23 September 2017

Iag rinegozia i contratti con Amadeus. «Esploreremo nuove alternative»

[ 0 ]

Walsh WillieIberia vende oggi oltre il 70% dei propri biglietti attraverso le agenzie di viaggio, malgrado negli ultimi anni abbia investito per incrementare la percentuale di vendite sul canale online. Tuttavia, secondo quanto pubblicato dal quotidiano economico “Expansión” e ripreso da preferente.com, la casa madre Iag in vista della scadenza dell’attuale contratto con Amadeus rinegozierà in modo congiunto tutti i suoi accordi con l’obiettivo di ridurre la “dipendenza” dei vettori dai sistemi gds. In tal modo – finora ogni compagnia del gruppo aveva un proprio contratto – Iag disporrà di un maggiore potere contrattuale nell’ottica di ridurre i costi di distribuzione. Inoltre, segnala il quotidiano, «Iag non esclude di seguire le orme della rivale Lufthansa, che lo scorso anno si è allontanata dai sistemi di distribuzione tradizionali per incentivare la vendita diretta attraverso i suoi canali». Dice Willie Walsh, chief executive di Iag: «Abbiamo un progetto per i gds. Crediamo che possano ancora giocare un ruolo. Li abbiamo utilizzati e credo che continueremo a farlo dove si dimostrano un partner importante per il nostro business; laddove non lo fossero, esploreremo nuove alternative». Secondo il manager il piano allo studio non sarebbe «una copia di quanto già fatto da altri, poiché quanto fatto da lore potrebbe non essere utile per noi». Walsh apre ad una nuova relazione con i gds, «ad un accordo accettabile per entrambe le parti in un contesto che è cambiato molto nel tempo. E che ci assicuri che, se continueremo a lavorare con i gds nel medio termine, sarà perché sono importanti e perché apportano più valore che costi all’interno del nostro business. Finora questo equilibrio non c’è stato, ora è necessario un cambiamento».




Articoli che potrebbero interessarti:

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti