6 October 2022
Errore NEWS





Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431771 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Non c'è soltanto il Nord America, con le sue preziose rotte, tra i mercati che Certares mira a far diventare strategici per Ita Airways, ma assumono rilievo anche America Latina e Africa. Nel primo caso si scommette sulla vasta presenza di discendenti italiani nella regione, nonché sull'emigrazione sudamericana quale zoccolo duro di clientela; nel secondo sulla capacità per alcune destinazioni di trasformarsi in rotte redditizie in tempi solitamente più veloci di quanto normalmente accada al lancio delle new entry. Sono questi gli ultimi dettagli che emergono dal piano del fondo Usa per il futuro di Ita Airways, secondo quanto riportato da Il Corriere della Sera, oltre a un possibile maggior peso di Delta Air Lines che viene dato come partner industriale e una partecipazione del 10-15% nel capitale della compagnia aerea, con un investimento di 80-100 milioni di euro.  La grande attenzione alle regioni del sud del mondo pone poi l'aeroporto di Roma Fiumicino in una posizione centrale quale hub per i collegamenti con l’America Latina e l’Africa.  Intanto, Certares si appresta a incontrare il prossimo 11 ottobre i sindacati del settore, mentre l'intero dossier Ita verrà "personalmente attenzionato da Giorgia Meloni" come sottolineato da Fabio Rampelli di Fratelli d’Italia: l'ennesima sfida per il nuovo esecutivo che si appresta a governare il paese. [post_title] => Ita Airways-Certares e quel progetto che fa rotta verso il Sud del mondo [post_date] => 2022-10-06T10:25:41+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => topnews ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Top News ) ) [sort] => Array ( [0] => 1665051941000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431752 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Si è appena concluso Futuriamo: l'evento di team building organizzato da Futura Vacanze presso il cilentano Futura Club Eleamare, ultima new entry in ordine di tempo della stagione 2022. L'appuntamento ha visto il coinvolgimento di tutto il personale del to e della rappresentanza della società di gestione Fv Hotels, con la presenza di direttori, capi ricevimento, chef, maitre e staff alberghiero per un totale di oltre 100 persone. Presente, naturalmente, anche tutto il board direzionale del gruppo. Fortemente voluta, questa tre giorni di team building è stata pensata anche come una preziosa occasione per stare insieme e festeggiare i traguardi raggiunti. Attività e sfide a squadre, momenti di intrattenimento con show e party serali sono state affidate alla conduzione di Art Swiss, società di animazione di riferimento dell’operatore. L’evento è stato poi una bella occasione per fare un bilancio sulle strutture a gestione diretta e premiare i migliori risultati ottenuti per singolo villaggio, secondo gli indici di gradimento dei clienti raccolti nel corso della stagione. “Dopo questi due anni di pandemia, molto difficili, trovare le motivazioni per ripartire è stato complicato e complesso per l’intero comparto - spiega l'amministratore unico di Futura Vacanze, Stefano Brunetti  -. Il nostro gruppo però ha reagito bene e gran parte del merito di tutto ciò è anche del personale e di tutto lo staff. Quest’anno, abbiamo superato qualunque traguardo in termini di fatturato e presenze. La distribuzione e i clienti hanno potuto scegliere tra ben 20 Futura Club, il numero passeggeri è arrivato a quota 150 mila e la società di gestione del gruppo oggi conta 1.500 camere in Italia". Emozioni condivise tra dipendenti e collaboratori per festeggiare la stagione appena conclusa e per guardare tutti insieme al futuro e ai prossimi obiettivi. “Abbiamo fortemente voluto questo evento perché desideravamo ringraziare in un momento speciale i dipendenti e tutto lo staff per l’ottimo lavoro svolto - aggiunge il direttore operativo, Emanuela di Giuseppe -. Futuriamo si è dimostrata un’importante occasione per stare insieme, conoscersi meglio e divertirsi. Inaugura, quindi, una nuova tradizione per la nostra azienda, destinata a ripetersi ogni anno”.   [post_title] => Futura Vacanze: un evento di team building per celebrare quota 150 mila pax [post_date] => 2022-10-06T09:42:08+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1665049328000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431667 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il 2021 è stato il vero annus horribilis dell'industria dei viaggi organizzati. Anche peggio del 2020. Lo dicono i dati di una ricerca Pambianco (i cui risultati sono riproposti più sotto, ndr) e lo rimarcano due protagonisti del comparto come il presidente Astoi, Pier Ezhaya, e il direttore commerciale Quality Group, Marco Peci: “Il 2021, salvo qualche fiammata estiva prettamente per l’ Italia, è stato un anno terribile per i bilanci dei tour operator. Anche peggiore del 2020, quando almeno gennaio e febbraio si erano salvati - sottolinea infatti Ezhaya -. Fortunatamente dalla sua coda e cioè da novembre, si è iniziato a percorrere il protocollo corridoi turistici ed è iniziato qualche movimento anche verso l’estero. L’anno di ripartenza per il settore è stato questo, il 2022”. “Il 2021 è stato l’anno più difficile per i flussi turistici degli operatori che operano sul medio e lungo raggio - gli fa quindi eco Peci -. Nel 2020 infatti gli operatori hanno potuto beneficiare dei volumi generati dai flussi turistici dei primi mesi dell’anno, in quanto la pandemia non era ancora iniziata, le frontiere erano aperte e si stava vivendo un momento di grande crescita del settore. Il 2022 è l’anno in cui anche il turismo di medio e lungo raggio sta tornando a generare numeri interessanti”. Fatturati in picchiata anche nel 2021: -25%. Bene solo chi opera sul mercato domestico E a supportare le opinioni di Ezhaya e Peci ci sono, come si accennava, anche i numeri concreti: sebbene il 2021 non abbia fatto mancare qualche timido segnale positivo, nel complesso i fatturati dei dieci principali tour operator italiani sono infatti scesi ulteriormente del 25% rispetto all'anno precedente, che a sua volta aveva registrato un tracollo del 69% in confronto all'era pre-Covid (2019). A rivelarlo, un'analisi comparata condotta da Pambianco sul giro d'affari dei più grossi operatori italiani dell'industria dei viaggi organizzati. Guardando il bicchiere mezzo pieno, va comunque detto che l'anno scorso alcune società sono riuscite a performare meglio rispetto al 2020 e e a chiudere con valori positivi.  Sono state in particolare premiate soprattutto le realtà che lavorano sul mercato domestico. Analizzando il ranking (dove non è stata riportata la divisione tour operating di Uvet, di cui fa parte Settemari, perché non risultano bilanci depositati negli ultimi due anni) si evidenzia infatti un andamento altalenante, che alterna brusche frenate ad accelerate, anche a tre cifre. È il caso, per esempio, di Boscolo Tours il cui fatturato è cresciuto del 118%, attestandosi a 20 milioni di euro, nonché di Futura Vacanze, che ha raddoppiato il proprio giro d’affari rispetto all’esercizio precedente passando da 23 milioni a 47 milioni. Brunetti, Futura Vacanze: "Il mercato aveva necessità di disponibilità in Italia" “Il 2020 è stato l’anno più difficile: il Covid è arrivato in maniera inaspettata e tutti ci siamo ritrovati a dover fronteggiare una situazione mai vissuta prima - spiega l'amministratore unico di Futura Vacanze, Stefano Brunetti -. Nel 2021 eravamo, nostro malgrado, più consapevoli. E con l’esperienza della stagione precedente si è potuto lavorare, seppur con tutte le difficoltà del caso, intervenendo al meglio a livello programmatico, organizzativo e commerciale. Importantissimo è stato tra l'altro il potenziamento del prodotto Sardegna, dove dal 2021 siamo presenti con quattro Futura Club. Ciò ha comportato importanti investimenti anche sul fronte trasporti con collegamenti e voli speciali a cadenza settimanale per l’intera stagione. Visto il perdurare della situazione sul fronte estero, il mercato aveva necessità di disponibilità in Italia e la domanda per la destinazione ha ampiamente soddisfatto le nostre aspettative. A questo possiamo aggiungere il nostro consolidamento in termini di brand e di fidelizzazione”. Polito, Imperatore Travel: decisivi gli investimenti in tecnologia Nel 2021 crescita inoltre, anche se “solo” a due cifre, per Nicolaus Tour (+44,6%) e per Imperatore Travel World (+58,7%). Pure in quest’ultimo caso gli investimenti sono stati premianti, come sottolinea Luigi Polito, ceo dell'operatore campano: “Abbiamo investito tantissimo in tecnologia, creando un sistema turistico integrato che non riguarda soltanto la vendita di hotel ma anche dei trasporti, con collegamenti diretti delle compagnie aeree, di navigazione e treni. Inoltre, la vendita è stata aperta anche ai mercati stranieri, che hanno reagito bene e molto velocemente, come nord Europa, America e Australia, in aggiunta al mercato domestico già molto desideroso di riprendere a viaggiare, Italia su Italia, da aprile. Il connubio sempre più stretto tra tecnologia e servizio è poi fondamentale per abbattere le distanze ma anche per facilitare e velocizzare in sicurezza il processo di scelta, prenotazione e consultazione”. Andando oltre la top ten e allargando lo sguardo al composito e atomizzato settore del tour operating italiano, sono pochi tuttavia gli operatori che si focalizzano sul mercato Italia, perché la maggior parte sono specializzati in outgoing e molti in lungo raggio. Quest’ultimo è stato il più penalizzato a causa dell’interdizione ai viaggi che vigeva l’anno scorso verso le destinazioni extra Schengen e che è stata solo parzialmente risolta dai corridoi turistici attivati solo verso fine 2021 e solo per pochi Paesi.     [post_title] => Ezhaya, Peci e Pambianco: il 2021 è stato il vero annus horribilis per i to [post_date] => 2022-10-05T11:45:32+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza [1] => topnews ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza [1] => Top News ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664970332000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431661 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_393341" align="alignleft" width="300"] Andrea Cani[/caption] Il gruppo Kkm esce da un'ottima estate che, nonostante le difficoltà organizzative legate al traffico aereo, ha visto la compagnia tornare a registrare volumi di vendita sui livelli del 2019. Una performance, spiega Andrea Cani, che ha permesso all'operatore di ripagare gli investimenti sostenuti a cavallo tra 2019 e 2020, per il rilancio del network EnjoyNet e l’apertura del tour operator in-house Enjoy Destinations. Ma proprio "gli eventi di questa estate - riprende il ceo della compagnia - mi spingono a esortare tutto il settore a cambiare il sistema e a rivedere i criteri legati alla selezione dei partner. Le agenzie di viaggio, i network e i tour operator dovrebbero limitare se non evitare di utilizzare vettori che non riconoscono gli intermediari e non tutelano il cliente, privilegiando altre compagnie più corrette nello sviluppo di relazioni commerciali proficue per entrambe le parti. In questo momento storico del turismo, l’intermediazione ha una grande occasione di rilancio: per riqualificare il suo ruolo agli occhi del consumatore deve però impegnarsi a livello di comparto, per trasmettere qualità e affidabilità rispetto alle sorti del viaggio fai-da-te. Aggiungo che è necessario fare quadrato contro tutte le forme di abusivismo per evitare di leggere ancora notizie di clienti truffati da agenzie e tour operator non in regola con tutte le coperture necessarie a tutela dei viaggiatori”. A fronte di un’estate migliore delle aspettative, il futuro è denso di novità, a cominciare da Kkm Experiences, contenitore di nuove proposte create internamente da Kkm Group, attraverso contrattualizzazioni dirette per la clientela italiana, leisure e mice. Oltre ai classici appuntamenti del Gp di Formula 1, che proseguiranno fino al Gp di Abu Dhabi del 20 novembre, entrano in programmazione la Champions League, il Sei nazioni di rugby e il Super Bowl del 12 febbraio in Arizona. Da segnalare anche un accordo con la squadra Nba degli Orlando Magic: oltre ad assistere ai match di pallacanestro, gli appassionati potranno incontrare gli atleti e allenarsi sul campo con loro o, in ottica di team-building, creare la propria partita contro le vecchie glorie della squadra. Lo stesso format sarà disponibile con i New York Yankees, iconico brand della Major League Baseball (Mlb). Kkm sarà presente anche alla prossima fiera di Rimini, in programma dal 12 al 14 di ottobre: “Stiamo finalizzando molti progetti – spiega il ceo della compagnia, Andrea Cani – anche sul fronte tecnologico e della distribuzione. A Rimini saremo tra i primi a entrare nel Metaverso e proporremo nuove opportunità anche sul fronte commerciale con Touchpoint. Il nostro obiettivo non sarà mai la vendita diretta: mettiamo a fattore comune i punti di forza di tutti i partner per il bene e la crescita del gruppo e ci impegniamo a lavorare in un’ottica di lead generation a favore delle agenzie. La nostra è una formula di sviluppo orizzontale, fortemente orientata ai valori del modello familiare da cui siamo partiti, che rifugge dalle impostazioni gerarchiche tipiche delle grandi aggregazioni”. [post_title] => Cani, Kkm: si dovrebbe evitare di utilizzare i vettori che non riconoscono gli intermediari [post_date] => 2022-10-05T10:17:15+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( [0] => nofascione ) [post_tag_name] => Array ( [0] => nofascione ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664965035000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431649 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Air New Zealand ha scelto di affidarsi a Discover the World per i servizi gsa in Europa; la collaborazione è già attiva in America Latina e Sud-est asiatico. Christine Sutton (in precedenza con Sta Travel ed Emirates) è stata nominata senior sales manager Uk & Europe con base a Londra. “Per noi era fondamentale scegliere un partner che potesse rappresentare i valori del nostro marchio e fornire un servizio premium ai nostri partner commerciali - ha dichiarato Aaron Gilden, head of sales Ssea, Uk and Eu per Air New Zealand -. Grazie alla joint venture Singapore Airlines, proponiamo "Moreways to New Zealand", offrendo ai nostri clienti opzioni impareggiabili per raggiungere Aotearoa grazie ad un network globale". Oggi il vettore neozelandese opera con una flotta composta da 98 aeromobili (Boeing 787-9 Dreamliner, Airbus A320, ATR e Q300), con un'età media di 6,7 anni. Pre-Covid, Air New Zealand trasportava oltre 17 milioni di passeggeri all’anno, con 3.400 voli a settimana. [post_title] => Air New Zealand sceglie Discover the World come gsa per l'Europa [post_date] => 2022-10-05T09:01:01+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664960461000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431584 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Dopo l'indirizzo di New York, ha aperto in questi giorni a Milano il secondo indirizzo di Casa Cipriani, il brand di boutique hotel in formula club (sullo stile di Soho House, ndr) ispirato all'Harry's bar di Venezia di Giuseppe Cipriani, reso celebre dall'invenzione del Bellini e per aver accolto ospiti abituali del calibro di Ernest Hemingway. La nuova struttura sorge in via Palestro 24, presso l'ex sede della sartoria Campagna di palazzo Bernasconi, e offre un totale di 15 camere, tra cui tre suite, nonché il ristorante Cipriani e il bar Arrigo, aperto dalle 7 alle 23. Tra i servizi, un concierge 24/7 e il maggiordomo dedicato. Presente anche una spa progettata dallo studio Apostoli con grotta salina e crio-terapia, una palestra fitness con stanza yoga e pilates, nonché, all’ultimo piano il celebre club Socialista, progettato da Carlos Almada secondo i canoni di una dimora cubana signorile. Nella migliore tradizione meneghina, l’edificio e l’intensivo progetto di ristrutturazione realizzato da Bms Progetti si svelano e si scoprono soprattutto una volta varcata la soglia di ingresso. L'intera operazione è stata condotta in collaborazione con l'interior designer Michele Bonan, che ha curato le suite, il ristorante, la hall e il bar Arrigo, nonché appunto con lo studio Almada per il club Socialista. La società specializzata in ingegneria acustica, Viva Consulting, ha quindi seguito la progettazione acustica definitiva ed esecutiva, nonché i collaudi in corso d’opera e finale. Ha, inoltre, seguito la previsione di impatto acustico dell’hotel, ovvero di tutti i suoi impianti di trattamento aria a servizio dello stesso, e dell’Arrigo bar, del ristorante e dell’american bar con musica dal vivo. "La cura progettuale, il dettaglio costruttivo si sono spinti laddove mai si era arrivati - spiega Ezio Rendina, fondatore e ceo di Viva Consulting -. Per esempio, abbiamo riversato nelle gronde la stessa quantità di acqua che si avrebbe con la pioggia più forte mai osservata a Milano e abbiamo ascoltato, nelle camere, se fosse udibile lo sciacquio. Abbiamo realizzato, con la tecnologia box in the box la spa al piano interrato, quello più prossimo alla linea metropolitana sotterranea, in modo da rendere inudibile il tipico rombo del transito metropolitano. Durante la costruzione abbiamo svolto sopralluoghi continui per accertarci che tutto fosse realizzato come da progetto. A opera eseguita abbiamo eseguito prove su prove in modo da verificare che nulla ci fosse sfuggito”.   [post_title] => A Milano apre Casa Cipriani: hotel-club da 15 camere, ristorante, bar e spa [post_date] => 2022-10-04T11:02:44+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664881364000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431576 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Si presenta con un catalogo b2b e una app tutta nuova il gruppo Paradise Hotels & Spa al prossimo appuntamento con il Ttg di Rimini, in programma dal 12 al 14 ottobre. Il tutto dopo un'estate oltremodo positiva da più dell'87% di occupazione media, che consentirà alla compagnia toscana di chiudere l'anno con un fatturato di oltre 8 milioni di euro (+32%) sul 2021 e 57.600 presenze totali. "Siamo molto soddisfatti - sottolinea la general manager, Paola Isidori – sia perché tra i nostri ospiti c’è un coefficiente elevatissimo di repeaters, sia perché l’aumento delle presenze è dovuto anche alla crescita delle famiglie straniere e la voglia di viaggiare è tornata dopo due anni di stop forzato: finora dall’estero arrivavano soprattutto coppie, ma la nostra politica di grande attenzione alle famiglie e ai bambini, a cui sono dedicati servizi specifici e attività mirate, ci ha permesso di conquistare una nuova fetta di mercato e di espandere sensibilmente i periodi di apertura". Oltre alla più recente new entry del gruppo, il boutique apartment hotel a Montepuciano, che ha portato a quattro le strutture complessive della compagnia tutte in Toscana, Paradise Hotels approda quindi a Rimini (stand 011, padiglione A5/C5 corsia 1) con una app inedita, con cui i clienti potranno effettuare anche il check-in automatico, nonché con l'ultima edizione del suo catalogo b2b: un manuale per operatori del turismo, utile non solo alla presentazione del gruppo e degli hotel ma anche un vero decalogo per far capire il valore dell’accoglienza Paradise. [post_title] => Nuovo catalogo b2b e nuova app per il gruppo Paradise Hotels & Spa [post_date] => 2022-10-04T10:11:43+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664878303000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431563 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => E' arrivato il semaforo verde del Dipartimento dei Trasporti degli Stati Uniti alla joint venture tra Delta e Latam. La partnership mira a diventare la più grande esistente tra gli Stati Uniti/Canada e il Sud America (Brasile, Cile, Colombia, Paraguay, Perù e Uruguay) consentendo l'accesso a più di 300 destinazioni. Una volta attuata, consentirà a Delta e a Latam Airlines Group, Latam Airlines Brasil, Latam Airlines Colombia, Latam Airlines Perù e Latam Airlines Paraguay di iniziare a delineare i nuovi vantaggi per i clienti e per il cargo. Le due compagnia aeree hanno annunciato l'intesa nel 2019, con l'obiettivo di ampliare significativamente le scelte di viaggio in Nord e Sud America. Da allora, i partner hanno raggiunto una serie di traguardi che includono l'accumulo/riscatto reciproco di miglia frequent flyer, vantaggi reciproci per i frequent flyer d'élite, terminali condivisi in aeroporti come New York Jfk, San Paolo del Brasile e Santiago del Cile e l'accesso reciproco a 53 lounge Delta Sky Club negli Stati Uniti e a cinque lounge Latam in Sud America, tra cui il nuovo Sky Club di Delta a Los Angeles e la nuova Latam Lounge Santiago del Cile, la più grande lounge passeggeri in Sud America. Nel 2020 sono stati introdotti i primi servizi di codeshare in Sud America e nel 2021 hanno ampliato i collegamenti condivisi a 20 rotte tra gli Stati Uniti e il Sud America, oltre a voli verso un'ampia gamma di destinazioni nazionali e regionali dai loro hub di Atlanta, New York, Los Angeles, Santiago, Lima, Bogotà e San Paolo, migliorando la connettività tra le due regioni. [post_title] => Semaforo verde dal Dot alla joint venture fra Delta e Latam Airlines [post_date] => 2022-10-04T08:56:19+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664873779000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431531 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sarà presente il titolare Luca Buonpensiere e parte del suo team, tra cui il nuovo direttore vendite & marketing, Simone Prinari, allo stand 29 del padiglione C4 del Ttg di Rimini dal 12 al 14 ottobre prossimi. Dopo qualche anno di assenza Glamour To torna infatti all'appuntamento fieristico romagnolo, per incontrare agenti di viaggio e vettori per confrontarsi e valutare le nuove strategie da adottare per il prossimo futuro. Ma soprattutto per  presentare l’intera programmazione del Capodanno 22/23, di cui ha lanciato da poco il catalogo, oltre a diverse sorprese e novità. Nell'ultimo anno, l'operatore viareggino ha investito nel futuro inserendo una serie di new entry nel team per rafforzare tra l'altro la propria rete vendite, proprio a sottolineare la grande voglia di accelerare la ripresa e di seguire l’onda positiva di questa nuova ripartenza del settore. "Con un mercato dei viaggi e del turismo in costante evoluzione - sottolinea infatti Buonpensiere - diventa di cruciale importanza saper creare una solida rete di distribuzione per proteggere e sviluppare il proprio brand". [post_title] => Glamour To alla fiera di Rimini per presentare la programmazione Capodanno 22/23 e le altre novità [post_date] => 2022-10-03T13:05:26+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664802326000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "news adnkronos" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":83,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":997,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431771","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Non c'è soltanto il Nord America, con le sue preziose rotte, tra i mercati che Certares mira a far diventare strategici per Ita Airways, ma assumono rilievo anche America Latina e Africa. Nel primo caso si scommette sulla vasta presenza di discendenti italiani nella regione, nonché sull'emigrazione sudamericana quale zoccolo duro di clientela; nel secondo sulla capacità per alcune destinazioni di trasformarsi in rotte redditizie in tempi solitamente più veloci di quanto normalmente accada al lancio delle new entry.\r\n\r\nSono questi gli ultimi dettagli che emergono dal piano del fondo Usa per il futuro di Ita Airways, secondo quanto riportato da Il Corriere della Sera, oltre a un possibile maggior peso di Delta Air Lines che viene dato come partner industriale e una partecipazione del 10-15% nel capitale della compagnia aerea, con un investimento di 80-100 milioni di euro. \r\n\r\nLa grande attenzione alle regioni del sud del mondo pone poi l'aeroporto di Roma Fiumicino in una posizione centrale quale hub per i collegamenti con l’America Latina e l’Africa. \r\n\r\nIntanto, Certares si appresta a incontrare il prossimo 11 ottobre i sindacati del settore, mentre l'intero dossier Ita verrà \"personalmente attenzionato da Giorgia Meloni\" come sottolineato da Fabio Rampelli di Fratelli d’Italia: l'ennesima sfida per il nuovo esecutivo che si appresta a governare il paese.","post_title":"Ita Airways-Certares e quel progetto che fa rotta verso il Sud del mondo","post_date":"2022-10-06T10:25:41+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":["topnews"],"post_tag_name":["Top News"]},"sort":[1665051941000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431752","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Si è appena concluso Futuriamo: l'evento di team building organizzato da Futura Vacanze presso il cilentano Futura Club Eleamare, ultima new entry in ordine di tempo della stagione 2022. L'appuntamento ha visto il coinvolgimento di tutto il personale del to e della rappresentanza della società di gestione Fv Hotels, con la presenza di direttori, capi ricevimento, chef, maitre e staff alberghiero per un totale di oltre 100 persone. Presente, naturalmente, anche tutto il board direzionale del gruppo.\r\n\r\nFortemente voluta, questa tre giorni di team building è stata pensata anche come una preziosa occasione per stare insieme e festeggiare i traguardi raggiunti. Attività e sfide a squadre, momenti di intrattenimento con show e party serali sono state affidate alla conduzione di Art Swiss, società di animazione di riferimento dell’operatore. L’evento è stato poi una bella occasione per fare un bilancio sulle strutture a gestione diretta e premiare i migliori risultati ottenuti per singolo villaggio, secondo gli indici di gradimento dei clienti raccolti nel corso della stagione.\r\n\r\n“Dopo questi due anni di pandemia, molto difficili, trovare le motivazioni per ripartire è stato complicato e complesso per l’intero comparto - spiega l'amministratore unico di Futura Vacanze, Stefano Brunetti  -. Il nostro gruppo però ha reagito bene e gran parte del merito di tutto ciò è anche del personale e di tutto lo staff. Quest’anno, abbiamo superato qualunque traguardo in termini di fatturato e presenze. La distribuzione e i clienti hanno potuto scegliere tra ben 20 Futura Club, il numero passeggeri è arrivato a quota 150 mila e la società di gestione del gruppo oggi conta 1.500 camere in Italia\".\r\n\r\nEmozioni condivise tra dipendenti e collaboratori per festeggiare la stagione appena conclusa e per guardare tutti insieme al futuro e ai prossimi obiettivi. “Abbiamo fortemente voluto questo evento perché desideravamo ringraziare in un momento speciale i dipendenti e tutto lo staff per l’ottimo lavoro svolto - aggiunge il direttore operativo, Emanuela di Giuseppe -. Futuriamo si è dimostrata un’importante occasione per stare insieme, conoscersi meglio e divertirsi. Inaugura, quindi, una nuova tradizione per la nostra azienda, destinata a ripetersi ogni anno”.\r\n\r\n ","post_title":"Futura Vacanze: un evento di team building per celebrare quota 150 mila pax","post_date":"2022-10-06T09:42:08+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1665049328000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431667","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il 2021 è stato il vero annus horribilis dell'industria dei viaggi organizzati. Anche peggio del 2020. Lo dicono i dati di una ricerca Pambianco (i cui risultati sono riproposti più sotto, ndr) e lo rimarcano due protagonisti del comparto come il presidente Astoi, Pier Ezhaya, e il direttore commerciale Quality Group, Marco Peci: “Il 2021, salvo qualche fiammata estiva prettamente per l’ Italia, è stato un anno terribile per i bilanci dei tour operator. Anche peggiore del 2020, quando almeno gennaio e febbraio si erano salvati - sottolinea infatti Ezhaya -. Fortunatamente dalla sua coda e cioè da novembre, si è iniziato a percorrere il protocollo corridoi turistici ed è iniziato qualche movimento anche verso l’estero. L’anno di ripartenza per il settore è stato questo, il 2022”.\r\n\r\n“Il 2021 è stato l’anno più difficile per i flussi turistici degli operatori che operano sul medio e lungo raggio - gli fa quindi eco Peci -. Nel 2020 infatti gli operatori hanno potuto beneficiare dei volumi generati dai flussi turistici dei primi mesi dell’anno, in quanto la pandemia non era ancora iniziata, le frontiere erano aperte e si stava vivendo un momento di grande crescita del settore. Il 2022 è l’anno in cui anche il turismo di medio e lungo raggio sta tornando a generare numeri interessanti”.\r\nFatturati in picchiata anche nel 2021: -25%. Bene solo chi opera sul mercato domestico\r\nE a supportare le opinioni di Ezhaya e Peci ci sono, come si accennava, anche i numeri concreti: sebbene il 2021 non abbia fatto mancare qualche timido segnale positivo, nel complesso i fatturati dei dieci principali tour operator italiani sono infatti scesi ulteriormente del 25% rispetto all'anno precedente, che a sua volta aveva registrato un tracollo del 69% in confronto all'era pre-Covid (2019). A rivelarlo, un'analisi comparata condotta da Pambianco sul giro d'affari dei più grossi operatori italiani dell'industria dei viaggi organizzati.\r\n\r\nGuardando il bicchiere mezzo pieno, va comunque detto che l'anno scorso alcune società sono riuscite a performare meglio rispetto al 2020 e e a chiudere con valori positivi. \r\n\r\nSono state in particolare premiate soprattutto le realtà che lavorano sul mercato domestico. Analizzando il ranking (dove non è stata riportata la divisione tour operating di Uvet, di cui fa parte Settemari, perché non risultano bilanci depositati negli ultimi due anni) si evidenzia infatti un andamento altalenante, che alterna brusche frenate ad accelerate, anche a tre cifre. È il caso, per esempio, di Boscolo Tours il cui fatturato è cresciuto del 118%, attestandosi a 20 milioni di euro, nonché di Futura Vacanze, che ha raddoppiato il proprio giro d’affari rispetto all’esercizio precedente passando da 23 milioni a 47 milioni.\r\nBrunetti, Futura Vacanze: \"Il mercato aveva necessità di disponibilità in Italia\"\r\n“Il 2020 è stato l’anno più difficile: il Covid è arrivato in maniera inaspettata e tutti ci siamo ritrovati a dover fronteggiare una situazione mai vissuta prima - spiega l'amministratore unico di Futura Vacanze, Stefano Brunetti -. Nel 2021 eravamo, nostro malgrado, più consapevoli. E con l’esperienza della stagione precedente si è potuto lavorare, seppur con tutte le difficoltà del caso, intervenendo al meglio a livello programmatico, organizzativo e commerciale. Importantissimo è stato tra l'altro il potenziamento del prodotto Sardegna, dove dal 2021 siamo presenti con quattro Futura Club. Ciò ha comportato importanti investimenti anche sul fronte trasporti con collegamenti e voli speciali a cadenza settimanale per l’intera stagione. Visto il perdurare della situazione sul fronte estero, il mercato aveva necessità di disponibilità in Italia e la domanda per la destinazione ha ampiamente soddisfatto le nostre aspettative. A questo possiamo aggiungere il nostro consolidamento in termini di brand e di fidelizzazione”.\r\nPolito, Imperatore Travel: decisivi gli investimenti in tecnologia\r\nNel 2021 crescita inoltre, anche se “solo” a due cifre, per Nicolaus Tour (+44,6%) e per Imperatore Travel World (+58,7%). Pure in quest’ultimo caso gli investimenti sono stati premianti, come sottolinea Luigi Polito, ceo dell'operatore campano: “Abbiamo investito tantissimo in tecnologia, creando un sistema turistico integrato che non riguarda soltanto la vendita di hotel ma anche dei trasporti, con collegamenti diretti delle compagnie aeree, di navigazione e treni. Inoltre, la vendita è stata aperta anche ai mercati stranieri, che hanno reagito bene e molto velocemente, come nord Europa, America e Australia, in aggiunta al mercato domestico già molto desideroso di riprendere a viaggiare, Italia su Italia, da aprile. Il connubio sempre più stretto tra tecnologia e servizio è poi fondamentale per abbattere le distanze ma anche per facilitare e velocizzare in sicurezza il processo di scelta, prenotazione e consultazione”.\r\n\r\nAndando oltre la top ten e allargando lo sguardo al composito e atomizzato settore del tour operating italiano, sono pochi tuttavia gli operatori che si focalizzano sul mercato Italia, perché la maggior parte sono specializzati in outgoing e molti in lungo raggio. Quest’ultimo è stato il più penalizzato a causa dell’interdizione ai viaggi che vigeva l’anno scorso verso le destinazioni extra Schengen e che è stata solo parzialmente risolta dai corridoi turistici attivati solo verso fine 2021 e solo per pochi Paesi.\r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"Ezhaya, Peci e Pambianco: il 2021 è stato il vero annus horribilis per i to","post_date":"2022-10-05T11:45:32+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":["in-evidenza","topnews"],"post_tag_name":["In evidenza","Top News"]},"sort":[1664970332000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431661","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_393341\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Andrea Cani[/caption]\r\n\r\nIl gruppo Kkm esce da un'ottima estate che, nonostante le difficoltà organizzative legate al traffico aereo, ha visto la compagnia tornare a registrare volumi di vendita sui livelli del 2019. Una performance, spiega Andrea Cani, che ha permesso all'operatore di ripagare gli investimenti sostenuti a cavallo tra 2019 e 2020, per il rilancio del network EnjoyNet e l’apertura del tour operator in-house Enjoy Destinations. Ma proprio \"gli eventi di questa estate - riprende il ceo della compagnia - mi spingono a esortare tutto il settore a cambiare il sistema e a rivedere i criteri legati alla selezione dei partner. Le agenzie di viaggio, i network e i tour operator dovrebbero limitare se non evitare di utilizzare vettori che non riconoscono gli intermediari e non tutelano il cliente, privilegiando altre compagnie più corrette nello sviluppo di relazioni commerciali proficue per entrambe le parti. In questo momento storico del turismo, l’intermediazione ha una grande occasione di rilancio: per riqualificare il suo ruolo agli occhi del consumatore deve però impegnarsi a livello di comparto, per trasmettere qualità e affidabilità rispetto alle sorti del viaggio fai-da-te. Aggiungo che è necessario fare quadrato contro tutte le forme di abusivismo per evitare di leggere ancora notizie di clienti truffati da agenzie e tour operator non in regola con tutte le coperture necessarie a tutela dei viaggiatori”.\r\n\r\nA fronte di un’estate migliore delle aspettative, il futuro è denso di novità, a cominciare da Kkm Experiences, contenitore di nuove proposte create internamente da Kkm Group, attraverso contrattualizzazioni dirette per la clientela italiana, leisure e mice. Oltre ai classici appuntamenti del Gp di Formula 1, che proseguiranno fino al Gp di Abu Dhabi del 20 novembre, entrano in programmazione la Champions League, il Sei nazioni di rugby e il Super Bowl del 12 febbraio in Arizona. Da segnalare anche un accordo con la squadra Nba degli Orlando Magic: oltre ad assistere ai match di pallacanestro, gli appassionati potranno incontrare gli atleti e allenarsi sul campo con loro o, in ottica di team-building, creare la propria partita contro le vecchie glorie della squadra. Lo stesso format sarà disponibile con i New York Yankees, iconico brand della Major League Baseball (Mlb).\r\n\r\nKkm sarà presente anche alla prossima fiera di Rimini, in programma dal 12 al 14 di ottobre: “Stiamo finalizzando molti progetti – spiega il ceo della compagnia, Andrea Cani – anche sul fronte tecnologico e della distribuzione. A Rimini saremo tra i primi a entrare nel Metaverso e proporremo nuove opportunità anche sul fronte commerciale con Touchpoint. Il nostro obiettivo non sarà mai la vendita diretta: mettiamo a fattore comune i punti di forza di tutti i partner per il bene e la crescita del gruppo e ci impegniamo a lavorare in un’ottica di lead generation a favore delle agenzie. La nostra è una formula di sviluppo orizzontale, fortemente orientata ai valori del modello familiare da cui siamo partiti, che rifugge dalle impostazioni gerarchiche tipiche delle grandi aggregazioni”.","post_title":"Cani, Kkm: si dovrebbe evitare di utilizzare i vettori che non riconoscono gli intermediari","post_date":"2022-10-05T10:17:15+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":["nofascione"],"post_tag_name":["nofascione"]},"sort":[1664965035000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431649","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Air New Zealand ha scelto di affidarsi a Discover the World per i servizi gsa in Europa; la collaborazione è già attiva in America Latina e Sud-est asiatico. Christine Sutton (in precedenza con Sta Travel ed Emirates) è stata nominata senior sales manager Uk & Europe con base a Londra.\r\n\r\n“Per noi era fondamentale scegliere un partner che potesse rappresentare i valori del nostro marchio e fornire un servizio premium ai nostri partner commerciali - ha dichiarato Aaron Gilden, head of sales Ssea, Uk and Eu per Air New Zealand -. Grazie alla joint venture Singapore Airlines, proponiamo \"Moreways to New Zealand\", offrendo ai nostri clienti opzioni impareggiabili per raggiungere Aotearoa grazie ad un network globale\".\r\n\r\nOggi il vettore neozelandese opera con una flotta composta da 98 aeromobili (Boeing 787-9 Dreamliner, Airbus A320, ATR e Q300), con un'età media di 6,7 anni. Pre-Covid, Air New Zealand trasportava oltre 17 milioni di passeggeri all’anno, con 3.400 voli a settimana.","post_title":"Air New Zealand sceglie Discover the World come gsa per l'Europa","post_date":"2022-10-05T09:01:01+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1664960461000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431584","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Dopo l'indirizzo di New York, ha aperto in questi giorni a Milano il secondo indirizzo di Casa Cipriani, il brand di boutique hotel in formula club (sullo stile di Soho House, ndr) ispirato all'Harry's bar di Venezia di Giuseppe Cipriani, reso celebre dall'invenzione del Bellini e per aver accolto ospiti abituali del calibro di Ernest Hemingway. La nuova struttura sorge in via Palestro 24, presso l'ex sede della sartoria Campagna di palazzo Bernasconi, e offre un totale di 15 camere, tra cui tre suite, nonché il ristorante Cipriani e il bar Arrigo, aperto dalle 7 alle 23. Tra i servizi, un concierge 24/7 e il maggiordomo dedicato. Presente anche una spa progettata dallo studio Apostoli con grotta salina e crio-terapia, una palestra fitness con stanza yoga e pilates, nonché, all’ultimo piano il celebre club Socialista, progettato da Carlos Almada secondo i canoni di una dimora cubana signorile.\r\n\r\nNella migliore tradizione meneghina, l’edificio e l’intensivo progetto di ristrutturazione realizzato da Bms Progetti si svelano e si scoprono soprattutto una volta varcata la soglia di ingresso. L'intera operazione è stata condotta in collaborazione con l'interior designer Michele Bonan, che ha curato le suite, il ristorante, la hall e il bar Arrigo, nonché appunto con lo studio Almada per il club Socialista. La società specializzata in ingegneria acustica, Viva Consulting, ha quindi seguito la progettazione acustica definitiva ed esecutiva, nonché i collaudi in corso d’opera e finale. Ha, inoltre, seguito la previsione di impatto acustico dell’hotel, ovvero di tutti i suoi impianti di trattamento aria a servizio dello stesso, e dell’Arrigo bar, del ristorante e dell’american bar con musica dal vivo.\r\n\r\n\"La cura progettuale, il dettaglio costruttivo si sono spinti laddove mai si era arrivati - spiega Ezio Rendina, fondatore e ceo di Viva Consulting -. Per esempio, abbiamo riversato nelle gronde la stessa quantità di acqua che si avrebbe con la pioggia più forte mai osservata a Milano e abbiamo ascoltato, nelle camere, se fosse udibile lo sciacquio. Abbiamo realizzato, con la tecnologia box in the box la spa al piano interrato, quello più prossimo alla linea metropolitana sotterranea, in modo da rendere inudibile il tipico rombo del transito metropolitano. Durante la costruzione abbiamo svolto sopralluoghi continui per accertarci che tutto fosse realizzato come da progetto. A opera eseguita abbiamo eseguito prove su prove in modo da verificare che nulla ci fosse sfuggito”.\r\n\r\n ","post_title":"A Milano apre Casa Cipriani: hotel-club da 15 camere, ristorante, bar e spa","post_date":"2022-10-04T11:02:44+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1664881364000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431576","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Si presenta con un catalogo b2b e una app tutta nuova il gruppo Paradise Hotels & Spa al prossimo appuntamento con il Ttg di Rimini, in programma dal 12 al 14 ottobre. Il tutto dopo un'estate oltremodo positiva da più dell'87% di occupazione media, che consentirà alla compagnia toscana di chiudere l'anno con un fatturato di oltre 8 milioni di euro (+32%) sul 2021 e 57.600 presenze totali. \"Siamo molto soddisfatti - sottolinea la general manager, Paola Isidori – sia perché tra i nostri ospiti c’è un coefficiente elevatissimo di repeaters, sia perché l’aumento delle presenze è dovuto anche alla crescita delle famiglie straniere e la voglia di viaggiare è tornata dopo due anni di stop forzato: finora dall’estero arrivavano soprattutto coppie, ma la nostra politica di grande attenzione alle famiglie e ai bambini, a cui sono dedicati servizi specifici e attività mirate, ci ha permesso di conquistare una nuova fetta di mercato e di espandere sensibilmente i periodi di apertura\".\r\n\r\nOltre alla più recente new entry del gruppo, il boutique apartment hotel a Montepuciano, che ha portato a quattro le strutture complessive della compagnia tutte in Toscana, Paradise Hotels approda quindi a Rimini (stand 011, padiglione A5/C5 corsia 1) con una app inedita, con cui i clienti potranno effettuare anche il check-in automatico, nonché con l'ultima edizione del suo catalogo b2b: un manuale per operatori del turismo, utile non solo alla presentazione del gruppo e degli hotel ma anche un vero decalogo per far capire il valore dell’accoglienza Paradise.","post_title":"Nuovo catalogo b2b e nuova app per il gruppo Paradise Hotels & Spa","post_date":"2022-10-04T10:11:43+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1664878303000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431563","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"E' arrivato il semaforo verde del Dipartimento dei Trasporti degli Stati Uniti alla joint venture tra Delta e Latam.\r\nLa partnership mira a diventare la più grande esistente tra gli Stati Uniti/Canada e il Sud America (Brasile, Cile, Colombia, Paraguay, Perù e Uruguay) consentendo l'accesso a più di 300 destinazioni. Una volta attuata, consentirà a Delta e a Latam Airlines Group, Latam Airlines Brasil, Latam Airlines Colombia, Latam Airlines Perù e Latam Airlines Paraguay di iniziare a delineare i nuovi vantaggi per i clienti e per il cargo.\r\nLe due compagnia aeree hanno annunciato l'intesa nel 2019, con l'obiettivo di ampliare significativamente le scelte di viaggio in Nord e Sud America. Da allora, i partner hanno raggiunto una serie di traguardi che includono l'accumulo/riscatto reciproco di miglia frequent flyer, vantaggi reciproci per i frequent flyer d'élite, terminali condivisi in aeroporti come New York Jfk, San Paolo del Brasile e Santiago del Cile e l'accesso reciproco a 53 lounge Delta Sky Club negli Stati Uniti e a cinque lounge Latam in Sud America, tra cui il nuovo Sky Club di Delta a Los Angeles e la nuova Latam Lounge Santiago del Cile, la più grande lounge passeggeri in Sud America.\r\nNel 2020 sono stati introdotti i primi servizi di codeshare in Sud America e nel 2021 hanno ampliato i collegamenti condivisi a 20 rotte tra gli Stati Uniti e il Sud America, oltre a voli verso un'ampia gamma di destinazioni nazionali e regionali dai loro hub di Atlanta, New York, Los Angeles, Santiago, Lima, Bogotà e San Paolo, migliorando la connettività tra le due regioni.","post_title":"Semaforo verde dal Dot alla joint venture fra Delta e Latam Airlines","post_date":"2022-10-04T08:56:19+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1664873779000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431531","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Sarà presente il titolare Luca Buonpensiere e parte del suo team, tra cui il nuovo direttore vendite & marketing, Simone Prinari, allo stand 29 del padiglione C4 del Ttg di Rimini dal 12 al 14 ottobre prossimi. Dopo qualche anno di assenza Glamour To torna infatti all'appuntamento fieristico romagnolo, per incontrare agenti di viaggio e vettori per confrontarsi e valutare le nuove strategie da adottare per il prossimo futuro. Ma soprattutto per  presentare l’intera programmazione del Capodanno 22/23, di cui ha lanciato da poco il catalogo, oltre a diverse sorprese e novità.\r\n\r\nNell'ultimo anno, l'operatore viareggino ha investito nel futuro inserendo una serie di new entry nel team per rafforzare tra l'altro la propria rete vendite, proprio a sottolineare la grande voglia di accelerare la ripresa e di seguire l’onda positiva di questa nuova ripartenza del settore. \"Con un mercato dei viaggi e del turismo in costante evoluzione - sottolinea infatti Buonpensiere - diventa di cruciale importanza saper creare una solida rete di distribuzione per proteggere e sviluppare il proprio brand\".","post_title":"Glamour To alla fiera di Rimini per presentare la programmazione Capodanno 22/23 e le altre novità","post_date":"2022-10-03T13:05:26+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1664802326000]}]}}