5 December 2022

Air India: in flotta 35 velivoli in più nel 2017

[ 0 ]
Ashwani Lohani, presidente di Air India

Ashwani Lohani, presidente di Air India

Air India prevede di aggiungere 35 nuovi aerei alla propria flotta in questo 2017, preparandosi per «il consolidamento e l’espansione». Il processo passa per un più alto numero di destinazioni internazionali, nonché rotte nazionali e, di conseguenza, dall’aumento degli aeromobili a disposizione. Il presidente del vettore, Ashwani Lohani, ha dichiarato che «la battaglia è appena iniziata; in termini di rinascita, Air India ha bisogno di essere competitiva nel regime tariffario che deve essere un’attrattiva a sceglierla come vettore. Attendiamo questi 35 nuovi velivoli nel 2017 che porteranno il parco macchine ad oltre 170 aerei». Attualmente il gruppo ha circa 140 velivoli, Air India dispone di 106 macchine, la sua consociata internazionale low cost Air India Express dispone di 23 velivoli, mentre altri 10 appartengono alla sussidiaria Alliance Air, una società interamente controllata che opera su rotte regionali. Per la prima volta in quasi un decennio, la compagnia indiana ha fatto registrare un bilancio con un utile operativo di circa 75 milioni di dollari, anche grazie a costi del carburante più bassi e all’aumento del numero di passeggeri.




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435332 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Per questo ponte dell’Immacolata saranno 12 milioni e 183 mila i concittadini che si metteranno in movimento nella festività dell’8 dicembre secondo l’indagine di Federalberghi, realizzata con il supporto tecnico dell’Istituto ACS Marketing Solutions ed effettuata tra il 23 ed il 28 novembre 2022 su un campione rappresentativo di oltre 3mila individui. “Grazie a un calendario favorevole, con la festività dell’8 dicembre che cade nella giornata di giovedì, molti italiani potranno concedersi una meritata vacanza. Ma il ponte dell’Immacolata è importante per tutta la comunità, perché genera un contributo importante per lo sviluppo del PIL e dell’occupazione” ha dichiarato il presidente di Federalberghi, Bernabò Bocca a commento dei risultati della ricerca. “Non saremo altrettanto fortunati invece in occasione delle festività natalizie – ha aggiunto Bocca – Sia il 25 dicembre che il 1° gennaio 2023 infatti, coincidono con la domenica. Da questo punto di vista, seppure soddisfatti della performance di questo ponte lungo, siamo prudenti nel cantar vittoria, in attesa di verificare che cosa accadrà in occasione del Natale”. “Gli elementi di maggior effetto che io ritengo siano da sottolineare hanno a che fare con un nuovo atteggiamento dell’italiano che viaggia – afferma il presidente di Federalberghi – Alla tendenza già consolidata di restare nel proprio paese, si aggiunge la rinnovata curiosità di imparare a conoscere fino in fondo il proprio territorio. Dai parchi, ai borghi, alle tradizioni enogastronomiche, ogni cosa è importante per consolidare la propria conoscenza di luoghi che si sono avuti sempre a portata di mano ma che, con l’esperienza della pandemia, sembrano diventati più interessanti”. “Si evidenzia inoltre un ritorno all’antico: a giudicare dai dati, gli italiani hanno ricominciato a prenotare con un certo anticipo, strutturandosi in modo molto più solido prima di affrontare una vacanza e dimostrando maggiore determinazione nella realizzazione del viaggio”. “Certo – ha concluso Bocca – ancora una volta abbiamo dovuto guardare in faccia la realtà, e cioè che la stragrande maggioranza delle scelte sono state fortemente condizionate dal proseguire del conflitto in Ucraina e dai conseguenti e drammatici rincari energetici che stiamo tutti vivendo sulla nostra pelle. Si tratta di una criticità che grava enormemente sul sistema turistico ricettivo e richiede soluzioni tempestive per il bene di tutto il Paese”. [post_title] => Ponte dell'Immacolata: 12 milioni di italiani in viaggio [post_date] => 2022-12-02T11:33:58+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669980838000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435309 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Gli incendi devastano l’ambiente e modificano anche il paesaggio naturalistico, creando evidenti problemi anche all’offerta turistica di una determinata zona. Il castello del Montiferru, conosciuto come Casteddu Etzu, si trova nel territorio di Cuglieri (Oristano), paese alle pendici dei rilievi del Montiferru, che a causa dell’incendio del 23, 24 e 25 luglio 2021 ha subito una delle più grandi catastrofi ambientali in Italia. Sono andati distrutti circa 12.000 ettari tra bosco e oliveti, che vantavano una tradizione plurisecolare, oltre ad esemplari millenari di oleastri, lecci, corbezzoli e impianti datati che risalivano a oltre 500 anni, divorati dalle fiamme. Un’area di 12.000 mq a Cuglieri, in provincia di Oristano, è stata protagonista di un importante intervento di rigenerazione ambientale, con l’obiettivo di rispristinare il patrimonio naturalistico locale andato distrutto a causa del grave incendio che più di un anno fa ha devastato il territorio in quest’area. Un intervento che rientra nell’iniziativa “Le città che respirano” di Nespresso, nata per sostenere e valorizzare il patrimonio ambientale e paesaggistico italiano e intervenire in aree bisognose da un punto di vista di tutela, ripristino ambientale e sostegno del patrimonio naturalistico italiano. L’intervento di tutela ambientale realizzato con il progetto di Nespresso è stato quindi volto al recupero dell’area pubblica e alla pulizia del percorso di accesso al manufatto medievale. Alle pendici del maniero e nella parte di accesso allo stesso, si è provveduto alla ripulitura delle zone bruciate e al recupero delle piante sopravvissute alle fiamme, in particolare alcune ceppaie di leccio. Si è poi proceduto contestualmente alla messa a dimora di oltre 400 piante per ri-naturalizzare l’area. «L’intervento che ha coinvolto Cuglieri dimostra che anche i territori dei paesi più piccoli, colpiti da immani catastrofi ambientali come è capitato a noi lo scorso anno, riescono a conquistare la solidarietà di associazioni e aziende, come Nespresso, sensibili alla rigenerazione di boschi, oliveti, pascoli e siti dal forte legame affettivo con i residenti – spiega il sindaco di Cuglieri, Andrea Loche - Casteddu Etzu rappresenta un luogo simbolo di questi territori e delle persone che, con le loro migliaia di storie di vita, li hanno vissuti fin dai secoli più lontani. Il progetto di bonifica dell’area e di ripristino rappresenta per le comunità locali un momento di recupero importante che fa bene alla nostra terra e allo straordinario paesaggio che dalle montagne ci accompagna fino al mare». «L’intervento di ripristino ambientale che abbiamo portato avanti a Cuglieri - aggiunge Silvia Totaro, Sustainability Manager di Nespresso Italiana - ci rende molto orgogliosi e rappresenta per noi la concretizzazione del nostro impegno per tutelare territorio e ambiente e del nostro approccio alla cura, che portiamo avanti attraverso il programma “Nespresso per l’Italia”. Il progetto di rinaturalizzazione che abbiamo presentato oggi è solo l’ultimo di una serie di azioni che abbiamo intrapreso lungo tutto lo Stivale attraverso “Le città che respirano” e con cui vogliamo continuare a portare più verde in Italia, allo stesso tempo difendendo le aree colpite, come quella di Cuglieri, e restituendole alla collettività. Una responsabilità per portare avanti un business responsabile che da sempre è il fulcro del nostro modo di operare e che ci ha portato quest’anno a ottenere la certificazione B Corp e a trasformarci in Italia in Società Benefit». Il progetto “Le città che respirano”, lanciato nel 2020 da Nespresso, rientra nell’iniziativa “Mosaico Verde”, la grande campagna nazionale di forestazione di aree urbane ed extraurbane e tutela di boschi ideata e promossa da AzzeroCO2 e Legambiente per coinvolgere aziende ed enti pubblici con l’obiettivo di restituire valore al territorio e contrastare i cambiamenti climatici. [post_title] => Sardegna, il progetto Le Città che Respirano per valorizzare Cuglieri devastata dall’incendio del 2021 [post_date] => 2022-12-02T10:35:10+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669977310000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435293 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Ethiopian Airlines guarda al futuro mettendo a fuoco un piano strategico di sviluppo al 2035, anno entro cui il vettore punta a raddoppiare il numero delle destinazioni e le dimensioni della flotta. Mesfin Tasew, ceo della compagnia aerea, ha specificato durante un'intervista alla Ethiopian News Agency che, nell'ambito del piano "Vision 2035", Ethiopian Airlines intende aggiungere più di 100 nuovi aeromobili alla flotta, con l'obiettivo di arrivare a 270 aerei in circa 13 anni. La strategia mira anche a generare 25 miliardi di dollari, aumentando il numero di passeggeri da oltre 32,5 milioni a 65 milioni. Inoltre, i piani di espansione della compagnia prevedono l'aggiunta di nuove destinazioni, portando il network a oltre 200 e aumentando il volume del servizio cargo. "Nella Vision 2035 - ha sottolineato il ceo - abbiamo puntato a quasi raddoppiare il numero di destinazioni, portandole dalle 131 di oggi a 207: e per coprire questa espansione, abbiamo pianificato nuovamente di raddoppiare il numero di aeromobili in volo da 140 a 271". [post_title] => Ethiopian Airlines e la "Vision 2035": raddoppio di flotta e numero destinazioni [post_date] => 2022-12-02T10:18:14+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669976294000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435217 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_435219" align="alignright" width="300"] Da sinistra, Patrizia Ribaga, Manlio Olivero e Laura Faraoni[/caption] Gdsm Global Gsa si appresta a chiudere un 2022 positivo, all’insegna di nuove rappresentanze come confermato dal ceo e presidente Manlio Olivero e dalla managing director Patrizia Ribaga (nella foto insieme a Laura Faraoni, marketing director). In un evento prenatalizio, il gsa milanese ha incontrato agenti di viaggio, tour operator e business travel center per celebrare insieme al trade gli obiettivi raggiunti nel 2022 e per scoprire le novità del nuovo anno. Tra queste, l’ingresso dello storico Dmc dello Sri Lanka Ayubowan Tours, la compagnia di crociere fluviali Amawaterways e Kenya Airways. Un portale in cui trovare tariffe e servizi con tutti i brand del Gruppo a supporto dell’ampia gamma di prodotti, uno staff di professionisti con help desk b2b specializzato e una rete di consulenti in tutta Italia, rispondono alle richieste del trade garantendo qualità e professionalità. Sul fronte Hertz, in un'ottica sempre più sostenibile, fa il suo ingresso l’auto elettrica, con la possibilità di prenotare Tesla, Peugeot 208, Cinquecento elettrica. “Le novità di Hertz passano anche attraverso formazione e informazione – spiega Laura Faraoni - accessibile sul sito e fruibile anche attraverso webinar dedicati al trade”. L’offerta del rent a car continua con la Hertz Ride con la possibilità del noleggio di moto di alta gamma, Bmw, Harley Davidson. Inoltre con Vacanzeincamper.com, il broker di Global Gsa ha ideato un b2b per il noleggio di camper nel mondo. Amawaterways, compagnia di crociere fluviali a 5 stelle con una flotta di 25 navi, propone esperienze di alto livello sui fiumi d’Europa, Africa, Asia e per il 2024 anche in Colombia, di cui solo in Europa con 25 itinerari a tema. Kenya Airways, infine, collega l’hub di Nairobi con 42 destinazioni in tutto il mondo. Ha celebrato quest’anno 45 anni di attività e opera con una flotta di 32 aeromobili. Dall’Europa propone voli diretti per Nairobi da Amsterdam, Londra e Parigi e dall’Italia in codeshare con Air France, Klm e Ita Airways. [post_title] => Global Gsa archivia un 2022 positivo, tra conferme e novità per l'anno a venire [post_date] => 2022-12-01T11:43:21+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669895001000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435202 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Air Corsica ha accolto in flotta il primo Atr 72-600 equipaggiato con il nuovo motore PW127XT. Il primo dei cinque 72-600 ordinati dalla compagnia aerea corsa è stato consegnato al vettore il 29 novembre 2022 a Tolosa, con destinazione l'aeroporto di Ajaccio. Il 72-600 sostituirà il 72-500 da 70 posti della sua flotta (cinque aerei messi in servizio dal 2010). I passeggeri beneficeranno dell'elevato livello di comfort della cabina e altre innovazioni, come le porte Usb disponibili per ricaricare i dispositivi elettronici durante il volo - una novità assoluta nelle cabine Atr. Introdotto un anno fa, il nuovo motore "riduce i costi di manutenzione del 20% e migliora il consumo di carburante del 3% rispetto al modello precedente, vale a dire il 45% in meno di carburante e di emissioni di CO2 rispetto ai jet regionali di dimensioni simili", spiega Atr. "Gli Atr sono il cuore del nostro modello di trasporto aereo in Corsica - ha dichiarato Marie-Hélène Casanova-Servas, presidente del consiglio di sorveglianza di Air Corsica -. Hanno dimostrato di essere il prodotto di cui abbiamo bisogno per le nostre operazioni a corto raggio, consentendoci di limitare l'impatto sull'ambiente preservato della nostra isola e di soddisfare la richiesta dei nostri passeggeri di collegamenti veloci, frequenti, affidabili e a basse emissioni. Scegliendo l'ultima generazione di turbopropulsori, il motore più recente sul mercato per alimentarli e il miglior programma di manutenzione per ottimizzarne l'affidabilità, stiamo prendendo una decisione che ha senso per la nostra attività, ma anche per il pianeta". [post_title] => Air Corsica, in flotta il primo di cinque Atr 72-600: bassi consumi ed emissioni ridotte di CO2 [post_date] => 2022-12-01T09:46:19+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669887979000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435125 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Nuovo sciopero di 24 ore per il comparto del trasporto aereo il 2 dicembre. A fermarsi saranno in realtà anche i lavoratori dei settori marittimo, ferroviario e stradale. Sono interessati dalla mobilitazione anche tutti i dipendenti dei settori pubblici e privati, dalla sanità alla scuola, alle fabbriche. L'obiettivo della protesta è quello di chiedere migliori condizioni remunerative e la reintroduzione della scala mobile. In particolare, i settori aereo e marittimo si fermeranno per 24 ore dalle 11:59 del 1° dicembre alla stessa ora del 2 dicembre. Invece, nel settore ferroviario la mobilitazione partirà alle ore 21:00 del 1° dicembre e terminerà il giorno successivo. Nel caso specifico del trasporto aereo, sul sito dell'Enac è disponibile l'elenco - in aggiornamento - dei voli garantiti durante le ore di sciopero. [post_title] => Aerei: nuovo sciopero nazionale il 2 dicembre. Elenco Enac dei voli garantiti [post_date] => 2022-11-30T11:35:48+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669808148000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435121 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => SalamAir inaugurerà il prossimo 18 dicembre la sua seconda destinazione in Thailandia, Bangkok: il nuovo collegamento diretto da Muscat sarà operato tre volte alla settimana, domenica, martedì e venerdì, mentre i voli di ritorno dalla capitale thailandese sono previsti il lunedì, il mercoledì e il sabato.  La nuova rotta si aggiunge a quella già operativa verso Phuket e segna l'ulteriore espansione della low cost dell'Oman nel  Sud-est asiatico. La tratta ha registrato una forte domanda sia per i voli in partenza che per quelli in arrivo.  "Bangkok rimane una delle destinazioni turistiche preferite dagli omaniti e dagli stranieri - ha dichiarato Mohamed Ahmed, ceo di SalamAir -. Ai nostri clienti offriamo un prodotto dal perfetto rapporto qualità-prezzo che consente loro di essere flessibili, di risparmiare grazie alle nostre tariffe competitive e di aggiungere i servizi che preferiscono". I voli daranno impulso al turismo, alle relazioni economiche e alle opportunità commerciali tra l'Oman e la Thailandia. La strategia di espansione del network della compagnia aerea è dedicata a collegare sempre più destinazioni lungo nuovi settori per stabilire una forte presenza pan-internazionale". Il vettore opera attualmente con una flotta composta da sei A320neo e quattro A321neo. [post_title] => SalamAir vola verso la sua seconda destinazione in Thailandia: Bangkok [post_date] => 2022-11-30T11:21:22+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669807282000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435097 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_435107" align="alignright" width="300"] Korean Air, A321neo - Prestige Class[/caption] Korean Air ha accolto in flotta il suo primo Airbus 321neo, che entrerà in servizio già da dicembre: l'aeromobile è dotato di sedili totalmente lie-flat in business class, diventando così la prima compagnia aerea coreana a offrire questa caratteristica su un velivolo narrowbody. Il nuovo A321neo potrà ospitare fino a 182 passeggeri (otto in classe Prestige e 174 in classe economica) e opererà principalmente su rotte a corto raggio, tra cui quelle verso il Sud-est asiatico, la Cina e il Giappone. "Questo A321neo di nuova generazione, efficiente dal punto di vista dei consumi, porterà l'esperienza dei nostri passeggeri a un nuovo livello, grazie alla pluripremiata cabina Airspace e ai sedili completamente lie-flat della business class" ha sottolineato Soo Keun Lee, vicepresidente esecutivo e chief safety & operation officer di Korean Air.  Dalla prima metà del prossimo anno i passeggeri dell'A321neo potranno anche acquistare la possibilità di internet a bordo. Korean Air dovrebbe ricevere un totale di 30 aeromobili Airbus 321neo entro il 2027. [post_title] => Korean Air: in servizio da dicembre il primo A321neo con poltrone lie-flat [post_date] => 2022-11-30T10:54:34+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669805674000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435076 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => British Airways potrebbe raddoppiare il proprio impegno sull'aeroporto di Londra Gatwick, a sfavore di quello di Heathrow. Sullo scalo del Sussex, secondo quanto riportato dal Sunday Telegraph, il vettore britannico intenderebbe infatti raddoppiare il numero di aeromobili basati passando dagli attuali 14 a 24-28 velivoli. La mossa arriva dopo che Heathrow è stato costretto a limitare il numero di passeggeri quest'estate a causa della carenza di addetti ai bagagli e di altro personale di supporto. Oltre ai problemi di personale, i vertici delle compagnie aeree si sono scontrati con la direzione di Heathrow sulle tasse di atterraggio. L'aeroporto vorrebbe aumentarle a 42 sterline dalle attuali 30 per passeggero. Allo stato attuale, la tassa - che grava sui viaggiatori, non sui vettori - potrebbe scendere a 26 sterline l'anno prossimo secondo un piano dell'Autorità per l'aviazione civile del Regno Unito. John Holland-Kaye, ceo dell'aeroporto di Heathrow, ripreso dal giornale, ha dichiarato che lo scalo necessita di entrate aggiuntive per investire in rinnovi e manutenzione. Per contro Luis Gallego, amministratore delegato di Iag - casa madre di British - ha affermato che l'aeroporto sta sfruttando la propria posizione dominante sul mercato a favore degli azionisti. [post_title] => British Airways studia il raddoppio del numero di velivoli basati a Londra Gatwick [post_date] => 2022-11-30T09:34:20+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669800860000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "air india in flotta 35 velivoli in piu nel 2017" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":31,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":1966,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435332","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Per questo ponte dell’Immacolata saranno 12 milioni e 183 mila i concittadini che si metteranno in movimento nella festività dell’8 dicembre secondo l’indagine di Federalberghi, realizzata con il supporto tecnico dell’Istituto ACS Marketing Solutions ed effettuata tra il 23 ed il 28 novembre 2022 su un campione rappresentativo di oltre 3mila individui.\r\n\r\n“Grazie a un calendario favorevole, con la festività dell’8 dicembre che cade nella giornata di giovedì, molti italiani potranno concedersi una meritata vacanza. Ma il ponte dell’Immacolata è importante per tutta la comunità, perché genera un contributo importante per lo sviluppo del PIL e dell’occupazione” ha dichiarato il presidente di Federalberghi, Bernabò Bocca a commento dei risultati della ricerca.\r\n\r\n“Non saremo altrettanto fortunati invece in occasione delle festività natalizie – ha aggiunto Bocca – Sia il 25 dicembre che il 1° gennaio 2023 infatti, coincidono con la domenica. Da questo punto di vista, seppure soddisfatti della performance di questo ponte lungo, siamo prudenti nel cantar vittoria, in attesa di verificare che cosa accadrà in occasione del Natale”.\r\n\r\n“Gli elementi di maggior effetto che io ritengo siano da sottolineare hanno a che fare con un nuovo atteggiamento dell’italiano che viaggia – afferma il presidente di Federalberghi – Alla tendenza già consolidata di restare nel proprio paese, si aggiunge la rinnovata curiosità di imparare a conoscere fino in fondo il proprio territorio. Dai parchi, ai borghi, alle tradizioni enogastronomiche, ogni cosa è importante per consolidare la propria conoscenza di luoghi che si sono avuti sempre a portata di mano ma che, con l’esperienza della pandemia, sembrano diventati più interessanti”.\r\n\r\n“Si evidenzia inoltre un ritorno all’antico: a giudicare dai dati, gli italiani hanno ricominciato a prenotare con un certo anticipo, strutturandosi in modo molto più solido prima di affrontare una vacanza e dimostrando maggiore determinazione nella realizzazione del viaggio”.\r\n\r\n“Certo – ha concluso Bocca – ancora una volta abbiamo dovuto guardare in faccia la realtà, e cioè che la stragrande maggioranza delle scelte sono state fortemente condizionate dal proseguire del conflitto in Ucraina e dai conseguenti e drammatici rincari energetici che stiamo tutti vivendo sulla nostra pelle. Si tratta di una criticità che grava enormemente sul sistema turistico ricettivo e richiede soluzioni tempestive per il bene di tutto il Paese”.","post_title":"Ponte dell'Immacolata: 12 milioni di italiani in viaggio","post_date":"2022-12-02T11:33:58+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1669980838000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435309","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Gli incendi devastano l’ambiente e modificano anche il paesaggio naturalistico, creando evidenti problemi anche all’offerta turistica di una determinata zona.\r\n\r\nIl castello del Montiferru, conosciuto come Casteddu Etzu, si trova nel territorio di Cuglieri (Oristano), paese alle pendici dei rilievi del Montiferru, che a causa dell’incendio del 23, 24 e 25 luglio 2021 ha subito una delle più grandi catastrofi ambientali in Italia. Sono andati distrutti circa 12.000 ettari tra bosco e oliveti, che vantavano una tradizione plurisecolare, oltre ad esemplari millenari di oleastri, lecci, corbezzoli e impianti datati che risalivano a oltre 500 anni, divorati dalle fiamme.\r\n\r\nUn’area di 12.000 mq a Cuglieri, in provincia di Oristano, è stata protagonista di un importante intervento di rigenerazione ambientale, con l’obiettivo di rispristinare il patrimonio naturalistico locale andato distrutto a causa del grave incendio che più di un anno fa ha devastato il territorio in quest’area. Un intervento che rientra nell’iniziativa “Le città che respirano” di Nespresso, nata per sostenere e valorizzare il patrimonio ambientale e paesaggistico italiano e intervenire in aree bisognose da un punto di vista di tutela, ripristino ambientale e sostegno del patrimonio naturalistico italiano.\r\n\r\nL’intervento di tutela ambientale realizzato con il progetto di Nespresso è stato quindi volto al recupero dell’area pubblica e alla pulizia del percorso di accesso al manufatto medievale. Alle pendici del maniero e nella parte di accesso allo stesso, si è provveduto alla ripulitura delle zone bruciate e al recupero delle piante sopravvissute alle fiamme, in particolare alcune ceppaie di leccio. Si è poi proceduto contestualmente alla messa a dimora di oltre 400 piante per ri-naturalizzare l’area.\r\n\r\n«L’intervento che ha coinvolto Cuglieri dimostra che anche i territori dei paesi più piccoli, colpiti da immani catastrofi ambientali come è capitato a noi lo scorso anno, riescono a conquistare la solidarietà di associazioni e aziende, come Nespresso, sensibili alla rigenerazione di boschi, oliveti, pascoli e siti dal forte legame affettivo con i residenti – spiega il sindaco di Cuglieri, Andrea Loche - Casteddu Etzu rappresenta un luogo simbolo di questi territori e delle persone che, con le loro migliaia di storie di vita, li hanno vissuti fin dai secoli più lontani. Il progetto di bonifica dell’area e di ripristino rappresenta per le comunità locali un momento di recupero importante che fa bene alla nostra terra e allo straordinario paesaggio che dalle montagne ci accompagna fino al mare».\r\n\r\n«L’intervento di ripristino ambientale che abbiamo portato avanti a Cuglieri - aggiunge Silvia Totaro, Sustainability Manager di Nespresso Italiana - ci rende molto orgogliosi e rappresenta per noi la concretizzazione del nostro impegno per tutelare territorio e ambiente e del nostro approccio alla cura, che portiamo avanti attraverso il programma “Nespresso per l’Italia”. Il progetto di rinaturalizzazione che abbiamo presentato oggi è solo l’ultimo di una serie di azioni che abbiamo intrapreso lungo tutto lo Stivale attraverso “Le città che respirano” e con cui vogliamo continuare a portare più verde in Italia, allo stesso tempo difendendo le aree colpite, come quella di Cuglieri, e restituendole alla collettività. Una responsabilità per portare avanti un business responsabile che da sempre è il fulcro del nostro modo di operare e che ci ha portato quest’anno a ottenere la certificazione B Corp e a trasformarci in Italia in Società Benefit».\r\n\r\nIl progetto “Le città che respirano”, lanciato nel 2020 da Nespresso, rientra nell’iniziativa “Mosaico Verde”, la grande campagna nazionale di forestazione di aree urbane ed extraurbane e tutela di boschi ideata e promossa da AzzeroCO2 e Legambiente per coinvolgere aziende ed enti pubblici con l’obiettivo di restituire valore al territorio e contrastare i cambiamenti climatici.","post_title":"Sardegna, il progetto Le Città che Respirano per valorizzare Cuglieri devastata dall’incendio del 2021","post_date":"2022-12-02T10:35:10+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1669977310000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435293","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Ethiopian Airlines guarda al futuro mettendo a fuoco un piano strategico di sviluppo al 2035, anno entro cui il vettore punta a raddoppiare il numero delle destinazioni e le dimensioni della flotta.\r\n\r\nMesfin Tasew, ceo della compagnia aerea, ha specificato durante un'intervista alla Ethiopian News Agency che, nell'ambito del piano \"Vision 2035\", Ethiopian Airlines intende aggiungere più di 100 nuovi aeromobili alla flotta, con l'obiettivo di arrivare a 270 aerei in circa 13 anni. La strategia mira anche a generare 25 miliardi di dollari, aumentando il numero di passeggeri da oltre 32,5 milioni a 65 milioni. Inoltre, i piani di espansione della compagnia prevedono l'aggiunta di nuove destinazioni, portando il network a oltre 200 e aumentando il volume del servizio cargo.\r\n\r\n\"Nella Vision 2035 - ha sottolineato il ceo - abbiamo puntato a quasi raddoppiare il numero di destinazioni, portandole dalle 131 di oggi a 207: e per coprire questa espansione, abbiamo pianificato nuovamente di raddoppiare il numero di aeromobili in volo da 140 a 271\".","post_title":"Ethiopian Airlines e la \"Vision 2035\": raddoppio di flotta e numero destinazioni","post_date":"2022-12-02T10:18:14+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1669976294000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435217","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_435219\" align=\"alignright\" width=\"300\"] Da sinistra, Patrizia Ribaga, Manlio Olivero e Laura Faraoni[/caption]\r\n\r\nGdsm Global Gsa si appresta a chiudere un 2022 positivo, all’insegna di nuove rappresentanze come confermato dal ceo e presidente Manlio Olivero e dalla managing director Patrizia Ribaga (nella foto insieme a Laura Faraoni, marketing director).\r\n\r\nIn un evento prenatalizio, il gsa milanese ha incontrato agenti di viaggio, tour operator e business travel center per celebrare insieme al trade gli obiettivi raggiunti nel 2022 e per scoprire le novità del nuovo anno. Tra queste, l’ingresso dello storico Dmc dello Sri Lanka Ayubowan Tours, la compagnia di crociere fluviali Amawaterways e Kenya Airways.\r\n\r\nUn portale in cui trovare tariffe e servizi con tutti i brand del Gruppo a supporto dell’ampia gamma di prodotti, uno staff di professionisti con help desk b2b specializzato e una rete di consulenti in tutta Italia, rispondono alle richieste del trade garantendo qualità e professionalità.\r\n\r\nSul fronte Hertz, in un'ottica sempre più sostenibile, fa il suo ingresso l’auto elettrica, con la possibilità di prenotare Tesla, Peugeot 208, Cinquecento elettrica. “Le novità di Hertz passano anche attraverso formazione e informazione – spiega Laura Faraoni - accessibile sul sito e fruibile anche attraverso webinar dedicati al trade”. L’offerta del rent a car continua con la Hertz Ride con la possibilità del noleggio di moto di alta gamma, Bmw, Harley Davidson. Inoltre con Vacanzeincamper.com, il broker di Global Gsa ha ideato un b2b per il noleggio di camper nel mondo.\r\n\r\nAmawaterways, compagnia di crociere fluviali a 5 stelle con una flotta di 25 navi, propone esperienze di alto livello sui fiumi d’Europa, Africa, Asia e per il 2024 anche in Colombia, di cui solo in Europa con 25 itinerari a tema.\r\n\r\nKenya Airways, infine, collega l’hub di Nairobi con 42 destinazioni in tutto il mondo. Ha celebrato quest’anno 45 anni di attività e opera con una flotta di 32 aeromobili. Dall’Europa propone voli diretti per Nairobi da Amsterdam, Londra e Parigi e dall’Italia in codeshare con Air France, Klm e Ita Airways.","post_title":"Global Gsa archivia un 2022 positivo, tra conferme e novità per l'anno a venire","post_date":"2022-12-01T11:43:21+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1669895001000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435202","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Air Corsica ha accolto in flotta il primo Atr 72-600 equipaggiato con il nuovo motore PW127XT. Il primo dei cinque 72-600 ordinati dalla compagnia aerea corsa è stato consegnato al vettore il 29 novembre 2022 a Tolosa, con destinazione l'aeroporto di Ajaccio. Il 72-600 sostituirà il 72-500 da 70 posti della sua flotta (cinque aerei messi in servizio dal 2010).\r\n\r\nI passeggeri beneficeranno dell'elevato livello di comfort della cabina e altre innovazioni, come le porte Usb disponibili per ricaricare i dispositivi elettronici durante il volo - una novità assoluta nelle cabine Atr.\r\n\r\nIntrodotto un anno fa, il nuovo motore \"riduce i costi di manutenzione del 20% e migliora il consumo di carburante del 3% rispetto al modello precedente, vale a dire il 45% in meno di carburante e di emissioni di CO2 rispetto ai jet regionali di dimensioni simili\", spiega Atr.\r\n\r\n\"Gli Atr sono il cuore del nostro modello di trasporto aereo in Corsica - ha dichiarato Marie-Hélène Casanova-Servas, presidente del consiglio di sorveglianza di Air Corsica -. Hanno dimostrato di essere il prodotto di cui abbiamo bisogno per le nostre operazioni a corto raggio, consentendoci di limitare l'impatto sull'ambiente preservato della nostra isola e di soddisfare la richiesta dei nostri passeggeri di collegamenti veloci, frequenti, affidabili e a basse emissioni. Scegliendo l'ultima generazione di turbopropulsori, il motore più recente sul mercato per alimentarli e il miglior programma di manutenzione per ottimizzarne l'affidabilità, stiamo prendendo una decisione che ha senso per la nostra attività, ma anche per il pianeta\".","post_title":"Air Corsica, in flotta il primo di cinque Atr 72-600: bassi consumi ed emissioni ridotte di CO2","post_date":"2022-12-01T09:46:19+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1669887979000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435125","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Nuovo sciopero di 24 ore per il comparto del trasporto aereo il 2 dicembre. A fermarsi saranno in realtà anche i lavoratori dei settori marittimo, ferroviario e stradale. Sono interessati dalla mobilitazione anche tutti i dipendenti dei settori pubblici e privati, dalla sanità alla scuola, alle fabbriche. L'obiettivo della protesta è quello di chiedere migliori condizioni remunerative e la reintroduzione della scala mobile.\r\nIn particolare, i settori aereo e marittimo si fermeranno per 24 ore dalle 11:59 del 1° dicembre alla stessa ora del 2 dicembre. Invece, nel settore ferroviario la mobilitazione partirà alle ore 21:00 del 1° dicembre e terminerà il giorno successivo. Nel caso specifico del trasporto aereo, sul sito dell'Enac è disponibile l'elenco - in aggiornamento - dei voli garantiti durante le ore di sciopero.","post_title":"Aerei: nuovo sciopero nazionale il 2 dicembre. Elenco Enac dei voli garantiti","post_date":"2022-11-30T11:35:48+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1669808148000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435121","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"SalamAir inaugurerà il prossimo 18 dicembre la sua seconda destinazione in Thailandia, Bangkok: il nuovo collegamento diretto da Muscat sarà operato tre volte alla settimana, domenica, martedì e venerdì, mentre i voli di ritorno dalla capitale thailandese sono previsti il lunedì, il mercoledì e il sabato. \r\n\r\nLa nuova rotta si aggiunge a quella già operativa verso Phuket e segna l'ulteriore espansione della low cost dell'Oman nel  Sud-est asiatico. La tratta ha registrato una forte domanda sia per i voli in partenza che per quelli in arrivo. \r\n\r\n\"Bangkok rimane una delle destinazioni turistiche preferite dagli omaniti e dagli stranieri - ha dichiarato Mohamed Ahmed, ceo di SalamAir -. Ai nostri clienti offriamo un prodotto dal perfetto rapporto qualità-prezzo che consente loro di essere flessibili, di risparmiare grazie alle nostre tariffe competitive e di aggiungere i servizi che preferiscono\". I voli daranno impulso al turismo, alle relazioni economiche e alle opportunità commerciali tra l'Oman e la Thailandia. La strategia di espansione del network della compagnia aerea è dedicata a collegare sempre più destinazioni lungo nuovi settori per stabilire una forte presenza pan-internazionale\".\r\n\r\nIl vettore opera attualmente con una flotta composta da sei A320neo e quattro A321neo.","post_title":"SalamAir vola verso la sua seconda destinazione in Thailandia: Bangkok","post_date":"2022-11-30T11:21:22+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1669807282000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435097","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_435107\" align=\"alignright\" width=\"300\"] Korean Air, A321neo - Prestige Class[/caption]\r\n\r\n Korean Air ha accolto in flotta il suo primo Airbus 321neo, che entrerà in servizio già da dicembre: l'aeromobile è dotato di sedili totalmente lie-flat in business class, diventando così la prima compagnia aerea coreana a offrire questa caratteristica su un velivolo narrowbody.\r\n\r\nIl nuovo A321neo potrà ospitare fino a 182 passeggeri (otto in classe Prestige e 174 in classe economica) e opererà principalmente su rotte a corto raggio, tra cui quelle verso il Sud-est asiatico, la Cina e il Giappone.\r\n\r\n\"Questo A321neo di nuova generazione, efficiente dal punto di vista dei consumi, porterà l'esperienza dei nostri passeggeri a un nuovo livello, grazie alla pluripremiata cabina Airspace e ai sedili completamente lie-flat della business class\" ha sottolineato Soo Keun Lee, vicepresidente esecutivo e chief safety & operation officer di Korean Air. \r\n\r\nDalla prima metà del prossimo anno i passeggeri dell'A321neo potranno anche acquistare la possibilità di internet a bordo. Korean Air dovrebbe ricevere un totale di 30 aeromobili Airbus 321neo entro il 2027.","post_title":"Korean Air: in servizio da dicembre il primo A321neo con poltrone lie-flat","post_date":"2022-11-30T10:54:34+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1669805674000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435076","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"British Airways potrebbe raddoppiare il proprio impegno sull'aeroporto di Londra Gatwick, a sfavore di quello di Heathrow. Sullo scalo del Sussex, secondo quanto riportato dal Sunday Telegraph, il vettore britannico intenderebbe infatti raddoppiare il numero di aeromobili basati passando dagli attuali 14 a 24-28 velivoli. La mossa arriva dopo che Heathrow è stato costretto a limitare il numero di passeggeri quest'estate a causa della carenza di addetti ai bagagli e di altro personale di supporto.\r\n\r\nOltre ai problemi di personale, i vertici delle compagnie aeree si sono scontrati con la direzione di Heathrow sulle tasse di atterraggio. L'aeroporto vorrebbe aumentarle a 42 sterline dalle attuali 30 per passeggero. Allo stato attuale, la tassa - che grava sui viaggiatori, non sui vettori - potrebbe scendere a 26 sterline l'anno prossimo secondo un piano dell'Autorità per l'aviazione civile del Regno Unito.\r\n\r\nJohn Holland-Kaye, ceo dell'aeroporto di Heathrow, ripreso dal giornale, ha dichiarato che lo scalo necessita di entrate aggiuntive per investire in rinnovi e manutenzione. Per contro Luis Gallego, amministratore delegato di Iag - casa madre di British - ha affermato che l'aeroporto sta sfruttando la propria posizione dominante sul mercato a favore degli azionisti.","post_title":"British Airways studia il raddoppio del numero di velivoli basati a Londra Gatwick","post_date":"2022-11-30T09:34:20+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1669800860000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti