25 June 2018

Scioperano i piloti di Airberlin, cancellati decine di voli

[ 0 ]

Secondo quanto riportato dal quotidiano La Repubblica, i piloti di Airberlin hanno preso atto della chiusura delle trattative per il passaggio ad altre compagnie e hanno improvvisamente scioperato lasciando a terra migliaia di passeggeri in Germania. Sono saltati diversi voli interni, come quelli da e per Berlino, Dusseldorf e Amburgo, oltre a Monaco, Palma di Maiorca, Zurigo, Stoccolma e Vienna. Altri disagi sono previsti nel corso della giornata. La compagnia, sul proprio sito, si scusa e invita i passeggeri a non recarsi in aeroporto e a informarsi se sono previsti cambiamenti al proprio piano di volo. Airberlin nei giorni scorsi aveva annunciato un taglio netto ai voli intercontinentali. «Nel frattempo – scrive Repubblica – Lufthansa si è fatta avanti per rilevarne le attività ma in molti – Michael O’Leary di Ryanair in prima fila – hanno protestato per la carenza di trasparenza, chiedendo a gran voce un percorso simile a quello di Alitalia nel nostro Paese, con un bando di vendita al miglior offerente».




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 276096 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Emirates sta riducendo i voli per gli Stati Uniti, dopo un calo delle richieste provocate dalle restrizioni sui visti per alcuni Paesi a maggioranza musulmana decise dall'amministrazione Trump. Emirates ha reso noto che le riduzioni riguarderanno cinque delle dodici destinazioni negli Usa, a partire da maggio. I collegamenti passeranno quindi da 126 a 101. Da giugno quelli per Boston, Los Angeles e Seattle saranno ridotti ad uno al giorno, rispetto ai due attuali. Dal prossimo mese i voli quotidiani per Ft. Lauderdale e Orlando diventeranno cinque a settimana. Nessuna decisione in questo senso è stata presa invece dagli altri due vettori mediorientali, Qatar Airways ed Etihad Airways. [post_title] => Emirates riduce i voli verso gli Stati Uniti [post_date] => 2017-04-20T09:47:52+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1492681672000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 276093 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => «Alitalia ce la può fare», migliorando l'accordo raggiunto per il quale «non vedo alternative». Ma serve una «forte discontinuità» a partire dal management: così il presidente designato della compagnia Luigi Gubitosi in un'intervista al Messaggero.«Se il referendum sul pre-accordo siglato tra azienda e sindacati nei giorni scorsi vedrà prevalere il sì vi sarà un aumento di capitale di circa 2 miliardi, di cui oltre 900 di nuova finanza per far ripartire la compagnia e assumerò i pieni poteri. Non voglio pensare all'alternativa. E poi aggiungo che la cura giusta, già sollecitata dal presidente uscente Luca Cordero di Montezemolo che si è molto impegnato su questo fronte, richiede forte discontinuità per cambiare rotta». L'alternativa all'accordo, secondo Gubitosi «non c'è, non esiste. O meglio c'è: un accompagnamento verso la liquidazione dell'azienda, il fallimento». Per il rilancio della compagnia «bisogna accelerare con l'apertura di nuove rotte a lungo raggio e con l'arrivo di nuovi aerei per servirle». Necessario anche un intervento sul management. Se da una parte «nei quadri intermedi e tecnici ho trovato grande competenza e attaccamento all'azienda e incontrato piloti e assistenti di volo di grandissima competenza, per quanto riguarda il top management ci sono luci e ombre». Alla domanda se siano in arrivo sostituzioni, Gubitosi risponde «penso proprio di sì. E' normale che ci possano essere degli avvicendamenti, bisogna aspettarsi una forte discontinuità». Intanto, i dipendenti chiamati a decidere sul pre-accordo da questa mattina si stanno recando alle urne aperte a Fiumicino, Linate e Malpensa. Al termine della consultazione, nella notte di domenica, ci sarà una conta dei voti, senza quorum. [post_title] => Gubitosi: «Alitalia ce la può fare. Ma serve forte discontinuità» [post_date] => 2017-04-20T09:40:49+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1492681249000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 276035 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Lo sciopero dei lavoratori Enav previsto per venerdì 21 aprile è stato differito. L'annuncio arriva dal Garante per gli scioperi in una nota. «Accogliendo l'invito dell'Autorità di garanzia per gli scioperi del 14 aprile, i sindacati Filt-Cgil, Fit Cisl, Uilt, Ugl-Ta hanno comunicato di aver differito lo sciopero nazionale dei lavoratori di Enav del prossimo 21 aprile a data da destinarsi» si legge nella nota.   [post_title] => Enav, differito lo sciopero del 21 aprile [post_date] => 2017-04-19T13:41:35+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1492609295000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 275760 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Alitalia e i sindacati hanno raggiunto un verbale di confronto, un preaccordo, in cui le parti hanno preso atto di una serie di elementi e concordano su una serie di misure tra cui la riduzione degli esuberi tra il personale di terra a tempo indeterminato da 1.338 a 980 e la riduzione del taglio degli stipendi all'8%. Il verbale verrà firmato soltanto dopo il referendum tra i lavoratori. Nel verbale si evidenzia, oltre alla riduzione degli esuberi e al minor taglio degli stipendi per il personale di volo, la necessità di accelerare la crescita dei ricavi, in particolare inserendo nuovi aeromobili per il lungo raggio. Per quanto riguarda gli esuberi, la riduzione avviene attraverso: superamento del progetto di esternalizzazione nelle aree di manutenzione e altre aree; ricorso alla Cigs entro maggio 2017 per due anni; l'attivazione di riqualificazione e formazione; misure di incentivazione all'esodo; miglioramento della produttività ed efficienza con rinvio in azienda entro maggio 2017 per la definizione. Per quanto riguarda il personale navigante, poi, sono previsti: scatti di anzianità triennali con primo scatto nel 2020; tetto all'incremento retributivo in caso di promozione pari al 25%; per i neo assunti applicazione del contratto Cityliner; riduzione dei riposi annuali da 120 a 108; esodi incentivati dei piloti e assistenti di volo; prosecuzione della solidarietà fino alla scadenza prevista per legge, 24 settembre 2018. Nel verbale, inoltre, si premette che: l'azienda attraversa una crisi economico-finanziaria, che un gruppo di azionisti e finanziatori propone una ripatrimonializzazione dell'azienda per circa 2 miliardi di cui 900 come nuova finanza, che il cda ha approvato un piano che prevede crescita dei ricavi e una significativa riduzione dei costi di cui circa un terzo riferito al costo del lavoro, che l'immissione di risorse finanziarie è propedeutica al rilancio della società. [post_title] => Alitalia: preaccordo al vaglio del referendum tra i dipendenti [post_date] => 2017-04-14T08:56:26+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1492160186000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 275722 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il prossimo 21 aprile sarà un'altra giornata di agitazioni nel settore del trasporto aereo, a causa di uno sciopero generale, così come riportato anche sul sito aggiornato del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti. Con modalità diverse, infatti, incroceranno le braccia il personale Enav (per otto ore, dalle 10 alle 18) e quello degli aeroporti di Venezia Tessera, di Roma Ciampino, di Milano Malpensa e di Torino Caselle. In sciopero anche i dipendenti di Meridiana Fly, che si fermeranno dalle 12 alle 16, di Alitalia e di easyJet, per otto ore dalle 10 alle 18. [post_title] => Trasporto aereo: giornata di sciopero il 21 aprile [post_date] => 2017-04-13T14:34:09+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1492094049000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 275717 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Secondo fonti parlamentari il testo, non ancora ufficiale, della manovrina approvata lunedì in consiglio dei Ministri ha provveduto a cancellare i vincoli che erano stati introdotti a fine febbraio dal decreto Milleproroghe, che mettevano a rischio l’attività di FlixBus in Italia, in contraddizione con le norme europee. «Se confermato - ha dichiarato Andrea Incondi, country manager di FlixBus Italia - si metterebbe la parola fine a questa assurda vicenda. In questo modo il governo darebbe seguito realmente all’impegno preso alcune settimane fa per ristabilire la certezza del diritto in Italia». [post_title] => FlixBus: il governo elimina i vincoli. L'azienda ritorna in pista [post_date] => 2017-04-13T14:19:30+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1492093170000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 275642 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il destino si Alitalia è appeso alle ultime 24 ore di trattativa. L'annuncio è drammatico, ma reale. Infatti la scadenza per trovare un accordo fra sindacati e banche, è fissata per questa sera. L'intesa con i sindacati è condizione fondamentale per concentrarsi sulla ricapitalizzazione della compagnia aerea: niente accordo, niente soldi per attuare il piano industriale e rimpinguare le casse di Alitalia. Oggi è previsto un nuovo tavolo di confronto al ministero dello sviluppo dopo che ieri le trattative tra l'azienda e i rappresentanti dei lavoratori sono state sospese. A darne l'annuncio è stato il segretario generale della Uil trasporti, Claudio Tarlazzi: "L'azienda ha sospeso la trattativa. È una decisione unilaterale e il tavolo non è rotto ma sospeso". Ancora: "Alitalia giudica insufficienti le nostre proposte e ha sospeso unilateralmente le trattative". La compagnia aerea infatti ha respinto la controproposta sul taglio degli stipendi dei piloti e degli assistenti di volo, che vale 80 milioni. Qualche passo avanti invece sarebbe stato raggiunto sul fronte dei tagli. La compagnia aerea sarebbe disponibile a rinunciare a 300 esternazionalizzazioni del personale alla manutenzione. Nessuno nasconde le proprie preoccupazioni. Anche perchè alcune nuvole si addensano anche tra i soci. Secondo alcune indiscrezioni riportate da Il Messaggero, Unicredit, azionista di Alitalia con una quota pari al 12,99%, sarebbe sempre più titubante a versare nuove risorse, mentre altre banche chiedono una garanzia. Si fa strada in queste ultime ore la possibilità di un intervento di Invitalia, l'agenzia nazionale di proprietà del ministero dell'economia. [post_title] => Alitalia: ultimo giorno di trattative [post_date] => 2017-04-13T10:18:39+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1492078719000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 275502 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Volotea ripristina i voli per Albania e Moldavia. Dopo la ripresa dei collegamenti verso Chisinau, è infatti in calendario per oggi, mercoledì 12 aprile, la ripartenza di Tirana. Da Verona quest'estate la compagnia collegherà anche Lampedusa, Minorca, Mykonos e Cork. Salgono così a 17 le destinazioni raggiungibili nei prossimi mesi dallo scalo veronese: «Siamo davvero entusiasti di annunciare la ripresa dei collegamenti alla volta di Chisinau e Tirana da Verona - afferma Valeria Rebasti, Commercial Country Manager per l'Italia -. Presso il Catullo scendiamo in pista quest’anno con 666.500 posti in vendita: il Catullo ha acquistato sempre maggiore importanza nel nostro network e oggi ricopre un ruolo di spicco nelle nostre strategie di sviluppo». Gli aeromobili Volotea basati al Catullo saliranno a tre nei prossimi mesi: «Il nuovo aereo ci consentirà di operare un volume maggiore di collegamenti – continua Rebasti – tanto che per il 2017 prevediamo circa 5.300 voli, il 10% in più rispetto al 2016. E non dobbiamo dimenticare che con il nuovo aeromobile si concretizzeranno nuove opportunità lavorative: prevediamo durante l’alta stagione di contare su uno staff di 70 tra cabin crew e piloti, 20 in più rispetto allo scorso anno». Il vettore prevede collegamenti verso 9 mete in Italia (Alghero, Bari, Brindisi, Cagliari, Catania, Napoli, Olbia, Palermo e Lampedusa, novità estate 2017) e 8 all’estero. Al volo per Santorini si affiancherà quello per Mykonos (novità estate 2017). In Spagna si vola verso Minorca (novità estate 2017), Ibiza e Palma di Maiorca. Infine debutterà il volo per Cork (novità estate 2017), primo collegamento Volotea tra Italia e Irlanda. [post_title] => Volotea riprende i collegamenti Verona-Tirana [post_date] => 2017-04-12T12:13:53+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1491999233000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 275379 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_275381" align="alignright" width="300"] Al centro, da sinistra, Carlos Munoz, Giovanni Toti e Marco Arato[/caption] Taglio del nastro ufficiale oggi, a Genova, della quarta base italiana di Volotea, la nona a livello europeo. Dopo l’annuncio dello scorso giugno, infatti, si concretizza l’investimento della low cost sul l Cristoforo Colombo dove, grazie ai due aeromobili allocati, è possibile decollare verso sei nuove mete all’estero e 7 destinazioni domestiche, per un totale di 13 rotte. «Genova ricopre un ruolo chiave nelle nostre strategie di sviluppo - ha dichiarato Carlos Muñoz, presidente e fondatore della compagnia -. Abbiamo appena celebrato in Italia il nostro quinto anniversario e ci auguriamo di poter crescere ancora nei prossimi anni. Dopo aver annunciato tante novità nei mesi scorsi, come le 6 nuove rotte internazionali da e per Genova, ci accingiamo ora a dare l’avvio ufficiale delle attività presso la nostra nuova base. Questo, oltre a comportare un incremento dell’86% nel volume di rotte disponibili, supporterà il tessuto economico locale attraverso la creazione di circa 50 posti di lavoro tra piloti e personale di bordo, a cui si aggiunge uno station manager per coordinare tutte le attività. Non va infine dimenticata la ricaduta economica generata dall’indotto legato ai nuovi flussi turistici in transito dall’aeroporto, di cui beneficerà tutto il territorio». Dal Colombo, oltre alle mete già operate da Volotea (Alghero, Brindisi, Cagliari, Catania, Napoli, Olbia, Palermo), saranno attivi i nuovi collegamenti per Vienna (dal 22 aprile), Palma di Maiorca, Ibiza e Minorca (rispettivamente dal 28, dal 30 maggio e dal 26 giugno) e infine Atene e Santorini (dal 26 e dal 31 maggio). Incoraggianti i numeri registrati dal vettore sulla nuova base: «La nostra offerta per i prossimi mesi vedrà un incremento nel volume dei voli disponibili del 36% (rispetto al 2016), raggiungendo circa quota 2.900 voli da e per lo scalo, pari ad un totale di più di 365.500 posti in vendita. Vorrei infine ringraziare il presidente della Regione Liguria, Giovanni Toti, tutte le autorità locali e il management dell’aeroporto, che ci hanno accompagnato in questo percorso di crescita». [post_title] => Volotea inaugura a Genova la quarta base italiana [post_date] => 2017-04-11T13:34:56+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1491917696000 ) ) )

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti