17 October 2017

Ryanair, l’aggiornamento sui 20.000 voli cancellati

[ 0 ]

Ryanair ha comunicato un aggiornamento sulle azioni portate avanti a seguito della cancellazione di 20.000 dei suoi 800.000 voli da settembre 2017 a marzo 2018. Per le cancellazioni annunciate in data 18 settembre, tutti i 315.000 clienti hanno ricevuto notifiche via e-mail; oltre 308.000 richieste di cambio volo o rimborso (oltre il 98% dei clienti coinvolti) sono state processate; il restante 2% dei clienti (meno di 7.000) non ha ancora contattato Ryanair.

Per le modifiche alla programmazione invernale annunciate in data 27 settembre: tutti i 400.000 clienti hanno ricevuto notifiche via e-mail; oltre 300.000 richieste di cambio volo o rimborso (oltre il 75% dei clienti coinvolti) sono state processate e ci aspettiamo di raggiungere il 90% dei clienti (oltre 360.000) questa settimana. Negli ultimi 7 giorni, solamente 2 su 16.000 voli operati sono stati cancellati.

«Ancora una volta ci scusiamo sinceramente con ognuno dei 315.000 clienti i cui voli sono stati cancellati nel periodo di 6 settimane da settembre a ottobre – ha dichiarato Kenny Jacobs, chief marketing officer di Ryanair -. Oltre il 98% dei clienti coinvolti è già stato riprotetto su voli alternativi, mentre invitiamo nuovamente il restante 2% (meno di 7.000 clienti) a contattarci in merito alla possibilità di ricevere un rimborso o di prenotare un altro volo. Ci scusiamo inoltre con i 400.000 clienti coinvolti dalla riduzione della nostra programmazione invernale, che sono già stati tutti contattati. Entro la fine della settimana sarà processato oltre il 90% delle loro richieste di cambio volo o rimborso. La riduzione della nostra programmazione invernale ci permetterà di evitare ulteriori cancellazioni di voli legate alla programmazione dei turni e questa settimana la nostra puntualità ha raggiunto il 97%. Il nostro ampliato team di customer care sta evadendo le richieste dei clienti coinvolti e stiamo cercando di risolvere ogni problema creato ai clienti per il quale ancora una volta ci scusiamo sinceramente».




Articoli che potrebbero interessarti:

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti