21 October 2019

Le ferrovie britanniche anticipano la Brexit: niente più Interrail

[ 0 ]

Interrail, Eurail,Finisce l’esperienza delle ferrovie britanniche con Interrail. Dal prossimo 1° di gennaio i biglietti del sistema Eurail, che comprende anche i ticket emessi per i cittadini non europei, non saranno infatti più validi sul territorio del Regno Unito.

Ad annunciarlo è il Rail Delivery Group (Rdg), che riunisce tutte le compagnie ferroviarie britanniche. Questi spiega anche come, per i passeggeri internazionali, sarà d’ora in avanti disponibile un nuovo pass chiamato BritRail e ovviamente limitato al solo territorio nazionale.

La Gran Bretagna è stata parte del programma Interrail sin dalla sua fondazione, nel 1972. Questi permette oggi di viaggiare con un solo biglietto in ben 31 differenti Paesi del Vecchio continente. I pass Interrail ed Eurail continueranno tuttavia a essere validi sulle tratte Eurostar che collegano Parigi, Amsterdam e Bruxelles a Londra, così come saranno ancora disponibili i biglietti scontati per i traghetti tra Francia e Regno Unito.




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353633 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Venti anni fa la prima corsa: era venerdì 28 maggio 1999 quando alle ore 9.45 partì da Milano Cadorna il primo Malpensa Express, destinazione Terminal 1. I passeggeri hanno seguito un trend di crescita costante, arrivando al record di 3 milioni registrato nel 2018, per un totale nell’arco dei 20 anni di 40 milioni di passeggeri, con un indice di soddisfazione della clientela costantemente sopra al 90%, in linea con gli standard dei principali servizi omologhi europei. Il servizio è evoluto, in questi vent’anni, non solo grazie alla nuova flotta di treni Coradia, convogli di ultima generazione totalmente accessibili, entrati in servizio da giugno 2010, ma anche grazie a un’infrastruttura sempre più veloce e performante che si estende su rete Ferrovie Nord. «Malpensa Express -  spiega l'amministratore delegato di Trenord, Marco Piuri - è pronto per accogliere la sfida della chiusura di Linate e del trasferimento dei voli a Malpensa, in occasione della quale offriremo 18.500 posti in più al giorno, con l’obiettivo di intercettare un nuovo pubblico: miriamo a conquistare mezzo milione di viaggiatori in più ogni anno. In questi 20 anni di Malpensa Express abbiamo maturato una competenza che mettiamo in campo anche per il servizio sugli altri scali lombardi, in primis Linate - collegato alla stazione Forlanini del Passante Ferroviario - e Bergamo Orio al Serio - quando l’aeroporto sarà raggiunto dai binari». Per tutto il periodo della chiusura di Linate, Trenord incrementerà quasi del +50% l’offerta di posti al giorno sulle corse Malpensa Express, che passerà da poco più di 39.000 a 58.000 grazie a composizioni allungate dei convogli. Nell’ottica del potenziamento del servizio, Trenord lancerà a giugno il sito malpensaexpress.it completamente rinnovato, ottimizzato per smartphone e tablet e ideale per essere consultato da chi è in viaggio. [post_title] => Trenord: 20 anni e 40 milioni di passeggeri sul Malpensa Express [post_date] => 2019-05-29T12:53:57+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1559134437000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353278 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => «C'è un importante ritorno in agenzia: vi racconto come sfruttare questa occasione con il nostro aiuto». In chiusura del roadshow di 15 tappe dal nord al sud dell'Italia e a pochi giorni dall'apertura di tutti i villaggi italiani Nicolaus e Valtur, Roberto Pagliara alza il velo sui prossimi step del piano di sviluppo del gruppo e racconta, per la prima volta, gli investimenti nel digital e nell'innovazione che l'azienda ha messo in campo per portare il cliente in agenzia. «Siamo vicini al traguardo dei primi 10 milioni di fatturato per il brand Valtur» dichiara con un sorriso. Un obiettivo che sarà raggiunto prima del previsto, grazie alle ottime performance di alcuni prodotti, come Bodrum e Djerba. Buone notizie anche per il Mar Rosso, su cui Nicolaus è riuscito a mantenere un buon margine. «Abbiamo avuto tante richieste - spiega Pagliara - e portato circa 2 mila clienti durante i ponti di primavera». L'obiettivo di fatturato per il 2019, a livello di gruppo, è di 100 milioni di euro, «e siamo già al 40 per cento», precisa il presidente. Attenzione, però, a fare il passo più lungo della gamba. «Non ci interessano i volumi senza margine - avverte Pagliara -. Vogliamo una crescita graduale e sostenibile, anche per Valtur». Solidità, lungimiranza, vicinanza al mercato. Sembrano essere queste le direttrici su cui i Pagliara vogliono muoversi. «Stiamo valutando l'inserimento di nuove strutture per il prossimo inverno - anticipa il presidente -, ma senza forzature». L'obiettivo è di arrivare a 10 villaggi Valtur nel 2020.«Da Natale probabilmente avremo un villaggio neve e poi lavoreremo sul lungo raggio, con una struttura nell'Oceano Indiano e una alle Maldive». Le vendite del gruppo sono veicolate al 95 per cento dalla distribuzione ed è anche per questo motivo che i fratelli Pagliara vogliono rafforzare ulteriormente l’alleanza con le adv. «Quello che proponiamo alla distribuzione è una ‘partnership for leadership’ - sottolinea il presidente -. Aiuteremo le agenzie a dotarsi degli strumenti più innovativi per intercettare il cliente finale, grazie anche ad un modulo di intelligenza artificiale e ad un algoritmo che permetterà di prevedere la domanda di mercato e di fare revenue». L'investimento messo in campo è di 1 milione di euro in tre anni. «È così  che si può vincere la concorrenza di grandi portali come Booking ed Expedia - conclude Pagliara -. Questo è il momento giusto, perché c’è un ritorno importante in agenzia». [post_title] => Roberto Pagliara: «I primi 10 mln di Valtur e il ritorno in agenzia» [post_date] => 2019-05-27T13:51:19+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( [0] => agenzia-di-viaggi [1] => animazione [2] => in-evidenza [3] => mar-rosso [4] => mare-italia [5] => montagna [6] => nicolaus [7] => offerte-estate [8] => pacchetti [9] => roberto-pagliara [10] => valtur [11] => villaggi [12] => villaggi-valtur ) [post_tag_name] => Array ( [0] => agenzia di viaggi [1] => animazione [2] => In evidenza [3] => Mar Rosso [4] => Mare Italia [5] => montagna [6] => Nicolaus [7] => offerte estate [8] => pacchetti [9] => Roberto Pagliara [10] => Valtur [11] => villaggi [12] => villaggi Valtur ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558965079000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353315 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => «Riteniamo che il nostro gruppo possa dare un contributo essenziale per il successo del progetto di rilancio di Alitalia»: con questa dichiarazione il gruppo Toto torna a farsi avanti su Alitalia. Secondo quanto pubblicato da Il Messaggero, con una lettera del 23 maggio, firmata dall’ad Lino Bergonzi, il gruppo si candida «come partner industriale di riferimento». Con la lettera indirizzata a Gianfranco Battisti, numero uno di Ferrovie dello Stato, Toto chiede un incontro avendo «maturato rilevanti esperienze nel settore aereo, con la costituzione e lo sviluppo della principale compagnia privata». Dopo aver negato un interesse per una partecipazione in Alitalia e dopo che sia Fs sia Delta Air Lines si era mostrate decisamente fredde nei confronti di un ingresso di Toto, ecco che nel giro di pochi giorni la posizione del gruppo cambia nuovamente. L'incontro con Ferrovie dello Stato è fissato a Roma per mercoledì 29 maggio.     [post_title] => Il Gruppo Toto torna su Alitalia: incontro con FS il 29 maggio [post_date] => 2019-05-27T09:49:21+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558950561000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 352835 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Msc Crociere presenta i dettagli degli ulteriori sconti e vantaggi offerti dal programma fedeltà MscVoyagers Club. Msc Voyagers Club è un servizio pensato per premiare i clienti più fedeli diMsc Crociere, un modo per condividere con loro l'amore per i viaggi in mare e rafforzare il costante impegno della compagnia nell’offrire agli ospiti un'esperienza eccezionale prima, durante e dopo la crociera. Con una flotta in continua crescita, composta da navi moderne ed eleganti, un'offerta di bordo che comprende esperienze uniche e un'incredibile scelta di itinerari in tutto il mondo, ci sono tantissimi motivi per scegliere una vacanza a bordo di una nave Msc Crociere. Msc Voyagers Club è un servizio facile e gratuito. Tutti gli ospiti che hanno viaggiato con Msc Crociere dal 2006 o hanno una prenotazione confermata in corso possono rivolgersi al Voyagers Club prima, durante o dopo la crociera per iniziare a godere dei benefit e dei premi a disposizione. Ci sono cinque diversi livelli di iscrizione, ciascuno dei quali offre premi crescenti in base alla classe di appartenenza: Welcome, Classic, Silver, Gold, e Black. Ad ogni viaggio, gli ospiti possono guadagnare punti che fanno aumentare progressivamente i loro privilegi e il loro status. Per i membri di programmi fedeltà di altri hotel, crociere o tour operator, Msc Voyagers Club prevede il programma status match, che offre un livello di corrispondenza dal Classic al Black, grazie al quale gli ospiti potranno usufruire di uno sconto del 5% da utilizzare su qualsiasi crociera e di uno status privilegiato simile o superiore rispetto al loro attuale programma fedeltà. Dopo la prima crociera, i membri Msc Voyagers Club beneficeranno automaticamente di uno sconto del 5% su tutte le future prenotazioni di crociere, accesso anticipato a tutte le aperture di vendita. A partire dalla fine di giugno 2019, i membri del Voyagers Club avranno un altro motivo per prenotare le loro prossime vacanze a bordo di una crociera Voyages Selection. Gli ospiti potranno infatti raddoppiare i propri punti, a seconda dell'esperienza che prenotano. Una soluzione che permetterà ai membri di aumentare il loro livello di iscrizione due volte più rapidamente e approfittare di benefici sempre maggiori. Per gli ospiti che desiderano raggiungere lo status di Black Card più velocemente e diventare anche viaggiatori del mondo, i soci Classic di Msc Voyagers Club - o di altre categorie superiori - che prenotano una World cruise Msc completa, triplicheranno i loro punti di appartenenza per il tipo di esperienza che scelgono. Anche i membri di livello Welcome potranno beneficiare di questa offerta se la loro data di iscrizione è precedente alla data di prenotazione della World cruise.         [post_title] => Msc Voyagers Club, tutti i plus per i clienti più fedeli [post_date] => 2019-05-22T10:54:10+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558522450000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 352736 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => «Non è più percorribile un accordo sulle rotte Olbia-Fiumicino e Olbia-Milano»: Rossen Dimitrov, coo di Air Italy esprime chiaramente una decisione che era nell'aria da mesi e declina l'invito al tavolo della Regione Sardegna per domani, 22 maggio, a Cagliari, convocato dal governatore per discutere di continuità territoriale aerea da e per l'Isola. Il messaggio potrebbe precedere un abbandono della base a Olbia - ora senza più voli agevolati, per spostare gli operativi sull'hub di Milano Malpensa. Air Italy, dunque, si chiama fuori e dice addio a Olbia, dove Alitalia sta volando per Roma e Milano Linate con oneri di servizio pubblico ma senza compensazioni, dopo che il vettore aveva avanzato la proposta di effettuare i collegamenti senza aiuti con largo anticipo rispetto alle scadenza del bando. La mossa dell'ex compagnia di bandiera però aveva frenato Air Italy che da subito aveva ritenuto non economicamente vantaggioso spartire le rotte senza contributi. «Esattamente un mese fa - spiega in una nota ufficiale Dimitrov - la compagnia ha detto che la soluzione proposta dalla Regione Sardegna di concerto con il Governo non era una soluzione, ma una farsa, e che non risolveva la questione della continuità territoriale. Al contrario, mette a rischio la continuità territoriale e contemporaneamente i passeggeri, il territorio, il personale di Air Italy e il settore turistico della Sardegna. Oggi quest’affermazione è tristemente ancora valida. Oltre a ciò, c’è disillusione e estrema delusione rispetto a come questa situazione è stata gestita dalla Regione Sardegna e dal Governo. Così com'è, questa è la fine della storia per quanto riguarda Air Italy, che essendo costretta a cancellare le due rotte continuità territoriale di Olbia, continuerà a ri-proteggere i passeggeri che dovessero risultare ancora prenotati sui voli fra Olbia e Milano Linate e fra Olbia e Roma Fiumicino. Non c'è nient'altro che la compagnia possa fare a questo punto. Sono state mantenute le opzioni per gli aerei in leasing in attesa di una risoluzione, ma sfortunatamente ora tali opzioni verranno rilasciate e tutti i relativi accordi annullati. Inoltre, a causa della cattiva gestione e delle ripercussioni finanziarie di questo ridicolo stato di cose, è stato dato incarico per valutare la possibilità di richiedere un risarcimento e verrà chiesto alla Commissione europea di indagare su questa débâcle. Ma soprattutto, l’obiettivo principale resta lo stesso: il proprio personale. A causa di questa situazione mal gestita e della mancanza di una soluzione, trascinata per mesi e ritornata al punto di partenza, il destino dei 500 dipendenti di Air Italy, delle loro famiglie e delle imprese associate in Sardegna dipende dalle decisioni della Regione Sardegna e del Governo. Oggi il personale della compagnia e le famiglie meritano risposte oneste e dirette da parte di coloro che sono responsabili di questo caos. Essi devono adesso spostare immediatamente l’attenzione sulla ricerca di una soluzione adeguata a proteggere sia il reddito degli oltre 500 dipendenti di Air Italy, sia le loro famiglie a Olbia, nonché il contributo economico e sociale, che essi apportano all'isola della Sardegna». «Prendiamo atto della comunicazione di Air Italy - ha dichiarato in queste ore all'Ansa il presidente della Regione Sardegna, Christian Solinas - ma ribadiamo che proseguono le interlocuzioni costanti del presidente della Regione con Alitalia, che conferma la presenza alla riunione di mercoledì alla quale partecipa con senso di responsabilità, con la volontà di contribuire ad una positiva soluzione della vicenda».   [post_title] => Air Italy dice no alla Regione Sardegna e lascia Olbia ad Alitalia [post_date] => 2019-05-21T15:30:58+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558452658000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 352541 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Ryanair archivia in positivo l'anno fiscale chiuso lo scorso 31 marzo: i profitti netti raggiungono quota 1,02 miliardi di euro, ma in calo rispetto al risultato dello scorso anno (1.45 miliardi di euro). La forte crescita del traffico - +7% per un totale di 139 milioni di passeggeri - è stata infatti frenata dalla flessione delle tariffe del 6%; la significativa crescita dei ricavi ancillary (+19%), è stata invece penalizzata dall'elevato costo di carburante e personale. I risultati escludono una perdita di 139,5 milioni di euro relativa all'acquisizione di Laudamotion, completata lo scorso gennaio. Includendo quest'ultima operazione i profitti risultano infatti in diminuzione del 30% (948 milioni di euro). «Come anticipato - ha commentato il ceo della low cost Michael O'Leary - l'utile dopo le tasse si è attestato a 1,02 miliardi di euro. L'aumento di capacità sulle rotte di corto raggio e l'assenza delle festività pasquali nel quarto e conclusivo trimestre dell'anno ha portato a una flessione del 6% delle tariffe, che ha stimolato l'aumento del 7% del traffico. Buono l'andamento dei ricavi ancillary - +19% - che hanno raggiunto i 2,4 miliardi di euro e spinto al rialzo i ricavi totali che con un +6% sono saliti a 7,6 miliardi di euro». Le previsioni per l'anno fiscale 2020 rimangono caute sul pricing. Il traffico aumenterà dell'8% a 153 milioni. Supponendo una crescita dei ricavi per passeggero del 3%, stimiamo un andamento lineari dei profitti, che potrebbero essere compresi tra 750 milioni di euro e 950 milioni di euro. I costi aumenteranno mentre la nostra bolletta del carburante per l'intero anno salirà di altri 460 milioni di euro. I costi extra-fuel aumenteranno del 2%, principalmente a causa della sterlina più forte, l'assenza di confronti dei costi dell'anno precedente per Lauda e dei ritardi di consegna degli aerei B737 Max quest'anno». Si tratta di previsione che, precisa la nota Ryanair, dipendono in modo significativo dall'andamento delle tariffe durante il picco estivo, dall'assenza di eventi imprevisti e  da eventuali sviluppi negativi legati a Brexit». [post_title] => Utili in calo per l'esercizio 2018-19 di Ryanair: pesano il calo tariffe e Brexit [post_date] => 2019-05-20T12:40:54+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558356054000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 352512 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L'innalzamento dei costi del carburante e degli hotel, insieme a una competizione serrata sul prezzo, sta mettendo in serie difficoltà il gruppo britannico Thomas Cook, che alla fine della settimana scorsa ha emesso il proprio terzo profit warning in meno di un anno. «Con tanta offerta ancora da piazzare sul mercato - ha spiegato alla Reuters l'amministratore delegato della compagnia, Peter Fankhauser - gli sconti hanno cominciato a moltiplicarsi molto presto quest'anno». E il rinvio della Brexit, dal 29 marzo al prossimo ottobre, pare non aver tranquillizzato per nulla il mercato britannico. Thomas Cook ha quindi annunciato che, per il secondo semestre dell'anno, il livello dei propri profitti sottostanti (ossia depurati dei costi non ricorrenti) ante interessi e tasse sarà più basso rispetto a quello registrato nel medesimo periodo del 2017. L'operatore ha inoltre aggiunto di avere sottoscritto un accordo di finanziamento da 300 milioni di sterline con le banche, per garantirsi la liquidità necessaria ad affrontare la stagione invernale 2019 - 2020. Come è noto, il piano di Thomas Cook per uscire dalle secche prevede la vendita delle linee aeree del to, compresa la tedesca Condor su cui poggiano le mire di Lufthansa. Anche Virgin Atlantic avrebbe peraltro dimostrato il proprio interesse per una parte dei vettori dell'operatore britannico. E in effetti è davvero tempo di intervenire, se è vero che giovedì scorso, racconta sempre la Reuters, il mercato dei credit default swaps (ossia di quella categoria di derivati, che rappresenta una sorta di assicurazione contro il rischio di credito, ndr) implicava per Thomas Cook un rischio di fallimento pari al 96% nei prossimi cinque anni. [post_title] => Thomas Cook emette un altro profit warning [post_date] => 2019-05-20T10:50:17+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( [0] => condor [1] => in-evidenza [2] => lufthansa [3] => peter-fankhauser [4] => thomas-cook ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Condor [1] => In evidenza [2] => lufthansa [3] => Peter Fankhauser [4] => thomas cook ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558349417000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 352310 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Quinto appuntamento della rassegna “Incontri in Blu. Uomini, donne e storie di mare”al Galata Museo del Mare. Il 30 maggio alle 18 gli Incontri in Blu del Galata Museo del Mare si tingono di rosa con Cecilia Eckelmann Battistello, la donna che proprio di rosa ha colorato le sue navi prima ed i suoi treni e camion dopo, imponendosi nel mondo tradizionalmente maschile dello shipping. Battistello è oggi presidente del Gruppo Contship Italia, uno dei principali attori del settore dei terminal container marittimi e nel trasporto intermodale, presente in Italia negli scali di La Spezia, Ravenna, Cagliari, Salerno e nel centro intermodale di Milano-Melzo ed in Marocco nel porto di Tangeri. L’incontro di giovedì 30 maggio alle 18 – ingresso libero -  è il 5° di un ciclo di 7 appuntamenti che ha visto salire sul palco del Galata l’apneista mondiale Alessia Zecchini, lo skipper di Luna Rossa Max Sirena, il surfista spagnoli Hugo Vau, il velista oro a Rio 2016 Santiago Lange. Prossimi appuntamenti sono il 20 giugno con Michael Bates, meglio conosciuto come Michael di Sealand, l'imprenditore che rivendica il titolo di principe di Sealand, la micronazione fondata dal padre Paddy Roy nel 1967, il quale racconterà l'incredibile storia di questa piattaforma artificiale creata al largo delle coste inglesi per motivi di difesa dal governo britannico sulla quale è stato proclamato un "Principato con sovranità indipendente" che ha battuto moneta e rilasciato passaporti.         [post_title] => Galata Museo del Mare, i grandi personaggi a Genova a "Incontri in Blu" [post_date] => 2019-05-17T10:11:24+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558087884000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 352317 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Arrivano cattive notizie dal tour operator anglo tedesco: gli effetti della Brexit, l'accresciuta competizione sul mercato spagnolo e sull'area del Mediterraneo orientale, la questione Boeing 737 Max, nonché le ripercussione dell'onda di calore anomala della scorsa estate pesano infatti sui bilanci Tui. L'operatore, riporta il Financial Times, ha in particolare chiuso il primo semestre del proprio anno fiscale con un rosso di 301 milioni di euro, in netta crescita rispetto ai -107 milioni di euro di 12 mesi prima (in termini di risultati ricorrenti, pre interessi, tasse e ammortamenti). Certo, il momento caldo della stagione, quello in cui si decide veramente la sorte del business deve ancora arrivare, ma i segnali non sono sicuramente confortanti. Già lo scorso febbraio la compagnia aveva peraltro emesso un profit warning, legato alle vicende della Brexit e alle difficoltà delle sterlina. A questi aveva poi fatto seguito un'ulteriore allerta sui profitti il mese successivo, a seguito della messa a terra dei quindici 737 Max della propria flotta. Per l'amministratore delegato, Fritz Joussen, la ricetta per uscire dalle difficoltà sta quindi ora nel concentrarsi sulla vendita delle "esperienze" ancillari: un prodotto che presenterebbe margini di ben dieci volte superiori a quelli garantiti dalla commercializzazione delle semplici camere di hotel. [post_title] => Aumentano le perdite Tui nel primo semestre dell'anno fiscale [post_date] => 2019-05-17T09:10:38+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( [0] => 737-max [1] => fritz-joussen [2] => in-evidenza [3] => tui ) [post_tag_name] => Array ( [0] => 737 Max [1] => Fritz Joussen [2] => In evidenza [3] => tui ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558084238000 ) ) )

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti