15 April 2024

Mumbo Jumbo assume Animatori di Contatto e torneisti sportivi

Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono:
Email: risorseumane@mumbojumbo.it
Provincia: • 
Comune: • , , ,

Settore:
Mansione: • , ,


Testo dell'annuncio

Mumbo Jumbo Entertainment ricerca e assume animatori di contatto e torneisti sportivi per i propri villaggi in Italia ed Estero.

Mumbo Jumbo desidera incontrare candidati con i seguenti requisiti:
– disponibilità al trasferimento
– simpatia, doti comunicative, capacità ad instaurare relazioni interpersonali positive
– attitudine alla vita ed al lavoro di gruppo
– capacità di organizzazione

La ricerca è rivolta ad ambosessi anche alla prima esperienza.

Tipo do Contratto: Assunzione a tempo determinato (CCNL), vitto e alloggio gratuito e altri benefit legati alle attività del gruppo.

Compila il form sul nostro sito internet https://www.mumbojumboentertainment.com/lavora-con-noi/
o invia il tuo Cv a: risorseumane@mumbojumbo.it


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465409 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sono 56,8 milioni le presenze legate al fenomeno cicloturismo registrate nel 2023, per un impatto economico di oltre 5,5 miliardi di euro, in crescita del 35% sul 2022 e del 19% sul 2019 (4,6 miliardi). Questi i dati principali del quarto rapporto Isnart - Legambiente, in collaborazione con Bikenomist, Viaggiare con la bici. Lo studio è stato presentato in occasione del forum di apertura della fiera del Cicloturismo, realizzata a Bologna dal 5 al 7 aprile dalla stessa Bikenomist. L'indagine ha anche tracciato il profilo del cicloturista medio: millennial e alto-spendente (95 euro al giorno contro i 59,6 euro al giorno del turista tradizionale, con un reddito che nel 76% dei casi è medio o medio-alto). Il forum ha offerto uno sguardo dal locale all’internazionale, grazie alle esperienze di Toscana, Fiandre e Gran Canaria, nonché alla presenza di 15 buyer europei. Il focus è stato pure sullo sviluppo di nuovi modelli di business e momenti  di formazione dedicati agli hotel, che vogliono aumentare la propria attrattività nei confronti di chi pedala. Per l’occasione è stata anche creata la Guida del Cicloturismo: un elenco di oltre 100 operatori presenti all’evento per favorire il contatto tra i professionisti. Il forum ha quindi successivamente lasciato spazio alla vera e propria fiera, che ha registrato 15 mila partecipanti, confermandosi anche quest’anno piattaforma di incontro tra territori, operatori e per chi sceglie la bicicletta per le proprie vacanze. Un pubblico attento proveniente da tutta Italia quello che ha frequentato i padiglioni dello spazio DumBo e colto spunti dalle aree espositive delle regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Emilia-Romagna, Friuli-Venezia-Giulia, Piemonte, Puglia, Sicilia, Toscana, Veneto e degli oltre 80 operatori intervenuti per proporre nuovi itinerari, servizi e infrastrutture a misura di cicloturismo. Tra le destinazioni estere, Spagna, Catalogna, Gran Canaria, Algarve in Portogallo, Turchia, Fiandre, Croazia, Slovenia, Fiandre in Belgio e Giordania. [post_title] => Alla fiera del Cicloturismo i numeri di un settore in crescita [post_date] => 2024-04-12T11:00:20+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712919620000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465360 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => I Porti di La Spezia e Marina di Carrara hanno partecipato al Seatrade Cruise Global di Miami. E' stata l'occasione per focalizzare l'attenzione sui progetti di sviluppo in grado di aggiungere vantaggio competitivo ai due porti. «Nel corso degli incontri di questi giorni, abbiamo promosso le opportunità già oggi offerte dalla Spezia e Marina di Carrara - commenta il Segretario Generale dell’AdSP, Federica Montaresi - che  riscontrano sempre grande apprezzamento. Nel 2023 gli operatori ci avevano sollecitato perché i progetti in corso venissero velocizzati. E quest’anno abbiamo ottenuto positivi riscontri grazie all’accelerazione impressa allo sviluppo del settore crociere nei due scali: l’avvio del cantiere del nuovo molo è oggi una realtà, con la previsione di conclusione dei lavori nel giugno 2026, che permetterà agli armatori di programmare nuovi accosti a partire dalla stagione 2027; il cold ironing sul Molo Garibaldi sarà operativo nel 2025, e rappresenterà un vero vantaggio competitivo. A ciò si aggiungerà anche l’elettrificazione del nuovo molo su Calata Paita, insieme all’opportunità di potere accogliere sempre più navi alimentate a LNG. Inoltre, stanno progredendo i nuovi waterfront della Spezia e di Marina di Carrara, che permetteranno di valorizzare ulteriormente le due destinazioni». Particolare interesse è stato manifestato per lo scalo di Marina di Carrara, sul quale l'Autorità Portuale sta investendo, grazie ai lavori per l’allargamento del canale di accesso, l’allungamento della banchina Taliercio, l’apertura entro fine estate della passeggiata sul mare dell’ambito 4 del nuovo waterfront e le opportunità di sviluppo per il settore crociere attraverso il nuovo Piano Regolatore Portuale. «Il settore delle crociere, dunque - aggiunge Montaresi - si dimostra un altro importante volano di sviluppo per i due porti che, come ha dimostrato il risultato dello studio sull’impatto economico presentato recentemente, impatta positivamente sul territorio che ospita gli scali. Un risultato che potrà essere ulteriormente implementato grazie alla collaborazione tra AdSP, operatori e amministrazioni pubbliche, in primis Regioni e Comuni».         [post_title] => La Spezia e Marina di Carrara eccelerano i progetti di sviluppo per il settore crociere [post_date] => 2024-04-12T10:10:58+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712916658000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465347 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Lufthansa ha sospeso tutti i voli da e per Teheran "a causa dell'attuale situazione in Medio Oriente". La cancellazione dei voli per l'Iran sarà in vigore almeno fino a sabato 13 aprile, rispetto alla precedente scadenza dell'11 aprile, quando l'interruzione sarebbe dovuta cessare.  L'allerta nell'area è massima dopo l'attacco aereo del primo aprile scorso sul  consolato iraniano a Damasco. «Monitoriamo costantemente la situazione in Medio Oriente e siamo in stretto contatto con le autorità. La sicurezza dei nostri passeggeri e dei membri dell'equipaggio è la massima priorità di Lufthansa» ha spiegato un portavoce della compagnia aerea tedesca. [post_title] => Lufthansa proroga almeno fino al 13 aprile la sospensione dei voli per Teheran [post_date] => 2024-04-11T14:16:00+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712844960000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465343 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Iberia ha lanciato il servizio di imbarco con riconoscimento facciale sulla sua rotta più emblematica, il ponte aereo tra Madrid e Barcellona, che quest'anno celebra il suo 50° anniversario: i passeggeri che viaggiano tra le due città potranno quindi superare i controlli di sicurezza e il gate d'imbarco senza dover estrarre il cellulare e/o mostrare i documenti necessari. Il servizio è disponibile per tutti i viaggiatori in possesso di una carta Iberia Plus. Per registrarsi, devono accedere all'area riservata dell'app Iberia e completare i seguenti passaggi: inserire i propri dati personali, scattare una foto del documento d'identità, scansionare il chip del documento e scattare un selfie con il cellulare. Questo processo viene eseguito una sola volta e poi, per ogni viaggio che il cliente effettua, dovrà solo collegare la carta d'imbarco al suo profilo biometrico. È anche possibile completare il processo di registrazione presso i chioschi dell'aeroporto o sull'app Aena. Gli unici requisiti per registrarsi al servizio di riconoscimento facciale sono avere più di 18 anni e possedere un Dni spagnolo (Dni 3.0 con tecnologia Nfc per poter comunicare con i telefoni cellulari) o un passaporto elettronico dell'Ue. All'aeroporto Barajas di Madrid Iberia dispone di sei gate d'imbarco con servizi di riconoscimento facciale: J46, J50, J52, J54, J56 e J58; sono inoltre presenti 2 chioschi nell'area check-in (Air Bridge e Business) e quattro varchi biometrici nell'area di sicurezza (due nell'accesso principale, uno nell'Air Bridge e uno nel Fast Track). Presso lo scalo El Prat di Barcellona la compagnia conta invece un gate d'imbarco biometrico (A02), due gate nel filtro di sicurezza e un chiosco nell'area check-in. L'imbarco tramite riconoscimento facciale non influisce sui gruppi d'imbarco, che manterranno l'ordine abituale. Attualmente l'imbarco biometrico è disponibile per i telefoni cellulari con sistema operativo iOS e, in un prossimo futuro, sarà disponibile anche per i telefoni Android. I passeggeri devono tenere presente che, sebbene questo servizio senza contatto consenta loro di imbarcarsi sul volo senza dover mostrare alcun documento, devono comunque portarlo con sé nel caso in cui sia necessario in qualsiasi momento del viaggio.     [post_title] => Iberia: operativo il nuovo sistema di imbarco con riconoscimento facciale tra Madrid e Barcellona [post_date] => 2024-04-11T13:57:50+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712843870000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465283 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Importante traguardo per il gruppo Nicolaus che raggiunge la certificazione per la parità di genere (Uni/PdR 125:2022). Un risultato che va peraltro inquadrato all'interno di un percorso strategico costantemente attento alla responsabilità sociale d’impresa e volto a incontrare i più alti standard di governance nei confronti di temi come la sostenibilità, la qualità, la sicurezza, la protezione dei dati. La certificazione assume, inoltre, particolare rilevanza in un’organizzazione già proiettata al gender balance, con il 49% delle proprie risorse umane costituito da persone di genere femminile. “La soddisfazione per la certificazione della parità di genere è legata forse più ancora di tutte le altre, seppur molto importanti e fondamentali per arrivare anche a questa, al vedere concretizzati un desiderio e un’ambizione - spiega il direttore risorse umane della compagnia, Alessandro Arborio Mella -: quella di creare un ambiente di lavoro inclusivo e regolato dall’uguaglianza di opportunità. Rappresenta quindi un riconoscimento per l’impegno di tutte le colleghe e i colleghi nel cercare di rendere possibile questa condizione ogni giorno. E la certezza che le persone che lavorano all’interno del nostro gruppo lo facciano in un contesto realmente attento alle loro specificità, capacità ed esigenze”. Se traguardata all’interno di questo perimetro progettuale, la nuova certificazione assume una valenza ancora più articolata poiché rappresenta il coronamento di un approccio aziendale olistico che ha visto Nicolaus conseguire altri significativi attestati come le certificazione qualità (Iso 9001), dei sistemi di gestione per la salute e sicurezza sul lavoro (Iso 45001), di sostenibilità (Iso 14001) e per la protezione dei dati personali (Isdp 10003). Per mettere a fuoco il significato di questo risultato per tutti i comparti aziendali è meritevole di attenzione osservare da vicino l’iter che ha comportato, legato all’analisi di sei macro-aree di valutazione: cultura e strategia, governance, processi hr, opportunità di crescita e inclusione delle donne in azienda, equità remunerativa per genere, tutela della genitorialità e conciliazione vita-lavoro. “Tra gli aspetti rilevanti dell’attenzione alla sostenibilità sociale di Nicolaus figura il mantenimento dei legami con il nostro territorio anche dal punto di vista della creazione di opportunità di impiego eque - sottolinea la direttrice marketing, Sara Prontera -: la certificazione della parità di genere in un’area come quella pugliese, in cui i dati relativi all’occupazione femminile sono sensibilmente più bassi rispetto alla media nazionale e in un Paese tra i primi in Europa per disparità, non è solo un punto di arrivo cruciale, che garantisce la virtuosità del contesto lavorativo per i colleghi e i collaboratori, e del nostro operato per i nostri partner e per i nostri clienti, ma un nuovo e forte punto di partenza. Nonché la dimostrazione di come, attraverso un impegno costante nel cercare di perseguire una buona governance, la parità di genere non solo sia possibile, ma diventi un requisito minimo per la soddisfazione di tutti i dipendenti e un modello di business efficace, che non può più prescindere dalla qualità della vita delle persone”. [post_title] => Al gruppo Nicolaus la certificazione per la parità di genere [post_date] => 2024-04-11T10:02:00+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712829720000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465205 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_465210" align="alignleft" width="300"] Da sinistra, Frederic Naar e Olivier Dewit[/caption] Sarà dedicato all'intero mercato dell'area Benelux (Belgio, Olanda e Lussemburgo) il nuovo ufficio Naar appena inaugurato a Bruxelles. La novità segue di poco l'approdo nell'operatore milanese di Luca Battifora come direttore generale, nonché l'apertura della sede di Francoforte, in Germania. Si fa insomma sempre più consistente la presenza internazionale del to che vanta pure una filiale in Francia: l'ufficio di Naar Benelux è composto da quattro persone e capitanato dal country manager Olivier Dewit. “Alla Vigilia di Natale 2023 venivamo a conoscenza della notizia relativa alla chiusura di Euram, tour operator online presente in Olanda, Belgio e Francia, e molto apprezzato dalle agenzie sia per la tecnologia, sia per lo staff - racconta il fondatore e amministratore delegato, Frederic Naar -. Siamo entrati in contatto con Olivier nel mese di gennaio e immediatamente abbiamo trovato grandi affinità culturali tra le due aziende, e un team con grande voglia di ripartire in tempi brevi. Da qui la decisione di lanciare subito il Benelux, per preservare le professionalità della squadra e colmare un potenziale vuoto di mercato. Grazie all’intelligenza artificiale e all’architettura avanzata del nostro sistema, saremo in grado di iniziare le vendite già dalla metà del mese di questo mese di aprile e l’iniziativa sta già riscuotendo notevole interesse da parte del mercato delle agenzie di viaggi locali". Con l’apertura in Belgio, Naar sarà presente in ben quattro mercati europei con oltre 100 collaboratori in Italia e nel resto d’Europa. Dopo l’inaugurazione ufficiale del Belgio in aprile, seguirà la preannunciata apertura delle vendite in Germania dopo l’estate 2024. [post_title] => Naar sempre più internazionale: aperto un ufficio a Bruxelles in Belgio [post_date] => 2024-04-10T11:10:01+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712747401000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465061 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Leolandia è alla ricerca di nuovo personale da impiegare già da aprile, in vista del lungo ponte di fine mese e dell’imminente stagione estiva. La ricerca coinvolge tra 50 e 100 operatrici e operatori: tra le posizioni più richieste, assistenza alle attrazioni, addetti alla ristorazione e alla caffetteria, accoglienza dei visitatori e personale per i i punti vendita. I colloqui sono già aperti e per candidarsi è sufficiente consultare le offerte disponibili cliccando il link “lavora con noi” del sito del parco: per alcune mansioni, in particolare per le attività di ristorazione, costituisce titolo preferenziale il diploma alberghiero o esperienza pregressa nel settore. La maggior parte delle posizioni, tuttavia, è aperta anche a chi non ha esperienza, quindi ai giovani alla loro prima occupazione ma, più in generale, anche a tutti coloro che hanno attitudine a lavorare con il sorriso e a contatto con il pubblico e che desiderano mettersi alla prova in un ambiente decisamente inusuale e stimolante, come un parco divertimenti.  Per tutte le posizioni aperte e per candidarsi online: https://leolandia.altamiraweb.com/       [post_title] => Leolandia cerca personale da assumere immediatamente [post_date] => 2024-04-08T12:55:04+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712580904000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 464642 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il Mangia’s Pollina Resort sorge su un promontorio da cui si osserva Cefalù, la roccia “a forma di testa” immersa nel mare, da “Cefalòs” che in greco significa proprio testa. La città fu centro di commercio fin dal passato più remoto perché l'istmo raccoglieva al suo interno preziosa acqua dolce che poteva essere barattata con i naviganti venuti da lontano, acquisendo merci utili e rare. Sono le prime informazioni che si raccolgono in uno dei numerosi tour organizzati dallo staff della struttura che ha recentemente ospitato l’edizione 2024 della Mangia’s Academy, il Pollina Resort, per accompagnare gli ospiti alla scoperta del ricco territorio siciliano. I percorsi conducono anche all’Etna, all’antica Taormina, alle verdi Madonie, a Palermo, alla Valle dei templi di Agrigento, alla Sicilia sconosciuta dell'entroterra e delle tradizioni e alle isole Eolie, oltre a proporre momenti sportivi di ogni tipo: dal Discovery 4x4 al parapendio. Mario, un vero divulgatore, è la guida perfetta per accompagnare gli ospiti all’incontro con Cefalù, dove Ruggero fece voto di costruire una chiesa dopo essersi salvato da una tempesta. La cattedrale, i cui campanili erano un tempo delle torri difensive, è simbolo di tolleranza: Ruggero governava una terra dove convivevano arabi, bizantini e latini, quindi volle concedere a ciascuno spazio per il proprio credo. In accordo con papa Urbano II l’abside venne costruita rivolta alla Mecca, secondo la quibla araba; i bizantini ottennero la costruzione di una chiesa a pianta centrale, raggruppata attorno al quadrato per la preghiera che divenne il transetto; infine, per avere le tre navate della basilica latina, nacque l’innesto tra la chiesa latina, quella bizantina e il mirhab arabo. Il simbolismo interno alla cattedrale è davvero forte. Ma Cefalù è anche la porta delle Madonie: l’ingresso a un territorio protetto che ha tanto da raccontare. La destinazione ha un microclima ricco di biodiversità che porta a quattro fioriture annuali, come quella delle profumate zagare degli aranci. Qui si trova anche il noto albero della manna: una qualità di frassino la cui linfa, dopo aver nutrito le foglie, scende lungo il fusto e i rami formando dei dolci cannoli che già gli arabi utilizzavano anche a scopo curativo e oggi sono un ingrediente della pasticceria siciliana. Nell’anno Mille erano tanti gli arabi che abitavano infatti la Sicilia, formandone tradizioni culturali e gastronomiche, ma nel tredicesimo secolo l'imperatore Federico II portò a Corleone migliaia di Lombardi (italiano del Nord, ndr). Tra le antiche storie locali c’è quella secondo la quale i lombardi, ispirati alle tradizioni arabe, iniziarono a cucinare delle speciali brioches con la buccia d’arancia e la cannella, che sarebbero poi diventate il panettone lombardo. 0. Una delle produzioni più rinomate di panettoni e colombe è così quella di Fiasconaro, la cui arte dolciaria si è unita da tempo alla creatività di Dolce&Gabbana per realizzare prodotti unici. Fiasconaro si trova a Castelbuono, nel cuore delle Madonie: un luogo un tempo incantato e coperto di foreste ricche di vita. Sin dall’antichità gli abitanti scendevano sulla costa per pescare e, la sera, risalivano sulle alture per non ammalarsi nelle pericolose piane malariche. Per questo venne costruito un borgo intorno al castello dei Ventimiglia, detto Castello del buon aere, che è oggi Castelbuono. Al suo interno si trova la suggestiva cappella Palatina dove, vicino agli stucchi su fondo in oro zecchino di Giuseppe e Giacomo Serpotta, viene conservata una preziosa reliquia di S. Anna, patrona della città. Si dice che le Madonie siano state spogliate di parte delle foreste a opera degli spagnoli, per realizzare le caravelle di Cristoforo Colombo. L’abbattimento degli alberi ha però portato nel tempo alla scoperta delle sottostanti argille, oggi imprescindibili nella produzione delle colorate ceramiche siciliane. Come quelle realizzate da Lillo Brogato, nel suo affascinante negozio A Lumera. Le Madonie hanno ottenuto il riconoscimento dell’Unesco di Geopark europeo perché sono un polmone verde. La Sicilia è davvero un mondo da scoprire, senza dimenticare il miele saporito delle resistenti api nere e l’olio prodotto da olivi secolari come quelli della tenuta Bergi, dove imparare come riconoscere e conservare l’olio più buono. [gallery ids="464653,464645,464646,464647,464651,464648"] [post_title] => Partire dal Mangia’s Pollina Resort per scoprire la Sicilia [post_date] => 2024-04-08T11:53:53+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712577233000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 464996 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La piattaforma leader del buy now pay later sta cambiando il mondo dei viaggi: quello che Matteo Ciccalè definisce: “l’unicorno nell’unicorno”. Il nuovo vice president strategic growth di Scalapay assume oggi un ruolo strategico in diversi segmenti dopo aver sviluppato con successo la divisione travel. Un settore che, inizialmente, sembrava impossibile. «Scalapay è stata fondata nel 2019 da Simone Mancini - racconta Ciccalè - Partita da settori come il fashion e il mondo della casa, nel 2021 ha iniziato un percorso nella travel industry, con la creazione di un vertical dedicato. Per la prima volta un’azienda europea si è concentrata sul mondo dei viaggi. Oggi l’indotto del settore turistico equivale a circa il 10% delle transizioni che Scalapay ha registrato nel 2023, confermandosi come segmento che ha maggiormente contribuito alla crescita della società. Infatti sono 200mila le persone che sono andate in vacanza con Scalapay nel 2023 e siamo in continua crescita. 1000 merchant «Lavoriamo con circa 1000 merchant: hotel, tour operator, parchi di divertimento e trasporti. Ad oggi dalla nostra app abbiamo portato agli esercenti che lavorano con noi oltre 1.6mln di utenti da raggiungere con notifiche, email profilate o pop-up informativi. Questo ci rende un alleato di primo piano per le aziende turistiche, favorendo l’ottimizzazione degli investimenti in operazioni di marketing. Abbiamo infatti fino a 200 spazi presidiabili e oltre 50 gruppi di utenti divisi per comportamento di acquisto. La crescita che abbiamo registrato è del 250%. Una persona su 10 che ha acquistato su Scalapay nel 2023 ha acquistato un servizio viaggi. «Questo per noi è molto importante. Oggi abbiamo raggiunto 5.5mln di clienti e 8mila aziende partner, abbiamo una crescita annuale di clienti del 60% e siamo disponibili in tutta Europa. Cosa ci differenzia dalle altre aziende? - prosegue il vice-president – Innanzitutto siamo italiani. Poi « ci concentriamo su tre mercati del Mediterraneo: Italia, Francia e Spagna. E lo facciamo molto bene, perché abbiamo compreso le abitudini del consumatore Mediterraneo, che perlopiù utilizza le carte di debito. Scalapay è l’unica piattaforma del buy now, pay later ad accettare le carte di debito prepagate e, per farlo, utilizza un particolare algoritmo. «Inoltre siamo stati capaci di creare una community. Non siamo semplicemente un metodo di pagamento, ma aiutiamo i consumatori a godere delle esperienze e dei prodotti che desiderano creando un rapporto di fiducia reciproca. Infatti i consumatori utilizzano la nostra app anche per trovare suggerimenti su quali esercenti, prodotti o servizi poter acquistare. Abbiamo visto che il 70% degli utenti Scalapay è fedele al nostro servizio e ai brand che proponiamo, quindi la piattaforma fa da catalizzatore. Democratico accesso al credito «Scalapay vuole rendere democratico l’accesso al credito non imponendo una rateizzazione fissa su tutte le spese ma lasciando al consumatore la possibilità di accedere a un credito maggiore nel momento in cui ne ha più bisogno, per le spese che pensa siano in linea con le sue necessità. Chi è il viaggiatore Scalapay? - prosegue Ciccalè - È un consumatore che non acquista solamente viaggi ma anche prodotti di bellezza, abbigliamento, prodotti farmaceutici e anche esperienze. Per il 48% è costituito da nuclei famigliari con bambini e millennials, che hanno oggi tra i 35 e i 45 anni. Equamente diviso tra uomini e donne, risiede soprattutto a: Milano, Torino, Roma, Napoli e Palermo. Ed è un consumatore medio/alto spendente, che non rinuncia alla qualità della vacanza. È un cliente che prenota in anticipo e viaggia anche nei periodi di bassa stagione. «Scalapay ora vuole rendere sempre più personalizzate le sue soluzioni dedicate al mondo dei viaggi, per consolidare il proprio ruolo di leader del mercato Tra le soluzioni in arrivo per i partner già attivi ci sono l’incremento dei limiti di credito fino a 5000 euro e la rateizzzazione di acconto e saldo fino a 8 rate totali. Per Scalapay lavorano 140 persone in Italia e 250 nel mondo. Se l’head quarter della società è in Italia, è molto importante la sede di Sidney con un team di sviluppatori, perché - come aggiunge Gabriele Senatore, marketing manager travel dell'azienda .  l’Australia è la patria del buy-now pay-later, un pagamento rateale senza interessi e senza busta paga. Quindi abbiamo preso le menti migliori che l’hanno messo a punto per la prima volta, le abbiamo portate in Scalapay e abbiamo costruito qualcosa di unico per il mercato europeo: uno strumento per l’e-commerce, per il mondo digital, che oggi va sempre più nella direzione del travel, delle esperienze e della vendita fisica». In chiusura le parole di Simone Mancini, ceo di Scalapay: «Celebriamo un incredibile 2023 nel turismo. Il travel è e resterà uno dei focus principali del futuro di Scalapay!   ».    [post_title] => Scalapay: la crescita nel Travel della fintech che guida a una nuova gestione delle finanze personali [post_date] => 2024-04-08T10:56:33+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712573793000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "mumbo jumbo assume animatori contatto torneisti sportivi" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":99,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":811,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465409","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Sono 56,8 milioni le presenze legate al fenomeno cicloturismo registrate nel 2023, per un impatto economico di oltre 5,5 miliardi di euro, in crescita del 35% sul 2022 e del 19% sul 2019 (4,6 miliardi). Questi i dati principali del quarto rapporto Isnart - Legambiente, in collaborazione con Bikenomist, Viaggiare con la bici. Lo studio è stato presentato in occasione del forum di apertura della fiera del Cicloturismo, realizzata a Bologna dal 5 al 7 aprile dalla stessa Bikenomist. L'indagine ha anche tracciato il profilo del cicloturista medio: millennial e alto-spendente (95 euro al giorno contro i 59,6 euro al giorno del turista tradizionale, con un reddito che nel 76% dei casi è medio o medio-alto).\r\n\r\nIl forum ha offerto uno sguardo dal locale all’internazionale, grazie alle esperienze di Toscana, Fiandre e Gran Canaria, nonché alla presenza di 15 buyer europei. Il focus è stato pure sullo sviluppo di nuovi modelli di business e momenti  di formazione dedicati agli hotel, che vogliono aumentare la propria attrattività nei confronti di chi pedala. Per l’occasione è stata anche creata la Guida del Cicloturismo: un elenco di oltre 100 operatori presenti all’evento per favorire il contatto tra i professionisti.\r\n\r\nIl forum ha quindi successivamente lasciato spazio alla vera e propria fiera, che ha registrato 15 mila partecipanti, confermandosi anche quest’anno piattaforma di incontro tra territori, operatori e per chi sceglie la bicicletta per le proprie vacanze. Un pubblico attento proveniente da tutta Italia quello che ha frequentato i padiglioni dello spazio DumBo e colto spunti dalle aree espositive delle regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Emilia-Romagna, Friuli-Venezia-Giulia, Piemonte, Puglia, Sicilia, Toscana, Veneto e degli oltre 80 operatori intervenuti per proporre nuovi itinerari, servizi e infrastrutture a misura di cicloturismo. Tra le destinazioni estere, Spagna, Catalogna, Gran Canaria, Algarve in Portogallo, Turchia, Fiandre, Croazia, Slovenia, Fiandre in Belgio e Giordania.","post_title":"Alla fiera del Cicloturismo i numeri di un settore in crescita","post_date":"2024-04-12T11:00:20+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1712919620000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465360","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"I Porti di La Spezia e Marina di Carrara hanno partecipato al Seatrade Cruise Global di Miami. E' stata l'occasione per focalizzare l'attenzione sui progetti di sviluppo in grado di aggiungere vantaggio competitivo ai due porti.\r\n\r\n«Nel corso degli incontri di questi giorni, abbiamo promosso le opportunità già oggi offerte dalla Spezia e Marina di Carrara - commenta il Segretario Generale dell’AdSP, Federica Montaresi - che  riscontrano sempre grande apprezzamento. Nel 2023 gli operatori ci avevano sollecitato perché i progetti in corso venissero velocizzati. E quest’anno abbiamo ottenuto positivi riscontri grazie all’accelerazione impressa allo sviluppo del settore crociere nei due scali: l’avvio del cantiere del nuovo molo è oggi una realtà, con la previsione di conclusione dei lavori nel giugno 2026, che permetterà agli armatori di programmare nuovi accosti a partire dalla stagione 2027; il cold ironing sul Molo Garibaldi sarà operativo nel 2025, e rappresenterà un vero vantaggio competitivo. A ciò si aggiungerà anche l’elettrificazione del nuovo molo su Calata Paita, insieme all’opportunità di potere accogliere sempre più navi alimentate a LNG. Inoltre, stanno progredendo i nuovi waterfront della Spezia e di Marina di Carrara, che permetteranno di valorizzare ulteriormente le due destinazioni».\r\n\r\n Particolare interesse è stato manifestato per lo scalo di Marina di Carrara, sul quale l'Autorità Portuale sta investendo, grazie ai lavori per l’allargamento del canale di accesso, l’allungamento della banchina Taliercio, l’apertura entro fine estate della passeggiata sul mare dell’ambito 4 del nuovo waterfront e le opportunità di sviluppo per il settore crociere attraverso il nuovo Piano Regolatore Portuale.\r\n\r\n«Il settore delle crociere, dunque - aggiunge Montaresi - si dimostra un altro importante volano di sviluppo per i due porti che, come ha dimostrato il risultato dello studio sull’impatto economico presentato recentemente, impatta positivamente sul territorio che ospita gli scali. Un risultato che potrà essere ulteriormente implementato grazie alla collaborazione tra AdSP, operatori e amministrazioni pubbliche, in primis Regioni e Comuni».\r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"La Spezia e Marina di Carrara eccelerano i progetti di sviluppo per il settore crociere","post_date":"2024-04-12T10:10:58+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1712916658000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465347","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Lufthansa ha sospeso tutti i voli da e per Teheran \"a causa dell'attuale situazione in Medio Oriente\". La cancellazione dei voli per l'Iran sarà in vigore almeno fino a sabato 13 aprile, rispetto alla precedente scadenza dell'11 aprile, quando l'interruzione sarebbe dovuta cessare. \r\n\r\nL'allerta nell'area è massima dopo l'attacco aereo del primo aprile scorso sul  consolato iraniano a Damasco. «Monitoriamo costantemente la situazione in Medio Oriente e siamo in stretto contatto con le autorità. La sicurezza dei nostri passeggeri e dei membri dell'equipaggio è la massima priorità di Lufthansa» ha spiegato un portavoce della compagnia aerea tedesca.","post_title":"Lufthansa proroga almeno fino al 13 aprile la sospensione dei voli per Teheran","post_date":"2024-04-11T14:16:00+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1712844960000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465343","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Iberia ha lanciato il servizio di imbarco con riconoscimento facciale sulla sua rotta più emblematica, il ponte aereo tra Madrid e Barcellona, che quest'anno celebra il suo 50° anniversario: i passeggeri che viaggiano tra le due città potranno quindi superare i controlli di sicurezza e il gate d'imbarco senza dover estrarre il cellulare e/o mostrare i documenti necessari.\r\n\r\nIl servizio è disponibile per tutti i viaggiatori in possesso di una carta Iberia Plus. Per registrarsi, devono accedere all'area riservata dell'app Iberia e completare i seguenti passaggi: inserire i propri dati personali, scattare una foto del documento d'identità, scansionare il chip del documento e scattare un selfie con il cellulare. Questo processo viene eseguito una sola volta e poi, per ogni viaggio che il cliente effettua, dovrà solo collegare la carta d'imbarco al suo profilo biometrico. È anche possibile completare il processo di registrazione presso i chioschi dell'aeroporto o sull'app Aena.\r\n\r\nGli unici requisiti per registrarsi al servizio di riconoscimento facciale sono avere più di 18 anni e possedere un Dni spagnolo (Dni 3.0 con tecnologia Nfc per poter comunicare con i telefoni cellulari) o un passaporto elettronico dell'Ue.\r\n\r\nAll'aeroporto Barajas di Madrid Iberia dispone di sei gate d'imbarco con servizi di riconoscimento facciale: J46, J50, J52, J54, J56 e J58; sono inoltre presenti 2 chioschi nell'area check-in (Air Bridge e Business) e quattro varchi biometrici nell'area di sicurezza (due nell'accesso principale, uno nell'Air Bridge e uno nel Fast Track).\r\n\r\nPresso lo scalo El Prat di Barcellona la compagnia conta invece un gate d'imbarco biometrico (A02), due gate nel filtro di sicurezza e un chiosco nell'area check-in.\r\n\r\nL'imbarco tramite riconoscimento facciale non influisce sui gruppi d'imbarco, che manterranno l'ordine abituale.\r\nAttualmente l'imbarco biometrico è disponibile per i telefoni cellulari con sistema operativo iOS e, in un prossimo futuro, sarà disponibile anche per i telefoni Android.\r\n\r\nI passeggeri devono tenere presente che, sebbene questo servizio senza contatto consenta loro di imbarcarsi sul volo senza dover mostrare alcun documento, devono comunque portarlo con sé nel caso in cui sia necessario in qualsiasi momento del viaggio.\r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"Iberia: operativo il nuovo sistema di imbarco con riconoscimento facciale tra Madrid e Barcellona","post_date":"2024-04-11T13:57:50+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1712843870000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465283","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Importante traguardo per il gruppo Nicolaus che raggiunge la certificazione per la parità di genere (Uni/PdR 125:2022). Un risultato che va peraltro inquadrato all'interno di un percorso strategico costantemente attento alla responsabilità sociale d’impresa e volto a incontrare i più alti standard di governance nei confronti di temi come la sostenibilità, la qualità, la sicurezza, la protezione dei dati. La certificazione assume, inoltre, particolare rilevanza in un’organizzazione già proiettata al gender balance, con il 49% delle proprie risorse umane costituito da persone di genere femminile.\r\n\r\n“La soddisfazione per la certificazione della parità di genere è legata forse più ancora di tutte le altre, seppur molto importanti e fondamentali per arrivare anche a questa, al vedere concretizzati un desiderio e un’ambizione - spiega il direttore risorse umane della compagnia, Alessandro Arborio Mella -: quella di creare un ambiente di lavoro inclusivo e regolato dall’uguaglianza di opportunità. Rappresenta quindi un riconoscimento per l’impegno di tutte le colleghe e i colleghi nel cercare di rendere possibile questa condizione ogni giorno. E la certezza che le persone che lavorano all’interno del nostro gruppo lo facciano in un contesto realmente attento alle loro specificità, capacità ed esigenze”.\r\n\r\nSe traguardata all’interno di questo perimetro progettuale, la nuova certificazione assume una valenza ancora più articolata poiché rappresenta il coronamento di un approccio aziendale olistico che ha visto Nicolaus conseguire altri significativi attestati come le certificazione qualità (Iso 9001), dei sistemi di gestione per la salute e sicurezza sul lavoro (Iso 45001), di sostenibilità (Iso 14001) e per la protezione dei dati personali (Isdp 10003).\r\n\r\nPer mettere a fuoco il significato di questo risultato per tutti i comparti aziendali è meritevole di attenzione osservare da vicino l’iter che ha comportato, legato all’analisi di sei macro-aree di valutazione: cultura e strategia, governance, processi hr, opportunità di crescita e inclusione delle donne in azienda, equità remunerativa per genere, tutela della genitorialità e conciliazione vita-lavoro.\r\n\r\n“Tra gli aspetti rilevanti dell’attenzione alla sostenibilità sociale di Nicolaus figura il mantenimento dei legami con il nostro territorio anche dal punto di vista della creazione di opportunità di impiego eque - sottolinea la direttrice marketing, Sara Prontera -: la certificazione della parità di genere in un’area come quella pugliese, in cui i dati relativi all’occupazione femminile sono sensibilmente più bassi rispetto alla media nazionale e in un Paese tra i primi in Europa per disparità, non è solo un punto di arrivo cruciale, che garantisce la virtuosità del contesto lavorativo per i colleghi e i collaboratori, e del nostro operato per i nostri partner e per i nostri clienti, ma un nuovo e forte punto di partenza. Nonché la dimostrazione di come, attraverso un impegno costante nel cercare di perseguire una buona governance, la parità di genere non solo sia possibile, ma diventi un requisito minimo per la soddisfazione di tutti i dipendenti e un modello di business efficace, che non può più prescindere dalla qualità della vita delle persone”.","post_title":"Al gruppo Nicolaus la certificazione per la parità di genere","post_date":"2024-04-11T10:02:00+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1712829720000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465205","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_465210\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Da sinistra, Frederic Naar e Olivier Dewit[/caption]\r\n\r\nSarà dedicato all'intero mercato dell'area Benelux (Belgio, Olanda e Lussemburgo) il nuovo ufficio Naar appena inaugurato a Bruxelles. La novità segue di poco l'approdo nell'operatore milanese di Luca Battifora come direttore generale, nonché l'apertura della sede di Francoforte, in Germania. Si fa insomma sempre più consistente la presenza internazionale del to che vanta pure una filiale in Francia: l'ufficio di Naar Benelux è composto da quattro persone e capitanato dal country manager Olivier Dewit.\r\n“Alla Vigilia di Natale 2023 venivamo a conoscenza della notizia relativa alla chiusura di Euram, tour operator online presente in Olanda, Belgio e Francia, e molto apprezzato dalle agenzie sia per la tecnologia, sia per lo staff - racconta il fondatore e amministratore delegato, Frederic Naar -. Siamo entrati in contatto con Olivier nel mese di gennaio e immediatamente abbiamo trovato grandi affinità culturali tra le due aziende, e un team con grande voglia di ripartire in tempi brevi. Da qui la decisione di lanciare subito il Benelux, per preservare le professionalità della squadra e colmare un potenziale vuoto di mercato. Grazie all’intelligenza artificiale e all’architettura avanzata del nostro sistema, saremo in grado di iniziare le vendite già dalla metà del mese di questo mese di aprile e l’iniziativa sta già riscuotendo notevole interesse da parte del mercato delle agenzie di viaggi locali\".\r\n\r\nCon l’apertura in Belgio, Naar sarà presente in ben quattro mercati europei con oltre 100 collaboratori in Italia e nel resto d’Europa. Dopo l’inaugurazione ufficiale del Belgio in aprile, seguirà la preannunciata apertura delle vendite in Germania dopo l’estate 2024.","post_title":"Naar sempre più internazionale: aperto un ufficio a Bruxelles in Belgio","post_date":"2024-04-10T11:10:01+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1712747401000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465061","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Leolandia è alla ricerca di nuovo personale da impiegare già da aprile, in vista del lungo ponte di fine mese e dell’imminente stagione estiva. La ricerca coinvolge tra 50 e 100 operatrici e operatori: tra le posizioni più richieste, assistenza alle attrazioni, addetti alla ristorazione e alla caffetteria, accoglienza dei visitatori e personale per i i punti vendita.\r\n\r\nI colloqui sono già aperti e per candidarsi è sufficiente consultare le offerte disponibili cliccando il link “lavora con noi” del sito del parco: per alcune mansioni, in particolare per le attività di ristorazione, costituisce titolo preferenziale il diploma alberghiero o esperienza pregressa nel settore. La maggior parte delle posizioni, tuttavia, è aperta anche a chi non ha esperienza, quindi ai giovani alla loro prima occupazione ma, più in generale, anche a tutti coloro che hanno attitudine a lavorare con il sorriso e a contatto con il pubblico e che desiderano mettersi alla prova in un ambiente decisamente inusuale e stimolante, come un parco divertimenti. \r\n\r\nPer tutte le posizioni aperte e per candidarsi online: https://leolandia.altamiraweb.com/    \r\n\r\n ","post_title":"Leolandia cerca personale da assumere immediatamente","post_date":"2024-04-08T12:55:04+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1712580904000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"464642","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il Mangia’s Pollina Resort sorge su un promontorio da cui si osserva Cefalù, la roccia “a forma di testa” immersa nel mare, da “Cefalòs” che in greco significa proprio testa. La città fu centro di commercio fin dal passato più remoto perché l'istmo raccoglieva al suo interno preziosa acqua dolce che poteva essere barattata con i naviganti venuti da lontano, acquisendo merci utili e rare. Sono le prime informazioni che si raccolgono in uno dei numerosi tour organizzati dallo staff della struttura che ha recentemente ospitato l’edizione 2024 della Mangia’s Academy, il Pollina Resort, per accompagnare gli ospiti alla scoperta del ricco territorio siciliano. \r\nI percorsi conducono anche all’Etna, all’antica Taormina, alle verdi Madonie, a Palermo, alla Valle dei templi di Agrigento, alla Sicilia sconosciuta dell'entroterra e delle tradizioni e alle isole Eolie, oltre a proporre momenti sportivi di ogni tipo: dal Discovery 4x4 al parapendio. Mario, un vero divulgatore, è la guida perfetta per accompagnare gli ospiti all’incontro con Cefalù, dove Ruggero fece voto di costruire una chiesa dopo essersi salvato da una tempesta. La cattedrale, i cui campanili erano un tempo delle torri difensive, è simbolo di tolleranza: Ruggero governava una terra dove convivevano arabi, bizantini e latini, quindi volle concedere a ciascuno spazio per il proprio credo. In accordo con papa Urbano II l’abside venne costruita rivolta alla Mecca, secondo la quibla araba; i bizantini ottennero la costruzione di una chiesa a pianta centrale, raggruppata attorno al quadrato per la preghiera che divenne il transetto; infine, per avere le tre navate della basilica latina, nacque l’innesto tra la chiesa latina, quella bizantina e il mirhab arabo. Il simbolismo interno alla cattedrale è davvero forte. \r\nMa Cefalù è anche la porta delle Madonie: l’ingresso a un territorio protetto che ha tanto da raccontare. La destinazione ha un microclima ricco di biodiversità che porta a quattro fioriture annuali, come quella delle profumate zagare degli aranci. Qui si trova anche il noto albero della manna: una qualità di frassino la cui linfa, dopo aver nutrito le foglie, scende lungo il fusto e i rami formando dei dolci cannoli che già gli arabi utilizzavano anche a scopo curativo e oggi sono un ingrediente della pasticceria siciliana. \r\nNell’anno Mille erano tanti gli arabi che abitavano infatti la Sicilia, formandone tradizioni culturali e gastronomiche, ma nel tredicesimo secolo l'imperatore Federico II portò a Corleone migliaia di Lombardi (italiano del Nord, ndr). Tra le antiche storie locali c’è quella secondo la quale i lombardi, ispirati alle tradizioni arabe, iniziarono a cucinare delle speciali brioches con la buccia d’arancia e la cannella, che sarebbero poi diventate il panettone lombardo. 0.\r\nUna delle produzioni più rinomate di panettoni e colombe è così quella di Fiasconaro, la cui arte dolciaria si è unita da tempo alla creatività di Dolce&Gabbana per realizzare prodotti unici. Fiasconaro si trova a Castelbuono, nel cuore delle Madonie: un luogo un tempo incantato e coperto di foreste ricche di vita. Sin dall’antichità gli abitanti scendevano sulla costa per pescare e, la sera, risalivano sulle alture per non ammalarsi nelle pericolose piane malariche. Per questo venne costruito un borgo intorno al castello dei Ventimiglia, detto Castello del buon aere, che è oggi Castelbuono. Al suo interno si trova la suggestiva cappella Palatina dove, vicino agli stucchi su fondo in oro zecchino di Giuseppe e Giacomo Serpotta, viene conservata una preziosa reliquia di S. Anna, patrona della città. Si dice che le Madonie siano state spogliate di parte delle foreste a opera degli spagnoli, per realizzare le caravelle di Cristoforo Colombo. L’abbattimento degli alberi ha però portato nel tempo alla scoperta delle sottostanti argille, oggi imprescindibili nella produzione delle colorate ceramiche siciliane. Come quelle realizzate da Lillo Brogato, nel suo affascinante negozio A Lumera. Le Madonie hanno ottenuto il riconoscimento dell’Unesco di Geopark europeo perché sono un polmone verde. La Sicilia è davvero un mondo da scoprire, senza dimenticare il miele saporito delle resistenti api nere e l’olio prodotto da olivi secolari come quelli della tenuta Bergi, dove imparare come riconoscere e conservare l’olio più buono.\r\n[gallery ids=\"464653,464645,464646,464647,464651,464648\"]","post_title":"Partire dal Mangia’s Pollina Resort per scoprire la Sicilia","post_date":"2024-04-08T11:53:53+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1712577233000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"464996","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"La piattaforma leader del buy now pay later sta cambiando il mondo dei viaggi: quello che Matteo Ciccalè definisce: “l’unicorno nell’unicorno”. Il nuovo vice president strategic growth di Scalapay assume oggi un ruolo strategico in diversi segmenti dopo aver sviluppato con successo la divisione travel. Un settore che, inizialmente, sembrava impossibile.\r\n«Scalapay è stata fondata nel 2019 da Simone Mancini - racconta Ciccalè - Partita da settori come il fashion e il mondo della casa, nel 2021 ha iniziato un percorso nella travel industry, con la creazione di un vertical dedicato. Per la prima volta un’azienda europea si è concentrata sul mondo dei viaggi. Oggi l’indotto del settore turistico equivale a circa il 10% delle transizioni che Scalapay ha registrato nel 2023, confermandosi come segmento che ha maggiormente contribuito alla crescita della società. Infatti sono 200mila le persone che sono andate in vacanza con Scalapay nel 2023 e siamo in continua crescita. \r\n\r\n1000 merchant\r\n«Lavoriamo con circa 1000 merchant: hotel, tour operator, parchi di divertimento e trasporti. Ad oggi dalla nostra app abbiamo portato agli esercenti che lavorano con noi oltre 1.6mln di utenti da raggiungere con notifiche, email profilate o pop-up informativi. Questo ci rende un alleato di primo piano per le aziende turistiche, favorendo l’ottimizzazione degli investimenti in operazioni di marketing. Abbiamo infatti fino a 200 spazi presidiabili e oltre 50 gruppi di utenti divisi per comportamento di acquisto. La crescita che abbiamo registrato è del 250%. Una persona su 10 che ha acquistato su Scalapay nel 2023 ha acquistato un servizio viaggi. \r\n«Questo per noi è molto importante. Oggi abbiamo raggiunto 5.5mln di clienti e 8mila aziende partner, abbiamo una crescita annuale di clienti del 60% e siamo disponibili in tutta Europa. Cosa ci differenzia dalle altre aziende? - prosegue il vice-president – Innanzitutto siamo italiani. Poi « ci concentriamo su tre mercati del Mediterraneo: Italia, Francia e Spagna. E lo facciamo molto bene, perché abbiamo compreso le abitudini del consumatore Mediterraneo, che perlopiù utilizza le carte di debito. Scalapay è l’unica piattaforma del buy now, pay later ad accettare le carte di debito prepagate e, per farlo, utilizza un particolare algoritmo.\r\n«Inoltre siamo stati capaci di creare una community. Non siamo semplicemente un metodo di pagamento, ma aiutiamo i consumatori a godere delle esperienze e dei prodotti che desiderano creando un rapporto di fiducia reciproca. Infatti i consumatori utilizzano la nostra app anche per trovare suggerimenti su quali esercenti, prodotti o servizi poter acquistare. Abbiamo visto che il 70% degli utenti Scalapay è fedele al nostro servizio e ai brand che proponiamo, quindi la piattaforma fa da catalizzatore. \r\n\r\nDemocratico accesso al credito\r\n«Scalapay vuole rendere democratico l’accesso al credito non imponendo una rateizzazione fissa su tutte le spese ma lasciando al consumatore la possibilità di accedere a un credito maggiore nel momento in cui ne ha più bisogno, per le spese che pensa siano in linea con le sue necessità. \r\nChi è il viaggiatore Scalapay? - prosegue Ciccalè - È un consumatore che non acquista solamente viaggi ma anche prodotti di bellezza, abbigliamento, prodotti farmaceutici e anche esperienze. Per il 48% è costituito da nuclei famigliari con bambini e millennials, che hanno oggi tra i 35 e i 45 anni. Equamente diviso tra uomini e donne, risiede soprattutto a: Milano, Torino, Roma, Napoli e Palermo. Ed è un consumatore medio/alto spendente, che non rinuncia alla qualità della vacanza. È un cliente che prenota in anticipo e viaggia anche nei periodi di bassa stagione. \r\n«Scalapay ora vuole rendere sempre più personalizzate le sue soluzioni dedicate al mondo dei viaggi, per consolidare il proprio ruolo di leader del mercato Tra le soluzioni in arrivo per i partner già attivi ci sono l’incremento dei limiti di credito fino a 5000 euro e la rateizzzazione di acconto e saldo fino a 8 rate totali. Per Scalapay lavorano 140 persone in Italia e 250 nel mondo. Se l’head quarter della società è in Italia, è molto importante la sede di Sidney con un team di sviluppatori, perché - come aggiunge Gabriele Senatore, marketing manager travel dell'azienda . \r\nl’Australia è la patria del buy-now pay-later, un pagamento rateale senza interessi e senza busta paga. Quindi abbiamo preso le menti migliori che l’hanno messo a punto per la prima volta, le abbiamo portate in Scalapay e abbiamo costruito qualcosa di unico per il mercato europeo: uno strumento per l’e-commerce, per il mondo digital, che oggi va sempre più nella direzione del travel, delle esperienze e della vendita fisica». In chiusura le parole di Simone Mancini, ceo di Scalapay: «Celebriamo un incredibile 2023 nel turismo. Il travel è e resterà uno dei focus principali del futuro di Scalapay!\r\n\r\n \r\n». \r\n\r\n ","post_title":"Scalapay: la crescita nel Travel della fintech che guida a una nuova gestione delle finanze personali","post_date":"2024-04-08T10:56:33+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1712573793000]}]}}