14 July 2024

Paolini: «La Conferenza sul turismo sia il rilancio dell’Italia»

[ 0 ]

«La Conferenza italiana per il turismo di Riva del Garda deve essere il primo atto di rilancio della marca Italia». Lo ha detto il coordinatore nazionale degli assessori al Turismo, Enrico Paolini, che ha presentato la quarta edizione della Conferenza nazionale per il turismo, appuntamento biennale tra regioni e governo sul comparto del turismo, che quest’anno si svolge il 20 e 21 giugno a Riva del Garda. La scelta di Riva del Garda, dopo il successo della terza edizione del 2006 a Montesilvano, rappresenta, secondo Paolini, «la migliore risposta delle regioni che hanno voluto proporre per far ripartire il dialogo con il governo e le parti sociali, una provincia, quella di Trento, e un territorio che sul fronte del turismo italiano rappresentano un’assoluta eccellenza».

Condividi



Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 471276 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La Spezia ha avviato le procedure per la candidatura a Capitale italiana della Cultura 2027. «Questa iniziativa - spiega il sindaco della Spezia Pierluigi Peracchini - rappresenta un'opportunità straordinaria per valorizzare il ricco patrimonio storico, artistico e culturale della Spezia, oltre a promuovere le nostre eccellenze a livello nazionale e internazionale. Abbiamo approvato le tappe per presentare la partecipazione: un iter che si concluderà nella primavera del 2025 e che, in caso di esito positivo, porterà la cultura spezzina al centro dell'attenzione in Italia, permettendoci di sviluppare una serie di iniziative che coinvolgeranno tutta la comunità, dalle associazioni alle imprese, ai cittadini. La Spezia sta vivendo un autentico rinnovamento culturale: abbiamo rinnovato la convenzione con la famiglia Lia per la valorizzazione del Museo Lia, siglato un partenariato pubblico-privato con la Fondazione Carispezia per il rilancio del Camec, rinnovato la Mediateca e il Museo del Sigillo, e stiamo valorizzando il Castello San Giorgio e il Museo Etnografico con nuove mostre. Questa rivoluzione coinvolge tutti i siti culturali della città e sarà completata entro il 2027, per mostrare a tutta Italia e al mondo le nostre bellezze». L’iniziativa “Capitale italiana della Cultura” si propone di sostenere, incoraggiare e valorizzare la capacità progettuale e attuativa delle città italiane nel campo della cultura. Il fine ultimo è quello di diffondere in modo sempre più capillare il riconoscimento del valore della leva culturale come strumento di coesione sociale, integrazione, creatività, innovazione, crescita economica e benessere, sia individuale sia collettivo. Entro il 26 settembre 2024, il Comune della Spezia perfezionerà la propria candidatura inviando un dettagliato dossier. Entro il 12 dicembre 2024, la Giuria della città “Capitale italiana della cultura”  esaminerà le candidature ammesse. Entro il 12 marzo 2025, la Giuria del Ministero della Cultura convocherà ciascuno dei Comuni, Città Metropolitane e alle Unioni dei Comuni, ad un’audizione pubblica di presentazione e di approfondimento del dossier di candidatura. Entro il 28 marzo 2025 la Giuria raccomanderà al Ministro della Cultura la candidatura del Comune, Città Metropolitane e Unioni dei Comuni ritenuta più idonea ad essere insignita del titolo di “Capitale italiana della cultura” per l’anno 2027, dandone opportuna motivazione. A seguire, su proposta del Ministro, il titolo di “Capitale della Cultura” per l’anno 2027 sarà successivamente conferito dal Consiglio dei Ministri con propria delibera.   [post_title] => La Spezia candidata a Capitale Italiana della Cultura 2027 [post_date] => 2024-07-11T13:10:16+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1720703416000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 471017 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Trecento invitati, trenta finalisti, dieci vincitori. Sono i numeri della prima edizione dei Best luxury hotel awards, il nuovo riconoscimento delle eccellenze dell’ospitalità italiana ideato e organizzato da Teamwork Hospitality con il contributo di Elle Decor ed Ehma (European hotel manager association). Ufficializzato l’evento a gennaio 2024, a oggi sono state raccolte oltre 200 candidature, più del 30% degli hotel 5 stelle lusso presenti sul territorio italiano. Le dieci categorie considerate includono il miglior servizio, ristorante, bar, breakfast, spa&wellness, sostenibilità, tecnologia, design, nuova apertura, general manager. Tra queste hanno ricevuto maggior attenzione quelle di miglior general manager e miglior servizio. Le premiazioni si svolgeranno durante la serata del prossimo 25 settembre, presso l'hotel Principe di Savoia di Milano. In oltre 20 anni la crescita dell’offerta 5 stelle in Italia è stata di circa il 250%, grazie a nuovi player internazionali che hanno investito sul territorio nazionale, come per esempio Baccarat, Corinthia, Cheval Blanc, The Ritz Carlton, Airelles. “I Best luxury hotel awards - dichiara Mauro Santinato, presidente di Teamwork Hospitality - celebrano l’eccellenza dell’ospitalità italiana in tutti i suoi aspetti: dal miglior servizio agli ospiti alla miglior innovazione tecnologica. Un’iniziativa che nasce nell’alveo di un progetto più grande, che comprende anche l’organizzazione della nostra Luxury Hospitality Conference: il primo evento in Italia dedicato al lusso nel settore dell’ospitalità, quest’anno alla sua quarta edizione. La conferenza si terrà proprio il giorno successivo alla cerimonia di premiazione, al Meliá Milano”. [post_title] => Teamwork lancia i Best luxury hotel awards. Già raccolte oltre 200 candidature [post_date] => 2024-07-08T13:13:29+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1720444409000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 470897 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Aumento salariale pari a 70 euro per lavoratrici e i lavoratori del quarto livello, che sarà pagato con la retribuzione del mese di luglio 2024. Sono previste poi ulteriori quattro rate, che determineranno un aumento complessivo di 200 euro. E' l'accordo sugli stipendi raggiunto da Federalberghi e Faita, insieme con Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Uil per il rinnovo del Ccnl dedicato ai dipendenti da aziende del settore turismo. L'intesa è in vigore dallo scorso 1° luglio 2024, fino al 31 dicembre 2027. Il contratto si applica ai lavoratori occupati in alberghi, villaggi turistici, campeggi, porti turistici, ostelli, bed and breakfast e, più in generale, in tutte le attività turistico ricettive italiane, alberghiere ed extralberghiere, nonché alle attività annesse alle stesse, quali centri congressi, stabilimenti termali, stabilimenti balneari, bar, ristoranti... La sfera di applicazione comprende 28 mila aziende, in cui sono occupati circa 290 mila lavoratori, che diventano 410 mila durante il periodo estivo. Secondo i dati del Cnel, il Ccnl che è stato rinnovato da Federalberghi e Faita è di gran lunga il contratto collettivo più rappresentativo nel comparto turistico ricettivo, essendo applicato a più dell’81% dei lavoratori dipendenti. Focus sull'outsourcing e sui processi di internalizzazione Significativo, si legge in una nota Filcams, l’intervento sull’esternalizzazione dei servizi di pulimento e riassetto delle camere e altri servizi, che estende la procedura per il confronto sindacale prevista per la prima esternalizzazione anche ai successivi cambi appalti, garantendo il trattamento normativo e economico del contratto nazionale del settore sottoscritto dalle organizzazioni sindacali e datoriali comparativamente più rappresentative del settore. Prevista, per la prima volta, una norma anche per l’internalizzazione di tali servizi e l’introduzione di nuovi profili professionali nel sistema di classificazione del personale, in risposta all’evoluzione dei modelli organizzativi di impresa. Il documento include inoltre il rilancio della contrattazione di secondo livello da rendere effettivamente esigibile e introduce un elemento economico di garanzia, fino a 186 euro, qualora, nonostante la presentazione di una piattaforma, non venga definito un accordo integrativo entro il 31 ottobre 2026. Rilevanti pure le misure in tema di parità di genere, con la valorizzazione delle tematiche relative alle pari opportunità e all’inclusione: è stata in particolare istituita la figura di rappresentanza garante della parità e la commissione permanente dedicata in seno all’Ente bilaterale di settore. Sono state inoltre introdotte forme di partecipazione delle lavoratrici e dei lavoratori alla vita dell’impresa, mirate a favorire il cambiamento e il benessere sui luoghi di lavoro, anche in un’ottica di genere. Tutela della genitorialità e parità di genere Tra gli altri punti qualificanti dell'accordo, la tutela della genitorialità, con l’integrazione fino al raggiungimento del 100% della retribuzione in occasione del pagamento della tredicesima e della quattordicesima mensilità, maturata durante i periodi di congedo di maternità obbligatorio e congedo di paternità, obbligatorio e facoltativo. Sul contrasto alla discriminazione, alla violenza e alle molestie è stato definito un nuovo articolato contrattuale che amplia le tutele, migliorando le misure previste per il sostegno delle donne vittime di violenza di genere, con tre mesi più ulteriori tre mesi di congedo retribuito al 100% per le lavoratrici inserite in percorsi di protezione debitamente certificati dai servizi sociali del comune di residenza, dai centri antiviolenza o dalle case rifugio. Sul fronte del welfare contrattuale, l’intesa stabilisce un aumento del contributo di 3 euro destinato al fondo di assistenza sanitaria integrativa di settore, il fondo Fast. Rafforzata, infine, la penalità prevista a carico delle aziende che non siano in regola con l’iscrizione al fondo dei lavoratori, per i quali, in questo caso, scatta un ulteriore elemento distinto della retribuzione. Quattro, lunghi anni di trattative Le trattative erano iniziate il 27 febbraio 2020, pochi giorni prima del grande lockdown, l’inizio di una tempesta che ha sconvolto la vita degli italiani, con un impatto devastante sull’economia del turismo. Alle ferite inferte dalla pandemia si sono poi aggiunti ulteriori danni, provocati dall'impennata dei prezzi dell'energia, dalle guerre e dalle tensioni geopolitiche e da eventi metereologici avversi. “Per circa tre anni - sottolinea Bernabò Bocca, presidente di Federalberghi - le parti sociali hanno dovuto conferire priorità alla gestione dell’emergenza, per tutelare la sopravvivenza delle imprese e dei posti di lavoro. Oggi, con un mercato che è tornato in condizioni di normalità, possiamo finalmente volgere lo sguardo al futuro, concentrando l’attenzione sulle misure che sostengono lo sviluppo. Questo accordo realizza il giusto equilibrio tra le esigenze dei lavoratori e quelle delle imprese, sia sul versante economico sia su quello normativo. "Mi piace, in particolare, sottolineare che le parti, oltre a definire lo sviluppo delle retribuzioni per i prossimi quattro anni, hanno investito su un pacchetto di istituti volti a rendere più attrattivo il lavoro nel turismo, tra cui spiccano le soluzioni in favore delle donne e dei giovani, di strategica importanza per un settore in cui il 55% degli occupati è di sesso femminile e il 48% dei lavoratori ha meno di quarant’anni.” Soddisfazione è stata espressa anche dai sindacati di categoria Filcams Cgil, Fisascat Cisl, Uiltucs: «Questo accordo rappresenta un importante passo avanti per il settore, ottenuto anche grazie alla mobilitazione delle lavoratrici e dei lavoratori. Siamo riusciti a ottenere un significativo riconoscimento economico e le nuove tutele introdotte testimoniano il nostro impegno per migliorare le condizioni di vita, per preparare il settore ad affrontare le sfide future con maggiore equità e inclusione, nonché per la valorizzazione e la dignità del lavoro nel settore turistico ricettivo e alberghiero». [post_title] => Rinnovato il Ccnl turismo Federalberghi - Faita con Cgil, Cisl e Uil [post_date] => 2024-07-05T12:47:27+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1720183647000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 470762 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Continuare a crescere: questo l'imperativo di Antonino Turicchi, presidente di Ita Airways, dopo l'annuncio ufficiale dell'approvazione da parte della Commissione europea dell’operazione di cessione a Lufthansa di una quota del 41% della partecipazione del Mef nel vettore italiano. “Oggi chiudiamo una storica e annosa vicenda. Possiamo dire agli italiani che non ci metteremo più un euro delle loro tasse" afferma il ministro dell'economia Giancarlo Giorgetti, “Ita nasce proprio per mettere fine agli aiuti di Stato” concessi nel passato ad Alitalia e che sono costati agli italiani soldi delle loro tasse". «Questa è una giornata importante - ha sottolineato ieri Turicchi, a margine della conferenza stampa che si è svolta Roma, presso il Ministero dell’Economia e delle Finanze - perché dopo circa un anno di negoziazioni siamo riusciti ad avere il via libera da parte della Commissione europea. Questo ci darà ulteriore forza e convincimento nel poter portare avanti l’operazione attraverso l’aumento del capitale». Rafforzamento Aumento di capitale che permetterà di «rafforzarci dal punto di vista finanziario e, grazie al supporto commerciale, ci consentirà di continuare a crescere e portare avanti il piano industriale». Il presidente di Ita ha inoltre sottolineato come il via libera dell'Ue «oltre a rappresentare un virtuoso esempio di consolidamento nell’industria del trasporto aereo, costituisce un passaggio fondamentale nello sviluppo di Ita» che «entrerà a far parte di uno dei maggiori gruppi mondiali dell’aviazione, garantendo in questo modo al Paese maggiore connettività». Grazie a questa operazione “i passeggeri italiani vincono perché avranno migliori connessioni e più competitività”, ha sottolineato l’amministratore delegato di Lufthansa Spohr. [gallery ids="470773,470775,470768"] [post_title] => Ita. Giorgetti: "Mai più aiuti di Stato". Turicchi: "continueremo a crescere» [post_date] => 2024-07-04T10:43:41+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1720089821000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 470718 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L'attesa è finita: come annunciato un paio di giorni fa, oggi 3 luglio, la Commissione europea ha ufficialmente approvato le nozze tra Ita Airways e Lufthansa. Il via libera all’operazione, come più volte previsto, prevede condizioni a tutela della concorrenza sull'aeroporto di Milano Linate, sulle rotte di corto raggio tra l’Italia e l’Europa centrale, e sulle rotte di lungo raggio tra Roma Fiumicino e il Nord America con l’apertura ai competitor. Il gruppo tedesco guidato da Carsten Spohr acquisirà quindi una quota del 41% della compagnia aerea italiana dal Tesoro, attraverso un aumento di capitale di 325 milioni di euro, per poi salire in una seconda fase - entro il 2033 - al 100% della newco, per un investimento totale di 829 milioni. Vestager «Abbiamo valutato con molta attenzione» l’operazione, ha dichiarato Margrethe Vestager, Commissario europeo per la concorrenza. «Era necessario evitare che i passeggeri finissero per pagare di più o ritrovarsi con servizi di trasporto aereo minori e di qualità inferiore su determinate rotte in entrata e in uscita dall’Italia. Il pacchetto di rimedi proposto da Lufthansa e dal Mef risponde pienamente alle nostre preoccupazioni in materia di concorrenza garantendo che rimanga un livello sufficiente di pressione concorrenziale su tutte le rotte pertinenti». Una volta che le due parti avranno concretizzato i rimedi a garanzia della concorrenza - entro i prossimi 4 mesi -, ci sarà il closing dell'accordo con l’aumento di capitale, le modifiche statutarie, la nomina di un nuovo consiglio d'amministrazione (3 membri, incluso il presidente, spettano al Mef, 2 a Lufthansa che nominerà il ceo) e il via al piano di rilancio. Piano che porterà al cambio di alleanza per Ita - da SkyTeam a Star Alliance - e alla richiesta di ingresso degli italiani nella joint venture transatlantica A++ che vede in partnership Lufthansa con United Airlines ed Air Canada. Sphor "L'approvazione di Bruxelles è un'ottima notizia per Ita Airways e Lufthansa e soprattutto per tutti i passeggeri che volano da e per l'Italia. Siamo impazienti di dare presto il benvenuto a Ita Airways e ai suoi eccellenti dipendenti come nuovo membro della nostra famiglia di compagnie aeree. La decisione è anche un chiaro segnale per un traffico aereo forte in Europa, che può affermarsi con successo nella competizione globale.” dichiara Carsten Spohr, ceo del Gruppo Lufthansa. [post_title] => Ita-Lufthansa: l'attesa è finita, l'Ue ha ufficializzato il matrimonio [post_date] => 2024-07-03T12:09:57+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1720008597000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 470568 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Connettere la comunità locale e internazionale, tenere traccia, tramite una lettura artistica, dei volti e delle storie di chi quotidianamente vive Pordenone e l’hotel. È l’obiettivo di Guest, progetto nato dall'iniziativa del Best Western Plus Park Hotel Pordenone e di Valentina Iaccarino, che ora diventa installazione fotografica permanente. “Siamo emozionati e orgogliosi di questa iniziativa artistica. Ancora grazie a ospiti, clienti e collaboratori per essersi prestati a posare e a chi ha cooperato per realizzarla - dichiara Francesco de Felice, proprietario dell’hotel –. Da sempre cerchiamo di rendere unica e memorabile la permanenza nel nostro albergo e poterlo fare attraverso l’arte è fantastico”. Guest mette in particolare in luce una selezione di ritratti fotografici che ritraggono diversi ospiti dell'hotel, immortalati tra il 2016 e il 2019. Insieme a nomi illustri della politica e del giornalismo italiano, davanti all’obiettivo si sono alternati creativi, registi, fotografi, scrittori, poeti da ogni parte del mondo, ma anche manager, professionisti e collaboratori. I ritratti fotografici realizzati rappresentano così una nuova modalità di raccontare la diversità di situazioni, stili di vita, storie e personalità che si trovano a condividere un comune luogo di incontro. L’installazione è costituita da stampe fotografiche di vari formati e da diciotto fogli di provini a contatto, che raccontano, oltre alle persone ritratte, anche le storie degli scatti stessi. L’installazione fotografica permanente rimarrà aperta al pubblico tutti i giorni dalle 18 alle 22. È comunque consigliato contattare in via preliminare la struttura per verificare la disponibilità delle visite. [post_title] => Gli ospiti protagonisti della mostra fotografica Guest del Best Western Plus Park di Pordenone [post_date] => 2024-07-02T09:41:56+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1719913316000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 470360 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Emmer Guerra è il nuovo destination director di Glamour Tour Operator. Guerra vanta oltre 30 anni di esperienza nel settore turistico, avendo ricoperto ruoli di crescente responsabilità in aziende di primo piano come Nicolaus, Bluvacanze, Amadeus Italia, Alpitour e Hotelplan Italia. Nella sua ultima posizione come responsabile del prodotto estero per il gruppo Nicolaus, ha gestito con successo i quattro marchi del gruppo (Nicolaus, Valtur, Turchese e Raro), contribuendo all'espansione del portfolio in destinazioni esclusive come Maldive, Mauritius e Zanzibar. Durante il suo mandato come brand manager presso Going - Gruppo Msc/Bluvacanze, Guerra ha inoltre guidato il rilancio del brand, incrementandone significativamente il fatturato. Guerra ha poi ricoperto il ruolo di product marketing team manager presso Amadeus Italia, per cui ha supervisionato lo sviluppo e il lancio di prodotti It avanzati. La sua nomina rappresenta un passo significativo per Glamour, che mira a rafforzare ulteriormente la propria offerta di viaggi di lusso e a espandere il proprio raggio d'azione globale. “Sono entusiasta di unirmi a Glamour Tour Operator e di contribuire alla crescita di un'azienda già rinomata per la qualità e l'innovazione dei suoi servizi - commenta lo stesso Emmer Guerra - Collaborare con l'affiatato team del to sarà lo stimolo giusto per esplorare nuove opportunità e raggiungere nuovi obiettivi”. [post_title] => Emmer Guerra nuovo destination director di Glamour Tour Operator [post_date] => 2024-06-27T15:28:21+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1719502101000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 470262 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_470268" align="alignleft" width="300"] Da sinistra, Silvio Pippobello, ad di Sogeaal e Alessio Quaranta, direttore generale Enac[/caption] Rotta tracciata per lo sviluppo dell'aeroporto di Alghero con la firma del contratto di programma tra la società di gestione, Sogeaal ed Enac. «Lo strumento del Contratto di programma (valido per il periodo regolatorio 2023-2026) concorre alle strategie di sviluppo del trasporto aereo con un ruolo importante nel processo di rilancio dell’economia del Paese - ha commentato il presidente dell’Enac Pierluigi Di Palma -. Garantisce anche il continuo miglioramento dei livelli di sicurezza, l’efficientamento energetico e l’adeguamento agli standard prestazionali europei delle opere aeroportuali realizzate negli scali italiani». Il contratto di programma Enac-Sogeaal è il quarto in ordine di tempo (dopo Napoli, Torino e Bologna) a essere sottoscritto dalla definitiva ripresa dei volumi di traffico pre- Covid. Alessio Quaranta, direttore generale dell'ente nazionale per l'Aviazione Civile, ha aggiunto: «Auspico che, dopo la complessa fase che ha colpito l’intero comparto, si giunga quanto prima, anche con gli altri soggetti gestori, alla sottoscrizione dei relativi contratti di programma per poter continuare un monitoraggio incisivo sull’attuazione degli impegni assunti dalle stesse società di gestione in sede di progettazione e pianificazione infrastrutturale, nell’ottica di un processo di ammodernamento e sviluppo degli scali aeroportuali nazionali». Il piano degli investimenti alla base del contratto con la Sogeaal prevede una serie di interventi volti a ottimizzare la capacità dello scalo con un adeguamento infrastrutturale, sia della parte airside sia di quella landside, con il potenziamento e l’ampliamento del terminal passeggeri, in funzione dei flussi attesi, nell’ottica di un’ampia fruibilità degli spazi e del continuo miglioramento dei servizi offerti ai passeggeri. Importanti investimenti saranno riservati alla viabilità per migliorare l’accessibilità veicolare e aumentare il numero dei posti auto a vantaggio della sicurezza riducendo, al contempo, l’impatto ambientale.   [post_title] => Aeroporto Alghero: la Sogeaal firma il contratto di programma con Enac al 2026 [post_date] => 2024-06-27T09:15:11+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1719479711000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469834 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_416026" align="alignleft" width="300"] Un momento di vita a bordo di un Orient Express d'antan. Foto del Fonds de dotation Orient Express Heritage[/caption] Grandi manovre nel mondo del turismo di lusso. Dopo la news della partnership tra Accor e Lvmh per lo sviluppo del brand Orient Express, un altro dei protagonisti del rilancio dello storico marchio legato all'epoca d'oro delle ferrovie e ora al centro di un sostanzioso aumento di capitale. Il gruppo Barletta beneficerà infatti di un'iniezione di 95 milioni di euro, in liquidità e trophy asset, da parte della Fidim, holding di partecipazioni della famiglia Rovati, che in questo modo si assicurerà il 12,5% del capitale sociale dello stesso gruppo Barletta. L'operazione, spiega Il Sole 24 Ore, è legata a doppia mandata al supporto degli investimenti nel turismo di lusso. La Fidim vanta infatti una sostanziale esperienza nel mondo del turismo di alta gamma, mentre la società guidata da Paolo Barletta opera da tempo nel segmento dell'hotellerie e dei treni di lusso con la controllata Arsenale. Partner Quest'ultima, tra le altre cose, è il partner principale del progetto Orient Express, essendo proprietaria sia dei due hotel in apertura a Roma e a Venezia, La Minerva e Palazzo Dona’ Giovannelli, sia dei sei treni Doce Vita in fase di costruzione, due dei quali debutteranno l'anno prossimo. Attualmente l'azionariato di Arsenale è costituito per il 59,24% dal gruppo Barletta, per il 20,44% dalla Annabel Holding di Nicola Bulgari e per il 20,32% dalla società lussemburghese Ita Hotel Investments di Oaktree. Oltre ai progetti Dolce Vita Orient Express, la società ha siglato accordi per iniziative simili con la Saudi Arabia Railways, l’Egypt National Railway, con l’uzbeca O’zbekiston Temir Yo’llari Jsc ed Etihad Rail. Le stime 2024 per Arsenale parlano di ricavi per 24 milioni di euro, destinati tuttavia a balzare fino ai 135 milioni già nel 2025.  [post_title] => Orient Express, grandi manovre: Fidim entra nel gruppo Barletta (Arsenale) [post_date] => 2024-06-20T11:41:49+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718883709000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "paolini la conferenza sul turismo sia il rilancio dell italia" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":49,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":340,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"471276","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":" La Spezia ha avviato le procedure per la candidatura a Capitale italiana della Cultura 2027.\r\n\r\n«Questa iniziativa - spiega il sindaco della Spezia Pierluigi Peracchini - rappresenta un'opportunità straordinaria per valorizzare il ricco patrimonio storico, artistico e culturale della Spezia, oltre a promuovere le nostre eccellenze a livello nazionale e internazionale. Abbiamo approvato le tappe per presentare la partecipazione: un iter che si concluderà nella primavera del 2025 e che, in caso di esito positivo, porterà la cultura spezzina al centro dell'attenzione in Italia, permettendoci di sviluppare una serie di iniziative che coinvolgeranno tutta la comunità, dalle associazioni alle imprese, ai cittadini. La Spezia sta vivendo un autentico rinnovamento culturale: abbiamo rinnovato la convenzione con la famiglia Lia per la valorizzazione del Museo Lia, siglato un partenariato pubblico-privato con la Fondazione Carispezia per il rilancio del Camec, rinnovato la Mediateca e il Museo del Sigillo, e stiamo valorizzando il Castello San Giorgio e il Museo Etnografico con nuove mostre. Questa rivoluzione coinvolge tutti i siti culturali della città e sarà completata entro il 2027, per mostrare a tutta Italia e al mondo le nostre bellezze».\r\n\r\nL’iniziativa “Capitale italiana della Cultura” si propone di sostenere, incoraggiare e valorizzare la capacità progettuale e attuativa delle città italiane nel campo della cultura. Il fine ultimo è quello di diffondere in modo sempre più capillare il riconoscimento del valore della leva culturale come strumento di coesione sociale, integrazione, creatività, innovazione, crescita economica e benessere, sia individuale sia collettivo.\r\n\r\nEntro il 26 settembre 2024, il Comune della Spezia perfezionerà la propria candidatura inviando un dettagliato dossier.\r\n\r\nEntro il 12 dicembre 2024, la Giuria della città “Capitale italiana della cultura”  esaminerà le candidature ammesse.\r\n\r\nEntro il 12 marzo 2025, la Giuria del Ministero della Cultura convocherà ciascuno dei Comuni, Città Metropolitane e alle Unioni dei Comuni, ad un’audizione pubblica di presentazione e di approfondimento del dossier di candidatura.\r\n\r\nEntro il 28 marzo 2025 la Giuria raccomanderà al Ministro della Cultura la candidatura del Comune, Città Metropolitane e Unioni dei Comuni ritenuta più idonea ad essere insignita del titolo di “Capitale italiana della cultura” per l’anno 2027, dandone opportuna motivazione. A seguire, su proposta del Ministro, il titolo di “Capitale della Cultura” per l’anno 2027 sarà successivamente conferito dal Consiglio dei Ministri con propria delibera.\r\n\r\n ","post_title":"La Spezia candidata a Capitale Italiana della Cultura 2027","post_date":"2024-07-11T13:10:16+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1720703416000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"471017","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Trecento invitati, trenta finalisti, dieci vincitori. Sono i numeri della prima edizione dei Best luxury hotel awards, il nuovo riconoscimento delle eccellenze dell’ospitalità italiana ideato e organizzato da Teamwork Hospitality con il contributo di Elle Decor ed Ehma (European hotel manager association). Ufficializzato l’evento a gennaio 2024, a oggi sono state raccolte oltre 200 candidature, più del 30% degli hotel 5 stelle lusso presenti sul territorio italiano. Le dieci categorie considerate includono il miglior servizio, ristorante, bar, breakfast, spa&wellness, sostenibilità, tecnologia, design, nuova apertura, general manager. Tra queste hanno ricevuto maggior attenzione quelle di miglior general manager e miglior servizio. Le premiazioni si svolgeranno durante la serata del prossimo 25 settembre, presso l'hotel Principe di Savoia di Milano.\r\n\r\nIn oltre 20 anni la crescita dell’offerta 5 stelle in Italia è stata di circa il 250%, grazie a nuovi player internazionali che hanno investito sul territorio nazionale, come per esempio Baccarat, Corinthia, Cheval Blanc, The Ritz Carlton, Airelles. “I Best luxury hotel awards - dichiara Mauro Santinato, presidente di Teamwork Hospitality - celebrano l’eccellenza dell’ospitalità italiana in tutti i suoi aspetti: dal miglior servizio agli ospiti alla miglior innovazione tecnologica. Un’iniziativa che nasce nell’alveo di un progetto più grande, che comprende anche l’organizzazione della nostra Luxury Hospitality Conference: il primo evento in Italia dedicato al lusso nel settore dell’ospitalità, quest’anno alla sua quarta edizione. La conferenza si terrà proprio il giorno successivo alla cerimonia di premiazione, al Meliá Milano”.","post_title":"Teamwork lancia i Best luxury hotel awards. Già raccolte oltre 200 candidature","post_date":"2024-07-08T13:13:29+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1720444409000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"470897","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Aumento salariale pari a 70 euro per lavoratrici e i lavoratori del quarto livello, che sarà pagato con la retribuzione del mese di luglio 2024. Sono previste poi ulteriori quattro rate, che determineranno un aumento complessivo di 200 euro. E' l'accordo sugli stipendi raggiunto da Federalberghi e Faita, insieme con Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Uil per il rinnovo del Ccnl dedicato ai dipendenti da aziende del settore turismo. L'intesa è in vigore dallo scorso 1° luglio 2024, fino al 31 dicembre 2027.\r\n\r\nIl contratto si applica ai lavoratori occupati in alberghi, villaggi turistici, campeggi, porti turistici, ostelli, bed and breakfast e, più in generale, in tutte le attività turistico ricettive italiane, alberghiere ed extralberghiere, nonché alle attività annesse alle stesse, quali centri congressi, stabilimenti termali, stabilimenti balneari, bar, ristoranti... La sfera di applicazione comprende 28 mila aziende, in cui sono occupati circa 290 mila lavoratori, che diventano 410 mila durante il periodo estivo. Secondo i dati del Cnel, il Ccnl che è stato rinnovato da Federalberghi e Faita è di gran lunga il contratto collettivo più rappresentativo nel comparto turistico ricettivo, essendo applicato a più dell’81% dei lavoratori dipendenti.\r\nFocus sull'outsourcing e sui processi di internalizzazione\r\nSignificativo, si legge in una nota Filcams, l’intervento sull’esternalizzazione dei servizi di pulimento e riassetto delle camere e altri servizi, che estende la procedura per il confronto sindacale prevista per la prima esternalizzazione anche ai successivi cambi appalti, garantendo il trattamento normativo e economico del contratto nazionale del settore sottoscritto dalle organizzazioni sindacali e datoriali comparativamente più rappresentative del settore. Prevista, per la prima volta, una norma anche per l’internalizzazione di tali servizi e l’introduzione di nuovi profili professionali nel sistema di classificazione del personale, in risposta all’evoluzione dei modelli organizzativi di impresa.\r\n\r\nIl documento include inoltre il rilancio della contrattazione di secondo livello da rendere effettivamente esigibile e introduce un elemento economico di garanzia, fino a 186 euro, qualora, nonostante la presentazione di una piattaforma, non venga definito un accordo integrativo entro il 31 ottobre 2026. Rilevanti pure le misure in tema di parità di genere, con la valorizzazione delle tematiche relative alle pari opportunità e all’inclusione: è stata in particolare istituita la figura di rappresentanza garante della parità e la commissione permanente dedicata in seno all’Ente bilaterale di settore. Sono state inoltre introdotte forme di partecipazione delle lavoratrici e dei lavoratori alla vita dell’impresa, mirate a favorire il cambiamento e il benessere sui luoghi di lavoro, anche in un’ottica di genere.\r\nTutela della genitorialità e parità di genere\r\nTra gli altri punti qualificanti dell'accordo, la tutela della genitorialità, con l’integrazione fino al raggiungimento del 100% della retribuzione in occasione del pagamento della tredicesima e della quattordicesima mensilità, maturata durante i periodi di congedo di maternità obbligatorio e congedo di paternità, obbligatorio e facoltativo. Sul contrasto alla discriminazione, alla violenza e alle molestie è stato definito un nuovo articolato contrattuale che amplia le tutele, migliorando le misure previste per il sostegno delle donne vittime di violenza di genere, con tre mesi più ulteriori tre mesi di congedo retribuito al 100% per le lavoratrici inserite in percorsi di protezione debitamente certificati dai servizi sociali del comune di residenza, dai centri antiviolenza o dalle case rifugio.\r\n\r\nSul fronte del welfare contrattuale, l’intesa stabilisce un aumento del contributo di 3 euro destinato al fondo di assistenza sanitaria integrativa di settore, il fondo Fast. Rafforzata, infine, la penalità prevista a carico delle aziende che non siano in regola con l’iscrizione al fondo dei lavoratori, per i quali, in questo caso, scatta un ulteriore elemento distinto della retribuzione.\r\nQuattro, lunghi anni di trattative\r\nLe trattative erano iniziate il 27 febbraio 2020, pochi giorni prima del grande lockdown, l’inizio di una tempesta che ha sconvolto la vita degli italiani, con un impatto devastante sull’economia del turismo. Alle ferite inferte dalla pandemia si sono poi aggiunti ulteriori danni, provocati dall'impennata dei prezzi dell'energia, dalle guerre e dalle tensioni geopolitiche e da eventi metereologici avversi.\r\n\r\n“Per circa tre anni - sottolinea Bernabò Bocca, presidente di Federalberghi - le parti sociali hanno dovuto conferire priorità alla gestione dell’emergenza, per tutelare la sopravvivenza delle imprese e dei posti di lavoro. Oggi, con un mercato che è tornato in condizioni di normalità, possiamo finalmente volgere lo sguardo al futuro, concentrando l’attenzione sulle misure che sostengono lo sviluppo. Questo accordo realizza il giusto equilibrio tra le esigenze dei lavoratori e quelle delle imprese, sia sul versante economico sia su quello normativo.\r\n\r\n\"Mi piace, in particolare, sottolineare che le parti, oltre a definire lo sviluppo delle retribuzioni per i prossimi quattro anni, hanno investito su un pacchetto di istituti volti a rendere più attrattivo il lavoro nel turismo, tra cui spiccano le soluzioni in favore delle donne e dei giovani, di strategica importanza per un settore in cui il 55% degli occupati è di sesso femminile e il 48% dei lavoratori ha meno di quarant’anni.”\r\n\r\nSoddisfazione è stata espressa anche dai sindacati di categoria Filcams Cgil, Fisascat Cisl, Uiltucs: «Questo accordo rappresenta un importante passo avanti per il settore, ottenuto anche grazie alla mobilitazione delle lavoratrici e dei lavoratori. Siamo riusciti a ottenere un significativo riconoscimento economico e le nuove tutele introdotte testimoniano il nostro impegno per migliorare le condizioni di vita, per preparare il settore ad affrontare le sfide future con maggiore equità e inclusione, nonché per la valorizzazione e la dignità del lavoro nel settore turistico ricettivo e alberghiero».","post_title":"Rinnovato il Ccnl turismo Federalberghi - Faita con Cgil, Cisl e Uil","post_date":"2024-07-05T12:47:27+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1720183647000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"470762","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":" Continuare a crescere: questo l'imperativo di Antonino Turicchi, presidente di Ita Airways, dopo l'annuncio ufficiale dell'approvazione da parte della Commissione europea dell’operazione di cessione a Lufthansa di una quota del 41% della partecipazione del Mef nel vettore italiano.\r\n\r\n“Oggi chiudiamo una storica e annosa vicenda. Possiamo dire agli italiani che non ci metteremo più un euro delle loro tasse\" afferma il ministro dell'economia Giancarlo Giorgetti, “Ita nasce proprio per mettere fine agli aiuti di Stato” concessi nel passato ad Alitalia e che sono costati agli italiani soldi delle loro tasse\".\r\n\r\n«Questa è una giornata importante - ha sottolineato ieri Turicchi, a margine della conferenza stampa che si è svolta Roma, presso il Ministero dell’Economia e delle Finanze - perché dopo circa un anno di negoziazioni siamo riusciti ad avere il via libera da parte della Commissione europea. Questo ci darà ulteriore forza e convincimento nel poter portare avanti l’operazione attraverso l’aumento del capitale».\r\nRafforzamento\r\nAumento di capitale che permetterà di «rafforzarci dal punto di vista finanziario e, grazie al supporto commerciale, ci consentirà di continuare a crescere e portare avanti il piano industriale».\r\n\r\nIl presidente di Ita ha inoltre sottolineato come il via libera dell'Ue «oltre a rappresentare un virtuoso esempio di consolidamento nell’industria del trasporto aereo, costituisce un passaggio fondamentale nello sviluppo di Ita» che «entrerà a far parte di uno dei maggiori gruppi mondiali dell’aviazione, garantendo in questo modo al Paese maggiore connettività».\r\n\r\nGrazie a questa operazione “i passeggeri italiani vincono perché avranno migliori connessioni e più competitività”, ha sottolineato l’amministratore delegato di Lufthansa Spohr.\r\n\r\n[gallery ids=\"470773,470775,470768\"]","post_title":"Ita. Giorgetti: \"Mai più aiuti di Stato\". Turicchi: \"continueremo a crescere»","post_date":"2024-07-04T10:43:41+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1720089821000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"470718","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L'attesa è finita: come annunciato un paio di giorni fa, oggi 3 luglio, la Commissione europea ha ufficialmente approvato le nozze tra Ita Airways e Lufthansa. Il via libera all’operazione, come più volte previsto, prevede condizioni a tutela della concorrenza sull'aeroporto di Milano Linate, sulle rotte di corto raggio tra l’Italia e l’Europa centrale, e sulle rotte di lungo raggio tra Roma Fiumicino e il Nord America con l’apertura ai competitor.\r\nIl gruppo tedesco guidato da Carsten Spohr acquisirà quindi una quota del 41% della compagnia aerea italiana dal Tesoro, attraverso un aumento di capitale di 325 milioni di euro, per poi salire in una seconda fase - entro il 2033 - al 100% della newco, per un investimento totale di 829 milioni.\r\n\r\nVestager\r\n«Abbiamo valutato con molta attenzione» l’operazione, ha dichiarato Margrethe Vestager, Commissario europeo per la concorrenza. «Era necessario evitare che i passeggeri finissero per pagare di più o ritrovarsi con servizi di trasporto aereo minori e di qualità inferiore su determinate rotte in entrata e in uscita dall’Italia. Il pacchetto di rimedi proposto da Lufthansa e dal Mef risponde pienamente alle nostre preoccupazioni in materia di concorrenza garantendo che rimanga un livello sufficiente di pressione concorrenziale su tutte le rotte pertinenti».\r\nUna volta che le due parti avranno concretizzato i rimedi a garanzia della concorrenza - entro i prossimi 4 mesi -, ci sarà il closing dell'accordo con l’aumento di capitale, le modifiche statutarie, la nomina di un nuovo consiglio d'amministrazione (3 membri, incluso il presidente, spettano al Mef, 2 a Lufthansa che nominerà il ceo) e il via al piano di rilancio. Piano che porterà al cambio di alleanza per Ita - da SkyTeam a Star Alliance - e alla richiesta di ingresso degli italiani nella joint venture transatlantica A++ che vede in partnership Lufthansa con United Airlines ed Air Canada.\r\nSphor\r\n\"L'approvazione di Bruxelles è un'ottima notizia per Ita Airways e Lufthansa e soprattutto per tutti i passeggeri che volano da e per l'Italia. Siamo impazienti di dare presto il benvenuto a Ita Airways e ai suoi eccellenti dipendenti come nuovo membro della nostra famiglia di compagnie aeree. La decisione è anche un chiaro segnale per un traffico aereo forte in Europa, che può affermarsi con successo nella competizione globale.” dichiara Carsten Spohr, ceo del Gruppo Lufthansa.","post_title":"Ita-Lufthansa: l'attesa è finita, l'Ue ha ufficializzato il matrimonio","post_date":"2024-07-03T12:09:57+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1720008597000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"470568","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Connettere la comunità locale e internazionale, tenere traccia, tramite una lettura artistica, dei volti e delle storie di chi quotidianamente vive Pordenone e l’hotel. È l’obiettivo di Guest, progetto nato dall'iniziativa del Best Western Plus Park Hotel Pordenone e di Valentina Iaccarino, che ora diventa installazione fotografica permanente.\r\n\r\n“Siamo emozionati e orgogliosi di questa iniziativa artistica. Ancora grazie a ospiti, clienti e collaboratori per essersi prestati a posare e a chi ha cooperato per realizzarla - dichiara Francesco de Felice, proprietario dell’hotel –. Da sempre cerchiamo di rendere unica e memorabile la permanenza nel nostro albergo e poterlo fare attraverso l’arte è fantastico”.\r\n\r\nGuest mette in particolare in luce una selezione di ritratti fotografici che ritraggono diversi ospiti dell'hotel, immortalati tra il 2016 e il 2019. Insieme a nomi illustri della politica e del giornalismo italiano, davanti all’obiettivo si sono alternati creativi, registi, fotografi, scrittori, poeti da ogni parte del mondo, ma anche manager, professionisti e collaboratori. I ritratti fotografici realizzati rappresentano così una nuova modalità di raccontare la diversità di situazioni, stili di vita, storie e personalità che si trovano a condividere un comune luogo di incontro. L’installazione è costituita da stampe fotografiche di vari formati e da diciotto fogli di provini a contatto, che raccontano, oltre alle persone ritratte, anche le storie degli scatti stessi. L’installazione fotografica permanente rimarrà aperta al pubblico tutti i giorni dalle 18 alle 22. È comunque consigliato contattare in via preliminare la struttura per verificare la disponibilità delle visite.","post_title":"Gli ospiti protagonisti della mostra fotografica Guest del Best Western Plus Park di Pordenone","post_date":"2024-07-02T09:41:56+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1719913316000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"470360","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Emmer Guerra è il nuovo destination director di Glamour Tour Operator. Guerra vanta oltre 30 anni di esperienza nel settore turistico, avendo ricoperto ruoli di crescente responsabilità in aziende di primo piano come Nicolaus, Bluvacanze, Amadeus Italia, Alpitour e Hotelplan Italia. Nella sua ultima posizione come responsabile del prodotto estero per il gruppo Nicolaus, ha gestito con successo i quattro marchi del gruppo (Nicolaus, Valtur, Turchese e Raro), contribuendo all'espansione del portfolio in destinazioni esclusive come Maldive, Mauritius e Zanzibar.\r\n\r\nDurante il suo mandato come brand manager presso Going - Gruppo Msc/Bluvacanze, Guerra ha inoltre guidato il rilancio del brand, incrementandone significativamente il fatturato. Guerra ha poi ricoperto il ruolo di product marketing team manager presso Amadeus Italia, per cui ha supervisionato lo sviluppo e il lancio di prodotti It avanzati. La sua nomina rappresenta un passo significativo per Glamour, che mira a rafforzare ulteriormente la propria offerta di viaggi di lusso e a espandere il proprio raggio d'azione globale. “Sono entusiasta di unirmi a Glamour Tour Operator e di contribuire alla crescita di un'azienda già rinomata per la qualità e l'innovazione dei suoi servizi - commenta lo stesso Emmer Guerra - Collaborare con l'affiatato team del to sarà lo stimolo giusto per esplorare nuove opportunità e raggiungere nuovi obiettivi”.","post_title":"Emmer Guerra nuovo destination director di Glamour Tour Operator","post_date":"2024-06-27T15:28:21+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1719502101000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"470262","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_470268\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Da sinistra, Silvio Pippobello, ad di Sogeaal e Alessio Quaranta, direttore generale Enac[/caption]\r\n\r\nRotta tracciata per lo sviluppo dell'aeroporto di Alghero con la firma del contratto di programma tra la società di gestione, Sogeaal ed Enac.\r\n\r\n«Lo strumento del Contratto di programma (valido per il periodo regolatorio 2023-2026) concorre alle strategie di sviluppo del trasporto aereo con un ruolo importante nel processo di rilancio dell’economia del Paese - ha commentato il presidente dell’Enac Pierluigi Di Palma -. Garantisce anche il continuo miglioramento dei livelli di sicurezza, l’efficientamento energetico e l’adeguamento agli standard prestazionali europei delle opere aeroportuali realizzate negli scali italiani».\r\n\r\nIl contratto di programma Enac-Sogeaal è il quarto in ordine di tempo (dopo Napoli, Torino e Bologna) a essere sottoscritto dalla definitiva ripresa dei volumi di traffico pre- Covid.\r\n\r\nAlessio Quaranta, direttore generale dell'ente nazionale per l'Aviazione Civile, ha aggiunto: «Auspico che, dopo la complessa fase che ha colpito l’intero comparto, si giunga quanto prima, anche con gli altri soggetti gestori, alla sottoscrizione dei relativi contratti di programma per poter continuare un monitoraggio incisivo sull’attuazione degli impegni assunti dalle stesse società di gestione in sede di progettazione e pianificazione infrastrutturale, nell’ottica di un processo di ammodernamento e sviluppo degli scali aeroportuali nazionali».\r\n\r\nIl piano degli investimenti alla base del contratto con la Sogeaal prevede una serie di interventi volti a ottimizzare la capacità dello scalo con un adeguamento infrastrutturale, sia della parte airside sia di quella landside, con il potenziamento e l’ampliamento del terminal passeggeri, in funzione dei flussi attesi, nell’ottica di un’ampia fruibilità degli spazi e del continuo miglioramento dei servizi offerti ai passeggeri. Importanti investimenti saranno riservati alla viabilità per migliorare l’accessibilità veicolare e aumentare il numero dei posti auto a vantaggio della sicurezza riducendo, al contempo, l’impatto ambientale.\r\n\r\n ","post_title":"Aeroporto Alghero: la Sogeaal firma il contratto di programma con Enac al 2026","post_date":"2024-06-27T09:15:11+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1719479711000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469834","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_416026\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Un momento di vita a bordo di un Orient Express d'antan. Foto del Fonds de dotation Orient Express Heritage[/caption]\r\n\r\nGrandi manovre nel mondo del turismo di lusso. Dopo la news della partnership tra Accor e Lvmh per lo sviluppo del brand Orient Express, un altro dei protagonisti del rilancio dello storico marchio legato all'epoca d'oro delle ferrovie e ora al centro di un sostanzioso aumento di capitale.\r\n\r\nIl gruppo Barletta beneficerà infatti di un'iniezione di 95 milioni di euro, in liquidità e trophy asset, da parte della Fidim, holding di partecipazioni della famiglia Rovati, che in questo modo si assicurerà il 12,5% del capitale sociale dello stesso gruppo Barletta.\r\n\r\nL'operazione, spiega Il Sole 24 Ore, è legata a doppia mandata al supporto degli investimenti nel turismo di lusso. La Fidim vanta infatti una sostanziale esperienza nel mondo del turismo di alta gamma, mentre la società guidata da Paolo Barletta opera da tempo nel segmento dell'hotellerie e dei treni di lusso con la controllata Arsenale.\r\nPartner\r\nQuest'ultima, tra le altre cose, è il partner principale del progetto Orient Express, essendo proprietaria sia dei due hotel in apertura a Roma e a Venezia, La Minerva e Palazzo Dona’ Giovannelli, sia dei sei treni Doce Vita in fase di costruzione, due dei quali debutteranno l'anno prossimo.\r\n\r\nAttualmente l'azionariato di Arsenale è costituito per il 59,24% dal gruppo Barletta, per il 20,44% dalla Annabel Holding di Nicola Bulgari e per il 20,32% dalla società lussemburghese Ita Hotel Investments di Oaktree. Oltre ai progetti Dolce Vita Orient Express, la società ha siglato accordi per iniziative simili con la Saudi Arabia Railways, l’Egypt National Railway, con l’uzbeca O’zbekiston Temir Yo’llari Jsc ed Etihad Rail. Le stime 2024 per Arsenale parlano di ricavi per 24 milioni di euro, destinati tuttavia a balzare fino ai 135 milioni già nel 2025. ","post_title":"Orient Express, grandi manovre: Fidim entra nel gruppo Barletta (Arsenale)","post_date":"2024-06-20T11:41:49+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1718883709000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti