21 June 2021

Pensioni: Tribunale Ue boccia nuovo ricorso europarlamentari contro taglio assegno

Roma, 5 mag. - (Adnkronos) - Nuova bocciatura da parte del Tribunale dell'Unione europea al nuovo ricorso presentato da un europarlamentare italiano, in questo caso Enrico Falqui, contro la riduzione al suo assegno decisa da Bruxelles in conseguenza della decisione della Camera dei Deputati, che nel 2018 varò il taglio dei 'vitalizi'. Il Tribunale ha infatti definito "legittima" la decisione del Parlamento europeo impugnata, richiamando le decisioni adottate in molte altre cause per le quali tuttavia pende appello davanti alla Corte di giustizia.

Il 75enne Falqui, che ha seduto a Strasburgo dal 1989 al 1994 in rappresentanza dei Verdi, contestava la riduzione del suo assegno adottata in maniera 'automatica' visto che la pensione di anzianità del Parlamento europeo - ricorda la Corte - è regolata in base ad una norma secondo cui l'importo e le modalità «corrispondono esattamente a quelle della pensione percepita dai Membri della Camera Bassa del Parlamento dello Stato membro in rappresentanza», la cosiddetta 'regola di pensione identica'. Insomma, se un paese (in questo caso l'Italia) abbassa l'assegno dei suoi parlamentari, a Bruxelles si regolano di conseguenza e riducono il vitalizio europeo.

Secondo il Tribunale, il ricalcolo 'al ribasso' "non lede i diritti maturati dai parlamentari europei: il diritto alla pensione non comporta, cioè, che l’entità della prestazione pensionistica non possa subire una contrazione. I principii di certezza del diritto e di legittimo affidamento non implicano che l’importo delle pensioni sia stabilito in via definitiva; nulla vieta che l’importo delle pensioni venga adeguato al rialzo o al ribasso". Il Tribunale ha osservato che "la contrazione dei vitalizi dei parlamentari può essere nella specie giustificata dall’obiettivo di interesse generale di introdurre un sistema di calcolo delle pensioni basato sul più stringente metodo contributivo, al fine di generare un risparmio di spesa in un contesto di rigore di bilancio".

Fonte Adnkronos






Array ( )