6 February 2023

Traghettilines.it rilancia con TraghettiGDS

[ 0 ]

CioniInizio d’anno ricco di novità per Traghettilines.it, brand di Prenotazioni 24: «Abbiamo attivato numerose collaborazioni tra le quali segnalo la convenzione soci Aci pubblicata e disponibile nel nostro portale – spiega Silvia Cioni (nella foto), direttore commerciale di Prenotazioni 24 -. Inoltre, l’azienda ha deciso di intraprendere iniziative solidali sostenendo i progetti di alcune onlus e fondazioni italiane. Si tratta di una scelta importante, che ci permette di essere utili nel campo della solidarietà; abbiamo attivato una serie di raccolte fondi e donazioni dando così anche ai nostri utenti l’opportunità di contribuire direttamente online. Ma c’è grande soddisfazione anche per l’ultimo nato di Prenotazioni 24, il sistema di booking traghetti creato ad hoc per le agenzie di viaggio: stiamo parlando di TraghettiGDS, lo strumento di lavoro ormai in uso a migliaia di agenzie sul territorio, che a soli due anni dal suo esordio continua a ricevere consensi grazie alla sua praticità d’utilizzo. Abbiamo aumentato le funzioni del nostro gestionale TraghettiGDS, in particolare abbiamo incrementato i collegamenti sulle tratte interne della Grecia (Cicladi, Dodecaneso, Nord Egeo) rispondendo così alle richieste del trade. Le agenzie di viaggio nostre partner, quindi, oltre a una più ampia offerta di linee e vettori prenotabili avranno ancora più benefit dedicati e maggiori strumenti di back office, senza dimenticare il call center e l’assistenza per le prenotazioni attivo 7 giorni su 7 e raggiungibile al numero 0565 912391».




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 410996 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Si sono chiusi con ricavi in calo di poco meno di 7 milioni rispetto al medesimo periodo dell'esercizio precedente i primi novesi mesi dell'anno finanziario dei Grandi Viaggi. L'operatore milanese ha infatti terminato il periodo ottobre 2020 - luglio 2021 con un giro d'affari complessivo di 12,37 milioni di euro, contro i 19,13 milioni del 2019-2020. Meglio è andato invece l'indice dei margini operativi lordi (ebitda) che, seppur rimasto in territorio negativo per 3,5 milioni, ha comunque contenuto parzialmente le perdite rispetto al -4,2 milioni dell'anno precedente. Un lieve miglioramento sostanzialmente generato dalle politiche di contenimento dei costi fissi. "L’attività turistico alberghiera è stata pesantemente condizionata dal perdurare dell’emergenza sanitaria - recita una nota ufficiale -. Le strutture di proprietà italiane hanno in particolare scontato la mancata apertura invernale, con il conseguente totale azzeramento dei ricavi invernali, mentre le vendite relative alle strutture italiane estive di proprietà sono aumentate rispetto al precedente periodo di circa l’85%. Le strutture di proprietà estere hanno fatto registrare un decremento di circa il 78%. Per quanto riguarda i villaggi commercializzati, il fatturato ha registrato un decremento di circa il 97%. Infine, il settore tour operator ha registrato un decremento del fatturato pari al 98%, ripartito in pari percentuale tra tutte le destinazioni (Oriente, America e Canada, Africa e Sud Africa e Australia), incidendo in termini di costi sia sui servizi alberghieri sia sul costo del volato. Il risultato netto consolidato del periodo, negativo per 6,7 milioni di euro, ha registrato un miglioramento rispetto allo stesso periodo del precedente esercizio (-7,6 milioni di euro nel 2020). Al 31 luglio 2021 la liquidità del gruppo ammonta a 27,71 milioni di euro; la posizione finanziaria netta a breve termine è positiva per 25,78 milioni di euro, mentre quella a medio lungo termine risulta negativa per 5,89 milioni di euro, con una posizione complessiva finanziaria netta positiva di 19,89 milioni di euro.   [post_title] => Igv: primi nove mesi zavorrati dalle chiusure invernali [post_date] => 2021-09-17T09:45:58+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1631871958000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "275971" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":5,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":1,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"410996","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Si sono chiusi con ricavi in calo di poco meno di 7 milioni rispetto al medesimo periodo dell'esercizio precedente i primi novesi mesi dell'anno finanziario dei Grandi Viaggi. L'operatore milanese ha infatti terminato il periodo ottobre 2020 - luglio 2021 con un giro d'affari complessivo di 12,37 milioni di euro, contro i 19,13 milioni del 2019-2020. Meglio è andato invece l'indice dei margini operativi lordi (ebitda) che, seppur rimasto in territorio negativo per 3,5 milioni, ha comunque contenuto parzialmente le perdite rispetto al -4,2 milioni dell'anno precedente. Un lieve miglioramento sostanzialmente generato dalle politiche di contenimento dei costi fissi.\r\n\r\n\"L’attività turistico alberghiera è stata pesantemente condizionata dal perdurare dell’emergenza sanitaria - recita una nota ufficiale -. Le strutture di proprietà italiane hanno in particolare scontato la mancata apertura invernale, con il conseguente totale azzeramento dei ricavi invernali, mentre le vendite relative alle strutture italiane estive di proprietà sono aumentate rispetto al precedente periodo di circa l’85%. Le strutture di proprietà estere hanno fatto registrare un decremento di circa il 78%. Per quanto riguarda i villaggi commercializzati, il fatturato ha registrato un decremento di circa il 97%. Infine, il settore tour operator ha registrato un decremento del fatturato pari al 98%, ripartito in pari percentuale tra tutte le destinazioni (Oriente, America e Canada, Africa e Sud Africa e Australia), incidendo in termini di costi sia sui servizi alberghieri sia sul costo del volato.\r\n\r\nIl risultato netto consolidato del periodo, negativo per 6,7 milioni di euro, ha registrato un miglioramento rispetto allo stesso periodo del precedente esercizio (-7,6 milioni di euro nel 2020). Al 31 luglio 2021 la liquidità del gruppo ammonta a 27,71 milioni di euro; la posizione finanziaria netta a breve termine è positiva per 25,78 milioni di euro, mentre quella a medio lungo termine risulta negativa per 5,89 milioni di euro, con una posizione complessiva finanziaria netta positiva di 19,89 milioni di euro.\r\n\r\n ","post_title":"Igv: primi nove mesi zavorrati dalle chiusure invernali","post_date":"2021-09-17T09:45:58+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1631871958000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti