6 February 2023

Federturismo Confindustria, Iorio: urgente l’erogazione di visti online

[ 1 ]

renzo iorio«In vista dell’Expo, che attirerà certamente turisti cinesi, russi e indiani, diventa sempre più urgente – dichiara il presidente di Federturismo Confindustria Renzo Iorio -,  facilitare  il loro ingresso introducendo un servizio di erogazione di visti online che sia in grado di moltiplicarne il numero,  riducendo i costi  e le risorse impiegate». I cinesi con oltre 83 milioni di viaggi  all’estero sono diventati i maggiori fruitori del turismo internazionale. Da soli nel 2012 hanno speso 102 miliardi di dollari superando i mercati turistici tradizionali e consolidati come la Germania e gli Stati Uniti. «L’Expo sarà inoltre l’occasione – conclude Iorio -, per milioni di turisti provenienti dai paesi dal forte potere di acquisto, di visitare l’Italia, dobbiamo quindi farci trovare preparati  ad accoglierli offrendogli anche nuovi supporti digitali come il borsellino elettronico per il tax refund o la carta musei e trasporti digitale».




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438758 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Un viaggio slow, di 15 giorni, declinato in tre modalità diverse per venire incontro ad altrettante ispirazioni differenti, da scegliere a seconda del proprio mood. E' l'Indonesia di KiboTours, che si traduce nei pacchetti Wonderful, Magic e Beautiful, con alcune tappe imprescindibili per tutti gli itinerari: Ubud e Seminyak, a Bali, così come le due notti conclusive del viaggio a Singapore. Nel dettaglio, per il pacchetto Wonderful, il cuore della vacanza al mare si trascorre su una piccola isola tropicale molto accogliente. A Gili Trawangan si soggiorna presso l'hotel Villa Ombak, prima struttura internazionale realizzato qui, che vanta una vista mozzafiato sulle dolci colline di Lombok, sull'imponente monte Rinjani e sulle isole vicine. Una tappa in meno, solo una sosta a Seminyak anziché due, per il tour Magic, che porta direttamente da Ubud a Gili Trawangan. Il programma dà agli ospiti inoltre la possibilità di partecipare nella cittadina dell’interno a un tour privato aperto a sole otto persone (fino a esaurimento posti). Qui si soggiorna all’Alaya Resort da 105 camere. Gli amanti della natura possono infine scegliere l’itinerario Beautiful. Solo in questo viaggio si trascorrono ben sei notti a Labuan Bajo, immaginario luogo di origine della Perla di Labuan, la Marianna di Sandokan. punto di partenza privilegiato per esplorare il vicinissimo arcipelago di Komodo, dove vivono i preistorici rettili noti come dragoni di Komodo, nonché meta ideale per chi desidera fare snorkeling e immersioni. Il soggiorno è all’Angel Island Resort con i suoi soli dieci cottage in stile indonesiano, dove è possibile anche provare trattamenti benessere. [post_title] => L'Indonesia di KiboTours: tre modi diversi di vivere la destinazione [post_date] => 2023-02-06T11:08:22+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1675681702000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438593 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La Compagnie ha realizzato nel 2022 il suo primo utile dal 2014, anno di avvio delle operazioni: 1 milione di euro circa, su ricavi di 70 milioni di euro, il 7% in meno rispetto al 2019. Sono stati 49.000 i passeggeri trasportati nell'anno chiuso lo scorso 31 ottobre, al di sotto quindi dei 76.000 pre-Covid. Ma per l'esercizio in corso l'asticella viene alzata e si punta ad un fatturato di 100 milioni di euro, con utili in crescita. I piani di crescita includono in primis l'ampliamento della flotta: due nuovi aeromobili in arrivo, uno nella prima metà del 2024 e l'altro a inizio 2025, che andranno ad affiancarsi ai due A321neo Lr attualmente in servizio sulle rotte transatlantiche fra Europa e Stati Uniti. Rotte che, "Dopo la tanto attesa riapertura delle frontiere statunitensi l'8 novembre 2021 e l'immediata ripresa del traffico sulla rotta Parigi-New York - ha spiegato il ceo del vettore, Christian Vernet, ripreso da Air Journal - seguita a fine novembre dalla comparsa di Omicron, che ha portato a un'ulteriore stagnazione del traffico sulla rotta, dalla primavera del 2022 hanno registrato una forte accelerazione del numero di passeggeri sui nostri voli, che è proseguita fino all'autunno". Il ceo segnala load factor medi del 75% sulla rotta storica Parigi-New York (con un picco dell'80% da maggio a settembre) come pure il lancio riuscito della Milano-New York inaugurata lo scorso aprile, e il grande successo del volo stagionale Nizza-New York, che ha registrato un load factor medio dell'85%, abbiamo chiuso l'anno fiscale 2021-2022 con un significativo risultato netto positivo, il primo dall'inizio delle nostre operazioni nel 2014". Nei piani di Vernet ci sono il consolidamento delle tre attuali rotte per New York ma anche "l'apertura di una nuova rotta da una nuova città europea entro i prossimi due anni". Attualmente La Compagnie opera collegamenti giornalieri tra Parigi-Orly e New York/Newark, tre voli settimanali sulla rotta stagionale Nizza-New York e quattro frequenze settimanali sulla Milano Malpensa-New York che, visti i risultati, potrebbero diventare giornaliere entro la fine del 2023. [post_title] => La Compagnie centra il suo primo utile annuale. Pronta al raddoppio della flotta [post_date] => 2023-02-03T09:48:12+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1675417692000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438479 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sono sette le novità a marchio Nicolaus Club e una quella Valtur della prossima estate del gruppo di Ostuni capitano dai fratelli Pagliara. Il tutto per un'offerta complessiva di 23 Nicolaus Club, inclusi tre Prime, e dieci resort Valtur, compresi due Escape e l'Italian Lifestyle Collection di Cervinia. Oltre 300, inoltre, le strutture generaliste a marchio Raro e Turchese nel mondo e più di 80 quelle generaliste del mare Italia. Un'offerta variegata, adatta a soddisfare target molto diversi tra loro: da chi è in cerca di un viaggio tutta sostanza e no frills, grazie alle proposte del Turchese, agli amanti delle esperienze upscale, con un soggiorno di tipo sartoriale, legate, in particolate, ai brand Valtur e Raro. Nel mezzo abitano comodamente le famiglie, le coppie in cerca di romanticismo, i senior in viaggio da soli o con i nipoti, gli sport-addicted e gli amanti delle eccellenze gourmet. In tema di novità, la programmazione estiva Valtur, oltre all'inedito prodotto montagna, si arricchisce quest'anno del Sharm el Sheikh Albatros Laguna Vista. In casa Nicolaus Club si annoverano invece le new entry Quattro Lune, a Cala Liberotto, in Sardegna, il Magna Grecia a Metaponto, in Basilicata e il greco Labranda Kiotari Miraluna a Rodi. In Egitto invece arrivano il Sunrise Remal di Sharm El Sheikh, nonché il Prime Sunrise Remal Beach e il Three Corners Sea Beach a Marsa Alam. Infine, in Spagna, si aggiunge a Palma di Mallorca il Sol Barbados. “Prendendo in considerazione dettagliatamente la programmazione, il fattore che ci dà maggior soddisfazione, oltre alla qualità, frutto di un costante lavoro di scouting, è la capacità di coprire ottimamente sia aree geografiche diverse, sia differenti segmenti di mercato - spiega il direttore prodotto del gruppo Nicolaus, Gaetano Stea -. Abbiamo lavorato e stiamo lavorando per situarci con sempre maggiore evidenza nell’ambito del posizionamento upscale, soprattutto con il brand alberghiero Valtur ma, come abbiamo sempre fatto, crediamo che sia importante presidiare ambiti differenti ed essere in grado di interfacciarsi in modo convincente con più target. Come è nelle nostre corde, ingenti le risorse dedicate anche al piano trasporti, che si moltiplicano con le opzioni del dynamic packaging, pensate anche per uscire dalla logica dei multipli settimanali”. [post_title] => Sette nuovi Nicolaus Club e una new entry Valtur per l'estate del gruppo di Ostuni [post_date] => 2023-02-02T09:50:58+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1675331458000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438373 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Un portale aggiornato, ancora più ricco di immagini e video, per iniziare l'anno italiano di Avalon Waterways, che inaugura il 2023 del mercato tricolore puntando su un concept slow tourism, supportato da incentivi e policy ad hoc dedicate alla catena distributiva nazionale. “Con il nostro prodotto di itinerari su Reno, Danubio e Mosella, nonché sui canali tra Olanda e Belgio, intendiamo rispondere a un’esigenza che, via via, è andata affiorando in questo ultimo anno, soprattutto a seguito di quanto abbiamo vissuto con la pandemia. Ovvero la voglia di ritmi più lenti, di assaporare appieno quanto si sta vivendo, di un luogo cui abbandonarsi perché sono gli altri a prendersi cura di noi. Ecco, una crociera fluviale con noi è tutto questo – spiega Barbara Baldini, product manager and sales European markets di Avalon Waterways –: un calmo fluire di piaceri alla scoperta degli angoli più affascinanti d’Europa. La nostra parola d’ordine è relax: tutto scorre lentamente per permettere ai nostri ospiti di vivere intensamente ogni momento”. Dal punto di vista commerciale, è quindi già partita la campagna Early booking, che prevede uno sconto di 750 euro a persona su tutte le partenze 2023, prenotando entro il prossimo 31 marzo. “E’ importante che gli agenti sappiano che avremo cinque partenze tra Reno e Danubio tutte in lingua italiana (sul Reno: 10 giugno, 08 luglio, 05 agosto, mentre sul Danubio 15 agosto e 30 ottobre). A queste se ne aggiungono altre 15, che sono un mix italiano/inglese", sottolinea sempre Barbara Baldini. Ma crescono anche i numeri di chi viaggia da solo e, a questo proposito, Avalon Waterways in Italia ha deciso di ridurre al 30% il supplemento singola, al contempo rilanciando una politica gruppi ben precisa. "Si tratta – conclude Barbara Baldini – della 20-20-20: commissione al 20%, ogni 20 paganti il 21esimo è free; infine, supplemento singola al 20% se l’individuale è parte del gruppo. In questa maniera, da un lato, agevoliamo le vendite individuali, offrendo un prezzo adeguato a chi sta in cabina da solo e, dall’altro, proponiamo le nostre crociere anche a piccoli gruppi incentive, al business travel o a gruppi familiari estesi”. [post_title] => Avalon Waterways: concept slow tourism per conquistare il mercato italiano [post_date] => 2023-02-01T09:25:53+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1675243553000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438333 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_412861" align="alignleft" width="217"] Maria Carmela Colaiacovo[/caption] Un ulteriore plafond dedicato di 2 miliardi di euro a sostegno delle imprese del settore, in particolare di quelle che presenteranno progetti in linea con gli obiettivi del Fondo rotativo imprese appena attivato dal ministero del Turismo. In coerenza con le finalità e gli obiettivi del Fri-Tur, l’accordo promosso dal responsabile della divisione banca dei territori di Intesa Sanpaolo, Stefano Barrese, e dalla presidente dell’Associazione italiana Confindustria alberghi, Maria Carmela Colaiacovo, si propone di accompagnare le imprese nella riqualificazione e nell’aumento degli standard qualitativi delle strutture ricettive tricolori, secondo principi di sostenibilità ambientale e la digitalizzazione del modello di servizio. Il tutto con strumenti dedicati messi a disposizione dalla banca, al fine di favorire un salto di qualità dell’offerta turistica nazionale e di attrarre di conseguenza maggiori flussi turistici. “Dal 2020 a oggi il nostro gruppo ha erogato al settore turistico nuova finanza per 6,7 miliardi di euro - spiega lo stesso Barrese -. Come prima banca del Paese siamo fortemente impegnati nel sostegno alle imprese del comparto, attivando sia accordi come quello con Confindustria Alberghi, sia misure anche straordinarie, come l’adesione al medesimo Fondo rotativo per il turismo o plafond finanziari finalizzati alla gestione delle emergenze e al mantenimento dello slancio agli investimenti, in particolare verso obiettivi Esg e di digitalizzazione. L'idea è quella di favorire la competitività dell’intero sistema, cogliendo tutte le opportunità che il Pnrr concentra sul settore turistico, insieme a una nuova proposta di ospitalità attenta alle esigenze degli utenti e alla salvaguardia dell’ambiente”. “Il rinnovo dell'accordo tra Confindustria Alberghi e Intesa Sanpaolo è di grande importanza per le nostre imprese - aggiunge Maria Carmela Colaiacovo -. Si consolida la collaborazione che sta accompagnando le aziende alberghiere in questa fase così complessa per il settore. Di particolare rilevanza, tra l’altro, gli strumenti dedicati per favorire e sostenere l’accesso al fondo rotativo: una delle misure più importanti del Pnrr turismo”. Intesa Sanpaolo mette inoltre a disposizione gratuitamente delle aziende clienti la piattaforma digitale Incent Now, frutto della collaborazione con Deloitte, che permette di avere informazioni relative alle misure e ai bandi resi pubblici da enti istituzionali nazionali ed europei nell’ambito della pianificazione del Pnrr. Le aziende hanno così la possibilità di individuare rapidamente le migliori opportunità sulla base del proprio profilo (settore di attività, fatturato, territorio) e di raccogliere le informazioni utili per presentare i propri progetti di investimento concorrendo all’assegnazione dei fondi pubblici. Rientrano, tra le altre misure contenute nell’accordo, anche le soluzioni di finanziamento ideate da Intesa Sanpaolo per contribuire al rilancio delle strutture ricettive italiane: Suite Loan, finanziamento pensato per le imprese turistiche che intendono migliorare il proprio posizionamento in termini di qualità della propria struttura ricettiva, attraverso un meccanismo di incentivi economici grazie alla riduzione del tasso a seguito della condivisione di obiettivi di miglioramento; S-Loan Turismo, che mira a incentivare investimenti per la riqualificazione energetica delle strutture alberghiere; D-Loan, per favorire la digitalizzazione del modello di servizio; il servizio di noleggio a supporto del settore turismo attraverso Intesa Sanpaolo Rent Foryou; strumenti e servizi di finanza straordinaria per favorire i processi di crescita e aggregazione attraverso il desk specialistico dedicato al turismo. [post_title] => Accordo Aica - Intesa Sanpaolo: 2 mld al settore turistico in sostegno al Fri-Tur [post_date] => 2023-01-31T12:35:51+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1675168551000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438328 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_437301" align="alignleft" width="300"] Dina Ravera[/caption] Destination Italia, leader nel turismo incoming esperienziale nel segmento Luxury B2B, e Portale Sardegna, specializzata nel settore incoming turistico nella destinazione Sardegna ed anche Puglia, Sicilia e resto d’Italia, entrambe quotate su Euronext Growth Milan, annunciano che i rispettivi consigli di amministrazione hanno approvato il progetto di fusione per incorporazione di Portale Sardegna in Destination Italia. L’operazione è stata approvata in esecuzione dell’accordo vincolante sottoscritto dalle parti in data 25 novembre 2022. L’obiettivo dell’operazione è quello di creare un gruppo leader nel settore incoming Italia, capace di competere nei mercati internazionali B2B e B2C con i principali big player in diversi segmenti, tra i quali il luxury di alta qualità, attraverso la creazione di economie di scala, la valorizzazione degli asset societari e del know-how tecnologico presenti nelle due realtà. Da un punto di vista del mercato, la complementarità tra le due aziende si concretizza nelle grandi opportunità di cross-selling: Destination Italia conta su oltre 1.000 clienti (tour operator internazionali), viaggiatori da oltre 100 paesi ed un network di 10.000 fornitori di servizi turistici locali; Portale Sardegna porta in dote oltre 2,98 milioni di utenti unici annuali ed il network dei Local Expert. Da un punto di vista tecnologico, il portafoglio delle due società è fortemente sinergico. Da parte di Destination Italia, la capacità di automazione delle prenotazioni (machine learning), il canale distributivo machine-to-machine (xml) e le forti competenze in business intelligence consentiranno di intermediare e gestire prenotazioni massive da parte dei Tour Operator internazionali, insieme alle migliaia di fornitori di servizi turistici sul territorio italiano. Con l’operazione, Portale Sardegna apporterà tecnologie e competenze complementari al patrimonio tecnologico di Destination Italia. Dina Ravera, azionista di riferimento di Destination Italia, ha ricordato che la business combinatio è «un’idea nata circa un anno fa con due obiettivi primari; da un lato offrire una soluzione al problema della frammentazione del mercato degli operatori turistici, dall’altro far crescere il turismo verso il nostro Paese forti di una struttura e di una dimensione in grado di affrontare i mercati internazionali ed i grandi player di settore operanti worldwide». Per Massimiliano Cossu, amministratore delegato di Portale Sardegna, «le due aziende per percorsi diversi maturati nel corso del tempo presentano una complementarietà che di fatto rende questa fusione un matrimonio perfetto in grado di creare benefici per tutti gli stakeholder a partire dai nostri azionisti». La stipula dell’atto di fusione, essendosi verificate tutte le condizioni necessarie al proseguimento dell’operazione, è prevista entro la prima metà del mese di giugno 2023, previo decorso del termine per l’opposizione da parte dei creditori sociali delle due società, ed è subordinata all’approvazione del progetto comune di fusione da parte delle rispettive Assemblee dei soci, previste indicativamente entro il mese di marzo 2023. A seguito del perfezionamento dell’operazione, quindi, il capitale sociale di Destination Italia, come risultante dalla fusione, sarà detenuto per circa il 75% dagli attuali azionisti di Destination Italia e per circa il 25% dagli attuali azionisti di Portale Sardegna, fatto salvo quanto riportato al successivo punto. Gli attuali soci di Portale Sardegna Massimiliano Cossu, Marco Demurtas, Acacia Travel Holding e Flexagon contestualmente alla stipula dell’atto di fusione, si obbligheranno a sottoscrivere un accordo di lock-up avente ad oggetto il 90% delle azioni di Destination Italia che saranno assegnate ai medesimi per effetto del perfezionamento dell’Operazione. Tale impegno sarà valido sino alla data dell’Assemblea dei soci di Destination Italia, quale società risultante dall’Operazione, chiamata a deliberare sul bilancio di esercizio chiuso al 31 dicembre 2025. [post_title] => Destination Italia-Portale Sardegna: i cda approvano la fusione [post_date] => 2023-01-31T11:58:11+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1675166291000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438311 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Un gruppo di ex dirigenti di Booking ha lasciato il gruppo per fondare Cruisebound. Il suo obiettivo è rimanere nell'intermediazione delle crociere, ovviamente online, secondo L'Echo Touristique. In realtà lavorano da più di un anno, ma ora hanno dato slancio l'azienda. Cruisebound ha raccolto 12 milioni di euro per lanciare il progetto che è già in corso, seppur lentamente. Nel portale si vende  Costa, MSC, Norwegian, Cunard, Royal Caribbean. Ex dirigenti di Booking e Tripadvisor I dirigenti del progetto sono Jeff Boyd, ex capo di Booking Holdings, e Steve Kaufer, ex ceo e fondatore di TripAdvisor. Cruisebound è in fase di test da un anno. Periodo in cui il 91% delle prenotazioni è stato effettuato tramite cellulare. La piattaforma ha sede a New York e innova anche dal punto di vista aziendale. Infatti non ha una vera e propria sede, ma i suoi team lavorano in telelavoro ovunque si trovino, in qualsiasi parte del mondo. L'obiettivo, ovviamente, è quello di diventare un Booking per crociere, per il quale il grande lavoro è quello di digitalizzare e permettere la visualizzazione dei prodotti che si vendono, un processo che è a buon punto. [post_title] => Cruisebound, la vera minaccia per le agenzie che vendono crociere [post_date] => 2023-01-31T10:44:23+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( [0] => topnews ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Top News ) ) [sort] => Array ( [0] => 1675161863000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438241 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Prosegue il progetto di riposizionamento dell'offerta del toscano Castelfalfi in chiave luxury. Il resort acquisito a maggio 2021 dal miliardario indonesiano di origini indiane Sri Prakash Lohia annuncia infatti il proprio ingresso nel circuito esclusivo griffato Virtuoso, in vista dell'avvio di stagione 2023. L'ambizioso piani di investimenti che riguarda la proprietà ha già visto l'anno scorso l'implementazione di una serie di cambiamenti strutturali e nel design, nonché di servizi ed esperienze inediti, fra cui i nuovi Kids Club e Parco Avventura. Tali interventi hanno permesso alla struttura di crescere esponenzialmente in America e di consolidare la propria posizione sui mercati nazionale, tedesco e del Regno Unito, anche per quanto riguarda il segmento golfistico. Numerose le novità previste pure per la stagione in arrivo, grazie alla collaborazione con designer di fama internazionale scelti per il restyling delle suite al Toscana Resort Castelfalfi, la creazione di nuove signature suite, nonché il rinnovamento della spa e la progettazione del nuovo ristorante dell'hotel. [post_title] => Castelfalfi entra nel circuito Virtuoso. Prosegue il riposizionamento in chiave luxury del resort [post_date] => 2023-01-30T13:38:16+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1675085896000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437945 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Nuovo scatto di Ryanair sul Veneto da dove, per l'estate, decolleranno 22 nuove rotte (85 in totale) dagli aeroporti di Treviso, Venezia e Verona; è previsto anche un aumento delle frequenze su 17 rotte già esistenti. La low cost baserà anche un ulteriore aeromobile a Venezia, con un investimento di 100 milioni di dollari e l'aggiunta di 30 posti di lavoro. Diventano quindi sei i velivoli posizionati sull'area, di cui 4 a Venezia e 2 a Treviso. Per la summer aumenteranno del 10% i voli da Verona e complessivamente i collegamenti settimanali saranno 850.  Ulteriori investimenti sul Veneto sono subordinati al fatto che il Comune di Venezia riconsideri il suo progetto di introdurre una nuova tassa di 2,5 euro (per ogni passeggero in partenza) a partire da aprile 2023. "Il Comune dovrebbe mettere al primo posto l'economia ed il turismo locali, eliminare questa tassa e consentire a Ryanair di continuare a crescere con impatto positivo sui posti di lavoro/sull’occupazione e il turismo - spiega una nota della low cost -. Questa nuova tassa, che si aggiunge all’addizionale comunale pari a 6,5 euro (per ogni passeggero in partenza), non solo renderebbe Venezia non competitiva rispetto ad altre destinazioni Ue, ma impedirebbe alle compagnie aeree, come Ryanair, di investire e crescere ulteriormente; spostando invece la crescita verso altri aeroporti più efficienti dal punto di vista dei costi. "La velocità con cui Ryanair ha saputo intercettare la ripresa del mercato in post pandemia è stata determinante per il recupero del traffico degli aeroporti veneti nel 2022, contribuendo per oltre il 30% ai 15 milioni di passeggeri complessivi che hanno utilizzato gli scali di Venezia, Treviso e Verona, ricoprendo la posizione di primo vettore su tutti e tre gli aeroporti - ha sottolineato il direttore commerciale e marketing aviation del Gruppo Save, Camillo Bozzolo -. La potenzialità del nostro territorio ha dimostrato ancora una volta, nonostante il periodo difficile, la sua resilienza e le ampie opportunità di crescita, soprattutto in relazione a nuovi mercati internazionali pronti ad esprimere il loro interesse per il Nord Est”. Nel dettaglio le nuove rotta da Venezia sono: Alghero, Brindisi, Berlino, Birmingham, Bordeaux, Bournemouth, Bristol, Colonia, Dublino, Edinburgo, Lamezia e Manchester. Da Verona si volerà anche verso Cork, Crotone, Danzica, Katowice, Marsiglia, Minorca, Santander, Tallin, Tolosa e Saragoza. [post_title] => Ryanair accelera dal Veneto con 22 nuove rotte. Salgono a sei i velivoli basati nella regione [post_date] => 2023-01-25T15:33:59+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674660839000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "federturismo confindustria iorio urgente lerogazione visti online" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":86,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":536,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438758","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Un viaggio slow, di 15 giorni, declinato in tre modalità diverse per venire incontro ad altrettante ispirazioni differenti, da scegliere a seconda del proprio mood. E' l'Indonesia di KiboTours, che si traduce nei pacchetti Wonderful, Magic e Beautiful, con alcune tappe imprescindibili per tutti gli itinerari: Ubud e Seminyak, a Bali, così come le due notti conclusive del viaggio a Singapore.\r\n\r\nNel dettaglio, per il pacchetto Wonderful, il cuore della vacanza al mare si trascorre su una piccola isola tropicale molto accogliente. A Gili Trawangan si soggiorna presso l'hotel Villa Ombak, prima struttura internazionale realizzato qui, che vanta una vista mozzafiato sulle dolci colline di Lombok, sull'imponente monte Rinjani e sulle isole vicine.\r\n\r\nUna tappa in meno, solo una sosta a Seminyak anziché due, per il tour Magic, che porta direttamente da Ubud a Gili Trawangan. Il programma dà agli ospiti inoltre la possibilità di partecipare nella cittadina dell’interno a un tour privato aperto a sole otto persone (fino a esaurimento posti). Qui si soggiorna all’Alaya Resort da 105 camere.\r\n\r\nGli amanti della natura possono infine scegliere l’itinerario Beautiful. Solo in questo viaggio si trascorrono ben sei notti a Labuan Bajo, immaginario luogo di origine della Perla di Labuan, la Marianna di Sandokan. punto di partenza privilegiato per esplorare il vicinissimo arcipelago di Komodo, dove vivono i preistorici rettili noti come dragoni di Komodo, nonché meta ideale per chi desidera fare snorkeling e immersioni. Il soggiorno è all’Angel Island Resort con i suoi soli dieci cottage in stile indonesiano, dove è possibile anche provare trattamenti benessere.","post_title":"L'Indonesia di KiboTours: tre modi diversi di vivere la destinazione","post_date":"2023-02-06T11:08:22+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1675681702000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438593","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"La Compagnie ha realizzato nel 2022 il suo primo utile dal 2014, anno di avvio delle operazioni: 1 milione di euro circa, su ricavi di 70 milioni di euro, il 7% in meno rispetto al 2019. Sono stati 49.000 i passeggeri trasportati nell'anno chiuso lo scorso 31 ottobre, al di sotto quindi dei 76.000 pre-Covid. Ma per l'esercizio in corso l'asticella viene alzata e si punta ad un fatturato di 100 milioni di euro, con utili in crescita.\r\n\r\nI piani di crescita includono in primis l'ampliamento della flotta: due nuovi aeromobili in arrivo, uno nella prima metà del 2024 e l'altro a inizio 2025, che andranno ad affiancarsi ai due A321neo Lr attualmente in servizio sulle rotte transatlantiche fra Europa e Stati Uniti.\r\n\r\nRotte che, \"Dopo la tanto attesa riapertura delle frontiere statunitensi l'8 novembre 2021 e l'immediata ripresa del traffico sulla rotta Parigi-New York - ha spiegato il ceo del vettore, Christian Vernet, ripreso da Air Journal - seguita a fine novembre dalla comparsa di Omicron, che ha portato a un'ulteriore stagnazione del traffico sulla rotta, dalla primavera del 2022 hanno registrato una forte accelerazione del numero di passeggeri sui nostri voli, che è proseguita fino all'autunno\".\r\n\r\nIl ceo segnala load factor medi del 75% sulla rotta storica Parigi-New York (con un picco dell'80% da maggio a settembre) come pure il lancio riuscito della Milano-New York inaugurata lo scorso aprile, e il grande successo del volo stagionale Nizza-New York, che ha registrato un load factor medio dell'85%, abbiamo chiuso l'anno fiscale 2021-2022 con un significativo risultato netto positivo, il primo dall'inizio delle nostre operazioni nel 2014\".\r\n\r\nNei piani di Vernet ci sono il consolidamento delle tre attuali rotte per New York ma anche \"l'apertura di una nuova rotta da una nuova città europea entro i prossimi due anni\". Attualmente La Compagnie opera collegamenti giornalieri tra Parigi-Orly e New York/Newark, tre voli settimanali sulla rotta stagionale Nizza-New York e quattro frequenze settimanali sulla Milano Malpensa-New York che, visti i risultati, potrebbero diventare giornaliere entro la fine del 2023.","post_title":"La Compagnie centra il suo primo utile annuale. Pronta al raddoppio della flotta","post_date":"2023-02-03T09:48:12+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1675417692000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438479","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Sono sette le novità a marchio Nicolaus Club e una quella Valtur della prossima estate del gruppo di Ostuni capitano dai fratelli Pagliara. Il tutto per un'offerta complessiva di 23 Nicolaus Club, inclusi tre Prime, e dieci resort Valtur, compresi due Escape e l'Italian Lifestyle Collection di Cervinia. Oltre 300, inoltre, le strutture generaliste a marchio Raro e Turchese nel mondo e più di 80 quelle generaliste del mare Italia. Un'offerta variegata, adatta a soddisfare target molto diversi tra loro: da chi è in cerca di un viaggio tutta sostanza e no frills, grazie alle proposte del Turchese, agli amanti delle esperienze upscale, con un soggiorno di tipo sartoriale, legate, in particolate, ai brand Valtur e Raro. Nel mezzo abitano comodamente le famiglie, le coppie in cerca di romanticismo, i senior in viaggio da soli o con i nipoti, gli sport-addicted e gli amanti delle eccellenze gourmet.\r\n\r\nIn tema di novità, la programmazione estiva Valtur, oltre all'inedito prodotto montagna, si arricchisce quest'anno del Sharm el Sheikh Albatros Laguna Vista. In casa Nicolaus Club si annoverano invece le new entry Quattro Lune, a Cala Liberotto, in Sardegna, il Magna Grecia a Metaponto, in Basilicata e il greco Labranda Kiotari Miraluna a Rodi. In Egitto invece arrivano il Sunrise Remal di Sharm El Sheikh, nonché il Prime Sunrise Remal Beach e il Three Corners Sea Beach a Marsa Alam. Infine, in Spagna, si aggiunge a Palma di Mallorca il Sol Barbados.\r\n\r\n“Prendendo in considerazione dettagliatamente la programmazione, il fattore che ci dà maggior soddisfazione, oltre alla qualità, frutto di un costante lavoro di scouting, è la capacità di coprire ottimamente sia aree geografiche diverse, sia differenti segmenti di mercato - spiega il direttore prodotto del gruppo Nicolaus, Gaetano Stea -. Abbiamo lavorato e stiamo lavorando per situarci con sempre maggiore evidenza nell’ambito del posizionamento upscale, soprattutto con il brand alberghiero Valtur ma, come abbiamo sempre fatto, crediamo che sia importante presidiare ambiti differenti ed essere in grado di interfacciarsi in modo convincente con più target. Come è nelle nostre corde, ingenti le risorse dedicate anche al piano trasporti, che si moltiplicano con le opzioni del dynamic packaging, pensate anche per uscire dalla logica dei multipli settimanali”.","post_title":"Sette nuovi Nicolaus Club e una new entry Valtur per l'estate del gruppo di Ostuni","post_date":"2023-02-02T09:50:58+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1675331458000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438373","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Un portale aggiornato, ancora più ricco di immagini e video, per iniziare l'anno italiano di Avalon Waterways, che inaugura il 2023 del mercato tricolore puntando su un concept slow tourism, supportato da incentivi e policy ad hoc dedicate alla catena distributiva nazionale.\r\n\r\n“Con il nostro prodotto di itinerari su Reno, Danubio e Mosella, nonché sui canali tra Olanda e Belgio, intendiamo rispondere a un’esigenza che, via via, è andata affiorando in questo ultimo anno, soprattutto a seguito di quanto abbiamo vissuto con la pandemia. Ovvero la voglia di ritmi più lenti, di assaporare appieno quanto si sta vivendo, di un luogo cui abbandonarsi perché sono gli altri a prendersi cura di noi. Ecco, una crociera fluviale con noi è tutto questo – spiega Barbara Baldini, product manager and sales European markets di Avalon Waterways –: un calmo fluire di piaceri alla scoperta degli angoli più affascinanti d’Europa. La nostra parola d’ordine è relax: tutto scorre lentamente per permettere ai nostri ospiti di vivere intensamente ogni momento”.\r\n\r\nDal punto di vista commerciale, è quindi già partita la campagna Early booking, che prevede uno sconto di 750 euro a persona su tutte le partenze 2023, prenotando entro il prossimo 31 marzo. “E’ importante che gli agenti sappiano che avremo cinque partenze tra Reno e Danubio tutte in lingua italiana (sul Reno: 10 giugno, 08 luglio, 05 agosto, mentre sul Danubio 15 agosto e 30 ottobre). A queste se ne aggiungono altre 15, che sono un mix italiano/inglese\", sottolinea sempre Barbara Baldini.\r\n\r\nMa crescono anche i numeri di chi viaggia da solo e, a questo proposito, Avalon Waterways in Italia ha deciso di ridurre al 30% il supplemento singola, al contempo rilanciando una politica gruppi ben precisa. \"Si tratta – conclude Barbara Baldini – della 20-20-20: commissione al 20%, ogni 20 paganti il 21esimo è free; infine, supplemento singola al 20% se l’individuale è parte del gruppo. In questa maniera, da un lato, agevoliamo le vendite individuali, offrendo un prezzo adeguato a chi sta in cabina da solo e, dall’altro, proponiamo le nostre crociere anche a piccoli gruppi incentive, al business travel o a gruppi familiari estesi”.","post_title":"Avalon Waterways: concept slow tourism per conquistare il mercato italiano","post_date":"2023-02-01T09:25:53+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1675243553000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438333","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_412861\" align=\"alignleft\" width=\"217\"] Maria Carmela Colaiacovo[/caption]\r\n\r\nUn ulteriore plafond dedicato di 2 miliardi di euro a sostegno delle imprese del settore, in particolare di quelle che presenteranno progetti in linea con gli obiettivi del Fondo rotativo imprese appena attivato dal ministero del Turismo. In coerenza con le finalità e gli obiettivi del Fri-Tur, l’accordo promosso dal responsabile della divisione banca dei territori di Intesa Sanpaolo, Stefano Barrese, e dalla presidente dell’Associazione italiana Confindustria alberghi, Maria Carmela Colaiacovo, si propone di accompagnare le imprese nella riqualificazione e nell’aumento degli standard qualitativi delle strutture ricettive tricolori, secondo principi di sostenibilità ambientale e la digitalizzazione del modello di servizio. Il tutto con strumenti dedicati messi a disposizione dalla banca, al fine di favorire un salto di qualità dell’offerta turistica nazionale e di attrarre di conseguenza maggiori flussi turistici.\r\n“Dal 2020 a oggi il nostro gruppo ha erogato al settore turistico nuova finanza per 6,7 miliardi di euro - spiega lo stesso Barrese -. Come prima banca del Paese siamo fortemente impegnati nel sostegno alle imprese del comparto, attivando sia accordi come quello con Confindustria Alberghi, sia misure anche straordinarie, come l’adesione al medesimo Fondo rotativo per il turismo o plafond finanziari finalizzati alla gestione delle emergenze e al mantenimento dello slancio agli investimenti, in particolare verso obiettivi Esg e di digitalizzazione. L'idea è quella di favorire la competitività dell’intero sistema, cogliendo tutte le opportunità che il Pnrr concentra sul settore turistico, insieme a una nuova proposta di ospitalità attenta alle esigenze degli utenti e alla salvaguardia dell’ambiente”.\r\n\r\n“Il rinnovo dell'accordo tra Confindustria Alberghi e Intesa Sanpaolo è di grande importanza per le nostre imprese - aggiunge Maria Carmela Colaiacovo -. Si consolida la collaborazione che sta accompagnando le aziende alberghiere in questa fase così complessa per il settore. Di particolare rilevanza, tra l’altro, gli strumenti dedicati per favorire e sostenere l’accesso al fondo rotativo: una delle misure più importanti del Pnrr turismo”.\r\n\r\nIntesa Sanpaolo mette inoltre a disposizione gratuitamente delle aziende clienti la piattaforma digitale Incent Now, frutto della collaborazione con Deloitte, che permette di avere informazioni relative alle misure e ai bandi resi pubblici da enti istituzionali nazionali ed europei nell’ambito della pianificazione del Pnrr. Le aziende hanno così la possibilità di individuare rapidamente le migliori opportunità sulla base del proprio profilo (settore di attività, fatturato, territorio) e di raccogliere le informazioni utili per presentare i propri progetti di investimento concorrendo all’assegnazione dei fondi pubblici.\r\n\r\nRientrano, tra le altre misure contenute nell’accordo, anche le soluzioni di finanziamento ideate da Intesa Sanpaolo per contribuire al rilancio delle strutture ricettive italiane: Suite Loan, finanziamento pensato per le imprese turistiche che intendono migliorare il proprio posizionamento in termini di qualità della propria struttura ricettiva, attraverso un meccanismo di incentivi economici grazie alla riduzione del tasso a seguito della condivisione di obiettivi di miglioramento; S-Loan Turismo, che mira a incentivare investimenti per la riqualificazione energetica delle strutture alberghiere; D-Loan, per favorire la digitalizzazione del modello di servizio; il servizio di noleggio a supporto del settore turismo attraverso Intesa Sanpaolo Rent Foryou; strumenti e servizi di finanza straordinaria per favorire i processi di crescita e aggregazione attraverso il desk specialistico dedicato al turismo.","post_title":"Accordo Aica - Intesa Sanpaolo: 2 mld al settore turistico in sostegno al Fri-Tur","post_date":"2023-01-31T12:35:51+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1675168551000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438328","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_437301\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Dina Ravera[/caption]\r\n\r\nDestination Italia, leader nel turismo incoming esperienziale nel segmento Luxury B2B, e Portale Sardegna, specializzata nel settore incoming turistico nella destinazione Sardegna ed anche Puglia, Sicilia e resto d’Italia, entrambe quotate su Euronext Growth Milan, annunciano che i rispettivi consigli di amministrazione hanno approvato il progetto di fusione per incorporazione di Portale Sardegna in Destination Italia. L’operazione è stata approvata in esecuzione dell’accordo vincolante sottoscritto dalle parti in data 25 novembre 2022.\r\n\r\nL’obiettivo dell’operazione è quello di creare un gruppo leader nel settore incoming Italia, capace di competere nei mercati internazionali B2B e B2C con i principali big player in diversi segmenti, tra i quali il luxury di alta qualità, attraverso la creazione di economie di scala, la valorizzazione degli asset societari e del know-how tecnologico presenti nelle due realtà.\r\n\r\nDa un punto di vista del mercato, la complementarità tra le due aziende si concretizza nelle grandi opportunità di cross-selling: Destination Italia conta su oltre 1.000 clienti (tour operator internazionali), viaggiatori da oltre 100 paesi ed un network di 10.000 fornitori di servizi turistici locali; Portale Sardegna porta in dote oltre 2,98 milioni di utenti unici annuali ed il network dei Local Expert. Da un punto di vista tecnologico, il portafoglio delle due società è fortemente sinergico.\r\n\r\nDa parte di Destination Italia, la capacità di automazione delle prenotazioni (machine learning), il canale distributivo machine-to-machine (xml) e le forti competenze in business intelligence consentiranno di intermediare e gestire prenotazioni massive da parte dei Tour Operator internazionali, insieme alle migliaia di fornitori di servizi turistici sul territorio italiano. Con l’operazione, Portale Sardegna apporterà tecnologie e competenze complementari al patrimonio tecnologico di Destination Italia.\r\n\r\nDina Ravera, azionista di riferimento di Destination Italia, ha ricordato che la business combinatio è «un’idea nata circa un anno fa con due obiettivi primari; da un lato offrire una soluzione al problema della frammentazione del mercato degli operatori turistici, dall’altro far crescere il turismo verso il nostro Paese forti di una struttura e di una dimensione in grado di affrontare i mercati internazionali ed i grandi player di settore operanti worldwide».\r\n\r\nPer Massimiliano Cossu, amministratore delegato di Portale Sardegna, «le due aziende per percorsi diversi maturati nel corso del tempo presentano una complementarietà che di fatto rende questa fusione un matrimonio perfetto in grado di creare benefici per tutti gli stakeholder a partire dai nostri azionisti».\r\n\r\nLa stipula dell’atto di fusione, essendosi verificate tutte le condizioni necessarie al proseguimento dell’operazione, è prevista entro la prima metà del mese di giugno 2023, previo decorso del termine per l’opposizione da parte dei creditori sociali delle due società, ed è subordinata all’approvazione del progetto comune di fusione da parte delle rispettive Assemblee dei soci, previste indicativamente entro il mese di marzo 2023.\r\n\r\nA seguito del perfezionamento dell’operazione, quindi, il capitale sociale di Destination Italia, come risultante dalla fusione, sarà detenuto per circa il 75% dagli attuali azionisti di Destination Italia e per circa il 25% dagli attuali azionisti di Portale Sardegna, fatto salvo quanto riportato al successivo punto.\r\n\r\nGli attuali soci di Portale Sardegna Massimiliano Cossu, Marco Demurtas, Acacia Travel Holding e Flexagon contestualmente alla stipula dell’atto di fusione, si obbligheranno a sottoscrivere un accordo di lock-up avente ad oggetto il 90% delle azioni di Destination Italia che saranno assegnate ai medesimi per effetto del perfezionamento dell’Operazione. Tale impegno sarà valido sino alla data dell’Assemblea dei soci di Destination Italia, quale società risultante dall’Operazione, chiamata a deliberare sul bilancio di esercizio chiuso al 31 dicembre 2025.","post_title":"Destination Italia-Portale Sardegna: i cda approvano la fusione","post_date":"2023-01-31T11:58:11+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1675166291000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438311","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Un gruppo di ex dirigenti di Booking ha lasciato il gruppo per fondare Cruisebound. Il suo obiettivo è rimanere nell'intermediazione delle crociere, ovviamente online, secondo L'Echo Touristique. In realtà lavorano da più di un anno, ma ora hanno dato slancio l'azienda.\r\n\r\nCruisebound ha raccolto 12 milioni di euro per lanciare il progetto che è già in corso, seppur lentamente. Nel portale si vende  Costa, MSC, Norwegian, Cunard, Royal Caribbean.\r\nEx dirigenti di Booking e Tripadvisor\r\nI dirigenti del progetto sono Jeff Boyd, ex capo di Booking Holdings, e Steve Kaufer, ex ceo e fondatore di TripAdvisor. Cruisebound è in fase di test da un anno. Periodo in cui il 91% delle prenotazioni è stato effettuato tramite cellulare.\r\n\r\nLa piattaforma ha sede a New York e innova anche dal punto di vista aziendale. Infatti non ha una vera e propria sede, ma i suoi team lavorano in telelavoro ovunque si trovino, in qualsiasi parte del mondo.\r\n\r\nL'obiettivo, ovviamente, è quello di diventare un Booking per crociere, per il quale il grande lavoro è quello di digitalizzare e permettere la visualizzazione dei prodotti che si vendono, un processo che è a buon punto.","post_title":"Cruisebound, la vera minaccia per le agenzie che vendono crociere","post_date":"2023-01-31T10:44:23+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":["topnews"],"post_tag_name":["Top News"]},"sort":[1675161863000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438241","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Prosegue il progetto di riposizionamento dell'offerta del toscano Castelfalfi in chiave luxury. Il resort acquisito a maggio 2021 dal miliardario indonesiano di origini indiane Sri Prakash Lohia annuncia infatti il proprio ingresso nel circuito esclusivo griffato Virtuoso, in vista dell'avvio di stagione 2023. L'ambizioso piani di investimenti che riguarda la proprietà ha già visto l'anno scorso l'implementazione di una serie di cambiamenti strutturali e nel design, nonché di servizi ed esperienze inediti, fra cui i nuovi Kids Club e Parco Avventura.\r\n\r\nTali interventi hanno permesso alla struttura di crescere esponenzialmente in America e di consolidare la propria posizione sui mercati nazionale, tedesco e del Regno Unito, anche per quanto riguarda il segmento golfistico. Numerose le novità previste pure per la stagione in arrivo, grazie alla collaborazione con designer di fama internazionale scelti per il restyling delle suite al Toscana Resort Castelfalfi, la creazione di nuove signature suite, nonché il rinnovamento della spa e la progettazione del nuovo ristorante dell'hotel.","post_title":"Castelfalfi entra nel circuito Virtuoso. Prosegue il riposizionamento in chiave luxury del resort","post_date":"2023-01-30T13:38:16+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1675085896000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437945","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Nuovo scatto di Ryanair sul Veneto da dove, per l'estate, decolleranno 22 nuove rotte (85 in totale) dagli aeroporti di Treviso, Venezia e Verona; è previsto anche un aumento delle frequenze su 17 rotte già esistenti. La low cost baserà anche un ulteriore aeromobile a Venezia, con un investimento di 100 milioni di dollari e l'aggiunta di 30 posti di lavoro. Diventano quindi sei i velivoli posizionati sull'area, di cui 4 a Venezia e 2 a Treviso. Per la summer aumenteranno del 10% i voli da Verona e complessivamente i collegamenti settimanali saranno 850. \r\nUlteriori investimenti sul Veneto sono subordinati al fatto che il Comune di Venezia riconsideri il suo progetto di introdurre una nuova tassa di 2,5 euro (per ogni passeggero in partenza) a partire da aprile 2023. \"Il Comune dovrebbe mettere al primo posto l'economia ed il turismo locali, eliminare questa tassa e consentire a Ryanair di continuare a crescere con impatto positivo sui posti di lavoro/sull’occupazione e il turismo - spiega una nota della low cost -. Questa nuova tassa, che si aggiunge all’addizionale comunale pari a 6,5 euro (per ogni passeggero in partenza), non solo renderebbe Venezia non competitiva rispetto ad altre destinazioni Ue, ma impedirebbe alle compagnie aeree, come Ryanair, di investire e crescere ulteriormente; spostando invece la crescita verso altri aeroporti più efficienti dal punto di vista dei costi.\r\n\"La velocità con cui Ryanair ha saputo intercettare la ripresa del mercato in post pandemia è stata determinante per il recupero del traffico degli aeroporti veneti nel 2022, contribuendo per oltre il 30% ai 15 milioni di passeggeri complessivi che hanno utilizzato gli scali di Venezia, Treviso e Verona, ricoprendo la posizione di primo vettore su tutti e tre gli aeroporti - ha sottolineato il direttore commerciale e marketing aviation del Gruppo Save, Camillo Bozzolo -. La potenzialità del nostro territorio ha dimostrato ancora una volta, nonostante il periodo difficile, la sua resilienza e le ampie opportunità di crescita, soprattutto in relazione a nuovi mercati internazionali pronti ad esprimere il loro interesse per il Nord Est”.\r\nNel dettaglio le nuove rotta da Venezia sono: Alghero, Brindisi, Berlino, Birmingham, Bordeaux, Bournemouth, Bristol, Colonia, Dublino, Edinburgo, Lamezia e Manchester.\r\n\r\nDa Verona si volerà anche verso Cork, Crotone, Danzica, Katowice, Marsiglia, Minorca, Santander, Tallin, Tolosa e Saragoza.","post_title":"Ryanair accelera dal Veneto con 22 nuove rotte. Salgono a sei i velivoli basati nella regione","post_date":"2023-01-25T15:33:59+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1674660839000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti