18 June 2021

**Covid: 'non siamo figlie di un Dio Minore', l'appello delle discoteche su Change.org** (2)

(Adnkronos) - "Noi - prosegue - quello che possiamo fare è riaprire locali in sicurezza, garantendo all'ingresso il tracciamento anche con la vendita di biglietti elettronici. Possiamo garantire l'igienizzazione dei nostri locali prima di ogni evento, e possiamo garantire che all'interno entrino solo persone che hanno il cosiddetto Green Pass. Possiamo create un luogo sicuro, insomma, dove è possibile controllare che tutti rispettino le regole. Quelle regole che altrimenti al di fuori dei locali, negli spazi all'aperto, non sarebbe possibile verificare. Non ci chiedano però di riaprire con le regole astruse dell'anno scorso! Ovvero con il distanziamento in pista e l'uso della mascherina. Quest'ultima sicuramente dovrà essere utilizzata dagli addetti ai lavori per garantire la loro sicurezza e quella dei loro colleghi. Ma non il pubblico, perché le persone in un locale vengono per socializzare, per guardarsi in faccia, ballare e divertirsi".

"Non vogliamo riaprire per forza, e non obblighiamo nessuno a venire in uno dei nostri locali. Però chiediamo rispetto e soprattutto giustizia. Non siamo figli di un Dio minore e svolgiamo all'interno della società un ruolo economico e sociale degno di rispetto. In definitiva - conclude - i nostri locali rappresentano luoghi topici per permettere ai giovani e non solo di realizzarsi nelle loro diritti di socializzazione, integrazione e crescita culturale".

Fonte Adnkronos






Array ( )