24 April 2019

Le novità Trenitalia alla fiera mondiale ferroviaria InnoTrans 2018

[ 0 ]

Nuovi convogli regionali Trenitalia, maggiore puntualità e più comfort per le persone che viaggiano in treno, mobilità sostenibile e integrazione modale di Busitalia, ma anche servizi merci alta velocità e smart train per Mercitalia, sono questi i temi affrontati oggi alla tavola rotonda Trasporto passeggeri e merci alla fiera mondiale ferroviaria InnoTrans 2018 di Berlino, durante la quale sono state dettagliate le azioni del Gruppo FS Italiane, ancora più incisive nei prossimi mesi, per migliorare il viaggio delle persone e delle merci e per trasferire sempre più traffico dalla strada alla ferrovia.

 

L’arrivo dei nuovi treni Rock e Pop permette a Trenitalia (Gruppo FS Italiane) di rinnovare l’intera flotta regionale per migliorare il viaggio delle persone che ogni giorno scelgono il treno.

Un investimento economico di 4,2 miliardi di euro per la maxi fornitura di 517 nuovi Rock e Pop, che per numero di treni e valore economico, non ha precedenti in Italia. Investimento che sommato agli altri treni, sale a circa 6 miliardi di euro per oltre 600 nuovi convogli.

Prima di arrivare a InnoTrans 2018, il primo Rock e il primo Pop in composizione completa sono usciti rispettivamente dalle fabbriche Hitachi di Pistoia e Alstom di Savigliano e hanno concluso le prove tecnico-dinamiche sullo speciale circuito ferroviario di Velim (Repubblica Ceca) attrezzato con particolari tecnologie. Prove e test necessari per l’omologazione di ogni nuovo treno, prima dell’entrata in servizio. Rock e Pop sono destinati a rivoluzionare l’esperienza di viaggio dei clienti pendolari e nascono per sviluppare e sostenere un nuovo modo di muoversi che possa incentivare la mobilità in treno.

L’impegno di Busitalia (Gruppo FS Italiane) nel puntare a una maggiore mobilità sostenibile ha spostato attenzione e investimenti verso tecnologie di trazione alternative e più sostenibili con l’introduzione progressiva di autobus elettrici e ibridi. Il mercato di riferimento è quello italiano dove Busitalia sviluppa i servizi TPL in Toscana, Veneto, Umbria e Campania. La flotta Busitalia in Italia vede già la presenza di 23 autobus elettrici, di cui 16 a Firenze e sette in Umbria a cui si aggiungeranno entro la fine del 2018 altri quattro autobus elettrici per Padova e 30 autobus ibridi per Firenze. Più consistente è l’impegno per il 2019 con l’arrivo di altri 12 autobus elettrici in Umbria e Veneto e 50 ibridi a Firenze. Sarà così composta una flotta “ecologica” che arriverà a circa 120 autobus. Per favorire la mobilità sostenibile in Italia, Busitalia ha dato il via a un consistente piano di rinnovo della flotta che si è concretizzato con l’acquisto di 800 autobus di nuova generazione a gasolio (Euro VI), di cui 390 già nel 2018.

Busitalia è presente anche nel mercato olandese attraverso la controllata QBuzz, terzo operatore del TPL in Olanda che gestisce i servizi nei bacini di Utrecht, Gronigen-Drenthe dove ha recentemente vinto la gara per l’affidamento del servizio per altri 10 anni e, da dicembre 2018 sarà presente anche nell’area di Drechtsteden, Alblasserwaard en Vijfheerenlanden (DAV), fra Utrecht e Rotterdam.

L’integrazione modale di Busitalia gioca un ruolo centrale per facilitare l’utilizzo del trasporto combinato e l’interscambio modale tra i servizi di trasporto urbani ed extraurbani ferro/gomma.

I modelli di integrazione modale applicati in Umbria e Toscana costituiscono le best practices in Italia.

Infine, con la nascita del Polo Mercitalia, il business merci del Gruppo FS Italiane è entrato in una nuova era. Le azioni messe in campo da Mercitalia in questi due anni hanno permesso a FS Italiane di riposizionarsi anche nel mercato del trasporto merci e della logistica, creando il più grande player italiano del settore e migliorando significativamente le performance economico-finanziare di questo business. Il percorso di trasformazione non è ancora completo e molte sono ancora le sfide che Mercitalia dovrà affrontare nei prossimi mesi. Tuttavia, il rapido avvio dell’ambizioso piano di investimenti, insieme alla strategia di forte innovazione di prodotto e processo che Mercitalia sta attuando, stanno creando le migliori condizioni affinché tutti gli obiettivi prefissati vengano raggiunti.

Prossimamente, per esempio, con il collegamento Bologna – Caserta partirà Mercitalia Fast, il primo servizio di trasporto ferroviario alta velocità dedicato alle merci. Inoltre, Mercitalia sta lavorando allo sviluppo dello smart train, un innovativo progetto che permetterà di realizzare treni merci composti da carri “intelligenti” che potranno “dialogare” in tempo reale con la locomotiva, assicurando significativi miglioramenti in termini di efficienza operativa, servizio al cliente e sicurezza di esercizio, rispetto agli attuali treni.




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( )

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti