21 January 2022

Cbre: tornano su livelli record le transazioni di hotel in Italia

[ 0 ]

Tornano su livelli record i volumi delle transazioni di asset alberghieri in Italia. Stando all’ultimo report Cbre, infatti, nel corso del 2021 si sarebbero registrate compravendite di alberghi per un totale di 1,9 miliardi di euro, un livello secondo solo allo straordinario 2019 ma superiore di ben l’82% rispetto al 2020. La maggior parte delle transazioni ha interessato prodotti value add (transazioni vacant possession, immobili da convertire o hotel da ribrandizzare e pertanto con necessità di capex), molti di questi con posizionamento potenzialmente luxury o trophy asset.

Il 2021 ha segnato inoltre l’importante presenza, nel panorama degli investimenti, del segmento resort (mare, montagna, lago e campagna), visto prima della pandemia come fortemente rischioso e oggi sempre più al centro dell’interesse degli investitori. Questo trend sui resort proseguirà con buone probabilità nel 2022, sia per il segmento luxury sia per quello midscale/upscale, col supporto di performance che si prospettano molto positive per la prossima stagione estiva. Più lenta sarà invece la ripresa dei business hotel nelle principali città italiane. Corposa anche la pipeline per il futuro, che fa presagire che il settore avrà buone performance pure nei prossimi mesi.

D’altronde, è tutto il settore del commercial real estate in Italia che ha mostrato netti segnali di ripresa in Italia nel corso del 2021, con il totale dei volumi transati a quota 10,3 miliardi, in crescita del 13% rispetto all’anno precedente. L’ultimo trimestre, in particolare, ha fatto registrare 4,6 miliardi di investimenti e una crescita del 52% rispetto allo stesso periodo del 2020. La riduzione delle misure restrittive nella seconda metà dell’anno ha infatti favorito la ripresa degli investimenti, sebbene alcune operazioni abbiano subito ritardi sui tempi di chiusura previsti.

La crescita dei volumi iniziata nell’ultima parte dell’anno è confermato dalla forte pipeline registrata in tutte le asset class, che fa pensare a una ulteriore accelerazione della ripresa nel primo trimestre del 2022. Il quarto trimestre dell’anno ha infine confermato la distribuzione degli investimenti su tutte le asset class e il riallineamento alla media storica del dato sui flussi di capitali stranieri (che si assesta a oltre il 70% nel 2021), dopo il lieve calo del 2020: le politiche monetarie espansive della Bce hanno alimentato la liquidità in tutti i mercati europei, ma i rendimenti immobiliari italiani, molto competitivi, hanno riportato l’attività degli investitori stranieri ai livelli precedenti alla pandemia. La crescita dell’economia italiana e la maggiore stabilità politica hanno inoltre contribuito a risollevare la fiducia degli investitori verso il Paese.




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( )

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti