25 April 2018

Neos cambia pelle: scatta a maggio l’operazione Cina da Malpensa

[ 0 ]

Neos cambia pelle. Parola di Lupo Rattazzi, chairman della compagnia, che questa mattina a Milano Malpensa ha presentato ufficialmente i nuovi collegamenti per la Cina, insieme all’ad Carlo Stradiotti, a Giulio De Metrio, coo di Sea e ai rappresentanti di Utour Group, dell’aeroporto di Nanchino e del Dipartimento del turismo della destinazione cinese. Da maggio saranno 4 i voli settimanali operati da Malpensa per Nanchino (rotta annuale, 2 frequenze settimanali, «che già nel 2018 potrebbero diventare tre» precisa Stradiotti); Jinan (un volo settimanale, da maggio a ottobre) e Tientsin, Shenyang (volo co-terminalizzato, 1 volta settimana, da maggio a ottobre). Obiettivo per il 2017 è quello «di quadruplicare i passeggeri dell’anno scorso» sostiene l’ad, quando l’operazione Cina era stata avviata in via sperimentale da Roma con tre collegamenti diretti, che tra luglio e ottobre hanno portato 10.000 turisti cinesi in Italia.

Ed è Rattazzi a tratteggiare i tre punti cardine della valenza industriale dell’operazione: «Siamo orgogliosi di contribuire al raggiungimento degli obiettivi di sviluppo di Malpensa; Neos diventa l’unico vettore italiano a collegare direttamente Milano alla Cina: una compagnia a capitale 100% italiano che, partita con una vocazione squisitamente leisure, oggi cambia pelle mettendosi al servizio delle relazioni Italia-Cina. E vorrei sottolineare due primati di cui vado orgoglioso: i bilanci sempre in attivo – in Italia questa è una situazione di unicità – e l’arrivo in flotta dei Dreamliner B787. Questi tre nuovi aeromobili per fine 2018 porteranno al raddoppio della flotta lungo raggio Neos, che passerà da tre a sei macchine».

«I risultati ottenuti lo scorso anno rappresentano un punto di partenza per migliorare ulteriormente – aggiunge Stradiotti -. Siamo cresciuti scommettendo su nuovi progetti che ci hanno permesso di essere tra i principali protagonisti del settore aviation in Italia e all’estero. La Cina è un mercato in forte espansione e con un interesse enorme verso l’Italia: non vogliamo più soltanto accompagnare i nostri clienti all’estero, vogliamo far crescere il nostro paese».

«La presenza di una compagnia italiana che garantisce l’accessibilità diretta tra Milano e la Cina contribuirà in modo fondamentale a rinsaldare il legame tra queste due realtà – aggiunge De Metrio -. Malpensa già dal 2012 è riconosciuto come “Chinese Friendly Airport”. Con questi nuovi voli si conferma il trend positivo iniziato nel 2016 e che nei primi due mesi del 2017 vede una crescita a due cifra  (+15,6% a gennaio e +11,8% a febbraio), pari a più del doppio della crescita media del traffico nazionale».




Articoli che potrebbero interessarti:

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti