2 August 2021

Zignago Vetro: da Intesa Sp 45 mln per progetti economia circolare

Milano, 13 lug. (Adnkronos) - Intesa Sanpaolo e Zignago Vetro, società produttrice di contenitori in vetro cavo quotata a Piazza Affari, hanno sottoscritto un accordo di finanziamento per un ammontare di 45 milioni di euro finalizzato al raggiungimento di specifici obiettivi legati all’economia circolare. L’operazione consiste in una linea di credito della durata di 5 anni caratterizzata da un meccanismo di pricing legato al raggiungimento di precisi target in ambito di circular economy. Tali obiettivi prevedono un significativo miglioramento dell’impatto ambientale aumentando, da un lato, la quantità di materia prima da fonte riciclata e riducendo, nel contempo, il consumo specifico di acqua per tonnellata di vetro prodotto.

Il finanziamento è collegato alla strategia del gruppo Zignago Vetro in termini di miglioramento dell’efficienza produttiva ed energetica e conferma il forte impegno dell’azienda verso la sostenibilità e le tematiche Esg (Environmental, Social e Governance). L’operazione è stata conclusa dalla Divisione Imi Corporate & Investment Banking di Intesa Sanpaolo, guidata da Mauro Micillo, con il supporto del Circular Economy Desk di Intesa Sanpaolo Innovation Center, società dedicata all’innovazione e alla diffusione dell’economia circolare.

“L’operazione con Zignago Vetro conferma come le tematiche legate alla sostenibilità e al miglioramento dell’impatto ambientale siano sempre più centrali nelle strategie delle aziende italiane", spiega Mauro Micillo, chief della Divisione Imi Corporate & Investment Banking di Intesa Sanpaolo. "Per dare impulso e sostegno alla Green Economy, Intesa Sanpaolo ha sviluppato da tempo un’offerta, ampia e diversificata, di prodotti di finanziamento e di consulenza, dedicati a tutte le tipologie di clienti, in Italia e all’estero. Intesa Sanpaolo conclude così un’ulteriore operazione a valere sul plafond dedicato alla Circular Economy, che dal suo lancio ha finanziato 194 progetti per un totale pari a circa 3,5 miliardi di euro”.

Fonte Adnkronos






Array ( )