16 November 2018

Alitalia sigla accordo di codeshare con Royal Jordanian

[ 0 ]

RJ & AltaliaAlitalia e Royal Jordanian hanno siglato un accordo di codeshare per offrire un maggior numero di collegamenti fra l’Italia e la Giordania, e oltre. Attivo da oggi per viaggiare dal prossimo 6 febbraio, l’accordo consente ad Alitalia di estendere la propria offerta di collegamenti con il Medio Oriente. La compagnia italiana applica il proprio codice “AZ” ai cinque voli settimanali Roma-Amman effettuati da Royal Jordanian e anche ai voli che la compagnia giordana effettua tra Amman e Aqaba e tra Amman e Larnaca, a Cipro (su quest’ultima rotta il codeshare sarà attivo dal 2 febbraio per viaggiare dal 6 febbraio). Royal Jordanian rafforza la propria offerta in Italia applicando il codice “RJ” al volo giornaliero Amman-Roma di Alitalia, in vigore dal prossimo 26 marzo, e ai collegamenti Alitalia fra Roma e 16 destinazioni in Italia: Ancona, Brindisi, Bologna, Bari, Catania, Firenze, Genova, Napoli, Palermo, Pisa, Reggio Calabria, Lamezia Terme, Torino, Trieste, Verona e Venezia. L’accordo riguarda i 12 collegamenti settimanali offerti da entrambe le compagnie fra Roma e Amman. Inoltre, i viaggiatori potranno raggiungere nuove destinazioni con un unico biglietto aereo, come ad esempio Aqaba per i viaggiatori di Alitalia o Firenze, Venezia, Napoli e Torino per chi vola con Royal Jordanian. I soci MilleMiglia hanno l’opportunità di guadagnare miglia viaggiando sui voli in codeshare operati da Royal Jordanian; opportunità che vale anche per i soci Royal Plus di Royal Jordanian, che possono guadagnare miglia viaggiando sui voli in codeshare operati da Alitalia.




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 276318 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Risultati positivi per il nono anno di seguito per il Gruppo Ferrovie dello Stato, che ha presentato oggi il bilancio 2016, in cui spicca un risultato netto record di 772 milioni di euro, il 66,4% rispetto al precedente. «Sono ormai nove anni che presentiamo un bilancio con risultati positivi e profitti - ha detto Gioia Ghezzi, presidente di Ferrovie dello Stato -. Quest'anno siamo contenti anche di aver restituito un buon dividendo all'azionista, 300 milioni, e di essere stati in grado di restituire molto all'Italia. Tra le cifre davvero notevoli, quella che preme di più è il valore economico distribuito, pari a 6,83 miliardi di euro, che dà il senso di come tutta l'attività che facciamo restituisca al paese in termini di valore aggiunto. Siamo consapevoli che c'è ancora molto da fare e delle sfide che il piano industriale ci chiede di affrontare, però siamo anche orgogliosi dei miglioramenti e dei risultati che si cominciano a vedere in termini di investimenti in servizi, treni e infrastrutture per i cittadini, e gli indicatori ci dicono che siamo nella giusta direzione, con una customer satisfaction cresciuta del 3,5%». Nel dettaglio, il bilancio 2016 presenta un ebitda di 2,3 miliardi di euro e un ebit a 892 milioni, il +38,5% dell'anno scorso. Ferrovie dello Stato si è anche confermata il primo Gruppo in Italia per investimenti, con 6 miliardi investiti. «Sfioriamo i 9 miliardi di fatturato e siamo particolarmente contenti di contribuire a delle risorse, che poi tornano sempre tutte in infrastrutture - ha detto Renato Mazzoncini, ad Ferrovie dello Stato -. I ricavi dal trasporto sono cresciuti relativamente poco, ma ricordiamo che il 2015 è stato un anno straordinario per Expo. I ricavi per l'infrastruttura sono cresciuti perché sono aumentati i treni che circolano. Continuiamo ad investire anche sui mercati internazionali. Il nostro riferimento geografico è l'Europa: siamo il primo gruppo ferroviario in Italia, primo in Grecia, secondo in Germania e presenti in Francia e Uk. Stiamo partecipando ad altre gare nel Regno Unito e in Olanda e a livello intercontinentale in California». [post_title] => Ferrovie dello Stato chiude il 2016 con utili record [post_date] => 2017-04-21T16:04:13+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1492790653000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 276273 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => «Due miliardi di aumento di capitale a disposizione di Alitalia da parte di tutti i soci, forte discontinuità manageriale rispetto al recente passato, con l'arrivo di un manager italiano di valore al comando, nuove rotte e nuovi aerei. Questi sono gli impegni degli azionisti italiani e di Abu Dhabi in Alitalia». Sono le parole di Luca Cordero di Montezemolo, presidente di Alitalia, riportate oggi da l'Ansa, mentre era in partenza dall'aeroporto di Abu Dhabi diretto a Roma in merito alla consultazione tra i lavoratori della compagnia aerea sul pre-accordo raggiunto a Palazzo Chigi. «Il no al referendum significa assumersi la responsabilità di mettere l'azienda in liquidazione» ha sentenziato Montezemolo. [post_title] => Montezemolo sul referendum Alitalia: «Il no equivale alla liquidazione» [post_date] => 2017-04-21T14:32:53+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1492785173000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 276243 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Alitalia collegherà l’Italia alle Maldive per la prima volta nella sua storia, con voli di linea plurisettimanali diretti. La nuova tratta, che sarà operativa dal 31 ottobre 2017, prevede tre voli alla settimana fino al 24 marzo 2018. L’obiettivo è quello di rispondere alla forte richiesta di collegamenti fra i due Paesi, soprattutto nel periodo invernale. La Roma-Malé è la quinta nuova destinazione di lungo raggio lanciata da Alitalia dallo scorso anno, dopo Santiago del Cile, Città del Messico, Pechino e L’Avana. «Le Maldive sono da anni, soprattutto in inverno, una meta turistica di assoluto richiamo per l’Italia, che rappresenta ormai il quarto Paese al mondo per numero di arrivi nello splendido arcipelago dell’oceano Indiano - ha dichiarato l’ad Cramer Ball -. Alitalia prosegue così il rafforzamento dell’offerta di collegamenti intercontinentali, cercando di individuare le mete con maggiori potenzialità. In quest’ottica abbiamo deciso di lanciare un volo diretto Roma-Malé, convinti che la nuova rotta darà un ulteriore contributo allo sviluppo del traffico di lungo raggio della compagnia». Il 2016 ha visto oltre 71.200 turisti italiani sbarcare a Malé; un numero che, stando ai dati del Ministero del Turismo delle Maldive, segna una crescita dell’8,5% rispetto all’anno precedente. [post_title] => Alitalia potenzia il lungo raggio con la Roma-Malé [post_date] => 2017-04-21T12:46:49+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1492778809000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 276093 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => «Alitalia ce la può fare», migliorando l'accordo raggiunto per il quale «non vedo alternative». Ma serve una «forte discontinuità» a partire dal management: così il presidente designato della compagnia Luigi Gubitosi in un'intervista al Messaggero.«Se il referendum sul pre-accordo siglato tra azienda e sindacati nei giorni scorsi vedrà prevalere il sì vi sarà un aumento di capitale di circa 2 miliardi, di cui oltre 900 di nuova finanza per far ripartire la compagnia e assumerò i pieni poteri. Non voglio pensare all'alternativa. E poi aggiungo che la cura giusta, già sollecitata dal presidente uscente Luca Cordero di Montezemolo che si è molto impegnato su questo fronte, richiede forte discontinuità per cambiare rotta». L'alternativa all'accordo, secondo Gubitosi «non c'è, non esiste. O meglio c'è: un accompagnamento verso la liquidazione dell'azienda, il fallimento». Per il rilancio della compagnia «bisogna accelerare con l'apertura di nuove rotte a lungo raggio e con l'arrivo di nuovi aerei per servirle». Necessario anche un intervento sul management. Se da una parte «nei quadri intermedi e tecnici ho trovato grande competenza e attaccamento all'azienda e incontrato piloti e assistenti di volo di grandissima competenza, per quanto riguarda il top management ci sono luci e ombre». Alla domanda se siano in arrivo sostituzioni, Gubitosi risponde «penso proprio di sì. E' normale che ci possano essere degli avvicendamenti, bisogna aspettarsi una forte discontinuità». Intanto, i dipendenti chiamati a decidere sul pre-accordo da questa mattina si stanno recando alle urne aperte a Fiumicino, Linate e Malpensa. Al termine della consultazione, nella notte di domenica, ci sarà una conta dei voti, senza quorum. [post_title] => Gubitosi: «Alitalia ce la può fare. Ma serve forte discontinuità» [post_date] => 2017-04-20T09:40:49+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1492681249000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 275956 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Ethiopian Airlines e Singapore Airlines, membri di Star Alliance, ampliano il loro accordo di codeshare dal prossimo 1° giugno. A giugno verrà lanciato il volo non-stop di Ethiopian Airlines per Singapore da Addis Abeba che coprirà parte dell’espansione dell’accordo di codeshare. In base all’intesa, i clienti Ethiopian Airlines potranno accedere a più destinazioni in Australia, Cina, Giappone, Malesia, Nuova Zelanda, Tailandia e Vietnam attraverso l’ampia rete della Singapore Airlines. A loro volta i clienti Singapore Airlines potranno godere della vasta rete intra-africana di Ethiopian Airlines, tra cui paesi come il Botswana, Burkina Faso, Ciad, Costa d'Avorio, Kenya, Nigeria, Mozambico, Repubblica del Congo, Ruanda, Seychelles, Sudafrica, Tanzania e Zimbabwe. [post_title] => Ethiopian e Singapore Airlines ampliano il codeshare [post_date] => 2017-04-19T12:35:37+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1492605337000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 275911 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => FlySafair, la compagnia aerea low cost sudafricana, ha siglato un accordo con Hahn Air per la distribuzione dei propri voli: l’inventario del vettore sarà disponibile per l’emissione di biglietti sul documento HR-169 di Hahn Air nei gds di tutto il mondo. Con questo accordo FlySafair entra a far parte del network di Hahn Air, che comprende oltre 300 partner aerei, ferroviari e altri servizi di trasporto e estende la sua portata commerciale fino a 100.000 agenzie su 190 mercati di tutto il mondo. La compagnia aerea è il nono partner a beneficiare di due prodotti dell’ Hahn Air Group per ottimizzare la propria strategia di distribuzione. FlySafair è basata presso l’Oliver Reginald Tambo International Airport (Jnb) di Johannesburg ed è parte di una compagnia di servizi aerei specializzati con un’esperienza di 51 anni, Safair Operations. La low cost serve 7 destinazioni nazionali con una flotta di nove Boeing 737. L’inventario gds di FlySafair include un bagaglio registrato in franchigia di 23 kg, imbarco prioritario gratuito e due modifiche al volo senza penali, pur essendo applicabili eventuali differenze di tariffa. I limiti temporali di emissione dei biglietti variano per classe tariffaria, da poche ore fino a 48 ore. «Era nostra intenzione trovare una soluzione intelligente ed economicamente sostenibile per rendere tutte le rotte di FlySafair disponibili nei gds - afferma Kirby Gordon, head of sales and Ddistribution del vettore -. Abbiamo completato la prima fase del lancio del nostro gds con l’implementazione di H1-Air a novembre. La fase due consiste in un accordo interline con Hahn Air e integrazioni dirette con Amadeus e Galileo. Ciò ci darà la possibilità di offrire una tariffa leggermente più competitiva nei nostri mercati locali». [post_title] => FlySafair nel circuito distributivo di Hahn Air [post_date] => 2017-04-18T14:40:40+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1492526440000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 275858 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La compagnia aerea privata messicana Aeromar ha scelto Amoreps Italy come suo gsa in Italia. Il gsa si occuperà di tutte le attività di sales & marketing, delle prenotazioni e delle emissioni di biglietteria per conto del vettore, che ha breve sarà presente nel Bsp Italia e in tutti i sistemi di distribuzione gds con piastrina VW. Con una flotta di 15 Atr 42 e due ATR 72, il vettore ha di recente intrapreso un'operazione di rinnovamento del suo parco macchine, grazie all'acquisizione di altri 8 aeromobili Atr (sei Atr 72-600 e due Atr 42-600), con l'opzione per altri sei. Questi aeromobili serviranno a potenziare ulteriormente la rete di collegamenti regionali della compagnia, tra cui il nuovo volo che Aeromar inizierà ad operare dal prossimo 8 giugno tra Cancun e Mérida. Oltre al nuovo collegamento, il network di Aeromar comprende tutte le più importanti destinazioni messicane, con voli da Mexico City alla volta di mete balneari (Acapulco, Veracruz, Manzanillo, Puerto Escondido, Ixtapa/Zihuatanejo, Mazatlan), siti coloniali (Merida, Puebla, Morelia, Oaxaca, Guadalajara, Villahermosa, San Luis Potosì, Tuxtla Gutierrez) e centri urbani (Reynosa, Hermosillo, Los Mochis). La compagnia raggiunge poi in esclusiva Tepic, Jalapa, Colima, Poza Roca, Piedras Negras, Ciudad Victoria, Lazaro Cardenas, oltre a due destinazioni internazionali come McAllen e Tucson. Aeromar può vantare partnership con più di 14 vettori internazionali e un accordo di codesharing con United Airlines. Dall’Italia, per i passeggeri di Aeromar sono previsti accordi di avvicinamento con Alitalia, Lufthansa e United. «L'arrivo sul mercato italiano di una compagnia in rapida espansione come Aeromar rappresenta un'opportunità per tutti gli operatori specializzati sul Messico, a maggior ragione dopo che dall'8 giugno verrà inaugurato il collegamento tra Cancun e Merida -. ha sottolineato Daniele Gaggianesi, managing director di Amoreps Italy -. Inoltre, il recente investimento che il vettore ha effettuato acquistando nuovi aeromobili dimostra la volontà di allargare ulteriormente il proprio network regionale, migliorando allo stesso tempo gli standard di qualità e di sicurezza per i passeggeri». In attesa di entrare nel Bsp Italia, tutti i voli operati da Aeromar sono acquistabili chiamando il call center di Amoreps Gsa o scrivendo a italia@aeromar.com.mx [post_title] => La messicana Aeromar si affida ad Amoreps Italy [post_date] => 2017-04-18T10:06:51+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1492510011000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 275852 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L'ennesima settimana in salita per Alitalia è quella del referendum tra i 12.500 dipendenti della compagnia che esprimeranno il loro parere sul pre accordo raggiunto lo scorso venerdì. Se il responso sarà positivo, si andrà avanti con la manovra finanziaria degli azionisti e la garanzia pubblica su un prestito che dovrebbe essere fornita da Invitalia. Niente è scontato: il ministro dei Trasporti, Graziano Delrio, ha espresso una «forte preoccupazione» perché «in Alitalia c'è gente che preferisce soffiare sul fuoco e preferirebbe incendiare tutto piuttosto che sottoscrivere qualche sacrificio». Riguardo all'intervento pubblico, lo Stato, come ha confermato Delrio, parteciperà alla manovra finanziaria per il salvataggio di Alitalia con garanzie fornite da Invitalia. La manovra in cantiere è articolata su 2 miliardi, dei quali 900 milioni di "nuova finanza". All'interno di questi 2 miliardi è previsto un "contingency plan" di 400 milioni che diventerebbe operativo nel caso in cui il piano, anche per fattori esterni ed esogeni al management, non dovesse centrare gli obiettivi prefissati. Questa sorta di "cuscinetto" finanziario verrebbe sottoscritto per il 49% da Etihad Airways e per il restante 51% dagli azionisti italiani che su questa cifra, poco più di 200 milioni, vorrebbero la garanzia pubblica. [post_title] => Delrio sul referendum Alitalia: «Forte preoccupazione» [post_date] => 2017-04-18T09:58:28+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1492509508000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 275846 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_275847" align="alignleft" width="300"] Da sinistra, Frédéric Meyer e Jérôme Salemi[/caption] Air France e Atout France rafforzano l'intesa con la sigla di un accordo valido per tutto il 2017. Oggetto dell'intesa la promozione della destinazione Francia verso il grande pubblico, i professionisti del turismo e del turismo d’affari e, in generale, gli attori del settore. Atout France si impegna a comunicare le destinazioni, le promozioni e i prodotti specifici di Air France per il mercato italiano, attraverso i suoi vari canali di comunicazione - newsletter, facebook, twitter, Google+ - e sul sito www.airfrance.it mentre la compagnia aerea si impegna sua volta a supportare Atout France nelle operazioni mirate alla stampa, ai tour operator e agenti di viaggio, dal Mediatour alla presentazione della rivista Rendez-vous en France, alle giornate di partenariato a Parigi, il France Meeting Hub, i workshops e il Road Show Francia. «Siamo orgogliosi di questo nuovo accordo per il 2017 con Atout France che conferma la nostra volontà di collaborare a 360° coinvolgendo tutti i nostri interlocutori tradizionali, dai professionisti del settore alla stampa, dal grande pubblico a chi ci segue sui social media » ha dichiarato Jérôme Salemi, direttore generale di Air France Italia. «In questo anno ricco di eventi, di celebrazioni e di cultura a livello internazionale, un anno che nella nostra rivista Rendez-vous en France abbiamo voluto dedicare alla luce, che  auspichiamo sia un nuovo messaggio positivo per la Francia e per il mondo,  sono particolarmente felice dell'accordo con Air France che permette di rinforzare la promozione della destinazione Francia" ha aggiunto Frédéric Meyer, direttore di Atout France Italia. Saranno avviate numerose azioni congiunte Air France-Atout France di promozione turistica della destinazione Francia come quella in corso sui taxi in Lombardia, workshop, seminari e fam trip alla scoperta della Ville Lumière. [post_title] => Air France e Atout France: promozione congiunta per il 2017 [post_date] => 2017-04-14T14:23:52+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1492179832000 ) ) )

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti