conseguenze negative dai ritardi, ad esempio facendo maggiore affidamento su altri tipi di aeromobili e ritardando il ritiro di quelli più datati.\r\n\r\n ","post_title":"United Airlines prevede di ricevere da Boeing 102 aeromobili in meno nel 2024","post_date":"2024-03-04T10:14:47+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1709547287000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"460173","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_435257\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Luigi Corradi, ad Trenitalia e capogruppo di settore Polo Passeggeri[/caption]\r\n\r\nBuone notizie da Ferrovie dello Stato. Il numero dei viaggiatori del Polo Passeggeri del Gruppo FS nel 2023 è cresciuto del 18% rispetto all’anno precedente. Una crescita a doppia cifra, rimarcata da Luigi Corradi, amministratore delegato di Trenitalia che ai microfoni della trasmissione \"Sportello Italia\" di Rai Radio 1 ha sottolineato il trend positivo delle persone che in Italia scelgono il treno o i bus di FS per viaggiare.\r\n\r\n«I passeggeri del 2023 sono stati 648 milioni – ha rimarcato Corradi – di questi circa 470 milioni hanno viaggiato sui treni di Trenitalia, mentre sui mezzi di Busitalia hanno viaggiato oltre 165 milioni di passeggeri e sui treni e i bus di Ferrovie del Sud Est si sono mosse più di 12 milioni di persone».\r\n\r\nNumeri che evidenziano un andamento positivo, molto vicino a quello degli pre-Covid. In particolare, a trainare questa crescita, come evidenziato dallo stesso Corradi, c’è il settore del turismo.\r\nViaggi di piacere\r\n«Sempre più persone scelgono il treno per i propri viaggi di piacere, perché è una scelta comoda e sostenibile. Abbiamo avuto i principali picchi nel periodo estivo e in quello delle festività natalizie», ha detto Corradi. Durante la scorsa estate, infatti, sono stati oltre 100 milioni i passeggeri a bordo dei treni di Trenitalia, mentre solo durante le festività natalizie sono state 18 milioni le persone che hanno viaggiato con i treni di FS, una crescita del 7% rispetto al 2022.","post_title":"Corradi (FS): «Nel 2023 i passeggeri sono stati 648 milioni»","post_date":"2024-01-26T10:43:59+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1706265839000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"460104","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Wizz Air sconta le conseguenze del conflitto in Medio Oriente nei risultati del trimestre ottobre-dicembre 2023, nonché delle difficoltà legate al grounding di alcuni aeromobili. La low cost ha infatti registrato un aumento del 16% delle perdite operative, che salgono a 180,4 milioni di euro rispetto ai 155,5 milioni dello stesso periodo dell'anno scorso.\r\n\r\nI ricavi si sono attestati a 1,06 miliardi di euro mentre il traffico passeggeri ha riportato la cifra record di 15,1 milioni, rispetto ai 12,4 milioni dell'analogo trimestre dello scorso esercizio. La compagnia aerea ha dichiarato che riprenderà alcuni voli per Tel Aviv a partire da marzo, dopo aver sospeso le operazioni verso Israele in seguito all'inizio della guerra in ottobre. Il vettore ha dichiarato che la sua performance finanziaria nel terzo trimestre è stata \"materialmente influenzata dalla sospensione e dalla riallocazione della capacità destinata a Israele\".\r\n\r\n«Nel terzo trimestre abbiamo continuato a registrare una crescita della capacità leader del settore, in vista del previsto fermo degli aeromobili nel quarto trimestre, quando i motori Gtf saranno rimossi per le ispezioni obbligatorie - ha dichiarato Jozsef Váradi, chief executive officer di Wizz Air - (...) L'inizio del quarto trimestre è stato positivo. Rimaniamo impegnati in un'efficace gestione dei costi, nell'utilizzo degli asset e nella produttività, tutti elementi fondamentali per il futuro e siamo fiduciosi nella nostra capacità di gestire questi elementi».\r\n\r\nConfermata la guidance dell’utile netto per l'intero esercizio 202, compresa tra i 350 e i 400 milioni di euro.","post_title":"Wizz Air sconta l'impatto del conflitto mediorientale e aumenta le perdite del trimestre","post_date":"2024-01-25T12:49:15+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1706186955000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"459975","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L'Italia è l'ottavo paese europeo in cui si sviluppa il brand tedesco del cosiddetto lusso essenziale, Ruby Hotels. La prima apertura sarà a Firenze ed è prevista per l'inizio del terzo trimestre del 2024. In un palazzo storico nel cuore del capoluogo toscano si sta realizzando, insieme al gruppo Gb Holding, un albergo con 118 camere e un Ruby Workspace con una superficie totale di circa 300 mq. L'edificio ottocentesco avrà anche un bar e una caffetteria, una terrazza nel cortile interno e uno spazio di lavoro dedicato. La proprietà si trova in piazza della Libertà, nella parte settentrionale del centro storico della città.\r\n\r\nIl nuovo Ruby Hotel di Roma aprirà invece nel 2025 e sarà il secondo albergo del gruppo in Italia. Sarà situato in un edificio di ex uffici della polizia con una facciata storica nel centro di Roma, vicino alla Scalinata di Trinità dei Monti. Avrà circa 165 camere, un bar e una caffetteria aperti 24 ore su 24 e una terrazza sul tetto con vista sul centro di Roma. Ruby realizzerà l'hotel insieme a Ece Work & Live come sviluppatore del progetto e investitore.","post_title":"Il brand Ruby Hotels approda in Italia: debutto a Firenze, poi Roma","post_date":"2024-01-23T15:21:56+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1706023316000]}]}}

Lascia un commento