21 June 2021

Alimentazione: 'Dimmi cosa cucini e ti dirò che Mamma sei', lo studio di una sociologa

Palermo, 6 mag. (Adnkronos) - "Dimmi cosa cucini e ti dirò che mamma sei". La Festa della Mamma è la data simbolica che celebra la maternità, "un ruolo complesso (al quale si è da poco affiancato quello paterno) che fra gli altri compiti ha anche quello di forgiare i gusti alimentari della famiglia". È per questo che Uber Eats "celebra questa data analizzando, con l’aiuto di una sociologa, i nuovi modi di essere mamma in relazione ai modelli alimentari che si sono evoluti nel corso degli ultimi anni. Il risultato sono diverse mamme per quanti stili di alimentazione conosciamo e che hanno influenzato non solo i nostri gusti ma anche il nostro stile di vita", come si legge in una nota. "La mamma Matris, quella tradizionale, quella per cui ‘ci vuole tempo e passione’, così legata alle ricette di famiglia - si legge ancora- Questa mamma è molto attenta e si preoccupa per il benessere di tutti, a cominciare dalla tavola. I suoi piatti ‘cult’ hanno allietato l’infanzia dei figli con il classico primo, secondo, contorno e frutta. Sulla sua tavola non sono mancati pasta fatta in casa, pizza, piadine artigianali, piatti tipici delle regioni d’Italia, gelato, pasticcini, maritozzi, lasagne, pane, focacce, pollo arrosto, puccia (panini tipici pugliesi)".

"La mamma Sportiva, quella salutista anche se non fa sport, nata sicuramente da una mamma tradizionale che però si è evoluta nel corso degli anni votandosi ad una cucina healthy. È la mamma che, anche quando abbiamo portato gli amici a pranzo, cucina veg, bio e piatti al vapore. Ama i cibi crudi, le insalate, i panini e tramezzini ma solo con ingredienti healthy e fa un’eccezione per il burrito ma solo low carb - spiega Uber Eats-La mamma Internazionale, senza confini. È quella che ha viaggiato tanto, forse anche solo con la fantasia, ma tanto basta per amare una cucina internazionale e a volte ‘fast’. Chi cresce con questa mamma sa cosa vuol dire un hamburger di qualità e creativo con tutte le varianti dell’universo. È una mamma che passa la domenica mattina a preparare il brunch, così completo e divertente per i giorni di festa. È la mamma che ci ha insegnato termini come bagel, ribs (costine). E che quando vuole passare la serata davanti ad una serie tv, ordina pollo fritto per tutti". "La mamma Multicultural, quella che ci stupisce per la sua curiosità verso i piatti di altre mille culture. Per lei la cucina cinese, thai, giapponese, indiana, coreana, asiatica, greca, portoghese, hawaiana, messicana, non ha segreti. È lei che, assieme ai primi passi ci ha insegnato cos’è il Pokè, il Sushi, l’Empanadas, il Ramen, e altri piatti con cui ci siamo fatti ‘grandi’ davanti agli amici, perché noi ‘sapevamo già’ ...". "La mamma Take Away, forse la più nuova, forse la più invidiata. È la mamma che ha sempre poco tempo ma tante cose da raccontare e ha innalzato il suo livello di conoscenza della tecnologia solo per imparare a prenotare i piatti online. E lo sa fare con una maestria e una competenza da ‘chef’. Conosce i gusti della famiglia e sa come mettere in piedi un ‘banchetto’ con piatti così diversi uno dall’altro e così ben assortiti da trasformare ogni cena in una festa".

Per celebrare tutte le mamme Uber Eats "suggerisce di sovvertire per una volta gli schemi, preoccupandoci di organizzare il pranzo scegliendo uno stile di cucina che, differenziandosi dalla sua, la porti nel ‘nostro’ mondo. Con l’aiuto dei migliori ristoranti sull’App Uber Eats possiamo così prenotare un pranzo healthy per la mamma Internazionale, oppure un piatto etnico per la mamma Matris o ancora piatti tradizionali per la mamma Take Away. Il risultato sarà un momento conviviale di reciproco arricchimento, che strizza l’occhio al suo stile, giocando bonariamente con il suo modello di mamma".

Fonte Adnkronos






Array ( )