15 April 2024

Mumbo Jumbo assume Coreografi e Ballerini/Ballerine

Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono:
Email: risorseumane@mumbojumbo.it
Provincia: • 
Comune: • , , , ,

Settore: • 
Mansione: • , , ,


Testo dell'annuncio

Mumbo Jumbo ricerca e assume Coreografi e Ballerini da inserire nei propri villaggi turistici con i seguenti requisiti:

– disponibilità al trasferimento e di almeno 2 mesi continuativi
– simpatia, doti comunicative, capacità ad instaurare relazioni interpersonali positive
– buona pratica della danza

Sono gradite e verranno valutate altre eventuali competenze artistiche (acrobatica, tip tap, break e video dance e altro).

La ricerca è rivolta ad ambosessi anche alla prima esperienza.
E’ previsto un contratto a tempo determinato con vitto e alloggio gratuito e altri benefit legati alle attività del gruppo.
Compila il form sul nostro sito internet https://www.mumbojumboentertainment.com/lavora-con-noi/ o invia il tuo CV a risorseumane@mumbojumbo.it.


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465409 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sono 56,8 milioni le presenze legate al fenomeno cicloturismo registrate nel 2023, per un impatto economico di oltre 5,5 miliardi di euro, in crescita del 35% sul 2022 e del 19% sul 2019 (4,6 miliardi). Questi i dati principali del quarto rapporto Isnart - Legambiente, in collaborazione con Bikenomist, Viaggiare con la bici. Lo studio è stato presentato in occasione del forum di apertura della fiera del Cicloturismo, realizzata a Bologna dal 5 al 7 aprile dalla stessa Bikenomist. L'indagine ha anche tracciato il profilo del cicloturista medio: millennial e alto-spendente (95 euro al giorno contro i 59,6 euro al giorno del turista tradizionale, con un reddito che nel 76% dei casi è medio o medio-alto). Il forum ha offerto uno sguardo dal locale all’internazionale, grazie alle esperienze di Toscana, Fiandre e Gran Canaria, nonché alla presenza di 15 buyer europei. Il focus è stato pure sullo sviluppo di nuovi modelli di business e momenti  di formazione dedicati agli hotel, che vogliono aumentare la propria attrattività nei confronti di chi pedala. Per l’occasione è stata anche creata la Guida del Cicloturismo: un elenco di oltre 100 operatori presenti all’evento per favorire il contatto tra i professionisti. Il forum ha quindi successivamente lasciato spazio alla vera e propria fiera, che ha registrato 15 mila partecipanti, confermandosi anche quest’anno piattaforma di incontro tra territori, operatori e per chi sceglie la bicicletta per le proprie vacanze. Un pubblico attento proveniente da tutta Italia quello che ha frequentato i padiglioni dello spazio DumBo e colto spunti dalle aree espositive delle regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Emilia-Romagna, Friuli-Venezia-Giulia, Piemonte, Puglia, Sicilia, Toscana, Veneto e degli oltre 80 operatori intervenuti per proporre nuovi itinerari, servizi e infrastrutture a misura di cicloturismo. Tra le destinazioni estere, Spagna, Catalogna, Gran Canaria, Algarve in Portogallo, Turchia, Fiandre, Croazia, Slovenia, Fiandre in Belgio e Giordania. [post_title] => Alla fiera del Cicloturismo i numeri di un settore in crescita [post_date] => 2024-04-12T11:00:20+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712919620000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465283 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Importante traguardo per il gruppo Nicolaus che raggiunge la certificazione per la parità di genere (Uni/PdR 125:2022). Un risultato che va peraltro inquadrato all'interno di un percorso strategico costantemente attento alla responsabilità sociale d’impresa e volto a incontrare i più alti standard di governance nei confronti di temi come la sostenibilità, la qualità, la sicurezza, la protezione dei dati. La certificazione assume, inoltre, particolare rilevanza in un’organizzazione già proiettata al gender balance, con il 49% delle proprie risorse umane costituito da persone di genere femminile. “La soddisfazione per la certificazione della parità di genere è legata forse più ancora di tutte le altre, seppur molto importanti e fondamentali per arrivare anche a questa, al vedere concretizzati un desiderio e un’ambizione - spiega il direttore risorse umane della compagnia, Alessandro Arborio Mella -: quella di creare un ambiente di lavoro inclusivo e regolato dall’uguaglianza di opportunità. Rappresenta quindi un riconoscimento per l’impegno di tutte le colleghe e i colleghi nel cercare di rendere possibile questa condizione ogni giorno. E la certezza che le persone che lavorano all’interno del nostro gruppo lo facciano in un contesto realmente attento alle loro specificità, capacità ed esigenze”. Se traguardata all’interno di questo perimetro progettuale, la nuova certificazione assume una valenza ancora più articolata poiché rappresenta il coronamento di un approccio aziendale olistico che ha visto Nicolaus conseguire altri significativi attestati come le certificazione qualità (Iso 9001), dei sistemi di gestione per la salute e sicurezza sul lavoro (Iso 45001), di sostenibilità (Iso 14001) e per la protezione dei dati personali (Isdp 10003). Per mettere a fuoco il significato di questo risultato per tutti i comparti aziendali è meritevole di attenzione osservare da vicino l’iter che ha comportato, legato all’analisi di sei macro-aree di valutazione: cultura e strategia, governance, processi hr, opportunità di crescita e inclusione delle donne in azienda, equità remunerativa per genere, tutela della genitorialità e conciliazione vita-lavoro. “Tra gli aspetti rilevanti dell’attenzione alla sostenibilità sociale di Nicolaus figura il mantenimento dei legami con il nostro territorio anche dal punto di vista della creazione di opportunità di impiego eque - sottolinea la direttrice marketing, Sara Prontera -: la certificazione della parità di genere in un’area come quella pugliese, in cui i dati relativi all’occupazione femminile sono sensibilmente più bassi rispetto alla media nazionale e in un Paese tra i primi in Europa per disparità, non è solo un punto di arrivo cruciale, che garantisce la virtuosità del contesto lavorativo per i colleghi e i collaboratori, e del nostro operato per i nostri partner e per i nostri clienti, ma un nuovo e forte punto di partenza. Nonché la dimostrazione di come, attraverso un impegno costante nel cercare di perseguire una buona governance, la parità di genere non solo sia possibile, ma diventi un requisito minimo per la soddisfazione di tutti i dipendenti e un modello di business efficace, che non può più prescindere dalla qualità della vita delle persone”. [post_title] => Al gruppo Nicolaus la certificazione per la parità di genere [post_date] => 2024-04-11T10:02:00+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712829720000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 464996 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La piattaforma leader del buy now pay later sta cambiando il mondo dei viaggi: quello che Matteo Ciccalè definisce: “l’unicorno nell’unicorno”. Il nuovo vice president strategic growth di Scalapay assume oggi un ruolo strategico in diversi segmenti dopo aver sviluppato con successo la divisione travel. Un settore che, inizialmente, sembrava impossibile. «Scalapay è stata fondata nel 2019 da Simone Mancini - racconta Ciccalè - Partita da settori come il fashion e il mondo della casa, nel 2021 ha iniziato un percorso nella travel industry, con la creazione di un vertical dedicato. Per la prima volta un’azienda europea si è concentrata sul mondo dei viaggi. Oggi l’indotto del settore turistico equivale a circa il 10% delle transizioni che Scalapay ha registrato nel 2023, confermandosi come segmento che ha maggiormente contribuito alla crescita della società. Infatti sono 200mila le persone che sono andate in vacanza con Scalapay nel 2023 e siamo in continua crescita. 1000 merchant «Lavoriamo con circa 1000 merchant: hotel, tour operator, parchi di divertimento e trasporti. Ad oggi dalla nostra app abbiamo portato agli esercenti che lavorano con noi oltre 1.6mln di utenti da raggiungere con notifiche, email profilate o pop-up informativi. Questo ci rende un alleato di primo piano per le aziende turistiche, favorendo l’ottimizzazione degli investimenti in operazioni di marketing. Abbiamo infatti fino a 200 spazi presidiabili e oltre 50 gruppi di utenti divisi per comportamento di acquisto. La crescita che abbiamo registrato è del 250%. Una persona su 10 che ha acquistato su Scalapay nel 2023 ha acquistato un servizio viaggi. «Questo per noi è molto importante. Oggi abbiamo raggiunto 5.5mln di clienti e 8mila aziende partner, abbiamo una crescita annuale di clienti del 60% e siamo disponibili in tutta Europa. Cosa ci differenzia dalle altre aziende? - prosegue il vice-president – Innanzitutto siamo italiani. Poi « ci concentriamo su tre mercati del Mediterraneo: Italia, Francia e Spagna. E lo facciamo molto bene, perché abbiamo compreso le abitudini del consumatore Mediterraneo, che perlopiù utilizza le carte di debito. Scalapay è l’unica piattaforma del buy now, pay later ad accettare le carte di debito prepagate e, per farlo, utilizza un particolare algoritmo. «Inoltre siamo stati capaci di creare una community. Non siamo semplicemente un metodo di pagamento, ma aiutiamo i consumatori a godere delle esperienze e dei prodotti che desiderano creando un rapporto di fiducia reciproca. Infatti i consumatori utilizzano la nostra app anche per trovare suggerimenti su quali esercenti, prodotti o servizi poter acquistare. Abbiamo visto che il 70% degli utenti Scalapay è fedele al nostro servizio e ai brand che proponiamo, quindi la piattaforma fa da catalizzatore. Democratico accesso al credito «Scalapay vuole rendere democratico l’accesso al credito non imponendo una rateizzazione fissa su tutte le spese ma lasciando al consumatore la possibilità di accedere a un credito maggiore nel momento in cui ne ha più bisogno, per le spese che pensa siano in linea con le sue necessità. Chi è il viaggiatore Scalapay? - prosegue Ciccalè - È un consumatore che non acquista solamente viaggi ma anche prodotti di bellezza, abbigliamento, prodotti farmaceutici e anche esperienze. Per il 48% è costituito da nuclei famigliari con bambini e millennials, che hanno oggi tra i 35 e i 45 anni. Equamente diviso tra uomini e donne, risiede soprattutto a: Milano, Torino, Roma, Napoli e Palermo. Ed è un consumatore medio/alto spendente, che non rinuncia alla qualità della vacanza. È un cliente che prenota in anticipo e viaggia anche nei periodi di bassa stagione. «Scalapay ora vuole rendere sempre più personalizzate le sue soluzioni dedicate al mondo dei viaggi, per consolidare il proprio ruolo di leader del mercato Tra le soluzioni in arrivo per i partner già attivi ci sono l’incremento dei limiti di credito fino a 5000 euro e la rateizzzazione di acconto e saldo fino a 8 rate totali. Per Scalapay lavorano 140 persone in Italia e 250 nel mondo. Se l’head quarter della società è in Italia, è molto importante la sede di Sidney con un team di sviluppatori, perché - come aggiunge Gabriele Senatore, marketing manager travel dell'azienda .  l’Australia è la patria del buy-now pay-later, un pagamento rateale senza interessi e senza busta paga. Quindi abbiamo preso le menti migliori che l’hanno messo a punto per la prima volta, le abbiamo portate in Scalapay e abbiamo costruito qualcosa di unico per il mercato europeo: uno strumento per l’e-commerce, per il mondo digital, che oggi va sempre più nella direzione del travel, delle esperienze e della vendita fisica». In chiusura le parole di Simone Mancini, ceo di Scalapay: «Celebriamo un incredibile 2023 nel turismo. Il travel è e resterà uno dei focus principali del futuro di Scalapay!   ».    [post_title] => Scalapay: la crescita nel Travel della fintech che guida a una nuova gestione delle finanze personali [post_date] => 2024-04-08T10:56:33+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712573793000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 464811 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => E' un Marco Sansavini che ha «molta fiducia nel futuro» quello che oggi assume ufficialmente il ruolo di presidente di Iberia. Il manager italiano raccoglie il testimone da Fernando Candela, «che ha dovuto affrontare questioni molto importanti e le ha gestite con grande successo, insieme all'intero team. Ciò ha permesso a Iberia di raggiungere nel 2023 i migliori risultati della sua storia» afferma Sansavini. Risultati che la compagnia spagnola punta a consolidare ulteriormente, questa la prima sfida che il neo presidente intende sostenere, sulla scia di quella «trasformazione iniziata con Luis Gallego più di dieci anni fa, che sta dando i suoi frutti». La seconda sfida che Sansavini ritiene di dover affrontare è quella di «allineare Madrid agli altri gli hub del Nord Europa, portando la Spagna e Iberia a far parte della 'Champions League dell'aviazione'. Questo obiettivo può essere raggiunto solo con una compagnia aerea forte che possa collegare la Spagna con molte più destinazioni, da qui l'importanza vitale dell'acquisizione di Air Europa». Iag e Iberia hanno fatto «un'offerta molto ambiziosa per garantire la concorrenza sulle rotte in cui operiamo e confidiamo che la Commissione europea approvi l'operazione, che è fondamentale per la connettività dell'hub di Madrid, per i consumatori, l'occupazione e il turismo e per l'economia spagnola». La terza sfida vede il nuovo presidente concentrarsi sul «garantire la competitività e lo sviluppo futuro delle attività di handling - per le quali Iag sta creando una nuova società - e di manutenzione». «L'azione coesa di tutto il team, di terra e di volo, è stata la chiave del successo di Iberia negli ultimi anni. Per questo voglio chiarire fin dal mio primo giorno alla guida della compagnia che Iberia rispetterà sempre in modo rigoroso gli accordi raggiunti con i rappresentanti dei suoi lavoratori, in tutti i settori, e farà ogni sforzo per consolidare la pace sociale attraverso il buon senso, pilastro fondamentale della sua trasformazione negli ultimi undici anni».   [post_title] => Iberia, Sansavini da oggi al timone della compagnia. Le tre sfide da vincere [post_date] => 2024-04-03T13:39:28+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712151568000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 463673 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Andrea Filippi è il nuovo chief commercial officer di Egnazia Ospitalità Italiana. Il suo incarico, effettivo a partire dal 2 maggio, prevede la responsabilità diretta delle aree sales, revenue management, reservations e development. Filippi vanta un curriculum manageriale di oltre vent'anni nel settore. La sua carriera inizia presso alcuni hotel della costa Smeralda e le strutture del gruppo Ciga a Venezia; prosegue in Thailandia con Amanpuri, il primo resort di Aman, e si consolida a Milano con l’apertura di due alberghi: il Four Seasons e il Park Hyatt. Approda poi a Belmond nel 2005 come director sales & marketing per il portfolio di hotel italiani. Nei primi anni, guida il lancio dell'hotel Caruso e il posizionamento di due asset acquisiti in Sicilia: il Grand Hotel Timeo e Villa Sant'Andrea. Nel 2010, assume il ruolo di executive director worldwide sales. Dal 2017, in qualità di vice president of global sales del gruppo transalpino, Filippi promuove una cultura di collaborazione con le agenzie di viaggio e i partner commerciali del settore turistico, portando a un significativo aumento dei ricavi su tutti i segmenti di mercato e contribuendo alla crescita della brand reputation dell'azienda su scala globale. “Ringrazio Aldo Melpignano (il fondatore nonché managing director della Opco Egnazia, ndr) per la fiducia che ha riposto in me affidandomi un ruolo così strategico e delicato, che rappresenta per me una sfida prestigiosa e avvincente - commenta lo stesso Filippi -. Aldo è uno degli imprenditori più visionari attualmente operativi nel mondo dell’ospitalità. Sono orgoglioso di poter mettere le mie competenze a servizio dei progetti ambiziosi a cui lavoreremo insieme”. Di Egnazia fanno già parte diverse strutture distribuite su tutto il territorio italiano. Oltre ad alcune proprietà della famiglia Melpignano, quali Borgo Egnazia a Savelletri di Fasano e Le Carrube a Ostuni, il gruppo si occupa del management diretto di strutture quali l’hotel Santavenere di Maratea, l’Hotel de Len a Cortina d’Ampezzo, Ostuni a Mare a Rosa Marina, e altre tre aperture previste tra il 2024 e il 2025: una struttura alle porte di Roma, Castel Badia a Brunico e l’hotel Ancora ancora a  Cortina. L’obiettivo è quello di arrivare a un portfolio di venti strutture gestite nei prossimi cinque anni. [post_title] => Andrea Filippi nuovo chief commercial officer di Egnazia Ospitalità Italiana [post_date] => 2024-03-18T10:26:31+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1710757591000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462690 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Nuovo record per il gruppo Starhotels, che ha chiuso il 2023 superando per la prima volta la soglia dei 300 milioni di euro di fatturato: 304 milioni per la precisione, pari al 25% in più rispetto all'anno precedente e su un livello del 28% superiore a quello pre-Covid del 2019. In crescita pure i margini operativi lordi (ebidta) saliti a quota 105 milioni, per un più 31% sul 2022 e un più 67% sul 2019. Un trend di crescita che sarebbe peraltro destinato a proseguire anche quest'anno. La presidente e amministratore delegato della compagnia, Elisabetta Fabri, ha dichiarato infatti al Sole 24 Ore di aspettarsi un ulteriore incremento del 15% del giro d'affari.  Come già annunciato da qualche tempo, proseguono inoltre i piani di espansione di Starhotels, che puntano ora ad andare oltre le acquisizioni dirette per sondare anche strategie asset-light, comprese le affiliazioni in franchising. Attualmente la compagnia opera un totale di 30 strutture, di cui 28 in proprietà. L'obiettivo. ha spiegato sempre Elisabetta Fabri, è ora quello di aggiungere una decina di altri alberghi al proprio portfolio in un paio di anni. Il gruppo starebbe guardando soprattutto alle destinazioni leisure, in particolare a Forte dei Marmi e a Capri, nonché alla Sicilia e alla Puglia. Ma non è esclusa neppure l'opzione montagna, con un occhio di riguardo a Cortina, sede delle prossime Olimpiadi invernali. All'estero, per ora in cantiere non ci sarebbero ulteriori sviluppi, ma il The Michelangelo di New York dovrebbe essere riposizionato dopo un processo di restyling, mentre per il Castille Paris si prevedono ulteriori investimenti. Il 2024 si è aperto inoltre con l'approdo in squadra di Fabrizio Gaggio, che assume giusto oggi ufficialmente il proprio nuovo incarico di co-ceo del gruppo a fianco della stessa Elisabetta Fabri. [post_title] => Numeri record per il 2023 di Starhotels: fatturato oltre i 300 mln [post_date] => 2024-03-04T11:14:45+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709550885000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462500 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => 'Forever Revitalising': questo il claim della prima campagna globale di AlUla, che racchiude l'essenza della destinazione in una prospettiva fresca e autentica, pensata per affascinare i viaggiatori di tutto il mondo. Il progetto data-driven debutta in nove mercati strategici a livello globale, in sei lingue, e sarà integrata su più canali. Eventi di prestigio in cinque grandi città - Dubai, Londra, New York, Parigi, Shanghai e Mumbai – rivolti agli operatori turistici e ai media, daranno il via alla campagna e racconteranno una storia accattivante. «In pochi anni, AlUla si è affermata come una destinazione ambita dai viaggiatori di tutto il mondo - sottolinea Phillip Jones, chief tourism officer della Royal Commission for AlUla -. Tuttavia, Forever Revitalising rappresenta il prossimo capitolo di questo viaggio in continua evoluzione. Grazie a questa campagna, possiamo ampliare ulteriormente il dialogo su un palcoscenico globale e comunicare l’essenza di AlUla, con il suo fascino, i suoi obiettivi e le sue ambizioni". Mettendo in risalto il rinnovamento e la trasformazione, Forever Revitalising si allinea alla visione di AlUla volta a diventare non solo una destinazione ricca di storia, ma anche di futuro. La destinazione presenta una promessa culturale rivitalizzata, invitando i viaggiatori e gli operatori turistici più esigenti a prendere parte alla sua storia unica e in evoluzione. Il video Forever Revitalising, una produzione avvincente del direttore francese della fotografia Bruno Aveillan, assume la forma di un “hero film” di due minuti e trenta secondi. In seguito all'eccezionale lavoro svolto per il video della campagna locale della destinazione nel 2021, Bruno torna in città con una nuova prospettiva: fornire agli spettatori un capolavoro emotivo che metta meticolosamente in evidenza l'essenza di AlUla e la sua promessa attraverso i pilastri della destinazione: storia e patrimonio, arte e cultura, natura, avventura e benessere. La campagna comprende anche una collezione video più brevi, focalizzati sui brand pillar, che mostrano il variegato arazzo di esperienze che la meta ha da offrire. Questi filmati, disponibili in 12 versioni, ciascuno della durata di sei secondi, presentati in varie lingue, accendono i riflettori su siti iconici di AlUla come Hegra, Jabal Ikmah, l'Oasi di AlUla, la Old Town di AlUla, la Riserva Naturale di Sharaan e l’Elephant Rock, e su una varietà di attrazioni, tra cui i voli in mongolfiera, l'ospitalità di lusso, l'arte e l'artigianato locale e la vivace scena gastronomica. Forever Revitalising segna anche i primi passi verso un approccio e un'esperienza digitale omnicanale, integrata e connessa, per una migliore customer journey. La trasformazione digitale di AlUla prevede un sito e-commerce all’avanguardia, un’app mobile e una social media strategy. [gallery ids="462510,462511,462512"] [post_title] => AlUla lancia oggi la sua prima campagna globale 'Forever Revitalising', in 9 mercati [post_date] => 2024-02-29T14:00:15+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709215215000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462275 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Nove itinerari in India e Nepal per assistere al Maha Kumbh Mela di Allahabad, il 3 febbraio 2025. Li propone Kel 12 per chi vuole partecipare al più grande raduno religioso al mondo, che va in scena ogni 12 anni sulle rive del Gange, in una della quattro città più sacre del paese: un rito antichissimo, uno dei più grandi spettacoli umani che esistano, in cui i fedeli arrivano per purificarsi attraverso il bagno nel fiume; milioni di persone che superano divisioni di casta, religione e provenienza. “Niente è come il Maha Kumbh Mela. E per poter vivere questa esperienza, questo viaggio nell’anima più intima e profonda dell’India, abbiamo studiato nove differenti tour che convergeranno tutti ad Allahabad tra il 2 e 3 febbraio - spiega la product manager Kel 12 - Viaggi Levi, Rosanna Locati -. Sette proposte sono già online, mentre altre due sono di prossima uscita e prevedono tour sul Gange a bordo di una barca in esclusiva: viaggi evento nell’evento, con partenza garantita, studiati per poter far scoprire l’anima più autentica e spirituale di questo paese. Ad Allahabad i nostri gruppi, per un totale di 200 persone, avranno la possibilità di sostare per tre giorni in un campo tendato dotato di una tenda-ristorante e di tende con più ambienti, provviste di veri e propri letti, lenzuola, coperte, bagno privato con doccia, veranda ed elettricità. Ogni gruppo manterrà la propria autonomia organizzativa nella gestione delle giornate, tranne che per i momenti dei pasti". [post_title] => Kel 12: nove itinerari per assistere in India al più grande raduno religioso al mondo [post_date] => 2024-02-27T09:25:22+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709025922000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461810 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_461814" align="alignleft" width="300"] Cristina Xercavins, chief people officer di Volotea[/caption] Volotea ha nominato Cristina Xercavins chief people officer della compagnia. In squadra dal 2017, Xercavins sfrutterà la sua visione strategica e l’esperienza in azienda per guidare i diversi progetti finalizzati allo sviluppo e alla crescita dei talenti in Volotea. Nel suo nuovo ruolo lavorerà nella sede del vettore a Barcellona - riporterà direttamente a Carlos Muñoz, fondatore e ceo, e diventerà membro del Comitato esecutivo (Excom). «Questa nomina riflette il nostro impegno a coltivare e valorizzare i talenti di Volotea – ha dichiarato il ceo -. Dal suo arrivo in azienda, Cristina ha svolto un ruolo fondamentale: la sua esperienza nel reparto commerciale e la sua spiccata visione analitica le hanno permesso di raggiungere risultati significativi e che hanno facilitato la crescita di Volotea. Cristina ha ottime capacità di leadership, visione strategica e autentica passione per questo lavoro: sono sicuro che saprà sfruttare al massimo tutte queste competenze nel suo nuovo ruolo, contribuendo in modo concreto alla valorizzazione dei talenti della nostra azienda». «Da quando sono entrata in Volotea, ho avuto il privilegio di collaborare con colleghi provenienti da diversi dipartimenti e continuo a essere colpita, giorno dopo giorno, dall'eccezionale talento e impegno del nostro team - ha commentato Cristina Xercavins -. Questo è stato particolarmente evidente durante il mio recente ruolo di Deputy Chief People Officer dell'azienda. Sono entusiasta di affrontare questa nuova sfida, che mi offre un'altra grande opportunità per continuare a contribuire alla crescita di Volotea". Con una formazione in ingegneria aeronautica e dopo una prima esperienza lavorativa per altre compagnie che le ha permesso di affinare il suo know-how nel settore aereo, Xercavins arriva in Volotea nel 2017 inizialmente nell’area commerciale, dapprima come inventory revenue manager e poi come revenue management director. In questo ruolo ha contribuito a ridefinire la strategia di gestione delle tariffe con l'assistenza del team di Data Science, con l'obiettivo di fornire all'azienda processi sempre più efficienti e precisi. Dallo scorso settembre è entrata a far parte del team people, in qualità di deputy cpo, guidando numerosi progetti volti a migliorare l’intero dipartimento. [post_title] => Volotea: Cristina Xercavins assume il ruolo di chief people officer della compagnia [post_date] => 2024-02-19T12:23:43+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708345423000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "mumbo jumbo assume coreografi balleriniballerine" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":34,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":112,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465409","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Sono 56,8 milioni le presenze legate al fenomeno cicloturismo registrate nel 2023, per un impatto economico di oltre 5,5 miliardi di euro, in crescita del 35% sul 2022 e del 19% sul 2019 (4,6 miliardi). Questi i dati principali del quarto rapporto Isnart - Legambiente, in collaborazione con Bikenomist, Viaggiare con la bici. Lo studio è stato presentato in occasione del forum di apertura della fiera del Cicloturismo, realizzata a Bologna dal 5 al 7 aprile dalla stessa Bikenomist. L'indagine ha anche tracciato il profilo del cicloturista medio: millennial e alto-spendente (95 euro al giorno contro i 59,6 euro al giorno del turista tradizionale, con un reddito che nel 76% dei casi è medio o medio-alto).\r\n\r\nIl forum ha offerto uno sguardo dal locale all’internazionale, grazie alle esperienze di Toscana, Fiandre e Gran Canaria, nonché alla presenza di 15 buyer europei. Il focus è stato pure sullo sviluppo di nuovi modelli di business e momenti  di formazione dedicati agli hotel, che vogliono aumentare la propria attrattività nei confronti di chi pedala. Per l’occasione è stata anche creata la Guida del Cicloturismo: un elenco di oltre 100 operatori presenti all’evento per favorire il contatto tra i professionisti.\r\n\r\nIl forum ha quindi successivamente lasciato spazio alla vera e propria fiera, che ha registrato 15 mila partecipanti, confermandosi anche quest’anno piattaforma di incontro tra territori, operatori e per chi sceglie la bicicletta per le proprie vacanze. Un pubblico attento proveniente da tutta Italia quello che ha frequentato i padiglioni dello spazio DumBo e colto spunti dalle aree espositive delle regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Emilia-Romagna, Friuli-Venezia-Giulia, Piemonte, Puglia, Sicilia, Toscana, Veneto e degli oltre 80 operatori intervenuti per proporre nuovi itinerari, servizi e infrastrutture a misura di cicloturismo. Tra le destinazioni estere, Spagna, Catalogna, Gran Canaria, Algarve in Portogallo, Turchia, Fiandre, Croazia, Slovenia, Fiandre in Belgio e Giordania.","post_title":"Alla fiera del Cicloturismo i numeri di un settore in crescita","post_date":"2024-04-12T11:00:20+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1712919620000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465283","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Importante traguardo per il gruppo Nicolaus che raggiunge la certificazione per la parità di genere (Uni/PdR 125:2022). Un risultato che va peraltro inquadrato all'interno di un percorso strategico costantemente attento alla responsabilità sociale d’impresa e volto a incontrare i più alti standard di governance nei confronti di temi come la sostenibilità, la qualità, la sicurezza, la protezione dei dati. La certificazione assume, inoltre, particolare rilevanza in un’organizzazione già proiettata al gender balance, con il 49% delle proprie risorse umane costituito da persone di genere femminile.\r\n\r\n“La soddisfazione per la certificazione della parità di genere è legata forse più ancora di tutte le altre, seppur molto importanti e fondamentali per arrivare anche a questa, al vedere concretizzati un desiderio e un’ambizione - spiega il direttore risorse umane della compagnia, Alessandro Arborio Mella -: quella di creare un ambiente di lavoro inclusivo e regolato dall’uguaglianza di opportunità. Rappresenta quindi un riconoscimento per l’impegno di tutte le colleghe e i colleghi nel cercare di rendere possibile questa condizione ogni giorno. E la certezza che le persone che lavorano all’interno del nostro gruppo lo facciano in un contesto realmente attento alle loro specificità, capacità ed esigenze”.\r\n\r\nSe traguardata all’interno di questo perimetro progettuale, la nuova certificazione assume una valenza ancora più articolata poiché rappresenta il coronamento di un approccio aziendale olistico che ha visto Nicolaus conseguire altri significativi attestati come le certificazione qualità (Iso 9001), dei sistemi di gestione per la salute e sicurezza sul lavoro (Iso 45001), di sostenibilità (Iso 14001) e per la protezione dei dati personali (Isdp 10003).\r\n\r\nPer mettere a fuoco il significato di questo risultato per tutti i comparti aziendali è meritevole di attenzione osservare da vicino l’iter che ha comportato, legato all’analisi di sei macro-aree di valutazione: cultura e strategia, governance, processi hr, opportunità di crescita e inclusione delle donne in azienda, equità remunerativa per genere, tutela della genitorialità e conciliazione vita-lavoro.\r\n\r\n“Tra gli aspetti rilevanti dell’attenzione alla sostenibilità sociale di Nicolaus figura il mantenimento dei legami con il nostro territorio anche dal punto di vista della creazione di opportunità di impiego eque - sottolinea la direttrice marketing, Sara Prontera -: la certificazione della parità di genere in un’area come quella pugliese, in cui i dati relativi all’occupazione femminile sono sensibilmente più bassi rispetto alla media nazionale e in un Paese tra i primi in Europa per disparità, non è solo un punto di arrivo cruciale, che garantisce la virtuosità del contesto lavorativo per i colleghi e i collaboratori, e del nostro operato per i nostri partner e per i nostri clienti, ma un nuovo e forte punto di partenza. Nonché la dimostrazione di come, attraverso un impegno costante nel cercare di perseguire una buona governance, la parità di genere non solo sia possibile, ma diventi un requisito minimo per la soddisfazione di tutti i dipendenti e un modello di business efficace, che non può più prescindere dalla qualità della vita delle persone”.","post_title":"Al gruppo Nicolaus la certificazione per la parità di genere","post_date":"2024-04-11T10:02:00+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1712829720000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"464996","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"La piattaforma leader del buy now pay later sta cambiando il mondo dei viaggi: quello che Matteo Ciccalè definisce: “l’unicorno nell’unicorno”. Il nuovo vice president strategic growth di Scalapay assume oggi un ruolo strategico in diversi segmenti dopo aver sviluppato con successo la divisione travel. Un settore che, inizialmente, sembrava impossibile.\r\n«Scalapay è stata fondata nel 2019 da Simone Mancini - racconta Ciccalè - Partita da settori come il fashion e il mondo della casa, nel 2021 ha iniziato un percorso nella travel industry, con la creazione di un vertical dedicato. Per la prima volta un’azienda europea si è concentrata sul mondo dei viaggi. Oggi l’indotto del settore turistico equivale a circa il 10% delle transizioni che Scalapay ha registrato nel 2023, confermandosi come segmento che ha maggiormente contribuito alla crescita della società. Infatti sono 200mila le persone che sono andate in vacanza con Scalapay nel 2023 e siamo in continua crescita. \r\n\r\n1000 merchant\r\n«Lavoriamo con circa 1000 merchant: hotel, tour operator, parchi di divertimento e trasporti. Ad oggi dalla nostra app abbiamo portato agli esercenti che lavorano con noi oltre 1.6mln di utenti da raggiungere con notifiche, email profilate o pop-up informativi. Questo ci rende un alleato di primo piano per le aziende turistiche, favorendo l’ottimizzazione degli investimenti in operazioni di marketing. Abbiamo infatti fino a 200 spazi presidiabili e oltre 50 gruppi di utenti divisi per comportamento di acquisto. La crescita che abbiamo registrato è del 250%. Una persona su 10 che ha acquistato su Scalapay nel 2023 ha acquistato un servizio viaggi. \r\n«Questo per noi è molto importante. Oggi abbiamo raggiunto 5.5mln di clienti e 8mila aziende partner, abbiamo una crescita annuale di clienti del 60% e siamo disponibili in tutta Europa. Cosa ci differenzia dalle altre aziende? - prosegue il vice-president – Innanzitutto siamo italiani. Poi « ci concentriamo su tre mercati del Mediterraneo: Italia, Francia e Spagna. E lo facciamo molto bene, perché abbiamo compreso le abitudini del consumatore Mediterraneo, che perlopiù utilizza le carte di debito. Scalapay è l’unica piattaforma del buy now, pay later ad accettare le carte di debito prepagate e, per farlo, utilizza un particolare algoritmo.\r\n«Inoltre siamo stati capaci di creare una community. Non siamo semplicemente un metodo di pagamento, ma aiutiamo i consumatori a godere delle esperienze e dei prodotti che desiderano creando un rapporto di fiducia reciproca. Infatti i consumatori utilizzano la nostra app anche per trovare suggerimenti su quali esercenti, prodotti o servizi poter acquistare. Abbiamo visto che il 70% degli utenti Scalapay è fedele al nostro servizio e ai brand che proponiamo, quindi la piattaforma fa da catalizzatore. \r\n\r\nDemocratico accesso al credito\r\n«Scalapay vuole rendere democratico l’accesso al credito non imponendo una rateizzazione fissa su tutte le spese ma lasciando al consumatore la possibilità di accedere a un credito maggiore nel momento in cui ne ha più bisogno, per le spese che pensa siano in linea con le sue necessità. \r\nChi è il viaggiatore Scalapay? - prosegue Ciccalè - È un consumatore che non acquista solamente viaggi ma anche prodotti di bellezza, abbigliamento, prodotti farmaceutici e anche esperienze. Per il 48% è costituito da nuclei famigliari con bambini e millennials, che hanno oggi tra i 35 e i 45 anni. Equamente diviso tra uomini e donne, risiede soprattutto a: Milano, Torino, Roma, Napoli e Palermo. Ed è un consumatore medio/alto spendente, che non rinuncia alla qualità della vacanza. È un cliente che prenota in anticipo e viaggia anche nei periodi di bassa stagione. \r\n«Scalapay ora vuole rendere sempre più personalizzate le sue soluzioni dedicate al mondo dei viaggi, per consolidare il proprio ruolo di leader del mercato Tra le soluzioni in arrivo per i partner già attivi ci sono l’incremento dei limiti di credito fino a 5000 euro e la rateizzzazione di acconto e saldo fino a 8 rate totali. Per Scalapay lavorano 140 persone in Italia e 250 nel mondo. Se l’head quarter della società è in Italia, è molto importante la sede di Sidney con un team di sviluppatori, perché - come aggiunge Gabriele Senatore, marketing manager travel dell'azienda . \r\nl’Australia è la patria del buy-now pay-later, un pagamento rateale senza interessi e senza busta paga. Quindi abbiamo preso le menti migliori che l’hanno messo a punto per la prima volta, le abbiamo portate in Scalapay e abbiamo costruito qualcosa di unico per il mercato europeo: uno strumento per l’e-commerce, per il mondo digital, che oggi va sempre più nella direzione del travel, delle esperienze e della vendita fisica». In chiusura le parole di Simone Mancini, ceo di Scalapay: «Celebriamo un incredibile 2023 nel turismo. Il travel è e resterà uno dei focus principali del futuro di Scalapay!\r\n\r\n \r\n». \r\n\r\n ","post_title":"Scalapay: la crescita nel Travel della fintech che guida a una nuova gestione delle finanze personali","post_date":"2024-04-08T10:56:33+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1712573793000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"464811","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"E' un Marco Sansavini che ha «molta fiducia nel futuro» quello che oggi assume ufficialmente il ruolo di presidente di Iberia. Il manager italiano raccoglie il testimone da Fernando Candela, «che ha dovuto affrontare questioni molto importanti e le ha gestite con grande successo, insieme all'intero team. Ciò ha permesso a Iberia di raggiungere nel 2023 i migliori risultati della sua storia» afferma Sansavini.\r\n\r\nRisultati che la compagnia spagnola punta a consolidare ulteriormente, questa la prima sfida che il neo presidente intende sostenere, sulla scia di quella «trasformazione iniziata con Luis Gallego più di dieci anni fa, che sta dando i suoi frutti».\r\n\r\nLa seconda sfida che Sansavini ritiene di dover affrontare è quella di «allineare Madrid agli altri gli hub del Nord Europa, portando la Spagna e Iberia a far parte della 'Champions League dell'aviazione'. Questo obiettivo può essere raggiunto solo con una compagnia aerea forte che possa collegare la Spagna con molte più destinazioni, da qui l'importanza vitale dell'acquisizione di Air Europa». Iag e Iberia hanno fatto «un'offerta molto ambiziosa per garantire la concorrenza sulle rotte in cui operiamo e confidiamo che la Commissione europea approvi l'operazione, che è fondamentale per la connettività dell'hub di Madrid, per i consumatori, l'occupazione e il turismo e per l'economia spagnola».\r\n\r\nLa terza sfida vede il nuovo presidente concentrarsi sul «garantire la competitività e lo sviluppo futuro delle attività di handling - per le quali Iag sta creando una nuova società - e di manutenzione».\r\n\r\n«L'azione coesa di tutto il team, di terra e di volo, è stata la chiave del successo di Iberia negli ultimi anni. Per questo voglio chiarire fin dal mio primo giorno alla guida della compagnia che Iberia rispetterà sempre in modo rigoroso gli accordi raggiunti con i rappresentanti dei suoi lavoratori, in tutti i settori, e farà ogni sforzo per consolidare la pace sociale attraverso il buon senso, pilastro fondamentale della sua trasformazione negli ultimi undici anni».\r\n\r\n ","post_title":"Iberia, Sansavini da oggi al timone della compagnia. Le tre sfide da vincere","post_date":"2024-04-03T13:39:28+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1712151568000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"463673","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Andrea Filippi è il nuovo chief commercial officer di Egnazia Ospitalità Italiana. Il suo incarico, effettivo a partire dal 2 maggio, prevede la responsabilità diretta delle aree sales, revenue management, reservations e development. Filippi vanta un curriculum manageriale di oltre vent'anni nel settore. La sua carriera inizia presso alcuni hotel della costa Smeralda e le strutture del gruppo Ciga a Venezia; prosegue in Thailandia con Amanpuri, il primo resort di Aman, e si consolida a Milano con l’apertura di due alberghi: il Four Seasons e il Park Hyatt. Approda poi a Belmond nel 2005 come director sales & marketing per il portfolio di hotel italiani. Nei primi anni, guida il lancio dell'hotel Caruso e il posizionamento di due asset acquisiti in Sicilia: il Grand Hotel Timeo e Villa Sant'Andrea. Nel 2010, assume il ruolo di executive director worldwide sales. Dal 2017, in qualità di vice president of global sales del gruppo transalpino, Filippi promuove una cultura di collaborazione con le agenzie di viaggio e i partner commerciali del settore turistico, portando a un significativo aumento dei ricavi su tutti i segmenti di mercato e contribuendo alla crescita della brand reputation dell'azienda su scala globale.\r\n\r\n“Ringrazio Aldo Melpignano (il fondatore nonché managing director della Opco Egnazia, ndr) per la fiducia che ha riposto in me affidandomi un ruolo così strategico e delicato, che rappresenta per me una sfida prestigiosa e avvincente - commenta lo stesso Filippi -. Aldo è uno degli imprenditori più visionari attualmente operativi nel mondo dell’ospitalità. Sono orgoglioso di poter mettere le mie competenze a servizio dei progetti ambiziosi a cui lavoreremo insieme”.\r\n\r\nDi Egnazia fanno già parte diverse strutture distribuite su tutto il territorio italiano. Oltre ad alcune proprietà della famiglia Melpignano, quali Borgo Egnazia a Savelletri di Fasano e Le Carrube a Ostuni, il gruppo si occupa del management diretto di strutture quali l’hotel Santavenere di Maratea, l’Hotel de Len a Cortina d’Ampezzo, Ostuni a Mare a Rosa Marina, e altre tre aperture previste tra il 2024 e il 2025: una struttura alle porte di Roma, Castel Badia a Brunico e l’hotel Ancora ancora a  Cortina. L’obiettivo è quello di arrivare a un portfolio di venti strutture gestite nei prossimi cinque anni. ","post_title":"Andrea Filippi nuovo chief commercial officer di Egnazia Ospitalità Italiana","post_date":"2024-03-18T10:26:31+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1710757591000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462690","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Nuovo record per il gruppo Starhotels, che ha chiuso il 2023 superando per la prima volta la soglia dei 300 milioni di euro di fatturato: 304 milioni per la precisione, pari al 25% in più rispetto all'anno precedente e su un livello del 28% superiore a quello pre-Covid del 2019. In crescita pure i margini operativi lordi (ebidta) saliti a quota 105 milioni, per un più 31% sul 2022 e un più 67% sul 2019. Un trend di crescita che sarebbe peraltro destinato a proseguire anche quest'anno. La presidente e amministratore delegato della compagnia, Elisabetta Fabri, ha dichiarato infatti al Sole 24 Ore di aspettarsi un ulteriore incremento del 15% del giro d'affari. \r\n\r\nCome già annunciato da qualche tempo, proseguono inoltre i piani di espansione di Starhotels, che puntano ora ad andare oltre le acquisizioni dirette per sondare anche strategie asset-light, comprese le affiliazioni in franchising. Attualmente la compagnia opera un totale di 30 strutture, di cui 28 in proprietà. L'obiettivo. ha spiegato sempre Elisabetta Fabri, è ora quello di aggiungere una decina di altri alberghi al proprio portfolio in un paio di anni. Il gruppo starebbe guardando soprattutto alle destinazioni leisure, in particolare a Forte dei Marmi e a Capri, nonché alla Sicilia e alla Puglia. Ma non è esclusa neppure l'opzione montagna, con un occhio di riguardo a Cortina, sede delle prossime Olimpiadi invernali.\r\n\r\nAll'estero, per ora in cantiere non ci sarebbero ulteriori sviluppi, ma il The Michelangelo di New York dovrebbe essere riposizionato dopo un processo di restyling, mentre per il Castille Paris si prevedono ulteriori investimenti. Il 2024 si è aperto inoltre con l'approdo in squadra di Fabrizio Gaggio, che assume giusto oggi ufficialmente il proprio nuovo incarico di co-ceo del gruppo a fianco della stessa Elisabetta Fabri.","post_title":"Numeri record per il 2023 di Starhotels: fatturato oltre i 300 mln","post_date":"2024-03-04T11:14:45+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1709550885000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462500","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"'Forever Revitalising': questo il claim della prima campagna globale di AlUla, che racchiude l'essenza della destinazione in una prospettiva fresca e autentica, pensata per affascinare i viaggiatori di tutto il mondo. Il progetto data-driven debutta in nove mercati strategici a livello globale, in sei lingue, e sarà integrata su più canali.\r\n\r\nEventi di prestigio in cinque grandi città - Dubai, Londra, New York, Parigi, Shanghai e Mumbai – rivolti agli operatori turistici e ai media, daranno il via alla campagna e racconteranno una storia accattivante.\r\n\r\n«In pochi anni, AlUla si è affermata come una destinazione ambita dai viaggiatori di tutto il mondo - sottolinea Phillip Jones, chief tourism officer della Royal Commission for AlUla -. Tuttavia, Forever Revitalising rappresenta il prossimo capitolo di questo viaggio in continua evoluzione. Grazie a questa campagna, possiamo ampliare ulteriormente il dialogo su un palcoscenico globale e comunicare l’essenza di AlUla, con il suo fascino, i suoi obiettivi e le sue ambizioni\".\r\n\r\nMettendo in risalto il rinnovamento e la trasformazione, Forever Revitalising si allinea alla visione di AlUla volta a diventare non solo una destinazione ricca di storia, ma anche di futuro. La destinazione presenta una promessa culturale rivitalizzata, invitando i viaggiatori e gli operatori turistici più esigenti a prendere parte alla sua storia unica e in evoluzione.\r\n\r\nIl video Forever Revitalising, una produzione avvincente del direttore francese della fotografia Bruno Aveillan, assume la forma di un “hero film” di due minuti e trenta secondi. In seguito all'eccezionale lavoro svolto per il video della campagna locale della destinazione nel 2021, Bruno torna in città con una nuova prospettiva: fornire agli spettatori un capolavoro emotivo che metta meticolosamente in evidenza l'essenza di AlUla e la sua promessa attraverso i pilastri della destinazione: storia e patrimonio, arte e cultura, natura, avventura e benessere.\r\n\r\nLa campagna comprende anche una collezione video più brevi, focalizzati sui brand pillar, che mostrano il variegato arazzo di esperienze che la meta ha da offrire. Questi filmati, disponibili in 12 versioni, ciascuno della durata di sei secondi, presentati in varie lingue, accendono i riflettori su siti iconici di AlUla come Hegra, Jabal Ikmah, l'Oasi di AlUla, la Old Town di AlUla, la Riserva Naturale di Sharaan e l’Elephant Rock, e su una varietà di attrazioni, tra cui i voli in mongolfiera, l'ospitalità di lusso, l'arte e l'artigianato locale e la vivace scena gastronomica.\r\n\r\nForever Revitalising segna anche i primi passi verso un approccio e un'esperienza digitale omnicanale, integrata e connessa, per una migliore customer journey. La trasformazione digitale di AlUla prevede un sito e-commerce all’avanguardia, un’app mobile e una social media strategy.\r\n\r\n[gallery ids=\"462510,462511,462512\"]","post_title":"AlUla lancia oggi la sua prima campagna globale 'Forever Revitalising', in 9 mercati","post_date":"2024-02-29T14:00:15+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1709215215000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462275","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Nove itinerari in India e Nepal per assistere al Maha Kumbh Mela di Allahabad, il 3 febbraio 2025. Li propone Kel 12 per chi vuole partecipare al più grande raduno religioso al mondo, che va in scena ogni 12 anni sulle rive del Gange, in una della quattro città più sacre del paese: un rito antichissimo, uno dei più grandi spettacoli umani che esistano, in cui i fedeli arrivano per purificarsi attraverso il bagno nel fiume; milioni di persone che superano divisioni di casta, religione e provenienza.\r\n\r\n“Niente è come il Maha Kumbh Mela. E per poter vivere questa esperienza, questo viaggio nell’anima più intima e profonda dell’India, abbiamo studiato nove differenti tour che convergeranno tutti ad Allahabad tra il 2 e 3 febbraio - spiega la product manager Kel 12 - Viaggi Levi, Rosanna Locati -. Sette proposte sono già online, mentre altre due sono di prossima uscita e prevedono tour sul Gange a bordo di una barca in esclusiva: viaggi evento nell’evento, con partenza garantita, studiati per poter far scoprire l’anima più autentica e spirituale di questo paese. Ad Allahabad i nostri gruppi, per un totale di 200 persone, avranno la possibilità di sostare per tre giorni in un campo tendato dotato di una tenda-ristorante e di tende con più ambienti, provviste di veri e propri letti, lenzuola, coperte, bagno privato con doccia, veranda ed elettricità. Ogni gruppo manterrà la propria autonomia organizzativa nella gestione delle giornate, tranne che per i momenti dei pasti\".","post_title":"Kel 12: nove itinerari per assistere in India al più grande raduno religioso al mondo","post_date":"2024-02-27T09:25:22+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1709025922000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461810","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_461814\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Cristina Xercavins, chief people officer di Volotea[/caption]\r\nVolotea ha nominato Cristina Xercavins chief people officer della compagnia. In squadra dal 2017, Xercavins sfrutterà la sua visione strategica e l’esperienza in azienda per guidare i diversi progetti finalizzati allo sviluppo e alla crescita dei talenti in Volotea. Nel suo nuovo ruolo lavorerà nella sede del vettore a Barcellona - riporterà direttamente a Carlos Muñoz, fondatore e ceo, e diventerà membro del Comitato esecutivo (Excom).\r\n«Questa nomina riflette il nostro impegno a coltivare e valorizzare i talenti di Volotea – ha dichiarato il ceo -. Dal suo arrivo in azienda, Cristina ha svolto un ruolo fondamentale: la sua esperienza nel reparto commerciale e la sua spiccata visione analitica le hanno permesso di raggiungere risultati significativi e che hanno facilitato la crescita di Volotea. Cristina ha ottime capacità di leadership, visione strategica e autentica passione per questo lavoro: sono sicuro che saprà sfruttare al massimo tutte queste competenze nel suo nuovo ruolo, contribuendo in modo concreto alla valorizzazione dei talenti della nostra azienda».\r\n«Da quando sono entrata in Volotea, ho avuto il privilegio di collaborare con colleghi provenienti da diversi dipartimenti e continuo a essere colpita, giorno dopo giorno, dall'eccezionale talento e impegno del nostro team - ha commentato Cristina Xercavins -. Questo è stato particolarmente evidente durante il mio recente ruolo di Deputy Chief People Officer dell'azienda. Sono entusiasta di affrontare questa nuova sfida, che mi offre un'altra grande opportunità per continuare a contribuire alla crescita di Volotea\".\r\nCon una formazione in ingegneria aeronautica e dopo una prima esperienza lavorativa per altre compagnie che le ha permesso di affinare il suo know-how nel settore aereo, Xercavins arriva in Volotea nel 2017 inizialmente nell’area commerciale, dapprima come inventory revenue manager e poi come revenue management director. In questo ruolo ha contribuito a ridefinire la strategia di gestione delle tariffe con l'assistenza del team di Data Science, con l'obiettivo di fornire all'azienda processi sempre più efficienti e precisi. Dallo scorso settembre è entrata a far parte del team people, in qualità di deputy cpo, guidando numerosi progetti volti a migliorare l’intero dipartimento.","post_title":"Volotea: Cristina Xercavins assume il ruolo di chief people officer della compagnia","post_date":"2024-02-19T12:23:43+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1708345423000]}]}}