24 September 2017

Istat e il trasporto aereo nel 2015: low cost alla ribalta

[ 0 ]

I passeggeri aumentano del 4,4%, le merci e la posta del 3,1%, i movimenti commerciali di aeromobili dello 0,6%: i più recenti dati Istat a disposizione mostrano una crescita del traffico e un deciso incremento di quello low cost. In particolare l’incremento dei passeggeri riguarda solo i voli di linea e, in particolare, i voli internazionali che crescono in misura più intensa (7,7%) rispetto ai voli nazionali (1,8%). I passeggeri dei voli charter diminuiscono invece in modo significativo, con un calo del traffico sia nazionale (-28,3%) sia internazionale (-20,7%). Continua a diminuire l’utilizzo dei vettori nazionali da parte dei passeggeri arrivati e partiti negli aeroporti italiani. Oltre la metà dei passeggeri sceglie voli low cost (il 51,2% nel 2015 e il 48,5% nel 2014). Nel periodo 2010-2015 la quota di passeggeri che hanno utilizzato compagnie italiane passa dal 42,1% al 27,8%. Gli aeroporti che registrano i maggiori aumenti di passeggeri rispetto all’anno precedente sono Bergamo (1,6 milioni in più), Roma Ciampino (813 mila in più), Perugia (76 mila passeggeri in più), mentre quelli con i cali più consistenti sono Rimini (310 mila in meno) e Cuneo (109 mila in meno). Come nel 2014, l’Italia si conferma al quinto posto per quota di passeggeri trasportati (9,3%) sul totale dei Paesi dell’Unione europea, dopo Regno Unito (16,8%), Germania (14%), Spagna (12,6%) e Francia (10,2%). L’aumento del trasporto di merci e posta, pari al 3,1%, è dovuto solo all’aumento dei trasporti internazionali (+5,7%), mentre quelli nazionali diminuiscono sensibilmente (-20,5%). I movimenti di merci registrano incrementi soprattutto verso il Sud-America (+15,0%), i Paesi europei extra Ue (+10,2%), il Centro America (+7,4%), i Paesi Ue (+6,3%) e l’Asia (+5,7%); risultano, invece, in diminuzione quelli da e verso l’Africa (-5,4%).




Articoli che potrebbero interessarti:

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti